LA LEGGENDA DEL BUCANEVE

LA MARMOTTA RACCONTA

(fiabe, fiabe, fiabe per bambini da 0  a…)

Ma chi ha detto che le fiabe debbano essere lette solo dai piccoli? Qui da noi, nel Bosco, tutti proprio tutti gli animali leggono e raccontano e studiano e inventano “storie”. Si, non sempre sono fiabe, anzi molte volte sono storie belle e buone, magari per evitare di raccogliere le ghiande per la comunità o di spazzare le foglie che ingombrano l’entrata della Grande Tana… ma quando qualcuno racconta tutto si ferma e la sua voce, come per incanto,  corre lungo i sentieri nascosti dai vecchi rami, scivola tra i funghi profumati di nebbia, inizia a salire sopra le cime degli alberi trasportata dai fratelli alati… e volteggia sulle teste del popolo del bosco, come un’allegra nevicata di primavera.

Vi è mai venuto in mente che, forse, se il popolo degli uomini ricominciasse a leggere fiabe e a raccontarle ai bambini, anche per voi “ grandi ” molte cose diventerebbero più comprensibili?

A me, spesso, vanno stretti i sogni così, tanto per non sognarmeli tutti da sola, ho deciso di acchiappare alcuni fiocchi che ancora volteggiavano sopra le mie orecchie e di regalarne un po’ in giro qua e là e, come per magia, è saltata  fuori…

_______________________________________________________________________________________

Narra la leggenda che tanti e tanti anni fa, al ritorno dall’ennesimo viaggio sulla terra, il giovane principe Bucaneve udì una fanciulla cantare e, di quel canto, si innamorò perdutamente.

Arrivato nel Paese dell’Inverno, chiese a Re Gelo, suo padre, il permesso di sposarla ma questi, brontolando cupi presagi, rispose che il loro amore non aveva speranza perché la fanciulla era la principessa Primavera e abitava la regione dei venti e dei fiori mentre lui, Bucaneve, era il principe delle nebbie e del gelo…

Scordati, figlio mio, questa pazzia!” Tuonò cupamente Re Gelo.

Passò, così, un altro inverno lungo e silenzioso, ma il cuore di Bucaneve, abitato dalle brume del mattino, non riusciva proprio a dimenticare così, alle prime avvisaglie della nuova stagione, il giovane principe decise di attardare un po’ il suo ritorno.

Lungo il sentiero ancora impreziosito da luminosi cristalli di ghiaccio, attese l’arrivo di Primavera… e lei arrivò, leggera, accompagnata da un canto gioioso.

Bucaneve, nascosto tra i cespugli, riconobbe l’Amore.

Il capo inghirlandato da piccoli fiori, la sottile veste di aliti di vento, i ridenti occhi di azzurro marzolino… la bella principessa incantò per sempre il giovane principe

Da lontano, il richiamo di Re Gelo giunse cupo, come brontolio di tuono, per ricordargli che doveva affrettarsi a rientrare nel Paese dell’Inverno… ma Bucaneve non lo ascoltò e continuò a perdersi negli occhi di Primavera che, a piccoli passi, si avvicinava danzando.

Giunta accanto al cespuglio, un brivido increspò le braccia nude. Poi, incerta, guardò intorno e… finalmente lo vide.

Avvolto nel mantello di candida neve, la corona scintillante di brina, fiera sul capo, la spada di ghiaccio, splendete al fianco e due meravigliosi occhi cerulei e inquieti come la tormenta… il giovane rapì per sempre il cuore della principessa.

Intorno, come richiamato da un evento magico e misterioso, tutto tacque e il mondo si incantò negli occhi dei due innamorati.

Per non ferire a morte il Signore dell’Inverno, il sole nascose i suoi raggi dietro le nuvole e il gelido vento, che seguiva sempre Bucaneve, per non assiderare Primavera, andò a fare mulinelli più lontano.

Allora il principe avvolse nel soffice mantello la fanciulla e si tennero stretti a lungo, giurandosi eterno amore.

Quando il sole fece nuovamente capolino tra le nuvole, Bucaneve baciò Primavera e “Non temere” le disse “perché alla fine di ogni inverno tarderò di un giorno il mio ritorno nel Paese del Gelo e quando arriverai io sarò qui ad aspettarti“. Poi, rapito per sempre dal vento di tormenta che lo nascose, svanì tra le nebbie…

E lei, rimasta sola, chinò il capo e pianse. Ma quando una lacrima toccò il terreno, tra le impronte di neve lasciate dall’amato spuntò un piccolo fiore bianco, dai petali delicati, che Primavera raccolse e strinse al petto, nuovamente felice…

… E da allora, ogni fine inverno, nei campi scintillanti di brina sboccia un piccolo fiore, che qualcuno ancora chiama Bucaneve per ricordare la promessa fatta dal giovane principe dell’Inverno alla bella principessa Primavera.

Lidia Menorello
[email protected]