LA STORIA DI EGIL SKALLAGRIMSSON

continuazione

CAPITOLO LI
Di Olaf, re di Scozia

Olaf il Rosso era il nome del re in Scozia. Era scozzese da parte di suo padre, e danese da parte di sua madre, e proveniva dalla stirpe dei Ragnar Hairy-breeks. Era un principe potente.
La Scozia, rispetto all’Inghilterra, era considerata un terzo del regno; il Northumberland era considerato una quinta parte dell’Inghilterra; era la contea più a nord, in continuità con la Scozia sul lato orientale dell’isola. In passato era appartenuta ai re danesi.
Il suo capoluogo è York. Era nei domini di Athelstan; vi aveva posto sopra due conti, uno di nome Alfgeir, l’altro Gudrek.
Erano stati posti lì come difensori della terra contro le invasioni di scozzesi e danesi, e anche contro i normanni, che la tormentavano molto, sebbene avessero una forte rivendicazione sulla terra, perché nel Northumberland la quasi totalità degli abitanti era di origine danese da parte del padre o della madre, e molti da entrambi.

La Bretland era governata dai due fratelli, Hring e Adils; erano tributari sotto il re Athelstan, e avevano questo diritto, che quando erano con il re sul campo, loro e le loro forze dovevano essere nell’avanguardia della battaglia prima dello stendardo reale. Questi fratelli erano ottimi guerrieri, ma non giovani.
Alfredo il Grande aveva privato tutti i re tributari del nome e del potere; ora erano chiamati conti, che prima erano stati re o principi. Questo fu mantenuto per tutta la sua vita e per quella di suo figlio Edoardo. Athelstan era giovane quando salì al trono, e di lui rimasero meno in soggezione. Per questo motivo molti che prima erano stati sudditi fedeli ora erano sleali.


CAPITOLO LII
Del raduno della schiera

Olaf re degli scozzesi, radunò un potente esercito e marciò verso l’Inghilterra. Quando giunse nel Northumberland, avanzò con lo scudo di guerra. Apprendendo questo, i conti che vi governavano radunarono le loro schiere e andarono contro il re. E quando s’incontrarono, ci fu una grande battaglia, il problema fu che il re Olaf vinse la vittoria, il conte Gudrek cadde e Alfgeir fuggì, così come la maggior parte delle forze che li avevano seguiti fuggirono dal campo. E ora re Olaf non trovò più resistenza, e sottomise tutto il Northumberland. Alfgeir andò dal re Athelstan e gli raccontò della sua sconfitta.
Non appena il re Atelstan seppe che un’armata così potente era entrata nella sua terra, inviò degli uomini e richiamò le forze, inviando messaggi ai suoi conti e ad altri nobili. E con una forza tale che lo fece immediatamente marciare contro gli scozzesi.
Ma quando si disse che Olaf, re degli scozzesi, aveva conquistato e sottomesso sotto di lui gran parte dell’Inghilterra, ben presto ebbe un esercito molto più grande di quello di Athelstan, poiché molti nobili si unirono a lui. E dopo aver appreso questo, Hring e Adils, che avevano radunato molta gente, andarono a gonfiare l’esercito di re Olaf. Così il loro numero diventò estremamente grande.
Quando Athelstan lo venne a sapere, convocò i suoi capitani e i suoi consiglieri in conferenza; chiese loro cosa fosse meglio fare; raccontò all’intero consiglio punto per punto ciò che aveva accertato sulle azioni del re scozzese e sui suoi numeri.
Tutti i presenti erano d’accordo su questo, che la colpa era soprattutto di Alfgeir, e pensavano che la perdita della contea fosse solo sua.
Ma il piano risolto fu questo: che il re Athelstan tornasse nel sud dell’Inghilterra, e vi avrebbe radunato truppe per tornare a nord attraverso l’intero paese; poiché vedevano che l’unico modo per ottenere in tempo i numeri necessari era che il re stesso radunasse le forze. Per quanto riguarda l’esercito già radunato, il re vi si mise sopra come comandanti Thorolf ed Egil. Loro avrebbero dovuto guidare quella forza che gi freebooters avevano portato al re. Ma Alfgeir continuò a comandare le sue truppe. Inoltre, il re nominò tali capitani di compagnia che riteneva opportuni.
Quando Egil tornò dall’assemblea dai suoi compagni, gli chiesero quali notizie poteva dargli del re scozzese.

Lui cantò:

Olaf un conte furioso
L’assalto in volo ha guidato,
L’altro ucciso: un sovrano
Testardo nella lotta è lui.
Sul campo se la cavò Gudrek
Falso cammino verso la sua rovina.
Egli tiene, questo nemico dell’Inghilterra,
La terra umile del Northumbria”.

Dopo di che mandarono dei messaggeri al re Olaf, dando a loro questo come commissione, che re Athelstan lo avrebbe sfidato volentieri in una battaglia campale, e offriva come campo di battaglia Vin-heath vicino a Vin-wood; Nel frattempo si disse loro di astenersi dal saccheggiare la sua terra; chiunque dei due avesse trionfato in battaglia avrebbe governato l’Inghilterra. Venne fissato una settimana, quindi per il conflitto. Chi fosse arrivato per primo avrebbe aspettato una settimana per l’altro.
Questa era allora l’usanza, secondo cui non appena un re era sfidato a una battaglia campale, era un atto vergognoso saccheggiare prima che la battaglia fosse finita. Di conseguenza il re Olaf fermò il suo esercito e smise di saccheggiare, ma aspettò fino al giorno stabilito, quando trasferì il suo esercito a Vin-heath.
A nord della brughiera c’era una città. Lì, nella città, il re Olaf si stabilì nel borgo, e lì aveva la maggior parte delle sue forze, perché c’era un’ampia ricca regione intorno alla quale gli sembrava più facile ottenere provviste di cui l’esercito aveva bisogno. Egli mandò i suoi uomini nella brughiera, dove fu nominato il campo di battaglia; questi dovevano accamparsi e preparare tutto prima che arrivasse l’esercito. Quando gli uomini arrivarono nel luogo dove il campo di battaglia era stato concordato, c’erano già tutti pali di nocciolo posti a segnare il terreno dove avrebbe dovuto esserci la battaglia.
Il posto scelto doveva essere una superficie piana, e su cui una schiera di grandi dimensioni poteva essere dispiegata. E così è stato; perché nel luogo, dove la battaglia doveva essere, la landa era pianeggiante, con un fiume che scorreva da un lato, dall’altro un grande bosco.
Ma dove la distanza tra il bosco e il fiume era minore (anche se si trattava di un bel tratto lungo), gli uomini del re Athelstan si erano accampati, e le loro tende riempivano abbastanza lo spazio tra il bosco e il fiume.
Avevano piantato così tante tende che in una tenda su tre non c’erano uomini, e in una su tre, ma pochi. E quando gli uomini di re Olaf si avvicinarono a loro, misero un gran numero di uomini davanti a tutte le tende, e non li lasciarono entrare. Gli uomini di Athelstan dissero che le loro tende erano tutte piene, così piene che la loro gente non aveva quasi abbastanza spazio.
Ma la linea del fronte delle tende era così alta che non si poteva vedere sopra di esse se erano molte o poche in fondo. Gli uomini di Olaf immaginarono che ci dovesse essere una grande schiera. Gli uomini di re Olaf si accamparono a nord dei pali di nocciolo, in quel tale lato il terreno scendeva leggermente.
Di giorno in giorno gli uomini di Athelstan dicevano che il re sarebbe venuto, o era arrivato nella città che si trovava a sud della brughiera. Nel frattempo le forze si accalcavano su di loro sia di giorno sia di notte. Ma quando il tempo stabilito fu scaduto, gli uomini di Athelstan inviarono inviati da re Olaf con queste parole: re Athelstan è pronto per la battaglia e ha un potente esercito.
Ma dice anche a re Olaf che non vuole che ci sia un tale spargimento di sangue come sembra probabile; pregando re Olaf piuttosto di tornare a casa in Scozia, e che Athelstan gli avrebbe dato in segno d’amicizia uno scellino d’argento da ogni aratro che c’era in tutto il suo regno, e desiderava che diventassero amici.
E i messaggeri arrivarono davanti a re Olaf, che stava appena iniziando a preparare il suo esercito, con l’intenzione di attaccare. Quando i messaggeri dichiararono la loro commissione, egli rinunciò ad avanzare per quel giorno. Poi lui e i suoi capitani si riunirono in consiglio.In cui le opinioni erano molto divise.
Alcuni desideravano fortemente che questi termini fossero presi; dissero che questo viaggio gli aveva già fatto guadagnare un grande onore, se fossero tornati a casa dopo aver ricevuto tanto denaro da Athelstan. Ma alcuni erano contrari, dicendo che Athelstan avrebbe offerto molto di più la seconda volta, se questo fosse stato rifiutato. E quest’ultimo consiglio prevalse.

Allora i messaggeri implorarono il re Olaf di dare loro il tempo di tornare da re Athelstan e provare se avesse pagato ancora più denaro per assicurare la pace. Chiesero una tregua di un giorno per il loro viaggio di ritorno a casa, un altro per deliberare, un terzo per tornare a Olaf. Il re ha concesso loro questo.

I messaggeri tornarono a casa e ritornarono il terzo giorno secondo la promessa; ora dissero al re Olaf che Athelstan avrebbe dato tutto quello che aveva offerto prima, e oltre, per la distribuzione tra i soldati del re Olaf, uno scellino a ogni uomo nato libero, un marchio d’argento a ogni ufficiale di una compagnia di dodici uomini o più, un marchio d’oro a ogni capitano della guardia del re, e cinque marchi d’oro a ogni conte.

Allora il re fece quest’offerta davanti alle sue forze. Era di nuovo come prima; alcuni si sono opposti, altri la desideravano. Alla fine il re prese una decisione: disse che avrebbe accettato questi termini, se anche questo fosse stato aggiunto, che il re Atelstan gli avrebbe permesso di avere tutto il Northumberland con i tributi e le tasse che gli corrispondevano.

Di nuovo i messaggeri chiesero l’armistizio di tre giorni, e con ciò in più, che il re Olaf mandasse i suoi uomini ad ascoltare la risposta di Athelstan, che accettasse o no questi termini; dissero che pensavano che Ethelstan non avrebbe perso l’occasione per raggiungere un accordo. Re Olaf acconsentì e mandò i suoi uomini da re Atelstan.

Poi i messaggeri cavalcarono tutti insieme e trovarono il re Athelstan nella città che si trovava vicino alla brughiera a sud. I messaggeri di re Olaf dichiararono davanti ad Athelstan la loro commissione e le proposte di pace.
Gli uomini di re Atelstan raccontarono anche con quali offerte furono andati da re Olaf, aggiungendo che questo era stato il consiglio dei saggi, per ritardare la battaglia fino a quando il re non fosse venuto.
Il re Atelstan prese una rapida decisione in proposito, e così disse ai messaggeri: ‘Portate queste mie parole a re Olaf, che gli permetterò questo, di tornare a casa in Scozia con le sue forze; ma che dovrà restituire tutte le proprietà che ha ingiustamente preso qui nella landa’. Allora faremo la pace tra le nostre terre, né l’uno che tormenterà l’altro.
Inoltre è previsto che il re Olaf diventi il mio vassallo, e governerà la Scozia in mio nome, come mio viceré.
“Tornate indietro”, disse, “e ditegli questo”.
Subito quella stessa sera i messaggeri si voltarono sulla via del ritorno e giunsero da re Olaf verso mezzanotte; quindi svegliarono il re e gli riferirono subito le parole di re Atelstan. Il re convocò immediatamente i suoi conti e gli altri capitani; poi fece venire i messaggeri a raccontare il risultato della loro missione e le parole di re Atelstan.

Quando questo fu reso noto davanti ai soldati, tutti con una sola bocca dissero che questo era ora davanti a loro: prepararsi alla battaglia. I messaggeri dissero anche, che Athelstan aveva una forza numerosa, ma era arrivato in città quello stesso giorno in cui i messaggeri arrivarono lì.
Allora il conte Adils disse: “Ora vedi che le cose stanno come ti avevo annunciato, che questi inglesi sarebbero traditori; Noi siamo stati seduti qui a lungo e abbiamo aspettato mentre loro radunavano tutte le loro forze, mentre il loro re deve esser stato molto lontano quando siamo arrivati qui.” Avranno radunato una moltitudine mentre noi eravamo seduti fermi.

Ora questo è il mio consiglio, o re, che noi due fratelli andiamo subito avanti questa stessa notte con la nostra truppa. Forse non avranno paura per loro stessi, ora che sanno che il loro re è vicino con un grande esercito. Quindi faremo uno slancio su di loro.
“Li attaccheremo e, se li mettiamo in fuga, perderanno alcuni dei loro uomini, e saranno meno audaci in seguito per il conflitto con noi”. Il re ritenne questo un buon consiglio. “Noi prepareremo il nostro esercito”, disse, “non appena ci sarà luce, e ci muoveremo per sostenervi”.

Questo piano fu deciso, e così finirono il consiglio.

CAPITOLO LIII
Della lotta.

Il conte Hring e Adils, suo fratello, prepararono il loro esercito, e subito nella notte si spostarono verso sud per la brughiera. Ma all’alba, le sentinelle di Thorolf videro l’esercito avvicinarsi. Allora si soffiò il corno di guerra, e gli uomini indossarono le loro armi scelte con spirito deciso e cominciarono a radunare le forze, e avevano due divisioni. Il conte Alfgeir comandava una divisione, e lo stendardo era portato davanti a lui.
In quella divisione c’erano i suoi stessi seguaci, e anche la forza che era stata raccolta dalla campagna.
Era una divisione molto più grande di quella che seguì Thorolf ed Egil.

Thorolf era così armato.
Aveva uno scudo ampio e robusto, un elmo opportunamente forte sulla testa; era cinto con la spada che chiamava “Long, ” un’arma grande e buona. Nella sua mano aveva un’alabarda, di cui la lama a forma di piuma, era lunga due braccia, terminava con una punta a quattro spigoli; la lama era larga sopra, la presa lunga e spessa. L’asta era abbastanza alta da permettere alla mano di afferrarne la presa, ed era notevolmente spessa. La presa era dotata di una punta di ferro sull’asta, anch’essa avvolta con il ferro. Queste armi erano chiamate “brynþvarar” perforatrici.
(N.d.R. Non sono mai state trovate alabarde di fattura vichinga chiaramente identificate.)

Egil era armato allo stesso modo di Thorolf.
Era armato con la spada che chiamava Adder; questa l’aveva ottenuta a Courland; era un’arma giusta e buona. Nessuno dei due aveva una cotta di maglia.
Disposero il loro stendardo, che fu portato da Thofid il Forte. Tutti i loro uomini avevano scudi norvegesi e armature norvegesi in ogni punto; e nella loro divisione c’erano tutti i Normanni presenti. L’esercito di Thorolf fu radunato vicino al bosco, quello di Alfgeir si mosse lungo il fiume.
Il conte Adils e suo fratello videro che non si sarebbero mai imbattuti in Thorolf alla sprovvista, così cominciarono a radunare le loro forze. Fecero anche due divisioni, e avevano due stendardi.
Adils si opponeva al conte Alfgeir, Hring ai freebooters. Ora la battaglia era cominciata; entrambi erano carichi in spirito. Il conte Adils pressò con forza e rapidità finché Alfgeir non cedette; poi gli uomini di Adils continuarono a pressare due volte più audacemente. E non passò molto tempo prima che Alfgeir fuggisse. E questo è da dire di lui, che cavalcava verso sud oltre la brughiera, e una compagnia di uomini con lui.
Cavalcò fino ad arrivare vicino alla città, dove si trovava il re. 
Ma disse il conte: “Non credo sia sicuro per noi entrare in città. Ci derideranno ferocemente quando saremo davanti al re, perché re Olaf ci aveva già battuto una volta, e ora penserà che la nostra fortuna non è per niente migliorata. Non credo che, così com’è, posso aspettarmi molti riconoscimenti da lui “.
Quindi cavalcò nel sud del paese, e del suo viaggio è da dire che cavalcò notte e giorno fino a quando lui e i suoi arrivarono verso ovest a Earls-ness. Poi il conte ottenne una nave che lo portò a sud verso il mare; e giunse in Francia, dove si trovavano metà dei suoi parenti.Non tornò mai più in Inghilterra.
All’inizio Adils inseguì il nemico frettoloso, a poca distanza; poi tornò indietro, dove c’era la battaglia, per combattere.  E quando Thorölf lo vide, si voltò contro il conte, e ordinò che lo stendardo fosse portato in quella parte; ordinò ai suoi uomini di restare uniti e chiusi.
“Muoviamoci verso il bosco”, disse, “e lasciamo che ci copra le spalle, in modo che non ci vengano addosso da ogni parte”. Loro così fecero, s’inoltrarono nel bosco. Lì la battaglia fu feroce. Egil caricò Adils, e combatterono furiosamente. Le probabilità di numeri erano grandi, eppure caddero più uomini di Adils che di Egil.
Poi Thorolf divenne così furioso che gettò il suo scudo sulla schiena, e, afferrando la sua alabarda con entrambe le mani, si mise a trafficare in avanti tagliando e conficcando da entrambi i lati. Gli uomini si allontanarono da lui in entrambe le direzioni, ma lui ne uccise molti. Così si fece strada in avanti verso lo stendardo del conte Hring, e poi nulla poté fermarlo. Uccise l’uomo che portava lo stendardo del conte e tagliò l’asta dello stendardo.
Dopo di che si lanciò con la sua alabarda contro il petto del conte, facendola passare attraverso la cotta di maglia e il corpo, in modo che uscisse sull’altezza delle spalle; e lo sollevò sull’alabarda sopra la sua testa, e piantò l’estremità del manico dell’asta nel terreno.
Lì sull’arma il conte esalò la sua vita in vista di tutti, amici e nemici.
Poi Thorolf estrasse la spada e sferrò colpi da entrambi i lati, anche i suoi uomini caricarono. Molti Britanni e scozzesi caddero, ma alcuni si voltarono e fuggirono.
Il conte Adils, vedendo la caduta del fratello, e il massacro di molti dei suoi uomini, e la fuga di alcuni, verso il bosco, mentre lui stesso era sotto forte pressione, si svincolò e corse per andare nel bosco, andarono lui e la sua compagnia; e poi tutte le forze che aveva seguito il conte prese la fuga. Thorolf ed Egil inseguirono il nemico in ritirata. Grande fu allora il massacro; i fuggitivi furono dispersi in lungo e in largo per la brughiera. Il conte Adils aveva abbassato il suo stendardo; così nessuno poteva conoscere la sua compagnia dagli altri.
E presto l’oscurità della notte iniziò a calare. Thorolf ed Egil tornarono al loro accampamento; e proprio allora il re Athelstan arrivò con il suo esercito, piantarono le tende e fecero i loro preparativi. Poco dopo arrivò re Olaf con il suo esercito; anche loro si accamparono e fecero i loro preparativi, dove i loro uomini avevano prima sistemato le loro tende.
Poi fu detto a re Olaf che entrambi i suoi conti Hring e Adil erano caduti, e anche una moltitudine dei suoi uomini.

CAPITOLO LIV
La caduta di Thorolf

Il re Athelstan aveva passato la notte precedente nella città di cui si parlava sopra, e lì aveva sentito dire che c’erano stati dei combattimenti nella brughiera. Immediatamente lui e tutta l’armata si prepararono e marciarono verso nord, verso la brughiera.
Lì appresero chiaramente tutte le notizie, com’era andata la battaglia. Poi i fratelli Thorolf ed Egil andarono a incontrare il re.
Egli li ringraziò per la loro coraggiosa avanzata e per la vittoria che avevano ottenuto; promise loro la sua cordiale amicizia.
Rimasero tutti insieme per la notte. Non appena cominciò ad albeggiare, Athelstan animò il suo esercito. Egli tenne una conferenza con i suoi capitani, e disse loro come si sarebbero dovute organizzare le sue forze. Organizzò per prima la sua stessa divisione, e nell’avanguardia mise in piedi le compagnie che erano le più brillanti.
Poi disse che Egil avrebbe dovuto comandarle: “Ma Thorolf”, disse, “sarà con i suoi uomini e con quelli che io aggiungerò”.
Questa forza si opporrà a quella parte del nemico che è sciolta e non in schiera, perché gli scozzesi sono sempre sciolti in schieramento, corrono avanti e indietro e si lanciano qua e là. Spesso si rivelano pericolosi se gli uomini non sono prudenti, ma sono instabili sul campo se affrontati con coraggio.
Egil rispose al re: “Non voglio che io e Thorolf ci separiamo in battaglia; anzi, mi sembra giusto che noi due siamo collocati là dove c’è più bisogno e dove è più duro combattere”.
Thorolf disse: “Lascia che sia il re a governare dove ci metterà, serviamolo come meglio crede”. “Io, se lo desideri, cambierò posto con te”. Egil disse: “Fratello, tu avrai la tua strada; ma questa separazione la rimpiangerò spesso”. Dopo di ciò si formarono le divisioni come il re aveva disposto, e gli stendardi furono innalzati.

La divisione del re si trovava sulla pianura verso il fiume; la divisione di Thorolf si muoveva sulla parte più alta del bosco. Il re Olaf richiamò le sue forze quando vide che il re Athelstan lo aveva fatto. Anch’egli fece due divisioni; e il proprio stendardo, e la divisione che egli stesso comandava, si oppose a re Atelstan e alla sua divisione. Ognuno dei due aveva un grande esercito, non c’era differenza in termini di numeri. La seconda divisione di re Olaf si avvicinò al bosco contro le forze di Thorolf. I suoi comandanti erano i conti scozzesi, gli uomini per lo più scozzesi; ed era una grande moltitudine.
E ora gli eserciti si chiusero, e presto la battaglia divenne feroce. Thorolf si spinse ardentemente in avanti, facendo sì che il suo stendardo fosse portato in avanti lungo il lato del bosco; pensò di spingersi così in avanti da rivolgersi contro la divisione del re scozzese dietro i loro scudi. I suoi stessi uomini tennero i loro scudi davanti a loro; si affidarono al bosco che era alla loro destra per coprire quel lato.

Thorolf andò così avanzato che pochi dei suoi uomini erano prima di lui. Ma proprio quando era meno in guardia, saltò fuori dal bosco il conte Adils e i suoi seguaci. Spinsero subito Thorolf con molte alabarde, e lì, vicino al bosco, cadde. Thorfid, che portava lo stendardo, si tirò indietro dove gli uomini stavano più compatti.Adils ora li attaccò, e c’è stata una feroce contesa. Gli scozzesi gridarono un grido di vittoria, come se avessero ucciso il capo del nemico.
Questo grido quando Egil sentì, e vide lo stendardo di Thorolf tornare indietro, si sentì sicuro che Thorolf stesso non sarebbe stato con lui. Così balzò nello spazio tra le due divisioni. Ben presto apprese la notizia di ciò che era stato fatto, quando si avvicinò ai suoi uomini.Poi li spronò con entusiasmo alla carica, lui stesso in primo luogo nell’avanguardia.
Aveva in mano la sua spada Adder. Avanti Egil pressava e sgozzava con entrambe le mani, abbattendo molti uomini. Thorfid portò lo stendardo vicino a lui, dietro lo stendardo seguì il resto.

Proprio forte era il conflitto lì. Egil andò avanti finché non incontrò il conte Adils. Pochi colpi si scambiarono prima che il conte Adils cadesse, e molti uomini intorno a lui. Ma dopo la morte del conte i suoi seguaci fuggirono. Egil e la sua forza li inseguirono e uccisero tutti quelli che raggiunsero; non c’era bisogno di elemosinare.Né rimasero a lungo in piedi quei conti scozzesi, quando videro gli altri i loro compagni battere in ritirata; subito si misero subito alle calcagna.

Al che Egil e i suoi uomini si diressero dove c’era la divisione di re Olaf, e l’arrivo dietro i loro scudi causò presto un grande scompiglio. La divisione vacillò e si sciolse. Molti degli uomini di re Olaf allora fuggirono, e i normanni gridarono un grido di vittoria. Quando re Athelstan si accorse che la divisione di re Olaf cominciava a rompersi, spronò le sue forze e ordinò la sua avanzata.
Si scatenò un attacco feroce, tanto che le forze di re Olaf indietreggiarono, e vi fu un grande massacro in cui re Olaf cadde, e la maggior parte delle forze che aveva avuto, perché di coloro che si voltarono per fuggire, tutti quelli che furono raggiunti furono uccisi.
Così re Athelstan ottenne una vittoria significativa.

Capitolo LV
Egil seppellisce Thorolf

Mentre i suoi uomini inseguivano ancora i fuggitivi, il re Athelstan lasciò il campo di battaglia e tornò in città, né vi rimase la notte prima di andare là.
Egil inseguì il nemico in ritirata e lo seguì fin lontano, uccidendo ogni uomo che raggiunse. A lungo, sazio d’inseguimento, tornò indietro con i suoi seguaci e giunse dove c’era stata la battaglia, e vi trovò il cadavere di suo fratello Thorolf. Lo raccolse, lo lavò e svolse tutti le usanze che erano consuetudine del tempo.Lì scavarono una fossa e vi posero Thorolf con tutte le sue armi e le sue vesti.
Poi Egil strinse un braccialetto d’oro su entrambi i polsi, prima di separarsi da lui; fatto ciò, fecero un ammasso di pietre e le misero sopra la fossa.

Poi Egil cantò un pentagramma:


‘Impavido, il forte campione
Schiantò, l’audace assassino del conte:
Nella tempestosa tensione della battaglia
Thorolf dal cuore robusto cadde.
Il verde cresce sul terreno di Vin-heath
Erba sul mio nobile fratello:
Ma noi la nostra sventura: un dolore
Peggio della morte si deve sopportare’

E ancora cantò ulteriormente:

‘Con i guerrieri uccisi attorno allo stendardo
Il campo occidentale ho caricato;
Adils con la mia blu Adder
Assalito nel mezzo delle nevi di guerra.
Olaf, giovane principe, incontrato
Inghilterra nel tuono della battaglia:
Hring non era pieno di armi,
Affamati non sono gli stomaci dei corvi…’

Allora Egil e i suoi andarono a cercare re Atelstan, e subito andò davanti al re, dove sedeva a bere. C’era molto rumore di allegria. E quando il re vide che Egil era entrato, ordinò che la panchina inferiore fosse sgombrata per loro e che Egil si sedesse sul sedile alto di fronte al re. Egil si sedette lì e gettò il suo scudo davanti ai suoi piedi. Aveva l’elmo in testa, posò la spada sulle ginocchia e ogni tanto la tirava fuori a metà, poi la riponeva nel fodero. Si sedette in posizione eretta, ma con la testa piegata in avanti.
Egil era di grandi dimensioni, la fronte ampia, con grandi sopracciglia, naso non lungo ma molto largo, labbra larghe e lunghe, mento più largo del normale, come lo erano le mascelle; aveva il collo solido e le spalle larghe rispetto agli altri uomini, era duro, e cupo quando era arrabbiato. Era ben fatto, più che comunemente alto, aveva i capelli grigio lupo e spessi, ma divenne presto calvo.
Aveva gli occhi neri e la pelle scura. Mentre era seduto (com’era scritto prima), tirò un sopracciglio in basso verso la guancia, l’altro fino alla radice dei capelli.
Non voleva bere ora, anche se il corno gli era stato portato, ma alternativamente contraeva le sopracciglia su e giù. Re Athelstan sedeva sull’alto seggio superiore. Anche lui appoggiò la spada sulle ginocchia.
Quando rimasero seduti lì per un po’, allora il re estrasse la spada dal fodero e prese dal suo braccio un braccialetto d’oro grande e bello, e ponendolo sulla punta della spada si alzò, attraversò il corridoio e raggiunse Egil sopra il fuoco.Egil si alzò, estrasse la spada e attraversò il corridoio; inserì la punta della spada nel cerchio del braccialetto e la tirò verso di lui; poi tornò al suo posto.
Il re ritornò di nuovo sul suo seggio alto. Quando Egil si sedette giù, infilò il cerchio sul suo braccio, e poi le sue sopracciglia tornarono al loro posto. Ora depose la spada e l’elmo, prese il corno che gli avevano offerto e lo bevve.

Poi cantò:

‘Mailed monarch, god of battle,
Maketh the tinkling circlet
Hang, his own arm forsaking,
On hawk−trod wrist of mine.
I bear on arm brand−wielding
Bracelet of red gold gladly.
War−falcon’s feeder meetly
Findeth such meed of praise.’

Una possibile traduzione.

‘Monarca spedito, dio della battaglia,
Fa tintinnare il cerchietto
Appeso, il suo stesso braccio abbandona,
Sul mio polso calcato da falco.
Porto il marchio del braccio
Bracciale d’oro rosso volentieri.
La mangiatoia del falco da guerra è soddisfacente.
Trova un tale mezzo di lode.’

Da allora in poi Egil bevve la sua parte e parlò con gli altri. Al momento il re fece portare due casse; due uomini per ciascuno. Entrambi erano pieni d’argento.
Il re disse: “Questi forzieri, Egil, li avrai e, se andrai in Islanda, porterai questo denaro a tuo padre; come risarcimento per un figlio glielo mando; ma una parte del denaro lo dividerai tra i parenti tuoi e di Thorolf, come pensi sia più onorevole”.
Ma qui con me prenderai il compenso per tuo fratello, terra o denaro, come preferisci. E se rimarrai a lungo con me, ti darò onore e dignità, che sceglierai tu stesso. Egil prese il denaro e ringraziò il re per i suoi doni e le sue parole di amicizia.
Allora Egil cominciò a essere allegro;

e poi cantò:

‘In sorrow sadly drooping
Sank my brows close−knitted;
Then found I one who furrows
Of forehead could smooth.
Fierce−frowning cliffs that shaded
My face a king hath lifted
With gleam of golden armlet:
Gloom leaveth my eyes.’

Una possibile traduzione

‘Nel dolore tristemente cadente
Affondavo le sopracciglia serrate;
Poi ho trovato uno che solca
Di fronte potrebbe levigare.
Feroce scogliere aggrottate che ombreggiavano
Un re ha alzato la mia faccia
Con bagliore di bracciale d’oro:
L’oscurità lascia i miei occhi.

Poi furono guariti quegli uomini le cui ferite lasciarono la speranza di vita. Egil rimase con il re Athelstan per l’inverno successivo dopo la morte di Thorolf, ed ebbe un grande onore dal re. Con Egil c’era allora tutta quella forza che aveva seguito i due fratelli, e che era uscita viva dalla battaglia. Egil ora fece una poesia su re Atelstan, e in essa c’è questo pentagramma:

‘Land−shielder, battle−quickener,
Low now this scion royal
Earls three hath laid. To Ella
Earth must obedient bow.
Lavish of gold, kin−glorious,
Great Athelstan victorious,
Surely, I swear, all humbled
To such high monarch yields.’

Possibile Traduzione:

‘Terra Sheder, più veloce nella battaglia,
In basso ora questo rampollo reale
Tre conti ha deposto. A Ella
La Terra deve inchinarsi obbediente.
Sontuoso d’oro, parente glorioso,
Grande Athelstan vittorioso,
Sicuramente, lo giuro, tutti umiliati
A tali alti rendimenti monarchici’

Ma questo è il peso della poesia:

‘Reindeer−trod hills obey
Bold Athelstan’s high sway.’

‘Le colline calpestate dalle renne obbediscono
Il forte potere di Athelstan. ‘

Allora Athelstan diede ulteriormente a Egil una ricompensa di due anelli d’oro, ciascuno del peso di un marchio e con esso un prezioso mantello che il re stesso aveva precedentemente portato.
Quando arrivò la primavera, Egil disse al re che intendeva partire quell’estate in Norvegia, per scoprire “come stanno le cose con Asgerdr, la moglie del mio defunto fratello Thorolf”.  Una grande proprietà è lì in tutto; ma non so se ci sono figli loro. Sono tenuto a prendermi cura di loro, se vi sono; ma io sono l’erede di tutto, se Thorolf fosse morto senza figli.
Il re rispose: “Spetta a te, Egil, stabilire di andare via di qui, se pensi di avere un compito da svolgere”; ma io penso “che il miglior modo sarebbe quello che tu ti stabilissi qui con me alle condizioni che vorrai chiedere”.
Egil ringraziò il re per le sue parole.”Lo farò”, disse, “ora vado, in quanto sono in dovere di farlo; ma è probabile che tornerò qui, per accettare questa promessa appena posso”.
Il re gli disse di farlo.
Al che Egil si preparò a partire con i suoi uomini; ma di questi molti rimase indietro con il re. Egil aveva una grande nave da guerra e a bordo di essa un centinaio di uomini o giù di lì. E quando fu pronto per il suo viaggio, e soffiò un bel vento, prese il largo. Lui e il re Athelstan si separarono con grande amicizia: il re pregò Egil di tornare il prima possibile.
Questo Egil promise di fare.
Egil partì per la Norvegia, e quando raggiunse la terraferma, andò a Firdir il più velocemente possibile; udì queste notizie, che il signore Thorir era morto, e Arinbjorn aveva preso l’eredità dopo di lui, ed era stato nominato barone.  Egil andò da Arinbjorn e ricevette lì una buona accoglienza. Arinbjorn gli chiese di restare. Egil accettò, fece posare la sua nave, e il suo equipaggio si sistemò. Arinbjorn ricevette Egil e dodici uomini; rimasero con lui durante l’inverno.

CAPITOLO LVI
Matrimonio di Egil

Bergonund figlio di Thorgeir Thornfoot aveva poi sposato Gunnhilda figlia di Bjorn Yeoman. Lei era venuta a tenere la casa con lui a Askr. Ma Asgerdr, che Thorolf Skallagrimsson aveva avuto in moglie, era allora con Arinbjorn, suo parente. Thorolf e lei avevano una figlia di nome Thordis, e la ragazza era lì con la madre. Egil raccontò ad Asgerdr della morte di Thorolf e le offrì la sua tutela. Asgerdr fu molto addolorata per la notizia; rispose bene alle parole di Egil, dicendo però poco in un modo o nell’altro.
Ma, in autunno, Egil cominciò a essere molto cupo e a bere un pò, e spesso parlava con la testa china nel mantello. In una occasione Arinbjorn andò da lui e gli chiese cosa significasse questa sua tristezza.
“Anche se ora hai avuto una grande perdita in tuo fratello, è virile sopportarlo bene; l’uomo deve sopravvivere all’uomo”.
Vieni, quale versetto stai ripetendo ora? Fammi sentire”.

Egil disse di aver appena fatto questo verso:

‘Unfriendly, who was friend,
Fair goddess seems. Of old
Bold with uplifted brow
Beheld I woman’s face.
Now one (whose name I veil)
No sooner to the skald
Occurs, than shyly sinks
Screen’d in his cloak his head.’

Arinbjorn chiese chi fosse la donna per la quale aveva composto questa canzone d’amore.
“Hai nascosto il suo nome nella poesia?”
Allora Egil recitò:

‘Sorrow shows not, but hides
The saddening thought within.
Names in my poesy
Not oft I use to veil.
For Odin’s warrior wights
Will surely searching find
In war−god’s wine of song
What poet deep hath plunged.’

Qui”, disse Egil, “il vecchio detto sarà trovato vero. Tutto dovrebbe essere detto a un amico. Ti dirò quello che mi chiedi, per quale donna ho composto i versi.  È Asgerdr la tua parente, e vorrei avere la tua assistenza per assicurarmi questo incontro”.
Arinbjorn disse che lo riteneva ben visto. “Lo farò”, disse, “sicuramente darò la mia buona parola che questa unione potrà essere fatta”.
In seguito Egil sottopose la questione ad Asgerdr, ma fece riferimento alla decisione di suo padre e del suo parente Arinbjorn. Arinbjorn parlò con Asgerdr, e lei diede la stessa risposta. Arinbjorn desiderava ardentemente questo matrimonio. Dopo questo Arinbjorn ed Egil andarono insieme da Bjorn, e quindi Egil fece la sua richiesta, chiese in moglie Asgerdr figlia di Bjorn. Bjorn accolse con favore la richiesta e disse che stava a Arinbjorn decidere su questo.
Arinbjorn lo desiderava molto; e la fine della questione fu che Egil e Asgerdr si fidanzarono, e il matrimonio doveva essere a casa di Arinbjorn. E quando giunse il tempo stabilito, ci fu una grandissima festa al matrimonio di Egil. Egli fu quindi molto allegro per la restante parte dell’inverno. In primavera preparò una nave mercantile per un viaggio in Islanda. Arinbjorn gli consigliò di non stabilirsi in Norvegia mentre il potere di Gunnhilda era così grande.
“Perché è molto adirata con te,” disse Arinbjorn; “e questo è stato peggiorato molto dal tuo incontro con Eyvind nello Jutland.” Quando Egil fu pronto, e soffiò un buon vento, salpò in mare, e il suo viaggio procedette bene. Egli andò in autunno in Islanda, e si diresse in Borgar-firth. Ora era stato via per dodici inverni. Skallagrim era ormai un uomo anziano. Fu molto felice quando Egil tornò a casa.

Egil andò ad alloggiare a Borg, e con lui Thofid Strong e molti della loro compagnia; ed erano lì con Skallagrim per l’inverno. Egil aveva un’immensa riserva di ricchezze; ma non è detto che Egil abbia condiviso quell’argento che il re Athelstan gli aveva dato né con Skallagrim o con altri.

Quell’inverno Thorfid sposò Sæunn, La figlia di Skallagrim; e nella primavera successiva Skallagrim diede loro un podere a Long − river − foss e la terra verso l’interno dal ruscello di Leiru, tra il Long-river e il Swan-river, fino alle montagne. 

La figlia di Thorfid e Sæunn era Thordis moglie di Arngeir di Holm, il figlio di Bersi Goodless, suo figlio era Bjorn, il campione di Hitadale. Egil rimase lì con Skallagrim per diversi inverni. Assunse la gestione della proprietà e della fattoria non meno di Skallagrim. Egil divenne sempre più calvo.
La regione cominciò a essere colonizzata in lungo e in largo.Hromund, fratello di Grim l’Halogalander, si stabilì in questo periodo a Cross-river-lithe con i suoi compagni. Hromund era padre di Gunnlaug, il padre di Thuridr Dylla, madre di Illugi the Swarthy. Egil aveva ormai passato diversi inverni a Borg con suo padre, quando un’estate una nave proveniente dalla Norvegia in Islanda portò queste notizie dall’est, che Bjorn Yeoman era morto. Inoltre, fu detto che tutte le proprietà di Bjorn erano state ereditate da Bergonund, suo genero, e che aveva trasferito a casa sua tutti i beni mobili, affittando le terre e assicurandosi tutti i profitti. Si era anche impossessato di tutte le fattorie occupate di recente da Bjorn.
E quando Egil lo venne a sapere, chiese dettagliatamente se Bjorn avesse agito di propria iniziativa in questa faccenda, o se avesse avuto il sostegno di altri più potenti. Gli fu detto che Onund era diventato un amico intimo di re Eric, ma lo era ancora più con Gunnhilda. Egil lasciò cadere la questione per quell’autunno; ma quando l’inverno fu passato e venne la primavera, allora Egil disse ti tirare fuori la sua nave, che si trovava in un capanno a Long-river-foss.
Preparò questa nave per il mare, e cercò un equipaggio. Asgerdr sua moglie volle andare con lui, ma la figlia di Thordis Thorolf rimase. Egil salpò in mare appena fu tutto pronto, e del suo viaggio non c’è nulla da dire prima che arrivasse in Norvegia. Appena potè, andò subito a cercare Arinbjorn.
Arinbjorn lo ricevette bene e chiese a Egil di restare con lui; questa offerta l’accettò. Così sia lui che Asgerdr andarono lì e diversi uomini con loro. Egil parlò immediatamente con Arinbjorn di quella pretesa sull’eredità che credeva fosse sua.
Arinbjorn disse: “Mi sembra una questione poco promettente. Bergonund è duro, difficile da affrontare, ingiusto, avido; e ora ha molto sostegno da parte del re e della regina”. Gunnhilda è la tua acerrima nemica, come sai già, e non incoraggerà Onund a risolvere la questione”.
Disse Egil: “Il re farà rispettare la legge e la giustizia in questa faccenda, e con il tuo aiuto non mi sembra una grande cosa ai miei occhi intentare una causa a Bergonund”.
Decisero che Egil avrebbe dovuto equipaggiare un cutter veloce, sul quale si imbarcarono una ventina di uomini, e si diressero a sud verso Hordaland e poi verso Askr. Da lì andarono alla fattoria e trovarono Onund. Egil dichiarò la sua richiesta e chiese a Onund di condividere l’eredità di Bjorn. Disse che le figlie di Bjorn erano per legge entrambe sue eredi, “Anche se mi sembra”, disse Egil, “Asgerdr sarà considerata più nobile di tua moglie Gunnhilda”.
Poi disse Onund con voce acuta: “Un uomo meraviglioso e coraggioso sei tu, Egil, il fuorilegge di re Eric, che vieni qui nella sua terra e pensi di attaccare i suoi uomini e i suoi amici”.
Devi sapere, Egil, che ho rovesciato uomini bravi come te per meno motivi di quanto penso sia, quando rivendichi l’eredità di tua moglie; poiché questo è ben noto a tutti, che è nata da un “bondwoman” schiavo. Onund fu furioso nel linguaggio per un po’; quando Egil vide che Onund non avrebbe fatto nulla di buono per risolvere la faccenda, allora lo convocò in tribunale, e deferì la questione alla legge del Gula-thing.
Onund disse: “Al thing del Gula io verrò, e la mia volontà è che tu non ne esca bene”.
Egil disse che avrebbe comunque rischiato di andare al Thing: “Che venga quel che venga che possa far fine la nostra questione”.
Egil se ne andò con la sua compagnia, e quando tornò a casa raccontò ad Arinbjorn del suo viaggio e della risposta di Onund. Arinbjorn fu molto irritato dal fatto che la sorella di suo padre Thora, fosse stata chiamata “bondwoman”.
Arinbjorn andò da re Eric, e gli presentò la questione.
Il re prese le sue parole piuttosto cupamente e disse che Arinbjorn aveva a lungo sostenuto la causa di Egil:
“Egli ha avuto questa grazia per mezzo di te, che io l’ho permesso di stare qui nel paese; ma ora penso che sia troppo da sopportare se tu lo appoggi nei suoi assalti ai miei amici”.
Arinbjorn disse: “In questo caso ci concederai i nostri diritti legali “.
Il re fu piuttosto arrabbiato per questo discorso, ma Arinbjorn capì che la regina aveva una volontà molto peggiore.  Arinbjorn tornò indietro e disse che le cose sembravano piuttosto poco promettenti. Poi l’inverno si consumò, e arrivò il momento in cui gli uomini dovevano andare al Gula-thing.
Arinbjorn portò alla Thing una numerosa compagnia, tra cui c’era anche Egil.

CAPITOLO LVII
Causa tra Egil e Onund

Il re Eric era presente con molte persone. Bergonund era tra il suo seguito, così come i suoi fratelli; c’era un grande seguito. Quando giunse il momento di tenere la riunione sulle azioni legali degli uomini, entrambe le parti si recarono, dove era fissata la corte, per perorare le loro prove.
Allora Onund fu pieno di parole grandi. Ora, dove si trovava il tribunale, c’era un terreno pianeggiante, con pali di nocciolo piantati in un anello, e all’esterno c’erano corde attorcigliate tutto intorno. Questo era chiamato “il recinto”. All’interno dell’anello stavano dodici giudici del popolo di Firth, dodici del popolo di Sogn, dodici del popolo di Horda. Queste tre dozzine di uomini dovevano giudicare tutte le cause.

Arinbjorn decise chi doveva essere il giudice del popolo di Firth, Thord di Aurland chi doveva esserlo del popolo di Sogn. Tutti questi erano della stessa parte. Arinbjorn aveva portato lì una nave lunga completamente equipaggiata, oltre a molte piccole imbarcazioni e navi magazzino.
Il re Eric aveva sei o sette navi lunghe, tutte ben equipaggiate; c’era anche un gran numero di proprietari terrieri. Egil iniziò così la sua causa: chiese ai giudici di concedergli i suoi diritti legittimi nella causa tra lui e Onund. Poi espose le prove che aveva della sua rivendicazione sulla proprietà che era appartenuta al figlio di Bjorn Brynjolf.
Disse che Asgerdr, figlia di Bjorn, moglie di Egil, era la legittima erede, nata nobile, di nobiltà terriera, persino di famiglia titolata più indietro. E chiese ai giudici di assegnare ad Asgerdr la metà dell’eredità di Bjorn, sia per le terre sia per i beni.
E quando smise di parlare, allora Bergonund prese la parola e parlò così: Gunnhilda mia moglie è la figlia di Bjorn e Alof, la moglie che Bjorn ha sposato legalmente. Gunnhilda è la legittima erede di Bjorn. Per questo motivo ho preso possesso di tutti i beni lasciati da Bjorn, perché sapevo che quell’altra figlia di Bjorn non aveva diritto all’eredità. Sua madre era una prigioniera di guerra, poi presa come concubina, senza il consenso dei suoi parenti, e portata di terra in terra.
Ma tu, Egil, pensi di continuare qui, come dappertutto, con la tua ferocia e il tuo comportamento illecito. Questo non ti gioverà ora; perché il re Eric e la regina Gunnhilda mi hanno promesso che avrò diritto in ogni causa entro i limiti del loro dominio. Produrrò prove veritiere davanti al re e ai giudici che Thora Lace-hand, la madre di Asgerdr, fu presa prigioniera dalla casa di Thorir, suo fratello, e una seconda volta dalla casa di Brynjolf ad Aurland. Poi se ne andò fuori dal paese con i freebooters, e fu bandita dalla Norvegia, e in questa situazione Bjorn e lei fecero nascere questa ragazza, Asgerdr.
Una grande meraviglia ora è questa in Egil, che egli pensa di rendere nulle tutte le parole di re Eric. In primo luogo, Egil, tu sei qui nel paese dopo che Eric ti ha reso fuorilegge; in secondo luogo – il che è peggio – sebbene tu abbia per moglie una schiava, rivendichi per lei il diritto all’eredità.
“Chiedo ai giudici di assegnare l’eredità a Gunnhilda, e di dichiarare Asgerdr come serva del re, perché è stata generata quando suo padre e sua madre erano stati banditi dal re”. Arinbjorn era molto adirato quando sentì chiamare Thora Lace-hand una schiava; si alzò e non volle più tacere, ma si guardò intorno da entrambe le parti e prese la parola:
‘Le prove che porteremo, sir re, a questo proposito, e aggiungeremo dei giuramenti, che nella riconciliazione di mio padre e di Bjorn Yeoman era espressamente previsto che Asgerdr, figlia di Bjorn e Thora, avrebbe avuto il diritto di ereditare dopo Bjorn suo padre, come anche questo, che tu stesso, o re, sai, che hai restituito a Bjorn i suoi diritti in Norvegia, e così è stato risolto tutto ciò che prima si era frapposto alla loro riconciliazione’. A queste parole il re non trovò una risposta pronta.

Allora Egil cantò un pentagramma:

Bondwoman ha partorito questo furfante
La mia signora con la spilla chiama.
Spudorato nell’avidità egoistica
Tale affare che Onund ama:
Fanfarone! La mia sposa è una
Ereditiera nata, dama ingioiellata.
I nostri giuramenti, grande re, accetta,
Giuramenti che sono giusti e veritieri.

Quindi Arinbjorn presentò dei testimoni, dodici uomini, tutti ben scelti. Questi avevano tutti sentito, essendo presenti, la riconciliazione di Thorir e Bjorn, e si offrirono al re e ai giudici di giurarlo. I giudici erano disposti ad accettare il loro giuramento se il re non lo avesse impedito.

Allora la regina Gunnhilda prese la parola: “Grande meraviglia è questa, sir re, che tu lasci che questo grosso Egil faccia un tale pasticcio di tutta la causa davanti a te.
Non troveresti nulla da dire contro di lui, anche se dovesse reclamare dalle tue mani il tuo stesso regno? Ora, anche se tu non vuoi prendere alcuna decisione che possa aiutare Onund, tuttavia non tollererò che Egil metta sotto i piedi i nostri amici e prenda ingiustamente la proprietà di Onund. Dov’è Alf, mio fratello? Vai tu, Alf, con il tuo seguito, dove sono i giudici, e fa’ che non diano questa sentenza sbagliata”.
Allora lui e i suoi uomini si recarono là e tagliarono in due le corde del recinto, abbatterono i pali e dispersero i giudici. Ci fu un gran trambusto nel Thing, ma gli uomini erano tutti senza armi.
Allora Egil disse: ‘Bergonund puoi sentire le mie parole?’.
‘Le sento’, disse Onund.
‘Allora ti sfido a combattere, e che il nostro combattimento sia qui al Thing.
Chi vince, fra noi due, avrà la proprietà, sia delle terre sia i beni.
Ma sii tu il più vigliacco degli uomini se non osi”.
Al che il re Eric rispose: “Se tu, Egil, sei fermamente deciso a combattere, allora ti concederemo questo immediatamente”. Egil rispose:
“Non combatterò con la potenza del re e la forza schiacciante; ma di fronte a un numero uguale non fuggirò, se questo mi sarà concesso. Né farò allora alcuna distinzione di persone, titolate o meno”.
Allora Arinbjorn parlò: “Andiamocene, Egil; non faremo qui oggi nulla che sia a nostro vantaggio”. E con questo Arinbjorn e tutta la sua gente si voltarono per partire.

Ma Egil si voltò e gridò ad alta voce: “Questo protesto davanti a te, Arinbjorn, e a te, Thord, e a tutti gli uomini che ora possono ascoltare la mia parola, baroni e uomini di legge e tutta la gente, che io bandisco tutte quelle terre che appartenevano a Bjorn Brynjolfsson, dalla costruzione e dal dissodamento, e da ogni guadagno che ne possa derivare.

Le bandisco a te, Bergonund, e a tutti gli altri, nativi e stranieri, alti e bassi; e chiunque lo faccia, lo denuncio come un violatore della legge, trasgressore della pace e maledetto”. Dopo di che Egil se ne andò con Arinbjorn. Poi andarono alle loro navi; e c’era un’altura nel terreno di una certa estensione da superare, così che le navi non erano visibili dal campo del Thing.

Egil era molto arrabbiato. E quando arrivarono alle navi, Arinbjorn parlò davanti alla sua gente e disse: Tutti sanno qual è stato il risultato del Thing qui, che non abbiamo ottenuto i nostri diritti; e il re è molto adirato, così che mi aspetto che i nostri uomini otterranno da lui un duro provvedimento, se riuscirà a raggiungerli. Ora voglio che ogni uomo si imbarchi sulla sua nave e torni a casa. Che nessuno aspetti gli altri”.

Allora Arinbjorn salì a bordo della sua nave e a Egil disse: “Ora vai con i tuoi compagni a bordo del cutter che si trova qui fuori dalla nave lunga, e parti subito. Viaggia di notte, per quanto puoi, e non di giorno, e stai in guardia, perché il re cercherà di incontrarti. Vieni a trovarmi dopo, quando tutto questo sarà finito, qualunque cosa sia successa tra te e il re”.
Egil fece come disse Arinbjorn; salirono a bordo del cutter, circa trenta uomini, e remarono con tutte le loro forze. La nave era molto veloce. Poi uscirono dal porto molte altre navi della gente di Arinbjorn, cutter e barche a remi; ma la nave lunga che Arinbjorn guidava andò per ultima, perché era la più pesante ai remi.Il cutter di Egil, che guidava, superò presto gli altri.

Poi Egil cantò un pentagramma:

‘La mia eredità egli ruba,
L’erede avido di denaro
Di Thornfoot. Ma le sue minacce,
Anche se feroce, affronto coraggiosamente.
Per la terra abbiamo cercato la legge:
Lo sventurato accaparratore di terre è lui!
Ma rapina ai miei diritti
Tra non molto sarà lui a ripagare.’

Thorn foot – Piede spinoso

CAPITOLO LVIII
Di re Eric e di Egil

Il re Eric udì le parole conclusive di Egil che aveva detto per ultime al Thing, e la sua ira si fece ardente. Ma tutti gli uomini erano andati senza armi al Thing, perciò il re non tentò alcun attacco. Ordinò ai suoi uomini di affrettarsi verso le loro navi, ed loro fecero come aveva ordinato. Poi, quando giunsero all’arenile, il re convocò i suoi domestici e comunicò loro il suo proposito.
“Ora dobbiamo”, disse, “slegare le nostre navi e remare all’inseguimento di Arinbjorn ed Egil, e voglio che sappiate che prenderemo la vita di Egil, se ne avremo la possibilità, e non risparmieremo nessuno che lo difenderà”.
Dopodiché salirono a bordo, prepararono tutto il più velocemente possibile, spinsero fuori le navi e remarono fino al luogo in cui erano state le navi di Arinbjorn. Queste erano ormai tutte sparite.
Allora il re ordinò loro di seguirle a remi verso nord, seguendo il sound. E quando giunse a Sogn-mare, c’era la compagnia di Arinbjorn che remava verso Sheeping-sound, e lì il re li seguì, e giunse alla nave di Arinbjorn nella parte interna di Sheeping-sound. Il re si diresse subito verso di essa, e si scambiarono delle parole. Il re chiese se Egil fosse sulla nave. Arinbjorn rispose. Egil non è qui”, disse, “questo, o re, lo puoi vedere subito. Qui a bordo non ci sono altri che quelli che tu conosci; ed Egil non si trova sotto i banchi, anche se tu lo cercassi lì”.
Il re chiese ad Arinbjorn cosa sapeva di Egil. Egli disse che Egil era su una lancia con trenta uomini, e che si erano diretti verso stone−sound. Allora il re disse ai suoi uomini di remare lungo il sound interno e di tracciare la loro rotta in modo da incontrare Egil.
C’era un uomo chiamato Kettle Hod; era della guardia del re Eric, un Uplander di famiglia. Era il pilota della nave del re e la guidava. Kettle era un uomo alto e bello; era parente stretto del re. E si diceva che lui e il re fossero simili nell’aspetto.

Ora Egil, prima di andare al Thing, aveva fatto varare la sua nave e imbarcato il carico. E dopo essersi separati da Arinbjorn, lui e i suoi si diressero verso Stone-sound, finché giunsero alla sua nave, che giaceva lì a galla nel porto con la tenda spiegata. Quindi salirono a bordo della nave, ma il cutter si trovava accanto al timone della nave, tra la terra e la nave, e i remi giacevano negli anelli.

Il mattino seguente, quando il giorno era appena spuntato, la guardia si accorse che alcune navi stavano remando verso di loro. Ma quando Egil vide che si trattava di un nemico, si alzò e ordinò loro di saltare nel cutter. Si armò subito, come tutti loro. Egil prese le casse d’argento che il re Athelstan e li portò con sé. Saltarono armati nella lancia e remarono in avanti tra la terra e la lunga nave che avanzava più vicina alla terra; questa era la nave di re Eric.
Ma, siccome accadeva all’improvviso e c’era poca luce, le due navi si passarono davanti. E quando i castelli di poppa furono di fronte, allora Egil scagliò una lancia e colpì nel mezzo l’uomo, Kettle Hod, che era al timone, e subito ottenne la sua rovina.
Allora il re Eric chiamò e ordinò agli uomini di remare dietro a Egil e il suo gruppo, ma quando le loro navi superarono la nave mercantile di Egil, gli uomini del re salirono a bordo su quella. E quelli degli uomini di Egil che erano rimasti indietro e che non erano saltati nel cutter, furono tutti uccisi chi poteva essere catturato, ma alcuni fuggirono a terra.
Dieci uomini dei seguaci di Egil si persero lì.
Alcune navi remarono dietro a Egil, ma altre saccheggiarono la nave mercantile. Tutto il bottino a bordo fu preso e la nave bruciata.

Ma quelli che remavano dietro a Egil tiravano forte, due per remo, e potevano anche remare a turno. Perché a loro non mancavano gli uomini a bordo, mentre l’equipaggio di Egil era ridotto: erano ormai solo diciotto sul cutter. Così la distanza tra loro diminuì. Ma all’interno dell’isola c’era un bassofondo tra essa e le altre isole.
Ora c’era la bassa marea. Egil e i suoi rematori spinsero il loro cutter in quel bassofondo, ma le lunghe navi non riuscivano a galleggiare; così inseguitori e inseguiti si separarono. Il re allora tornò indietro verso sud, ma Egil andò a nord a cercare Arinbjorn.

Poi Egil cantò un pentagramma:

Sveglia di rumore di armi
Il principe guerriero, ha operato
(dove io sono fuggito indenne)
la malvagità sui nostri dieci galantuomini.
Ma la mia mano ha spedito una lancia,
Come il salmone che balza veloce,
che si precipitò, e le costole di Kettle
si lacerarono con una ferita mortale”.

Egil andò da Arinbjorn e gli riferì queste notizie. Arinbjorn disse che non poteva aspettarsi niente di meglio nei rapporti con re Eric. Ma non ti mancheranno i soldi, Egil. Rimedierò alla perdita della tua nave alla tua nave e te ne darò un’altra, con la quale potrai ben salpare verso l’Islanda”. Asgerdr, la moglie di Egil, era rimasta rimasta da Arinbjorn mentre loro andavano al Thing.
Arinbjorn diede a Egil una buona nave degna del mare, e la fece caricare con le cose che Egil desiderava. Questa nave Egil la preparò per il mare, e ancora una volta aveva un equipaggio di circa trenta uomini.

Poi lui e Arinbjorn si separarono in amicizia.

Ed Egil cantò:

Ripagate lui, giusti dèi,
per aver rubato le mie ricchezze!
Cacciatelo via, siate furiosi,
Alto Odino, potenze celesti!
Nemico del suo popolo, vile re,
Che Frey e Njord possano far fuggire!
Odiatelo, guardiani della terra, odiatelo!
che la sacra terra ha disprezzato!

CAPITOLO LIX
Il re Eric uccide i suoi fratelli

Harold Fairhair mise i suoi figli a governare in Norvegia quando iniziò a invecchiare: Eric divenne re al di sopra di tutti gli altri suoi figli. Fu quando Harold fu re per settant’anni, che diede il regno nelle mani di suo figlio Eric.
A quel tempo Gunnhilda partorì un figlio, che il re Harold cosparse d’acqua, assegnandogli il proprio nome; e aggiunse che doveva essere re dopo suo padre se fosse stato abbastanza grande.
Re Harold si stabilì tranquillamente, stando per lo più a Rogaland o Hordaland. Ma tre anni dopo il re Harold morì a Rogaland e un tumulo fu innalzato alla sua memoria a Haugasound. Dopo la morte del re ci fu un gran conflitto tra i suoi figli, perché gli uomini di Vik presero Olaf come loro re, ma i Thrond, Sigurd. Ma questi due, i suoi fratelli, Eric li uccise a Tunsberg, un anno dopo la morte del re Harold.
Tutte queste cose accaddero nella stessa estate, vale a dire, il re Eric andò con il suo esercito verso est a Vik per combattere con i suoi fratelli, e (prima di questo) la lotta di Egil e Bergonund al Gula-thing, con gli altri eventi che sono stati appena raccontati. Bergonund rimase a casa nella sua tenuta quando il re andò in guerra, poiché pensava che non fosse sicuro per lui lasciare la casa mentre Egil era ancora nel paese. Hadd, suo fratello, era lì con lui.
C’era un uomo di nome Frodi, un parente del re Eric, molto bello, giovane di età, ma un uomo cresciuto. Il re Eric lo aveva lasciato indietro per proteggere Bergonund. Frodi alloggiava ad Alrekstead, una fattoria reale, e aveva alcuni uomini lì. Un figlio di Eric e Gunnhilda si chiamava Rognvald, che aveva allora dieci o undici anni, e aveva la stoffa di un uomo molto bello.
Era con Frodi quando accaddero queste cose. Ma prima che re Eric partisse per questa guerra, rese Egil un fuorilegge per tutta la Norvegia, e libero di essere ucciso da chiunque. Arinbjorn era con il re in guerra, ma prima di lasciare casa Egil prese il mare con la sua nave e si diresse verso una stazione di pesca periferica chiamata Vitar, al di là di Aldi. Si trovava lontana dalle rotte principali: c’erano dei pescatori, ed era un buon posto per ricevere notizie. Poi seppe che il re lo aveva reso fuorilegge.

Allora Egil cantò un pentagramma:

Infrangitore della legge, demone della terra,
Un lungo viaggio mi attende;
Egli è la rovina dei suoi fratelli,
Ingannato dalla sua sposa.
Gunnhilda il senso di colpa porta
(Regina cupa) del mio esilio:
Sono pienamente contento di ripagare
Le sue frodi velocemente.

Il tempo era calmo, di notte soffiava un leggero vento terrestre, di giorno una brezza marina. Una sera Egil salpò in mare, e i pescatori stavano remando verso terra, cioè quelli che erano stati messi a spiare i movimenti di Egil. Avevano questo da dire, che Egil era uscito, aveva preso il largo e se n’era andato. Portarono questa notizia a Bergonund.
E quando egli seppe queste notizie, lasciò andare tutti gli uomini che aveva avuto prima per protezione. Poi si recò a remi ad Alrekstead e invitò Frodi a casa sua, perché lì Bergonund beveva molta birra. Frodi andò con lui, portando con sé alcuni uomini.

Lì festeggiarono bene e si divertirono, senza temere alcun pericolo. Rognvald, il figlio del re, aveva una pinaccia, remata da sei uomini per lato, dipinta tutta sopra la linea del mare. Aveva con sé dieci o dodici uomini che lo seguivano costantemente; E quando Frodi se ne andò da casa, Rognvald prese il veliero e remarono verso Herdla in dodici.
C’era una grande fattoria del re, il cui gestore si chiamava Skegg-Thorir. Rognvald nella sua infanzia era stato allevato lì. Thorir ricevette il figlio del re con gioia.

Anche lì non mancavano le bevande.

CAPITOLO LX
L’uccisione di Bergonund e del figlio del re Rognvald

Egil si mise in mare per la notte, come è stato scritto sopra. E quando arrivò il mattino il vento cadde e ci fu calma. Rimasero allora alla deriva, lasciando la nave libera per alcune notti. Ma quando arrivò una brezza di mare, Egil disse ai suoi marinai: “Ora navigheremo verso terra, perché non so bene, se il vento dovesse soffiare forte, dove potremmo sbarcare, “È una costa dall’aspetto pericoloso nella maggior parte dei posti.” I rematori chiesero a Egil di dirigere la loro rotta.
Quindi salparono e navigarono nelle acque intorno a Herdla. Là trovarono un buon rifugio, stesero la tenda sulla loro nave e vi rimasero per la notte. Sulla nave avevano una piccola barca, nella quale entrarono Egil e tre uomini. Remarono fino a Herdla e mandarono un uomo sull’isola per avere notizie; e quando questi tornò giù alla nave, disse che alla fattoria c’era Rognvald, il figlio del re, con i suoi uomini.

‘Sono seduti lì a bere’, disse.
“Mi accorsi di uno dei carlini di casa; era pazzo per la birra, e disse che qui non dovevano bere meno di quanto si beveva da Bergonund, anche se Frodi stava banchettando con una festa di cinque persone. Disse che non c’erano più di quelli della casa, tranne Frodi e i suoi uomini”. Allora Egil tornò alla nave e ordinò agli uomini di alzarsi e prendere le armi. Essi lo fecero. La nave la misero accanto alla riva e gettarono l’ancora.
Egil lasciò dodici uomini a guardia della nave, ma lui stesso salì sulla barca della nave, erano in tutto diciotto. Regolarono il passo in modo tale che arrivarono a Fenhring al tramonto, e lì entrarono in un ‘insenatura nascosta.
Allora Egil disse: “Ora andrò sull’isola e scoprirò quello che posso sapere; ma voi mi aspetterete qui”. Egil aveva le armi che era solito avere, un elmo e uno scudo, una spada alla cintura, un’alabarda in mano. Salì sull’isola lungo il confine di un bosco. Ora si era messo un cappuccio sull’elmo.
Arrivò dove c’erano dei ragazzi e con loro dei grossi cani da pastore. E quando cominciarono a scambiarsi parole, chiese da dove fossero e perché fossero lì e avessero dei cani così grandi.
Quelli risposero: “Devi essere un tipo molto sciocco; non hai sentito che un orso va in giro per l’isola, una grande peste? Uccide sia uomini che pecore, e una taglia è posta sulla sua testa. Noi sorvegliamo qui ad Askr ogni notte le nostre greggi che sono rinchiuse nell’ovile.
Perché vai di notte così armato?
Egli Rispose: “Anch’io ho paura dell’orso; e pochi, mi sembra, ora vanno senza armi. Mi ha inseguito a lungo stanotte.
Guardate là, ora, dov’è in mezzo al bosco!
Dormono tutti in questa fattoria?
Il ragazzo disse che Bergonund e Frodi stavano ancora bevendo; “ci si siedono ogni sera”.
Allora dì loro”, disse Egil, “dov’è l’orso; ma io mi affretterò a tornare a casa”.
Così se ne andò; e il ragazzo corse a casa alla fattoria, e nella stanza dove stavano bevendo. Tutti erano andati a dormire tranne questi tre, Onund, Frodi e Hadd. Il ragazzo disse loro dov’era l’orso. Presero le loro armi che erano appese lì vicino a loro, e subito corsero fuori e salirono nel bosco.
Dalla foresta principale usciva uno sperone di bosco con cespugli sparsi. Il ragazzo disse loro dove l’orso era stato nei cespugli. Poi videro che i rami si muovevano, e quindi intuirono che l’orso si trovava lì. Allora Bergonund consigliò a Hadd e Frodi di correre in avanti tra i cespugli e la foresta principale, e di impedire all’orso di raggiungere il bosco. Bergonund corse in avanti verso i cespugli. Aveva elmo e scudo, una spada alla cintura e un’alabarda in mano.
Egil era lì prima di lui tra i cespugli, ma nessun orso.
E quando vide dove si trovava Bergonund, sguainò la sua spada e, prendendo la corda attaccata all’elsa, se la avvolse intorno al braccio e così la lasciò penzolare. In mano afferrò la sua alabarda, e poi corse avanti per incontrare Bergonund. Quando Bergonund lo vide, accelerò il passo e gettò il suo scudo davanti a sé, e prima che si incontrassero, ognuno scagliò la sua alabarda contro l’altro.
Egil si oppose all’alabarda con lo scudo tenuto inclinato, così che l’alabarda con un taglio strappò lo scudo e volò in terra. Ma l’arma di Egil arrivò completamente al centro dello scudo, e lo attraversò e lo attraversò fino alla pala, e l’arma rimase ben salda nello scudo. Lo scudo di Onund era così ingombrante.
Allora Egil afferrò rapidamente l’elsa della sua spada.
Anche Onund iniziò a estrarre la sua spada; ma prima che questa fosse estratta a metà, Egil lo trafisse con un colpo. Onund indietreggiò di fronte al colpo, ma Egil riprese improvvisamente la sua spada e lo colpì con un taglio che quasi gli staccò la testa. Poi Egil tolse la sua alabarda dallo scudo.
Hadd e Frodi videro la caduta di Bergonund e corsero là. Egil si voltò per incontrarli.  A Frodi lanciò la sua alabarda che, trapassando lo scudo, gli entrò nel petto e gli uscì alle spalle. Immediatamente cadde morto. Quindi, prendendo la sua spada, Egil si voltò contro Hadd, e si scambiarono solo pochi colpi prima che Hadd cadesse.
Proprio in quel momento i ragazzi della mandria arrivarono per caso. Egil disse loro: “Sorvegliate qui Onund, il vostro padrone e i suoi amici, che nessuna bestia o uccello strappi i loro corpi”. Egil poi andò per la sua strada, e poco dopo lo incontrarono undici dei suoi compagni, sei rimasti a guardare la nave. Gli chiesero quale successo avesse avuto.

Al che cantò:

A lungo noi perdenti ci siamo seduti,
Perdenti grazie a colui che ha preso
con avidità l’oro che una volta
per custodire meglio sapevo:
Finché ora la rovina di Bergonund
la mia lama di ferite ha fatto,
E la terra nascosta nel velo
Del sangue di Hadd e Frodi.

Poi Egil disse: “Ora torneremo alla fattoria e ci comporteremo in modo bellicoso, uccidendo tutti gli uomini che possiamo e prendendo tutto il bottino che possiamo trovare”.  Andarono alla fattoria, si precipitarono nella casa e vi uccisero quindici o sedici uomini. Alcuni fuggirono scappando. Saccheggiarono il posto, distruggendo ciò che non potevano portare con loro.
Portarono il bestiame a riva e lo macellarono, mettendo a bordo tutto quello che la barca poteva contenere; poi si allontanarono a remi dal mare tra le isole.
Egil era ormai furioso, tanto che non si poteva parlare con lui. Si sedette al timone della barca. E quando furono più fuori nel fiordo, verso Herdla, venne verso di loro Rognvald, il figlio del re, con altre dodici persone sulla pinnace dipinta. Avevano saputo che la nave di Egil si trovava nelle acque di Herdla e volevano portare a Onund notizie su dove si trovasse Egil.
E quando Egil vide la barca, la riconobbe subito. Si diresse dritto verso di essa; e quando le barche si incontrarono, il rostro del cutter colpì il lato della prua della pinnace, che sbandò così tanto che l’acqua si riversò da una parte e la barca si riempì. Egil saltò a bordo, afferrando la sua alabarda, e gridò ai suoi uomini di non lasciare che nessuno nella pinnace si salvasse.
Questo fu facile, perché non c’era difesa. Tutti furono uccisi mentre nuotavano, nessuno fuggì.
In tredici morirono, Rognvald e i suoi compagni. Poi Egil e i suoi uomini remarono fino all’isola di Herdla, ed Egil intonò un canto:

‘Ho combattuto, né temuto vendetta;
Il Falcione lì arrossì
Sangue del figlio di Bloodaxe,
dello sfacciato re e della sua regina.
È morto su una pinnace
Il principe con dodici suoi uomini,
Tale stress di una dura battaglia
Contro di loro mi sono mosso.’

E quando Egil ei suoi uomini arrivarono a Herdla, subito armati di tutto punto corsero verso gli edifici della fattoria.  Quando Thorir e la sua famiglia lo videro, scapparono subito e si salvarono, tutti quelli che potevano andare, uomini e donne. Il gruppo di Egil saccheggiò il posto di tutto ciò su cui riuscì a mettere le mani; poi si diressero verso la loro nave. Non dovettero aspettare a lungo prima che una brezza soffiasse via dalla terra.
Si prepararono a salpare.
E quando tutto fu pronto per la navigazione, Egil salì sull’isola. Prese in mano un palo di nocciolo e andò su un’eminenza rocciosa che guardava all’interno, verso la terraferma. Poi prese una testa di cavallo e la fissò al palo. Dopodiché, in forma solenne di maledizione, parlò così: “Qui ho piantato un palo della maledizione, e questa maledizione la rivolgo al re Eric e alla regina Gunnhilda. (Qui girò la testa del cavallo verso terra).
Questa maledizione la rivolgo anche agli spiriti guardiani che dimorano in questa terra, affinché vaghino tutti e non raggiungano o trovino la loro casa finché non abbiano scacciato dalla terra il re Eric e Gunnhilda. Detto questo, piantò il palo in una spaccatura della roccia e lo lasciò lì. La testa del cavallo si voltò verso la terraferma, ma sul palo incise delle rune che esprimevano l’intera forma della maledizione.
Dopo questo Egil salì a bordo della nave. Fecero vela e presero il largo. Presto la brezza si rinfrescò e soffiò forte da una buona parte; così la nave proseguì spedita.

Allora Egil cantò:

‘Mare-nemico, che soffia ferocemente,
Frusta duramente e incessantemente
con forte tempesta la via del mare
La poppa di quella nave spazza via.
Il vento, salice-cede,
con gelide raffiche spietate
Il nostro cigno marino si abbatte
Sul bompresso e sul rostro’.

Il loro viaggio procedette bene; dal continente giunsero a Borgar-firth, portarono la loro nave nel porto e trasportato i loro bagagli a riva. Egil tornò poi a casa a Borg, e il suo equipaggio li trovò alloggio.  Skallagrim era ormai vecchio e debole per l’età.
Egil prese la gestione della proprietà e la cura della casa.

CAPITOLO LXI
Morte di Skallagrim

C’era un uomo di nome Thorgeir. Egli doveva sposare la figlia di Thordis, Yngvar, la sorella della madre di Egil. Thorgeir abitava in Swan-ness a Lambstead. Era venuto in Islanda con Yngvar. Era ricco e molto apprezzato dagli uomini. Thorgeir e sua moglie avevano un figlio, Thord, che abitava in Lambstead con suo padre, quando Egil tornò in Islanda.
Successe in autunno, poco prima dell’inverno, che Thord cavalcò fino a Borg per trovare Egil, suo parente, e lo invitò a un banchetto. Aveva fatto preparare della birra a casa sua. Egil promise di andare, e fu fissato un giorno a circa una settimana di distanza.

Quando venne il momento, Egil si preparò a partire e con lui Asgerdr, sua moglie; erano una compagnia di dieci o dodici persone in tutto.  Ma proprio quando Egil fu pronto, Skallagrim uscì con lui, e abbracciandolo prima che montasse a cavallo, disse: Mi sembra che tu sia in ritardo, Egil, nel darmi il denaro che il re Athelstan mi ha mandato. Che cosa intendi fare con quel denaro?
Egil rispose: “Sei molto a corto di denaro, padre? Non lo sapevo. Ti darò subito dell’argento, quando saprò che ne hai bisogno; ma so che tieni ancora uno o due casse piene d’argento”.
‘Suppongo’, disse Skallagrim, “che tu abbia già pensato che abbiamo già fatto la divisione dei nostri soldi. Ora devi essere contento se faccio quello che voglio con il denaro che ho in custodia”.
Egil rispose: “Non puoi pensare di dovermi chiedere un permesso per questo; perché sceglierai di fare a modo tuo, qualunque cosa io dica”.
Poi Egil cavalcò via fino a Lambstead, dove fu accolto calorosamente; doveva rimanerci tre notti. La sera stessa in cui Egil uscì da casa, Skallagrim fece sellare un cavallo.  Poi uscì proprio quando gli altri andavano a dormire. Quando se ne andò, portava davanti a sé sulle ginocchia una cassetta molto grande; ma sotto il braccio portava un bollitore di bronzo.
Da allora è stato ritenuto certo che egli lasciò cadere uno o entrambi nella palude di Krum, e lasciò cadere una grande lastra di pietra in cima a essi. Skallagrim tornò a casa verso mezzanotte, poi andò a casa sua e si coricò con i suoi vestiti.
Ma la mattina, quando fu giorno e la gente si stava vestendo, Skallagrim era seduto in avanti sul bordo del sedile, già morto, e così rigido che non riuscirono a raddrizzarlo o a spostarlo, anche se fecero tutti i tentativi possibili.  Allora fu messo a cavallo un uomo che partì al galoppo più forte che poté verso Lambstead.
Subito cercò Egil e gli riferì queste notizie. Allora Egil prese le sue armi e i suoi vestiti e cavalcò verso casa, raggiungendo Borg al tramonto. E subito, sceso da cavallo, entrò e si diresse verso il passaggio che era intorno all’atrio, con le porte che conducevano dal passaggio ai sedili interni. Egil si avvicinò al seggio principale, prese Skallagrim per le spalle, lo fece indietreggiare e lo fece sedere sul seggio, e rese i servizi ai morti.
Poi Egil ordinò loro di prendere degli attrezzi da scavo e di rompere il muro sul lato sud. Quando questo fu fatto, Egil sostenne la testa e altri i piedi di Skallagrim; e così lo portarono all’esterno della casa attraverso la breccia nel muro appena fatta. Poi lo portarono subito giù a Nausta-ness. Lì per la notte fu montata una tenda sul corpo; ma il mattino, con la marea alta, Skallagrim fu messo su una barca e portato a Digra-ness.
Lì Egil fece innalzare un tumulo sulla punta del promontorio.
Lì fu deposto Skallagrim, con il suo cavallo, le sue armi e i suoi attrezzi da fabbro. Non è detto che alcun oggetto di valore sia stato deposto nel tumulo accanto a lui. Egil prese il patrimonio, le terre e i beni. Da allora in poi governò la casa. Con Egil c’era Thordis, figlia di Thorolf e Asgerdr.

CAPITOLO LXII
Il viaggio di Egil in Inghilterra

Re Eric regnò sulla Norvegia un anno dopo la morte di suo padre, re Harold, prima che il figlio adottivo di Hacon Athelstan, un altro figlio di Harold, arrivasse dall’Inghilterra dall’ovest; e in quella stessa estate Egil Skallagrimsson tornò in Islanda. Hacon andò a nord verso Throndheim.
Lì fu accettato come re. Lui ed Eric furono per l’inverno entrambi re in Norvegia. Ma nella primavera seguente ognuno di loro radunò un esercito.
Hacon aveva di gran lunga i numeri maggiori; la ragione di ciò era che egli aveva stabilito nel paese che ogni uomo doveva possedere il suo patrimonio, laddove il re Harold aveva ridotto tutti in schiavitù, sia ricchi sia poveri. Eric non vide altra scelta se non quella di fuggire dal paese; così andò all’estero con Gunnhilda sua moglie e i loro figli.
Lord Arinbjorn era il fratello adottivo del re Eric e il padre adottivo di suo figlio. Era caro al re più di tutti i suoi baroni; il re lo aveva messo a capo di tutto il popolo di Firth. Arinbjorn era con il re quando questi lasciò il paese; essi andarono prima verso ovest, attraverso il mare aperto, fino alle Orcadi.
Lì Eric diede sua figlia Ragnhildr in sposa al conte Arnfinn. Dopodiché andò a sud con le sue forze lungo la costa della Scozia, e saccheggiò lì, di là ancora a sud verso l’Inghilterra, dove si diede a saccheggiare. E quando il re Athelstan lo seppe, raccolse le forze e andò contro Eric.
Quando s’incontrarono, raggiunsero un compromesso, e le condizioni furono che il re Athelstan avrebbe dato a Eric il governo del Northumberland; ed egli doveva essere per il re Athelstan il difensore della terra contro gli scozzesi e gli irlandesi. Athelstan aveva reso la Scozia tributaria sotto di lui dopo la morte di re Olaf ma quel popolo gli era costantemente sleale.
La storia racconta che Gunnhilda fece fare un incantesimo, secondo il quale Egil Skallagrimsson non avrebbe trovato riposo in Islanda finché lei non lo avesse visto.
Ma in quell’estate, quando Hacon ed Eric si erano incontrati e si erano contesi la Norvegia, tutti i viaggi verso qualsiasi terra dalla Norvegia erano proibiti; così in quell’estate non arrivarono in Islanda né navi né notizie dalla Norvegia.
Egil Skallagrimsson rimase a casa sua. Ma durante il secondo inverno che visse a Borg dopo la morte di Skallagrim, Egil divenne malinconico, e questo divenne più marcato man mano con il passare dell’inverno. E quando arrivò l’estate, Egil fece sapere che intendeva preparare la sua nave per un viaggio in estate.
Si procurò quindi un equipaggio. Intendeva navigare verso l’Inghilterra. Erano trenta uomini sulla nave. Asgerdr rimase indietro e si occupò della tenuta. Lo scopo di Egil era di cercare il re Athelstan e di mantenere la promessa che egli aveva fatto a Egil durante la loro ultima separazione.
Era tardi prima che Egil fosse pronto, e quando prese il mare, i venti lo ritardarono. Poi arrivò l’autunno e il tempo si fece duro. Navigarono oltre la costa settentrionale delle Orcadi. Egil non volle approdare lì, perché pensava che il potere di re Eric sarebbe stato supremo su tutte le isole.
Navigarono verso sud oltre la Scozia, ed ebbero grandi tempeste e venti trasversali. Superando la costa scozzese, proseguirono verso sud lungo l’Inghilterra, ma la sera di un giorno, quando si fece buio, soffiò una burrasca. Prima che se ne rendessero conto, i frangenti erano sia verso il mare sia davanti a loro. Non c’era altro da fare che raggiungere la terraferma, e così fecero. A vela corsero a riva e approdarono a Humber-mouth. Tutti gli uomini si salvarono e la maggior parte del carico, ma la nave fu fatta a pezzi.
Quando trovarono degli uomini con cui parlare, appresero queste notizie, che Egil ritenne buone, che con il re Athelstan tutto andava bene e con il suo regno; ma c’erano altre notizie che Egil ritenne pericolose, cioè che il re Eric Bloodaxe era lì con Gunnhilda, e avevano il governo della provincia, ed Eric era a poca distanza dal paese, nella città di York.
Egil seppe anche questo: che il signore Arinbjorn era lì con il re e in grande amicizia con lui.
E quando Egil venne a conoscenza di queste notizie, decise cosa fare. Pensava di avere poche speranze di fuggire, anche se avrebbe dovuto cercare di nascondersi e di travestirsi il più a lungo possibile finché non fosse stato fuori dai domini di Eric. Perché in quel momento era facilmente riconoscibile da coloro che lo avrebbero visto.
Egli pensava che il destino di un uomo meschino sarebbe stato quello di essere catturato in quella fuga. Così si fece coraggio e decise che subito, in quella stessa notte in cui sarebbero arrivati, avrebbe preso un cavallo e sarebbe andato in città. Egli Arrivò lì la sera ed entrò subito in città. Ora aveva un cappuccio calato sopra il suo elmo ed era armato di tutto punto. Egil chiese dove fosse alloggiato Arinbjorn in città. Gli fu detto. Lì cavalcò verso la casa.  Quando arrivò alla porta della sala, smontò da cavallo e trovò un uomo con cui parlare.
Gli fu detto che Arinbjorn era seduto a mangiare.
Egil disse: “Vorrei tanto, buon uomo, che tu andassi nella sala e chiedessi ad Arinbjorn se preferisce parlare con Egil Skallagrimsson fuori o dentro”.
L’uomo disse: “Non è che un piccolo problema per me fare questa commissione”.  Entrò nella sala e parlò ad alta voce: “C’è un uomo qui fuori davanti alla porta”, disse, “grande come un gigante, e mi ha pregato di entrare per chiedere se preferisci parlare con Egil Skallagrimsson fuori o dentro”.
Arinbjorn disse: “Va e pregalo di aspettare fuori, e non avrà bisogno di stare a lungo”.
Egli fece come Arinbjorn gli disse, uscì e disse ciò che gli era stato detto.  Arinbjorn ordinò di rimuovere le tavole; poi uscì e con lui tutti i suoi carli di casa. E quando Arinbjorn incontrò Egil, lo salutò bene e gli chiese perché fosse venuto lì. Egil, con poche parole, gli raccontò chiaramente il suo viaggio: “E ora vedrai quale consiglio dovrò prendere, se mi darai qualche aiuto”.
“Hai incontrato, ” disse Arinbjorn, “prima di venire in questa casa, qualche uomo in città che possa averti conosciuto?”
‘Nessuno’, disse Egil.
‘Che gli uomini prendano le loro armi’, disse Arinbjorn. Essi lo fecero. E quando tutti furono armati, andarono alla casa del re. E quando arrivarono alla sala, Arinbjorn bussò alla porta, chiedendo loro di aprire, dicendo chi era lì. I portieri aprirono subito la porta. Il re era seduto a tavola. Arinbjorn ordinò loro di andare in dodici, nominando per questo Egil e altri dieci.
‘Ora tu, Egil, porterai al re la tua testa e stringerai il suo piede, ma io sarò il tuo portavoce’. Poi entrarono. Arinbjorn andò davanti al re e lo salutò. Il re lo ricevette e gli chiese cosa volesse.
Arinbjorn disse: ‘Io conduco qui uno che ha fatto molta strada per cercarti al tuo posto e per riconciliarsi con te. Grande è quest’onore per te, mio signore, quando i tuoi nemici viaggiano di loro spontanea volontà da altre terre e ritengono di non poter sopportare la tua ira, anche se non sei neanche lontanamente vicino. Ora mostrati principesco a quest’uomo. Lascia che ti tratti bene, visto che egli ha così esaltato il tuo onore, come ora puoi vedere, sfidando molti mari e pericoli per venire qua da casa sua. Nessuna costrizione l’ha spinto a questo viaggio, nient’altro che buona volontà nei tuoi confronti.
Allora il re si guardò intorno e vide sopra le teste degli uomini, dove stava Egil. Il re lo riconobbe subito e, lanciandogli un’occhiata acuta, disse: “Come sei stato così audace, Egil, da osare di venire davanti a me? La tua ultima separazione da me è stata tale che non avresti potuto avere da me alcuna speranza di vita”.
Allora Egil salì al tavolo e strinse il piede del re.

Poi cantò:

‘Con venti di traverso lungo la crociera
Sono venuto sul mio cavallo d’onda,
Eric England il guardiano
Non vedo l’ora di vedere.
Ora padrone del colpo della ferita,
Essere senza paura di osare,
Quel forte filamento di Harold
Lignaggio robusto che incontro.’

Il re Eric disse: “Non ho bisogno di contare i crimini sulle tue mani, perché sono così tanti e grandi che ognuno di essi potrebbe ben giustificare che tu non vada via vivo. Non hai altro da aspettarti sennonché qui devi morire. Questo potevi saperlo prima, che non avresti avuto condizioni da me”.
Gunnhilda disse: “Perché non si uccide subito Egil? Non ricordi più, o re, che cosa Egil ha fatto a te: ha ucciso i tuoi amici e i tuoi parenti, sì, e persino il tuo stesso figlio, e ha maledetto te stesso? Dove mai si è saputo che un re sia stato trattato in questo modo?”
Arinbjorn disse: “Se Egil ha parlato male del re, ora può espiare con parole di lode che vivranno per tutti i tempi”.
Gunnhilda disse: ‘Non sentiremo nessuna delle sue lodi. O re, ordina che Egil sia condotto fuori e decapitato. Non ascolterò le sue parole né vederlo’.
Allora Arinbjorn disse: ‘Il re non si lascerà incitare a tutto il tuo lavoro vile. Non farà uccidere Egil di notte, perché l’uccisione notturna è un omicidio’.
Il re disse: ‘Così sarà, Arinbjorn, come tu chiedi. Egil vivrà questa notte’.
Portalo a casa con te e portamelo domattina.  Arinbjorn ringraziò il re per le sue parole: Speriamo, mio signore, che d’ora in poi la causa di Egil prenda una piega migliore. E anche se Egil ha commesso un grande torto nei tuoi confronti, considera che ha sofferto molto da te e dalla tua famiglia. 
Il re Harold, tuo padre, tolse la vita a Thorolf, un uomo rinomato, fratello del padre di Egil, per la calunnia di uomini cattivi, senza alcun crimine. E tu, o re, hai infranto la legge nel caso di Egil per amore di Bergonund; anzi, hai voluto condannarlo a morte, e hai ucciso i suoi uomini e saccheggiato tutti i suoi beni, e allo stesso tempo lo hai reso un fuorilegge e lo hai cacciato dal paese. Ed Egil è uno che non sopporta le prese in giro. E in ogni causa in giudizio si deve considerare l’atto con le sue ragioni. Ora terrò Egil in custodia per la notte.
Allora Arinbjorn ed Egil tornarono alla casa, e quando entrarono in una piccola stanza al piano superiore parlarono della questione. Arinbjorn disse: “Il re poco fa era molto adirato, ma credo che il suo umore si sia ammorbidito prima della fine, e la fortuna deciderà ora quale potrebbe essere il risultato. So che Gunnhilda s’impegnerà completamente a rovinare la tua causa. Ora vorrei che prendessimo questo consiglio: che tu stia sveglio tutta la notte e componga una canzone di lode a re Eric. Penso che sia meglio che sia un poema di venti strofe, e che tu possa recitarlo domani, quando saremo al cospetto del re. Così fece Bragi, il mio parente, quando era sotto l’ira di Bjorn, re di Svezia; compose un poema di lode su di lui in una notte, e per questo salvò la sua testa. Ora possiamo anche avere la stessa fortuna con il re, affinché tu possa fare la pace con lui, se puoi offrirgli il poema di lode”.

Egil disse: “Proverò questo consiglio che desideri, ma era l’ultima cosa che intendevo fare, cantare lodi di re Eric”.  Arinbjorn lo pregò di provare. Poi Arinbjorn se ne andò e fece portare cibo e bevande nella stanza superiore. Egil rimase lì da solo per la notte. Arinbjorn andò dai suoi uomini e rimasero a bere fino a mezzanotte. Poi Arinbjorn e i suoi uomini andarono nelle camere da letto, ma prima di spogliarsi salì nella stanza da Egil e gli chiese come stava procedendo con la poesia.
Egil rispose che niente era stato fatto. ‘Qui’, disse, ‘si è fermata una rondine alla finestra e ha cinguettato tutta la notte, così che non ho mai avuto riposo per quello stesso’.
Allora Arinbjorn se ne andò e uscì dalla porta che portava al tetto della casa, e si sedette alla finestra della stanza superiore, dove l’uccello si era fermato prima. Vide che qualcosa di una forma di strega che si allontanò dal tetto. Arinbjorn rimase alla finestra tutta la notte fino all’alba.  Ma dopo che Arinbjorn fu arrivato lì, Egil compose tutta la poesia, e la imparò così a memoria da poterla recitare al mattino quando avrebbe incontrato Arinbjorn.
Essi attesero il momento opportuno per andare davanti al re.

CAPITOLO LXIII
Egil recita la poesia

Il re Eric andò a mangiare secondo il suo solito, e molta gente era con lui. E quando Arinbjorn lo seppe, andò con tutti i suoi seguaci completamente armati fino al palazzo del re, mentre il re sedeva a tavola. Arinbjorn chiese di entrare nella sala; gli fu concesso. Lui ed Egil entrarono con metà dei suoi seguaci, ma l’altra metà rimase fuori davanti alla porta.
Arinbjorn salutò il re; il re lo accolse bene.
Arinbjorn parlò: ‘Ecco ora arriva Egil. Non ha cercato di fuggire nella notte. Né vorremmo sapere, mio signore, quale sarà la sua sorte. Spero che gli lascerai trarre profitto dalle mie parole, perché ritengo che sia di grande importanza per me che Egil ottenga condizioni da te. Ho agito così (com’era giusto) che non ho risparmiato nulla, né a parole né a fatti, per rendere il tuo onore più grande di prima. Ho anche abbandonato tutti i miei possedimenti, parenti e amici che avevo in Norvegia e ti ho seguito quando tutti gli altri baroni ti hanno abbandonato; e qui faccio ciò che è giusto, perché tu mi hai fatto spesso un gran bene”.
Allora Gunnhilda disse: “Smettila, Arinbjorn, e non parlare così a lungo di questo. Tu hai fatto molto bene al re Eric, ed egli l’ha pienamente ricompensato. Tu devi molto più dovere verso il re Eric che verso Egil. Non sta a te chiedere che Egil se ne vada impunito dalla presenza di re Eric, visti i crimini che ha commesso”.

Allora Arinbjorn disse: “Se tu, o re, e tu Gunnhilda, se voi due avete deciso che Egil qui non avrà condizioni, allora questo è il modo più virile di dargli tregua e lasciarlo andare per una settimana, in modo che possa badare a se stesso; di sua spontanea volontà in ogni modo è venuto qua a cercarti, e quindi sperava nella pace. Dopodiché, fatto questo, che i vostri rapporti insieme finiscano come possono”.
Gunnhilda disse: “Bene, Arinbjorn, posso capire da questo che tu sei più fedele a Egil che al re Eric. Se Egil deve cavalcare per una settimana, allora in questo tempo andrà dal re Athelstan. Ora il re Eric non può nascondere a se stesso che ogni re è più forte di lui, mentre poco tempo fa si riteneva incredibile che il re Eric non avesse la volontà e l’energia per vendicare i suoi torti su uno come Egil”.

Disse Arinbjorn: “Nessuno chiamerà Eric un uomo più grande per aver ucciso il figlio di un yeoman, uno straniero, che si è liberamente messo alla sua mercé. Ma se il re vuole raggiungere la grandezza in questo modo, allora lo aiuterò in questo, in modo che queste notizie siano ritenute più degne di menzione; poiché io ed Egil ora ci sosterremo a vicenda, in modo da doverci affrontare entrambi in una sola volta. Allora, o re, comprerai a caro prezzo la vita di Egil, quando giaceremo tutti morti sul campo, io e i miei seguaci. Ben altro trattamento avrei dovuto aspettarmi da te, sennonché tu preferissi vedermi steso a terra morto piuttosto che concedermi la grazia che chiedo ardentemente della vita di un uomo”.
Allora il re rispose: “Sei un campione meravigliosamente zelante, Arinbjorn, in questo tuo aiuto a Egil. Non voglio farti del male, se si arriva a questo punto, anche se tu preferisci dare la tua vita piuttosto che lui sia ucciso. Ma sono sufficienti le accuse contro Egil, qualunque cosa io faccia con lui”.
E quando il re ebbe detto questo, allora Egil avanzò davanti a lui e iniziò il drápa, e recitò a voce alta, e subito ottenne il silenzio.

Drapa – Una forma di versi eroici e lodevoli nell’antico islandese, popolare tra il X e il XIII secolo e con un ritornello.

NdR – La poesia scaldica: La poesia scaldica è stata scritta in varianti e dialetti dell’antico norvegese . Tecnicamente, il verso era di solito una forma di verso allitterativo e quasi sempre usava la strofa dróttkvætt (nota anche come Corte o Misuratore Lord ). Dróttkvætt è effettivamente una forma di otto righe, e ogni coppia di righe è una singola riga originale lunga che è convenzionalmente scritta come due righe.

Queste sono forme di poesia scaldica:

Da Wiki.

Data la difficoltà del poema, anche per gli stessi Inglesi,

 lascio inalterata la traduzione on line.

 Salvataggio della testa.

1.

‘Westward I sailed the wave,

Within me Odin gave

The sea of song I bear

(So ‘tis my wont to fare):

I launched my floating oak

When loosening ice−floes broke,

My mind a galleon fraught

With load of minstrel thought.

1.

‘Verso ovest ho navigato l’onda,

Dentro di me Odino ha dato

Il mare della canzone che porto

(Così è mia abitudine fare):

Ho lanciato la mia quercia galleggiante

Quando il ghiaccio che si scioglie si è rotto,

La mia mente un galeone carico

con un carico di pensieri da menestrello.

2.

‘A prince doth hold me guest,

Praise be his due confess’d:

Of Odin’s mead let draught

In England now be quaff’d.

Laud bear I to the king,

Loudly his honour sing;

Silence I crave around,

My song of praise is found.

2.

Un principe mi tiene ospite,

L’elogio gli è dovuto:

Dell’idromele di Odino lasciate tracannare

In Inghilterra ora si beve.

porto la lode al re,

e canterò a voce alta il suo onore;

Chiedo silenzio intorno,

Il mio canto di lode si trova.

3.

‘Sire, mark the tale I tell,

Such heed beseems thee well;

Better I chaunt my strain,

If stillness hush’d I gain.

The monarch’s wars in word

Widely have peoples heard,

But Odin saw alone

Bodies before him strown.

3.

Sire, guardate la storia che vi racconto,

Tale attenzione ti conviene;

Meglio che io mi dia da fare,

se la quiete mi fa tacere.

Le guerre del monarca a parole

I popoli hanno sentito ampiamente,

ma Odino ha visto solo

I corpi davanti a lui sono stati gettati.

4.

‘Swell’d of swords the sound

Smiting bucklers round,

Fiercely waxed the fray,

Forward the king made way.

Struck the ear (while blood

Streamed from glaives in flood)

Iron hailstorm’s song,

Heavy, loud and long.

4.

Il suono delle spade è gonfio

Colpendo scudi intorno,

la mischia aumentava ferocemente,

Il re si fece strada.

Colpì l’orecchio (mentre il sangue

sgorgava dai coltelli a fiotti)

Il canto della grandine di ferro,

pesante, forte e lungo.

5.

‘Lances, a woven fence,

Well−ordered bristle dense;

On royal ships in line

Exulting spearmen shine.

Soon dark with bloody stain

Seethed there an angry main,

With war−fleet’s thundering sound,

With wounds and din around.

5.

‘Lance, un recinto intrecciato,

ben ordinata setola densa;

Sulle navi reali in fila

Esultanti lancieri brillano.

Presto buio con macchie insanguinate

si è riversato un fiume di rabbia,

con il fragore della flotta da guerra,

con ferite e frastuono intorno.

6.

‘Of men many a rank

Mid showering darts sank:

Glory and fame

Gat Eric’s name.

6.

‘Di uomini molti un rango

tra i dardi che piovevano:

Gloria e fama

Il nome di Eric.

7.

‘More may yet be told,

An men silence hold:

Further feats and glory,

Fame hath noised in story.

Warriors’ wounds were rife,

Where the chief waged strife;

Shivered swords with stroke

On blue shield−rims broke.

7.

‘Più può ancora essere detto,

e il silenzio degli uomini:

Altre imprese e gloria,

La fama ne ha parlato nella storia.

Le ferite dei guerrieri erano abbondanti,

Dove il capo combatteva;

Le spade tremolanti con un colpo

Sui bordi dello scudo blu si ruppe.

8.

‘Breast−plates ringing crashed,

Burning helm−fire flashed,

Biting point of glaive

Bloody wound did grave.

Odin’s oaks (they say)

In that iron−play

Baldric’s crystal blade

Bowed and prostrate laid.

8.

Le piastre del petto risuonavano e si schiantavano,

Il fuoco dell’elmo che bruciava lampeggiava,

La punta mordente della gladio

Ferita sanguinosa ha fatto grave.

Le querce di Odino (dicono)

In quel gioco di ferro

La lama di cristallo di Baldric

Si piegò e si prostrò.

9.

‘Spears crossing dashed,

Sword−edges clashed:

Glory and fame

Gat Eric’s name.

9.

‘Lance che si incrociano tratteggiate,

Punte di spada scontrate:

Gloria e fama

Gat il nome di Eric.

10.

‘Red blade the king did wield,

Ravens flocked o’er the field.

Dripping spears flew madly,

Darts with aim full deadly.

Scotland’s scourge let feed

Wolf, the Ogress’ steed:

For erne of downtrod dead

Dainty meal was spread.

10.

Il re brandiva una lama rossa,

I corvi si affollavano sul campo.

Lance gocciolanti volavano all’impazzata,

Dardi con mira mortale.

Il flagello della Scozia ha lasciato che si nutrisse

Lupo, il destriero dell’Orsa:

Per uno dei morti di downtrod

Un pasto delizioso è stato distribuito

11.

‘Soared battle−cranes

O’er corse−strown lanes,

Found flesh−fowl’s bill

Of blood its fill.

While deep the wound

He delves, around

Grim raven’s beak

Blood−fountains break.

11.

Le gru da battaglia salirono

Sui vicoli coperti di corse,

“Ho trovato il becco di un pollo in carne e ossa

di sangue.

Mentre la ferita è profonda

Egli scava, intorno

Il becco del corvo triste

Le fontane di sangue si rompono.

12.

‘Axe furnished feast

For Ogress’ beast:

Eric on the wave

To wolves flesh−banquet gave.

12.

Festa arredata con l’ascia

Per la bestia di Ogress:

Eric sull’onda

Ai lupi ha dato un banchetto di carne.

13.

‘Javelins flying sped,

Peace affrighted fled;

Bows were bent amain,

Wolves were battle−fain:

Spears in shivers split,

Sword−teeth keenly bit;

Archers’ strings loud sang,

Arrows forward sprang.

13.

‘I giavellotti volavano spediti,

La pace fuggì spaventata;

Gli archi erano piegati all’infinito,

I lupi si sono spaventati in battaglia:

Le lance si spaccavano in un brivido,

I denti delle spade mordevano acutamente;

Le corde degli arcieri cantavano forte,

Le frecce scoccavano in avanti.

14.

‘He back his buckler flings

From arm beset with rings,

Sword−play−stirrer good,

Spiller of foemen’s blood.

Waxing everywhere

(Witness true I bear),

East o’er billows came

Eric’s sounding name.

14.

‘Egli scaglia indietro il suo scudo

Dal braccio assediato di anelli,

“buon incantatore di spade,

e sparge il sangue dei nemici.

Cera dappertutto

(testimone vero io porto),

L’est, oltre i flutti, giunse

Il nome di Eric che suona.

15.

‘Bent the king his yew,

Bees wound−bearing flew:

Eric on the wave

To wolves flesh−banquet gave.

15.

Il re piegò il suo tasso,

Le api che portavano ferite volavano:

Eric sull’onda

Ai lupi ha dato un banchetto di carne.

16.

‘Yet to make more plain

I to men were fain

High−soul’d mood of king,

But must swiftly sing.

Weapons when he takes,

The battle−goddess wakes,

On ships’ shielded side

Streams the battle−tide.

16.

Ma per far più chiaro

io a l’uom feci volentieri

l’animo alto del re,

ma devo cantare in fretta.

Armi quando egli prende,

La dea della battaglia si sveglia,

Sul lato protetto delle navi

scorre la marea della battaglia.

17.

‘Gems from wrist he gives,

Glittering armlets rives:

Lavish ring−despiser

Loves not hoarding miser.

Frodi’s flour of gold

Gladdens rovers bold;

Prince bestoweth scorning

Pebbles hand−adorning.

17.

‘Gemme dal polso dà,

rivesta i braccialetti scintillanti:

Il sontuoso dispregiatore di anelli

non ama l’avaro accaparratore.

La farina d’oro di Frodi

Gladdens rovers audace;

Il principe dona con disprezzo

ciottoli che adornano le mani.

18.

‘Foemen might not stand

For his deathful brand;

Yew−bow loudly sang,

Sword−blades meeting rang.

Lances aye were cast,

Still he the land held fast,

Proud Eric prince renowned;

And praise his feats hath crowned.

18.

Gli uomini non possono sopportare

per il suo marchio mortale;

L’arco di tasso cantava forte,

Le lame di spada si riunivano.

Le lance furono lanciate,

ma lui teneva ancora la terra,

L’orgoglioso principe Eric era famoso;

E la lode delle sue gesta ha coronato.

19.

‘Monarch, at thy will

Judge my minstrel skill:

Silence thus to find

Sweetly cheered my mind.

Moved my mouth with word

From my heart’s ground stirred,

Draught of Odin’s wave

Due to warrior brave.

19.

Monarca, a tuo voler

giudica la mia abilità di menestrello:

Il silenzio così trovare

dolcemente allietò la mia mente.

Mossa la bocca mia con parola

da terra del mio cor mosse,

“L’onda di Odino, che mi ha portato via…

dovuto al guerriero coraggioso

20.

‘Silence I have broken,

A sovereign’s glory spoken:

Words I knew well−fitting

Warrior−council sitting.

Praise from heart I bring,

Praise to honoured king:

Plain I sang and clear

Song that all could hear.’

20.

Ho rotto il silenzio,

la gloria di un sovrano ha parlato:

Parole che conoscevo bene

Seduta del consiglio dei guerrieri.

Lode dal cuore porto,

Lode all’onorato re:

Pianura ho cantato e chiaro

Canzone che tutti potevano sentire”.


CAPITOLO LXIV
La vita di Egil gli è data

Il re Eric stava in piedi mentre Egil recitava la poesia, e lo guardò intensamente. E quando il canto di lode fu finito, il re disse: “Il poema è stato recitato molto bene; e ora, Arinbjorn, ho deciso la controversia tra me ed Egil, come deve andare. Tu hai perorato la causa di Egil con grande veemenza, dal momento che offrì di rischiare un conflitto con me. Ora farò per te ciò che hai chiesto, lasciando che Egil esca dalla mia terra sano e salvo.
Ma tu, Egil, affretta la tua partenza in modo che, dopo aver lasciato la mia presenza e questa sala, tu non venga mai più sotto gli occhi miei e dei miei figli e non sia mai più d’intralcio a me o alla mia gente. Ma questa volta ti do la tua testa per questa ragione, perché sei entrato liberamente in mio potere. Non farò su di te nessun atto ignobile; ma sappi che questo non è una riconciliazione con me o con i miei figli o con qualcuno dei nostri parenti che vorranno vendicarsi”.

Poi cantò Egil:

‘Loth am I in nowise,

Though in features loathly,

Helm−capt head in pardon

From high king to take

Who can boast that ever

Better gift he won him,

From a lordly sovereign’s

Noble−minded son?’

‘Non sono in alcun modo contento,

anche se in sembianze detestabili,

la testa di elmo in perdono

dall’alto re per prendere

Chi può vantarsene mai

Regalo migliore che gli ha vinto

Da un nobile sovrano

Figlio dalla mente nobile?

Arinbjorn ringraziò il re con molte belle parole per l’onore e l’amicizia che gli aveva mostrato. Poi loro due, Arinbjorn ed Egil, tornarono a casa di Arinbjorn. Dopo di che Arinbjorn fece preparare i cavalli per i suoi uomini. Partì con Egil e con lui cento uomini armati di tutto punto. Arinbjorn cavalcò con quell’esercito finché non giunsero dal re Athelstan, dove furono ben accolti.
Il re chiese a Egil di rimanere con lui e chiese come era andata tra lui e il re Eric.

Allora Egil cantò:

‘Egil his eyes black−browed

From Eric, raven’s friend,

Welcomed. Wise help therein

Wife’s loyal kin lent.

My head, throne of helmet,

An heritage noble,

As erst, from rough rainstorm

To rescue I knew.’

‘Egil i suoi occhi dalle sopracciglia nere

Da Eric, amico del corvo,

Accolto. Saggio aiuto in questo

La fedele parente della moglie ha prestato.

La mia testa, trono di elmo,

Una nobile eredità,

come un tempo, da un’aspra tempesta

Per salvarmi sapevo”.

Quando Arinbjorn ed Egil si separarono, Egil diede ad Arinbjorn i due anelli d’oro che il re Athelstan gli aveva dato, ognuno dei quali pesava un marco. E Arinbjorn diede a Egil la spada chiamata Dragvandill. Questa era stata data ad Arinbjorn da Thorolf Skallagrimsson; ma prima Skallagrim l’aveva ricevuta da Thorolf suo fratello; ma a Thorolf la spada era stata data da Grim Shaggy-skin, figlio di Kettle Hæing. Kettle Hæing aveva posseduto la spada e l’aveva usata nei suoi singoli combattimenti, e non c’era spada più mordace.
Egil e Arinbjorn si separarono con molto affetto. Arinbjorn tornò a casa da re Eric a York, con i compagni di Egil e i marinai della nave, essi si trovarono in pace e smaltirono il loro carico sotto la protezione di Arinbjorn.
Ma con il passare dell’inverno si spostarono a sud, in Inghilterra, e si unirono a Egil.

CAPITOLO LXV
Egil va in Norvegia

C’era un barone in Norvegia di nome Eric Allwise. Sposò Thora, figlia del signor Thorir, sorella di Arinbjorn. Possedeva delle proprietà a est di Vik. Era un uomo molto ricco, molto onorato, di lungimiranza profetica. Il figlio di Eric e Thora era Thorstein; era cresciuto con Arinbjorn, ed era ormai adulto, anche se abbastanza giovane. Era andato a ovest in Inghilterra con Arinbjorn.
Nella stessa estate in cui Egil era arrivato in Inghilterra, dalla Norvegia giunsero notizie che Eric Allwise era morto, e gli amministratori del re avevano preso la sua eredità e la rivendicavano per il re.
Quando Arinbjorn e Thorstein sentirono queste notizie, decisero che Thorstein dovesse andare a est e occuparsi dell’eredità. Quando arrivò la primavera e gli uomini prepararono le loro navi per viaggiare di terra in terra, Thorstein andò a sud, a Londra, e lì trovò il re Athelstan.
Egli presentò le credenziali e un messaggio di Arinbjorn al re e anche per Egil, affinché fosse il suo avvocato presso il re, in modo che il re Athelstan potesse inviare un messaggio da parte sua al re Hacon, suo figlio adottivo, consigliando che Thorstein avrebbe dovuto ottenere la sua eredità e i suoi possedimenti in Norvegia. Il re Athelstan fu facilmente persuaso a questo, perché Arinbjorn era conosciuto per bene. Poi anche Egil venne a parlare con il re Athelstan e gli disse la sua intenzione.
Quest’estate”, disse, “desidero andare verso est in Norvegia e occuparmi dei beni di cui il re Eric e Bergonund mi hanno tolto. Atli il Breve, il fratello di Bergonund, ne è ora in possesso. “So che, se si aggiungerà un tuo messaggio, otterrò i miei diritti in questa faccenda”.
Il re disse che Egil sarebbe dovuto andare a governare i suoi possedimenti.
“Ma sarebbe meglio”, disse, “che tu stessi con me e fossi nominato difensore della mia terra e comandassi il mio esercito. Ti promuoverò con grande onore”.
Egil rispose: “Quest’offerta mi sembra la più desiderabile da prendere. Dirò sì e non no. Ma prima devo andare in Islanda e occuparmi di mia moglie e la proprietà che ho lì”.
Il re Athelstan diede allora a Egil una buona nave mercantile e un carico con essa; c’erano a bordo grano e miele, e molto denaro in altre merci. E quando Egil preparò la sua nave per il mare, il figlio di Thorstein Eric stabilì di andare con lui, quello di cui si è parlato prima, che fu poi chiamato il figlio di Thora. E quando furono pronti salparono, il re Athelstan ed Egil si separarono con la più grande amicizia.
Egil e la sua compagnia fecero un viaggio prospero; giunsero in Norvegia verso est, a Vik, e navigarono con la loro nave fino all’Osloar-firth. Sulla terraferma Thorstein aveva dei possedimenti, e anche verso l’interno fino a Raumarik. E quando Thorstein sbarcò lì, porse la sua rivendicazione alla proprietà del padre agli amministratori che si erano stabiliti nella sua fattoria.
Molti sostennero Thorstein in questa faccenda, fu tenuta una riunione a questo proposito, Thorstein aveva lì molti parenti di fama. Alla fine la questione fu sottoposta alla decisione del re, Thorstein nel frattempo prese in custodia i beni di suo padre. Per l’alloggio invernale Egil andò da Thorstein con altri undici. Nella casa di Thorstein furono trasferiti il grano e il miele; un periodo felice di esso hanno avuto quell’inverno.
Thorstein teneva la casa grandiosamente, perché le provviste erano in abbondanza.

CAPITOLO LXVI
Egil e Thorstein vanno davanti al re

Il figlio adottivo di re Hacon Athelstan allora governava la Norvegia, com’era stato detto prima. Quell’inverno il re tenne la corte nel nord, a Throndheim. Ma con il passare dell’inverno, Thorstein partì per il suo viaggio ed Egil con lui, e avevano una trentina di uomini.
Quando furono pronti, andarono per la prima volta a Upland, da lì poi verso nord, attraverso il Dovrefell, fino a Throndheim, dove si presentarono al re Hacon.  Dichiararono la loro commissione con il re. Thorstein spiegò la sua causa e presentò dei testimoni che dichiararono che lui era il legittimo proprietario di tutta l’eredità che rivendicava.
Il re accolse bene la questione e permise che Thorstein ottenesse i suoi beni, e con ciò fu fatto barone del re proprio come lo era stato suo padre. Anche Egil andò davanti al re Hacon e dichiarò la sua missione, consegnando il messaggio e le credenziali del re Athelstan. Egil rivendicò le proprietà che erano appartenute a Bjorn Yeoman, terre e beni mobili. Metà di questa proprietà rivendicava per sé e per Asgerdr sua moglie; e offrì prove e testimonianze alla sua causa.
Disse anche che aveva messo tutto questo davanti al re Eric, aggiungendo che allora non aveva ottenuto la legge, a causa del potere del re Eric e dell’avversione di Gunnilda.
Egil espose l’intera causa che era stata tentata al Gula-thing. Quindi pregò il re di concedergli la giustizia in questa materia.
Re Hacon rispose: “Ho sentito dire che mio fratello Eric e con lui Gunnilda affermano entrambi che tu, Egil, hai gettato una pietra oltre le tue forze nei tuoi rapporti con loro. Ora, mi sembra, anche se io ed Eric non abbiamo la fortuna di essere d’accordo, tuttavia potresti essere ben contento se non dovessi fare nulla in questa causa”.
Egil disse: ‘Tu non puoi, o re, tacere su cause così grandi, perché tutti gli uomini qui nel paese, nativi o stranieri, devono dare ascolto ai tuoi ordini o ai tuoi divieti. Ho sentito che tu stabilisci qui nella terra la legge e il diritto per tutti. Ora so che mi permetterai di ottenerli come gli altri uomini. Penso di aver abbastanza lignaggio e di avere parenti in questo paese da vincere proprio contro Atli il Corto. Ma per quanto riguarda la causa tra me e il re Eric, c’è questo da dirti che sono andato da lui e quando siamo lasciati, mi ha permesso di andare in pace dove volevo.
Io ti offrirò, mio ​​signore, il mio seguito e il mio servizio. So che ci saranno qui con te uomini ai quali non si può pensare in alcun modo di avere un aspetto più marziale di me.  Il mio presentimento è che non passerà molto tempo prima che tu e il re Eric v’incontriate, se vivrete entrambi. E mi stupirei se tu non arrivassi allora a pensare che Gunnhilda abbia partorito troppi figli”.
Il re disse: ‘Non diventare, Egil, il mio vassallo. I tuoi parenti hanno scavato troppe fessure nella nostra casa perché sia ​​bene che tu ti stabilisca qui in questa terra. Va ‘in Islanda e rimani lì sull’eredità di tuo padre. Nessun danno ti toccherà dai nostri parenti; ma in questa terra bisogna cercare che per tutti i tuoi giorni i nostri parenti saranno i più potenti.
Tuttavia, per il bene del re Atelstan, mio ​​padre adottivo, tu avrai pace qui nel paese, e avrai diritto alla terra, perché so che lui ti è molto caro.
Egil ringraziò il re per le sue parole e pregò che il re gli desse dei segni sicuri a Thord di Aurland o ad altri baroni a Sogn e Hordaland.
Il re ha disse che questo doveva essere fatto.

CAPITOLO LXVII
Egil uccide Ljot il Pale

Thorstein ed Egil si prepararono per il viaggio non appena ebbero finito i loro affari. E quando giunsero a sud, oltre il Dovre-fell, Egil disse che sarebbe sceso a Raumsdale, e poi a sud, attraverso il sound. “Finirò i miei affari a Sogn e Hordaland, perché in estate vorrei portare la mia nave in Islanda”, disse.
Thorstein lo pregò di sistemare il suo viaggio come voleva. Così Thorstein ed Egil si separarono. Thorstein andò a sud, lungo le valli, fino a raggiungere le sue proprietà. Lì esibì le certificazioni del re e il suo messaggio davanti agli amministratori, che dovevano rinunciare a tutte le proprietà che avevano preso e che Thorstein rivendicava. Nessuno si oppose, ed egli prese tutte le sue proprietà.
Egil andò per la sua strada, erano dodici in tutto. Arrivarono a Raumsdale, lì ottennero il loro trasporto e poi andarono a sud verso Mæri. Nulla è detto del loro viaggio prima che arrivassero all’isola chiamata Hod, e andassero a passare la notte in una fattoria chiamata Bindheim.
Si trattava di una fattoria benestante, in cui abitava un barone di nome Fridgeir. Era giovane e aveva da poco ereditato la proprietà di suo padre. Sua madre si chiamava Gyda; era una sorella di lord Arinbjorn, una donna di nobile presenza e ricca. Gestiva la casa per suo figlio Fridgeir: vivevano in grande. Lì Egil e la sua compagnia trovarono buona accoglienza. La sera Egil sedeva accanto a Fridgeir, e i suoi compagni di sotto. C’erano molte bevande e sontuose pietanze.
Gyda, la padrona di casa, la sera parlò un po’ con Egil. Chiese informazioni su Arinbjorn, suo fratello, e su altri suoi parenti e amici che erano andati in Inghilterra con Arinbjorn. Egil rispose alle sue domande. Lei chiese quali notizie Egil avrebbe potuto raccontare durante il suo viaggio. Lui gliele disse in dettaglio.

Poi cantò:

‘Cupo su di me lo sguardo torvo
In raccapricciante ira un re:
Ma cuculo sviene e non fallisce
Per l’avvoltoio che sbatte vicino.
Aiuto buono da Arinbjorn,
Come spesso, e la pace ricevo.
Non cadono chi sono amici veri
Aiutano a proseguire il suo cammino’.

Quella sera Egil era molto allegro ma Fridgeir e la sua famiglia erano piuttosto silenziosi. Egil vide una fanciulla bella e ben vestita; gli fu detto che era la sorella di Fridgeir. La fanciulla era triste e pianse continuamente quella sera, il che fu ritenuto strano.
Rimasero lì per la notte, ma il mattino il vento soffiava forte e non si poteva prendere il largo. Avevano bisogno di una barca che li portasse via dall’isola. 
Allora Fridgeir e con lui Gyda andarono da Egil e offrirono a lui e ai suoi compagni di restare lì fino a quando il tempo fosse stato buono per viaggiare e poi avrebbero offerto loro l’aiuto necessario per il viaggio.
Egil accettò. Rimasero lì per tre notti, legati alle intemperie intrattenuti in modo ospitale. Dopo di che il tempo divenne calmo.
Allora Egil e i suoi uomini si alzarono presto la mattina e si prepararono; poi andarono a mangiare, e fu data loro da bere della birra, e si sedettero per un po’. Poi presero i loro vestiti. Egil si alzò e ringraziò il padrone e la padrona di casa per il loro intrattenimento; poi uscirono.
Il padrone e sua madre uscirono sul sentiero con loro. Gyda andò poi a parlare con suo figlio Fridgeir, e parlò a bassa voce con lui, mentre Egil stava in piedi e li aspettava.
Egil disse alla fanciulla: ‘Perché piangi, fanciulla? Non ti vedo mai felice”. Lei non poté rispondere, ma pianse ancora di più. Fridgeir disse ora a sua madre ad alta voce: “Non voglio chiedere questo. Sono già pronti per il viaggio”.
Allora Gyda andò da Egil e disse: “Ti dirò, Egil, come stanno le cose qui da noi. C’è un uomo chiamato Ljot il Pallido. E’ un Berserk e un duellante; è odiato. Venne qui e chiese in moglie mia figlia; ma noi rispondemmo subito, rifiutando la proposta. Allora ha sfidato mio figlio Fridgeir a una scommessa di battaglia; ed egli deve andare domani a questo combattimento sull’isola chiamata Vors. Ora io desideravo, Egil, che tu andassi al duello con Fridgeir.
Se Arinbjorn fosse qui nel paese, sarebbe presto dimostrato che non dovremmo sopportare la prepotenza di un tipo come Ljot”.
Egil disse: “Non è che il mio dovere, signora, per il bene di Arinbjorn, il tuo parente, che io vada, se Fridgeir ritiene che questo gli sia di qualche aiuto”.
“Qui faresti meglio”, disse Gyda. Quindi torneremo nella sala e staremo tutti insieme per tutto il giorno”.
Allora Egil e gli altri andarono nella sala e bevvero. Rimasero lì per tutto il giorno. Ma la sera arrivarono gli amici di Fridgeir che avevano deciso di andare con lui, e ci fu una numerosa compagnia per la notte e un grande banchetto. Il giorno dopo Fridgeir si preparò a partire, e molti con lui, Egil era uno di loro. Il tempo era buono per viaggiare.
Partirono e presto arrivarono all’isola. C’era una bella pianura vicino al mare, che doveva essere il luogo del combattimento. Il terreno era delimitato da pietre disposte ad anello.
Presto giunsero Ljot e il suo gruppo. E si preparò per il duello. Aveva scudo e spada. Ljot era un uomo grande e forte. E mentre avanzava sul campo verso il terreno di combattimento, un impeto di furia Berserk lo colse; cominciò a urlare orribilmente, e morse il suo scudo.
Fridgeir non era un uomo alto; era di corporatura esile, di viso grazioso, non forte. Non era abituato ai combattimenti.
Ma quando Egil vide Ljot,

cantò un pentagramma:

‘Non si addice al giovane Fridgeir
A combattere con questo guerriero,
Cupo rodere l’orlo dello scudo,
Per i suoi dei che maledice.
Io posso incontrarlo meglio,
Posso salvare la fanciulla;
Pienamente spaventoso lui fissa
Eppure “folletti” sono i suoi occhi.’

Ljot vide dove stava Egil e sentì le sue parole. Disse: “Vieni qua, grande uomo, al leccio, e combatti con me, se lo desideri. Questo è un combattimento molto più equo di quello che dovrei fare con Fridgeir, perché non mi riterrò affatto uomo più grande, anche se lo stendessi sulla terra”.

Allora cantò Egil:

‘Ljot chiede poco,
Non vorrei mai respingerlo.
Pallido essere, la mia mano flessibile
giocherà sulla sua posta.
Vieni, ci prepariamo al combattimento;
Non aspettarti quartiere:
Agitatore di conflitti, in Mæri
Ora ti taglio lo scudo di poppa.’

Dopo questo Egil si preparò per il combattimento con Ljot. Egil aveva lo scudo che era solito avere, era cinto con la spada che chiamava Adder, ma in mano aveva Dragvandill. Entrò oltre il confine che segnava il campo di battaglia ma Ljot non era ancora pronto.

Egil agitò la spada e cantò:

‘Fenderemo con l’impugnatura magica scintillante
Colpisci lo scudo con il falcione,
Testiamo i bersagli pazzi
Tingiamo di sangue la spada rossa.
Ljot dalla vita sia separato,
Un gioco basso e severo lo stenderà,
e il cercatore di liti si acquieterà:
Venite, aquile, alla vostra preda’.

Allora Ljot si fece avanti sul campo e dichiarò le regole del combattimento, che avrebbe dovuto portare per sempre il nome di vigliacco chi si fosse ritirato al di fuori delle pietre di confine che erano disposte ad anello intorno al campo di battaglia.
Fatto questo, si serrarono, ed Egil sferrò un colpo a Ljot, che Ljot parò con il suo scudo ma Egil sferrò un colpo dopo l’altro così velocemente che Ljot non ebbe alcuna possibilità di rispondere con un colpo. Si ritirò per avere spazio per un colpo ma Egil lo inseguì con la stessa rapidità, sferrando colpi con tutto il suo vigore.
Ljot uscì oltre le pietre di confine, lontano nel campo. Così finì il primo incontro. Poi Ljot chiese di riposare. Egil lasciò fare. Si fermarono quindi e si riposarono.

Ed Egil cantò:

‘Donatore d’oro generoso,
Torna indietro, campione,
In vile paura si accovaccia
Questo essere assetato di ricchezza.
Non combatte fortemente gli spadaccini
I suoi colpi che tarda.
battuto da una testa calva
Questo parassita vanitoso fugge.’

Queste erano le leggi delle scommesse di battaglia in quei tempi, che quando un uomo sfidava un altro per qualsiasi causa, e lo sfidante otteneva la vittoria, allora doveva avere come premio di vittoria quello che aveva rivendicato nella sua sfida. Ma se fosse stato sconfitto, avrebbe dovuto pagato come riscatto le ricchezze che erano state stipulate. Se invece veniva ucciso sul campo, perdeva tutti i suoi beni, e chi lo uccideva in combattimento, si prendeva la sua eredità.
Questa era anche la legge: se moriva uno straniero che non aveva eredi nel paese, l’eredità andava al tesoro del re.
E ora Egil disse a Ljot di tenersi pronto.
“Voglio”, disse, “che ora proviamo fino in fondo questo combattimento”.
Ljot scattò rapidamente in piedi. Egil balzò su di lui e gli assestò subito un colpo. Lo pressò così da vicino che fu spinto indietro e lo scudo si spostò davanti a lui. Allora Egil colpì Ljot, e il colpo gli arrivò sopra il ginocchio, staccandogli la gamba. Ljot cadde e presto morì.
Poi Egil andò dove si trovavano Fridgeir e il suo gruppo. Fu ringraziato di cuore per questo lavoro.

Poi cantò Egil:

“Caduto giace il mangiatore di lupi”,
Ripugnante lavoratore di malaffare:
La gamba di Ljot da Skald recisa
Lascia Fridgeir in pace.
Dal donatore d’oro gratuito
ricompensa nessuna cerco,
sport considero il chiasso delle lance
Divertimento con un nemico così smorto.

La morte di Ljot non è stata molto triste, perché era stato un bullo turbolento. Era svedese di nascita e non aveva parenti nel paese. Era venuto qua e aveva accumulato ricchezze con i duelli. Aveva ucciso molti degni proprietari terrieri, che aveva sfidato a duello per le loro terre e i loro patrimoni; ora era diventato molto ricco sia in terre sia in beni.
Egil tornò a casa con Fridgeir dal campo di combattimento. Vi rimase per poco tempo prima di andare a sud, a Mæri. Egil e Fridgeir si separarono con molto affetto. Egil incaricò Fridgeir di rivendicare le terre che erano appartenute a Ljot.
Egil proseguì per la sua strada e giunse ai Firths, da dove si recò a Sogn per cercare Thord ad Aurland. Thord lo accolse bene; gli dichiarò la sua commissione e il messaggio di re Hacon. Queste parole di Egil furono prese bene da Thord, che gli promise il suo aiuto in questa faccenda.
Egil rimase lì con Thord fino alla primavera.

CAPITOLO LXVIII
Dei viaggi di Egil

Egil proseguì verso sud, verso Hordaland, prendendo per questo viaggio una nave a remi e trenta uomini. Un giorno arrivarono ad Askr, sull’isola di Fenhring. Egil salì alla dimora con venti uomini, mentre dieci facevano la guardia alla nave. Atli lo Short era lì con alcuni uomini. Egil lo fece chiamare e gli disse che Egil Skallagrimsson aveva una commissione da fare con lui. Atli prese le sue armi, così come tutti gli uomini che erano lì, e poi uscirono.
Egil parlò: “Mi è stato detto, Atli, che tu hai in custodia quella proprietà che appartiene di diritto a me e a mia moglie Asgerdr. Avrai già sentito parlare di come ho rivendicato l’eredità di Bjorn, che Bergonund, tuo fratello, mi ha tenuto nascosta. Ora sono venuto per occuparmi di quelle proprietà, terre e beni, e per pregarti di rinunciarvi e di metterli nelle mie mani”.
Disse Atli: “Da tempo abbiamo sentito dire, Egil, che tu sei un uomo molto ingiusto, ma ora verrò a dimostrarlo, se intendi rivendicare dalle mie mani questa proprietà, che re Eric ha assegnato a Bergonund mio fratello. Il re Eric aveva allora il potere di offrire e bandire in questa terra. Stavo pensando ora, Egil, che saresti venuto qui per questo scopo, per offrirmi un compenso per i miei fratelli a cui hai tolto la vita, e che avresti pagato un’espiazione per il saccheggio da te commesso qui ad Askr. Darei una pronta risposta a questa questione se fosse quello che volevi; ma non risponderò a quello che mi chiedi”.
“Allora”, disse Egil, “ti offrirò, come ho offerto a Onund, che le leggi del Gula-thing decidano la nostra causa. Dichiaro che i tuoi fratelli sono caduti senza aver diritto a un’ammenda e per le loro stesse azioni sbagliate, perché prima mi hanno depredato del diritto e della terra e hanno preso i miei beni con la forza delle armi. Ho qui il permesso del re di provare la legge con te in questa causa. Ti convoco al Gula-thing, lì per avere una decisione legittima su questa questione”.
‘Al Gula-thing’, disse Atli, ‘verrò, e lì potremo parlare di questo problema’.
A questo punto Egil con i suoi compagni se ne andò. Andò a nord verso Sogn, poi nell’Aurland da Thord, il parente di sua moglie, e lì rimase fino al Gula-thing. E quando gli uomini andò al Thing, Egil vi giunse. C’era anche Atli lo Short.
Cominciarono a dichiarare la loro causa e a perorarla davanti a coloro che dovevano giudicare. Egil fece la sua richiesta di denaro dovuto, ma Atli oppose come legittima difesa il giuramento di dodici uomini che lui, Atli, non aveva in custodia alcuna ricchezza che appartenesse a Egil.
E quando Atli si presentò davanti alla corte con i suoi dodici che avrebbero giurato, allora Egil gli andò incontro e disse che non avrebbe accettato i giuramenti di Atli per i suoi beni.
‘Ti offro un’altra legge, che si combatta qui alla Thing, e colui che vincerà avrà la proprietà’.
Questa era anche la legge, che Egil proponeva, e l’antica usanza, che ogni uomo aveva il diritto di sfidare un altro in una scommessa di battaglia, sia che fosse imputato in una causa o accusatore. Atli disse che non avrebbe rifiutato di combattere contro Egil.
“Perché”, disse, “tu proponi quello che avrei dovuto dire io, visto che ho abbastanza perdite da vendicare su di te. Tu hai fatto morire i miei due fratelli, e sarei ben lontano dal difendere il diritto se ti cedessi illegalmente i miei beni piuttosto che combattere con te quando mi offri questa scelta”.
Allora Atli ed Egil si presero per mano e si impegnarono a combattere, e il vincitore avrebbe posseduto le terre per le quali si erano contesi.
Poi si disposero per il combattimento. Egil si fece avanti con l’elmo in testa, lo scudo davanti a sé e l’alabarda in mano, ma la sua spada Dragvandill era sospesa al braccio destro. Era consuetudine di coloro che combattevano in combattimenti singoli fare in modo che la spada non avesse bisogno di essere estratta durante il combattimento, ma fosse appesa al braccio, per essere subito pronta quando il combattente lo voleva. Atli aveva lo stesso armamento di Egil. Era esperto nei combattimenti singoli, era un uomo forte e di buon coraggio.
Sul campo fu condotto un toro, grande e vecchio – “bestia sacrificale”, così era chiamato – per essere ucciso da colui che avrebbe vinto. A volte c’era un solo bue, a volte ogni combattente portava il proprio.
E quando furono pronti per il combattimento, allora corsero l’uno verso l’altro, e prima lanciarono le loro alabarde, nessuna delle quali si fermò saldamente nello scudo dell’avversario, ma entrambe caddero a terra. Allora presero entrambe le spade e si affrontarono con volontà, colpo su colpo. Atli non cedette terreno. Colpirono velocemente e duramente, e ben presto i loro scudi divennero inutili. E quando lo scudo di Atli non servì più, lo gettò via e, afferrando la spada con entrambe le mani, assestò i colpì il più velocemente possibile.
Egil gli diede un colpo sulla spalla, ma la spada non morse. Ne assestò un altro, e un terzo. Ora era facile trovare in Atli dei punti che si potesse colpire, dato che non aveva copertura; ed Egil brandì e fece cadere la spada con tutte le sue forze, eppure non mordeva, ovunque colpisse.
Allora Egil vide che in questo modo non si poteva fare nulla, perché il suo scudo era ormai diventato inutile. Egil lasciò cadere sia la spada che lo scudo e si gettò su Atli, afferrandolo con le mani. Allora si vide la differenza di forza, e Atli cadde all’indietro, ma Egil scese prono su di lui e gli spezzò il collo con un morso.
Lì Atli morì.
Egil balzò subito in piedi e corse dove stava la vittima; con una mano gli afferrò la bocca, con l’altra un corno, e gli diede una tale spinta che le sue zampe scivolarono in alto e il suo collo si spezzasse; dopo di che Egil andò dove stavano i suoi compagni,

e poi cantò:

‘Ho scoperto che blu Dragvandill,
Che non ha morso lo scudo,
Atli lo short l’ha smussata
Tutto avvolto dai suoi incantesimi.
Sforzando la mia forza ho afferrato,
Barcollò il prolisso nemico;
Il mio dente gli ho detto di morderlo,
Il meglio delle spade quando serve.’

Quindi Egil entrò in possesso di tutte quelle terre per le quali aveva conteso e rivendicato come spettanti di diritto a sua moglie Asgerdr da suo padre. Nulla è detto di ulteriori notizie a quel Thing. Egil andò prima a Sogn e si occupò di quelle terre che ora aveva in suo potere. Rimase lì per gran parte della primavera.
In seguito andò con i suoi compagni verso est fino a Vik, poi a cercare Thorstein, e vi rimase per un po’.

CAPITOLO LXIX
Egil parte per l’Islanda

In estate Egil preparò la sua nave e, quando tutto fu pronto, partì subito per l’Islanda. Il suo viaggio procedette bene. Arrivò a Borgar-firth e portò la sua nave proprio sotto casa sua. Fece trasportare il suo carico a casa e sistemò la sua nave.
Egil rimase nella sua casa quell’inverno. Ora aveva portato una grande quantità di ricchezza, ed era un uomo molto ricco. Aveva una dimora grande e lussuosa. Egil non s’immischiò nelle faccende degli altri, né fu generalmente presuntuoso quando rimase in Islanda; e nessuno cercò di invadere ciò che era suo.
Egil rimase a casa ormai per non pochi anni. Egil e Asgerdr ebbero dei figli così chiamati: Bodvar un figlio e un altro figlio Gunnar; Thorgerdr una figlia e Bera. Il più giovane era Thorstein. Tutti i figli di Egil erano molto promettenti e intelligenti. Thorgerdr era il maggiore dei figli, Bera il successivo.

CAPITOLO LXX
Egil va all’estero

Egil udì da est, attraverso i mari, la notizia che Eric Bloodaxe era caduto a ovest durante il freebooting; e Gunnhilda, i suoi figli e quelli di Eric erano andati in Danimarca, e tutti quelli che avevano seguito Eric in Inghilterra avevano lasciato quel paese. Anche questo venne a sapere che Arinbjorn era giunto in Norvegia. Aveva ripreso le concessioni e i possedimenti che aveva prima, e aveva ottenuto grandi favori dal re.
Allora Egil pensò che fosse opportuno andare di nuovo in Norvegia. Inoltre arrivò la notizia che il re Athelstan era morto. Suo fratello Edmund ora governava l’Inghilterra. Allora Egil preparò la sua nave e si procurò un equipaggio. Tra loro c’era Aunund Sjoni, figlio di Ani di Anabrekka. Aunund era alto e il più forte degli uomini che si trovavano allora in campagna; anzi, alcuni dubitavano che non fosse forte come la sua forma. Aunund era stato spesso in viaggio da una terra all’altra. Era un po’ più vecchio di Egil; c’era stata a lungo amicizia tra i due.
E quando Egil fu pronto, prese il largo, e il loro viaggio procedette bene; arrivarono a metà della Norvegia. E quando avvistarono la terra, si diressero verso i Firths. Presto ricevettero notizie da terra, e fu detto loro che Arinbjorn era a casa nella sua tenuta. Egil mise la sua nave nel porto più vicino alla casa di Arinbjorn; poi andò a cercare Arinbjorn, e il loro incontro fu molto gioioso.
Arinbjorn offrì alloggio a Egil e a quanti dei suoi uomini volesse portare. Egil accettò, e fece sistemare la sua nave su dei rulli; e il suo equipaggio trovò un alloggio. Egil e undici con lui andarono da Arinbjorn. Egil aveva fatto costruire una lunga vela da nave, finemente lavorata; la regalò ad Arinbjorn, insieme ad altri doni di valore. Egil rimase lì per l’inverno, trattato con molto onore.
In inverno Egil andò a sud verso Sogn per riscuotere le sue rendite terriere, rimanendo lì per qualche tempo. Dopodiché tornò di nuovo a nord, ai Firths.
Arinbjorn tenne una grande festa di Yule, alla quale invitò i suoi amici e i proprietari terrieri vicini. C’era molta compagnia e allegria. Arinbjorn diede a Egil come regalo di Yule una tunica di seta, riccamente decorata d’oro, tempestata di bottoni d’oro sul davanti fino all’orlo. Arinbjorn aveva fatto fare la veste per adattarla alla statura di Egil. Arinbjorn a Yule diede anche a Egil un abito completo appena fatto; era tagliato con stoffa inglese di molti colori.
Doni amichevoli di vario genere Arinbjorn fece a Yule a coloro che erano suoi ospiti, perché Arinbjorn era al di là di tutti gli uomini, generoso e nobile.

Quindi Egil compose un pentagramma:

“Il guerriero ha dato al poeta
Veste di seta che brilla d’oro:
Mai troverò
Amico di miglior fede.
Arinbjorn instancabile
guadagna bene i suoi onori:
Per i suoi simili l’età
A lungo possono cercare invano”.

CAPITOLO LXXI
La tristezza di Egil

Egil, dopo la notte di Yule, fu preso da molta tristezza e non diceva una parola. E quando Arinbjorn se ne accorse, cominciò a parlare con Egil e gli chiese cosa significasse questa tristezza.
“Vorrei”, disse, “che tu mi dicessi se sei malato o se c’è qualcosa che ti affligge, in modo che io possa trovare un rimedio”.
Egil disse: “Malattia del corpo non ne ho; ma ho molta ansia per questo, come farò a ottenere la proprietà che ho vinto quando ho ucciso Ljot il Pallido a nord di Mæra. Mi è stato detto che gli amministratori del re si sono impadroniti di tutti quei beni e ne hanno rivendicato la proprietà per conto del re. Ora vorrei avere il tuo aiuto per recuperarla”.
Arinbjorn: “Non credo che la tua rivendicazione del possesso di quella proprietà sia contraria alla legge del paese; tuttavia mi sembra che la proprietà sia ora in forte custodia. La tesoreria del re ha un’entrata larga, ma un’uscita stretta. Abbiamo fatto molte richieste di denaro contro persone potenti, ma eravamo più in confidenza con il re di quanto non lo siamo ora, perché l’amicizia tra me e re Hacon è poco profonda; tuttavia devo agire secondo il vecchio detto: Dobbiamo prenderci cura della quercia sotto la quale costruiamo la casa”.
“Eppure”, disse Egil, “io penso che, se abbiamo una legge da dimostrare, dovremmo provare. Forse il re ci darà ragione in questo, perché mi è stato detto che il re è giusto e si attiene bene alle leggi che ha fatto qui nel paese. Ho piuttosto intenzione di andare a cercare il re e provare la questione con lui”.
Arinbjorn disse che non lo desiderava. “Penso, Egil, che queste cose saranno difficili da conciliare, la tua impazienza e il tuo coraggio, e il carattere e il potere del re. Perché ritengo che non sia tuo amico, e per buone ragioni, come lui pensa. Preferirei che lasciassimo cadere la questione e non la riprendessimo. Ma se lo desideri, Egil, preferisco andare io stesso dal re e discutere la questione”.
Egil disse che lo ringraziava di cuore e che avrebbe scelto così. Hacon si trovava allora a Rogaland, ma a volte anche a Hordaland; non c’era difficoltà a trovarlo. E non molto tempo dopo questo discorso Arinbjorn si preparò per il suo viaggio. Si seppe allora pubblicamente che intendeva cercare il re. Con i suoi carli di casa aveva a disposizione una galea a venti remi. Egil doveva rimanere a casa; Arinbjorn non voleva che partisse. Arinbjorn partì quando fu pronto, e il suo viaggio andò bene; trovò il re Hacon e fu ben accolto.
Quando fu lì per un po’, dichiarò la sua missione al re e disse che Egil Skallagrimsson era arrivato nel paese e pensava di avere diritto a tutte le proprietà che erano appartenute a Ljot il Pallido.
“Ci è stato detto, o re, che Egil si appella solo alla legge in questo; ma i tuoi amministratori hanno preso la proprietà e ne hanno rivendicato la proprietà per te. Ti prego, mio signore, che Egil possa ottenere la legge in questo caso”.
Il re era lento a parlare, ma alla fine rispose: “Non so, Arinbjorn, perché tu venga con tale supplica per Egil. Egli venne una volta davanti a me, e io gli dissi che non volevo che soggiornasse qui nel paese, per le ragioni che già conosci. Ora Egil non deve avanzare tali pretese davanti a me come lo fece davanti a mio fratello Eric. E a te, Arinbjorn, ho questo da dire, che puoi stare qui nel paese solo finché non preferisci gli stranieri a me e alla mia parola; perché so che il tuo cuore è con Harold, figlio di Eric, il tuo figlio adottivo; e questa è la tua scelta migliore, andare da quei fratelli e stare con loro; perché ho il forte sospetto che uomini come te non saranno affidabili, se io e i figli di Eric dovremo mai provare le conclusioni”.
E quando il re ebbe parlato così, Arinbjorn vide che non era il caso di perorare ulteriormente questa causa con lui; così si preparò a tornare a casa. Il re fu piuttosto arcigno e cupo nei confronti di Arinbjorn ma Arinbjorn non era dell’umore giusto per umiliarsi di fronte al re su questo argomento.
E così si separarono. Arinbjorn tornò a casa e raccontò a Egil il risultato della sua missione.
Non voglio”, disse, “perorare di nuovo una tale causa davanti al re”.
Egil a questa notizia si accigliò molto; pensava di aver perso molte ricchezze, e ingiustamente. Alcuni giorni dopo, una mattina presto, quando Arinbjorn era nella sua camera e pochi uomini erano presenti, fece chiamare Egil; e quando questi arrivò, Arinbjorn fece aprire una cassa e pesò quaranta marchi d’argento, aggiungendo queste parole: “Questo denaro ti pago, Egil, per quelle terre che appartenevano a Ljot il Pallido. Ritengo giusto che tu abbia questa ricompensa da parte mia e dal mio parente Fridgeir per avergli salvato la vita da Ljot, perché so che l’hai fatto per amore di me. Sono quindi obbligato a non lasciarti ingannare dal tuo legittimo diritto in questa faccenda”.
Egil prese i soldi e ringraziò Arinbjorn. Poi Egil divenne di nuovo abbastanza allegro.

CAPITOLO LXXII
Dei saccheggi di Arinbjorn

Arinbjorn rimase a casa nella sua tenuta quell’inverno, ma nella primavera successiva fece sapere che aveva intenzione di andare a freebooting. Arinbjorn aveva una buona scelta di navi. In primavera preparò tre navi da guerra, tutte grandi, e aveva trecento uomini.I suoi carli di casa erano sulla sua nave, che era ottimamente equipaggiata; aveva anche con sé molti figli di proprietari terrieri. Egil decise di andare con lui; guidò una nave e con lui, andarono molti dei compagni che aveva portato dall’Islanda.
La nave mercantile che aveva portato dall’Islanda, la fece spostare verso est, a Vik, facendovi arrivare degli uomini per smaltire il carico. Arinbjorn ed Egil con le navi da guerra tennero una rotta verso sud lungo la costa; poi portarono le loro forze ancora più a sud verso il Saxland, dove saccheggiarono durante l’estate e si arricchirono.
Con l’arrivo dell’autunno, tornarono verso nord e si fermarono al largo della Frisia. Una notte, quando il tempo era calmo, risalirono la foce di un grande fiume, perché i porti erano pessimi e il riflusso della marea era grande. Lassù, sulla terraferma, c’erano ampie pianure con boschi. I campi erano inzuppati perché aveva piovuto molto.
Decisero di andare lassù e lasciarono indietro un terzo delle loro forze per sorvegliare le navi. Seguirono il fiume, mantenendosi tra esso e il bosco. Presto arrivarono a un villaggio, dove vivevano diversi contadini.
Quando si accorsero del nemico, gli abitanti corsero fuori dal villaggio nei campi, come potevano fare, ma i freebooters li inseguirono. Quindi arrivarono a un secondo villaggio e a un terzo; tutta la gente fuggì davanti a loro. Il terreno era pianeggiante, campi piatti ovunque, intersecati da argini pieni d’acqua. I campi di grano o i prati erano racchiusi da questi argini; in alcuni punti erano stati piantati grandi pali, e sopra la diga, dove gli uomini dovevano andare, erano stati posti ponti e assi.
La gente di campagna fuggì nella foresta. Ma quando i freebooters si furono spinti molto nelle zone abitate, i frisoni si radunarono nei boschi e, dopo aver radunato trecento uomini, andarono contro i freebooters decisi a dar loro battaglia. Ci furono allora alcuni duri combattimenti, ma alla fine i frisoni fuggirono e i freebooters inseguirono i fuggitivi.I contadini che fuggirono furono dispersi in lungo e in largo, così come i loro i loro inseguitori.
Così accadde che da entrambe le parti pochi rimasero uniti. Egil stava inseguendo ardentemente, e alcuni con lui, dietro una numerosa compagnia che fuggiva. I frisoni giunsero a una diga, che superarono, e poi tirarono via il ponte. Poi giunsero Egil e i suoi uomini sull’altra riva.
Egil si avvicinò subito alla diga e la saltò, ma non era un salto per altri uomini e nessuno ci provò. E quando i frisoni videro che un solo uomo li seguiva, tornarono indietro e lo attaccarono, ma egli si difese bene e usò l’argine per coprirsi alle spalle in modo che non potessero attaccarlo da ogni lato. Undici uomini si gettarono su di lui, ma alla fine del loro incontro li uccise tutti. Dopo di che Egil spinse il ponte sulla diga e la riattraversò.
Poi vide che tutta la sua gente era tornata alle navi. Era allora vicino al bosco, e ora andava lungo il lato del bosco verso le navi, in modo da poter scegliere il bosco se aveva bisogno di un riparo.
I freebooters avevano portato a riva molto bottino e bestiame. E quando giunsero alle navi, alcuni massacrarono il bestiame, altri portarono il bottino sulle navi, altri ancora si misero in piedi più in alto e formarono una barriera di scudi, perché i Frisoni erano scesi in gran numero e stavano lanciando su di loro, anche loro in assetto di battaglia. E quando Egil scese e vide come stavano le cose, corse a tutta velocità verso la folla.
Teneva la sua alabarda davanti a sé, afferrata in entrambe le mani, e sospese lo scudo dietro la schiena. Spingeva in avanti l’alabarda, e tutti quelli davanti a lui si fecero da parte, e così riuscì a passare attraverso le loro file. Così si precipitò verso i suoi uomini, che lo guardarono come se fosse tornato dalla morte. Poi salirono a bordo della nave e si staccarono da terra.
Salparono quindi verso la Danimarca. E quando giunsero a Lima-firth e si fermarono a Hals, Arinbjorn tenne una riunione dei suoi uomini ed espose loro i suoi piani.
“Ora io”, disse, “andrò a cercare i figli di Eric con tutte le forze che mi seguiranno. Ho saputo che i fratelli si trovano qui in Danimarca, hanno un grande seguito e trascorrono le estati a saccheggiare, ma per gli inverni rimangono qui in Danimarca. Ora do il permesso a tutti coloro che preferiscono andare in Norvegia piuttosto che seguirmi. Per te, Egil, penso che il miglior consiglio sia che, non appena ci separiamo, tu torni in Norvegia e poi prosegua velocemente verso l’Islanda”.
Quindi gli uomini si separarono verso le loro diverse navi. Quelli che vollero tornare in Norvegia si unirono a Egil, ma la maggior parte delle forze seguì Arinbjorn. Arinbjorn ed Egil si separarono in amore e amicizia. Arinbjorn andò a cercare i figli di Eric e si unì alla compagnia di Harold Gray-fell, suo figlio adottivo, e rimase con lui d’ora in poi finché vissero entrambi.
Egil andò a nord verso Vik e verso il fiordo Osloar. Lì c’era la sua nave mercantile che aveva fatto portare lì in primavera. C’erano anche il suo carico e gli uomini che erano andati con la nave. Il figlio di Thorstein Thora venne a cercare Egil e chiese a lui e agli uomini che avrebbe portato, di restare con lui quell’inverno.
Egil accettò l’offerta, fece sistemare la sua nave e il carico e fu conferito in modo sicuro. Alcuni dei suoi seguaci trovarono alloggio lì, altri andarono alle loro case al nord. Egil, con una compagnia di dieci o dodici persone, andò da Thorstein e rimase lì per l’inverno come ospite d’onore.

CAPITOLO LXXIII
Missione a Vermaland

Il re Harold Fairhair aveva sottomesso la Vermaland verso est fino al lago Wener. La Vermaland era stata prima dissodata e coltivata da Olaf Taglia-alberi, padre di Halfdan Whitebone, il primo della sua dinastia a essere re in Norvegia; e da lui, da parte di padre, discendeva il re Harold, e tutti i suoi antenati avevano regnato su Vermaland e ne avevano presi i tributi, e avevano messo amministratori al comando di quella terra.
Ma quando Harold invecchiò, un conte di nome Arnvid fu messo governatore di Vermaland. Lì, come altrove, il tributo era pagato peggio di quando Harold era in vita. Così fu anche quando i figli di Harold lottarono per il dominio in Norvegia, le terre tributarie periferiche furono poco curate. Ma quando Hacon si sedette in pace, allora s’informò su tutto l’impero che suo padre Harold aveva avuto.
Il re Hacon aveva inviato verso est, in Vermaland, una compagnia di dodici uomini. Questi avevano ricevuto il tributo dal conte. Ma mentre stavano tornando, nella foresta di Eida, dei briganti li assalirono e li uccisero tutti.
Lo stesso accadde ad altri inviati dal re Hacon verso est, a Vermaland; gli uomini furono uccisi e non fu riportato alcun denaro. Allora alcuni dissero che il conte Arnvid aveva quasi messo dei suoi uomini a uccidere gli uomini del re, mentre si teneva il tributo per sé. Al che il re Hacon inviò ancora una terza compagnia.
Egli si trovava allora a Throndheim; i messaggeri dovevano andare a Vik e cercare il figlio di Thorstein Thora con queste parole, che doveva andare verso est in Vermaland e raccogliere il tributo per il re, altrimenti doveva lasciare il paese.
Il re aveva infatti saputo che il fratello della madre di Thorstein, Arinbjorn era andato a sud verso la Danimarca ed era con i figli di Eric, e che questi aveva un grande seguito e passavano l’estate a saccheggiare.
Il re Hacon non si fidava della lealtà di tutta questa compagnia, e si aspettava l’ostilità dei figli di Eric se avessero avuto la forza di sollevare una ribellione contro di lui. E ai parenti per matrimonio e agli amici di Arinbjorn mostrò grande antipatia, mettendone alcuni a morte, cacciandone altri dalla terra o imponendo loro altre dure condizioni.
E fu così che il re mise davanti a Thorstein questa scelta. L’uomo che portava questo messaggio si chiamava Kol; era un uomo di tutte le terre; era stato a lungo in Danimarca e in Svezia, e conosceva tutti i modi e gli uomini di lì. Anche in Norvegia aveva viaggiato molto. E quando portò questa proposta al figlio di Thorstein Thora, Thorstein disse a Egil per quale motivo erano venuti questi uomini e gli chiese come avrebbe dovuto rispondere; disse che gli sembrava una cosa difficile e che sarebbe stato cacciato dal paese.
Egil rispose: “Mi è abbastanza chiaro il significato di questo messaggio; il re ti manderà via dal paese come gli altri parenti di Arinbjorn, perché io considero l’invio di un uomo della tua nobiltà per una tale missione un invio a morte certa. Il mio consiglio è che tu chiami i messaggeri del re a convegno con te, ed io sarò presente al vostro colloquio, e vedremo cosa ne verrà fuori”.
Thorstein fece come gli era stato detto; tenne una conferenza con loro. I messaggeri raccontarono tutta la verità sulla loro missione e del messaggio del re, che Thorstein doveva andare in questa missione o sarebbe stato messo al bando.
Egil disse: “Ho capito chiaramente il vostro messaggio, se Thorstein si rifiuta di andare, allora dovrete andare a raccogliere il tributo”. I messaggeri dissero che aveva indovinato.
Disse Egil: “Thorstein non partirà per questo viaggio, perché non è affatto obbligato, un uomo della sua fama, ad andare in missioni così meschine. Thorstein farà quello che è tenuto a fare, cioè assistere il re nel paese o fuori, se il re lo richiede. Inoltre, se volete avere alcuni uomini di qui per questo viaggio, questo vi sarà concesso e tutto ciò che riguarda il vostro viaggio se vorrete che Thorstein li fornisca”.
Gli inviati parlarono tra loro e concordarono che avrebbero accettato queste condizioni, se Egil sarebbe andato con loro nel viaggio. “Il re”, si dissero, “gli porta grande rancore, e riterrà il nostro viaggio sia stato un buon viaggio se faremo in modo che Egil sia ucciso. Poi potrà cacciare Thorstein dalla terra, se vorrà”.
Così dissero a Thorstein che sarebbero stati contenti se Egil fosse partito e Thorstein fosse rimasto a casa. ‘Così sarà’, disse Egil. “Libererò Thorstein da questo viaggio. Quanti uomini pensate di dover portare via da qui?”
“Siamo otto”, dissero; “vorremmo che quattro uomini partissero da qui; quindi saremo dodici”.
Egil disse che sarebbe stato così. Aunund Sjoni e alcuni della compagnia di Egil erano usciti in mare per occuparsi della loro nave e di un altro carico che avevano dato in custodia in autunno, e non erano ancora tornati. Egil pensava che fosse un gran peccato, ma gli uomini del re erano impazienti di partire e non volevano aspettare.

CAPITOLO LXXIV
Viaggio a Vermaland

Egil con tre compagni si preparò per il viaggio. Avevano cavalli e slitte, così come gli uomini del re. Poi ci fu neve alta e tutte le strade furono cancellate.
Quando furono pronti, si misero in viaggio e risalirono le lande con la slitta; e quando giunsero a est, vicino a Eida, in una notte cadde così tanta neve fresca che non riuscirono a vedere la strada. L’indomani viaggiarono lentamente, perché c’erano cumuli di neve direttamente sulla pista. E mentre il giorno passava, si fermarono per nutrire i loro cavalli; questo vicino a una cresta boscosa. Allora gli uomini del re parlarono con Egil: “Qui ora le strade si dividono; sotto il crinale abita un proprietario terriero di nome Arnold, nostro amico; noi e il nostro gruppo andremo ad alloggiare lì. Ma voi andrete laggiù sul crinale, e quando lo supererete avrete presto davanti a voi una grande casa dove sarete sicuri di alloggiare. Vi abita un uomo ricco, di nome Armod Beard. E domani mattina presto ci uniremo di nuovo in compagnia e la sera successiva arriveremo a Eida-wood. Lì abita un degno proprietario terriero di nome Thorfinn”.
A questo punto si separarono, Egil e i suoi uomini salirono sulla cresta.
Degli uomini del re si deve dire che non appena essi ed Egil si furono persi di vista, presero le loro racchette da neve (che avevano portato con sé) e le indossarono; poi ripercorsero indietro la loro strada il più velocemente possibile. Notte e giorno viaggiarono e si diressero verso l’Upland, poi a nord per il Dovre-fell, e non si fermarono finché non giunsero davanti a re Hacon e gli raccontarono il loro viaggio e come era andato.
Egil e i suoi compagni attraversarono il crinale quella sera. Per essere brevi, non appena lasciarono la strada principale e arrivarono sul crinale, trovarono neve alta, rocce ripide, boschetti aggrovigliati. Di tanto in tanto nella neve i cavalli sprofondavano e giacevano così tanto che dovevano essere tirati su, e per le rocce e i dirupi era una dura lotta. Avevano molto da fare con i cavalli, e la camminata degli uomini era delle più pesanti, ed erano molto stanchi quando scesero dalla cresta e videro davanti a loro una grande casa, verso la quale si diressero.
Quando giunsero al recinto, videro degli uomini in piedi fuori, Armod e alcuni della sua famiglia. Scambiarono parole e chiesero notizie l’un l’altro, e quando Armod seppe che erano inviati del re, offrì loro un alloggio. Essi accettarono. I carli domestici di Armod presero i loro cavalli e i loro finimenti, e il padrone invitò Egil di andare nella sala ed essi lo fecero. Armod fece sedere Egil sul sedile alto della panca inferiore, e i suoi compagni sotto di lui.
Parlarono a lungo della strada faticosa che avevano percorso quella sera, e i carli di casa ritennero una grande meraviglia il fatto che l’avessero superata; dicevano che non era una strada adatta all’uomo nemmeno se fosse stata priva di neve.
Allora disse Armod: “Non pensate che questa sia la migliore ospitalità, che una tavola sia imbandita per voi e che vi sia data la cena ora, e poi possiate dormire? Questo vi farà riposare al meglio”.
‘Ci piacerebbe molto’, disse Egil. Così Armod fece preparare una tavola per loro, sulla quale furono poste grandi ciotole piene di cagliata. Poi Armod disse che gli dispiaceva non avere birra da dare loro. Egil e i suoi uomini avevano molta sete per la stanchezza; presero le scodelle e bevvero avidamente la cagliata, Egil ne bevve più di tutti. Non fu portato altro cibo.
La famiglia era numerosa. La padrona sedeva sulla panchina e accanto a lei le altre donne. La figlia del padrone, di dieci o undici anni, correva sul pavimento della sala. La padrona la chiamò al suo fianco e le parlò all’orecchio.
Poi la ragazza andò dove sedeva Egil e recitò un verso:

A te con questo messaggio
Mi manda mia madre,
Per portare la parola che Egil
Sii prudente e aspetta.
“Così tempera il tuo stomaco”.
Così dice la nostra signora,
“con un pasto molto più degno
Presto nutriremo i nostri ospiti”.

Armod colpì la ragazza e le disse di tenere a freno la lingua: “Tu dici sempre”, disse, “quello che meno conviene”. La ragazza se ne andò, ed Egil buttò giù la ciotola di cagliata, che era ormai quasi vuota. Le scodelle furono portate via da loro.
Ora la famiglia prese posto, i tavoli vennero apparecchiati intorno alla sala e il cibo venne servito; vennero portati piatti di carne che vennero posti davanti a Egil e agli altri. Dopo di che fu portata la birra, dellla più forte.
Presto cominciarono a bere abbondantemente, ogni uomo doveva bere dal corno; e si prestò particolare attenzione che Egil e i suoi compagni bevessero forte. Egil bevve a lungo senza versare una goccia, ma quando i suoi compagni divennero impotenti, allora bevve per loro quello che loro non potevano bere. Così le cose andarono avanti fino a quando i tavoli furono rimossi, e a quel punto tutti nella stanza erano ben ubriachi.
E prima di ogni coppa che beveva, Armod diceva: “Bevo a te, Egil”, e i carli di casa bevevano ai compagni di Egil con lo stesso preambolo. Un uomo fu incaricato di portare ogni coppa al gruppo di Egil, e li esortò a bere in fretta. Egil disse ai suoi compagni di non bere più, ma lui stesso bevve per loro ciò che non potevano evitare.
Egil si accorse ben presto che non gli conveniva andare avanti così. Perciò si alzò, attraversò il pavimento fino a dove sedeva Armod, lo prese con le mani per le spalle, lo spinse indietro contro i montanti interni e gli sputò in faccia. Ci fu un grido e un tumulto, ma Egil tornò al suo posto, soddisfatto, e disse loro di servirgli da bere.
Armod balzò in piedi e corse fuori; Egil continuò a bere per un po’, come fecero altri nella sala, ma c’era poca allegria. Presto Egil e i suoi uomini si alzarono e presero le loro armi dal muro dove le avevano appese; poi andarono al granaio dove c’era un loro cavallo, si sdraiarono loro stessi sulla paglia e dormirono tutta la notte.

CAPITOLO LXXV
Separazione di Egil e Armod

Egil si alzò la mattina appena fece giorno. Lui e i suoi si prepararono, e una volta pronti andarono subito a casa a cercare Armod. E quando giunsero agli appartamenti dove dormivano Armod, sua moglie e sua figlia, allora Egil aprì la porta e si avvicinò al letto di Armod. Quindi estrasse la spada, e con l’altra mano afferrò la barba di Armod e lo tirò in avanti fino al bordo del letto.
La moglie e la figlia di Armod si alzarono e pregarono Egil di non uccidere Armod.
Egil disse che lo avrebbe risparmiato per il loro bene; “Perché”, disse, “questo è altro che un incontro, eppure ha meritato di morire”. Poi Egil gli tagliò la barba fino al mento e gli spense un occhio. Poi uscì dai suoi compagni.
Andarono per la loro strada e arrivarono all’ora di pranzo alla casa di Thorfinn. Egli abitava presso il bosco di Eida. Da lui chiesero un pasto giornaliero e del nutrimento per i loro cavalli. Thorfinn glielo concesse, ed Egil con i suoi uomini entrò nella sala. Egil chiese se Thorfinn avesse visto qualcosa del resto del suo gruppo.
“Abbiamo stabilito”, disse, “di incontrarci qui”.
Thorfinn disse: “Qui sono passati sei uomini insieme poco prima del giorno, ed erano ben armati”.
Poi disse un carli: “Stavo guidando una slitta di notte per andare a prendere la legna, e mi sono imbattuto in sei uomini sulla strada; erano carli di casa Armod; ma questo era molto prima del giorno. Ora non sono sicuro che questi siano gli stessi sei di cui hai parlato”. Thorfinn disse che i sei uomini che aveva incontrato erano passati dopo che il carle era tornato con il carico di legna.
Mentre erano seduti a mangiare, Egil vide che una donna giaceva malata sul palco in fondo alla sala. Chiese chi fosse quella donna in uno stato così triste. Thorfinn disse che si chiamava Helga ed era sua figlia; era malata da molto tempo; la sua malattia era un malessere struggente; non dormiva la notte ed era come posseduta.
“E’ stato fatto qualcosa”, chiese Egil, “per la sua malattia?”
“Sono state incise delle rune”, disse Thorfinn; “l’ha fatto il figlio di un proprietario terriero della zona; e da allora sta molto peggio di prima. Ma tu, Egil, puoi fare qualcosa per queste malattie?”
Egil disse: “Forse non ci sarà danno se ci provo”. E quando Egil ebbe finito il suo pasto, andò, dove la donna giaceva e parlò con lei. Poi ordinò loro di sollevarla dal suo posto e di stendere sotto di lei dei vestiti puliti, ed essi lo fecero. Poi cercò nel letto in cui lei era sdraiata, e lì trovò un pezzo di osso di balena su cui c’erano delle rune.
Egil le lesse, poi tagliò le rune e le raschiò nel fuoco. Bruciò l’intero pezzo di osso di balena e fece appendere all’aria le lenzuola che lei aveva usato.

Poi Egil cantò:

“Le rune non devono mai essere scolpite
da chi non sa leggerle;
Di oscuri incantesimi molti
Il significato può mancare.
Dieci parole incantate scritte male
Su un osso di balena erano incise:
Da cui alla fanciulla che cura i porri,
Lunga pena e dolore”.

Egil allora incise delle rune e le pose sotto il cuscino del letto dove giaceva la donna. Sembrava che si fosse svegliata dal sonno, e disse che ora si sentiva bene, ma era debole. E suo padre e sua madre erano felicissimi. E Thorfinn offrì a Egil tutto l’aiuto che poteva ritenere necessario.

CAPITOLO LXXVI
Egil arriva dal proprietario terriero Alf

Egil disse ai suoi compagni che sarebbe andato per la sua strada e che non si sarebbe fermato più a lungo. Thorfinn aveva un figlio di nome Helgi, un uomo valoroso. Padre e figlio offrirono a Egil la loro compagnia attraverso il bosco. Dissero che sapevano per certo che Armod Beard aveva messo sei uomini nel bosco ad aspettarli, ed era probabile che ci sarebbero stati altri agguati nel bosco nel caso i primi avessero fallito. Quattro uomini si offrirono di andare con Thorfinn.
Allora Egil cantò un pentagramma:

“Se quattro con me seguono,
non troverai sei uomini
con noi spade insanguinate
da barattare in battaglia.
E se lui con otto va,
imperterrito nel coraggio
su dodici Egil dalle sopracciglia nere
La battaglia oserà”.

Thorfinn e i suoi uomini decisero di andare nel bosco con Egil: erano otto in tutto. E quando arrivarono al luogo dove era stata tesa l’imboscata, videro degli uomini. Questi erano i carli di Armod in agguato, loro vedendo che i viaggiatori erano in otto, pensarono di essere sopraffatti e si nascosero.
E quando il gruppo di Egil giunse dove si trovavano i bugiardi-in-attesa, videro che non era tutto tranquillo. Egil disse che Thorfinn e i suoi uomini dovevano tornare indietro, ma loro si offrirono di andare oltre. Tuttavia Egil non volle, e invitò loro di tornare a casa; così fecero e tornarono indietro. Ma Egil e i suoi uomini andarono avanti, erano ormai in quattro.
E mentre il giorno passava, si accorsero che che c’erano sei uomini nel bosco, ed erano abbastanza sicuri che anche questi fossero i carlini di Armod.
Saltarono sui bugiardi-in-attesa e li attaccarono, ed essi risposero alla loro carica; e l’incontro finì con Egil ne adagiò due e gli altri scapparono indietro nel bosco. Poi la compagnia di Egil continuò il suo cammino, e non accadde più nulla finché non uscirono dal bosco e trovarono un alloggio vicino presso un proprietario terriero di nome Alf, che si chiamava Alf il ricco.
Era un Era un uomo vecchio, ricco di denaro, di un carattere strano, così che poteva tenere solo pochi nella sua casa. Una buona accoglienza Egil vi trovò, e con lui Alf fu loquace.
Egil fece molte domande e Alf gli disse quello che gli chiedeva. Parlarono molto del conte e dei messaggeri del re di Norvegia, che che prima erano andati verso est per raccogliere il tributo. Alf nel suo discorso non parve amico del conte.

CAPITOLO LXXVII
Egil raccoglie il tributo

Egil si preparò presto la mattina seguente per continuare il suo viaggio, come fecero i suoi compagni, ma al momento della partenza Egil diede ad Alf un mantello di pelliccia. Alf prese il dono con gratitudine, dicendo: “Un buon mantello ho qui”. E pregò Egil di fargli visita sulla via del ritorno.
Si lasciarono da amici; ed Egil, andando per la sua strada, arrivò la sera di un giorno alla corte del conte Arnvid, dove trovò una buona accoglienza. Lui e i suoi compagni furono sistemati accanto a chi sedeva nel posto di fronte al conte.
Quando Egil fu lì per una notte, dichiarò la sua commissione al conte e il messaggio del re dalla Norvegia, e disse che desiderava avere tutto il tributo dalla Vermaland che era dovuto da quando Arnvid era stato stabilito su quelle terre.
Il conte disse di aver pagato di buon grado tutto il tributo e di averlo consegnato nelle mani dei messaggeri del re.
“Ma non so”, disse, “cosa ne abbiano fatto da allora, se l’abbiano portato al re o se siano fuggiti con esso fuori dal paese. Tuttavia, poiché voi portate i segni certi che il re vi ha mandato, pagherò tutto il tributo a cui ha diritto e lo consegnerò nelle vostre mani, ma non risponderò in seguito di come ve ne occuperete”.
Egil e i suoi uomini rimasero lì per un po’. Ma prima che Egil se ne andasse, il conte pagò loro il tributo. Una parte era in argento, una parte in pelliccia grigia. E quando il gruppo di Egil fu pronto, partirono per ritornare.
Al loro commiato, Egil disse al conte: “Ora porteremo al re questo tributo che abbiamo ricevuto. Ma sappi, conte, che questo è molto meno denaro di quello che il re ritiene che gli sia dovuto qui; e questo senza contare che, come lui pensa, tu dovresti pagare l’espiazione per i messaggeri che la voce comuni dicono che tu hai fatto uccidere”.
Il conte disse che non era vero. Con questo si separarono.
Quando Egil se ne fu andato, il conte chiamò i suoi due fratelli, ognuno dei quali si chiamava Ulf, e parlò così: “Quel grosso tizio, Egil, che è stato qui per un po’, mi aspetto che ci faccia un brutto tiro quando andrà dal re. Possiamo con questo atteggiamento capire come si comporterà davanti al re, visto che ci ha gettato in faccia un’accusa come quella di aver tolto la vita agli uomini del re. Ora voi due dovete inseguire il loro gruppo e ucciderli tutti, e che nessuno porti questa calunnia davanti al re. Credo che il piano più saggio sia quello di aspettarli nella foresta di Eida. Prendete con voi tanti uomini da assicurarvi che nessuno di loro scappi, mentre voi non avrete meno uomini di loro”.
Allora i fratelli si prepararono per il viaggio e presero trenta uomini. Andarono nel bosco, di cui conoscevano tutti i sentieri; poi aspettarono l’arrivo di Egil.
C’erano due strade nel bosco. Una conduceva oltre una certa cresta, e c’era una scogliera ripida, e solo un sentiero per uno; questa era la strada più breve. L’altra conduceva intorno al bordo del crinale, su ampie paludi, attraverso le quali era stato posato del legno tagliato, e anche lì c’era una strada rialzata che non poteva essere percorsa che da uno solo. E si misero in attesa, quindici in entrambi i luoghi.

CAPITOLO LXXVIII
Egil e la sua banda uccidono venticinque uomini

Egil viaggiò finché non arrivò da Alf, e rimase lì per la notte in un buon posto. La mattina seguente si alzò prima che facesse giorno e si preparò per il viaggio. E mentre erano seduti per il loro pasto mattutino, il padrone Alf entrò.
Disse: “Ti stai avviando per tempo, Egil; ma il mio consiglio è di non affrettare il tuo viaggio, ma piuttosto di guardare avanti, perché credo che ci siano degli uomini che ti aspettano nel bosco. Non ho uomini da darti come scorta che ti possano essere di aiuto; ma ti offro questo: che tu rimanga qui con me finché non possa riferirti che il bosco è sicuro”.
Egil disse: “Sarà una sciocchezza. Andrò avanti per la mia strada come intendevo fare prima”.
Così lui e i suoi uomini si prepararono a partire, mentre Alf cercò di fermarli e li invitò a tornare indietro, se vedevano che la strada fosse battuta. “Nessuno”, disse, “ha passato il bosco da ovest da quando tu, Egil, sei venuto verso est, tranne questi, che, come sospetto, sono andati desiderando di incontrarti”.
Egil disse: “Quanti pensi potrebbero essere, se è come dici? Non abbiamo perso la partita, anche se ci sono delle probabilità contro di noi”.
Alf disse: “Io e i miei carli di casa siamo andati nel bosco, e ci siamo imbattuti in impronte di uomini; Il sentiero conduceva nel bosco, e dovevano essercene molti in tutto. Ma se non credi a quello che dico, vai a vedere tu stesso il sentiero, e poi torna indietro, se sembra come ti dico”.
Egil andò per la sua strada, e quando arrivarono dove la strada entrava nel bosco, videro le tracce di uomini e cavalli. Così i compagni di Egil consigliarono di tornare indietro. Noi andremo avanti”, disse Egil, “penso non c’è da meravigliarsi che gli uomini siano passati per il bosco dell’Eida, perché è un percorso comune. E andarono avanti, e le impronte continuarono, ed erano di una numerosa compagnia.
E quando giunsero in un punto dove il sentiero si biforcava, anche le tracce si separarono in numero uguale in ciascuna direzione.
Così Egil disse: “Ora credo che Alf possa aver detto il vero. Adesso ci prepareremo come se ci aspettassimo una lotta”. Così Egil e i suoi uomini si tolsero i loro mantelli e tutti i loro abiti pesanti, e li posero sulla slitta.
Egil aveva portato nella sua slitta una lunghissima corda di rafia, perché è abitudine di coloro che facevano lunghi viaggi in slitta avere con sé una corda di ricambio, nel caso in cui le imbracature dovessero essere riparate. Egil prese una grande pietra piatta e se la mise davanti al petto e allo stomaco. Poi piegò lì la corda, e la avvolse intorno a sé, così da avvolgerla fino alle spalle.
Il bosco dell’Eida è di questo tipo: ai lati della terra coltivata c’è una fitta foresta, ma nel mezzo c’è un ampio spazio di arbusti e boschetti cedui, con alcune parti completamente spoglie. Egil e la sua compagnia presero la via più breve, che si trovava oltre il crinale. Avevano tutti scudi ed elmi, e armi sia da taglio sia da lancio. Egil andava per primo.
E quando giunsero sul crinale, avevano la foresta sotto di loro e sopra di loro la rupe senza alberi; e quando giunsero in cima alla rupe, sette uomini uscirono da corsa dalla foresta sotto di loro, salendo verso la cima, lanciando dardi contro di loro. Egil e i suoi uomini si voltarono e si misero fianco a fianco sul sentiero. Allora altri uomini vennero contro di loro dall’alto, dalla cima della rupe, e lanciarono pietre contro di loro, e questo fu di gran lunga il pericolo maggiore.
Egil disse: “Ora dovete fare un passo indietro e avvicinarvi alla rupe, e coprirvi meglio che potete; ed io cercherò di conquistare la cima”.
E così fecero. E quando Egil superò la roccia sulla cima, c’erano di fronte otto uomini, che si gettarono tutti insieme su di lui. Del loro scambio di colpi non c’è nulla da dire: alla fine Egil li uccise tutti. Poi andò avanti fino all’orlo della cima e scagliò delle pietre alle quali nessun poté resistere; tre dei Vermiani caddero, ma quattro arrivarono nel bosco, feriti e contusi.
Quindi Egil e i suoi uomini presero i loro cavalli e proseguirono la loro strada fino a quando non giunsero oltre il crinale. Ma i Vermiani che erano scampati portarono la notizia ai loro compagni che si trovavano vicino alla palude. Quindi avanzarono per la strada più bassa e si misero davanti a Egil.
Ulf disse ai suoi compagni: “Ora dobbiamo lavorare con astuzia con loro, e fare in modo che nessuno riesca a scappare.
“Questa”, disse, “è la natura del terreno: la strada costeggia il crinale, ai piedi del quale scorre la palude, mentre un orlo roccioso è sopra, e il passaggio si trova tra questi e non è più largo di un sentiero. Ora alcuni di noi andranno avanti intorno alla cima per resistere se avanzano; ma alcuni si nasconderanno qui nel bosco, e salteranno fuori alle loro spalle quando saranno arrivati davanti a noi. E facciamo attenzione che nessuno ci sfugga”.
Fecero come aveva detto Ulf: Ulf andò avanti intorno alla cima e dieci uomini con lui. Egil e i suoi uomini andarono avanti per la loro strada senza sapere nulla di questo piano, finché non arrivarono allo stretto sentiero. Allora saltarono fuori gli uomini dietro di loro e li attaccarono con le armi. Essi si voltarono e si difesero. Poi si scagliarono contro di loro anche quelli che si trovavano di fronte alla cima rocciosa; e quando Egil lo vide, si voltò per incontrarli.
Rapidi furono i colpi che si scambiarono tra loro; ed Egil ne colpì alcuni nello stretto passaggio, ma alcuni si voltarono indietro dove c’era più spazio pianeggiante. Egil si precipitò dietro di loro. Lì cadde Ulf. E alla fine Egil uccise lì da solo undici uomini. Poi ritornò dove i suoi compagni stavano difendendo il passo davanti a otto uomini: c’erano alcuni feriti da entrambe le parti.
Ma quando Egil arrivò, i Vermiani fuggirono subito nel bosco vicino. Cinque fuggirono tutti feriti gravemente, ma tre caddero lì. Egil aveva molte ferite, ma nessuna grave.
Poi continuarono il loro viaggio. Egil fasciò le ferite dei suoi compagni, nessuna delle quali era mortale. Si sedettero nella slitta e guidarono per il resto del giorno.
I Vermiani scappati presero i loro cavalli e si trascinarono dal bosco verso est, verso parti abitate. Lì si fecero fasciare le ferite. Procurandosi dei compagni, si diressero verso il conte e gli raccontarono la loro disavventura. Raccontarono che entrambi gli Ulf erano caduti, venticinque uomini erano morti e solo cinque erano sopravvissuti, tutti feriti e contusi.
Il conte chiese allora quali fossero le notizie di Egil e dei suoi compagni.
Risposero: “Non sappiamo con certezza quanto siano stati feriti; ma ci hanno attaccato con tutta la loro veemenza quando noi eravamo in otto e loro in quattro; poi siamo fuggiti. In cinque raggiungemmo il bosco, ma tre sono morti; eppure, per quanto abbiamo potuto vedere, Egil e i suoi uomini erano freschi come sempre”.
Il conte disse che il loro viaggio era stato il peggiore possibile. “Avrei potuto accontentarmi di una tale perdita di vite, se voi aveste ucciso questi uomini del Nord; ma ora, quando usciranno a ovest dal bosco e riferiranno queste notizie al re di Norvegia, allora potremo aspettarci da lui termini più duri”.

CAPITOLO LXXIX
Egil va da Thorfinn. Il tormento del re Hacon

Egil continuò a viaggiare finché non uscì dal bosco verso ovest. Quella sera si recarono da Thorfinn, dove furono ben accolti: le loro ferite furono fasciate, e vi rimasero diverse notti. Helga, la figlia del padrone, era ora in piedi e guarita dal suo male. Per questo lei e tutta la famiglia ringraziarono Egil. Lui e i suoi si riposarono lì con le loro bestie.
L’uomo che aveva inciso le rune per Helga abitava poco lontano. Ora si seppe che l’aveva chiesta in moglie ma Thorfinn non volle concederla. Allora il figlio del proprietario terriero avrebbe cercato di sedurla, ma lei non acconsentì. Allora pensò di incidere le rune dell’amore, ma non le capì bene, e quelle che incise erano quelle che causarono la malattia.
Quando Egil fu pronto a partire, Thorfinn e suo figlio li scortarono sulla strada; erano così dieci o dodici in compagnia. Andarono con loro tutto il giorno come guardia contro Armod e i suoi carlini. Ma quando si seppe che la banda di Egil avesse combattuto nel bosco contro avversità schiaccianti, e vinto, allora Armod pensò che non ci fosse speranza di alzare lo scudo contro Egil: Perciò stette in casa con tutti i suoi uomini.
Egil e Thorfinn si scambiarono dei doni al momento della separazione e si promisero amicizia. Poi Egil e i suoi uomini se ne andarono, e non si hanno notizie del loro viaggio prima che arrivassero da Thorstein. Lì le loro ferite furono curate. Egil rimase lì fino alla primavera. Thorstein inviò dei messaggeri al re Hacon per portargli il tributo per il quale Egil era andato in Vermaland.
I quali, giunti davanti al re, gli riferirono ciò che era stato fatto nel viaggio di Egil e gli portarono il tributo. Il re era ormai certo che era vero quello che aveva sospettato in precedenza, cioè che il conte Arnvid aveva causato l’uccisione dei due gruppi di messaggeri inviati da lui verso est. Il re disse che Thorstein avrebbe dovuto avere il permesso di dimorare nel paese e riconciliarsi con lui.
Allora i messaggeri tornarono a casa e, giunti da Thorstein, gli dissero che il re era molto soddisfatto di quel viaggio in Vermaland e che Thorstein doveva ora avere riconciliazione e amicizia con il re.
Re Hacon, in estate, si recò a est, a Vik; da lì viaggiò ancora a est, fino a Vermaland, con una grande schiera. Il conte Arnvid fuggì; ma il re impose grandi multe ai proprietari terrieri che riteneva colpevoli nei suoi confronti, secondo il rapporto di coloro che andavano alla ricerca dei tributi. 
Mise a capo del territorio un altro conte, prendendo ostaggi da lui e dai proprietari terrieri. In questa spedizione Hacon andò in lungo e in largo per il Gautland occidentale e lo sottomise, come si racconta nella sua Saga, e si trova nei poemi composti su di lui.
Si racconta anche che andò in Danimarca, che saccheggiò in lungo e in largo.
Fu allora che con due navi sequestrò dodici navi dei danesi e diede a Tryggva, figlio di suo fratello Olaf, il titolo di re e il governo di Vik verso est.
Egil in estate preparò la sua nave mercantile e vi mise un equipaggio. La lunga nave che aveva portato dalla Danimarca in autunno la diede a Thorstein al momento della partenza.
Thorstein diede a Egil dei buoni doni e si promisero una stretta amicizia. Egil mandò messaggeri a Thord, il parente di sua moglie, ad Aurland, e lo incaricò di occuparsi delle terre che Egil possedeva a Sogn e Hordaland, chiedendogli di venderle se ci fosse stato un compratore. E quando Egil fu pronto per il viaggio, salparono lungo la baia e poi verso nord, lungo la costa norvegese, e poi verso il mare aperto. C’era una brezza abbastanza buona e arrivarono dal mare a Borgar-firth, ed Egil guidò la sua nave su per il fiume fino al porto vicino a casa sua. Fece trasportare il suo carico a casa e la sua nave fu sistemata su supporti di legno. Egil tornò a casa sua: la gente era impaziente di vederlo, e lì rimase per quell’inverno.

CAPITOLO LXXX
Dei matrimoni delle figlie di Egil

Quando Egil tornò in Islanda da questo viaggio, l’intera regione era già abitata. Tutti gli originari proprietari terrieri erano morti, ma i loro figli o i figli dei loro figli erano vivi e abitavano nella regione.
C’era un uomo di nome Grim, figlio di Sverting; abitava a Moss-fell più in basso della brughiera; era ricco e di buona famiglia; sua sorella era Rannveig che Thorod, il sacerdote di Olvos, aveva sposato; il loro figlio era Skapti, uomo di legge. Anche Grim fu in seguito uomo di legge. Chiese in moglie Thordis, figlia del fratello di Thorolf Egil e figliastra di Egil. Egil amava Thordis non meno dei suoi figli. Era una donna molto bella. E poiché Egil sapeva che Grim era un uomo ricco, il matrimonio era buono se fosse dato a lui.
Quindi Egil le pagò l’eredità di suo padre, e lei andò a casa con Grim, e i due si fermarono a lungo a Moss-fell.
C’era un uomo di nome Olaf, figlio del figlio di Hauskuld Dale-koll e di Melkorka, figlia di Myrkjartan, re degli irlandesi. Olaf abitava a Hjardarholt in Lax-river-dale, a ovest nelle vallate di Broad-firth. Olaf era molto ricco, l’uomo più bello in Islanda del suo tempo, di carattere nobile.
Chiese in moglie Thorgerdr, la figlia di Egil. Thorgerdr era bella, alta più del solito, saggia, piuttosto orgogliosa, ma gentile nella vita quotidiana. Egil conosceva bene Olaf e sapeva che l’unione era degna, perciò Thorgerdr fu data a Olaf. Lei andò a casa con lui a Hjardarholt. Auzur, il figlio di Eyvind, fratello di Thorod a Olvos, sposò Bera, la figlia di Egil.

CHAPTER LXXXI
Morte di Bodvar: Il poema di Egil

Il figlio Bodvar di Egil stava crescendo proprio ora; era un giovane molto promettente, bello, alto e forte come lo erano stati Egil o Thorolf alla sua età. Egil gli voleva molto bene, e Bodvar era molto affezionato a suo padre. Un’estate accadde che ci fosse una nave a White River, e lì si teneva una grande fiera. Egil aveva comprato lì molto legno, che stava facendo trasportare a casa per via d’acqua; per questo i suoi carles andarono, portando con loro una barca a otto remi che aveva Egil.
Per l’occasione Bodvar li pregò di andare con loro, ed essi glielo permisero. Così egli andò sul posto con i carles della casa. Erano sei in tutto sulla barca a otto remi. E quando dovettero uscire di nuovo, l’acqua alta era in ritardo e, dovendo aspettare il cambio di marea, non partirono fino a tarda sera.
Poi arrivò una violenta burrasca da sud-ovest, contro la quale correva la corrente di riflusso. Questo fece un mare molto agitato nel fiordo, come spesso può accadere. La fine fu che la barca affondò sotto di loro e tutti andarono persi.
Il giorno dopo i corpi furono gettati in mare: Il corpo di Bodvar arrivò a riva a Einars-ness, ma alcuni arrivarono sulla sponda meridionale dell’estuario, dove anche la barca era stata portata, e furono trovati lontano, trovandosi molto vicino a Reykjarhamar.
Egil udì queste notizie quello stesso giorno, e subito cavalcò per cercare i corpi; trovò quello di Bodvar, lo prese e se lo mise sulle ginocchia, e cavalcò con lui fino a Digra-ness, al tumulo di Skallagrim. Poi fece aprire il tumulo e vi depose Bodvar accanto a Skallagrim. Dopodiché il tumulo fu richiuso; questo compito non fu terminato fino al calar della notte.
Egil poi cavalcò fino a Borg, e quando arrivò a casa, andò subito nell’armadio letto chiuso a chiave in cui era solito dormire. Si sdraiò e si chiuse dentro, nessuno aveva il coraggio di parlare con lui.
Si dice che quando deposero Bodvar in terra Egil fosse vestito così: le sue calze erano aderenti alle gambe, indossava un kirtle rosso di fustagno, aderente e allacciata ai lati; ma si dice che i suoi muscoli si congestionarono così tanto per lo sforzo che il kirtle gli si era strappato di dosso, così come le calze.
Il giorno dopo Egil non aprì ancora l’armadio-letto, non aveva né da mangiare né da bere e rimase lì per tutto il giorno e la notte seguente, senza che nessuno osasse parlargli.
Ma il terzo giorno, appena fece chiaro, Asgerdr fece mettere un uomo a cavallo, che cavalcò più forte che poté verso ovest fino a Hjardarholt, per riferire a Thorgerdr tutte queste notizie; erano circa le nove quando ritornò.
Disse a Asgerdr che aveva dato la sua parola e sarebbe venuta subito a sud verso Borg. Thorgerdr fece subito sellarle un cavallo e due uomini la accompagnarono. Cavalcarono quella sera e tutta la notte finché arrivarono a Borg. Thorgerdr entrò subito nell’ingresso. Asgerdr la salutò e le chiese se avessero cenato.
Thorgerdr disse ad alta voce: “Non ho mangiato e non mangerò finché non avrò mangiato con Freyja. Non posso fare meglio di mio padre: non voglio sopravvivere a mio padre e a mio fratello”.
Poi andò all’armadio-letto e gridò: “Padre, apri la porta! Voglio che viaggiamo entrambi sulla stessa strada. Egil aprì la serratura”. Thorgerdr entrò nell’armadio-letto, chiuse di nuovo la porta e si sdraiò su un altro letto che era lì.
Allora Egil disse: “Fai bene, figlia, a seguire tuo padre. Mi hai dimostrato un grande amore. Che speranza c’è che io voglia vivere con questo dolore?”.
Dopo questo rimasero in silenzio per un po’. Poi Egil parlò: “Cosa c’è ora, figlia? Stai masticando qualcosa, vero?”
“Sto masticando finocchio”, disse lei, “perché penso che mi farà male. Altrimenti penso che potrei vivere troppo a lungo”.
“Il finocchio fa male all’uomo?” disse Egil.
“Molto male”, disse lei; “ne vuoi mangiare un po?”.
“Perché non dovrei?” disse.
Poco dopo lei chiamò e chiese loro di darle da bere. Le fu portata dell’acqua.
Allora disse Egil, “Questo viene dal mangiare finocchio, uno ha sempre più sete”.
“Vuoi bere, padre?” disse lei. Prese e ingoiò il liquido in un sorso profondo: era in un corno.
Allora Thorgerdr disse: “Ora siamo ingannati; questo è latte”.
Allora Egil staccò a morsi un pezzo del corno, tutto quello che i suoi denti afferrarono, e gettò il corno a terra.
Allora Thorgerdr disse: “Quale consiglio prenderemo ora? Il nostro scopo è stato sconfitto. Ora io vorrei, padre che dovremmo allungare le nostre vite, in modo che tu possa comporre un poema funebre su Bodvar, e io le seppellirò su un rullo di legno; Dopo di che potremo morire, se vogliamo. Difficilmente, credo, Thorstein tuo figlio riesca a comporre un poema funebre su Bodvar; e sarebbe sconveniente che egli non avesse i riti funebri. Anche se non credo che noi due ci siederemo a bere quando si terrà il banchetto funebre.”
Egil disse che non c’era da aspettarsi che ora potesse comporre, anche se ci avesse provato. “Tuttavia, ci proverò, ” disse.
Egil aveva avuto un altro figlio di nome Gunnar, che era morto poco tempo prima.
Allora Egil iniziò il poema, e questo è l’inizio.

SONA − TORREK (PERDITA DEI FIGLI).

1.

‘Much doth it task me

My tongue to move,

Through my throat to utter

The breath of song.

Poesy, prize of Odin,

Promise now I may not,

A draught drawn not lightly

From deep thought’s dwelling.

2.

‘Forth it flows but hardly;

For within my breast

Heaving sobbing stifles

Hindered stream of song—

Blessèd boon to mortals

Brought from Odin’s kin,

Goodly treasure, stolen

From Giant−land of yore.

3.

‘He, who so blameless

Bore him in life,

O’erborne by billows

With boat was whelmed.

Sea−waves—flood that whilom

Welled from giant’s wound—

Smite upon the grave−gate

Of my sire and son.

4.

‘Dwindling now my kindred

Draw near to their end,

Ev’n as forest−saplings

Felled or tempest−strown.

Not gay or gladsome

Goes he who beareth

Body of kinsman

On funeral bier.

5.

‘Of father fallen

First I may tell;

Of much−loved mother

Must mourn the loss.

Sad store hath memory

For minstrel skill,

A wood to bloom leafy

With words of song.

6.

‘Most woful the breach,

Where the wave in−brake

On the fenced hold

Of my father’s kin.

Unfilled, as I wot,

And open doth stand

The gap of son rent

By the greedy surge.

7.

‘Me Ran, the sea−queen,

Roughly hath shaken:

I stand of beloved ones

Stript and all bare.

Cut hath the billow

The cord of my kin,

Strand of mine own twisting

So stout and strong.

8.

‘Sure, if sword could venge

Such cruel wrong,

Evil times would wait

Ægir, ocean−god.

That wind−giant’s brother

Were I strong to slay,

‘Gainst him and his sea−brood

Battling would I go.

9.

‘But I in no wise

Boast, as I ween,

Strength that may strive

With the stout ships’ Bane.

For to eyes of all

Easy now ‘tis seen

How the old man’s lot

Helpless is and lone.

10.

‘Me hath the main

Of much bereaved;

Dire is the tale,

The deaths of kin:

Since he the shelter

And shield of my house

Hied him from life

To heaven’s glad realm.

11.

‘Full surely I know,

In my son was waxing

The stuff and the strength

Of a stout−limbed wight:

Had he reached but ripeness

To raise his shield,

And Odin laid hand

On his liegeman true.

12.

‘Willing he followed

His father’s word,

Though all opposing

Should thwart my rede:

He in mine household

Mine honour upheld,

Of my power and rule

The prop and the stay.

13.

‘Oft to my mind

My loss doth come,

How I brotherless bide

Bereaved and lone.

Thereon I bethink me,

When thickens the fight

Thereon with much searching

My soul doth muse:

14.

‘Who staunch stands by me

In stress of fight,

Shoulder to shoulder,

Side by side?

Such want doth weaken

In war’s dread hour;

Weak−winged I fly,

Whom friends all fail.

15.

‘Son’s place to his sire

(Saith a proverb true)

Another son born

Alone can fill.

Of kinsmen none

(Though ne’er so kind)

To brother can stand

In brother’s stead.

16.

‘O’er all our ice−fields,

Our northern snows,

Few now I find

Faithful and true.

Dark deeds men love,

Doom death to their kin,

A brother’s body

Barter for gold.

17.

‘Unpleasing to me

Our people’s mood,

Each seeking his own

In selfish peace.

To the happier bees’ home

Hath passed my son,

My good wife’s child

To his glorious kin.

18.

‘Odin, mighty monarch,

Of minstrel mead the lord,

On me a heavy hand

Harmful doth lay.

Gloomy in unrest

Ever I grieve,

Sinks my drooping brow,

Seat of sight and thought.

19.

‘Fierce fire of sickness

First from my home

Swept off a son

With savage blow:

One who was heedful,

Harmless, I wot,

In deeds unblemished,

In words unblamed.

20.

‘Still do I mind me,

When the Friend of men

High uplifted

To the home of gods

That sapling stout

Of his father’s stem,

Of my true wife born

A branch so fair.

21.

‘Once bare I goodwill

To the great spear−lord,

Him trusty and true

I trowed for friend:

Ere the giver of conquest,

The car−borne god,

Broke faith and friendship

False in my need.

22.

‘Now victim and worship

To Vilir’s brother,

The god once honoured,

I give no more.

Yet the friend of Mimir

On me hath bestowed

Some boot for bale,

If all boons I tell.

23.

‘Yea he, the wolf−tamer,

The war−god skilful,

Gave poesy faultless

To fill my soul:

Gave wit to know well

Each wily trickster,

And force him to face me

As foeman in fight.

24.

‘Hard am I beset;

Whom Hela, the sister

Of Odin’s fell captive,

On Digra−ness waits.

Yet shall I gladly

With right good welcome

Dauntless in bearing

Her death−blow bide.’

Egil cominciò a calmarsi man mano che la composizione del poema andava avanti; e quando il poema fu completo, lo portò davanti ad Asgerdr e Thorgerdr e alla sua famiglia. Si alzò dal suo letto e prese posto sul seggio più alto.
Questo poema lo chiamò “La perdita dei figli”.
Successivamente Egil fece tenere il banchetto funebre di suo figlio secondo l’antica usanza. E quando Thorgerdr tornò a casa, Egil la arricchì di buoni doni.

CAPITOLO LXXXII
Le guerre e la morte di Hacon. Poema su Arinbjorn

Per molto tempo Egil dimorò a lungo a Borg e divenne vecchio. Ma non si dice che abbia avuto cause con qui con qualcuno qui nel paese; né c’è una parola di singoli combattimenti, o di guerre e massacri da parte sua dopo che si stabilì qui in Islanda.
Si dice che Egil non andò mai all’estero fuori dall’Islanda dopo gli eventi già raccontati. E per questo la causa principale era che Egil non potesse andare in Norvegia, a causa delle accuse che (come è stato detto prima) i re di lì ritenevano di avere contro di lui. Egli teneva casa in stile munifico, perché il denaro non gli mancava e la sua indole lo portava alla munificenza.
Il re Hacon, figlio adottivo di Athelstan, regnò a lungo sulla Norvegia; ma nell’ultima parte della sua vita i figli di Eric vennero in Norvegia e lottarono con lui per il regno, ed ebbero battaglie insieme, dove Hacon ebbe sempre la vittoria.
L’ultima battaglia fu combattuta in Hordaland, sull’isola di Stord, a Fitjar: lì il re Hacon vinse, ma fu anche ferito a morte.
Dopo di che i figli di Egil presero il regno di Norvegia.
Lord Arinbjorn era con il figlio di Harold, Eric, e fu fatto suo consigliere, ed ebbe da lui grandi onori. Egli era comandante delle sue forze e difensore della terra. Arinbjorn era un grande guerriero e vittorioso guerriero. Fu governatore della gente del Firth.
Egil Skallagrimsson sentì queste notizie sul cambio di re in Norvegia, e su come Arinbjorn fosse tornato alle sue proprietà in Norvegia, e lì era in grande onore.
Allora Egil compose un poema su Arinbjorn, di cui questo è l’inizio:

L’EPOPEA DI ARINBJORN, O UNA PARTE DI ESSA.

1.

‘For generous prince

Swift praise I find,

But stint my words

To stingy churl.

Openly sing I

Of king’s true deeds,

But silence keep

On slander’s lies.

2.

‘For fabling braggarts

Full am I of scorn,

But willing speak I

Of worthy friends:

Courts I of monarchs

A many have sought,

A gallant minstrel

Of guileless mood.

3.

‘Erewhile the anger

Of Yngling’s son

I bore, prince royal

Of race divine.

With hood of daring

O’er dark locks drawn

A lord right noble

I rode to seek.

4.

‘There sate in might

The monarch strong,

With helm of terror

High−throned and dread;

A king unbending

With bloody blade

Within York city

Wielded he power.

5.

‘That moon−like brightness

Might none behold,

Nor brook undaunted

Great Eric’s brow:

As fiery serpent

His flashing eyes

Shot starry radiance

Stern and keen.

6.

‘Yet I to this ruler

Of fishful seas

My bolster−mate’s ransom

Made bold to bear,

Of Odin’s goblet

O’erflowing dew

Each listening ear−mouth

Eagerly drank.

7.

‘Not beauteous in seeming

My bardic fee

To ranks of heroes

In royal hall:

When I my hood−knoll

Wolf−gray of hue

For mead of Odin

From monarch gat.

8.

‘Thankful I took it,

And therewithal

The pit−holes black

Of my beetling brows;

Yea and that mouth

That for me bare

The poem of praise

To princely knees.

9.

‘Tooth−fence took I,

And tongue likewise,

Ears’ sounding chambre

And sheltering eaves.

And better deemed I

Than brightest gold

The gift then given

By glorious king.

10.

‘There a staunch stay

Stood by my side,

One man worth many

Of meaner wights,

Mine own true friend

Whom trusty I found,

High−couraged ever

In counsels bold.

11.

‘Arinbjorn

Alone us saved—

Foremost of champions—

From fury of king;

Friend of the monarch

He framed no lies

Within that palace

Of warlike prince.

12.

‘Of the stay of our house

Still spake he truth,

(While much he honoured

My hero−deeds)

Of the son of Kveldulf,

Whom fair−haired king

Slew for a slander,

But honoured slain.

13.

‘Wrong were it if he

Who wrought me good,

Gold−splender lavish,

Such gifts had cast

To the wasteful tract

Of the wild sea−mew,

To the surge rough−ridden

By sea−kings’ steeds.

14.

‘False to my friend

Were I fairly called,

An untrue steward

Of Odin’s cup;

Of praise unworthy,

Pledge−breaker vile,

If I for such good

Gave nought again.

15.

‘Now better seeth

The bard to climb

With feet poetic

The frowning steep,

And set forth open

In sight of all

The laud and honour

Of high−born chief.

16.

‘Now shall my voice−plane

Shape into song

Virtues full many

Of valiant friend.

Ready on tongue

Twofold they lie,

Yea, threefold praises

Of Thorir’s son.

17.

‘First tell I forth

What far is known,

Openly bruited

In ears of all;

How generous of mood

Men deem this lord,

Bjorn of the hearth−fire

The birchwood’s bane.

18.

‘Folk bear witness

With wond’ring praise,

How to all guests

Good gifts he gives:

For Bjorn of the hearth−stone

Is blest with store

Freely and fully

By Frey and Njord.

19.

‘To him, high scion

Of Hroald’s tree,

Fulness of riches

Flowing hath come;

And friends ride thither

In thronging crowd

By all wide ways

‘Neath windy heaven.

20.

‘Above his ears

Around his brow

A coronal fair,

As a king, he wore.

Beloved of gods,

Beloved of men,

The warrior’s friend,

The weakling’s aid.

21.

‘That mark he hitteth

That most men miss;

Though money they gather,

This many lack:

For few be the bounteous

And far between,

Nor easily shafted

Are all men’s spears.

22.

‘Out of the mansion

Of Arinbjorn,

When guested and rested

In generous wise,

None with hard jest,

None with rude jeer,

None with his axe−hand

Ungifted hie.

23.

‘Hater of money

Is he of the Firths,

A foe to the gold−drops

Of Draupnir born.

. . . . .

24.

‘Rings he scatters,

Riches he squanders,

Of avarice thievish

An enemy still.

. . . . .

25.

‘Long course of life

His lot hath been,

By battles broken,

Bereft of peace.

. . . . .

26.

‘Early waked I,

Word I gathered,

Toiled each morning

With speech−moulding tongue.

A proud pile built I

Of praise long−lasting

To stand unbroken

In Bragi’s town.’

CAPITOLO LXXXIII.

Del figlio di Einar Helgi e di Egil.

C’era un uomo di nome Einar. Era il figlio di Helgi, il figlio di Ottar, il figlio di Bjorn Easterling, che prese terra a Broad-firth. Einar era fratello di Osvif il veggente. Einar in giovane età era alto e forte, e molto coraggioso. Iniziò a comporre poesie quando era molto giovane, ed era desideroso di imparare.
Un’estate al Thing, Einar andò allo stand di Egil Skallagrimsson, e cominciarono a chiacchierare e ben presto la loro conversazione prese questa piega e parlarono di poesia. In questa conversazione entrambi trovarono piacere. Da allora Einar andò spesso a parlare con Egil, e tra loro nacque una grande amicizia. Einar non tornò dopo molto tempo in Islanda da un viaggio all’estero.
Egil chiese a Einar molte notizie dall’est e sui suoi amici, e anche di quelli che considerava suoi nemici. Chiese anche molto sugli uomini di rango. Einar a sua volta chiese a Egil degli eventi accaduti nei suoi viaggi, e delle sue imprese. Questa conversazione piacque a Egil, e fu portata avanti alacremente. Einar chiese a Egil in quale occasione la sua abilità fosse stata più duramente messa alla prova; lo pregò di dirglielo.

Egil allora cantò:

‘One with eight I battled,

Eleven faced I twice,

Made for wolf a meal,

Myself the bane of all.

Shields shook by sword−strokes

Smitten fast and furious;

Angry fire forth−flashing

Flew my ashen spear.’

Egil ed Einar s’impegnarono all’amicizia al momento della separazione. Einar stette a lungo all’estero dall’Islanda con uomini di rango. Einar era aperto e spesso a corto di denaro, ma di buon cuore e virile. Era nella guardia del corpo del figlio del conte Hacon Sigurd.
A quel tempo c’era molta guerra in Norvegia, e battaglie tra il conte Hacon e i figli di Eric; e ora l’uno, ora l’altro, erano cacciati dal paese.
Il re Harold, il figlio di Eric, cadde a sud in Danimarca, a Hals nel Lima-firth; ciò avvenne per tradimento. Stava combattendo contro il figlio di Harold Knut, che si chiamava Gold-Harold, e poi contro il conte Hacon. Lì cadde con il re Harold, anche lord Arinbjorn, di cui si è già detto molto. E quando Egil seppe della caduta di Arinbjorn, allora cantò:

‘Mead−givers, glorious men,

Gold−spending warrior wights

Are spent and gone. Where seek

Such lavish donors now?

Erewhile, beyond the sea,

Earth’s islet−studded belt,

Such on my high hawk−perch

Hailed down the silver shower.’

Il figlio di Einar, Helgi il poeta fu soprannominato Skala-glam. Ha composto una drapa in onore del conte Hacon, che si chiama “Dearth of Gold”; e per molto tempo il conte non volle ascoltare la poesia perché era adirato con Einar.

Allora Einar cantò:

‘Song made I on a chief

Supreme o’er land enthroned;

While others slept, I wrought,

Whereof I much repent.

Hither the earl to seek

Eager I came, nor thought

From brave free−handed prince

Far−comers worse would fare.’

E inoltre cantò:

‘Seek we that earl whose sword

Spreads banquet for the wolf:

To Sigvald’s ship well−oared,

Shield−fenced, my sword I lend.

Wielder of wound−snake, he

Will not my succour scorn:

I to his sea−borne barque

My buckler now will bear.’

Il conte non voleva che Einar se ne andasse; così concesse un’udienza al poema, e poi regalò a Einar uno scudo, che era un’opera molto costosa. Era inciso con vecchie storie e tra le scritte erano sovrapposti dei lustrini d’oro con pietre preziose incastonate. Einar andò in Islanda e alloggiò presso suo fratello Osvif; e in autunno cavalcò verso est e venne a Borg, dove fu ospite. Egil non era allora in casa, essendo andato nella parte settentrionale del distretto, ma era atteso a casa. Einar lo aspettò per tre notti: più di tre notti non era consuetudine fermarsi per una visita amichevole.
Einar si preparò a partire; ma quando fu pronto, andò al posto di Egil nella sala, e lì appese il prezioso scudo, e disse ai carles della casa che lo aveva lasciato come regalo per Egil. Poi se ne andò a cavallo. Ma quello stesso giorno Egil tornò a casa.
E quando entrò a casa sua, vide lo scudo, e chiese di chi fosse quella costosa opera. Gli fu detto che Einar Skala-glam era venuto lì e aveva lasciato lo scudo come regalo per lui.
Allora Egil disse: “Che uomo miserabile, l’ha dato! Intende dire che dovrei stare sveglio e comporre poesie sul suo scudo. Ora, porta il mio cavallo. Devo inseguirlo e ucciderlo”.
Gli fu detto che Einar era partito di mattina presto.
“Sarà”, dissero, “ormai giunto verso ovest, nelle valli”. Poco dopo Egil compose un poema, di cui questo è l’inizio:

‘Of shield, the ship’s bright guard,

To show the praise ”tis time,

Home to my hand is given

The treasure−sender’s gift.

Sure hath Skala−glam

To skilful guidance lent

(Speak, ye who list my lay)

The reins of minstrel lore.’

Egil ed Einar rimasero amici finché vissero entrambi. Ma a proposito della fortuna dello scudo, alla fine si racconta che Egil lo portò con sé al matrimonio quando andò a nord a Broadmoor con Thorkettle il figlio di Gunnvald e i figli di Red-Bjorn, Trefill e Helgi. Lì lo scudo si rovinò cadendo in una vasca di siero di latte acido. Dopo questo Egil fece togliere gli ornamenti esterni: e c’erano dodici once d’oro nei lustrini.

CAPITOLO LXXXIV
Del figlio di Egil, Thorstein

Il figlio di Egil, Thorstein quando crebbe divenne un uomo molto bello, con i capelli bianchi e il viso luminoso. Era alto e forte, ma non quanto suo padre. Thorstein era saggio, gentile, tranquillo, calmo al di sopra degli altri uomini. Egil lo amava poco; né Thorstein era affettuoso con suo padre; ma Asgerdr e Thorstein si volevano molto bene.
Egil cominciava a invecchiare molto. Un’estate Thorstein cavalcò verso il Thing ma Egil rimase a casa. Prima che Thorstein uscisse da casa, lui e Asgerdr riuscirono a prendere dal petto di Egil, a sua insaputa, la veste di seta regalatagli da Arinbjorn, e Thorstein la portò al Thing. Ma quando la indossò al Thing, strusciò le parti basse e si sporcarono sull’orlo mentre andava alla collina delle leggi.
E quando tornò a casa, Asgerdr mise la veste nello scrigno dov’era prima. Molto tempo dopo, quando Egil aprì lo scrigno, e trovò che la veste era rovinata, e chiese ad Asgerdr come fosse successo. Lei gli disse la verità.
Allora Egil cantò: 

‘Him who from me inherits

I hold no worthy heir.

A son deceives me living,

Deceit I call his deed.

Well might he, wave−horse−rider,

Wait but awhile, till me

Sea−skimming shipmen cover

With shroud of piled stones.’

Thorstein sposò Jofridr, figlia di Gunnar figlio di Hlif: sua madre era Helga figlia di Olaf Feilan, sorella di Thord Gellir. Jofridr era già stata moglie di Thorod, figlio di Tongue-Odd. Poco dopo Asgerdr morì. Dopo la sua morte Egil lasciò la sua casa a Thorstein, e andò a sud a Moss-fell da Grim, suo genero, perché amava Thordis, la sua figliastra, più di tutti quelli che vivevano allora.
Un’estate arrivò una nave che entrò nella Loam Bay, guidata da un uomo chiamato Thormod. Era un norvegese, un carles del figlio di Thorstein Thora. Doveva portare con sé uno scudo, che Thorstein aveva mandato a Egil Skallagrimsson: era un tesoro prezioso. Thormod portò lo scudo a Egil, che lo ricevette con gratitudine.
Nell’inverno seguente Egil compose una drápa sul dono dello scudo, si chiama Buckler-poem, e questo è l’inizio:

‘List to the stream of lay

From long−haired Odin flowing,

Thane of a king, and bid

Thy folk due silence keep.

For thee, sea−raven’s ruler,

Rained from the eagle’s beak

Full oft shall shower of song

In Horda’s shore be heard.’

Il figlio di Egil, Thorstein viveva a Borg. Aveva due figli illegittimi, Hrifla e Hrafn. Ma dopo il suo matrimonio lui e Jofridr ebbero dieci figli. Helga la bella era la loro figlia, per la quale litigarono Skald-Hrafn e Gunnlaug Wormstongue. Grim era il loro primogenito, il secondo Skuli, il terzo Thorgeir, il quarto Kollsvein, il quinto Hjorleif, il sesto Hall, il settimo Egil, l’ottavo Thord. L’altra figlia era Thora, che era sposata con il figlio di Thormod Kleppjarn.
Dai figli di Thorstein nacque una grande progenie e molti grandi uomini. Essi sono chiamati Myra-men, tutti questi, derivano da Skallagrim.

CAPITOLO LXXXV
Di Aunund Sjoni e di suo figlio Steinar

Aunund Sjoni abitava ad Anabrekka, mentre Egil abitava a Borg. Aunund sposò Thorgerdr, figlia di Thorbjorn il robusto, di Snæfell-strand; i figli di Aunund e di sua moglie erano il figlio Steinar e la figlia Dalla. E quando Aunund divenne vecchio e la sua vista si affievolì, lasciò la gestione della casa a Steinar, suo figlio. Padre e figlio avevano molta ricchezza.
Steinar era più alto e forte degli altri uomini, malandato, curvo, lungo nelle gambe e di vita stretta Era un uomo molto rissoso, veemente, prepotente e ostinato, un tipo molto energico.
E quando il figlio di Thorstein Egil venne ad abitare in Borg, ci fu subito una certa freddezza tra lui e Steinar.
A sud di Hafs-brook si trova una brughiera chiamata Stack-moor. In inverno è sott’acqua, ma in primavera, quando il ghiaccio si rompe, c’è un pascolo così buono per il bestiame, che era considerato uguale a una balla di fieno. Il ruscello Hafs segnava il confine, ma in primavera il bestiame di Steinar invadeva molto spesso Stack-moor, quando era condotto al ruscello Hafs, e i carli di Thorstein se ne lamentavano.
Steinar non ci fece caso, e così le cose andarono avanti per la prima estate senza che accadesse nulla.
Ma nella seconda primavera Steinar continuò a prendersi il pascolo; perciò Thorstein ne parlò con lui, ma a bassa voce, chiedendogli di controllare il pascolo del suo bestiame, come si faceva una volta. Steinar disse che il bestiame doveva andare dove voleva. Parlò dell’intera questione con ostinazione, e lui e Thorstein ebbero una discussione al riguardo.
Thorstein allora fece riportare il bestiame nella brughiera oltre Hafs-brook. Quando Steinar lo seppe, incaricò Grani, il suo scudiero, di stare vicino al bestiame a Stack-moor, e lui si sedette lì ogni giorno.
Questo accadeva nella seconda parte dell’estate: tutti i pascoli a sud di Hafs-brook erano stati pascolati.
Un giorno Thorstein salì su una collinetta per guardarsi intorno. Vide, dove si muoveva il bestiame di Steinar. Uscì nella brughiera: era giorno inoltrato. Vide che il bestiame si era ormai spinto lontano nella conca di Fenny. Thorstein corse fuori nella brughiera. E quando Grani lo vide, spinse il bestiame via velocemente fino alla stalla di mungitura. Thorstein lo seguì, e lui e Grani s’incontrarono al cancello. Thorstein lo uccise lì; e da allora è stato chiamato il cancello di Grani: è nel muro del recinto. Thorstein tirò giù il muro sopra Grani, e così coprì il suo corpo.
Poi tornò a casa a Borg, ma le donne che vennero alla stalla per la mungitura trovarono Grani dove giaceva. Dopodiché lo portarono a casa e raccontarono la notizia a Steinar. Steinar lo seppellì su fianco della collina, e presto prese un altro schiavo per accompagnare il bestiame, il cui nome non è detto.
Thorstein fece come se non sapesse nulla del pascolo per il resto dell’estate.
Ora accadde che Steinar all’inizio dell’inverno andò a Snæfell-strand e vi rimase per un po’. Lì vide uno schiavo di nome Thrand, che era alto e forte più degli altri uomini. Steinar, volendo comprarlo, fece un’offerta molto alta; ma il suo padrone lo valutò tre marchi d’argento, che era il doppio del prezzo di un comune schiavo, e a questa somma l’affare fu concluso. Steinar portò Thrand a casa con lui, e quando tornarono a casa, Steinar parlò con Thrand:
“Ora risolvi le cose in modo che io abbia il lavoro da te. Ma siccome tutto il lavoro è già stato organizzato, ti affiderò un compito che non ha che pochi problemi: dovrai sedere accanto al mio bestiame. Ci tengo molto che siano ben tenuti al pascolo. Non voglio che tu segua altre regole che le tue, portandole dove il pascolo nella brughiera è migliore. Non sono in grado di giudicare un uomo se non hai il coraggio e la forza sufficienti per tener testa a qualsiasi carles di Thorstein”.
Steinar mise in mano a Thrand una grande ascia, la cui lama era lunga un braccio ed era affilata come un rasoio. “Questo penso di te, Thrand”, disse Steinar, “che non considererai l’autorità di Thorstein se voi due foste faccia a faccia”.
Thrand rispose: “Non ho nessun dovere, come credo, verso Thorstein; e mi sembra di capire il lavoro che mi hai affidato. Tu pensi di rischiare poco dove sono io; e credo che ne uscirò bene se io e Thorstein metteremo alla prova le nostre forze insieme”.
Dopo questo Thrand si occupò del bestiame.
Prima che fosse lì da molto tempo, capì, dove Steinar aveva fatto portare il suo bestiame, e si sedette accanto a loro a Stack-moor. Quando Thorstein se ne accorse, mandò un carles a cercare Thrand, chiedendogli di indicargli il confine tra la sua terra e quella di Steinar. Quando il carles arrivò da Thrand, gli raccontò la sua missione e gli disse di portare il bestiame dall’altra parte, dicendo che la terra su cui si trovava apparteneva al figlio di Thorstein Egil.
Thrand rispose: “Non m’interessa minimamente a chi appartiene la terra; porterò il bestiame dove penso che il pascolo sia migliore”. Poi si separarono: il carles tornò a casa e gli riferì la risposta dello schiavo.
Thorstein lasciò riposare la questione, e Thrand si mise a sedere accanto al bestiame notte e giorno.

CAPITOLO LXXXVI
Uccisione di Thrand

Una mattina Thorstein si alzò con il sole e salì sulla collina. Vide dov’era il bestiame di Steinar. Allora Thorstein uscì nella brughiera finché non arrivò al bestiame.
C’è una roccia con alberi vicino al ruscello Hafs; su di essa Thrand stava dormendo, dopo essersi tolto le scarpe. Thorstein montò sulla roccia: aveva in mano un’ascia non molto grande e nessun’altra arma. Con l’asta dell’ascia toccò Thrand e lo fece svegliare. Egli saltò su rapidamente e improvvisamente, afferrò l’ascia con entrambe le mani e la sollevò in alto, e chiese a Thorstein cosa volesse.
Egli rispose: “Voglio dirti che questa terra è mia; tuo è il pascolo oltre il ruscello. Non c’è da meravigliarsi se non conosci ancora i punti di riferimento qui”.
Disse Thrand: “Non ha importanza per me a chi appartiene la terra: Lascerò che il bestiame stia dove vuole”.
“Credo”, disse Thorstein, “che voglio essere io stesso, e non gli schiavi di Steinar, a governare la mia terra”.
Disse Thrand: “Thorstein, sei un uomo molto più sciocco di quanto pensassi, se vuoi passare agli ‘alloggi-notturni’ sotto la mia ascia e rischiare i tuoi onori per questo. Mi sembra, da quello che vedo, di avere il doppio della tua forza; né mi manca il coraggio: sono anche meglio armato di te”.
Thorstein rispose: “Questo rischio lo correrò, se tu non farai come dico io riguardo al pascolo. Spero che la nostra buona fortuna sia molto diversa, così come la giustizia della nostra causa”.
Thrand disse: “Ora vedrai, Thorstein, se ho paura delle tue minacce”. E con questo Thrand si sedette e si allacciò la scarpa. Ma Thorstein sollevò rapidamente la sua ascia e colpì il collo di Thrand in modo che la sua testa cadde in avanti sul suo petto. Poi Thorstein ammucchiò delle pietre su di lui e coprì il suo corpo; fatto questo, tornò a casa a Borg.
Quel giorno il bestiame di Steinar tardava a tornare a casa; e quando sembrava che non ci fossero più speranze del loro arrivo, Steinar prese il suo cavallo, lo sellò e si armò completamente. Cavalcò verso Borg. Quando arrivò lì, trovò degli uomini con cui parlare e chiese dove fosse Thorstein. Gli fu detto che era seduto all’interno. Allora Steinar chiese che uscisse; aveva (disse) una commissione con lui. Quando Thorstein lo seppe, prese le sue armi e uscì dalla porta. Poi chiese a Steinar quale fosse la sua missione. ‘Hai ucciso Thrand, il mio schiavo?’ disse Steinar. ‘L’ho fatto davvero’, disse Thorstein; “non c’è bisogno che tu lo attribuisca a nessun altro”.
“Allora vedo”, disse Steinar, “che intendi sorvegliare la tua terra con la mano forte, visto che hai ucciso i miei due schiavi; ma non mi sembra una grande impresa. Ora ti offro una scelta di gran lunga migliore, se vuoi custodire la tua terra con la forza: non affiderò ad altri uomini la guida del mio bestiame, ma siate certi di questo, il bestiame sarà sulla vostra terra sia notte e giorno”.
‘Così è,’ disse Thorstein, “ho ucciso l’estate scorsa il tuo schiavo, che hai messo a pascolare il bestiame sulla mia terra, ma poi ti ho lasciato il pascolo come volevi fino all’inverno. Ora ho ucciso un altro tuo schiavo, per la stessa colpa del precedente. Ancora una volta avrai il nutrimento da ora fino all’estate, come vuoi. Ma l’estate prossima, se pascolerai sulla mia terra e metterai degli uomini a condurvi il tuo bestiame, allora continuerò a uccidere per te ogni uomo che si occupa di loro, anche se si tratta di te stesso. Farò così tutte le estati, finché tu ti atterrai al modo di pascolare che hai iniziato”.
Allora Steinar cavalcò via e tornò a casa a Brekka. E poco tempo dopo Steinar cavalcò fino a Stafar-holt, dove viveva Einar. Era un prete. Steinar gli chiese aiuto e gli offrì del denaro.
Einar disse: “Il mio aiuto ti servirà a poco, a meno che altri uomini d’onore non ti sostengano in questa causa”. Dopo di che Steinar cavalcò fino a Reykjar-dale per vedere Tongue-Odd, e gli chiese aiuto e gli offrì del denaro. Odd prese il denaro, e promise il suo aiuto; doveva rafforzare Steinar a fare giustizia di Thorstein. Poi Steinar cavalcò verso casa.
In primavera Odd ed Einar andarono con Steinar nel viaggio di convocazione, portando una grande compagnia. Steinar convocò Thorstein per l’uccisione degli schiavi, e reclamò come pena per ogni uccisione il reato minore di fuorilegge. Perché questa era la legge, quando i servi di qualcuno erano uccisi, e la multa per i servi non veniva portata al proprietario prima della terza alba. Ma due imputazioni di fuorilegge minore equivalevano a una di fuorilegge totale.
Thorstein non presentò alcuna controdenuncia per nessuna accusa. E subito dopo mandò degli uomini verso sud a Ness, che arrivarono a Grim a Moss-fell e lì riferirono queste notizie.
Egil non mostrò molto interesse al riguardo, ma apprese tranquillamente dalle domande quello che era successo tra Thorstein e Steinar, e anche di coloro che avevano rafforzato Steinar in questa causa. Poi i messaggeri tornarono a casa, e Thorstein sembrava molto soddisfatto del loro viaggio.
Il figlio di Egil, Thorstein portò una numerosa compagnia alla Thing di primavera; egli vi giunse una notte prima degli altri uomini, ed essi coprirono i loro stand, lui e i Thingmen che avevano gli stand lì.
E quando ebbero fatto tutti i preparativi, Thorstein diede ordine ai suoi uomini del Thing di mettersi al lavoro, e costruirono lì grandi muri per le cabine. Poi fece costruire un tetto in una cabina molto più grande delle altre che erano lì. In questa cabina non c’erano uomini.
Anche Steinar cavalcò verso il Thing con una numerosa compagnia, così come Tongue-Odd ed Einar da Stafar-holt; coprirono anch’essi le loro cabine. Il Thing era molto pieno. Gli uomini perorarono le loro cause. Thorstein non offrì alcuna espiazione per se stesso, ma a coloro che consigliavano l’espiazione, rispose che intendeva attenersi al giudizio. Disse che riteneva che la causa per cui Steinar era venuto, per l’uccisione dei suoi schiavi, valesse poco;  Gli schiavi di Steinar, sosteneva, avevano fatto abbastanza da meritare la morte.
Steinar era molto sicuro della sua causa: aveva, secondo lui, delle accuse valide dal punto di vista legale e degli aiutanti abbastanza forti da conquistare i suoi diritti. Quindi era molto impetuoso nella sua causa.
Quel giorno gli uomini si recavano al Thing-brink (orlo) e presentavano le loro istanze; e la sera i giudici dovevano uscire per giudicare le cause. Thorstein era lì con il suo seguito; aveva l’autorità principale per quanto riguarda le regole del Thing, perché così era stato da quando Egil aveva il sacerdozio e il comando. Entrambe le parti erano completamente armate.
E ora si vide dal Thing che una truppa di uomini stava cavalcando lungo il fiume Cleave con scudi scintillanti. E quando entrarono nel Thing, c’era in testa un uomo con un mantello blu. Aveva in testa un elmo dorato, al suo fianco uno scudo rivestito d’oro, in mano una lancia spinata la cui base era ricoperta d’oro, e una spada alla cintura.
Lì era venuto il figlio di Skallagrim, Egil con ottanta uomini, tutti ben armati, come se fossero pronti a combattere. Era una compagnia scelta: Egil aveva portato con sé i figli dei migliori proprietari terrieri dei Nessi meridionali, quelli che riteneva più bellicosi.
Con questa truppa Egil si recò fino allo stand che Thorstein aveva fatto coprire, una cabina fino allora vuota. Scesero da cavallo. E quando Thorstein si accorse dell’arrivo di suo padre, gli andò incontro con tutta la sua truppa e gli diede il benvenuto.
Egil e i suoi uomini fecero portare il loro equipaggiamento da viaggio nello stand e i loro cavalli furono messi al pascolo.
Fatto questo, Egil e Thorstein con tutta la truppa salirono alla rupe del Thing, e si sedettero dove erano soliti sentire.
Poi Egil si alzò e parlò a voce alta: “Aunund Sjoni è qui sul Thing-brink?” Aunund rispose che era lì. E disse: “Sono contento, Egil, che tu sia venuto. Questo sistemerà tutta la disputa tra questi uomini”.
“E’ per tuo consiglio”, disse Egil, “che tuo figlio Steinar ha mosso un’accusa contro mio figlio Thorstein e ha radunato molta gente a questo scopo, per fare di Thorstein un reietto?”
“Non sono io la causa”, disse Aunund, “che stanno litigando.
Ho speso molte parole e ho pregato Steinar di riconciliarsi con Thorstein; perché in ogni caso avrei risparmiato la disgrazia a tuo figlio Thorstein; e una buona ragione per questo è l’amorevole amicizia di un tempo che c’è stata tra noi due, Egil, da quando siamo cresciuti qui come vicini di casa”.
“Sarà presto chiaro”, disse Egil, “se lo dici come verità o come parole vane; anche se penso che quest’ultime difficilmente può essere. Ricordo il giorno in cui uno di noi due ha ritenuto incredibile che uno accusasse l’altro, o che noi non controllassimo i nostri figli dall’andare avanti con una follia come ho sentito dire che questa è come se fosse una prova. A me sembra un consiglio giusto, mentre entrambi viviamo e siamo così interessati al loro litigio, quello di prendere la causa nelle nostre mani e metterla a tacere, e non lasciare che Tongue-Odd ed Einar facciano incitare i nostri figli come cavalli da combattimento. Che d’ora in poi trovino un altro modo di fare soldi”.
Allora Aunund si alzò e parlò: “Dici bene, Egil; e non ci conviene essere in una cosa dove i nostri figli litigano. Non sarà mai nostra la vergogna di non aver avuto la virilità di riconciliarli. Ora, Steinar, voglio che tu dia questa causa nelle mie mani e che me ne occupi come voglio”.
“Non sono sicuro”, disse Steinar, “che abbandonerò così la mia causa; perché ho già cercato l’aiuto di grandi uomini. Ora porterò la mia causa a un risultato che soddisfi Odd ed Einar”.
Allora Odd e Steinar parlarono insieme.
Odd disse: “Ti darò, Steinar, l’aiuto che ti ho promesso per ottenere la giustizia, o per l’esito della causa che tu vorrai accettare. Tu sarai principalmente responsabile di come andrà la tua causa, se Egil ne sarà il giudice”.
Al che Aunund disse: “Non ho bisogno di lasciare questa questione alla lingua di Odd. Di lui non ho avuto né bene né male; ma Egil mi ha fatto molto di buono. Mi fido di lui molto più di altri; e farò a modo mio. Sarà a tuo vantaggio non avere tutti noi nelle tue mani. Finora ho governato per entrambi e lo farò ancora”.
Steinar disse: “Hai ragione, sei impaziente per questa causa, padre; ma credo che spesso ce ne pentiremo”.
Dopodiché Steinar affidò la causa ad Aunund perché la portasse avanti o si accordasse secondo la legge. E non appena Aunund ebbe la gestione di questa causa, andò a cercare il padre e il figlio, Thorstein ed Egil.
Allora Aunund disse: “Ora voglio, Egil, che tu sia il solo a modellare e tosare in questa faccenda come vuoi, perché mi fido di te per trattare questa mia causa come tutte le altre”.
Allora Thorstein e Aunund si presero per mano e nominarono dei testimoni, dichiarando inoltre che Egil Skallagrimsson avrebbe dovuto giudicare questa causa, come voleva, senza appello, allora e lì al Thing.
E così finì questa causa.
Ora gli uomini tornarono a casa nei loro stand. Thorstein fece condurre tre buoi alla cabina di Egil e li fece macellare per il banchetto del Thing.
E quando Tongue-Odd e Steinar tornarono al loro stand, Odd disse: “Ora tu, Steinar, e tuo padre avete deciso la questione della tua causa. Ora mi dichiaro libero da debiti nei tuoi confronti, Steinar, per quanto riguarda l’aiuto che ti avevo promesso; perché era stato concordato tra noi che ti avrei aiutato a portare a termine la tua causa, o a raggiungere il risultato che ti avrebbe soddisfatto; io sono libero, dico, qualunque siano le condizioni che ti ha stabilito Egil”.
Steinar disse che Odd l’aveva aiutato bene e con onore, e che la loro amicizia sarebbe stata più stretta di prima.
“Ti dichiaro, ” disse, “libero dal debito nei miei confronti per quanto riguarda quello cui eri legato”.
La sera i giudici uscirono; ma non accadde nulla che debba essere raccontato.

CAPITOLO LXXXVII
Di Egil e Aunund Sjoni

Il giorno dopo Egil Skallagrimsson si recò alla Thing-brink, e con lui Thorstein e tutta la loro compagnia. Vennero anche Aunund e Steinar, Tongue-Odd, Einar e compagnia. E quando le arringhe della legge furono finite, allora si alzò Egil e parlò così: Steinar e Aunund, padre e figlio, sono presenti, così che possano ascoltare le mie parole? Aunund rispose che erano presenti.
“Allora io”, disse Egil, “pronuncerò la mia sentenza tra Steinar e Thorstein. Comincio la causa con questo: Grim mio padre venne su quest’isola e prese con sé tutta la terra di Myrar e il distretto intorno e si scelse una casa a Borg e si assegnò un appezzamento di terra, ma diede ai suoi amici la scelta di una terra al di fuori di essa, nella quale si sono poi stabiliti. Ad Ani diede un podere ad Anabrekka, dove Aunund e Steinar hanno vissuto finora. Lo sappiamo tutti, Steinar, quali sono i punti di riferimento tra Borg e Anabrekka, che il principale è Hafs-brook. Ora, dunque, non per ignoranza, Steinar, hai agito pascolando sulla terra di Thorstein, perché tu, Steinar, e tu, Aunund, dovreste sapere che Ani ha ricevuto la terra di mio padre Grim; ma tu hai invaso la sua terra, pensando che sarebbe stato così degenerato da sottomettersi docilmente al tuo furto. Ma Thorstein ha ucciso due tuoi schiavi. Ora è evidente a tutti che questi sono morti per le loro malefatte, e sono quindi inespiabili, anzi, anche se fossero stati uomini liberi, se fossero stati inespiabili, non si sarebbe potuta chiedere alcuna multa per loro. Ma per quanto riguarda te, Steinar, visto che hai pensato di derubare mio figlio Thorstein della sua proprietà che ha preso con la mia autorità, e che io ho preso per eredità dopo mio padre, perderai la tua terra ad Anabrekka, e non avrai alcun pagamento per la stessa. Inoltre, non possederai né casa né alloggio qui nel distretto a sud di Long River. E devi lasciare Anabrekka prima che siano trascorsi i giorni di transizione; altrimenti, subito dopo i suddetti giorni, potrai essere impunemente ucciso da chiunque voglia aiutare Thorstein, se ti rifiuti di andartene o se infrangi una qualsiasi di queste condizioni che ho pronunciato per te”.
E quando Egil si sedette, allora Thorstein nominò i testimoni della sua sentenza.
Allora parlò Aunund Sjoni: “Si dirà, Egil, che questa sentenza che hai dato e pronunciato è molto ingiusta. E quello che ho da dire è questo: finora ho fatto tutto quello che potevo per evitare la lite, ma d’ora in poi non risparmierò di fare il possibile per danneggiare Thorstein”.
“Questo prevedo”, disse Egil, “che più a lungo durerà la nostra lite, peggiore sarà la fortuna tua e di tuo figlio. Pensavo che avessi saputo Aunund, che io ho tenuto testa a uomini tanto grandi quanto te e tuo figlio. Ma Odd ed Einar, che si sono buttati così avidamente in questa causa, ne hanno tratto il giusto onore”.

CAPITOLO LXXXVIII
Di Thorgeir

Al Thing c’era Thorgeir Blund, il figlio della sorella di Egil, che aveva aiutato molto Thorstein in questa causa. Chiese a padre e figlio di dargli un po’ di terra nella brughiera. Finora aveva abitato a sud del fiume Bianco, sotto Blunds-water. Egil accolse bene la richiesta e convinse Thorstein a lasciarlo venire lì. Così stabilirono Thorgeir ad Anabrekka, e Steinar si trasferì al di là del Long River e si stabilì a Leiru-brook. Egil cavalcò verso sud, verso Ness, e padre e figlio si separarono amichevolmente.
Con Thorstein c’era un uomo di nome Iri, più svelto e perspicace degli altri; era uno straniero, un liberto di Thorstein, e aveva la cura delle sue greggi, e soprattutto di radunare i montoni per portarli in montagna in primavera e in autunno riportarli all’ovile.
Ora, dopo i giorni di transizione, Thorstein fece radunare i montoni che erano stati scelti in primavera, intendendo farli portare al monte. Iri si trovava nell’ovile, e Thorstein e i suoi carli salirono a cavallo fino al monte, erano otto in tutto.
Thorstein stava facendo costruire un recinto attraverso la lingua di terra di Grisar, tra Long-water e Cleave-river, dove molti dei suoi uomini rimasero impiegati in primavera.
Dopo aver ispezionato il lavoro dei suoi carli, Thorstein tornò verso casa.
Quando arrivò di fronte al Campo del Thing, Iri venne loro incontro correndo, e disse che voleva parlare con Thorstein da solo. Thorstein disse ai suoi compagni di cavalcare mentre parlavano insieme. Iri disse che quel giorno era salito a Einkunnir per guardare le pecore.
“Ma ho visto”, disse, “nel bosco sopra la strada invernale, il bagliore di dodici lance e alcuni scudi”.
Allora Thorstein disse a voce alta, in modo che i suoi compagni potessero sentire: “Perché ha tanta fretta di vedermi che non posso cavalcare sulla strada di casa? Comunque Aulvald penserà che è strano che io gli rifiuti la visita se è malato”.
Iri corse verso il monte il più velocemente possibile.
Thorstein disse ai suoi compagni: “Penso che dobbiamo allungare il nostro cammino, perché dobbiamo prima cavalcare verso sud fino a Aulvaldstead. Aulvald mi manda a dire che devo andare da lui. E lui penserà che non sia altro che una giusta ricompensa per il bue che mi ha dato lo scorso autunno che io vada a trovarlo, se ritiene che la questione sia importante”.
Al che Thorstein con la sua compagnia cavalcò verso sud per la brughiera sopra Stangar-holt, e così a sud fino al fiume Gufa, e lungo il fiume lungo il sentiero dei cavalli.
E quando scesero sotto il lago, videro a sud del fiume del bestiame e un uomo con loro. Era un carles di Aulvald.
Thorstein chiese se tutto andava bene lì. Lui rispose che tutto andava bene e che Aulvald era nel boschetto a tagliare la legna.
“Allora digli”, disse Thorstein, “se ha una commissione urgente con me, di venire a Borg, perché ora tornerò a casa”.
E così fece. In seguito si seppe che Steinar, con altri undici, aveva teso un’imboscata a Einkunnir quello stesso giorno. Thorstein fece come se non ne avesse sentito parlare, e le cose rimasero tranquille.

CAPITOLO LXXXIX
Thorstein va a una festa

C’era un uomo di nome Thorgeir, parente e amico di Thorstein; egli abitava allora a Swan-ness. Thorgeir era solito fare una festa del raccolto ogni autunno. Andò dal figlio di Egil, Thorstein e lo invitò a casa sua. Thorstein promise di andare, e Thorgeir tornò a casa.
Il giorno stabilito Thorstein si preparò a partire: mancavano allora quattro settimane all’inverno.
Con Thorstein andarono un Easterling, il suo ospite, e due carli di casa. C’era un figlio di Thorstein, chiamato Grim, che aveva allora dieci anni; anche lui andò con Thorstein, così erano cinque in tutto. Cavalcarono fino a Foss, lì attraversarono il fiume Lungo e poi, lungo la strada, il fiume Aurrida.
Sulla sponda esterna di quel fiume, Steinar era al lavoro, e Aunund, e i loro carli. Quando si accorsero di Thorstein, corsero alle armi e lo inseguirono. Vedendo l’inseguimento di Steinar, questi cavalcarono fuori da Long-holt. C’era una collinetta, alta e spoglia di alberi. Il gruppo di Thorstein smontò e salì sulla collina.
Thorstein ordinò al ragazzo Grim di andare nel bosco e di non essere presente all’incontro. Non appena Steinar e la sua compagnia giunsero sulla collina, attaccarono il gruppo di Thorstein e ci fu uno scontro.
Nel gruppo di Steinar c’erano sei uomini adulti in tutto, e un settimo era il figlio di Steinar, di dieci anni.
L’incontro fu visto da coloro che si trovavano nei prati da altre fattorie, e corsero a dividerli. Ma quando furono separati, entrambi i carli di Thorstein avevano perso la vita, uno di casa Steinar era caduto e molti erano rimasti feriti. Dopo che si furono separati Thorstein cercò Grim. E lo trovarono gravemente ferito, mentre Il figlio di Steinar giaceva accanto a lui, morto.
E quando Thorstein saltò sul suo cavallo, Steinar lo chiamò “Ora correrai Thorstein il bianco”. Thorstein rispose: “Dovrai correrai ancora prima che sia trascorsa una settimana”.
Allora Thorstein e la sua compagnia cavalcarono per la brughiera, portando con loro il ragazzo Grim.
E quando giunsero in un boschetto che si trova lì, il ragazzo morì; e lo seppellirono lì nel boschetto, chiamato da quei tempi Grimsholt. E il luogo dove combatterono è chiamato Battle-hillock.
Thorstein cavalcò fino a Swan-ness quella sera, come aveva intenzione di fare, e rimase lì alla festa per tre notti, e dopo di che si preparò a tornare a casa.
Alcuni uomini si offrirono di andare con lui, ma lui non volle; così lui e il suo amico Easterling cavalcarono insieme. Quello stesso giorno Steinar, aspettandosi che Thorstein tornasse a casa, cavalcò lungo la sponda. Ma quando arrivò alle dune sotto Lamba-stead si mise in attesa. Aveva la spada chiamata Skrymir, un’arma eccellente. Stava lì sul mucchio di sabbia con la spada sguainata e gli occhi rivolti da una parte perché vide Thorstein che cavalcava sulla sabbia.
Lambi, che abitava in Lamba-stead, vide cosa stava facendo Steinar. Uscì dalla casa e scese sul retro e, quando arrivò da Steinar, lo afferrò dietro tra le spalle.
Steinar cercò di scrollarselo di dosso, ma Lambi lo tenne fermo, e così caddero dalla collina di sabbia al piano, e proprio allora Thorstein e il suo amico stavano passando sul sentiero sottostante. Steinar vi era arrivato sul suo stallone, che ora galoppava verso l’interno lungo la riva del mare.
Thorstein e il suo amico lo videro e si meravigliarono, perché non avevano sentito nulla della venuta di Steinar. Allora Steinar si voltò per riguadagnare la riva (perché non vide che Thorstein era passato a cavallo).
E quando arrivarono sull’orlo della riva, Lambi improvvisamente gettò Steinar dalla collina di sabbia sulla sabbia piatta, e lui stesso corse a casa.
Non appena riuscì a rimettersi in piedi Steinar corse dietro a Lambi. Ma quando Lambi raggiunse la porta di casa sua, si precipitò dentro e sbatté la porta dietro di lui, Steinar gli tirò un colpo così che la spada si conficcò nel legno della porta. Lì si separarono e Steinar tornò a casa.
Quando Thorstein tornò a casa, il giorno dopo mandò un carles a Leiru-brook per chiedere a Steinar di cambiare casa oltre Borgar-hraun, altrimenti ne avrebbe approfittato contro Steinar quando avrebbe avuto più potere dalla sua parte, “e tu allora”, disse, “non avrai scelta di emigrare”.
Così Steinar si preparò ad andare a Snæfells-strand, e lì stabilì la sua casa in un luogo chiamato Ellida. E così finirono i rapporti tra lui e il figlio di Egil, Thorstein.
Thorgeir Blund abitava ad Anabrekka. Si dimostrò un cattivo vicino per Thorstein in ogni modo in cui poteva farlo.
In un’occasione, quando Egil e Thorstein s’incontrarono, parlarono molto di Thorgeir Blund, il loro parente, ed entrambi erano d’accordo su di lui.

Poi Egil cantò: 

‘Steinar my word erewhile

Stript of his fruitful acres:

So did I hope to help

The heir of Geir and Kettle.

False, though he promised fair,

My sister’s son hath failed me.

Blund now (whereat I wonder)

Withholds him not from ill.’

Thorgeir Blund lasciò Anabrekka e andò a sud verso Floka-dale, perché Thorstein vedeva che non poteva andare d’accordo con lui, e tuttavia voleva essere paziente.
Thorstein era un uomo senza inganni, giusto, e mai aggressivo con gli altri, ma teneva testa se gli altri lo attaccavano. Ma si rivelò disastroso per la maggior parte di loro, se si confrontavano con lui con la loro forza.
Odd era allora capo-uomo a Borgar-firth, a sud di White-river. Era il sacerdote del tempio e governava quel tempio, al quale tutti pagavano un tributo all’interno della brughiera di Skards-heath.

CAPITOLO XC
Morte di Egil, figlio di Skallagrim

Il figlio di Skallagrim, Egil invecchiò, e nella sua vecchiaia divenne pesante nei movimenti e ottuso nell’udito e nella vista; divenne anche rigido nelle gambe.
Egil era a Moss-fell con Grim e Thordis. Un giorno, mentre Egil usciva lungo il muro della casa, inciampò e cadde. Alcune donne lo videro e si misero a ridere, dicendo: “Ora sei proprio andato, Egil, se cadi da solo”. Allora il padrone Grim disse: “Le donne ci deridevano meno quando eravamo più giovani”.

Egil ha poi cantato:

“Vecchio cavallo legato vacillo,
Testa pelata cado debolmente:
Incava le mie ossa delle gambe che stanno cedendo,

La fonte dell’udito è secca”.

Egil divenne piuttosto cieco. E fu così che un giorno, quando il tempo era freddo, Egil andò al fuoco per scaldarsi. Al che la cuoca disse che era una grande meraviglia che un uomo così potente come Egil fosse stato, si trovasse sulla loro strada in modo che non potessero fare il loro lavoro.
‘Sii cortese’, disse Egil, ‘anche se mi crogiolo vicino al fuoco, e non arrabbiamoci per la mancanza di spazio.
‘Alzati’, disse lei, ‘e vai al tuo posto, e lasciaci fare il nostro lavoro’.
Egil si alzò, andò al suo posto e cantò:

‘Blind near the blaze I wander,

Beg of the fire−maid pardon,

Crave for a seat. Such sorrow

From sightless eyes I bear.

Yet England’s mighty monarch

Me whilom greatly honoured:

And princes once with pleasure

The poet’s accents heard.’

Un’altra volta, quando Egil andò al fuoco per scaldarsi, un uomo gli chiese se i suoi piedi erano freddi e lo avvertì di non metterli troppo vicino al fuoco. “Così dovrebbe essere, ” disse Egil; “ma non è facile governare i miei piedi ora che non posso vedere; una cosa molto triste è la cecità”.
Poi Egil cantò:

‘Lonely I lie,

And think it long,

Carle worn with eld

From kings’ courts exiled.

Feet twain have I,

Frosty and cold,

Bedfellows needing

Blaze of fire.’

Negli ultimi giorni di Hacon il Grande, il figlio di Egil Skallagrim era nel suo nono decennio di vita e, a parte la sua cecità, era un uomo sano e robusto.
Un’estate, quando gli uomini si preparavano ad andare al Thing, Egil chiese a Grim di poter andare con lui al Thing.
Grim fu lento a concederglielo. E quando Grim e Thordis parlarono insieme, Grim le disse ciò che Egil aveva chiesto. ‘Vorrei che tu’, disse, ‘scoprissi cosa c’è sotto questa richiesta’. Thordis andò allora a parlare con Egil, suo zio: era il principale piacere di Egil parlare con lei.
E quando lo incontrò chiese: “E’ vero, zio, che vuoi andare al Thing? Voglio che tu mi dica che piano hai in questo?”
“Ti dirò”, disse lui, “a quello che ho pensato. Intendo portare con me al Thing due casse che il re Athelstan mi ha dato, ognuna delle quali è piena di argento inglese. Intendo far portare questi scrigni alla Collina delle Leggi proprio quando è più affollata. Poi intendo seminare l’argento, e sarò sorpreso se tutti lo divideranno equamente tra loro. Ci saranno calci, immagino, e colpi; anzi, potrebbe finire in una lotta generale di tutta l’assemblea del Thing”.
Thordis disse: ‘”Un piano famoso, mi sembra, e sarà ricordato finché l’Islanda sarà abitata”.
Dopo questo Thordis andò a parlare con Grim e gli raccontò il piano di Egil. “Non accadrà mai”, disse, “che egli porti a termine questa mostruosa follia”. E quando Egil venne a parlare con Grim del loro andare al Thing, Grim lo convinse a non farlo; ed Egil rimase a casa durante il Thing. Ma la cosa non gli piaceva, e aveva uno sguardo accigliato.
A Moss-fell c’erano le stalle estive delle mucche da latte, e durante il tempo del Thing Thordis era alle stalle.
Una sera, quando la famiglia di Moss-fell si stava preparando per andare a letto, Egil chiamò a sé due schiavi di Grim.
Li pregò di portargli un cavallo. “Io andrò al bagno caldo e voi verrete con me”, disse. E quando Egil fu pronto, uscì, e aveva con sé i due scrigni d’argento. Egli montò a cavallo. Poi scesero attraverso il recinto di casa e sotto il pendio, come gli uomini videro in seguito.
Ma la mattina, quando gli uomini si alzarono, videro Egil che vagava nella collina a est della fattoria e che portava il cavallo dietro di sé. Andarono da lui e lo riportarono a casa. Ma non tornarono mai più né schiavi né scrigni, e molte sono le ipotesi su dove Egil abbia nascosto i suoi soldi.
A est della fattoria di Moss-fell c’è una gola che scende dalla collina: ed è degno di nota che nei rapidi disgeli c’era un grande flusso d’acqua, ma dopo che l’acqua è scesa, sono stati trovati nella gola dei penny inglesi. Alcuni suppongono che Egil debba avervi nascosto il suo denaro. Sotto il recinto della fattoria a Moss-fell ci sono delle paludi ampie e molto profonde. Molti sono sicuri che è lì che Egil ha nascosto il suo denaro.
E a sud del fiume ci sono delle sorgenti calde, e lì vicino ci sono grandi buche in terra, e alcuni uomini pensano che Egil abbia nascosto lì il suo denaro, perché da quella parte si vedevano spesso dei fuochi. Egil disse di aver ucciso gli schiavi di Grim e di aver nascosto le casse, ma non disse a nessuno dove le aveva nascoste.
Nell’autunno successivo Egil si ammalò della malattia di cui morì. Quando fu morto, Grim fece vestire Egil con abiti eleganti e lo fece portare a Tjalda-ness; lì fu fatto un tumulo sepolcrale, e in esso fu deposto Egil con le sue armi e le sue vesti.

CAPITOLO XCI
Grim accetta la fede cristiana

Grim di Moss-fell fu battezzato quando il cristianesimo fu stabilito per legge in Islanda. Fece costruire una chiesa lì, e si dice che Thordis abbia fatto trasferire Egil in quella chiesa.
E questa è la prova che più tardi, quando fu costruita una chiesa a Moss-fell, e la chiesa che Grim aveva costruito a Bush-bridge fu demolita, il sagrato fu scavato e sotto l’altare furono trovate ossa umane.
Erano molto più grandi delle ossa di altri uomini. Dai racconti dei vecchi si pensa che queste fossero le ossa di Egil. Il prete Skapti, figlio di Thorarin, un uomo saggio, era lì in quel momento. Prese allora il teschio di Egil e lo mise sul recinto della chiesa.
Il teschio era meravigliosamente grande ma ancora più fuori dal comune era la sua pesantezza. Era tutto ondulato sulla superficie come una conchiglia.
Skapti volle allora provare lo spessore del cranio. Prese una grande come una grossa mano e, brandendola in alto con una mano, la fece cadere con forza sulla parte posteriore del cranio per romperlo. Ma dove cadde il colpo, l’osso sbiancò, ma non fu né ammaccato né incrinato.
Da ciò si può dedurre che questo cranio non poteva essere facilmente danneggiato dai colpi di uomini deboli mentre la pelle e la carne erano su di esso. Le ossa di Egil furono deposte nella parte esterna del cimitero di Moss-fell.

CAPITOLO XCII
Dei discendenti di Thorstein

Il figlio di Egil, Thorstein ricevette il battesimo quando il cristianesimo arrivò in Islanda, e fece costruire una chiesa a Borg.

Era fedele alla fede e un uomo buono. Visse fino a diventare vecchio e morì nel suo letto; fu sepolto a Borg presso la chiesa che aveva costruito.
Da Thorstein sono venuti numerosi discendenti; molti grandi uomini, molti poeti: sono della stirpe degli uomini di Myra, come tutti coloro che sono nati da Skallagrim.
Per molto tempo si è detto che gli uomini erano alti e grandi guerrieri, alcuni erano anche di vista profetica.
Erano di due tipi distinti: perché in quel ceppo sono nati gli uomini più belli d’Islanda, come il figlio di Egil, Thorstein, e il figlio di Olaf, Kjartan, figlio della sorella di Thorstein, e il figlio di Gudmund Hall, anche Helga la bella, la figlia di Thorstein (per la quale Gunnlaug Worms-tongue e Skald-raven litigarono). Ma la maggior parte degli uomini di Myra, in fatto di bellezza, erano molto sfavoriti.
Dei fratelli, figli di Thorstein, Thorgeir era il più forte, Skuli era il più alto. Egli dimorò a Borg dopo i giorni di Thorstein suo padre. Skuli è stato a lungo in giro in freebooting.
Era il prodiere del conte Eric sull’Ariete di Ferro quando il re Olaf Tryggvason cadde.
Skuli partecipò a sette battaglie ed era considerato un grande guerriero e un coraggioso.
In seguito venne in Islanda, si stabilì nella tenuta in Borg e vi dimorò fino alla vecchiaia; molti furono i suoi discendenti.

E così finisce questa storia.

Ndr: tratto dal libro del

REV. W. C. GREEN,

LATE FELLOW OF KING’S COLLEGE, CAMBRIDGE;

EDITOR OF ‘ARISTOPHANES;’ AUTHOR OF ‘HOMERIC SIMILES,’ ETC.

LONDON:

ELLIOT STOCK, 62, PATERNOSTER ROW, E.C.

1893

Ndr – Snorri Sturluson si presume sia l’autore della saga. La Saga di Egil è ambientata nel periodo dall’850 al 1000 d.C. circa e si ritiene che sia stata scritta tra il 1220 e il 1240 d.C.

Il testo è stato tradotto con traduttori online, tra cui, Deepl – Google – Reverso – Yandez – Collins – Mymemory – Vocabulary Idioms – bab.la.

Link alla prima parte qui sotto, categoria Culture, oppure qui.