La storia di Burnt Njal

Stampa

La storia di Burnt Njal.
Volume I.


CAPITOLO I.

C'era un uomo di nome Mord il cui cognome era Fiddle; lui era il figlio di Sigvat il Rosso, e dimorò nel "Vale" a Rangrivervales. Era un capo potente con una grande competenza in cause legali, un avvocato così grande che nessuna sentenza è stata ritenuta legale se non lui non ci avesse detto la sua.
Aveva una figlia unica, chiamata Unna. Era una donna fiera, cortese e dotata, ed ella fu ritenuta il miglior partito in tutti i Rangrivervales.


Ora la storia gira verso ovest, verso le valli di Broadfirth, dove a Hauskuldstede, a Laxriverdale, abitò un uomo di nome Hauskuld, che era il figlio di Dalakoll, e il nome di sua madre era Thorgerd. (1)
Egli aveva un fratello di nome Hrut, che abitava in Hrutstede; lui era della stessa madre di Hauskuld, e il nome di suo padre era Heriolf.
Hrut era bello, alto e forte, ben abile in armi, e mite di temperamento, era uno dei più saggi degli uomini, severo nei confronti dei suoi avversari, ma un buon consigliere sulle grandi questioni.
Accadde una volta che Hauskuld invitò i suoi amici a una festa, e suo fratello Hrut era lì, e si sedette accanto a lui.
Hauskuld aveva una figlia di nome Hallgerd, che stava giocando per terra con altre ragazze. Era bella di viso e alta di corporatura, e i suoi capelli erano morbidi come seta; erano anche tanto lunghi che le arrivavano alla vita, Hauskuld la chiamò— "Vieni qui da me, figlia". Così lei gli si avvicinò e lui la prese per il mento e la baciò; dopo questo lei si discostò.
Allora Hauskuld disse a Hrut— "Che cosa pensi di questa fanciulla? Non è bella? "
Hrut tacque, Hauskuld gli ripeté la stessa cosa una seconda volta, e allora Hrut rispose, "Abbastanza bella è questa fanciulla" e molti saranno i percipienti, ma questo non lo so, da dove gli occhi del ladro sono entrati nella nostra famiglia".
Allora Hauskuld si adirò, e per un po' i fratelli videro poco l'uno dell'altro.

(1) Thorgerd era figlia di Thorstein il rosso che era Olaf il figlio di White, figlio di Ingialld, figlio di Helgi. La madre di Ingialld era Thora, figlia di Sigurd Snake-i-the-eye, che era il figlio di Ragnar Hairybreek. E il Deeply-wealthy era la madre di Thorstein il Rosso; era figlia di Kettle Flatnose, che era il figlio di Bjorn Boun, figlio di Grim, Lord of Sogn in Norvegia.

  CAPITOLO II.
HRUT CERCA DI CONQUISTARE UNNA.

Accadde una volta che quei fratelli, Hauskuld e Hrut, cavalcarono verso l'Althing, e là c'erano molte persone.

L'Althing si può considerare uno dei primi parlamenti al mondo, ci si riuniva una volta l'anno (altri fonti dicono ad anni alterni) nel Þingvellir, (pianura del Parlamento) per la durata di due settimane in estate, e i lög(sögu)maður,
https://it.wikipedia.org/wiki/Althing
'oratori della legge', recitavano ai presenti la legge, le regole, le consuetudini, non c'erano testi scritti. Poiché l'alfabeto giunse in Islanda solo nel XII secolo, le saghe sopravissero solo per una lunghissima tradizione orale (fino a 400 anni) prima di essere trascritte nei secoli XII-XIV e offrivano consulenza e arbitrio per dirimere le dispute.
Oggi all'interno di un parco fra le placche tettoniche americane ed europee, in una zona piuttosto cupa, si può vedere ancora la roccia della legge, contornata dal muro di rocce della faglia che amplificava la voce degli oratori, e le rovine dei rifugi (gli stand) in torba per i partecipanti alle assemblee. https://it.wikipedia.org/wiki/Parco_nazionale_%C3%9Eingvellir

Allora Hauskuld disse a Hrut, "Una cosa che desidero, fratello, e cioè, dovresti migliorare la tua sorte e prendere una moglie".
Hrut rispose— "È stato a lungo nella mia mente, sebbene sembri vi siano i pro e i contro, ma ora farò ciò che desideri; dove dovremmo volgere gli occhi?"
Hauskuld rispose— "Qui ora ci sono molti capi al Thing, e c'è molta scelta, ma ho già posato i miei occhi in un punto in cui la partita è alla portata delle tue mani".
Il nome della donna è Unna, ed è una figlia di Fiddle Mord, uno degli uomini più saggi. È qui al Thing, e anche sua figlia, e potresti vederla se ti fa piacere.

Ora il giorno dopo, quando gli uomini andavano all'Alta Corte, loro videro alcune donne ben vestite che stavano fuori dalle capanne degli uomini dei Rangrivervales.
Allora Hauskuld disse a Hrut.
"Ecco, ora c'è Unna, di cui ho parlato, che cosa pensi di lei?"
"Bene, " rispose Hrut; "ma non lo so se potremo intenderci bene insieme". Dopo di che andarono all'Alta Corte, dove si trovava Fiddle Mord che stava spiegango la legge com'era sua abitudine, e dopo che ebbe finito, andò a casa al suo stand.
Hauskuld e Hrut si alzarono e andarono allo stand di Mord. Entrarono e trovarono Mord seduto nella parte più interna della cabina, e gli dissero "Buongiorno".
Si alzò per incontrarli, prese Hauskuld per mano e lo fece accomodare al suo fianco, e Hrut si sedette accanto a Hauskuld. "Ho un affare di cui parlarti; Hrut desidera diventare tuo genero e prendere tua figlia, ed io, da parte mia, non mi risparmierò nella faccenda".
Ma Mord rispose— "So che sei un grande capo ma tuo fratello è sconosciuto per me".
"È un uomo migliore di me", rispose Hauskuld.
"Avrai bisogno di disporre una grossa somma con lui, perché lei è l'erede di tutto quello che mi lascio dietro", disse Mord.
"Non c'è bisogno, " disse Hauskuld, "per aspettare molto prima che tu possa ascoltare se ci sono menzogne nelle mie parole.
Avrà Kamness e Hrutstede, e tutta la terra fino a Thrandargil e una nave da commercio, ora in viaggio.
Poi disse Hrut a Mord, "tieni conto, ora, amministratore, che mio fratello mi ha elogiato più di quanto io meriti, per amore dell'amore; ma se dopo di ciò che hai udito, vorrai fare la tua partita, "Sono disposto a lasciare che tu stesso stabilisca i termini.
Mord rispose— "Ho riflettuto sui termini, lei avrà sessanta centinaia in meno, e questa somma sarà aumentata di un terzo in più nella tua casa, ma se voi due avete degli eredi, andrete a metà nei beni".

Il prezzo della sposa o bruðkaup, bisognava negoziarlo, con il mundr e il morgengifu, e l'heiman fylgia. Il mundr è il prezzo della sposa pagato dalla famiglia del marito, il morgengifu sarebbe "il regalo del mattino", l'heiman fylgia rappresenta la dote della sposa, che era data al marito, ma lui non poteva gestirla, anche in caso di debiti del marito la dote rimaneva di proprietà della moglie, (altre fonti dicono diversamente) era il sostentamento legalmente riconosciuto nel caso rimanesse senza marito per lei e i figli. Se divorziava, si portava via la dote.

https://vikipedia-the-norse.fandom.com/it/wiki/Corteggiamento,_matrimonio_e_divorzio

Poi disse Hrut— "Sono d'accordo con questi termini, e ora lasciaci prendere testimonianza".
Dopo che si alzarono e si strinsero la mano, e Mord promise sua figlia Unna in sposa a Hrut, e la festa nuziale doveva essere a casa di Mord, mezzo mese dopo la metà dell'estate.
Ora entrambe le parti tornano a casa dal Thing, e Hauskuld e Hrut cavalcarono verso ovest dal faro di Hallbjorn.
Poi Thiostolf, il figlio di Bjorn Gullbera di Reykriverdale, cavalcò per incontrarli e disse loro che una nave era venuta dalla Norvegia al White River, e a bordo di essa vi era Auzur il fratello del padre di Hrut, e desiderava che Hrut venisse da lui il prima possibile.
Quando Hrut sentì questo, chiese a Hauskuld di accompagnarlo alla nave, così Hauskuld andò con suo fratello, e quando raggiunsero la nave, Hrut diede al suo parente Auzur un benvenuto gentile e cordiale.
Auzur li invitò a bere nel suo capanno, così i loro cavalli furono dissellati, e loro entrarono e bevvero, e mentre stavano bevendo, Hrut disse ad Auzur— "Ora, parente, tu devi andare a ovest con me, e stare con me questo inverno".
"Questo non può essere, parente, perché devo dirti la morte di tuo fratello Eyvind, ed egli ha lasciato te quale erede al Gula Thing",

Gulating (Old Norse: Gulaþing) fu una delle prime assemblee legislative norvegesi.

e ora i tuoi avversari s'impadroniranno della tua eredità se non tu non venga a reclamarlo.
"Che cosa dobbiamo fare adesso, fratello?" disse Hrut a Hauskuld, "perché sembra una questione difficile, arrivata giusta, come ho fissato il mio giorno delle nozze".
"Devi andare a sud, " disse Hauskuld, "e vedi Mord, e chiedigli di cambiare le convenzionr che voi avete fatto e di lasciare che sua figlia si ponga per te tre inverni come la tua promessa sposa, ma io tornerò a casa e porterò le tue mercanzie sulla nave".
Poi disse Hrut, "Il mio desiderio è che tu debba prendere macinato e legname, e qualsiasi altra cosa tu pensi siano più bisognose per il carico". Così Hrut fece portare i suoi cavalli e cavalcò verso sud, mentre Hauskuld cavalcò verso ovest.
Hrut arrivò a est ai Rangrivervales fino a Mord, e fu ben accolto, e disse a Mord tutti i suoi affari, e chiese il suo consiglio su cosa avrebbe dovuto fare.
"Quanti soldi è questa eredità" chiese Mord, e Hrut disse che sarebbe arrivato a cento marks, se si fosse preso tutto".Questo è molto se contrapposto a ciò che lascerò dietro di me, e tu andrai a prenderlo, se lo vorrai".
Dopo di ciò cambiarono il loro patto, e Unna doveva sedersi ad aspettare Hrut tre anni come sua promessa sposa.
Ora Hrut tornò a bordo della nave, e vi rimase durante l'estate, finché non fu pronta a salpare, e Hauskuld portò giù tutte le merci e le ricchezze di Hrut sulla nave, e Hrut mise tutte le sue altre proprietà nelle mani di Hauskuld da custodire per lui mentre era via.
Allora Hauskuld tornò a casa a casa sua, e poco tempo dopo loro presero il vento giusto e salparono per mare.
Erano fuori tre settimane e la prima terra che avevano fatto era Hern, nei pressi di Bergen, e così si diressero verso est fino alla baia.

 

 

CAPITOLO III.
HRUT E GUNNHILLDA, LA MADRE DEL RE.


A quel tempo Harold Grayfell regnava in Norvegia; era il figlio di Eric Bloodaxe, che era il figlio di Harold Fair-hair; il nome di sua madre era Gunnhillda, una figlia di Auzur Toti, e loro avevano la loro dimora a est, al King's Crag.
Ora la notizia fu diffusa, che una nave era arrivata a est nella baia, e non appena Gunnhillda ne sentì parlare, chiese quali uomini dell'Islanda erano a bordo, le dissero che Hrut era il nome dell'uomo figlio del fratello di Auzur.
Quindi Gunnhillda disse— "Vedo chiaramente che intende rivendicare la sua eredità, ma c'è un uomo di nome Soti, che ci ha messo le mani sopra".
Dopo di ciò chiamò il suo attendente, il cui nome era Augmund, e gli disse, "Sto per mandarti alla Baia per incontrare Auzur e Hrut, dì loro che chiedo a entrambi di trascorrere questo inverno con me. Dì anche che sarò loro amica, e se Hrut terrà fede ai miei consigli, mi occuperò della sua causa, e di qualsiasi altra cosa che prenda in mano, e dirò una buona parola anche per lui al re ".
Dopo di che partì e li trovò; e non appena seppero che era il servo di Gunnhillda, gli diedero il benvenuto. Li prese da parte e disse loro la sua commissione, e dopo di ciò loro discussero i loro piani da soli.
Allora Auzur disse a Hrut, "Mi pare, nipote, qui c'è poco bisogno di parlare a lungo, i nostri piani sono pronti per noi; perché conosco il temperamento di Gunnhillda; non appena diciamo che non andremo da lei, ci farà mandare via dalla landa, e prenderà tutti i nostri beni con la forza, ma se andiamo da lei, allora ci farà quell'onore come ha promesso ".
Augmund andò a casa e quando vide Gunnhillda, le disse com'era andata la sua commissione, e che sarebbero venuti, Gunnhillda disse: "È solo ciò che si voleva dimostrare; perché si dice che Hrut sia un uomo saggio e ben educato; e ora tieni gli occhi bene aperti e dimmi non appena arrivano in città".
Hrut e Auzur andarono a est verso il King's Crag, e quando raggiunsero la città, i loro parenti e amici arrivarono per incontrarli e accoglierli. Chiesero se il re fosse in città e loro dissero che lo era. Dopo di questo incontrarono Augmund, ed egli portò loro un saluto da Gunnhillda, dicendo che non poteva invitarli a casa sua prima che non avessero visto il re, per paura che la gente possa dire— "Che do troppa importanza alla questione". Comunque lei avrebbe fatto tutto il possibile per loro, e continuò— "Dì a Hrut di essere franco davanti al re, e chiedere di diventare una delle sue guardie del corpo". "e qui" disse Augmund, "c'è un vestito d'onore che lei ti manda, Hrut, con esso devi presentarti al cospetto del re". Dopo di ciò egli andò via.
Il giorno dopo Hrut disse—
"Andiamo davanti al re".
"Che potrebbe benissimo essere, " rispose Auzur.
Così andarono, dodici di loro insieme, e tutti loro amici o parenti, ed entrarono nella sala, dove il re era seduto con il suo drink. Hrut andò per primo e augurò al re un "Buon giorno" e il
re, guardando con fermezza l'uomo che era ben vestito, gli chiese il suo nome.
Così disse il suo nome.
"Sei un islandese?" disse il re.
Lui rispose— "Sì".
"Che cosa ti ha spinto a cercarci?"
Quindi Hrut rispose— "Per vedere la vostra nazione, lord; e inoltre, perché ho una grande questione di eredità qui nella landa e avrò bisogno del vostro aiuto per ottenere i miei diritti".
Il re disse—
"Ho dato la mia parola affinché ogni uomo abbia giustizia legale qui in Norvegia; ma hai qualche altra commissione nel cercarmi?"
"Signore!" disse Hrut, "desidero che tu mi permettessi vivere nella tua corte e diventare uno dei tuoi uomini".
Detto questo, il re rimase in silenzio, ma Gunnhillda disse— "Mi sembra che quest'uomo ti abbia offerto il più grande onore, perché pensavo che se ci fossero molti di questi uomini nella guardia del corpo, sarebbe ben riempita".
"È un uomo saggio?" chiese il re.
"È sia saggio sia disponibile", disse lei.
"Beh, " disse il re, "mi sembra che mia madre desideri che tu debba avere il rango per cui chiedi, ma per il nostro onore e l'usanza della landa, vieni da me tra mezzo mese, e poi diventerai una delle mie guardie del corpo. Nel frattempo, mia madre si prenderà cura di te, ma poi vieni da me".
Quindi Gunnhillda disse ad Augmund— "Portali a casa mia, e trattali bene".
Così Augmund uscì e loro andarono con lui, e li portò in una sala costruita in pietra, dove vi era stato appeso l'arazzo più bello, e inoltre c'era l'alto seggio di Gunnhillda.
Allora Augmund disse a Hrut,
"Ora sarà dimostrata la verità di tutto ciò che ti ho detto, da Gunnhillda. Ecco il suo alto seggio, e in esso dovrai sederti, e questo posto lo terrai, anche se lei entrerà nella sala". Dopo di che li ha fatti stare di buon umore, e si erano seduti da un po' quando Gunnhillda entrò.
Hrut volle saltare su e salutarla. "Mantieni il tuo posto!" lei disse "e tienilo sempre per tutto il tempo che sarai mio ospite". Poi si sedette giù da Hrut, e cominciarono a bere, e all'imbrunire lei disse, "Sarai nella camera superiore con me stasera, noi due insieme". "Avrete quello che volete, " lui rispose. Dopo di che essi andarono a dormire, e lei chiuse la porta all'interno. Così dormirono quella notte, e il mattino si abbandonarono a bere ancora. Così passarono la loro vita per tutto quel mezzo mese, e Gunnhillda disse agli uomini che erano lì, "Non perderete nulla se non le vostre vite, se dite a qualcuno una sola parola di come sta andando avanti fra me e Hrut".
Quando il mezzo mese fu finito, Hrut le diede un centinaio di braccia di lana di casa e dodici mantelli di pelle, Gunnhillda lo ringraziò per i suoi doni. Poi Hrut la ringraziò le diede un bacio e se ne andò. Lei gli disse "addio".
E il giorno seguente andò davanti al re con trenta uomini dietro di lui e disse al re "Buon giorno".
Il re disse— "Ora, Hrut, Vorrai che io adempia quello che ti ho promesso". Quindi Hrut diventò uno dei guardiani del corpo del re, e chiese, "Dove devo riposare?"
"Mia madre risolverà la cosa", disse il re. Poi gli procurò un posto nella stanza più alta, ed egli trascorse l'inverno con il re in grande onore.

 

 

CAPITOLO IV.
DELLA CROCIERA DI HRUT.


Quando arrivò la primavera, chiese di Soti, e scoprì che era andato a sud, in Danimarca con l'eredità. Quindi Hrut andò da Gunnhillda e le raccontò cosa aveva fatto Soti.
Gunnhillda gli disse— "Ti darò due navi lunghe, con equipaggio completo, e insieme con loro l'uomo più coraggioso, Wolf the Unwashed, il nostro sopraintendente degli ospiti; ma va ancora a trovare il re prima di partire". Hrut fece così; e quando arrivò davanti al re, gli disse delle azioni di Soti, e di come avesse intenzione di comportarsi contro di lui.
Il re disse— "Quale forze ti ha assegnato mia madre?" "Due navi lunghe e Wolf the Unwashed per guidare gli uomini", rispose Hrut.
"Ben dato, " disse il re. "Ora ti darò altre due navi, e anche allora avrai bisogno di tutta la forza che possiedi".
Dopodiché scese con Hrut alla nave e disse— "Stammi bene". Poi Hrut salpò verso sud con i suoi equipaggi.

 

 

CAPITOLO V.
UCCISIONE DI ATLI FIGLIO DI ARNVID.


C'era un uomo di nome Atli, figlio di Arnvid, conte di East Gothland.
Si era trattenuto dal pagare il tributo come affidatario per il figlio adottivo di Hacon, Athelstane, e sia padre sia figlio fuggirono da Jemtland a Gothland. Dopo di ciò, Atli si è tenuto con i suoi seguaci lontano dal Maelar di Stock Sound, e così via verso la Danimarca, e ora si trova in Oresound. (1)
Era considerato un fuorilegge sia per il re danese sia per il re svedese.
Hrut si tenne a sud dello stretto, e quando entrò, vide molte navi nel Sound. Allora Wolf disse— "Che cosa è meglio fare ora, Islandese?".
"Tieni la nostra rotta, " disse Hrut, "perché con nessun rischio, nulla si ha". La mia nave e quella di Auzur andranno per prime, ma tu appoggia la tua nave, dove preferisci.
"Raramente ho avuto altri come uno scudo davanti a me, " disse Wolf, e mise la sua galea a fianco della nave di Hrut; e così mantenerono la rotta verso il Sound.
Ora quelli che erano nel Sound videro le navi che stavano arrivando e lo dissero ad Atli.
Egli rimbeccò— "Allora forse ci sarà da guadagnare".
Dopo di che gli uomini presero posizione a bordo di ogni nave; "ma la mia nave, " disse Atli, "sarà in mezzo della flotta".
Nel frattempo le navi di Hrut correvano, e non appena entrambe le parti hanno potuto sentire le grida dell'altra parte, Atli si alzò in piedi e disse— "Non ve la caverete mai".
Non avete visto che le navi da guerra che ci sono nel Sound. Ma come si chiama il vostro capo?
Hrut disse il suo nome.
"Di chi sei, " disse Atli.
"Uno dei guardiani del corpo di re Harold Grayfell".
Atli disse. "E' da molto tempo che non c'è più amore tra noi, padre e figlio, e i vostri re di Norvegia.
"Peggio per te", rispose Hrut.
"Bene", disse Atli, "il risultato del nostro incontro sarà, che non sarai lasciato in vita per raccontare la storia;" e con ciò afferrò una lancia e la scagliò contro la nave di Hrut, e l'uomo che si trovava davanti ad essa ha avuto la sua morte.
Dopo di questo la battaglia iniziò. E loro furono lenti ad abbordare la nave di Hrut. Wolf, andava avanti spedito, e con lui è stato ora tagliato, ora conficcato.
Il nome dell'Arciere di Atli era Asolf; saltò sulla nave di Hrut, e fu la morte di quattro uomini prima che Hrut lo percepisse; quindi si volse contro di lui, e quando s'incontrarono, Asolf si scagliò contro lo scudo di Hrut, ma Hrut colpì una volta sola Asolf, e quello fu il suo colpo mortale.
Wolf the Unwashed vide quel colpo, e gridò, "A dire il vero, Hrut, tu infliggi grandi colpi, ma devi ringraziare molto Gunnhillda". "Qualcosa mi dice", disse Hrut, "che tu parli con una bocca ' fey'". (bislacca).
Ora Atli vide una parte scoperta per colpire con un'arma Wolf, e lo colpì con una lancia attraverso di lui, e allora la battaglia diventò calda— Atli saltò sulla nave di Hrut e la spazzò via velocemente, e allora Auzur si girò per incontrarlo, e lo attaccò, ma cadde a tutta lunghezza sulla sua schiena, perché un altro uomo lo aveva colpito. Allora Hrut si avviò per incontrare Atli: che tagliò immediatamente lo scudo di Hrut, aprendolo in due dall'alto verso il basso, proprio allora Atli ricevette un colpo sulla mano da una pietra, e cadde la sua spada. Hrut brandì la spada, e tagliò il piede da sotto di lui. Dopo di che gli inflisse il suo colpo mortale.
Lì presero molti beni e portarono via con loro due navi che erano le migliori, e si fermarono colà solo un po'.
Ma intanto Soti e il suo equipaggio li avevano superati, e lui teneva la rotta di ritorno per la Norvegia, poi prese terra sulla riva di Limgard. Lì Soti scese a terra e lì incontrò Augmund, il paggio di Gunnhillda; lui lo riconobbe subito, e gli chiese—
"Da quanto tempo sei qui?" "Tre notti", rispose Soti.
"Dove stai andando, allora?"chiese Augmund.
"Ovest, in Inghilterra", disse Soti, "e non tornerò più in Norvegia finché Gunnhillda regnerà in Norvegia".
Augmund se ne andò, e andò a cercare Gunnhillda, perché era un po' lontana, a una festa, e Gudred, suo figlio, con lei. Augmund disse a Gunnhillda cosa intendeva fare Soti, e lei supplicò Gudred di togliergli la vita. Allora Gudred partì immediatamente, e colse di sorpresa Soti, e fece in modo che lo conducessero nell'entroterra, e lo impiccarono lì.
Ma i beni che egli prese, li portò da sua madre, e lei fece in modo che gli uomini li portassero tutti al King's Crag, e poi ci andò lei stessa.
Hrut tornò verso l'autunno, e aveva procacciato un grande carico di merci. Andò subito dal re, e ricevette un caloroso benvenuto. Li supplicò di prendere qualunque cosa gradissero dei suoi beni, e il re ne prese un terzo. Gunnhillda disse a Hrut come si era impossessata dell'eredità e fece uccidere Soti. Egli la ringraziò e le diede la metà di tutto ciò che aveva.

(1) Oresound, lo stretto tra Danimarca e Svezia, all'ingresso del Baltico, comunemente chiamato in inglese, il "Sound".

 

 

 

 

CAPITOLO VI.
HRUT VIAGGIA FUORI DALL' ISLANDA.


Hrut rimase con il re quell'inverno di buonumore, ma quando arrivò la primavera divenne molto silenzioso.
Gunnhillda se ne accorse e quando furono soli, gli chiese, "Sei preoccupato?"
"Così è, " disse Hrut, " come dice il detto— " Guai a coloro che sono nati in una terra cattiva".
"Vuoi andare in Islanda?"
"Sì", rispose.
"Hai una moglie là?" lei chiese; e lui rispose, "No".
"Eppure ne sono abbastanza sicura," disse; e così cessarono di parlare della questione.
Poco dopo Hrut andò davanti al re e gli disse buon giorno; e il re chiese— "Che cosa vuoi ora, Hrut?"
"Sono venuto a chiedere, signore, se mi da il permesso di andare in Islanda".
"Avrai più grande onore lì che qui?" chiese il re.
"No, non lo sarà, " disse Hrut;
"Ma ognuno di noi deve seguire il proprio destino".
"È come tirare una corda contro un uomo più forte, " disse Gunnhillda.
"Quindi lascialo andare come meglio gli aggrada".
Ci fu un cattivo raccolto quell'anno nella terra, eppure Gunnhillda diede a Hrut tutto il macinato che scelse di avere; e lo spinse a salpare per l'Islanda, e Auzur con lui; e quando furono "all-boun", (al completo – tutto a posto) Hrut andò a trovare il re e Gunnhillda. Lei lo guidò da parte per parlare da soli e gli disse— "Ecco un baracciale d'oro che ti darò; " e quello lei glielo strinse intorno al polso.
"Tanti buoni regali ho ricevuto da te" disse Hrut.
Poi lei mise le braccia intorno al suo collo e lo baciò, e disse—
"Se ho su dite tanto potere quanto penso, ti faccio quest'incantesimo affinché tu non abbia mai il piacere di vivere con quella donna sulla quale hai posto il tuo cuore in Islanda, ma con altre donne puoi cavartela abbastanza bene, e ora è come se non andasse bene per nessuno di noi due, ma tu non credi a ciò che ho detto ".
Hrut rise quando la sentì, e se ne andò; dopodiché andò davanti al re e lo ringraziò; e il re gli parlò benevolmente, e gli disse "addio". Hrut andò direttamente alla sua nave, ed ebbero un buon vento fino a quando arrivarono a Borgarfirth.
Non appena la nave fu portata velocemente a terra, Hrut cavalcò verso ovest e Auzur rimase vicino alla nave per scaricarla e ormeggiarla.
Hrut cavalcò dritto verso Hauskuldstede, e Hauskuld gli diede un cordiale benvenuto, e Hrut gli raccontò tutto dei suoi viaggi.
Successivamente mandarono gli uomini a est attraverso i fiumi per dire a Fiddle Mord di prepararsi per la festa nuziale; i due fratelli cavalcarono verso la nave, e lungo il tragitto Hauskuld disse a Hrut come stavano le sue questioni finanziarie, e i suoi beni avevano guadagnato molto da quando era via.
Allora Hrut disse — "la ricompensa vale meno di quanto dovrebbe essere, ma ti darò tanto cibo quanto tu avrai bisogno per la tua famiglia il prossimo inverno".
Poi trassero la nave a terra su dei rulli e la misero al sicuro dentro il suo capannone, ma tutte le merci a bordo le portarono via nel Dales verso ovest. Hrut rimase a casa a Hrutstede fino a quando l'inverno fu passato di sei settimane, e poi i fratelli si prepararono, e Auzur con loro, per andare al matrimonio di Hrut.
Sessanta uomini viaggiarono con loro, e cavalcarono verso est finché arrivarono alle pianure di Rangriver. Lì trovarono una folla di ospiti, e gli uomini si sedettero sulle panche per tutta la lunghezza della sala, ma le donne erano sedute sulle panche laterali sul palco, e la sposa era piuttosto triste.
Così banchettarono e la festa riuscì bene. Mord pagò la parte di sua figlia, e lei cavalcò a ovest con suo marito e il suo seguito. Così viaggiarono fino a che non arrivarono a casa.
Hrut diede tutto nelle sue mani all'interno della casa, e tutti furono contenti; ma nonostante tutto, lei e Hrut non si sono uniti bene come uomo e moglie, e così le cose andarono avanti fino a primavera, e quando arrivò, Hrut ebbe da fare un viaggio verso Westfirths, per ottenere i soldi per cui aveva venduto le sue merci; ma prima di partire, sua moglie gli chiese—
"Pensi di tornare prima che gli uomini vadano al Thing?"
"Perché lo chiedi?" disse Hrut.
"Andrò al Thing", lei disse, "per incontrare mio padre".
"Così sia, " rispose lui, "ed io cavalcherò al Thing con te".
"Molto e bene, " rispose lei.
Dopo che Hrut viaggiò da casa a ovest fino ai Firths, e prese tutti i suoi soldi, e ripartì di nuovo cavalcando verso casa.
Quando tornò lei gli chiese di andare al Thing, e fece viaggiare con lui tutti i suoi prossimi. Suo fratello Hauskuld cavalcava tra gli altri.
Allora Hrut disse a sua moglie—
"Se ora hai tanto in mente di andare al Thing come mi dicesti qualche tempo fa, datti da fare e cavalca insieme con me".
Non ci ha messo molto a prepararsi, e poi tutti viaggiarono verso il Thing. Unna andò alla postazione di suo padre, che le diede un caloroso benvenuto, ma lei dimostrava di avere il cuore gonfio, e quando vide ciò, le disse— "Ti ho visto con una gioia migliore in viso. Hai qualche cosa in mente?"
Lei cominciò a piangere, e non rispose a nulla.
Poi lui le disse di nuovo.
"Perché sei venuta al Thing, se non vuoi confidarmi il tuo segreto? Non ti piace vivere in Occidente?"
Allora lei gli rispose— "Darei tutto ciò che possiedo al mondo per non essere mai andata là".
"Bene!" disse Mord, Arriverò presto a fondo della faccenda.
Allora mandò degli uomini a far venire Hauskuld e Hrut, e loro e arrivarono subito; e quando furono alla vista di Mord, si alzò per incontrarli e diede loro un caloroso benvenuto, e chiese loro di sedersi. Poi parlarono a lungo in modo amichevole, e alla fine Mord disse a Hauskuld, "Perché mia figlia pensa così male della vita laggiù in Occidente?"
"Lasciala parlare", disse Hrut, "se ha qualche lamentela da posare a mio carico".
Ma lei non portò alcuna accusa contro di lui. Poi Hrut chiese ai suoi vicini e ai suoi domestici come la trattasse, e tutti gli resero una buona testimonianza, dicendo che lei faceva tutto quello che le piaceva in casa. Allora Mord disse, "Torna a casa e sii soddisfatta della tua sorte, perché tutti testimoniano meglio per lui che per te".
Dopo che Hrut tornò a casa dal Thing, e sua moglie con lui, e tutto andò liscio tra loro quell'estate; ma quando arrivò la primavera fu di nuovo la vecchia storia, e le cose peggiorarono sempre di più con il proseguimento della primavera. Hrut dovette di nuovo fare un viaggio a ovest verso i Firths, e rivelò che non sarebbe andato all'Althing ma Unna sua moglie parlò poco al riguardo. Così Hrut andò a ovest verso i Firths.

 

 

 

CAPITOLO VII.
UNNA SI SEPARA DA HRUT.


Ora stava arrivando il tempo per il Thing. Unna parlò con Sigmund, il figlio di Auzur, e gli chiese se avrebbe cavalcato al Thing con lei; lui le disse che non avrebbe potuto cavalcare se il suo parente Hrut si fosse opposto.
"Beh!" Disse— "Ti ho parlato perché ho più ragione di chiederlo a te che a chiunque altro".
Lui rispose— "Farò un patto con te, devi promettere di tornare a ovest con me, e di non fomentare equivoci contro Hrut o di me".
Così lei lo promise e poi cavalcarono verso il Thing. Suo padre, Mord, era al Thing, fu molto felice di vederla, e le chiese di rimanere nel suo stand finché il Thing durava e lei lo fece.
"Ora", disse Mord, "che cosa hai da dirmi del tuo coniuge, Hrut?"
Allora lei gli cantò una canzone, in cui elogiava la liberalità di Hrut, ma disse che non era padrone di se stesso. Lei stessa si vergognava di parlarne. Mord rimase in silenzio per un breve periodo e poi disse—
"Ora vedo che hai questo in testa, figlia, che tu non vuoi che nessuno sappia, tranne me, e vuoi affidarti a me piuttosto che a chiunque altro per aiutarti a uscire dai tuoi problemi".
Quindi si allontanarono per parlare, in un posto dove nessuno poteva sentire ciò che dicevano; e allora Mord disse a sua figlia, "Ora, dimmi tutto ciò che c'è tra voi due, e non peggiorare di più la faccenda da quella che è".
"Così sarà", lei rispose, e cantò due canzoni, in cui rivelava la causa del loro fraintendimento; e quando Mord la spinse a parlare, lei disse, che lei e Hrut non potevano vivere insieme, perché era legato da incantesimi e che desiderava lasciarlo.
"Hai fatto bene dirmi tutto questo," disse Mord, "e ora ti darò un consiglio, che ti farà star bene, se riesci a seguirlo alla lettera. Prima di tutto, devi tornare a casa dal Thing, e per quel tempo tuo marito sarà tornato e sarà lieto di vederti; devi essere allegra e accomodante con lui, e lui penserà che un buon cambiamento ti sia successo, e tu non devi mostrare alcun segno di freddezza o di malumore, ma quando arriverà la primavera, devi fare finta di essere malata e stare a letto.
Hrut non perderà tempo a indovinare che tipo di malattia possa essere, né ti sgriderà affatto, ma piuttosto pregherà ognuno di prendere tutte le cure che possono per te. Dopo di che partirà verso ovest fino al Firths, e Sigmund con lui, perché dovrà trasportare a casa tutti i suoi beni da Firths West, e lui sarà via fino a quando l'estate sarà già di gran lunga lontana.
Ma quando gli uomini andranno al Thing, e dopo che tutti quelli che saranno partiti dai Dales, quelli che devono andare se ne saranno andati, allora devi alzarti dal tuo letto e convocare degli uomini per andare insieme con te al Thing; e quando tu sarai pronta, allora andrai prima presso il tuo letto e agli uomini che hai preso per andare con te, li renderai testimoni davanti al letto di tuo marito, dichiarandoti divisa da lui, con un atto di separazione legale che possa valere secondo il giudizio del Great Thing, e le leggi del paese; e farai una dichiarazione simile una seconda volta davanti alla porta della casa degli uomini (la porta principale della casa).
Dopo di questo va via, e cavalca oltre Laxriverdale Heath, e così via dopo Holtbeacon Heath; perché ti cercheranno per la via di Hrutfirth. E così viaggia finché non vieni da me; poi io vedrò dopo la questione. Ma non sarai mai più nelle sue mani.
Ora lei tornò a casa dal Thing, e Hrut era tornato prima di lei e le diede il suo caloroso benvenuto.
Lei gli rispose gentilmente, e fu allegra e compiacente nei suoi confronti. Così vissero felici insieme quel mezzo anno; ma quando arrivò la primavera si diede per ammalata e rimase a letto, Hrut partì a ovest per i Firths, e diede ordine di prendersi cura di lei, prima di partire.
Ora, quando venne il momento del Thing, si è data fa fare per andarsene e lo fece nei modi di com'era stato stabilito per lei; quindi andò via verso il Thing. La gente del luogo la cercò, ma non riuscì a trovarla.
Mord fece accogliere sua figlia e le chiese se avesse seguito i suoi consigli; e lei disse—
"Non ne ho rotto un punto". Poi andò all'Hill of Laws, e si dichiarò separata da Hrut; e gli uomini hanno riflettuto a questa strana notizia. Unna tornò a casa con suo padre e da quel giorno in poi non andò mai più a ovest.

 

 

 

CAPITOLO VIII.
MORD RICHIEDE I SUOI BENI DA HRUT.


Hrut tornò a casa e aggrottò le sopracciglia quando sentì che sua moglie se n'era andata, ma mantenne i suoi sentimenti sotto controllo, e rimase a casa tutto quel semestre e non parlò a nessuno della questione. La successiva estate cavalcò al Thing, con suo fratello Hauskuld, e avevano un gran seguito. Ma quando arrivò al Thing, chiese se Fiddle Mord ci fosse, e gli dissero che c'era; e tutti pensarono che sarebbero venuti subito a parole sulla loro faccenda, ma non fu così.
Finalmente, un giorno in cui i fratelli e gli altri, che erano al Thing, andarono all'Hill of Laws, Mord prese testimonianza e ha dichiarò di avere una causa contro Hrut per la dote di sua figlia, e calcolò l'ammontare di novanta centinaia in merci, chiamando Hrut allo stesso tempo a pagare e consegnarli a lui, e chiedendo una multa di tre marks. Depose la causa al Tribunale di Quartiere in cui sarebbe stato legittimato per legge e conferì un preavviso legale in modo che tutti quelli che stavano sulla collina delle leggi potessero sentirlo.
Ma quando ebbe così parlato, Hrut disse, Hrut disse— "Tu hai intrapreso questa causa, che appartiene a tua figlia, piuttosto per l'avidità di guadagno e amore per la lotta che per la gentilezza e la virilità.
Ma io ho qualcosa da dire contro di essa, poiché i beni che mi appartengono non sono ancora nelle tue mani. Ora, quello che ho da dire è questo, e lo dico, in modo che tutti quelli che mi ascoltano su questa collina possano testimoniare: ti sfido a combattere sull'isola, lì da una parte sarà posta tutta la dote di tua figlia, e dall'altra poserò beni che valgono tanto, e chiunque vinca avrà sia la dote sia i beni; ma se non vuoi combattere con me, allora rinuncerai a tutti i diritti su questi beni".
Mord mantenne la calma, e prese consiglio con i suoi amici sull'andare a combattere (Holmgang)* sull'isola, e il sacerdote Jorund gli diede una risposta.
*Holmgang https://it.wikipedia.org/wiki/Holmgang

"Non c'è bisogno che tu venga a chiederci consiglio per questa questione, poiché sai che se combatti contro Hrut, perderai sia la vita che i beni. Ha un buon motivo, ed è inoltre possente ed è uno degli uomini più audaci".
Quindi Mord annunciò, che non avrebbe combattuto con Hrut, e sorse un grande vociare e un fischiare dall'Hill, e Mord ebbe la più grande vergogna con suo abito di uomo di legge.

Dopo di questo gli uomini tornarono a casa dal Thing e i fratelli Hauskuld e Hrut si diressero a ovest verso Reykriverdale e si presentarono come ospiti a Lund, dove Thiostolf, il figlio di Bjorn Gullbera, dimorava. C'era stata molta pioggia quel giorno, e gli uomini erano bagnati, quindi furono fatti lunghi fuochi per tutta la lunghezza del corridoio. Thiostolf, il padrone di casa, sedeva tra Hauskuld e Hrut e due ragazzi, cui Thiostolf aveva allevato, stavano giocando sul pavimento, e una ragazza stava con loro. Erano fantastiche chiacchiere, perché erano troppo giovani per saperne di più. Così uno di loro disse: Ora sarò Mord, e ti convoco per togliere tua moglie perché non sei stato un buon marito per lei.
Poi l'altro rispose: "Io sarò Hrut, e ti chiamo a rinunciare a ogni pretesa ai tuoi beni, se tu non hai il coraggio di combattere con me". Questo ripeterono diverse volte e tutta la famiglia scoppiò in una risata. Allora Hauskuld si arrabbiò e colpì il ragazzo che si faceva chiamare Mord con un bastoncino e il colpo gli cadde sulla faccia, ed escoriò la pelle.
"Rientra in te" disse Hauskuld al ragazzo, "e non farci gioco di noi; "ma Hrut disse "Vieni qui da me", e il ragazzo lo fece. Quindi Hrut estrasse un anello dal suo dito e lo diede a lui, e disse—
"Vai, e cerca di non avere più il temperamento di nessuno".
Il ragazzo andò via dicendo—
"La tua virilità terrò in mente per tutta la mia vita".
Di questo fatto Hrut ricevette grandi elogi, e dopo quello ritornarono a casa; e quella fu la fine della lite di Mord e Hrut.

 

 

CAPITOLO IX.

THORWALD PRENDE HALLGERDA COME MOGLIE.

Ora, deve essere detto come Hallgerda, la figlia di Hauskuld, crebbe, ed era la più bella delle donne che si potesse vedere; era alta di statura, molto, e quindi veniva chiamata Longcoat (cappotto lungo). Era bionda, e ne aveva così tanti da potersi nascondere in essi; ma lei era una persona sontuosa e dal cuore duro. Il nome del suo padre adottivo era Thiostolf: era un Southislander (1) d'azione, era un uomo forte, ben abile nelle armi, e aveva ucciso molti uomini, e non aveva fatto alcuna espiazione in denaro per nessuno di loro. Si diceva anche, che la sua maniera di allevare ed educare non aveva migliorato il carattere di Hallgerda.

C'era un uomo di nome Thorwald; era il figlio di Oswif, e si stabilì nella parte di Middlefells, sotto il Fell. Era ricco e benestante, e possedeva le isole chiamate Bearisle, che si estendevano fuori, in Broadfirth, da cui otteneva cibo e pesce. Questo Thorwald era un uomo forte e cortese, anche se dal carattere un po' sbrigativo.

Ora, accadde un giorno che Thorwald e suo padre stavano parlando insieme del matrimonio di Thorwald, e dove avrebbe fatto meglio a cercare una moglie, da lui ben presto venne fuori che pensava che non ci fosse una "partita" adatta per lui, lontano o vicino.
"Beh, " disse Oswif, "chiedi l'Hallgerda Longcoat, la figlia di Hauskuld.
"Sì, la chiederò" disse Thorwald.
"Ma non è un abbinamento adatto a nessuno di voi due", Oswif continuò a dire, "perché lei ha una volontà sua propria e tu sei severo e inflessibile".
"Per tutto ciò, tenterò la mia fortuna lì, " disse Thorwald, "quindi non serve a nulla cercare di ostacolarmi".
"Ah!" disse Oswif, "e il rischio è tutto tuo".
Dopo di che si avventurarono in un viaggio di corteggiamento a Hauskuldstede, ed ebbero una calorosa accoglienza.
Non ci volle molto a raccontare a Hauskuld i loro affari, e cominciarono a corteggiare; allora Hauskuld disse— "Quanto a te, so come stai nel mondo, ma da parte mia non userò nessuna astuzia nei tuoi confronti. Mia figlia ha un brutto carattere, ma per quanto riguarda il suo aspetto e l'educazione, potete vedere voi stessi".
"Stabilisci i termini della partita" rispose Thorwald, "perché non permetterò che il suo temperamento ostacoli il nostro accordo". Poi discussero dei termini dell'affare, e Hauskuld non chiese mai a sua figlia cosa ne pensasse, perché il suo cuore era deciso a darla via e così arrivarono ad accordarsi sui termini della partita. Dopodiché Thorwald si fidanzò con Hallgerda e se ne andò quando la questione fu risolta.

(1) Cioè, è venuto da ciò che chiamiamo le isole occidentali o Ebridi. La vecchia denominazione indugia ancora in "Sodor (cioè le Isole del Sud) e Uomo".

 

 

 CAPITOLO X.

MATRIMONIO DI HALLGERDA.

Hauskuld disse ad Hallgerda del patto che aveva fatto, e lei disse— "Ora che questo è attestato, conferma la paura che ho sempre avuto che, tu non mi ami tanto quanto mi hai sempre detto; perché non hai pensato che valesse la pena di dirmi una parola di tutto questo, inoltre, non credo che questa unione sia così buona come mi hai sempre promesso". Così lei proseguì, e fece loro sapere in ogni modo che pensava di essere stata sbarazzata.
Allora Hauskuld disse— "Non do tanta importanza al tuo orgoglio per permettergli di intralciare i miei affari, e la mia volontà non la tua, si esplicherà il giorno in cui litigheremo su un qualsiasi punto".
" L'orgoglio è grande nella tua famiglia," lei disse, "e quindi non è sorprendente se ne ho un po'".
Con ciò andò via e andò a trovare il suo padre adottivo Thiostolf, e gli raccontò cosa c'era in serbo per lei, ed era molto triste.
Allora Thiostolf disse: "Sii di buon umore, perché ti sposerai una seconda volta, e poi ti verrà chiesta la tua opinione; perché farò tutto ciò che desideri, tranne che contro tuo padre o a Hrut.
Dopo di che non parlarono più della faccenda, Hauskuld fece i preparativi per la festa nuziale, e partì per andare a invitare gli uomini.
Quindi andò a Hrutstede e chiamò fuori Hrut per parlare con lui. Hrut uscì, e cominciarono a parlare, Hauskuld gli raccontò tutta la storia del patto, e lo invitò alla festa, dicendo: "Dovrei essere contento di sapere che tu non ti senti ferito, anche se non te l'ho detto quando l'affare è stato concluso.
"Io dovrei essere più contento, " disse Hrut "di non averci niente a che fare, perché questa unione non porterà fortuna né a lui né a lei; ma io verrò comunque se penserai che questo ti porterà qualche onore".
"Certo che la penso", disse Hauskuld, e se ne andò a casa.
Anche Oswif e Thorwald chiesero agli uomini di andarci, in modo che furono invitati non meno di cento ospiti.
C'era un uomo di nome Swan, che abitava a Bearfirth, che si trova a nord di Steingrimsfirth. Questo Swan era un grande mago, ed era il fratello della madre di Hallgerda. Era litigioso e difficile da trattare, ma Hallgerda gli chiese di partecipare alla festa e gli mandò Thiostolf; così lui andò, e presto si instaurò un rapporto di amicizia tra lui e Swan

Ora gli uomini convennero alla festa e Hallgerda era seduta al centro delle panche, ed era una sposa molto allegra.
Thiostolf le parlava sempre, anche se a volte trovava il tempo di parlare con Swan, e gli uomini pensavano che i loro discorsi fossero strani.
Il matrimonio andò bene e Hauskuld pagò la parte di Hallgerda con la massima prontezza. Dopo averlo fatto, disse a Hrut— devo portare qualche altro regalo oltre a quello? Arriverà il giorno, " rispose Hrut, "quando dovrai sprecare i tuoi beni per il bene di Hallgerda, quindi trattieni la mano, ora".

 

 

CAPITOLO XI.

UCCISIONE DI THORWALD.

Throwald tornò a casa dalla festa nuziale, e sua moglie con lui, e Thiostolf, che cavalcava al suo fianco, parlava sempre con lei a bassa voce.
Oswif si rivolse a suo figlio e chiese— "Sei soddisfatto del tuo matrimonio? E come è andata quando avete parlato insieme?"
"Bene, " disse lui, "lei mi ha mostrato tutta la sua gentilezza. Puoi vederlo dal modo in cui ride di ogni parola che dico".
"Non penso che le sue risate siano così franche come la pensi tu, rispose Oswif, "ma questo sarà messo alla prova poco a poco".
Quindi continuarono a cavalcare fino a quando arrivarono a casa, e di sera lei si sedeva a fianco del marito, ma faceva spazio a Thiostolf vicino a se stessa sul retro.
Thiostolf e Thorwald avevano poco a che fare l'uno con l'altro, e poche parole furono sprecate tra di loro quell'inverno, e così il tempo passò.
Hallgerda era prodiga e arruffona, e non c'era nulla che nessuno dei loro vicini avesse che non dovesse avere anche lei, e tutto ciò che aveva, non importa se fosse suo o appartenesse ad altri lei lo sprecava.
Ma quando arrivò la primavera ci fu scarsità in casa sia di farina che di pesce, quindi Hallgerda andò da Thorwald e gli disse— "Non devi startene seduto in casa più a lungo, perché vogliamo per la casa sia farina che pesce.
"Beh," disse Thorvald, "Non mi sono sdraiato di meno in casa quest'anno di quanto non giacevo in passato, e poi (il cibo) durava fino all'estate. " Che m'importa," disse Hallgerda, "se tu e tuo padre avete fatto i vostri soldi morendo di fame.
Allora Thorwald si arrabbiò e le diede un colpo in faccia e del sangue spillò, e se ne andò, chiamò i suoi uomini e portarono la barca giù alla riva. Poi sei di loro saltarono in essa e remarono verso le Isole Orso, e cominciarono a caricarla di cibo e pesce.
Nel frattempo si disse che Hallgerda se ne stava seduta sull'uscio dalla porta con una pesantezza al cuore. Thiostolf le si avvicinò e vide la ferita sul suo viso, e le chiese— "Chi ti ha giocato questo misero scherzo?"
"Mio marito, Thorwald," rispose, "e tu te ne stavi in disparte, e non lo faresti, se volessi prenderti cura di me".
"Perché non ne sapevo niente" rispose Thiostolf, "ma ti vendicherò".
Poi scese giù sulla spiaggia e tirò fuori una barca a sei remi, e teneva nelle sua mano una grande ascia con un manico rivestito di ferro. Entrò nella barca e si diresse verso le Isole Orso, e quando arrivò lì tutti gli uomini si erano allontanati, tranne Thorwald e i suoi compagni, Thorwald stava vicino alla barca per caricarla, mentre loro gli portavano le provviste.
Così Thiostolf si avvicinò proprio in quel punto e saltò sulla barca, e cominciò a caricare le merci con lui, e dopo un po' gli disse— "Tu puoi fare ben poco in questo lavoro, e quel poco lo fai male".
"Pensi tu di poter far meglio," disse Thorwald.
"C'è una cosa da fare che posso fare meglio di te" rispose Thiostolf, e poi proseguì, "La donna che è tua moglie ha fatto un brutto matrimonio, e non vivrete molto più a lungo insieme".
Allora Thorwald afferrò un coltello da pesca che stava accanto a lui e fece per colpire Thiostolf; egli aveva alzato la sua ascia fino alla spalla e l'abbattè giù, arrivò sul braccio di Thorwald e schiacciò il polso, e cadde giù il coltello. Allora Thiostolf sollevò la sua ascia una seconda volta e diede a Thorwald un colpo alla testa, e lui cadde morto sul posto.

 

 

CAPITOLO XII.
LA FUGA DI THIOSTOLF.


Mentre questo stava succedendo, gli uomini di Thorwald scesero con i loro carichi, ma Thiostolf non era lento nei suoi piani. Egli diede colpi d'ascia a due mani al trincarino della barca e lo tagliò di due assi, poi saltò sulla sua, e il mare blu scuro si riversò nella barca (la barca su cui era Thorwald), e andò giù con tutto il suo carico.
Anche il corpo di Thorwald affondò giù, così che i suoi uomini non poterono vedere cosa gli era stato fatto, ma sapevano abbastanza bene che era morto. Thiostolf remò via verso il fiordo, ma essi gli urlavano dietro augurandogli una cattiva sorte.
Non diede loro alcuna risposta, ma remò fino a quando non arrivò a casa, condusse la barca sulla spiaggia, e raggiunse la casa con l'ascia, tutta insanguinata com'era, sulla sua spalla. Hallgerda stava fuori dalla porta e disse: "La tua ascia è insanguinata; cosa hai fatto?
"Ho fatto ora ciò che ti farà sposare una seconda volta".
"Tu mi dici allora che Thorwald è morto", disse.
"Così è," rispose lui, "e ora bada alla mia sicurezza".
"E lo farò," disse lei; "Ti manderò a nord a Bearfirth, a Swanshol e Swan, il mio parente, ti accoglierà a braccia aperte. È un uomo così potente che nessuno ti cercherà là ".
Così egli sellò un cavallo che lei aveva, saltò sul suo dorso, e si diresse a nord verso Bearfirth, verso Swanshol, e Swan lo accolse a braccia aperte, E Thjostolf gli raccontò della morte di Thorvald, insieme a tutto ciò che era accaduto. Swan disse— "Questo è quello che chiamo un uomo che non si limita alle sciocchezze! E ora ti prometto che se ti cercano qui, non otterranno altro che la più grande vergogna".
Ora, la storia ritorna a Hallgerda, e come si è comportata.
Lei chiamò Liot the Black, suo parente, di andare con lei, e gli chiese di sellare i loro cavalli, perché disse— "Tornerò a casa da mio padre". Mentre si preparavano per il viaggio, andò ai suoi forzieri e li aprì, chiamò tutti gli uomini della sua casa e fece un dono a ciascuno di loro; e tutti erano rattristati per la sua partenza.
Ora lei tornò a casa da suo padre, che l'accolse bene, perché non aveva ancora saputo della notizia. Ma Hrut disse a Hallgerda— "Perché Thorwald non è venuto con te?" al ché lei rispose— "È morto".
Allora Hauskuld parlò— "E' stata opera di Thiostolf".
"Lo era," disse lei.
"Ah!" disse Hauskuld, "Hrut non aveva sbagliato di molto quando mi predisse che questo matrimonio avrebbe attirato la sventura dopo. Ma non c'e niente di buono nel preoccuparsi per una cosa fatta e andata"
"Ora, la storia deve tornare ai compagni di Thorwald, a come erano rimasti lì, e come hanno chiesto il prestito di una barca per raggiungere la terraferma. Così una barca fu subito prestata, e loro remarono verso Reykianess, trovato Oswif, gli raccontarono queste notizie.
Egli disse: la sfortuna è alla fine dei suoi piani, e ora vedo come tutto sia andato. Hallgerda deve aver mandato Thiostolf a Bearfirth, ma lei stessa deve esser tornata a casa da suo padre. Cerchiamo ora di radunare gente e seguiamo lui su verso nord. "Così fecero, andarono in cerca di aiuto, e riunirono molti uomini. E poi partirono verso il fiume Steingrims, e così via per Liotriverdale e Selriverdale, fino a quando arrivarono a Bearfirth.
Allora Swan cominciò a parlare, e ansimava molto. "Ora la gente di Oswif ci sta cercando". Thiostolf balzò in piedi brandendo l'ascia, ma Swan disse, "Vieni con me, non ci sarà bisogno di molto".
"Così uscirono entrambi, e Swan prese una pelle di capra e la sventolò attorno alla sua testa, e disse: "Diventa foschia e nebbia, diventa paura e grande stupore per tutti quelli che ti cercano".
Ora, deve essere detto come Oswif, i suoi amici, e i suoi uomini stavano cavalcando lungo un crinale quando venne una grande nebbia contro di loro, e Oswif disse: "Questa è opera di Swan; sarebbe bene che non fosse seguita da qualcòsa di peggio.
Poco dopo una potente oscurità calò davanti ai loro occhi, in modo che non potessero vedere nulla, e poi caddero dai dorsi dei loro cavalli, e li persero, e lasciarono cadere le armi, e sprofondarono oltre la testa e le orecchie nelle paludi, e alcuni si persero fuori strada nel bosco, finché non furono sull'orlo di un pericolo di danni corporali.
Quindi Oswif disse, "Se solo potessi trovare il mio cavallo e le mie armi, allora tornerei indietro"; come egli ebbe detto queste poche parole che videro un po'e trovarono i loro cavalli e le loro armi.
Ma molti uomini incitarono gli altri a occuparsi ancora una volta dell'inseguimento; e così fecero, e subito gli stessi fenomeni li colpirono, e così successe per tre volte.
Quindi Oswif disse: "Comunque il percorso non è buono, torniamo indietro. Prenderemo consiglio per cosa fare, e ciò che ora mi piace di più, è di andare a trovare Hauskuld e chiedere l'espiazione per mio figlio, perché c'è speranza d'onore dove ce n'è un buon deposito ".
Così viaggiarono verso le valli di Broadfirth e non c'è niente da essere raccontato su di loro fino a quando non arrivarono a Hauskuldstede, e Hrut era lì prima di loro.
Oswif chiamò Hauskuld e Hrut, ed entrambi uscirono e gli augurarono buona giornata.
Dopo di che hanno iniziato a parlare. Hauskuld chiese ad Oswif da dove venisse. Lui disse che era partito alla ricerca di Thiostolf, ma che non riuscì a trovarlo. Hauskuld disse che doveva essere andato a nord, a Swanshol, "e là non è da tutti andare a cercarlo".
"Well", disse Oswif, "sono venuto qui per questo, per chiedere l'espiazione per mio figlio da te".
Hauskuld rispose: "Non ho ucciso tuo figlio, né ho ordito per la sua morte; ma tu sei scusabile dal chiedere un risarcimento".
"Il naso è il parente più prossimo, fratello, agli occhi," disse Hrut, " è necessario che tu metta fine alle tue parole malvagie," e di fargli l'espiazione per suo figlio, e quindi aggiustare la situazione di tua figlia, perché ciò avverrà solo quando questa causa sarà lasciata cadere, e meno si dirà al riguardo meglio sarà".
Hauskuld disse— "Vuoi designare un prezzo?"
"Lo voglio", disse Hrut, " né ti proteggerò affatto nel mio prezzo, perché se la verità deve essere detta, tua figlia ha pianificato la sua morte". Poi Hrut tacque per un po', e dopo si alzò in piedi e disse a Oswif, "Prendi ora la mia mano in mano come segno che lascerai cadere la causa". Così Oswif si alzò e disse— "Questa non è una espiazione a parità di condizioni quando tuo fratello pronuncerà il risarcimento, ma tu comunque (parlando con Hrut) ti sei comportato così bene che mi fido completamente di te per farlo". Poi si alzò e prese la mano di Hauskuld, e si arrivò all'espiazione della faccenda con l'intesa che Hrut doveva prendere una decisione e pronunciare il premio prima che Oswif se ne andasse.
Dopo di ciò, Hrut fece il suo premio e disse:
"Per l'uccisione di Thorwald il risarcimento è di duecento in argento" - allora si pensava che fosse un buon prezzo per un uomo - "e lo pagherai subito, fratello, e pagalo per di più con generosità". Hauskuld lo fece, e poi Hrut disse a Oswif— "Ti darò un buon mantello che ho portato con me da terre straniere ". Lui lo ringraziò per il suo dono e tornò a casa soddisfatto del modo in cui erano andate le cose.
Qualche tempo dopo Hauskuld e Hrut andarono da Oswif per condividere i beni che avevano ancora in comune, loro e Oswif raggiunsero un buon accordo anche su questi, e tornarono a casa con la loro parte, e Oswif ora è fuori dalla nostra storia.
Hallgerda pregò Hauskuld di lasciarla tornare a casa da lui, e lui le diede il permesso, e per molto tempo si parlò molto dell'uccisione di Thorwald. Per quanto riguarda i beni di Hallgerda, continuarono a crescere fino a che non valsero una grande somma.

 

 

CAPITOLO XIII.

CORTEGGIAMENTO DI GLUM.

Ora in questo racconto sono nominati tre fratelli. Uno era chiamato Thorarin, il secondo Ragi e il terzo Glum.
Erano i figli di Olof the Halt, ed erano uomini di grande valore e di grande ricchezza in beni. Thorarin aveva un soprannome lo chiamavano il fratello di Ragi; egli ebbe il ruolo di presidente della legge dopo il figlio di Rafn Heing. Era un uomo molto saggio, e viveva a Varmalek, e lui e Glum tenevano la casa insieme. Glum era stato a lungo all'estero; era un uomo alto, forte e bello. Ragi, il loro fratello era un grande sterminauomini.
Quei fratelli possedevano delle tenute a Engey e Laugarness nel sud.
Un giorno i fratelli Thorarin e Glum stavano parlando insieme e Thorarin chiese a Glum se intendeva andare all'estero, come era suo solito?
Lui rispose: "stavo pensando piuttosto di abbandonare i viaggi commerciali".
"Che cosa hai in mente? Vuoi cercare una moglie?"

"Lo farò", disse, " se solo riuscissi a trovare una buona unione". Allora Thorarin elencò tutte le donne che non erano sposate a Borgarfirth, e gli chiese se avrebbe voluto qualcuna di quelle—
"Di' la parola, e io verrò con te!"
Ma Glum rispose: "Non desidero nessuna di queste".
Dì quindi il nome che desideri avere", disse Thorarin.
Glum rispose— "Se vuoi saperlo, il suo nome è Hallgerda, e lei è la figlia di Hauskuld, a ovest, nei dales".
"Beh," disse Thorarin, "non conosci cosa dice il detto, 'e l'esperienza degli altri non ti avrà reso saggio', perché era sposata con un uomo, e lei ha complottato la sua morte".
Glum disse— "Forse questa sfortuna non le capiterà una seconda volta, e sono sicuro che non tramerà la mia morte. Ma ora, se tu mi mostri un po' di onore, vieni con me a corteggiarla".
Thorarin disse: Non c'è niente di buono a lottare contro, perché ciò che deve essere sicuramente accadrà".
Glum parlava spesso della questione con Thorarin, ma l'ha rimandata a lungo.
Infine avvenne che radunarono uomini e cavalcarono in compagnia di dieci, a ovest verso i Dales, e giunsero a Hauskuldstede.
Hauskuld diede loro un'accoglienza calorosa, e vi rimasero quella notte.
La mattina dopo, presto, Hauskuld mandò a chiamare Hrut, che venne lì subito: e Hauskuld era fuori della porta di casa quando lui entrò nella "città".
Quindi Hauskuld disse a Hrut quali uomini erano venuti lì.
"Che cosa possono volere?" chiese Hurt.
"Per ora," disse Hauskuld, "non mi hanno detto altro che hanno degli affari da sbrigare".
"Eppure," disse Hrut, "i loro affari devono essere con te. Chiederanno la mano di tua figlia Hallgerda. Se lo fanno, che risposta darai? "
"Che cosa mi consigli di dire?" chiese Hauskuld?"
"Saprai rispondere bene," disse Hrut "ma ancora farai bene scaricarti la coscienza di tutto il bene e di tutto il male che conosci della donna".
Ma mentre i fratelli stavano parlando così, uscirono gli ospiti.
Hauskuld li salutò per bene, e Hrut augurò buongiorno a Thorarin e ai suoi fratelli.
Dopo di che iniziarono tutti a parlare, e Thorarin disse— "Sono venuto qui, Hauskuld, con mio fratello Glum per questa commissione, per chiedere Hallgerda tua figlia, per mano di mio fratello Glum. Devi sapere che egli è un uomo di valore".
"So bene," disse Hauskuld, "che siete entrambi uomini potenti e degni; ma devo dirvi subito che ho scelto un marito per lei in passato, e questo ha causato grandi disgrazie per noi".
Thorarin rispose: "Non permetteremo che ciò ostacoli la trattativa; "for one oath shall not become all oaths," (poiché un giuramento non deve attenersi a tutti i giuramenti) oppure (non tutti hanno lo stesso destino) e questa potrebbe rivelarsi una buona accoppiata, anche se (prima) non è andata bene; inoltre Thiostolf ha avuto molto da fare per rovinarlo.
Poi Hrut parlò: "Ora vi darò un po' di consigli, " se quello tutto che è successo a Hallgerda non ti ha fatto cambiare idea, fai attenzione a non lasciare che Thiostolf vada a sud con lei, nel caso che il matrimonio va in porto, si concorda che non stia mai lì più di tre notti di seguito, a meno che Glum non gli dia il permesso, e che Glum possa abbatterlo come un fuorilegge e senza espiazione se rimane più a lungo.
Naturalmente, sarà nel potere di Glum lasciarlo andare; ma non lo farà se accetta il mio consiglio.
Ed ora questo unione non si realizzerà, come è stato l'altra volta, senza che Hallgerda ne sia a conoscenza. Ora conoscerà l'intero corso di questo accordo, e vedere Glum, e lei stessa deciderà se lo vuole o no; e quindi non sarà in grado di dare la colpa agli altri se non va bene. E tutto questo deve essere senza arte o astuzia".
Poi Thorarin disse: "Ora, come sempre, sarà meglio che il tuo consiglio venga seguito".
Poi mandarono a chiamare Hallgerda, lei arrivò insieme a due donne. Indossava un mantello di una ricca trama blu, di tessuto, e sotto una vestito scarlatto, e una cintura d'argento intorno alla vita, i suoi capelli le ricadevano su entrambi i lati del suo petto, e lei aveva girato le ciocche sotto la cintura. Si sedette tra Hrut e suo padre, e lei salutò tutti con parole gentili, e parlò bene e con audacia, e chiese qual'era la notizia. Dopo di ciò smise di parlare e Glum disse: "Ci sono state alcune chiacchiere tra tuo padre e mio fratello Thorarin e io per un patto. E' stato perché ti vorrei prendere come moglie, Hallgerda, se è la tua volontà, come è la loro; e ora, se sei una donna coraggiosa, ci potrai dire subito senza paura se ti va bene; ma se hai qualcosa nel tuo cuore contro questo patto con noi, allora non ne parleremo più".
Hallgerda disse: "So bene che tu e i tuoi fratelli siete uomini di valore e di forza. So anche che ora sarò sposata molto meglio di prima; ma quello che voglio sapere è quello che avete già detto a proposito della partita, e fino a che punto avete dato le vostre parole al riguardo. Ma per quanto ora ti vedo, penso che potrei amarti molto se solo possiamo andare d'accordo col temperamento.
Così lo stesso Glum le disse tutto del patto, senza dimenticare nulla, e poi chiese a Hauskuld e a Hrut se lo avesse ripetuto bene.
Hauskuld disse ciò che lei aveva; e poi Hallgerda disse: "Mi avete trattato così bene in questa faccenda, padre mio e tu Hrut, e farò ciò che desiderate, e questo accordo sarà raggiunto come lo avete stabilito.
" Poi Hrut disse: " Penso sia meglio che Hauskuld e io dovremmo nominare testimoni e che Hallgerda dovrebbe fidanzarsi, se il Lawman (uomo delle leggi) lo trova giusto e legale.
"Giusto e legale è", disse Thorarin.
Successivamente i beni di Hallgerda furono valutati, e si è convenne che Glum avrebbe portato altrettanto, e doveva andare tutto in compartecipazione, metà e metà, in un intero. Quindi Glum si legò a Hallgerda come sua promessa sposa, e poi i fratelli andarono via verso sud; e Hauskuld doveva tenere la festa nuziale a casa sua.
E ora tutto fu tranquillo finché gli uomini non parteciparono al matrimonio.

 

 

CAPITOLO XIV.
IL MATRIMONIO DI GLUM.


Quei fratelli riunirono una grande compagnia, ed essi erano tutti uomini scelti. Andarono a cavallo verso i dales e arrivarono a Hauskuldstede, dove trovarono una grande folla a incontrarli. Hauskuld, Hrut e i loro amici si sedettero su delle panche e lo sposo su un'altra. Hallgerda si sedette sulla panca "cross bench" traversale sul palco e si comportò bene.
Thiostolf andava in giro con la sua ascia sollevata in aria, ma nessuno fingeva di vederlo, e così le nozze andarono bene. Ma quando la festa fu finita, Hallgerda andò a sud con Glum e i suoi fratelli. Così, quando arrivarono a sud di Varmalek, Thorarin chiese ad Hallgerda se e voleva prendere il comando in casa.
"No, non lo farò", disse.
Hallgerda mantenne calmo il suo temperamento per quell'inverno, e loro le piacevano
abbastanza bene.
Ma quando arrivò la primavera, i fratelli parlarono delle loro proprietà, e Thorarin disse, "Vi consegnerò la casa di Varmalek, perché è la più adatta ai vostri bisogni, e andrò a sud a Laugarness e vivrò lì, ma per quella di Engey le avremo entrambi in comune. " Glum era abbastanza disposto a farlo. Così Thorarin andò giù a sud di quel distretto, e Glum e sua moglie rimasero lì, e vivevano nella casa di Varmalek.
Così Hallgerda prese la servitù sotto di lei; era prodiga di dare e avida nel ricevere. In estate diede alla luce una ragazza. Glum le chiese che nome doveva avere?
"Sarà chiamata come la madre di mio padre, e il suo nome sarà Thorgerda, "poiché è venuta giù dalla rovina di Sigurd Fafnir dalla parte del padre, secondo il pedigree della famiglia.
Così la fanciulla fu cosparsa d'acqua e le era stato dato questo nome, e lì lei è cresciuta e ha avuto l'aspetto e il comportamento di sua madre. Glum e Hallgerda andavano d'accordo e così è andato avanti per un po'.
All'incirca in quel periodo si udirono queste notizie dal nord e da Bearfirth, come Swan avesse remato per pescare in primavera, e una grande tempesta cadde su di lui da est, e come fu condotto a riva a Fishless, e lui ei suoi uomini erano lì persi. Ma i pescatori che erano a Kalback pensavano di aver visto Swan andare a Kalbackshorn, e che era stato accolto bene; (ndr dai demoni) ma alcuni hanno parlato contro quella storia, e hanno detto che non c'era nulla (di vero) in essa. Ma quello che tutti vennero a sapere, che non fu mai più visto né vivo né morto. Così, quando Hallgerda lo sentì, pensò di aver avuto una grande perdita per il fratello di sua madre.
Glum pregò Thorarin di cambiare la proprietà con lui, ma disse che non lo avrebbe fatto; "ma," disse lui, "se ti sopravvivo, voglio avere la Varmalek per me stesso".
Quando Glum lo disse ad Hallgerda, lei disse: "Thorarin ha davvero il diritto di aspettarselo da noi".

 

 

CAPITOLO XV.
THIOSTOLF VA ALLA CASA DI GLUM.


Thiostolf aveva picchiato un domestico di Hauskuld, e così era stato mandato via.
Egli prese il suo cavallo e le sue armi e disse a Hauskuld, "Ora, me ne andrò e non tornerò più".
"Tutti ne saranno contenti," disse Hauskuld.
Thiostolf cavalcò finché arrivò a Varmalek, e lì ottenne un cordiale benvenuto da Hallgerda, e non male da parte di Glum. Disse a Hallgerda come suo padre lo aveva cacciato via, e l'implorò di dargli il suo aiuto e il suo appoggio. Lei gli rispose dicendogli che non poteva dire nulla sul fatto che lui rimasse lì prima di aver visto Glum a riguardo.
"Va bene tra voi?" lui chiese.
"Sì," disse, "il nostro affetto scorre abbastanza bene". Dopo di che andò a parlare con Glum e gli gettò le braccia al collo e gli chiese: "Vuoi concedermi un favore che desidero chiederti?"
"Garantito, lo farò" disse "se è giusto e decoroso, ma che cosa vuoi chiedere?"
"Beh," disse, "Thiostolf è stato cacciato dall'ovest, e quello che voglio che tu lo lasci stare qui; ma non la prenderò di traverso "se non sei d'accordo".
Glum disse: "Ora che ti comporti così bene, ti concederò il tuo favore; ma io ti dico che, se si prende cura di qualche cattiveria, sarà espulso immediatamente. "
Allora andò da Thiostolf e glielo disse, e lui rispose: "Ora sei tanto buono, come speravo".
Dopo di che era lì, si è trattenuto per un po' di tempo, ma poi è stata la vecchia storia, sembrava rovinare tutto il bene che trovava; non cedeva a nessuno tranne che a Hallgerda sola, ma lei non ha mai preso le sue parti nelle sue risse con gli altri. Thorarin, il fratello di Glum, lo biasimò per aver tenuto Hiostolf, e disse che la sfortuna sarebbe arrivata, e tutto sarebbe successo come era già accaduto se lui fosse rimasto. Glum gli rispose bene e gentilmente, ma continuò a suo modo.

 

 

CAPITOLO XVI.
CACCIA DI PECORE DI GLUM.

Ora una volta in cui è arrivato l'autunno, accadde che gli uomini avessero un duro lavoro per portare a casa le loro greggi e che molti dei montoni di Glum mancavano. Allora Glum disse a Thiostolf: "Va'su sulle colline con i miei domestici e vedi se non riesci a scoprire nulla dei miei animali".
"Non sono affari miei", disse Thiostolf, "cercare le pecore", e quest'unica cosa fu stata abbastanza per disturbarlo.
Non camminerò sulle orme dei tuoi schiavi. Ma vai tu stesso, e allora io verrò con te".
A proposito di questo fatto loro ebbero (da dirsi) molti improperi.
Il tempo era buono e Hallgerda era seduta all'aperto. Glum le si avvicinò e disse: "Ora io e Thiostolf abbiamo litigato e non abiteremo molto più a lungo insieme", e le raccontò tutto quello che era successo. Poi Hallgerda prese le difese di Thiostolf, e ebbero da dirsi male parole per colpa di lui. Alla fine Glum le diede un colpo con la mano e le disse: "Non discuterò più con te" e con ciò se ne andò.
Ora lei lo amava molto e non riusciva a calmarsi, ma piangeva forte. Thiostolf le si avvicinò e disse: Questo scontro è un dispiacere per te, e quindi non deve essere ripetuto spesso.
"No", lei disse, "ma non vendicarti di questo, né intrometterti in alcun modo tra ciò che passa tra me e Glum".
Lui se ne andò con un ghigno malevolo.

 

 

CAPITOLO XVII.
L'UCCISIONE DI GLUM.

Ora Glum chiamò gli uomini per andare a prendere gli animali, e Thiostolf si preparò, e andò con loro. Così salirono a sud di Reykiardale, poi salirono lungo Baugagil e quindi a sud fino a Crossfell. Ma alcuni membri della sua banda li mandò a Sulafells e tutti trovarono moltissime pecore. Alcuni di loro passarono anche per Scoradale, e arrivò circa alla fine che quei due, Glum e Thiostolf, furono lasciati soli insieme. Andarono a sud di Crossfell e vi trovarono un gregge di pecore selvatiche, e poi da sud verso il precipizio, e cercarono di portarle giù; ma le pecore si sono comunque allontanate da loro verso il dirupo.
Allora ognuno cominciò a rimproverare l'altro, e Thiostolf disse alla fine che Glum non aveva alcuna forza se non quella di dormire tra le braccia di Hallgerda.
Glum rispose: "i nemici di un uomo sono quelli dentro la sua casa. "Devo prendermi dei rimproveri da te, da uno schiavo in fuga come sei?" Thiostolf disse: "presto dovrai riconoscere che io non sono schiavo, perché io non cederò un pollice a te".
Glum si è arrabbiò e cercò di colpirlo con la sua ascia, ma Thiostolf parò il colpo con la sua, l'ascia di Glum cadde sull'impugnatura verso il basso e vi morse sopra l'ampiezza di due dita, Thiostolf lo colpì all'istante con la arma, e lo colpì sulla spalla, e il colpo ruppe l'osso della spalla e la clavicola e la ferita sanguinava verso l'interno. Glum afferrò Thiostolf con la mano sinistra così velocemente che cadde; ma Glum non poté trattenerlo, perché la morte venne su di lui.
Thiostolf coprì il suo corpo con delle pietre e gli tolse il suo anello d'oro. Quindi andò direttamente a Varmalek. Hallgerda era seduto fuori dalla porta e vide che la sua ascia era insanguinata.
Le lanciò l'anello d'oro davanti. "Che notizie mi porti?", disse, "e perché la tua ascia è sporca di sangue?
Lui rispose: " Non so come la prenderai, ma ti dico che Glum è morto".
"Deve essere opera tua", lei disse.
"Così è", lui rispose.
Lei rise e disse: "Non sei pigro nel tuo lavoro".
"Cosa pensi sia meglio fare ora?" chiese.
"Vai da Hrut, fratello di mio padre," disse, "si prenderà cura di te".
"Non so", disse Thiostolf, "se questo è un buon consiglio; ma ancora seguirò comunque il tuo suggerimento in questa faccenda"
Così prese il suo cavallo e corse a ovest verso Hrutstede quella notte. Legò il cavallo sul retro della casa, poi andò verso la porta e bussò forte. Dopo di che girando intorno alla casa, camminò verso il lato nord.
È successo che Hrut fosse sveglio. Si alzò subito, si infilò il giustacuore e si infilò le scarpe. Quindi prese la sua spada e avvolse un mantello attorno al suo braccio sinistro, fino al gomito. Gli uomini si svegliarono proprio quando uscì; lì vide un uomo alto e robusto sul retro della casa, e sapeva che era Thiostolf.
Hrut gli chiese quali notizie?
"Ti dico che Glum è stato ucciso".disse Thiostolf.
"Chi ha fatto l'atto?"disse Hrut.
"L'ho ucciso", disse Thiostolf.
"Perché sei qui?"disse Hrut.
"Hallgerda mi ha mandato da te", disse Thiostolf..
"Quindi non è stata lei a costringerti a farlo," disse Hrut, estraendo la sua spada.
Thiostolf visto ciò, per non stare indietro, quindi tagliò* subito Hrut.
Hrut si tolse dal tragitto del fendente con una rapida mossa, e allo stesso tempo colpì la parte posteriore dell'ascia così elegantemente con un colpo laterale della sua mano sinistra, che volò fuori dalla presa di Thiostolf.
Poi Hrut fece un colpo con la sua spada nella mano destra alla gamba di Thiostolf, appena sopra il ginocchio, e la tagliò quasi via, così che essa era appesa a un piccolo pezzo, e balzò su di lui nello stesso momento, e lo spinse con forza indietro. Dopo di che lo colpì alla testa e gli diede il colpo mortale. Thiostolf cadde sulla schiena per tutta la sua lunghezza, in quel momento vennero fuori gli uomini di Hrut e videro i segni dell'azione.
Hrut fece portare via il corpo, e lanciò pietre sopra il suo corpo, poi andò a cercare Hauskuld, e gli raccontò dell'uccisione di Glum, e anche di quella di Thiostolf.
Egli pensò che fosse un vero peccato che Glum fosse morto e sepolto, ma lo ringraziò per aver ucciso Thiostolf.
Poco tempo dopo, il fratello di Thorarin, Ragi viene a sapere della morte del fratello Glum. Quindi cavalcò con undici uomini dietro a lui verso ovest verso Hauskuldstede, e Hauskuld lo accolse generosamente, ed egli stette lì la notte.
Hauskuld mandò subito a dire a Hrut di venire da lui, lui andò subito, e il giorno dopo parlarono molto dell'uccisione di Glum, e Thorarin disse "Vuoi farmi qualsiasi espiazione per mio fratello, perché ho avuto una grande perdita?"
Hauskuld rispose: "Non ho ucciso tuo fratello, né mia figlia ha complottato la sua morte, ma non appena Hrut l'ha saputo ha ucciso Thiostolf". Poi Thorarin rimase zitto e pensò che la faccenda avesse preso una brutta piega. Ma Hrut disse: "Facciamo in modo che non rimpianga il suo viaggio; ha effettivamente avuto una pesante perdita, e bisogna che si parli bene di noi. Quindi diamo loro dei doni, e poi sarà nostro amico per il tempo a venire".
Quindi la fine fu, che quei fratelli gli diedero dei regali, e lui tornò a sud. Lui e Hallgerda si scambiarono le fattorie in primavera, lei andò a sud a Laugarness e lui a Varmalek.
E ora Thorarin è fuori dalla storia.

* tagliò – viene adoperato come l'atto di colpire, non il ferimento.

 

 

CAPITOLO XVIII.
LA MORTE DI FIDDLE MORD.


Ora deve essere detto come Fiddle Mord si ammalò e diede il suo ultimo respiro; e questo si pensò fosse una grande rovina. Sua figlia Unna si prese tutti i beni che aveva lasciato alle spalle. Non si era risposata. Era molto superficiale e sregolata con la sua proprietà; cosicché le sue merci e il suo denaro presto andarono sprecati, e alla fine lei non ebbe quasi più nulla se non terra e bestiame.

 

 

CAPITOLO XIX.
GUNNAR ENTRA NELLA STORIA.


C'era un uomo che si chiamava Gunnar. Era uno dei parenti di Unna e il nome di sua madre era Rannveig (1).
Il padre di Gunnar si chiamava Hamond (2).
Il figlio di Gunnar Hamond abitava a Lithend, in Fleetlithe. Era un uomo di corporatura alta, e un uomo forte, il migliore esperto di armi di tutti gli uomini.
Poteva tagliare, spingere o colpire sia se sceglieva la mano sinistra o la mano destra, colpire così velocemente con la sua spada, che tre sembravano lampeggiare contemporaneamente. Era il miglior tiratore con l'arco di tutti uomini, e non ha mai mancato il suo bersaglio.
Poteva saltare più della sua stessa altezza, con tutta la sua attrezzatura da guerra, tanto indietro quanto avanti. Poteva nuotare come un foca e non c'era un gioco che non gli andasse bene, perché nessuno poteva competere contro di lui, così è stato detto con verità che nessun uomo era alla sua altezza. Era di bell'aspetto e dalla pelle chiara. Il suo naso era dritto, e un po'alzato alla fine. Aveva gli occhi azzurri e luminosi e le guance rubiconde. I suoi capelli erano lunghi e di buona tonalità, e pendevano in graziosi riccioli.
Era il più cortese degli uomini, di corporatura robusta e forte volontà, generoso e gentile, un amico fidato, e attento a sceglierli.. Era ricco di beni. Il nome di suo fratello era Kolskegg; era un uomo alto e forte, un buon campione, e imperterrito in tutto. Il nome di un altro fratello era Hjort; era allora nella sua infanzia.
Orm Skogarnef era un fratello bastardo di Gunnar; lui non entra in questa storia.
Arnguda era il nome della sorella di Gunnar. Hroar il sacerdote di Tongue, l'ha avuta per moglie (3).

(1) Era la figlia di Sigfuss, il figlio di Sighvat il Rosso; è stato ucciso a Sandhol Ferry.
(2) Era il figlio di Gunnar Baugsson, dal quale venne chiamato Gunnar's holt.
Il nome della madre di Hamond era Hrafnhilda. Era la figlia del figlio di Storolf Heing. Storolf era fratello di Hrafn, relatore della Legge, il figlio di Storolf era Orin il Forte.
(3) Era il figlio di Uni the Unborn, il figlio di Gardar che ha trovato l'Islanda. Il figlio di Arnguda era Hamond the Halt, che abitava a Hamondstede.

 

 

CAPITOLO XX.
DI NJAL E I SUOI FIGLI.

 

C'era un uomo il cui nome era Njal. Era il figlio di Thorgeir Gelling, il figlio di Thorolf. Il nome della madre di Njal era Asgerda (1). Njal dimorò a Bergthorsknoll nelle land-isles; aveva un'altra casa a Thorolfsfell.
Njal era ricco di beni e bello di viso; nessuna barba crebbe sul suo mento. E 'stato un avvocato cosi bravo che un suo uguale non è ancora stato trovato.
Lui era anche saggio, e previdente e lungimirante (2) di buoni consigli, e pronto a darli, e qualsiasi cosa consigliasse al popolo era ben fatta. Gentile e generoso, era pacifico e tuttavia pieno di coraggio; prevedeva le cose a venire e ricordava le cose del passato, sbrogliò le questioni ingarbugliate di tutti gli uomini che andarono a trovarlo. Bergthora era il nome di sua moglie; era la figlia di Skarphedinn, una donna molto vivace e coraggiosa, ma piuttosto rude.
Hanno avuto sei figli, tre figlie e tre figli, e tutti verranno in seguito in questa storia.

(1) Era la figlia di Lord Ar the Silent. Era venuta fin qui in Norvegia dalla Norvegia e aveva preso terra ad ovest di Markfleet, tra Auldastone e Selialandsmull. Suo figlio era Holt-Thorir, il padre di Thorleif Crow, da cui sono nati gli Wood-dwellers e di Thorgrim l'Alto e Skorargeir.
(2) Ciò significa che Njal era uno di quegli esseri dotati che, secondo la ferma convinzione di quell'età, aveva una visione più che umana delle cose che stavano per accadere. Risponde quasi alla "seconda vista" scozzese.

 

 

CAPITOLO XXI.

UNNA VA A VEDERE GUNNAR.

 

Ora si deve dire come Unna aveva perso tutti i suoi contanti. Si diresse verso Lithend, e Gunnar salutò bene la sua parente. Rimase lì quella notte, e la mattina dopo sedettero fuori di casa e parlarono. Il fine dei loro discorsi è stato che lei gli disse quanto era pesantemente a corto di denaro.
"Questo è una brutta situazione", lui disse.
"Che aiuto mi darai per tirarmi fuori dalla mia angoscia?" lei chiese.
Egli rispose —" Prendi tutti i soldi che hai bisogno da ciò che ho investito con gli interessi.
"No", disse lei, "non voglio dissipare i tuoi beni".
"Che cosa allora desideri allora?"
"Voglio che tu riprendi i miei beni dalle mani di Hrut, " rispose lei.
"Questo, penso, non è facile", disse lui, "quando tuo padre non è riuscito a riaverli indietro, eppure era un grande avvocato, e io conosco poco la legge".
Lei rispose: "Hrut ha spinto la questione attraverso l'audacia piuttosto che nella legge, inoltre mio padre era vecchio, ed è per questo che gli uomini hanno pensato che fosse meglio non spingere le cose all'estremo. E ora non c'è nessuno dei miei parenti a prendere in carico questa causa, se non si ha abbastanza coraggio".
"Ho abbastanza coraggio", lui le rispose, "per riavere indietro questi beni, ma non so come prendere in mano la causa".
"Bene!"lei rispose:" Va' a trovare Njal a Bergthorsknoll, lui saprà darti consigli. Inoltre, è un tuo grande amico".
"È sufficiente che mi dia un buon consiglio, come lo dà a tutti gli altri", disse Gunnar.
Quindi la fine del loro discorso è stata che Gunnar intraprese la sua causa e le diede i soldi di cui aveva bisogno, e dopo di ciò lei tornò a casa.
Ora Gunnar andò a trovare Njal, e lui lo accolse molto bene, e cominciarono a parlare subito.
Poi Gunnar disse: "Sono venuto a cercare un po' di buoni consigli da te".
Njal rispose: "molti dei miei amici sono degni di questo, ma comunque penso che mi prenderei più fatica per nessuno quanto per te".
Gunnar disse: "Vorrei farti sapere che mi sono impegnato a recuperare i beni di Unna da Hrut".
"Un compito molto difficile da intraprendere," disse Njal, "e uno molto pericoloso di come potrebbe andare; ma tuttavia lo farò per te nel modo in cui penso sia più consono per avere successo, e la fine sarà buona se tu non infrangerai nessuna delle regole che stabilisco; se lo farai, la tua vita sarà in pericolo ".
"Non aver paura, non romperò nessuna di esse, " disse Gunnar.
Quindi Njal rimase in silenzio per un po' e dopo parlò come segue:

 

 

CAPITOLO XXII.

IL CONSIGLIO DI NJAL.

"Ho riflettuto sulla causa, e la si può fare. Cavalcherai da casa con due uomini alle tue spalle. Sopra tutto avrai un grande mantello ruvido, e sotto di esso, un kirtle color ruggine di roba scadente, e sotto tutti i tuoi bei vestiti. Devi portare una piccola ascia nella tua mano e ognuno di voi deve avere due cavalli, uno grasso e l'altro magro. Dovrai portare con te gli attrezzi e il lavoro del fabbro, e dovete partire domani mattina presto, e quando attraverserete Whitewater verso ovest, bada di mettere il cappello ben sopra le tue sopracciglia.
Allora gli uomini chiederanno chi è questo grande uomo, e i tuoi compagni diranno: "Ecco Huckster Hedinn the Big, un uomo di Eyjafirth, che va in giro per vendere utensili di ferro.
Questo Hedinn è irascibile e un chiacchierone, un tipo che pensa di essere il solo a sapere tutto. Molto spesso si riprende la merce, e picchia gli uomini se tutto non è fatto come vuole.
Quindi andrai a ovest a Borgarfirth offrendo tutti i tipi di merci in vendita, e assicurati spesso di piangere sulle offerte, ma riprenderai sempre senza venderli, in modo che si sappia in giro che Huckster Hedinn è il peggiore degli uomini con cui contrattare, e che non sono state dette bugie del suo cattivo comportamento.
Quindi andrai a Northwaterdale, a Hrutfirth e a Laxriverdale, finché non arriverai a Hauskuldstede. Lì devi stare una notte, e siederai nell'ultimo posto, e penzolarai la testa verso il basso.
Hauskuld dirà a tutti loro di non intromettersi né interagire con Huckster Hedinn, dicendo che è un tipo maleducato e scortese.

Il mattino dopo devi partire presto e andare alla fattoria più vicina a Hrutstede. Là devi offrire i tuoi beni in vendita, lodando tutto ciò che è peggio e tentare di aggiustare i difetti. Il padrone di casa indagherà e scoprirà i difetti. Tu devi strappargli le mercanzie e parlargli male. Dirà: "Non c'era da sperare che tu ti comportassi bene con lui, quando ti comporti male con ogni altro.

Allora tu ti getterai su di lui, anche se non è tua abitudine, ma fai attenzione di occultare la tua forza, che non puoi essere scoperto. Poi un uomo verrà mandato a Hrutstede per dire a Hrut che è meglio che egli venga e vi divida. Verrà subito e ti chiederà di andare a casa sua, e tu devi accettare la sua offerta. Saluterai Hrut e lui ti riceverà bene. Ti verrà dato un posto sulla panca sottostante, di fronte il seggio di Hrut.
Chiederà se tu sei del Nord, e tu risponderai che sei un uomo di Eyjafirth.
Poi continuerà nel chiedere se ci sono molti uomini coraggiosi lì. 'Abbastanza squallidi e malandati'", devi rispondere.
'Conosci il Reykiardale e le sue parti ti chiederà.
A cui tu devi rispondere: 'Conosco tutta l'Islanda a memoria'.

" 'Ci sono ancora dei guerrieri forti a Reykiardal?', ti chiederà. 'Ladri e canaglie', risponderai. Allora Hrut sorriderà e penserà che è uno spasso stare ad ascoltarti.
Voi due continuerete a parlare degli uomini nel quartiere dell'Eastfirth, e dovrai sempre trovare qualcosa da dire contro di loro.
Finalmente il tuo discorso arriverà su Eangrivervale, e allora devi dire che non c'è più una piccola eccellenza di uomini rimasti da quelle parti da quando Fiddle Mord è morto.

Allo stesso tempo, canta dei versi per compiacere Hrut, (perché so che sei uno skald) e Hrut ti chiederà cosa ti fa dire che nessun uomo può prendere il posto di Mord? e allora tu devi rispondere, che era un uomo così saggio e così bravo nella gestione di un caso che non c'era mai una parola da dire sui suoi giudizi.
Ed egli ti chiederà - 'Tu sai come sono andate le cose tra me e lui?'
" 'So tutto di questo,' tu devi rispondere, 'ha preso tua moglie da te, e tu non avevi una parola da dire' .
"Allora Hrut chiederà - 'Non credi che sia stato un disonore per lui quando non è riuscito a riavere i suoi beni, anche se ha intentato la causa legale'.
" 'Posso rispondervi abbastanza bene,' devi dire. 'Lo sfidavi a combattere da solo, ma lui era ma era vecchio, e così i suoi amici gli consigliarono di non combattere con te, e poi lasciarono cadere la causa.' (lasciar cadere la toga a terra).
" 'È vero,' dirà Hrut. 'Ho detto così, e quello passò per legge tra gli sciocchi; ma la causa poteva essere stata ripresa in un prossimo Thing, se avesse avuto il coraggio.'
" 'So tutto questo,' tu devi dire.
"Allora chiederà - ' Sai qualcosa della legge? '
" 'Su al nord pensavo di sapere qualcosa a riguardo ' si potrebbe dire 'Ma comunque mi piacerebbe che tu mi dicessi come dovrebbe essere fatta questo causa.'
" 'Che causa intendi fare? ' ti chiederà.
" 'Una causa,' tu devi rispondere, 'che non mi riguarda. Voglio sapere come un uomo deve mettersi al lavoro e che desidera recuperare il doario di Unna.'
"Allora Hrut dirà ... 'In questa causa devo essere convocato in tribunale per poter ascoltare la citazione, oppure qui nella mia casa legittima.'
" 'Recita la convocazione, allora, ' la dirai 'e io la ripeterò dopo di te.'
"Allora Hrut dirà la citazione; bada e presta grande attenzione a ogni parola che dice. Dopo di che Hrut ti chiederà di ripetere la citazione, e tu devi farlo, e dire tutto sbagliato, in modo che non più di ogni altra parola sia giusta.
"Allora Hrut sorriderà e non diffiderà di te, ma dirà che appena una parola è giusta. Devi dare la colpa ai tuoi compagni, e dire che ti hanno preso in giro, e poi devi chiedergli di ripetere la frase, parola per parola e lasciarti dire le parole dopo di lui.
Ti darà l'assenso e convocherà se stesso nella causa, e tu ripeterai dopo di lui lì, e questa volta dì ogni parola giusta. Quando ha finito, chiedi a Hrut se è stato giustamente convocato, e lui risponderà '"non ci sono difetti in esso'. Allora dirai ad alta voce, affinché i tuoi compagni possano udire-
"Ti cito dunque in giustizia in nome della figlia di Mörd, che ha messo il suo caso nelle mie mani".
" Ma quando gli uomini saranno profondamente addormentati uscirete e andrete nel prato a sellare i cavalli grassi, e lascerete gli altri dietro di te, dovete salire sulle colline lontano dai pascoli di casa e stare lì tre notti, per circa tanto tempo vi cercheranno, dopo di che andrete a casa verso sud, cavalcando sempre di notte e riposando di giorno.
Per quanto ci riguarda, andremo quest'estate al Thing e ti aiuterò nella tua causa". Quindi Gunnar ringraziò Njal e, prima di tutto, tornò a casa.

 

 

CAPITOLO XXIII.

HUCKSTER HEDINN.

Gunnar cavalcò da casa due notti dopo e due uomini con lui; hanno cavalcato fino a che non sono arrivati a Bluewoodheath, e poi degli uomini a cavallo li incontrarono e chiesero chi potesse essere quell'uomo alto che era stato visto così poco,
I suoi compagni dissero che era Huckster Hedinn. Poi gli altri dissero non si poteva cercarne uno peggiore, quando un uomo come lui viene per primo.
Hedinn subito si comportò come se si fosse fissato su di loro, ma tuttavia ognuno andò per la sua strada. Quindi Gunnar continuò a fare tutto come Njal aveva preparato per lui, e quando arrivò a Hauskuldstede rimase lì la notte, e da lì andò giù per la valle finché non arrivò alla fattoria successiva, a Hrutstede.
Lì offrì le sue mercanzie, e vendette tre attrezzi da fabbro. Il padrone della tenuta si accorse che la merce non era buona e gli disse che lo aveva imbrogliato, e Hedinn s'abbattè subito su di lui. Questo fu detto a Hrut, che mandò a chiamare Hedinn, e Hedinn andò subito a vedere Hrut, e fu ben accolto.
Hrut lo fece sedere dirimpetto a sé, e il loro discorso andò più o meno come Njal aveva intuito; ma quando sono venuti a parlare di Rangrivervale, e Hrut chiese degli uomini lì, Gunnar intonò questo canto—

"Gli uomini in verità sono lenti da scoprire—
Così la gente parla di nascosto,
Spesso questo ha raggiunto le mie orecchie,—
Per tutto l'Hangar's Rolling Vales.
Tuttora io canto quel Fiddle Mord,
Ha provato la sua mano in lotta in un tempo passato;
Certo non è mai stato gold-bestower, (dispensatore – d'oro)
Tale uomo per vigore e intelligenza".

"È lì, in verità, che ci sono meno uomini (così la gente dice a bassa voce, e l'ho sentito spesso) nella pianura dell'Hangar. L'unico Mörd Gigja è noto per i suoi successi. Tra quelli che lanciano oro con entrambe le mani, non c'era eguale in saggezza o potere".

Poi Hrut disse: "Sei un skald, Hedinn, ma non hai mai sentito come sono andate le cose tra me e Mord?" Allora Hedinn cantò un altro pentagramma—

"Una volta ho sentito le voci,
Come il Signore degli anelli (*) ti prende;
Dalle tue braccia la progenia (†) della terra,
Trickfull lui e trtistfull tu.
Quindi gli uomini, i portatori di scudi,
Implorano il possente genitore d'oro,
Spada affilata spesso di vecchio arrossisce,
Non stare in conflitto con te".

* - Signore degli anelli, una perifrasi per un capo, cioè Mord.
† - La progenie terrestre, una perifrasi per donna, cioè Unna.

"So che con i suoi artifici il capo con gli anelli d'oro ha portato via una preziosa prole dalla terra.
E chi indossa lo scudo gli consigliò (la sua spada era spesso arrossata di sangue) di non combattere contro di te".

Così continuarono, finché Hrut, in risposta gli disse come doveva essere fatta la causa e recitò la citazione. Hedinn ripetè tutto in modo sbagliato, e Hrut scoppiò a ridere e non ebbe diffidenza. Quando egli disse, che doveva citarlo una seconda volta, Hrut lo fece. Quindi Hedinn ripeté la convocazione una seconda volta, e questa volta giusta, e chiamò i suoi compagni per testimoniare come aveva convocato.

Hrut in un vestito che la figlia Unna di Mord gli aveva fatto per lui con le sue promesse mani di notte andò a dormire come gli altri uomini, ma non appena Hrut fu profondamente addormentato, presero i loro vestiti e le loro armi, uscirono e andarono ai loro cavalli, e cavalcarono oltre il fiume, e così su per la riva di Hiardarholt fino a che il Dale si staccò tra le colline, e poi eccoli sulle colline tra Laxriverdale e Hawkdale, avendo raggiunto un punto in cui nessuno poteva trovarli a meno che non fosse caduto su di loro per caso.
Hauskuld si svegliò quella notte a Hauskuldstede e risvegliò tutta la sua famiglia. "Vi dirò il mio sogno", disse. "Pensavo di vedere un grande orso uscire da questa casa e sapevo subito che la dipartita di questa bestia non si poteva trovare; due cuccioli lo seguirono, augurando buona fortuna all'orso, e tutti stavano andando a Hrutstede e sono entrati nella casa là. Ora vorrei chiedere se qualcuno di voi ha visto qualcosa su quell'uomo alto".
Un uomo gli rispose: "Ho visto come una frangia dorata e un po' di stoffa scarlatta gli facevano capolino fuori dalla manica, e sul braccio destro aveva un cerchio d'oro".

Hauskuld disse: "Questa bestia non è la preda di nessuno, ma nientemeno Gunnar's di Lithend, e ora mi sembra di capire tutto. Su, andiamo a Hrutstede". E così fecero.
Arrivati alla casa di Hrut bussarono alla porta. Un uomo uscì e aprì loro, quindi entrarono. Hrut giaceva nel suo letto chiuso, e domandò chi fosse venuto lì, Hauskuld disse chi era, e chiese quali ospiti potevano essere lì in casa? "Solo Huckster Hedinn è qui", disse Hrut.
"Un uomo più ampio alle spalle, temo," disse Hauskuld, "credo che Gunnar di Lithend debba essere stato qui".
"Allora c'è stata una bella prova di astuzia, " disse Hrut.
"Che cosa è successo" chiese Hauskuld.
"Gli ho detto come prendere la causa di Unna, e anche come fare la citazione per rivendicare la proprietà di Unna e mi sono convocato in tribunale, e lui ha convocato dopo, e ora può usare questo primo passo nella causa, ed è giusto per legge".
"C'è stata davvero una eccessiva intelligenza da quella parte, " disse Hauskuld, e Gunnar non può aver pianificato tutto da solo; Njal deve essere in fondo a questo complotto, perché non c'è comparazione per intelligenza in tutta la landa".
Ora cercarono Hedinn, ma lui era già lontano; in seguito raccolsero la gente e li cercarono per tre giorni, ma non riuscirono a trovarli. Gunnar cavalcò verso sud dal fell a Hawkdale e quindi a est di Skard, e a nord fino a Holtbeaconheath, e così via fino a quando non arrivò a casa. Andò a cercare Njal e gli disse che si era trovato bene con i suoi consigli.

 

 

CAPITOLO XXIV.

GUNNAR E HRUT SI AFFRONTANO AL TINGH.

Gunnar cavalcò verso l'Althing, e Hrut e Hauskuld cavalcarono anche loro laggiù con una grandissima compagnia. Gunnar perseguì la sua causa e iniziò a chiamare i suoi vicini per rendere testimonianza, ma Hrut e suo fratello avevano in mente di fare un assalto a lui, ma non si fidarono delle loro forze.
Gunnar poi andò alla Corte degli uomini di Broadfirth, e ordinò Hrut di ascoltare il suo giuramento e la dichiarazione della causa della dote, e a tutte le prove che stava per portare avanti.
Dopo di che prestò giuramento e avviò la sua causa.
Poi presentò i suoi testimoni per la convocazione, insieme ai testimoni che la causa era stata consegnata a lui.
Per tutto questo tempo Njal non era alla corte. Ora Gunnar proseguì la sua causa fino a quando ha invitò l'imputato a rispondere.
Allora Hrut prese la sua testimonianza e disse che la causa era nulla, e che c'era un difetto nell'istanza; dichiarò che era fallita perché Gunnar aveva omesso di chiamare quei tre testimoni che avrebbero dovuto essere portati davanti alla corte. Il primo, quello che è stato preso davanti al letto matrimoniale, il secondo, prima della porta degli uomini, il terzo, alla collina delle leggi.
A quel punto Njal venne alla corte e disse che la causa e l'arringa potevano ancora essere ritenute valide se loro avessero voluto continuare.
"No, disse Gunnar, "non lo farò, voglio fare a Hrut quello che lui ha fatto a Mörd, mio parente; o forse questi fratelli Hrut e Hauskuld sono così vicini da poter sentire la mia voce".

"Sentirlo possiamo". disse Hrut. "Ma che cosa vuoi?".
Gunnar esclamò "Ora tutti gli uomini qui presenti sono testimoni auricolari, che io ti sfido Hrut a a un singolo combattimento, e noi combatteremo oggi sull' holm, (isolotto) che è qui a Oxwater.
Ma se non combatterai con me, allora pagherai tutti i soldi questo stesso giorno".

Detto ciò Gunnar cantò dei versetti—

"Sì, così deve essere, questa mattina-
Ora la mia mente è piena di fuoco.
Hrut con me sull'isola laggiù
Alza il rumore degli elmi e dello scudo.
Tutti quelli che ascoltano le mie parole testimoniano,
Guerrieri che afferrano la guardia di Woden,
A meno che il ricco anticipo non paghi
Il doario della moglie con il velo fluente".

"Sì, Hrut ed io nella nostra furia combatteremo oggi sull'isola, e gli elmetti e gli scudi saranno scioccati. Che mi ascoltino, tutti questi guerrieri che porto ad assistere. Altrimenti, che il vecchio paghi la dote della donna con il velo fluttuante all'ora".

Dopo questo Gunnar si allontanò dalla corte con tutti i suoi seguaci. Anche Hrut e Hauskuld sono andati a casa, e la causa non fu mai perseguita né difesa da quel giorno in avanti.
Hrut disse, non appena entrò nello stand, "Questo non mi è mai successo prima, che alcuno uomo mi ha offerto il combattimento e l'ho evitato ".
"Allora devi voler combattere", disse Hauskuld, "ma non lo sarà se faremo a modo mio; perché non sei più vicino a Gunnar più di quanto Mord sarebbe venuto a te, e faremmo meglio tutti e due a pagare i soldi a Gunnar. "
Dopo che i fratelli chiesero ai capifamiglia del proprio paese ciò che avrebbero deposto, e tutti dissero che avrebbero deposto tanto quanto Hrut avrebbe voluto.
"Allora andiamo", disse Hauskuld ,alla capanna di Gunnar, e paghiamo i soldi brevi mano". Questo fu detto a Gunnar, e lui è uscì dalla porta dello stand, e Hauskuld disse—
"Ora tocca a te prendere i soldi".
Gunnar rispose—
"Paga, allora, perché sono pronto a prenderli".
Così hanno pagato i soldi davvero brevi mano, e poi Hauskuld disse — "Goditela ora, come l'hai ottenuto".
Allora Gunnar cantò un altro pentagramma—

"Uomini che maneggiano il fatto di una battaglia
La ricchezza accumulata può ben godere,
Senza colpa, ottenuto almeno questo,
D'oro la ricompensa la prendo senza paura
Ma se noi per la lite della donna,
Guerriero nato per brandire la spada,
Glut il lupo con sangue virile,
Peggio ancora sarebbe il destino di entrambi".

"Gli uomini che hanno guadagnato la gloria in combattimento possono godere delle loro proprietà senza paura. Nessuno disputerà la mia ricchezza con le armi in mano. Ma se versiamo sangue a causa di una donna, sarebbe un male per noi, valorosi guerrieri".

Hrut rispose— "Sarai mal ricompensato".
"Comunque sia," disse Gunnar.

Allora Hauskuld e suo fratello tornarono a casa alla loro capanna, Hauskuld aveva molto pensieri per la testa, e disse a Hrut— "Questo inganno di Gunnar non verrà mai vendicato?"
"Non lo sarà, " disse Hrut; "Ci sarà una punizione su di lui abbastanza sicura, ma non avremo alcuna partecipazione né parte a quella vendetta. E dopo tutto è molto probabile che si rivolgerà alla nostra fazione per cercare amici".
Dopo di che hanno smesso di parlare della questione.

Gunnar mostrò i soldi a Njal che disse: "Ha funzionato bene".
"Sì", disse Gunnar, "ma tutto si deve a te".

Ora gli uomini tornarono a casa dal Thing, e Gunnar ottenne un grande onore da questa faccenda. Gunnar consegnò tutti i soldi a Unna, e non volle nulla da lei, ma disse che sembrava che potesse aspettare più aiuto, in futuro, da lei e dalla sua famiglia che da altri uomini. Disse: "Così dovrebbe essere".

 

 

CAPITOLO XXV.

SECONDO MATRIMONIO DI UNNA.

C'era un uomo di nome Valgard, che teneva casa a Hof by Rangriver, era figlio di Jorund il sacerdote, e suo fratello era il Wolf Aurpriest. (*)
Questi fratelli, Wolf Aurpriest e Valgard i più accorti, partirono per corteggiare Unna, e lei sposò Valgard senza il consiglio di alcuno dei suoi parenti.
Ma Gunnar e Njal e molti altri pensavano male, poiché era un uomo grezzo e senza affettività. Generarono tra di loro un figlio, il cui nome era Mord, e lui è a lungo presente in questa storia.
Egli crebbe nella tenuta dell'uomo, ma si comportò male verso i suoi genitori, ma peggio soprattutto con Gunnar. Era un uomo astuto nel suo carattere, ma cattivo nei suoi consigli.

Ora nomineremo i figli di Njal. Skarphedinn era il più grande di loro. Era un uomo di statura alta e robusta; un buon campione; poteva nuotare come una foca, ed era il più agile degli uomini, audace e impavido, aveva un grande flusso di parole e un'espressione veloce; anche un buon skald; e per la maggior parte del tempo si è tenuto bene in forma; i suoi capelli erano castano scuro, con ciuffi ricci e crespi; aveva dei bellissimi occhi; i suoi lineamenti affilati, e la sua faccia era pallida, il suo naso alzato e i suoi denti anteriori sporgevano, e la sua bocca era molto brutta. Eppure era il più valoroso degli uomini.
Grim era il nome del secondogenito di Njal. Aveva una faccia onesta e portava i capelli lunghi. I suoi capelli erano scuri, ed era più bello da vedere di Skarphedinn. Un uomo alto e forte.
Helgi era il nome del terzo figlio di Njal. Anche lui era carino e aveva dei bei capelli. Era un uomo forte e abile nelle armi. Era un uomo ragionevole e sapeva bene come comportarsi. Erano tutti scapoli a quel tempo, i figli di Njal.
Hauskuld era il quarto dei figli di Njal. Illegittimo. Sua madre si chiamava Rodny, ed era la figlia di Hauskuld, la sorella di Ingialld of the Springs.
Un giorno Njal chiese a Skarphedinn se si sarebbe preso una moglie. Egli pregò suo padre di risolvere la questione. Allora Njal chiese per lui la mano Thorhilda, la figlia di Iianvir di Thorolfsfell, ed è per questo essi hanno avuto un'altra fattoria lì dopo. Skarphedinn ottenne Thorhilda, ma è rimasto con suo padre fino alla fine. Grim corteggiò Astrid di Deepback; era una vedova e molto ricca. Grim la portò in moglie e continuò a vivere con Njal.

(*) Il figlio di Hanveig the Silly, il figlio di Valgard, il figlio di iEfar, il figlio di Vemund Wordstopper, il figlio di Thorolf Hooknose, il figlio di Thrand the Old, il figlio di Harold Hilditann, il figlio di Hnereck Ringscatterer. La madre di Harold Hilditann era Aud la figlia di Ivar Widefathom, il figlio di Halfdau the Clever. Il fratello di Valgard era il più abile Wolf Aurpriest, da cui nacquero gli abitanti del luogo: Wolf Aurpriest era il padre di Swart, il padre di Lodmund, il padre di Sigfus, il padre di Saemund the Wisr. Ma da Valgard è nato Kolbein il Giovane.

 

 

CAPITOLO XXVI.

DI ASGRIM E I SUOI BAMBINI.

 C'era un uomo di nome Asgrim (*) Era il figlio di Ellidagrim. Il fratello di Asgrim Ellidagrim era il figlio di Sigfus. Il figlio di Gauk Trandil era il fratello adottivo di Asgrim, che si disse fosse il più bell'uomo del suo tempo e il più abile in tutte le cose; ma le cose andarono male tra di loro, poiché Asgrim uccise Gauk.
Asgrim aveva due figli e ciascuno di loro si chiamava Thorhall. Erano entrambi uomini promettenti.
Grim era il nome di un altro dei figli di Asgrim, e Thorhalla era il nome di sua figlia. Era la più bella delle donne e beneducata.
Njal venne a parlare con suo figlio Helgi e disse: "Ho pensato a un matrimonio per te, se seguirai il mio consiglio".
"Che lo farò sicuramente", disse lui, "perché sappiamo entrambi che mi vuoi bene, e puoi fare del bene per me; ma dove hai posato i tuoi occhi?
"Andremo a corteggiare la figlia del figlio di Asgrim Ellidagrim, perché è la scelta migliore che possiamo fare".

 (*) Ellidagrim era il figlio di Asgrim, Aundot il figlio del Crow.

Il nome di sua madre era Jorunn, ed era la figlia di Teit, il figlio di Kettlebjorn l'Old di Mossfell.
La madre di Teit era Helga, figlia del figlio di Thord Skeggi, il figlio di Hrapp, il figlio di Bjoro il ruvido figlio di Grim, il signore di Sogn in Norvegia. La madre di Jorunn era Olof harvest-heal, figlia di Bodvar, figlio di Viking-Kari. Sua figlia era Thorgerda, madre di Sigfus, il padre di Soeniund il dotto.

 

 

CAPITOLO XXVII.

IL CORTEGGIAMENTO DEL FIGLIO DI HELGI NJAL.

 Un po' di tempo dopo attraversarono le acque del Thurso, e andarono avanti fino a quando arrivarono a Tongue. Asgrim era a casa e diede loro un'accoglienza cordiale; e rimasero lì quella notte. La mattina dopo cominciarono a parlare insieme, poi Njal sollevò la questione del corteggiamento e chiese a Thorhalla la mano per suo figlio Helgi.
Asgrim rispose bene, e disse che non c'erano uomini con i quali sarebbe stato più disposto a fare, questo affare che con loro.
Hanno cominciato a parlare dei termini, e la fine fu che Asgrim fidanzò sua figlia con Helgi, e il giorno nuziale fu fissato. Gunnar andò al matrimonio e molti dei migliori uomini del paese. Dopo la festa nuziale Njal si offrì di prendere come figlio adottivo Thorhal, il figlio di Asgrim, eThorhal andò a casa di Njal e rimase con lui per molto tempo. Amava Njal più di suo padre. Njal gli insegnò la legge, così che divenne il più grande avvocato in Islanda in quei tempi.

 

 

CAPITOLO XXVIII.

HALLVARD VIENE IN ISLANDA.

 Arrivò una nave dalla Norvegia, e si imbatté nell'Oyce (*) di Arnbfel e il padrone della nave era Hallvard, il bianco, un uomo della Baia. (†)
Andò a stare a Lithend, e fu con Gunnar quell'inverno, e gli chiedeva continuamente di andare all'estero con lui, Gunnar ne parlò poco a riguardo, ma disse che le cose più improbabili potevano accadere; e verso la primavera andò a Bergthorsknoll per scoprire da Njal se pensava che fosse un passo saggio per lui andare all'estero.
"Penso che sia saggio", disse Njal, "ti considereranno un uomo onorevole, quale tu sei".
"Vuoi tu magari prendere i miei beni in custodia mentre sono via, perché vorrei che mio fratello Kolskegg viaggiasse con me; ma anche che tu vedessi dopo la mia famiglia con mia madre".
"Non ho intenzione di buttare via nulla di ciò", disse Njal; "Appoggiati a me in questa cosa tanto quanto più ti fa piacere".
"E' bello venire da te per le tue parole", disse Gunnar, e poi tornò a casa.
L'Easterling ** ricominciò a parlare con Gunnar che avrebbe dovuto viaggiare all'estero.
Gunnar gli chiese se avesse mai navigato in altre terre? Egli rispose che aveva navigato per ognuna di quelle lande che si trovavano tra la Norvegia e Garðaríki***, e così, anche, disse ho navigato fino a Biarmaland.
"Vuoi navigare con me verso est?" Disse Gunnar.
"Che lo farò di certo", rispose lui.
Quindi Gunnar si decise a navigare all'estero con lui. Njal prese tutti i beni di Gunnar in sua custodia.

 

(*) "Oyce", un vocabolo del nord per la foce di un fiume, da noi islandesi.

(†) "The Bay" il nome dato alla grande baia nella parte orientale della Norvegia, il cui ingresso dal Mare del Nord è il Cattegat, e alla fine del quale è il Christiania Firth. Il nome si applica anche alla terra intorno alla baia, che formava così un quartiere, il cui confine, da un lato, era il promontorio chiamato Lindesnees, o Naze, e dall'altro, il Gota-Elf, il fiume su di cui si trova la città svedese di Gottenburg, e dalla cui foce si trova l'isola di Hisingen, menzionata poco dopo. Permia, la nazione che viene dopo aver raddoppiato il Capo Nord.

** Easterling, Il Norseman Halvard.

*** Garðaríki (anglicizzato Gardariki o Gardarike) o Garðaveldi è il vecchio termine norreno usato in epoca medievale per gli stati del Khaganato di Rus' e della Rus' di Kiev.

 

 

CAPITOLO XXIX.

GUNNAR VA ALL'ESTERO.

Quindi Gunnar andò all'estero e Kolskegg con lui. Salparonoper per Tonsberg (*) e rimasero lì quell'inverno. C'era stato poi un avvicendamento di sovrani in Norvegia. Harold Grayfell era morto e anche Gunnhillda.
Earl Hacon il Cattivo, figlio di Sigurd, figlio di Hacon, figlio di Gritgarth, governava il regno. La madre di Hacon era Bergliot, la figlia di Earl Thorir. Sua madre era Olof Harvest-heal. Era la figlia di Harold Fair-hair.
Hallvard chiese a Gunnar se aveva in mente di andare da Earl Hacon?
No, non lo farò", disse Gunnar. "Hai mai avuto una nave a lunga?
"Ne ho due", disse.
"Allora vorrei che noi due andassimo in guerra; e radunare uomini per venire con noi. "
"Lo farò", disse Hallvard.
Dopo quello andarono alla baia, e presero due navi e quindi le allestirono, erano uomini ben addestrati, perché si parlava bene di Gunnar.
"In che posto vuoi andare per primo," chiese Gunnar.
"Vorrei andare a sud-est per Hisingen, per vedere il mio parente Oliver", rispose Hallvard.
"Che cosa vuoi da lui?" Disse Gunnar.
Egli rispose—" Egli è un bravo ragazzo coraggioso, e sicuramente ci procurerà un po' più di forza per il nostro viaggio".
"Allora andiamo là", disse Gunnar.
Quindi, non appena furono "pronti", si diressero a est verso Hisingen, e ebbero un buon ricevimento.
Gunnar era lì solo da poco tempo che Oliver stava già facendo una grande impressione su di loro. Oliver chiese del loro viaggio, e Hallvard disse che Gunnar desiderava andare a combattere per guadagnare ricchezza.
"Non è un idea saggia," disse Oliver "quando non hai forza".
"Bene," disse Hallvard, "allora potresti aumentarla".
"Quindi intendo rafforzare Gunnar in qualche modo", disse Oliver; "e sebbene tu possa essere mio amico e parente, penso che avrò più profitto con lui".
"Che forza, ora, aggiungi alla nostra?" Hallward chiese.
"Due lunghe navi, una con venti e l'altra con trenta posti per i rematori".
"Chi li equipaggerà?" Chiese Hallvard.
"Userò una di loro con i miei house-carles ( Housecarl erano uomini liberi, da non confondere con gli schiavi;) e gli uomini locali che ci sono maneggeranno l'altra.
Ma ora ho sentito che c'è stata una lotta nel fiume,
Non so se voi due riuscirete a fuggire, perché sono nel fiume".
"Chi è dunque venuto?" chiese Hallvard.
"I fratelli Twain", disse Oliver; " uno si chiama Vandil, e l'altro Karli, figli di Sjolf il vecchio, ad est, fuori da Gothland".
Hallvard disse a Gunnar che Oliver aveva aggiunto alcune navi alle loro e Gunnar ne fu contento.
Quindi li presero per il loro viaggio, finché furono pronti andarono a cercare Oliver e lo ringraziarono;
Egli augurò loro fortuna e disse loro di stare attenti a quei due fratelli.

 (*) Una città alla foce del Christiania Firth. Era un ottimo posto per il traffico fin dai tempi antichi, ed era a lungo l'unico mercato nel sud-est della Norvegia.

 

 CAPITOLO XXX.

GUNNAR VA IN GIRO PER IL MARE.

Quindi Gunnar si approntò alla foce del fiume, e lui e Kolskegg erano entrambi a bordo di una nave. Ma Hallvard era a bordo di un altra.
E, videro le navi davanti a loro, e allora Gunnar parlò, e disse—
"Siamo pronti a tutto se si volgono verso di noi, ma altrimenti non abbiamo niente a che fare con loro".
Così fecero, e prepararono tutto a bordo delle loro navi.
Gli altri separarono le loro navi e fecero un passaggio nel mezzo.

Gunnar andò dritto tra le navi, ma Vandil afferrò un rampino di ferro e lo gettò tra la sua nave e la nave di Gunnar, e cominciò subito a trascinarlo verso di lui. Oliver aveva dato a Gunnar una buona spada; Gunnar ora la brandì, e non si era ancora messo l'elmo che balzò subito sul "castello di prua" della nave di Vandil e diede ad un uomo il suo colpo mortale.
Karli corse con la sua nave lungo l'altro lato della nave di Gunnar, e lanciò giavellotto contro il ponte, e puntò Gunnar in mezzo al corpo.
Gunnar la vide e si voltò così velocemente, che nessun occhio poté seguirlo, prese il giavellotto con la mano sinistra, e la scagliò contro la nave di Karli, e quell'uomo che ci stava davanti ebbe la sua morte, Kolskegg afferrò un ancorotto e lo lanciò sulla nave di Karli, e per un colpo di fortuna cadde nella stiva, e uscì attraverso una delle assi, e si precipitò nel mare blu carbone, e tutti gli uomini, lasciando la nave saltarono a bordo delle altre.
Gunnar balzò di nuovo sulla sua nave, e poi arrivò Hallvard, e allora sorse una grande battaglia.
La gente di Gunnar vide come il loro capo era impavido e ognuno fece il meglio che poteva.
A volte Gunnar colpiva con la spada e talvolta scagliava la lancia, e molti uomini ebbero nelle sue mani la loro rovina.
Kolskegg lo sostenne bene.
Per quanto riguarda Karli, si affrettò a saltare sulla nave di suo fratello Vandil, e lì combatterono insieme quel giorno.
Per un momento Kolskegg si riposò sulla nave di Gunnar, e Gunnar lo vide.
Allora lui cantò una canzone—

Per l'aquila dalla gola vorace.
Corvo della mia razza, oggi
Meglio sicuramente hai servito,
Signore dell'oro, che per te stesso;
Qui il mattino vengono i corvi avidi,
Molti ruscelli di sangue(*) per cena,
Ma la tua sete ardente si abbassa,
Principe di battaglia del Parlamento! "

"Ti sei preso più cura, potente Corvo, delle avide aquile che mangiano i morti, che di te stesso. Domani più di uno verrà qui a bere la bevanda dei lupi; ma tu, come sguaini la spada, soffri i tormenti della sete".

Dopo di ciò, Kolskegg prese un bicchiere pieno di idromele e lo bevve e continuò a ristabilirsi;
e così avvenne che quei fratelli balzarono sulla nave di Vandil e di suo fratello, Kolskegg andò da una parte e Gunnar dall'altra.
Contro Gunnar arrivò Vandil e colpì immediatamente con la sua spada, e il colpo cadde sul suo scudo. Gunnar diede allo scudo una torsione mentre la spada lo trafisse, e la spezzò all'elsa, poi Gunnar colpì a sua volta Vandil, e tre spade sembravano ci fossero in alto, e Vandil non poteva vedere come evitare il colpo.
Gunnar gli tagliò entrambe le gambe da sotto, e allo stesso tempo Kolskegg trapassò Karli con una lancia.
Dopo di ciò presero un gran bottino di guerra.

Di là si tennero a sud verso la Danimarca, e da lì a est a Smoland, (**) e ottennero vittoria ovunque andassero. Non tornarono in autunno.
L'estate successiva si sono tenuti su Reval e si imbatterono lì con delle navi pirata, li hanno attaccati subito, e vinsero il combattimento.
Dopodiché si diressero a est verso Osel, (f) e rimasero lì un per un po'di tempo sotto un promontorio. Lì videro un uomo che scendeva dalla montagna sopra di loro; Gunnar andò a riva per incontrare l'uomo, e ebbero un colloquio.
Gunnar gli chiese come si chiamava, e lui rispose che era Tofi. Gunnar chiese ancora che cosa egli cercasse.
"Te voglio vedere", disse l'uomo.

"Due navi da guerra si trovano dall'altra parte sotto il promontorio, e ti dirò chi li comanda: due fratelli sono i capitani: uno si chiama Hallgrim e l'altro è Kolskegg.
So che sono potenti uomini di guerra; e so anche che hanno armi talmente buone che non si possono avere armi simili.
Hallgrim ha un'arma incantata che ha fatto con magie ribollenti; e questo è quello che dicono gli incantesimi; che nessuna arma gli darà il suo colpo mortale salvo quella (con la) fattura.
E questa è un'altra cosa: prima di tutto sa quando l'alabarda (f1) deve andare in battaglia, quando un uomo deve essere ucciso con quella arma, qualcosa canta in essa così ad alta voce che può essere sentita da molto lontano - una natura così forte ha quella fattura".

Allora Gunnar cantò una canzone —

"Presto dovrei prendere quella punta di lancia,
E l'audace corsaro marino uccidere,
Colui i cui colpi sull'elmo suonano,
Più in alto di mucchi di morti
Quindi sul percorso di Endil(f2) che delimita
Sulle profondità del mare correrò,
Mentre il miserabile che incanta abusa,
La vita perderà nella tempesta di Sigar ". (f3)

"L'avrò presto, quell'alabarda, quando ucciderò il terribile guerriero". Ammucchierò i morti e le armi risuoneranno sugli elmi. Poi andrò sul destriero di Endil, quando gli stregoni avranno perso la vita nella tempesta di Sigar".

"Kolskegg ha una spada corta, che è anche la migliore delle armi.
Forza, loro sono— un terzo più di voi.
Hanno anche molti bottini e li hanno riposti a terra, e so esattamente dove sono.
Ma loro hanno spedito una nave a spiarti fuori dal capo, e sanno tutto a proposito di voi.
Si stanno preparando il più velocemente possibile; e non appena saranno pronti, vogliono correre contro di voi.
Ora avete da fare l'uno o l'altro, o remare via subito, o prepararsi il più in fretta che potete; ma se oggi vincerete, allora vi condurrò a tutti i loro depositi di merci.
Gunnar gli diede un anello d'oro, e andò in seguito ai suoi uomini e disse loro che delle navi da guerra giacevano dall'altra parte del promontorio, e sanno tutto di noi; quindi imbracciamo le armi e impegniamoci bene, perché ora c'è da guadagnare". Allora essi si incitarono e non appena furono pronti videro le navi arrivare.
E tra loro si scatenò uno scontro, e combatterono a lungo, e molti uomini caddero. Gunnar uccise molti uomini.
Hallgrim e i suoi uomini saltarono a bordo della nave di Gunnar.
Gunnar si volse per incontrarlo, e Hallgrim lo colpì con la sua alabarda. C'era un boma nella nave, e Gunnar saltò agilmente indietro su di esso. Lo scudo di Gunnar era appena prima del boma, e Hallgrim ci conficcò la sua arma, e attraverso di esso, e così via fino al boma.
Gunnar colpì forte il braccio di Hallgrim, e lamò (paralizzò) l'avambraccio, ma la spada non morse.
Ma cadde l'alabarda a terra, e Gunnar l'afferrò, e la spinse attraverso Hallgrim, e poi cantò una canzone—

"Ucciso è colui che ha rovinato la gente,
attaccandoli con acciaio lampeggiante;
Ho sentito come la magia di Hallgrim
Vergella forgiata in terra straniera;
Tutti sanno che le corde del cuore sono forti,
Come è venuta a me quest'arma
Desta in combattimento cara mangiatrice di lupi
La morte solo noi due ci separerà".

"L'ho ucciso, il grande assassino di uomini. Alzò la spada come un fulmine in battaglia. Ho insegnato alle terre lontane la virtù delle armi magiche di Hallgrim. Tutti gli uomini valorosi sapranno come è arrivato il mio potere, l'alabarda che nutre i lupi".

Ora mi Seguirà in battaglia fino alla fine della mia vita.
E quel giuramento Gunnar mantenne, in quanto portò l'arma mentre viveva.
Quei omonimi [i due Kolskegg] combattevano l'uno contro l'altro, e non si sapeva da che parte sarebbe andata la fortuna.
Quindi Gunnar si avvicinò e diede all'altro Kolskegg il suo colpo mortale. Dopo di ciò i pirati implorarono pietà.
Gunnar acconsentì alla richiesta. Fece identificare gli uccisi, e di prendere i beni che i morti possedevano, ma diede agli altri a cui risparmiò la vita le loro armi e i loro vestiti, e li invitò a partire per le terre che li avevano allevati.
Così se ne andarono e Gunnar prese tutti i beni che erano rimasti.
Tofi giunse a Gunnar dopo la battaglia, e si offrì di condurlo a quel deposito di merci che i pirati avevano riposto, e disse che era migliore e più grande di quello che avevano già ottenuto.

Gunnar disse che era disposto ad andare, e così scese a terra, e Tofi prima di lui, in un bosco, e Gunnar dietro di lui. Arrivarono in un posto dove era accatastato un grande mucchio di legna. Tofi disse che i beni erano lì sotto, gettarono via il legno e trovarono sotto di esso oro e argento, vestiti e buone armi. Portarono quei beni alle navi e Gunnar chiese a Tofi in che modo voleva essere ricompensato.
Tofi rispose: "Sono un uomo di razza Dansk, e vorrei che mi portassi dai miei parenti".
Gunnar chiese perché era lì, via dall'est?
"Sono stato preso dai pirati, " disse Tofi, "e mi hanno gettato a terra qui a Oseh e qui sono sempre stato".

(*) Kill of wolf- -flusso, ruscelli di sangue.

(**) Una provincia della Svezia.

(f) Un'isola nel Baltico, al largo della costa dell'Estonia.

(f1) Nelle traduzioni inglesi di saghe, "alabarda", " bill " o altri termini sono stati usati per tradurre diverse parole norrene. È quindi difficile sapere che tipo di arma viene descritta in queste traduzioni o nei testi originali. Nel riferirsi all'arma dell'era vichinga, il termine " alabarda " non deve essere preso come riferimento alla classica, ma piuttosto nel suo senso letterale di "ascia su un palo", descrivendo un'arma del tipo glaive più generale . Consisteva di una lama ricurva, affilata sul lato convesso e dotata di uno spuntone perpendicolare al dorso.

(f2) Perifrasi di Endil per una nave.

(f3) Perifrasi delle tempeste di Sigar per una lotta di mare.

 

 

CAPITOLO XXXI.

Gunnar prese Tofi a bordo e disse a Kolskegg e a Hallvard: "Ora terremo la nostra rotta per le terre del nord". Loro furono molto contenti e gli dissero che dipendeva da lui.. Quindi Gunnar salpò da est con molto bottino. Aveva dieci navi, e corse con loro a Heidarby in Danimarca.
Il Re Harold figlio di Gorm, regnò in questo paese, e gli fu detto di Gunnar, e anche come non c'era nessuno al suo livello in tutta l'Islanda.
Egli mandò degli uomini per chiedergli di venire da lui, e Gunnar andò subito a vedere il re, e il re gli fece un caloroso benvenuto, e lo fece sedere vicino a sé. Gunnar è stato lì per mezzo mese
Il re si divertì lasciando che Gunnar si dimostrasse in diverse prodezze di forza contro i suoi uomini,
e non c'era nessuno che fosse alla sua altezza nemmeno in un'incontro.
Allora il re disse a Gunnar: " Mi sembra che un tuo pari non si trovi lontano o vicino " e il re offrì a Gunnar una moglie, e di elevarlo a un grande potere se si fosse stabilito lì.
Gunnar ringraziò il re per la sua offerta e disse: "Prima di tutto tornerò in Islanda per vedere i miei amici e parenti".
"Allora non tornerai mai più da noi", disse il re.
"Il destino deciderà le cose, signore", disse Gunnar.
Gunnar diede al re una buona nave lunga e molti altri beni, e il re gli diede una veste d'onore, e guanti con cuciture dorate, e una fascia per la fronte con sopra un bottone d'oro e un berretto russo.
Quindi Gunnar si diresse a nord verso Hisingen. Oliver lo accolse calorosamente, e restituì ad Oliver le sue navi, con il loro carico, e disse che era la sua parte del bottino.
Oliver prese i beni e disse che Gunnar era un brav'uomo e leale, e lo invitò a restare un po' con lui. Hallvard chiese a Gunnar se avesse intenzione di andare a vedere Earl Hacon. Gunnar disse che aveva questo in mente, "perché ora ho un po' dato prova di me stesso; e non ero a quel punto quando me l'hai proposto per la prima volta".
Dopodiché si diressero a nord verso Drontheim per vedere Earl Hacon, che diede a Gunnar un cordiale benvenuto, e lo invitò di restare con lui quell'inverno, e Gunnar accettò quell'offerta. Tutti gli uomini che erano lì avevano una grande considerazione di lui. Dopo la festa di Yule il conte gli regalò un anello d'oro.
Gunnar mise il suo cuore su Bergliota, la parente del conte, ed era chiaro dallo sguardo del conte che gliel'avrebbe data a lui come moglie, se Gunnar avesse detto minimamente qualche cosa a riguardo.

 

 

CHAPTER XXXII.

GUNNAR ARRIVA IN ISLANDA.

Quando arrivò la primavera, il conte chiese a Gunnar quale percorso intendesse prendere. Egli rispose che sarebbe andato in Islanda.
Il conte disse che era stato un brutto anno per il grano, " "e ci saranno poche navi in partenza per l'Islanda, ma tu avrai sempre cibo e legname nella tua nave".
Gunnar lo ringraziò e attrezzò la sua nave il più presto possibile, e Hallvard andò con lui e Kolskegg.
Arrivarono all'inizio dell'estate, e sbarcarono all'Oyce di Arnbsel prima che il Thing fosse aperto.
Gunnar tornò a casa dalla nave, ma lasciò degli uomini per scaricarla e alarla su, e Kolskegg andò con lui. Quando tornarono a casa, tutti gli uomini furono felici di vederli. Furono allegri e festosi con loro, né la loro arroganza era cresciuta mentre erano via.
Gunnar chiese se Njal fosse a casa; e gli fu detto che era lì; poi li lasciò sellare il suo cavallo, e quei fratelli cavalcarono fino a Bergthorsknoll.
Njal fu lieto della loro venuta e li pregò di rimanere lì quella notte e Gunnar gli raccontò dei suoi viaggi.
Njal disse che era un uomo di grande valore, "e tu hai dato prova di te stesso in molti luoghi, ma tuttavia sarai più provato in seguito, perché molti ti invidieranno".
"Con tutti gli uomini mi piacerebbe stare bene", disse Gunnar. "Molto male accadrà," rispose Njal, "e avrai sempre qualche lite da tenere a bada".
"Così sia, allora," disse Gunnar, "che il giusto sia dalla mia parte".
"E così sarà", disse Njal, "se non devi pagare per gli altri".
Njal chiese a Gunnar se voleva andare al Thing. Gunnar disse che stava per andare a cavalcare là, e chiese a Njal se stesse andando anche lui; ma egli disse che non sarebbe corso là, "e se avessi la mia volontà tu faresti la stessa cosa".
Gunnar prima di ritornare a casa diede a Njal dei buoni regali e lo ringraziò per le cure che aveva fatto dei suoi beni.
Kolskegg lo esortò molto a cavalcare verso il Thing, dicendo: "Lì il tuo onore crescerà, perché molti si raduneranno per vederti lì".
"Non è mia abitudine, " disse Gunnar, "mettere in scena una spettacolo di me stesso; ma penso che sia bene e giusto incontrare uomini buoni e degni".
Anche Hallvard in quel momento arrivò e si offrì di cavalcare al Thing con loro.

 

 

CAPITOLO XXXIII.

GUNNAR IN CORTEGGIAMENTO.

Così Gunnar cavalcò, e tutti quanti cavalcarono. Quando arrivarono al Thing erano così ben schierati che nessuno poteva eguagliarli in bravura; e gli uomini uscirono da ogni capanna per chiedere su di loro. Gunnar andò alle capanne degli uomini di Rangriver, e rimase lì con i suoi parenti.
Molti uomini vennero a vedere Gunnar e gli chiesero notizie; era gentile e allegro con tutti gli uomini, e disse loro tutto ciò che desideravano sentire.

Un giorno accadde che Gunnar si allontanò dalla Hill of Laws, e passò accanto alle capanne degli uomini di Mossfell; poi vide una donna venire a incontrarlo, e lei era vestita bene; ma quando si incontrarono, parlò subito con Gunnar. Lui restituì bene il suo saluto, e chiese chi lei fosse.
Gli disse che il suo nome era Hallgerda, e che era la figlia di Hauskuld, il figlio di Dalakoll. Gli parlò con audacia, e lo pregò di parlarle dei suoi viaggi; e lui le rispose che non le avrebbe negato una conversazione. Così si sedettero e parlarono.
Era così vestita: aveva una kirtle rossa molto bella, e le aveva gettato addosso un mantello scarlatto ornato con una treccia sull'orlo. I suoi capelli scendevano sul suo seno, ed era sia giusto che pieno. Gunnar indossava gli abiti scarlatti che il figlio di re Harold Gorm gli aveva dato, e aveva anche l'anello d'oro sul braccio che gli aveva regalato Earl Hacon.
Così hanno parlato a lungo ad alta voce, e alla fine si arrivò al punto in cui lui chiese se lei era nubile. Ella disse quello che fu stato, "e non ci sono molti che correrebbero il rischio".
"Pensi che nessuno sia abbastanza buono per te".
"Non quello", disse lei, "ma si dice che sia difficile accontentare i mariti".
"Come vorresti rispondere, se io chiedessi di te?"
"Questo non può essere nella tua mente", disse.
"Ma lo é, disse lui.
"Se hai in mente qualche cosa del genere, vai a trovare mio padre".
Dopo di che interruppero i loro discorsi.
Gunnar andò subito alla capanna dei Dalesmen e incontrò un uomo fuori dalla porta e chiese se Hauskuld fosse dentro.
L'uomo disse che lo era. Allora Gunnar entrò, e Hauskuld e Hrut lo accolsero bene.
Si sedette tra loro e nessuno sarebbe riuscito a scoprire dai loro discorsi che ci fosse mai stato un'inimicizia tra di loro. Alla fine il discorso di Gunnar si svolse su quel punto; e chiese quale risposta gli avrebbero dato i due fratelli, se avesse chiesto la mano di Halgerd.
"Beh," disse Hauskuld, "se questo è davvero nella tua mente".
Gunnar disse di essere serio, "ma noi ci siamo così separati l'ultima volta in modo tale, che molti penseranno che sarebbe meglio non stringere un'alleanza tra di noi
"Cosa ne pensi tu, fratello Hrut?" chiese Hauskuld.
Hrut rispose: "credo che non ci sia compatibilità".
"Come fai a dirlo ?" disse Gunnar.
Hrut disse— " in questa guisa ti risponderò su questo argomento, così come è la verità. Tu sei un uomo coraggioso, e senza macchia, ma lei è molto confusa con le sue relazioni, e io non ti ingannerò in nulla.
"Va' con te per le tue parole", disse Gunnar, "ma io lo prenderò per vero che la vecchia faida pesa su di te, se non accetti la mia richiesta".
Non è per questo", disse Hrut, "perché vedo che non riuscirai a tenerle tersta"; ma anche se non facciamo accordi, saremmo ancora tuoi amici".
"Ne ho parlato con lei", disse Gunnar, " e ciò non è lontano dalla sua mente".
Hrut disse: "So che avete entrambi messo i vostri cuori su questa partita" e, "Inoltre, voi due siete quelli che corrono i rischi maggiori per quanto riguarda il risultato".
Hrut disse a Gunnar senza che Gunnar glielo avesse chiesto, tutto sull'umore di Halgerd, e Gunnar all'inizio pensò che non tutto fosse come avrebbe dovuto essere, e tuttavia si realizzò che fecero un accordo.
Allora Hallgerda fu mandato a chiamare, e loro parlarono degli affari quando lei era vicina, e ora, come in precedenza, lasciarono che si fidanzasse da sola. La festa nuziale doveva essere a Lithend, e che la cosa sarebbe stata inizialmente tenuta segreta; ma successe che tutti lo seppero.
Gunnar tornò a casa dal Thing, e andò diritto a Bergthorsknoll, e disse a Njal del patto che aveva fatto. Lui la prese pesantemente. Gunnar chiede a Njal perché pensava che fosse così poco saggio?
"Perché da lei", disse Njal, "sorgeranno tutti i generi di avversità se viene qui a est".
"Non rovinerà mai la nostra amicizia", disse Gunnar.
"Ah! Ma può anche arrivare molto vicino", disse Njal; "e, inoltre, dovrai sempre fare espiazione per lei".
Gunnar chiese a Njal di partecipare al matrimonio, e chiunque altro da casa sua voleva andare con lui.
Njal promise di andare; e dopo che Gunnar tornò a casa, poi cavalcò per il distretto per invitare uomini al suo matrimonio.

 

 

CHAPTER XXXIV.

DEL FIGLIO DI THRAIN SIGFUS.

C'era un uomo di nome Thrain, era il figlio di Sigfus, il figlio di Sighvat the Red. Teneva una casa a Gritwater in Fleetlithe. Era il parente di Gunnar e un uomo di grande fama. Lui aveva per moglie Thorhillda Skaldwife; lei aveva una lingua affilata ed era portata a sbeffeggiare. Thrain l'amava poco. Lui e sua moglie furono invitati al matrimonio, e lei e Bergthora, la figlia di Skarphedinn, la moglie di Njal, attesero gli ospiti con carne e bevande.
Kettle era il nome del secondo figlio di Sigfus; teneva la casa nel Mark, a est di Markfleet. Egli aveva sposato Thorgerda, la figlia di Njal. Thorkell era il nome del terzo figlio di Sigfus; il quarto nome era Mord; il quinto è Lambi; il sesto Sigmund; il settimo, Sigurd.
Questi erano tutti parenti di Gunnar e grandi campioni. Gunuar li invitò tutti al matrimonio.
Gunnar aveva anche invitato Valgard the guileful, e Wolf Aurpriest, e i loro figli Runolf e Mord.
Hauskuld e Hrut arrivarono al matrimonio con una grande compagnia, e c'erano i figli di Hauskuld, Thorleik e Olof; anche la sposa venne con loro, e anche sua figlia Thorgerda venne, ed era una delle donne più belle; allora aveva quattordici inverni. Molte altre donne erano con lei, e inoltre c'erano la figlia del figlio di Thorkatla Asgrim Ellidagrim e le due figlie di Njal, Thorgerda e Helga.
Gunnar aveva già molti ospiti da incontrare, e così organizzò i suoi uomini.
Si sedette al centro della panca, e all'interno, dopo di lui, il figlio di Thrain Sigfus, poi Wolf Aurpriest, poi Valgard the guileful, poi Mord e Runolf, poi gli altri figli di Sigfus, Lambi era seduto più fuori di loro.
Accanto a Gunnar, all'esterno da lui, sedevano Njal, poi Skarphedinn, poi Helgi, poi Grim, poi il figlio di Hauskuld Njal, poi Hafr il Saggio, poi Ingialld from the Springs, poi i figli di Thorir da Holt, dell'est. Thorir sedeva all'esterno degli uomini di spicco, perché ognuno era soddisfatto del posto che aveva.
Hauskuld, il padre della sposa, si sedette al centro della panca di fronte a Gunnar, ma i suoi figli si sedettero dall'interno via via lontano da lui;
Hrut si sedette al di là di Hauskuld, ma non è detto come siano stati piazzati gli altri.
La sposa si sedette in mezzo alla panca al centro del palco; ma da una parte di lei sedeva la figlia Thorgerda e dall'altra la figlia del figlio di Thorkatla Asgrim Ellidagrim.
Thorhillda continuava ad aspettare gli ospiti e Bergthora portava la carne sul tavolo.
Ora il figlio di Thrain Sigfus continuava a fissare la figlia di Thorgerda Glum; sua moglie Thorhillda vide questo, e lei si arrabbiò, e fece un distico su di lui.
"Thrain", disse lei,
"Le bocche spalancate non sono una buona maniera, I tuoi occhi sono storti".
Thrain si alzò subito dalla tavola e disse che avrebbe cacciato via Thorhillda. "Non sopporterò più le sue battute e i suoi scherzi;" e lui era così alterato per questo, che non sarebbe rimasto al banchetto se non fosse stata mandata via.
E così fu, che ella se ne andò; e ora ogni uomo sedeva al proprio posto ed essi bevevano ed erano contenti.
Poi Thrain cominciò a parlare - "Non ho bisogno di parlare in segreto di quello che in mente. Questo ti chiederò, figlio di Hauskuld Dalakoll, vuoi darmi come moglie Thorgerda, la tua nipote?"
"Non lo so", disse Hauskuld; "mi sembra che sia passato poco tempo da quando tu ti sia separato da quella che avevi prima.
Ma che tipo di uomo è lui, Gunnar".
Gunnar risponde: "Non dirò nulla di quell'uomo, perché è un parente stretto; ma parla tu di lui, Njal", disse Gunnar, "perché tutti gli uomini ti crederanno".
Njal parlò e disse — "Questo deve essere detto di quest'uomo, l'uomo è ricco di beni e un brav'uomo in tutte le cose. Un uomo, anche, di grandissimo valore, quindi puoi fare questa partita con lui.
Allora Hauskuld disse: "Cosa pensi che dovremmo fare, parente Hrut?"
"Potresti fare l'incontro, perché è uno pari per lei", disse Hrut.
Poi parlarono dei termini dell'affare, e presto furono d'accordo su tutti i punti.
Poi Gunnar si alzò in piedi, e anche Thrain, e andarono alla panchina al centro.
Gunnar chiese alla madre e alla figlia se avrebbero detto di sì a questo accordo.
Loro dissero che non avrebbero trovato alcun difetto, e Hallgerda promise di fidanzare sua figlia.
Poi i posti delle donne sono stati spostati di nuovo, e ora Thorhalla si sedette tra le due spose.
E ora la festa è andato molto bene, e quando finì, Hauskuld e la sua compagnia cavalcarono verso ovest, ma gli uomini di Rangriver andarono a casa loro. Gunnar fece dei regali a molti uomini, e questo lo rese molto amato. Hallgerda ha preso le faccende domestiche sotto di lei, e ha difeso i suoi diritti con le parole e le azioni. Thorgerda prese a fare le faccende domestiche a Gritwater, e fu una brava donna di casa.

 

 

CAPITOLO XXXV.

LA VISITA A BERGTHORSKNOLL.

Ora era costume tra Gunnar e Njal, che ogni inverno, a sua volta, uno dei due invitasse l'altro a trascorrere l'inverno a casa sua, ed era a causa della loro grande amicizia.; e fu il turno di Gunnar di andare a festeggiare da Njal. Quindi Gunnar e Hallgerda partirono per Bergthorsknoll, e quando arrivarono Helgi e sua moglie non erano a casa.
Njal diede a Gunnar e alla moglie un'accoglienza cordiale, e quando furono lì da un po', Helgi tornò a casa con Thorhalla sua moglie. Poi Bergthora andò alla panca e Thorhalla con lei, e Bergthora disse a Hallgerda:
"Tu darai posto a questa donna".
Hallgerda rispose— " Non darò posto a persona, perché non sarò spinta in un angolo da nessuno".
"Qui comando io," disse Bergthora. Dopo di che Thorhalla si sedette e Bergthora fece il giro del tavolo con l'acqua per lavare le mani degli ospiti. Allora Hallgerda afferrò la mano di Bergthora e disse: "Non c'e' molto da scegliere tra voi due. Tu hai le unghie storte ad ogni dito e Njal è senza peli".
"È vero," disse Bergthora, "ma nessuno dei due rimprovera l'altro per questo, e Thorwald, tuo marito, non era senza barba, eppure tu hai pianificato la sua morte".
Allora Hallgerda disse: "Non mi va bene avere l'uomo più coraggioso in Islanda se tu non vendichi questo, Gunnar!"
Egli si alzò e si allontanò dalla tavola e disse: "Io vado a casa, e tu faresti bene a litigare con quelli della tua famiglia e non sotto i tetti di altri uomini; ma per quanto riguarda Njal, io sono suo debitore per ogni sorta di onorificenza, e non sarò mai da te raggirato come uno stolto".
Dopo di che partirono di casa.
"Fa attenzione, Bergthora," disse Hallgerda, "che ci incontreremo di nuovo".
E Bergthora disse che i suoi affari non sarebbero andati meglio.
Gunnar non disse nulla, ma tornò a casa a Lithend, e ci rimase per tutto l'inverno.
E ora l'estate correva ed era ora di andare al Thing.

 

 

CAPITOLO XXXVI.

KOL UCCIDE SWART.

Gunnar cavalcò verso il Thing, ma prima di andare via da casa disse a Hallgerda: "Stai buona mentre io sono via, e non mostrare il tuo cattivo umore in niente di quello che i miei amici abbiano a che fare".
"Che i troll (spiriti maligni) prendano i tuoi amici, " rispose Hallgerda.
Quindi Gunnar partì, e notò che non era bello parlare con lei. Anche Njal andò al Thing, e tutti i suoi figli con lui.

Ora deve essere detto cosa è successo a casa. Njal e Gunnar possedevano un boschetto in comune a Redslip; non avevano diviso il boschetto, e ognuno era abituato ad abbattere quanto ne aveva bisogno, e nessuno dei due disse una parola all'altro.

Il grieve* di Hallgerda si chiamava Mas Kol; era stato con lei a lungo, ed era uno dei peggiori uomini.
C'era un uomo di nome Swart; era il house-carle (uomo di fiducia, guardiano, domestico) di Njal e Bergthora, e loro erano molto affezionati a lui.
Ora Bergthora gli disse che doveva salire su Redslip e tagliare la legna; aggiunse— "Manderò degli uomini per portare a casa il legno". Lui disse che avrebbe fatto il lavoro che lei gli aveva dato da compiere; e così è andato su in Redslip e doveva stare lì una settimana.

Alcuni uomini vagabondi che arrivarono a Litend da est attraverso Markneet, dissero che Swart era stato a Redslip, e spaccò legna e fece un mucchio di lavoro.
"Quindi," disse Hallgerda, "Bergthora ha intenzione di volermi derubare di molte cose, ma farò in modo che non tagli di nuovo".

Rannveig, la madre di Gunnar, l'ha sentì e disse— "Ci sono state buone casalinghe prima d'ora, tuttavia non hanno mai messo il loro cuore in un omicidio".
Ora la notte si consumava, e presto la mattina dopo Hallgerda andò a parlare con Kol e gli disse: "Ho pensato a qualche lavoro per te"; e con ciò mise le armi nelle sue mani, e continuò a dire: "Vai a Redslip, là troverai Swart".
"Cosa dovrei fare a lui?" lui chiese.
"Chiedi questo, quando tu sei il peggiore degli uomini" lei disse. "Lo ucciderai".
"Posso farcela" disse, "ma è più probabile che perderò la mia vita per questo"
"Qualunque cosa si ingigantisce nei tuoi occhi, " lei disse," e ti comporti male a dirlo, dopo che io ti ho detto tutto.
Devo convincere un altro uomo a fare questo se tu non lo osi fare".
Prese l'ascia, ed era molto irritato, e prese un cavallo che Gunnar possedeva, e ora cavalcò fino a che arrivò ad est di Markfleet.
Lì scese e si accucciò nel bosco, finché la gente non avesse trasportato giù la legna da ardere, e Swart rimase solo.
Poi Kol gli balzò addosso e disse— " Ci sono persone che possono colpire più forte di te"; e così mise l'ascia sulla sua testa, e gli diede il colpo di grazia, e corse a casa dopo, e disse ad Hallgerda dell'uccisione.
Disse: "Mi prenderò così bene cura di te, che non ti verrà alcun danno".
"Può essere così", disse lui, "ma ho sognato tutto il contrario, mentre dormivo prima di compiere il fatto".
Ora arrivarono nel bosco e trovarono Swart ucciso e lo portarono a casa. Hallgerda mandò un uomo da Gunnar al Thing per informarlo dell'uccisione. Gunnar non disse parole fi biasimo davanti al messaggero di Hallgerda, e gli uomini non sapevano in quel primo momento se lui pensasse bene o male. Poco dopo si alzò e ordinò ai suoi uomini di andare con lui: loro così fecero e andarono alla capanna di Njal.
Gunnar mandò un uomo a prendere Njal, e lo pregò di uscire. Njal uscì subito, e lui e Gunnar iniziarono a parlare e Gunnar disse— "Devo dirti dell'uccisione di un uomo, e mia moglie e il mio capo operaio Kol sono quelli che lo hanno fatto; e Swart, il tuo car-house, è caduto davanti a loro".
Njal rimase in silenzio mentre egli raccontava tutta la storia.
Poi Njal parlò— "Devi prestare attenzione a non permetterle di prendere il controllo di tutte le cose".
Gunnar disse: "Tu stabilirai i termini".
Njal parlò di nuovo: "Sarò un duro lavoro per te per espiare tutti i guai di Hallgerda; e da qualche altra parte ci sarà un percorso più ampio da seguire rispetto a questo, di cui noi due ora abbiamo una parte, eppure, anche qui ci saranno molte cose inattese prima che tutto vada bene; e qui dovremo tenere a mente le parole amichevoli che passavano tra di noi un tempo; e qualcosa mi dice che tu ne uscirai bene, ma comunque sarai dolorosamente provato".
Poi Njal prese il risarcimento nelle sue mani da quelle di Gunnar e disse— "Non spingo la questione fino all'estremo; pagherai dodici once d'argento; ma aggiungerò questo al mio premio, che se succedesse qualcosa dalla nostra fattoria su cui dovessi pronunciare un risarcimento, tu non sarai meno facilitato nei termini".
Gunnar pagò i soldi e poi tornò a casa. Anche Njal tornò a casa dal Thing e dai suoi figli. Bergthora vide i soldi e disse— "E' una soluzione molto giusta; ma anche tanti soldi dovrai pagare per Kol col passare del tempo".

Gunnar tornò a casa dal Thing e incolpò Hallgerda.
Lei disse, che uomini migliori giacevano inespiati in molti posti.

Gunnar disse, che lei potrebbe essere all'inizio di una lite, "ma il modo in cui la questione deve essere risolta spetta a me".
Hallgerda fu sempre pronta a chiacchierare dell'uccisione di Swart, ma a Bergthora quella fissazione non piacque.

Una volta Njal e i suoi figli andarono a Thorolfsfell a vedere la casa in custodia lì, ma quel medesimo giorno questa cosa accadde quando Bergthora era fuori di casa: vide un uomo salire fino alla casa su un cavallo nero. Lei rimase lì e non rientrò, perché non conosceva l'uomo. Quell'uomo aveva una lancia in mano ed era cinto di una spada corta. Lei chiese a quell'uomo il suo nome.

"Atli è il mio nome", disse lui.

Lei chiese da dove venisse.

"Sono un Eastfirther", rispose. (dall'est più lontano)

"Dove andrai?" Chiese lei.

"Sono un senzatetto," disse lui, "e ho pensato di vedere Njal e Skarphedinn, e sapere se mi avrebbero accolto".

"Che lavoro è più comodo per te?" Chiese lei.
"Sono un uomo abituato a lavorare sul campo", disse, e molte altre cose mi vengono maneggevoli; ma non voglio nascondere a te che sono un uomo di carattere duro, e prima d'ora un sacco uomini devono le ferite alla mia mano".
"Non ti biasimo", disse lei, "anche se non sei un milksop". (debole – pappamolle - timido)

Atli chiese: "hai qualche voce in queste cose qui?"
"Sono la moglie di Njal," disse, "e ho tanto da dire ai nostri domestici quanto lui".
Vuoi assumermi allora? "chiese lui"
"Darò a te la scelta", disse. "Se tu farai tutto il lavoro che ti ho preparato dinanzi,
e questo, anche se voglio mandarti dove c'è in gioco la vita di un uomo".
"Devi avere così tanti uomini ai tuoi ordini," disse lui, "che non avrai bisogno di me per un simile lavoro".
"Io sistemo la questione come mi pare", disse.
"Concluderemo un accordo su questi Termini", disse lui.
Poi lei lo portò in casa. Njal e i suoi figli tornarono a casa e chiesero a Bergthora che uomo potesse essere.
"Lui è il tuo house-carle ", disse, " "E io l'ho accolto". Poi ha continuato a dire che non era pigro al lavoro.
"Sarà un grande lavoratore assai, direi," disse Njal, "ma non so se sarà un buon lavoratore".
Skarphedinn fu buono con Atli.
Njal e i suoi figli si recarono al Thing nel corso dell'estate; anche Gunnar era al Thing.

Njal tirò fuori una borsa di denaro.
"Che soldi sono, padre?"
"Ecco i soldi che Gunnar mi ha pagato per il nostro house-carle la scorsa estate".
"Che verrà per sopportarti in qualche funzione," disse Skarphedinn, e sorrise mentre parlava.

* Grieve, cioè, intendente, capo operaio.

 

 

CAPITOLO XXXVII.

L'UCCISIONE DI KOL, CHE ATLI UCCISE.

Ora dobbiamo riprendere la storia e dire che Atli chiese a Bergthora che lavoro avrebbe dovuto fare quel giorno.
"Ho pensato a qualche lavoro per te", lei disse; "andrai a cercare Kol finché non lo troverai, perché lo ucciderai oggi stesso, se vuoi fare la mia volontà".
"Questo lavoro è ben calzante", disse Atli, "perché ciascuno di noi due è un tipo spregiudicato,
ma tuttavia io mi getterò così su di lui che uno o l'altro di noi morirà.
"Bene, puoi farlo", disse, "e non farai questa azione per niente".
Prese le sue armi e il suo cavallo, e cavalcò fino a Fleetlithe, e lì incontrò degli uomini che stavano scendendo da Lithend. Loro avevano la casa a est del Mark. Chiesero ad Atli dove intendesse andare, lui rispose che stava andando a cercare un vecchio ronzino. "E' un piccolo lavoro per una persona come te, " dissero "ma comunque sarebbe meglio chiedere a quelli che erano in piedi la scorsa notte".
"Chi sono" chiese lui.
"Killing-Kol", dissero, "il car-house di Hallgerda, è appena uscito dall'ovile, ed è stato sveglio tutta la notte".
"Non so se ho il coraggio di incontrarlo" disse Atli, "è irascibile, e il danno fatto agli altri dovrebbe rendermi cauto".
"Tu mostri quello sguardo sotto le sopracciglia come se tu non fossi un vigliacco", dissero, e gli mostrarono dove si trovava Kol.
Poi spronò il cavallo e corse veloce, e quando incontrò Kol, Atli gli disse—
"Il lavoro procede?" chiese Atli.
"Non sono affari tuoi, inutile amico, né di nessun altro da cui vieni,"
Atli disse— " Devi ancora fare la parte più difficile, ma che è quello di morire".
Dopo di che Atli lo colpì con la sua lancia e lo colpì in mezzo al corpo. Kol cercò di colpirlo con l'ascia, ma lo mancò, e cadde da cavallo, e morì all'istante.

Atli cavalcò finché incontrò alcuni lavoratori di Hallgerda, e disse,"andate là dove c'è il cavallo e prendetevi cura di Kol, perché è caduto ed è morto".
"L'hai ucciso tu?" domandarono.
""Beh, a Hallgerda penserà che non si è ucciso".
Dopo di che Atli tornò a casa e lo disse a Bergthora; lei lo ringraziò per questo gesto e per le parole che ne aveva parlato.
"Non so", disse lui, "cosa penserà Njal di questo".
"Lo prenderà bene nella sue mani," disse, "e ti dirò una cosa come segno di ciò. Egli ha portato con sé al Thing il prezzo di quel schiavo che abbiamo perso la primavera scorsa, e che il denaro ora servirà per Kol; ma anche se la pace sarà fatta devi ancora essere consapevole di te stesso, perché Hallegarda non manterrà la pace,"
"Vuoi mandare un uomo a Njal per dirgli dell'uccisione?"
"Non lo farò, " disse, "mi piacerebbe che Kol fosse inespiato".
Poi hanno smesso di parlarne.
Hallgerda fu informata dell'uccisione di Kol e delle parole che Atli aveva detto.
Lei disse che Atli doveva pagare per loro.
Mandò un uomo al Thing per dire a Gunnar dell'uccisione di Kol;
Lui disse poco o per nulla e mandò un uomo a dirlo a Njal.
Anche lui non disse nulla, ma Skarphedinn parlò—
"I nostri schiavi sono altri uomini rispetto ai tempi passati;
allora combattevano e non importava a nessuno
e a nessuno importava di questo;
ora devono uccidersi a vicenda, "
e mentre lo diceva sorrise.
Njal tirò giù la borsa di denaro che era appesa nella capanna e uscì; i suoi figli andarono con lui alla capanna di Gunnar.
Skarphedinn disse a un uomo che era sulla soglia della capanna—
"Dì a Gunnar che mio padre vuole vederlo".
Lo fece, e Gunnar uscì subito e diede a Njal un caloroso benvenuto. Dopo di che hanno iniziato a parlare.
"E' mal fatto" disse Njal "che la mia moglie abbia voluto rompere la pace e lasciare che il tuo house-carle fosse ucciso".
"Non avrà nessun rimprovero da me", disse Gunnar.
"Risolvi da solo il premio", disse Njal.
"Così farò", disse Gunnar, "e stimo quei due uomini a un prezzo pari, Swart e Kol. Tu mi pagherai dodici once in argento".
Njal prese la borsa dei soldi e la consegnò a Gunnar.
Gunnar riconobbe i soldi, e vide che erano gli stessi che aveva pagato Njal.
Njal andò al suo stand, e furono buoni amici come prima.
Quando Njal tornò a casa, diede la colpa a Bergthora; ma lei disse che non avrebbe mai ceduto a Hallgerda.
Hallgerda era molto arrabbiato con Gunnar, perché aveva fatto pace per l'uccisione di Kol.
Gunnar le disse che non avrebbe mai rotto con Njal o i suoi figli, e lei volò in una grande rabbia;
ma Gunnar non se ne curò, e così stettero per quell'anno, e non è successo niente degno di nota.

 

 

CAPITOLO XXXVIII.

L'UCCISIONE DI ATLI IL SERVO.

La successiva primavera Njal disse ad Atli— "Vorrei che tu cambiassi la tua dimora ai fiordi orientali, in modo che Hallgerda non possa porre fine alla tua vita.
"Non ho paura di ciò", disse Atli, "e rimarrò volentieri quì se avrò la possibilità di scegliere".
"Ancora questo è meno saggio", disse Njal.
"Penso che sia meglio perdere la vita in casa tua piuttosto che cambiare padrone, ma questo ti prego, se verrò ucciso, che il prezzo di un servo non sarà pagato per me".
"Sarai espiato come un uomo libero; ma forse Bergthora ti farà una promessa che lei adempirà, che la vendetta, l'uomo per l'uomo, sarà presa per te".
Poi egli si decise a essere assunto lì come servitore.
Ora bisogna dire di Hallgerda che mandò un uomo ad ovest a Bearfirth, a prendere Brynjolf l'Indisciplinato, un suo parente.
Era un figlio bastardo di Swan, ed era uno dei peggiori uomini. Gunnar non ne sapeva nulla.
Hallgerda disse che era adatto a fare l'intendente.
Così Brynjolf venne dall'ovest, e Gunnar gli chiese cosa avrebbe dovuto fare lì. Egli disse

che sarebbe rimasto lì.
"Non migliorerai la nostra casa", disse Gunnar, "se devo credere a quello che mi è stato detto di te, ma non caccerò mai via nessuno dei parenti di Hallgerda che desiderano stare con lei".
Gunnar non gli parlò quasi mai, ma non fu scortese con lui, e così le cose andarono avanti così fino al momento del Thing.
Gunnar andò al Thing e anche Kolskegg con lui, quando arrivarono al Thing incontrarono Njal, perché lui e i suoi figli erano venuti anche loro, si vedevano spesso e stavano bene insieme.
Bergthora disse ad Atli: "Vai su a Thorolfsfell e lavora lì una settimana".
Così è andato fino a là, ed era lì in sordina e faceva carbone bruciando il legno.
Hallgerda disse a Brynjolf: "Mi è stato detto che Atli non è a casa e che deve lavorare su a Thorolfsfell".
"A cosa pensi sia più probabile che stia lavorando?" chiese lui.
"A qualcosa nel bosco", disse.
"Cosa dovrei fare a lui?" lui chiese.
"Lo ucciderai", disse lei.
Lui fu piuttosto lento a risponderle, e Hallgerda disse—
"Se Thjostolf fosse vivo, disse Halgerd, non troverebbe così spaventoso uccidere Atli".
"Non avrai bisogno di tormentarmi molto di più", disse Brynjolf, e poi afferrò le sue armi, prese il suo cavallo lo montò, e partì per Thorolfsfell.
Vi era un gran fumo di carbone di legna a est della tenuta, quindi si recò là, scese dal cavallo e lo legò, ma andò dove il fumo era più denso. Poi vide dove si trovava la fossa di carbone, e un uomo vi stava accanto.
Notò che aveva conficcato la sua lancia nel terreno vicino. Brynjolf seguì il fumo lungo fino a lui, egli era intento a lavorare, e non lo vide. Brynjolf gli diede un colpo alla testa con la sua ascia, lui si girò così velocemente che Brynjolf sciolse la presa dell'ascia, e Atli afferrò la lancia e la scagliò dietro.
Brynjolf si gettò a terra, e la lancia volò via sopra di lui.
"Per tua fortuna non ero pronto per te", disse Atli, "ora Hallgerda sarà ben contenta, perché tu dirai di lei della mia morte; ma è un conforto sapere che presto avrai lo stesso destino; ma vieni ora prendi la tua ascia che hai lasciato qui".
Brynjolf non disse mai una parola, né prese l'ascia prima che fosse morto.
Poi cavalcò fino alla casa di Thorolfsfell e raccontò dell'uccisione, e dopo andò a casa e lo disse a Hallgerda.
Lei mandò degli uomini a Bergthorsknoll e lasciò che lo dicessero a Bergthora, che ora l'uccisione di Kol era stata pagata.
Dopo di che Hallgerda mandò un uomo al Thing per dire a Gunnar dell'uccisione di Atli.
Gunnar si alzò e Kolskegg con lui, e Kolskegg disse—
"Il male non è ancora terminato, i parenti di Hallgerda faranno la tua rovina".
Poi andarono a vedere Njal, e Gunnar gli disse— "Devo dirti dell'uccisione di Atli". Gli disse anche chi lo uccise, e proseguì, "e ora ti offrirò l'espiazione per l'azione, e farai il premio tu stesso".
Njal rispose— "Noi due abbiamo sempre voluto non venire a litigare su nulla; eppure non posso trattare lui come uno schiavo".
Gunnar disse che andava tutto bene e allungò la mano.
Njal chiamò i suoi testimoni e fecero pace in quei termini.
Skarphedinn disse,
"Hallgerda non lascia morire i nostri house-carles di vecchiaia".
Gunnar disse—" Tua madre si prenderà cura che colpo va per colpo vada a segno fra le case.
"Già, già," disse Njal. "ci sarà abbastanza di quel lavoro".

Dopo che Njal fissò il prezzo a cento in argento, e Gunnar lo pagò subito. Molti dei presenti affermarono che il premio era alto; Gunnar si arrabbiò e disse che un'espiazione piena veniva spesso pagata per quelli che non erano uomini più bravi di Atli.
Così dopo questo tornarono a casa dal Thing.
Bergthora disse a Njal quando vide i soldi: "Tu credi di aver esaudito la tua promessa, ma ora la mia promessa è ancora dietro". "Non è necessario che tu debba realizzarla", disse Njal.
"No", disse lei, "hai intuito che comunque che lo farò, e così sarà".

Hallgerda disse a Gunnar— "Hai pagato cento once in argento per l'uccisione di Atli e l'hai reso uomo libero?"
"Era già libero prima", disse Gunnar, "e inoltre, non renderò i domestici di Njal dei fuorilegge che hanno perso i loro diritti".
"Non c'è una spillo da scegliere tra voi," disse, "perché entrambi siete così onesti?"
"È quello che le cose provano", disse lui.
Quindi Gunnar rimase freddo con lei per un tempo molto lungo, fino a quando lei divenne docile; e così tutto rimase tranquillo per il resto di quell'anno; in primavera Njal non aumentò i suoi domestici, e venne tempo per gli uomini di andare al Thing dell'estate.

 

 

CAPITOLO XXXIX.

L'UCCISIONE DI BRYNJOLF L'INDISCIPLINATO.

C'era un uomo di nome Thord, era soprannominato Freedmanson. Sigtrygg era il nome di suo padre, ed era stato il liberto di Asgerd, ed annegò a Markfleet.
Ecco perché Thord era con Njal in seguito. Era un uomo alto e forte, e aveva cresciuto tutti i figli di Njal. Aveva messo il cuore sulla figlia di Thorolf, Gudfinna, parente di Njal; lei era la governante di casa lì, ed era allora con bambino.
Ora Bergthora andò a parlare con Thord Freedmanson. E gli disse— "Tu andrai ad uccidere Brynjolf, il parente di Hallgerda".
"Non sono uno che uccide uomini", disse, "ma farò comunque qualsiasi cosa tu voglia".
"Questa e' la mia volontà", disse lei.
Dopodiché andò a Lithend e fece chiamare Hallgerda e chiese dove poteva essere Brynjolf.
"Qual è la tua volontà con lui", chiese.
"Voglio che mi dica dove ha nascosto il corpo di Atli, ho sentito dire che l'ha seppellito male".
Lei gli indicò e disse che era giù laggiù in Acretongue.
"Presta attenzione", disse Thord, "che la stessa cosa non succederà a lui come accadde ad Atli".
"Tu non sei un assassino," disse lei, "e così non ne verrà nulla anche se voi due vi incontrate".
"Non ho mai visto il sangue dell'uomo, né so come dovrei sentirmi se lo facessi", disse, e galoppò fuori dalla "città" e giù per Acretongue.
Rannveig, la madre di Gunnar, aveva sentito i loro discorsi. "Stai deridendo il suo coraggio, Hallgerda, " disse, "ma io penso che sia un uomo intrepido, e che troverà il tuo parente".
Essi si incontrarono sul sentiero sterrato, Thord and Brynjolf; e Thord disse—
Proteggiti, Brynjolf, perché non farò nulla di ciò che il bastardo ti ha fatto".
Brynjolf cavalcò su Thord e lo colpì con la sua ascia.
Egli (Thord) lo colpì nello stesso tempo con la sua, e divise il manico dell'ascia a metà appena sopra le mani di Brynjolfs, e poi lo colpì subito una seconda volta, e lo colpì sull'osso del collo, e il colpo è andato dritto nel suo torso. Poi cadde da cavallo e morì immediatamente.
Thord incontrò un mandriano di Hallgerda, e diede l'uccisione come fatta per mano sua, e gli disse dove giaceva, e gli disse di dirlo a Hallgerda. Dopo di che tornò a casa a Bergthorsknoll, e informò Bergthora dell'uccisione, e anche ad altre persone.
"La buona fortuna sia in tuo potere", lei disse.
Il mandriano raccontò ad Hallgerda dell'uccisione; ella era furiosa e disse che molto male sarebbe venuto, se solo ne avesse avuto la possibilità.

 

 

CAPITOLO XL.

GUNNAR E NJAL FANNO PACE SULL'UCCISIONE DI BRYNJOLF'S.

Ora queste nuove arrivarono al Thing, e Njal si fece raccontare la storia tre volte, e poi disse —
"Ora più uomini diventano sterminatori di quanto supponessi".
Skarphedinn a sua volta: "Quell'uomo, però, deve essere stato due volte moribondo", e continuò dicendo, "ha perso la vita per mano di nostro patrigno che non ha mai visto il sangue dell'uomo".
E molti penserebbero che noi fratelli avremmo fatto prima questo atto con la svolta di temperamento che abbiamo".
"Avrai poco tempo", disse Njal, "prima che ti capiti qualcosa di simile, ma il bisogno ti spingerà a farlo".
Poi andarono ad incontrare Gunnar e gli raccontarono dell'uccisione. Gunnar parlò e disse che era un uomo poco importante, "ma era un uomo libero".
Njal si offrì di fare subito la pace, e Gunnar disse di sì, e lui stesso avrebbe stabilito i termini. Fece subito il risarcimento e lo pose a cento in argento. Njal pagò i soldi sul posto, e dopo sono rimasti in pace.

 

 

CAPITOLO XLI.

SIGMUND VIENE IN ISLANDA.

C'era un uomo il cui nome era Sigmund. Era il figlio di Lambi, il figlio di Sighvat the Red.
Era un grande viaggiatore, un uomo avvenente e cortese; alto e forte. Era un uomo di spirito e orgoglioso, e un buon skald, (poeta), ben addestrato nella maggior parte delle imprese di forza.
Era rumoroso e chiassoso, e portato alle beffe e alle prese in giro. Egli era giunto a riva ad est in Hornfirth.
Skiolld era il nome del suo compagno di viaggio; era un uomo svedese a cui non era bene avere a che fare. Presero i cavalli e cavalcarono da est partendo da Hornfirth, e non ritrassero briglia prima di arrivare a Lithend, nel Fleetlithe.
Gunnar diede loro un caloroso benvenuto, perché i legami di parentela erano stretti tra loro.
Gunnar offrì a Sigmund di rimanere lì quell'inverno, e Sigmund disse che avrebbe accettato l'offerta se anche Skiolld fosse rimasto lì.

"Be ', mi è stato così detto di lui," disse Gunnar, "che non è migliore del tuo carattere; e così com'è, tu hai bisogno di migliorarlo. Per di più questa è una brutta casa in cui stare, e vorrei solo darvi un piccolo consiglio, mio parente, non istigare o accender i fuochi di mia moglie Hallgerda; perché prende molto in mano ciò che è lontano dalla mia volontà".
"Le mani sono pulite chi mette in guardia un'altro", disse Sigmund.
"Allora pensa al consiglio che ti è stato dato", disse Gunnar, perché sicuramente sarai seccamente provato, e tieni dietro sempre a me, e ricorri al mio consiglio".
Dopodiché furono nella compagnia di Gunnar. Hallgerda era buona con Sigmund; e presto accadde che le cose divennero così cordiali che lei lo caricò di soldi, e molti ne parlavano, e non sapevano cosa ci fosse sotto.
Un giorno Hallgerda disse a Gunnar —" Non è bello accontentarsi di quel centinaio d'argento che hai preso per il mio parente Brynjolf. Lo vendicherò se potrò", disse.
Gunnar disse che non aveva alcuna intenzione di parlare con lei e se ne andò. Incontrò Kolskegg e disse a lui, "Va' da Njal e digli che Thord deve essere consapevole di se stesso anche se la pace è stata fatta, perché, penso, c'è una slealtà da qualche parte ".
Si allontanò e riferì a Njal, e Njal lo disse a Thord, e Kolskegg ritornò a casa, e Njal li ringraziò per la loro lealtà.
Una volta erano in giro per la "città" Njal e Thord; un capra era solita andare su e giù nella "città" e nessuno aveva il permesso di mandarla via. Thord parlò e disse—. "Beh, questa è una cosa meravigliosa!"
"Che cosa vedi che sembra poi un prodigio mirabile?" Chiese Njal.
"Credo che la capra si trovi qui in una cavità, ed è tutto una pozza di sangue".
Njal gli disse che non c'era capra lì, né altro.
"Che cos'è allora" chiese Thord.
"Tu devi essere un uomo 'toccato'", disse Njal, "e tu devi aver visto lo "spettro" che ti segue, e ora devi essere consapevole da te stesso".
"Questo non mi sosterrà" disse Thord, "se la morte è destinata a me".
Poi Hallgerda venne a parlare con il figlio di Thrain, Sigfus e disse—
"Ti penserei davvero mio genero", disse, " se uccidi Thord Freedmanson".
"Non lo farò", lui rispose,
"perché allora avrò l'ira del mio parente Gunnar;
e poi, grandi cose si aggrappano a questo atto, e perché questo omicidio sarebbe presto vendicato".
"Chi lo vendicherà?" chiese; "Egli è un imberbe uomo"
"Non è così", disse lui; "i suoi figli lo vendicheranno".
Dopo di che parlarono a lungo e a bassa voce, e nessuno seppe quale decisione ebbero preso insieme.
Una volta è successo che Gunnar non era in casa, ma quei compagni lo erano.
Thrain era arrivato da Gritwater, e poi lui, loro e Hallgerda si sedettero fuori dalla porta e parlarono.
Allora Hallgerda disse— "Questi sono i vostri due fratelli d'armi, Sigmund e Skiold, che hanno promesso di uccidere Thord Freedmanson; ma tu mi hai promesso che li avresti difesi quando avrebbero compiuto l'azione".
Tutti riconobbero di averle dato questa promessa.
"Ora vi consiglierò come farlo," disse: "Cavalcherete a est verso Hornfirth dietro ai vostri beni, e tornate a casa per l'inizio del Thing, ma se siete a casa prima che inizi, Gunnar vorrà che andiate al Thing con lui.
Njal sarà al Thing con i suoi figli e Gunnar, ma allora voi due ucciderete Thord. "
Tutti concordarono sul fatto che quel piano doveva essere attuato.

Dopo di che si portarono a est fino al Firth, e Gunnar non era a conoscenza di cosa stessero facendo, e Gunnar cavalcò verso il Thing.
Njal mandò Thord Freedmanson, a est sotto Eyjafell, e gli ordinò di stare lì una notte.
Così andò verso est, ma non poté tornare da est, perché un naviglio era così alto che non poteva essere attraversato a cavallo, mai così alto.
Njal lo aspettò una notte, perché aveva intenzione di cavalcare con lui; e Njal disse a Bergthora, che doveva mandare Thord al Thing non appena fosse tornato a casa. Due notti dopo. Thord venne da est, e Bergthora gli disse che doveva cavalcare fino al Thing, "ma prima sali su in Thorolsfell e guarda la fattoria là, e non rimanere lì più di una o due notti.

 

 

CAPITOLO XLII.
L'UCCISIONE DI THORD FREEDMANSON.

Allora Sigmund venne da est a quei compagni. Hallgerda disse loro che Thord era a casa, ma che doveva cavalcare subito al Thing dopo qualche notte sul posto. "Ora avrete una buona occasione per lui", disse, "ma se si allontana, non vi avvicinerete mai più a lui".
Degli uomini vennero a Lithend da Thorolfsfell e dissero a Hallgerda che Thord era lì.
Hallgerda andò dal figlio di Thrain, Sigfus, e dai suoi compagni, e gli disse, " Adesso Thord è su a Thorolfsfell, e ora il tuo piano migliore è quello di abbattersi su di lui e ucciderlo mentre torna a casa".
"Questo lo faremo", afferma Sigmumd. Così uscirono e presero le loro armi e i cavalli e cavalcarono sulla strada per incontrarlo. Sigmund disse a Thrain: "Ora non avrai nulla a che fare con questo, perché non avremo bisogno di tutti noi".
"Molto bene, allora farò così", rispose.
Poi Thord cavalcò verso di loro poco dopo, e Sigmund gli disse:
"Arrenditi", disse lui, "perché ora morirai".
"Che non debba essere", disse Thord, "vieni a combattere singolarmente con me".
"Questo non debba essere neanche" disse Sigmund, "trarremo il massimo dal nostro numero; ma non è strano che Skarphedinn sia forte, perché si dice che un quarto della forza di un bambino in affidamento viene dal padre adottivo.
"Tu ne sentirai la forza", disse Thord, "perché Skarphedinn mi vendicherà".
Dopo di ciò si scagliarono su di lui, ed egli ruppe una lancia di ciascuno di loro, così bene si difese.
Poi Skiold gli tagliò una mano, e egli li tenne ancora con l'altra mano per un po', finché Sigmund non lo trafisse da parte a parte. Allora cadde morto a terra. Gettarono su di lui erba e pietre e Thrain disse— " Abbiamo vinto un brutto lavoro, e i figli di Njal prenderanno male questa uccisione quando lo sapranno".
Tornarono a casa e lo dissero a Hallgerda. Lei fu felice di sapere dell'uccisione, ma Rannveig, la madre di Gunnar, disse— "Si dice 'dura bene poco tempo il colpo della mano debole' e così sarà anche questa volta; ma Gunnar ti tirerà fuori da questa faccenda. Ma se Hallgerda ti fa prendere un'altra mosca in bocca, (una nuova attività o sciocchezza) allora sarà la tua rovina".
Hallgerda mandò un uomo a Bergthorsknoll per dire dell'uccisione, e un altro uomo al Thing, per dirlo a Gunnar. Bergthora disse che non avrebbe combattuto contro Hallgerda con parole malvagie su una questione del genere; "che", disse, "non sarebbe una vendetta congrua per una disputa così grande".

 

 

CAPITOLO XLIII.

NJAL E GUNNAR FANNO PACE PER L'UCCISIONE DI THORD.

Quando il messaggero arrivò al Thing per dire a Gunnar dell'uccisione, allora Gunnar disse—
"Quanto accaduto è grave, e nessuna novità potrebbe venire alle mie orecchie che dovrei pensare peggio, ma tuttavia ora andremo subito a vedere Njal, e spero ancora che la prenda bene, anche se sarà duramente provato".
Così andarono a vedere Njal e lo chiamarono per uscire e parlare con loro. Andò subito ad incontrare Gunnar e parlarono, e all'inizio non c'erano altri uomini presenti che Kolskegg.
"Ho un dura notizia da dirti," disse Gunnar; "l'uccisione di Thord Freemanson, e desidero offrirti a te stesso l'indennizzo per l'uccisione".

Njal rimase in silenzio un po', dopo di che disse— "Questo è ben offerto, e l'accetto; c'è da aspettarsi che io sia rimproverato da mia moglie o dai miei figli, perché ciò li travierà molto; ma ancora correrò il rischio, perché so che ho a che fare con un uomo buono e vero; né vorrei che alcuna frattura dovesse sorgere nella nostra amicizia da parte mia".
"Così sarà", disse Gunnar. "Vuoi lasciare che i tuoi figli siano accanto?" Chiese Gunnar. "Non lo farò", rispose Njal, "perché non spezzeranno la pace che io faccio, ma se fossero lì mentre noi la facciamo, non si metteranno d'accordo con noi".
"Così sia", disse Gunnar. "Vedi tu da solo ad esso".
Poi si strinsero la mano l'un l'altro e fecero pace rapidamente.
Quindi Njal disse: "Il premio che faccio è duecento in argento, e questo tu penserai che sia molto".
"Io non lo penso troppo", rispose Gunmar, e andò a casa.

I figli di Njal tornarono e Skarphedinn chiese da dove provenisse quella grande somma di denaro, che suo padre teneva in mano.
Njal disse: «Ti parlo dell'uccisione di Thord, tuo padre adottivo, e noi due, Gunnar e io, abbiamo fatto pace in questa faccenda, e lui ha pagato un'espiazione per lui come per due uomini».
"Chi lo ha ucciso?" Chiese Skarphedinn.
"Sigmund e Skiolld, ma anche Thrain era vicino", disse Njal.
"Pensavano di aver bisogno di molta forza", disse Skarphedinn, e intonò una canzone.

"Furiosi nelle azioni rischiose.
Gli oppressori dei destrieri dell'oceano
Forza assai sembra che ne avessero bisogno
Tutti per uccidere un solo uomo;
Quando alzeremo le mani?
Noi che brandiamo l'acciaio brunito—
Uomini famosi, con armi arrossate,
Quando? se ora stiamo seduti tranquilli? "

"Non è necessario, mi sembra, fare così poco, così tanti guerrieri, corrieri pieni di zelo. Quando alzeremo le braccia? Quando brandiremo le nostre spade? Ecco, uomini potenti hanno arrossato le loro armi con il sangue. Restiamo in silenzio a lungo? "

"Sì! quando verrà il giorno in cui alzeremo le mani"
"Non sarà molto lontano," disse Njal, "e allora non avrai impedimenti, ma comunque, penso, ho messo in grande considerazione il fatto che tu non infrangerai questa pace che ho fatto".
"Allora non lo spezzeremo", disse Skarphedinn, "ma se dovesse sorgere qualcosa tra noi, allora terremo presente la vecchia faida".
"Allora vi chiederò di non risparmiare nessuno", disse Njal.

 

 

CAPITOLO XLIV.

SIGMUND DERIDE NJAL E I SUOI FIGLI.

Poi gli uomini tornarono a casa dal Thing; e quando Gunnar tornò a casa, disse a Sigmund—"Sei un uomo più sfortunato di quanto pensassi, e rivolgi i tuoi buoni doni alle parti cattive, ma io ti ho fatto pace con Njal e i suoi figli, e abbi cura di non far entrare un'altra mosca nella tua bocca. (eseguire un'azione dettata da altri). Tu non sei affatto secondo la mia mente, tu vai in giro sbeffeggiando e schernendo con disprezzo e derisione, e questa non è la mia attitudine. E' per questo che te la cavi così bene con Hallgerda, perché voi due siete più simili".
Gunnar lo sgridò a lungo, e lui gli rispose convenevolmente, e disse che avrebbe seguito i suoi consigli in futuro meglio di quanto avesse fatto finora.
Gunnar gli disse che potevano andare d'accordo.
Gunnar e Njal mantennero la loro amicizia anche se il resto della loro gente non si vedeva l'un l'altro.
Accadde una volta, che alcune donne mendicanti arrivarono a Lithend da Bergthorsknoll; erano grandi pettegole e avevano una lingua piuttosto dispettosa.
Hallgerda aveva un salottino, e spesso si sedeva dentro, con sua figlia Thorgerda, e c'erano anche Thrain e Sigmund e una folla di donne.
Gunnar non era lì né Kolskegg. Queste donne erranti entrarono nella camera e Hallgerda le salutò e fece spazio a loro; poi chiese notizie, ma le donne risposero che non avevano niente da dire. Hallgerda chiese dove erano state durante la notte; loro risposero a Bergthorsknoll.
"Che cosa stava facendo Njal?" lei chiese.
Stava ancora lavorando sodo", risposero.
"Che cosa stavano facendo i figli di Njal? " chiese lei; "si credono uomini in ogni caso".
"In statura quei uomini stanno crescendo, " dissero, "ma non sono ancora stati provati;"
Skarphedinn arrotava un'ascia, mentre Grim infilava una punta di lancia sull'asta, Helgi rivettava un'elsa su una spada, Hauskuld rafforzava il manico di uno scudo".
"Devono essere impegnati in qualche grande azione", disse Hallgerda.
"Non lo sappiamo", risposero
"Che cosa stavano facendo i house-carles di Njal?" lei domandò.
"Non sappiamo cosa stessero facendo alcuni di loro, ma uno stava caricando sterco sul fianco della collina".
"A cosa serviva farlo?", chiese
"Ha detto che ha reso la fascia (di un'area) migliore di qualsiasi altra parte, " risposero.
"Njal ora e stupido. " disse Hallgerda, "anche se sa come dare consigli su ogni cosa".
"Cosa? " chiesero.
"Porterò avanti solo ciò che è vero per dimostrarlo," disse lei;
"perché non fa loro portare escrementi sopra la sua barba in modo che possa essere come gli altri uomini?
Chiamiamolo "il carle senza barba", ma i suoi figli li chiameremo "dungheardlings" punte ricoperte di letame"; e ora prega di dar loro un po' di sollievo, Sigmund, e lasciaci prendere del bene dal tuo dono del canto.

"Sono pronto a farlo," disse lui, e cantò questi versi,—

"Signora orgogliosa con il falco in mano,
Per favore, perché i ragazzi con le barbe di sterco,
Privati dalla ragione, osano martellare
Maneggiare velocemente lo scudo da battaglia?
Per questi ragazzi con un aspetto ripugnante,—
Lady che sparge Swanbath's beams *—-
Non eviterai questa canzonatura vergognosa
Che ora modellerò su di loro.
Lui il carle senza barba ascolterà
Mentre lo sferzo con gli abusi.

* Swanbath's beams, perifrasi per l'oro.

"Perché lasciare questi barbi coperti di letame, che non hanno cuore nè coraggio, inchiodare le maniglie dei loro scudi? O donna splendente, questi disgraziati, non saranno in grado di evitare le mie parole di disprezzo".

Allo sciocco a cui si ammala lo stomaco
Presto sentirà queste parole di scherno;
Troppo bello per gente così
È il nome che la mia generosità dà,
Eën la mia musa il suo aiuto rifiuta,
Fare l'allegria dei ragazzi con la barba di letame.

"Il vecchio imparerà le nostre parole di scherno. Presto gli diremo, al buffo senza barba, cosa abbiamo detto di lui. Scelgo per loro i miei migliori insulti. Non ce ne sono che siano degni di questi barboni coperti di letame".

Qui trovo un soprannome adatto
Per quei puzzolenti ragazzi con le barbe di sterco,—
Riluttante sono a rompere il mio patto.
Legato ad un uomo così nobile—
Uniamo tutti i nostri scherni insieme—
Conosciuta a me è la mente dell'uomo—
Chiamiamo ora con sfogo comune,
Lui, quello zotico, il carle senza barba".

"Ora ho trovato un nome adatto a loro. (Mi dispiace rompere la pace giurata), l'ho chiamato, quello divertente. Diciamo tutti con una sola voce, così la gente lo ricorderà. Chiamiamolo il tipo divertente senza barba".


"Tu sei davvero un tesoro," disse Hallgerda; "quanto sei accondiscendente a quello che ti chiedo!"
Proprio allora arrivò Gunnar. Era stato in piedi fuori dalla porta della stanza delle donne, e aveva sentito tutte le parole che erano passate. Erano molto spaventati quando lo videro entrare, e rimasero tutti in silenzio, ma prima c'erano state delle risate.
Gunnar era molto adirato, e disse a Sigmund, "Tu sei un uomo stolto, e non sei in grado di seguire un buon consiglio, tu insulti i figli di Njal e lo stesso Njal che vale di più di tutti; e questo lo fai nonostante ciò che hai già fatto. Ricorda, questa sarà la tua morte. Ma se qualcuno ripete queste parole che tu hai detto, o questi versetti che tu hai fatti, quell'uomo sarà mandato via subito, e avrà la mia ira accanto".

Ma avevano tutti così tanta paura di lui, che nessuno osò ripetere quelle parole. Dopodiché se ne andò, ma le donne gangrel parlarono tra loro e dissero che avrebbero ricevuto una ricompensa da Bergthora se le avessero riferito tutto questo.
In seguito poi loro andarono via, presero Bergthora da parte e le raccontarono tutta la storia di loro spontanea volontà.
Bergthora parlò e disse, quando gli uomini si stavano saziando, " sono stati dati doni a tutti voi, padre e figli, e non sarete veri uomini se non li ripagate in qualche modo".
"Quali sono questi doni" chiese Skarphedinn.
"Voi, figli miei, " disse Bergthora, "avete un dono tra tutti voi. Siete soprannominati 'Dungheardlings', ma mio marito "il carle senza barba".
"La nostra non è la natura di una donna, " disse Skarphedinn, "che dovremmo volare in collera ad ogni piccola cosa".
"Eppure Gunnar era adirato per il tuo bene," disse lei, "e si pensa che sia di buon carattere.
Ma se non vi vendicate per questo torto, non vendicherete la vergogna".
"La vecchia, nostra madre, pensa che dovremmo essere incolleriti, " disse Skarphedinn, e sorrise sdegnosamente mentre parlava, ma il sudore gli scendeva sulla fronte, e delle chiazze rosse gli ricoprivano le guance, e quello non era il suo solito. Grim era silenzioso e si morse un labbro. Helgi non fece alcun segno e non disse mai una parola.
Hauskuld se ne andò con Bergthora; lei tornò di nuovo nella stanza, era agitata e schiumava molto.
Njal parlò e disse, "lento e sicuro", dice il proverbio, padrona! e così è con molte cose, anche se provano gli animi degli uomini, che ci sono sempre due facce di una storia, anche quando la vendetta è presa.
Ma a sera quando Njal entrò nel suo letto, sentì che un'ascia colpire il pannello di legno e risuonare forte, e c'era un altro letto composto, e là dove gli scudi erano appesi, egli vide che erano stati portati via.
Disse: "Chi ha portato via i nostri scudi?"
"I tuoi figli sono usciti con loro", rispose Bergthora.
Njai si infilò le scarpe ai piedi, e uscì subito, e girò dall'altra parte della casa, e vide che loro stavano prendendo la direzione proprio su per il pendio; e disse, "dove vai Skarphedinn..."
"A prendere cura delle tue pecore," egli rispose.
"Allora non saresti armato", disse Njal, " se intendessi questo, e il tuo incarico deve essere qualcos'altro".
Allora Skarphedinn cantò una canzone,

"Sperperatore di ricchezze accumulate,
Alcuni di loro sono ricchi tesori propri,
Minerale di mare che stringe la terra,
Eppure si preoccupano di contare le loro pecore;
Coloro che forgiano acute canzoni di scherno,
Canzoni di morte, difficilmente possono possedere
Senso di pecore che brucano l'erba;
Come questi cerco in combattimento;"
e disse in seguito
"Andremo a pescare il salmone, padre".
"Starebbe bene allora se si venisse fuori, così che la preda non si allontani da te".

"Tu che hai terre vaste e grande ricchezza, hai pecore che andremo a perseguire, in una corsa folle. Non hanno più senso delle pecore che pascolano sull'erba, quelle che hanno forgiato canzoni di scherno contro di noi; questi sono quelli che ho intenzione di combattere ".

Essi andarono per la loro strada, e Njal andò al suo letto, e disse a Bergthora: "I tuoi figli erano tutti fuori di casa, con le armi, e ora devi averli incitati su qualcosa.
"Farò loro i miei più sentiti ringraziamenti", disse Bergthora, "se mi diranno l'uccisione di Sigmund".

 

 

CAPITOLO XLV.

L'UCCISIONE DI SIGMUND E SKIOLLD.

Ora loro, i figli di Njal, andavano a Fleetlithe, e quella notte erano sotto il Lithe, e quando il giorno cominciò a rompersi, si avvicinarono a Lithend. Quella stessa mattina sia Sigmund che Skiolld si alzarono e intesero andare dagli stalloni; avevano dei morsi con loro, presero i loro cavalli che erano nel recinto e cavalcarono su di loro. Trovarono gli stalloni tra due ruscelli.
Skarphedinn li vide, perché Sigmund indossava abiti sgargianti. Skarphedinn disse: "Vedete ora l'elfo rosso laggiù, ragazzi? " loro guardarono da quella parte e dissero di vederlo.

Skarphedinn parlò di nuovo: "tu, Hauskuld, non avrai niente a che fare con questo,
perché spesso sarai mandato in giro da solo senza la debita attenzione;
ma intendo Sigmund per me stesso; penso sia come un uomo; (pensa che il suo nome è una metafora che è come un uomo); ma Grim e Helgi, cercheranno di uccidere Skiolld".
Hauskuld si sedette per terra, e loro andarono fino a quando si avvicinarono a Sigmund e Skjöld. Skarphedinn disse a Sigmund—
"Prendi le tue armi e difenditi, questo è più necessario ora, piuttosto che fare canzoni beffarde su di me e sui miei fratelli".
Sigmund prese le sue armi, e Skarphedinn attese il momento. Skiolld si rivolse contro Grim e Helgi, e si misero accanitamente a combattere.
Sigmund aveva un elmo in testa, e uno scudo al suo fianco, ed era cinto con una spada, la sua lancia era in mano; ora si volse contro Skarphedinn, e spinse subito contro di lui con la lancia, e il colpo venne sul suo scudo. Skarphedinn tagliò il manico della lancia in due, sollevò una seconda volta la sua ascia e diede un colpo a Sigmund, tagliando il suo scudo fino al di sotto del manico, Sigmund estrasse la spada e tagliò Skarphedinn, e la spada entrò nel suo scudo, così che si bloccò, velocemente Skarphedinn diede allo scudo una torsione così rapida che Sigmund lasciò andare la sua spada. Così Skarphedinn diede a Sigmund un colpo con la sua ascia 'Rimmugygi' "l'Orchessa della guerra". Sigmund aveva su un corsaletto e l'ascia gli arrivò sulla spalla. Skarphedinn spaccò la scapola, e allo stesso tempo tirò l'ascia verso di lui. Sigmund cadde in ginocchio, ma si alzò subito.
"Mi sei già caduto in basso", disse Skarphedinn, "ma cadrai nel grembo di tua madre prima di separarci".
"Non in questo modo", disse Sigmund.
Skarphedinn gli diede un colpo sul suo elmo, e in seguito assestò a Sigmund il suo colpo mortale.
Grim tagliò il piede di Skiolld alla giuntura della caviglia, ma Helgi lo attraversò con la sua lancia, e lì morì.
Skarphedinn vide il pastore di Hallgerda, proprio come aveva tagliato la testa di Sigmund; porse la testa al pastore, e gli ordinò di portarla ad Hallgerda, e disse che avrebbe saputo se quella testa avesse fatto canzoni canzonatorie su di loro, e con ciò cantò una canzone.

"Ecco! Questa testa sei tu, quei cumoli
di tesori delle caverne oceaniche vinti, *
Porta ad Hallgerda il mio saluto,
Colei che affretta gli uomini a combattere;
Certo che lo sono, o spaccalegna!
Quel tuo spendaccione lo sa bene,
Ha suonato canzoni beffarde su di noi. "

* Tu, che hai accumulato un cumulo di legna da ardere, eccetera, è solo una perifrasi per l'uomo, e difficilmente si adatta, se non per ironia, a una spaccatrice di legna da ardere.

Il pastore buttò la testa non appena si furono separati, poiché non osava farlo mentre i loro occhi erano su di lui. I fratelli andarono andati avanti finché hanno incontrato alcuni uomini giù a Markfleet, e raccontarono loro le notizie.
Skarphedinn si è dato come uccisore di Sigmund; e Grim ed Helgi come gli uccisori di Skiolld; poi andarono a casa e dissero a Njal le notizie. Lui rispose loro— La buona fortuna sia nelle vostre mani!
Qui, allo stato attuale delle cose, non ci sarà un autocontrollo".

Ora dobbiamo riprendere la storia e dire che il pastore è tornato a Lithend. Egli riportò ad Hallgerda la notizia.
"Skarphedinn mi ha messo la testa di Sigmund tra le mani", disse, "e mi ha detto di portartela, ma non ho osato farlo, perché non sapevo quanto ti sarebbe piaciuto".
"E' stato male che tu non tu non l'abbia fatto, " disse; " l'avrei portato a Gunnar, e allora avrebbe dovuto vendicare il suo parente, o avrebbe dovuto sopportare le beffe di ogni uomo".
Dopo di che andò da Gunnar e disse: "Ti dico dell'uccisione del tuo parente Sigmund: Skarphedinn lo uccise e voleva che mi portassero la testa".

"Proprio quello che si potrebbe guardare perché gli si addice", disse Gunnar, "perché i cattivi consigli portano sfortuna, e sia tu che Hkarphedinn vi siete fatti spesso dei dispetti maligni".
Poi Gunnar se ne andò; non lasciò che si facesse alcun passo verso un'accusa di omicidio colposo, e non fece nulla al riguardo. Hallgerda spesso glielo ricordava, e continuava a dire che Sigmund era caduto senza vendetta. Gunnar non prestava alcuna attenzione a questo.

Ora tre Thing passarono, in ognuna delle quali gli uomini pensarono che sarebbe seguito la causa; poi una questione intricata arrivò tra le mani di Gunnar, che non sapeva come gestire, e allora cavalcò per trovare Njal. Egli diede a Gunnar un caloroso benvenuto. Gunnar disse a Njal: "Sono venuto a cercare un po' di buoni consigli a portata di mano su un punto nodoso".

"Ne sei degno," disse Njal, e gli diede consigli su cosa fare. Quindi Gunnar si alzò e lo ringraziò. Njal allora parlò, e disse, e prese Gunnar per mano, "Per molto tempo il tuo parente Sigmund non è stato espiato".
"È stato espiato molto tempo fa", rispose Gunnar, "ma ancora non respingerò l'onore offertomi"
"Gunnar non aveva mai parlato male dei figli di Njal.
Njal non avrebbe voluto nient'altro che Gunnar facesse il prezzo del risarcimento in materia.
Egli assegnò duecento in argento, ma lasciò cadere Skiolld senza un prezzo.
Loro pagarono tutti i soldi subito.

Gunnar dichiarò la loro espiazione al Thing di Thingskala, quando la maggior parte degli uomini era presente, e attribuì grande importanza al modo in cui si erano comportati (Njal e i suoi figli); egli raccontò anche di quelle brutte parole che costarono la vita a Sigmund, e nessuno doveva ripeterle o cantare i versi, ma se qualcuno le cantava, l'uomo che le pronunciava doveva cadere senza espiazione.

Sia Gunnar che Njal si diedero l'un l'altro parola che non sarebbero mai accadute cose del genere che non avrebbero sistemato tra di loro; e questo impegno è stato ben mantenuto in seguito, e furono sempre amici.

 

 

CAPITOLO XLVI.

DI GIZUR IL BIANCO E GEIR IL SACERDOTE.

C'era un uomo di nome Gizur il Bianco; era il figlio di Teit; figlio di Kettlebjorn il Vecchio, di Mossfell. *
Il vescovo Isleif era il figlio di Gizur.
Gizur il Bianco teneva la casa a Mossfell ed era un grande capo.
Anche quell'uomo è chiamato in questa storia, il cui nome era Geir il prete; sua madre era Thorkatla, un'altra figlia di Kettlebjorn il Vecchio di Mossfell.
Geir teneva la casa a Lithe.
Lui e Gizur si sostenevano a vicenda in ogni questione. A quel tempo il figlio di Mord Valgard teneva la casa a Hof sui Rangrivervales; era furbo e dispettoso.
Valgard suo padre era allora all'estero, ma sua madre era morta. Era molto invidioso di Gunnar di Lithend. Era ricco, per quanto riguarda i beni, ma non aveva molti amici.

* La madre di Teit si chiamava Helga. Era una figlia di Thord Longbeard, che era il figlio di Hrapp, che era figlio di Bjorn il rough-footed, che era il figlio di Grim, il signore di Sogn in Norvegia. La madre di Gizur si chiamava Olof. Era una figlia di Lord Baudvar, il figlio di Viking-Kari.

 

 

CAPITOLO XLVII.

DI OTKELL IN KIRKBY.

C'era un uomo di nome Otkell; era il figlio di Skarf, il figlio di Hallkell, che combatté con Grim di Grimness e lo abbatté sul leccio *
Questo Hallkell e Kettlebjorn il Vecchio erano fratelli.

* Cioè, lo uccise in un duello.

Otkell teneva la casa a Kirkby; sua moglie si chiamava Tkorgerda;; era figlia di Mar, figlio di Bunolf, figlio di Naddadad delle isole Faroe. Otkell era ricca di beni. Il nome di suo figlio era Thorgeir; era giovane negli anni, e un uomo audace e affascinante.
Skamkell era il nome di un altro uomo; teneva la casa in un'altra fattoria chiamata Hof; era benestante per soldi, ma era un uomo dispettoso e un bugiardo; anche litigioso e cattivo da affrontare.

Era amico di Otkell. Hallkell era il nome del fratello di Otkell; era un uomo alto e forte, e viveva lì con Otkell; il nome del loro fratello era Hallbjorn il Bianco; portò in Islanda uno thrall "schiavo", il cui nome era Malcolm; era irlandese e non aveva molti amici.
Hallbjorn andò a stare con Otkell, e così fece il suo thrall Malcolm. Lo schiavo diceva sempre che doveva ritenersi felice sotto Otkell. Otkell era gentile con lui e gli diede un coltello, una cintura e un completo di vestiti, e lo schiavo si dedicava a qualsiasi lavoro desiderato da Otkell.
Otkell volle fare un affare con suo fratello per il thrall;
(il fratello) disse che gli avrebbe dato il thrall, ma disse anche: che era un affare peggiore di quanto pensasse. Ma non appena Otkell possedette il thrall, poi lui fece sempre meno lavoro.
Otkell spesso diceva apertamente a Hallbjorn, che pensava il thrall facesse ben poco;
e lui rispose a Otkell che c'era di peggio in lui che doveva ancora venire.

A quel tempo arrivò una grande scarsità, in modo che gli uomini caddero a corto di carne e di fieno, e questo si diffuse in tutte le parti dell'Islanda.
Gunnar condivise il suo fieno e la sua carne con molti uomini; e a tutti quelli che erano arrivati laggiù, finché i suoi magazzini sono durati.
Alla fine è venuto fuori che lo stesso Gunnar era a corto sia di fieno che di carne.
Quindi Gunnar chiamò Kolskegg a seguirlo; chiamò anche il figlio di Thrain Sigfus e il figlio di Lambi Sigurd.
Andarono a Kirkby e chiamarono Otkell. Egli li salutò e Gunnar disse: "si dà il caso che io sia venuto a trattare con te per il fieno e la carne, se ce ne sono ancora".
Otkell risponde: "C'è una riserva di entrambi, ma non ti venderò nessuno dei due".
"Vuoi darmeli allora," disse Gunnar, "e correre il rischio che te li ripaghi in qualche modo?"
"Non farò neanche questo" disse Otkell.
Skamkell per tutto il tempo gli stava dando dei cattivi consigli.
Poi il figlio di Thrain Sigfus, disse: "sarebbe giusto per lui se prendessimo sia il fieno che la carne e stabilissimo invece il valore di loro".
Skamkell rispose: "tutti gli uomini di Mossfell devono essere morti o andati, se voi, figli di Sigfus, venite a fare tale bottino".
"Non parteciperò a nessuna rapina", disse Gunnar.
"Vuoi comprare un mio schiavo?" chiese Otkell.
"Non mi risparmierò di farlo", disse Gunnar.
Dopodiché Gunnar acquistò il thrall e si allontanò così come stavano le cose.
Njal lo seppe e disse,
"Queste cose sono mal fatte, rifiutare di far comprare a Gunnar; e non è una buona prospettiva per gli altri, se uomini come lui non riescono a ottenere ciò che vogliono".
"Cosa c'è di buono nel tuo parlare così tanto di una questione così piccola", disse Bergthora; molto più simile ad un comportamento d'uomo sarebbe lasciare avere sia la carne che il fieno, quando non ti mancano nessuno dei due".
"Questo è chiaro come il sole", disse Njal, " e io fornirò di sicuro il suo bisogno in qualche modo".
Quindi si avvicinò a Thorolfsfell e ai suoi figli con lui, e legarono il fieno a quindici cavalli; e su cinque cavalli avevano carne. Njal venne a Lithend e chiamò Gunnar.
Egli li salutò gentilmente.
"Qui c'è il fieno e la carne" disse Njal, " che io ti darò; e il mio desiderio è che tu non guardi mai a nessun altro che a me, se tu hai bisogno di qualche cosa:".
"Sono buoni i tuoi doni", disse Gunnar, " ma penso che la tua amicizia valga ancora di più, e quella dei tuoi figli".
Dopo di che Njal tornò a casa, e ora la primavera passò via.

 

 

CAPITOLO XLVIII.

COME HALLGERDA FA RUBARE MALCOLM A KIRKBY.

Ora Gunnar stava per cavalcare verso il Thing, ma una grande folla di uomini del Side * East si presentò come ospiti a casa sua.

* Cioè, dal lato mare o dalla costa, la lunga striscia stretta di terra abitabile tra le montagne e il mare nel sud-est dell'Islanda.

Gunnar implorò loro di ritornare e di essere di nuovo suoi ospiti quando tornavano dal Thing; loro dissero che l'avrebbero fatto.
Quindi cavalcarono verso il Thing, e Njal e i suoi figli erano lì. Il Thing fu calmo e tranquillo.

Ora dobbiamo riprendere la storia e dire che Hallgerda andò a parlare con Malcolm il thrall.
"Ho pensato a una commissione affidarti", disse; " andrai a Kirkby".
"E cosa devo fare lì" egli chiese.

"Ruberai di là cibo sufficiente per caricare due cavalli, occupati di prendere burro e formaggio; ma dopo darai fuoco al deposito e tutti penseranno che è sorto per disavvertenza, e nessuno penserà che ci sia stato un furto".
"Sono stato un uomo malvagio", disse il thrall, "ma non sono mai stato un ladro".
"Senti che meraviglia!"disse Hallgerda," tu ti rendi buono, tu che sei stato ladro e assassino; ma non osare fare altro che andare, altrimenti ti farò uccidere".
Pensava di conoscerla abbastanza per essere sicuro che lo avrebbe fatto se non fosse andato; così di notte prese due cavalli e vi posò sopra due basti e si diresse verso Kirkby.
Il cane di casa lo conosceva e non gli abbaiò, e gli corse incontro. Dopodiché andò al magazzino e caricò i due cavalli con del cibo, dopo di che bruciò il magazzino e uccise il cane..
Andò su lungo il Rangriver e il suo sandalo si spezzò; così prese il coltello e fece la scarpa giusta, ma lasciò il coltello e un laccio rotto distesi dietro di lui.
Viaggiò fino a quando arrivò a Lithend; poi notò l'assenza del coltello, ma non osò tornare indietro.
Egli portò il cibo ad Hallgerda e lei si dimostrò molto soddisfatta.
La mattina dopo, quando gli uomini uscirono da Kirkby, videro il grande danno. Quindi un uomo fu mandato al Thing per dirlo a Otkell, lui sopportò bene la perdita e disse che doveva essere successo perché il forno era accanto al magazzino; e tutti pensarono che fosse così.
Ora gli uomini tornano a casa dal Thing e molti cavalcarono fino a Lithend. Hallgerda mise del cibo sulla tavola e arrivarono formaggio e burro. Gunnar sapeva che tale cibo non doveva essere custodito nella sua casa e chiese ad Hallgerda da dove arrivasse?
"Di là", disse; "da dove potresti mangiarne assai; inoltre, non è cosa degli uomini preoccuparsi del governo della casa.
Gunnar si arrabbiò e disse: "E' davvero così se partecipo con i ladri:" e con ciò le diede uno schiaffo sulla guancia.
Lei disse che avrebbe tenuto a mente quello schiaffo e lo avrebbe ripagato se avesse potuto. Quindi se ne andò e lui andò con lei, e poi tutto ciò che era sul tavolone fu portato via, e invece fu portata dei pezzi di carne, e tutti pensarono che la carne fosse stata ottenuta in modo migliore.
Poi gli uomini che erano stati al Thing andarono via.

 

 

CAPITOLO XLIX.

DEL MALVAGIO CONSIGLIO DI SKAMKELL.

Ora dobbiamo parlare di Skamkell. Egli cavalcava dietro a delle pecore lungo il Rangriver, e vide qualcosa brillare nel sentiero. Trovò un coltello e un laccio per scarpe e pensò di conoscerli entrambi. Andò con essi a Kirkby; Otkell era fuori della porta quando venne Skamkell. Egli gli parlò e disse—
"Conosci qualche cosa su queste belle cose?"
"Sicuramente", Disse Otkell, "li conosco".
"Chi li possiede" chiese Skamkell.
"Malcolm il thrall", rispose Otkell.
"Allora altri li vedranno e li conosceranno quanto noi due", disse Skamkell, "sarò io per te un consulente".
Li hanno mostrati a molti uomini e tutti li conoscevano. Quindi Skamkell disse—
"Che decisione prenderai ora?"
"Andremo a trovare il figlio di Mord Valgard", rispose Otkell, "e cercheremo il suo consiglio".
Quindi andarono a Hof, mostrarono quelle belle cose a Mord e gli chiesero se le conosceva.
Lui disse di conoscerle abbastanza bene, ma cosa importa? "pensi di avere il diritto di cercare qualcosa a Lithend?"
"Pensiamo sia difficile per noi, "disse Skamkell," sapere cosa fare, quando uomini così potenti siano implicati in esso".
"Questo è certo", disse Mord, " eppure so cose sulla vita e sulla casa di Gunnar, che nessuno di voi saprà mai".
"Ti daremmo denaro", dissero, "se vuoi condurre questo affare".
"Quel denaro mi costerà caro," rispose Mord, " ma ancora, forse, può darsi che esaminerò la questione".
Dopo di che gli diedero tre marchi d'argento, in modo che potesse prestare loro il suo consiglio e aiuto, pertanto consigliò loro di mandare delle donne di casa in casa con piccoli oggetti, e li dessero alle casalinghe e segnassero ciò che era stato loro dato in cambio.
"Perché", disse,
"È nella mente di tutti gli uomini di dare via prima ciò che è stato rubato, se lo hanno in possesso, e così sarà anche qui, se è la mano di un uomo che ha appiccato il fuoco. Allora verrete quindi a mostrarmi ciò che è stato dato a ciascuna in ogni casa, e allora sarò libero per una maggiore partecipazione a questa faccenda, se la verità verrà alla luce".
A questo si concordarono, e poi tornarono a casa.

Mord mandò le donne in giro per il paese, e sono state via un mese e mezzo. Poi sono tornate, ed avevano grandi fagotti. Mord chiese dove avevano dato loro di più?
Dissero che a Lithend era stato dato loro di più, e Hallgerda era stata molto generosa con loro.
Lui chiese cosa gli è stato dato lì?
"Formaggio", dissero.
Egli chiese di vederlo, e glielo mostrarono, ed era a fette grandi. Queste egli prese e tenne.
Qualche tempo dopo, Mord andò a trovare Otkell, lui gli chiese di portare lo stampo per il formaggio di Thorgerda; e quando ciò fu fatto, vi posero le fette in esso ed ecco! Si adattarono allo stampo perfettamente. Così videro che alle donne era stato dato loro un formaggio intero.
Quindi Mord disse: "Ora puoi vedere che Hallgerda deve aver rubato il formaggio;" e tutti emisero lo stesso giudizio; e poi Mord disse che ora pensava di essere libero da questa faccenda.
Dopo di che si separarono.

Qualche tempo dopo Kolskegg iniziò a parlare con Gunnar e disse—
Lo dirò, ma la storia è nella bocca di ogni uomo, che Hallgerda deve aver rubato, e che lei era alla base di tutta quel gran danno che si é abbattuto a Kirkby".
Gunnar disse che anche lui pensava che dovesse essere così. "Ma cosa vuoi che faccia ?"
Kolskegg rispose: "Penserai che sia tuo preciso dovere l'espiazione per il torto di tua moglie, e penso sia meglio che tu vada a trovare Otkell e fargli un'offerta allettante".
"Questo è ben detto", disse Gunnar, "e così sarà".
Poco dopo Gunnar invitò il figlio di Thrain, Sigfus e il figlio di Lambi, Sigurd, e vennero subito.
Gunnar disse loro dove voleva andare ed erano ben contenti.
Gunnar cavalcò con undici uomini verso Kirkby e chiamò Otkell.
Anche Skamkell era lì e disse: "Uscirò con te, e sarà meglio ora avere l'equilibrio di spirito dalla tua parte. E vorrei starti vicino quando ne avrai più bisogno, come in questo momento.
Penso che sia meglio che tu metta su un'aria di grande peso".
Poi loro, Otkell e Skamkell, Hallkell e Hallbjorn, uscirono tutti. Salutarono Gunnar, e lui ha preso bene il loro saluto.
Otkell chiese dove volesse andare?
"Non più lontano di qui", disse Gunnar, "e la mia commissione è quella di parlarti di quel brutto incidente - come è nato dal complotto di mia moglie e di quello schiavo che ho comprato da te".
"E' solo quello che si deve cercare", disse Hallbjorn.
"Ora ti farò una buona offerta", disse Gunnar, " e l'offerta è questa che i migliori uomini qui intorno al paese si pronuncino sulla questione".
"Questa è un'offerta ragionevole," disse Skamkell, "ma ingiusta e disomogenea. Sei un uomo che ha molti amici tra le famiglie, ma Otkell non ha molti amici".
"Dunque!" disse Gunnar, "allora ti prometto che farò un risarcimento, e lo pronuncerò qui in questo punto, e quindi risolveremo la questione, e la mia amicizia seguirà l'accordo. Ma io ti farò un'espiazione pagando il doppio di ciò che era perduto ".
"Questa scelta non la prenderai", disse Skamkell, " ed è indegno lasciare a lui di pronunciare il premio, quando spetta a te farlo".
Così Otkell disse: "non lascerò a te, Gunnar, il diritto di fare il (tuo) premio".
"Vedo chiaramente", disse Gunnar," l'aiuto di uomini che un giorno saranno pagati per questo, oserei dire; ma vieni ora, pronunciare un premio per te stesso,"
Otkell si appoggiò verso Skamkell e chiese: "Cosa devo rispondere ora?"
"Questa la chiamerai una buona proposta, ma metti tuttora la tua causa nelle mani di Gizur il bianco e del sacerdote Geir, e poi molti diranno che ti comporti come Hallkell, il tuo nonno, che era il più grande dei campioni.
"Ben offerto è questo, Gunnar", disse Otkell, "ma comunque la mia volontà è che mi daresti il tempo di vedere Gizur il bianco".
"Fai ora qualunque cosa ti piaccia in materia", disse Gunnar;" ma gli uomini diranno questo, che non hai potuto trovare il tuo onore quando non avrai (accettato) nessuna delle scelte che ti ho offerto".

Poi Gunnar tornò a casa, e quando se n'è andò, Hallbjorn disse, "qui vedo quanto uomo si differenzia dall'uomo.
Gunnar ti ha fatto delle buone offerte, ma tu non ne accetteresti nessuna;
o come pensi di combattere con Gunnar in un litigio, quando nessuno è alla sua altezza in battaglia?
Ma ora è ancora un uomo così gentile da lasciare che queste offerte rimangano in piedi, anche se tu sei pronto a prenderle solo dopo.
Mi sembra che sia meglio che tu vada a trovare Gizur il bianco e Geir il prete proprio ora".
Otkell lasciò che prendessero il suo cavallo e si preparò in ogni modo.
Otkell non era perspicace, e Skanikell camminò sulla strada insieme a lui, e disse a Otkell—
"Mi è sembrato strano che tuo fratello non ti abbia tolto questa fatica, e ora ti farò un'offerta di andare al posto tuo, perché so che il viaggio è fastidioso per te".
"Prenderò quell'offerta", disse Otkell, "ma attenzione e sii sincero come non mai".
"Così sarà," disse Skamkell.
Quindi Skamkell prese il cavallo e il mantello di Oktell, e Otkell tornò a casa.
Hallbjorn era fuori casa e disse a Otkell:
"E'male avere uno schiavo come proprio amico del cuore, e noi ci pentiremo per sempre che tu sia tornato indietro e non è saggio mandare il più grande bugiardo a fare una commissione, di cui uno può così dire che la vita degli uomini pendono su di esso".
"Avresti molta paura, disse Otkell," se Gunnar avesse la sua proposta sospesa, quando sei così spaventato adesso. "
"Nessuno sa chi avrà più paura allora", rispose Hallbjorn;"
ma questo devi ammettere, che Gunnar non perde molto tempo a brandire il "bill" quando è arrabbiato".
"Ah!", disse Otkell, "siete tutti voi per arrendervi tranne Skamkell".
E poi rimasero entrambi arrabbiati.

 

 

 CAPITOLO L.

DELLA MENZOGNA DI SKAMKELL.

Skamkell andò a Mossfell e ripeté tutte le proposte a Gizur.
"A me sembra che, " disse Gizur, "che queste offerte fossero onorevoli; ma perché non ha accettato queste offerte?"
" la causa principale è stata, " rispose Skamkell, "che tutti desideravano mostrarti l'onore, ed ecco perché ha atteso la tua parola; e questo è il meglio per tutti".
Così Skamkell rimase lì tutta la notte ma Gizur mandò un uomo a prendere il sacerdote Geir; ed egli arrivò presto.
Poi Gizur gli raccontò la storia e disse— "Quale corso deve essere preso ora".
"Come senza dubbio hai già deciso di fare il meglio per entrambe le parti".
"Adesso lasciamo che Skamkell racconti la sua storia una seconda volta e vedremo come la ripete".
Così fecero, e Gizur disse—
"Devi aver raccontato bene questa storia, ma io ti ho visto essere il più malvagio degli uomini, e non c'è fiducia nei volti se non ti comporti bene".
Skamkell tornò a casa, cavalcò prima a Kirkby e chiamò Otkell. Egli salutò bene Skamkell, e Skamkell gli portò il saluto di Gizur e Geir.
"Ma su questa questione della causa", disse, "non c'è bisogno di parlare piano, com'è la volontà di Gizur e Geir che questa causa non dovrebbe essere risolta in modo amichevole. Hanno dato quel consiglio che una convocazione dovrebbe essere messa in piedi, e che Gunnar dovrebbe essere convocato per aver preso le merci, e Hallgerda per averle rubate".
"Sarà fatto, " disse Otkell, "in tutto come hanno dato consiglio".
"Loro pensavano maggiormente a questo"disse Skamkell, "che ti fossi comportato così orgogliosamente; ma quanto a me, ho fatto di te un grande uomo in tutto ciò che ho potuto ".
Ora Otkell raccontò tutto questo ai suoi fratelli, e Hallbjorn disse—
"Questa deve essere la più grande menzogna".

Ora il tempo va avanti fino all'ultimo dei giorni di convocazione prima che arrivasse l'althing.
Quindi Otkell invitò i suoi fratelli e Skamkell a cavalcare a Lithend per la faccenda della citazione.
Hallbjorn disse che sarebbe andato, ma disse anche che avrebbero rimpianto questa convocazione col passare del tempo.
Ora dodici di loro cavalcarono insieme a Lithend, ma quando entrarono nella "città", c'era Gunnar fuori della porta e non sapeva nulla della loro venuta, fino a quando non cavalcarono diritti davanti alla sua casa.
Egli non entrò dentro, e Otkell tuonò le convocazioni lì e poi; quando egli ebbe finito di citare la convocazione Skamkell, disse—
"Va tutto bene, capo?"
"Tu conosci il meglio; " disse Gunnar, "ma ti ricorderò di questo viaggio uno di questi giorni, e del tuo buon aiuto ".
"Questo non ci danneggerà", disse Skamkell, "se il tuo "bill" non è in alto".
Gunnar era molto arrabbiato ed entrò in casa, e parlò a Kolskegg, e Kolskegg disse—
"E' stato male che non eravamo tutti fuori casa; sarebbero venuti qui per il viaggio più vergognoso, se fossimo stati lì".
"Ogni cosa ha il suo tempo" "ma questo viaggio non si rivelerà in loro onore".
Poco dopo Gunnar andò a dirlo a Njal.
"Non lasciarti preoccupare di questa inezia", disse Njal "perché questo sarà per te il più grande onore, prima che il Thing giunga al termine. Quanto a noi, vi sosterremo tutti con consigli e forza".
Gunnar lo ringraziò e tornò a casa.
Otkell cavalcò al Thing, e i suoi fratelli con lui e Skamkell.

 

 

CAPITOLO LI.

DI GUNNAR.

Gunnar cavalcò verso il Thing con tutti i figli di Sigfus; Anche Njal e i suoi figli andarono tutti con Gunnar; e si diceva che nessuna banda fosse così unita e robusta come la loro.
Un giorno Gunnar andò allo stand dei Dalemen; Hrut era vicino allo stand con Auskuld, loro accolsero bene Gunnar. Ora Gunnar raccontò loro l'intera storia del litigio fino a quel momento.
"Quale consiglio dà Njal?" chiese Hrut.
"Mi ha chiesto di cercare te e tuo fratello", disse Gunnar, "e ha detto che era sicuro che lui e voi avreste guardato la questione nella stessa luce".
"Egli allora desidera", disse Hrut, "che dovrei dire quello che penso per amore della parentela; e così sarà. Sfiderai Gizur il bianco a combattere sull'isola, se non ti lasciano l'intero premio; e Kolskegg sfiderà il sacerdote Geir. Per quanto riguarda Otkell e i suoi fratelli, gli uomini devono essere pronti a combattere su di loro; e ora abbiamo così tanta forza tutti noi insieme, che puoi realizzare qualunque cosa tu voglia".

Gunnar tornò a casa al suo stand e lo disse a Njal.
"Proprio quello che mi aspettavo", disse Njal.
Wolf Aurpriest venne a sapere di questo piano e lo disse a Gizur, e Gizur lo disse a Otkell—
"Chi ti ha dato quel consiglio che dovevi chiamare in giudizio Gunnar?"
"Skamkell mi disse che era il consiglio sia del sacerdote Geir sia di te stesso".
"Ma dov'è quel farabutto ?"disse Gizur, "che ha mentito così".
"Giace malato al nostro stand", rispose Otkell.
"Che non si alzi mai dal letto", disse Gizur. "Ora dobbiamo andare tutti a trovare Gunnar, e offrirgli il diritto di fare il suo premio; ma non so se sarà disposto ora".
Molti uomini parlarono male di Skamkell, ed egli giacque malato per tutto il tempo del Thing.
Gizur e i suoi amici andarono alla capanna di Gunnar; la loro venuta era nota e Gunnar fu informato mentre sedeva nella sua capanna, e poi uscirono tutti e si misero in fila.
Gizur il bianco venne per primo, e dopo un po' parlò e disse—
"Questa è la nostra offerta, che tu, Gunnar, fai tu il premio in questa causa".
"Allora, " disse Gunnar, " sono stato convocato senza dubbio lungi dal tuo consiglio".
"Non ho dato consigli del genere", disse Gizur, "né io né Geir".
"Allora devi liberarti di questa accusa con prove adeguate".
"Che prova chiedi ?" disse Gizur.
"Che presti giuramento" disse Gunnar.
"Lo farò", disse Gizur, " se tu prenderai il premio nelle tue mani".
"Questa è stata l'offerta che ho fatto un po' di tempo fa", disse Gunnar; " ma ora, mi sembra, ho una questione più grande da giudicare".
"Non sarà giusto rifiutare di fare il proprio premio", disse Njal; "quanto più grande sarà la questione, tanto più grande sarà l'onore nel farlo".
"Bene, " disse Gunnar, " farò questo per compiacere i miei amici, e pronunzierò il mio premio; ma do a Otkell questo piccolo consiglio, non darmi mai motivo di litigio d'ora in poi".
Quindi furono mandati a chiamare Hrut e Hauskuld, che vennero là, e poi Gizur, il bianco e il sacerdote Geir, prestarono i loro giuramenti; ma Gunnar fece il suo premio e non parlò con nessuno, e poi lo pronunciò come segue:—
"Questo è il mio premio", disse; "in primo luogo, stabilisco che il magazzino deve essere pagato, e il cibo che c'era in esso; ma per lo schiavo, non ti pagherò alcuna multa perché tu mi ha nascosto i suoi difetti"; ed io te lo restituisco, perché, come dice il detto: "Gli uccelli di una piuma sono i più uniti".

(Chi assomiglia si piglia)
Questo è un esempio di frase idiomatica. https://www.google.com/search?client=firefox-b-d&q=idiomatic+expression

Poi, d'altra parte, vedo che mi hai convocato con disprezzo e beffa, e come compensazione sto giudicando non meno di quanto valesse la casa bruciata e le provviste contenute in essa; ma se pensi che sia meglio non essere di nuovo d'accordo, allora ti lascerò avere la tua scelta, ma in tal caso ho già deciso cosa farò, e quindi adempirò il mio scopo".
"Quello che chiediamo, " disse Gizur, " è che tu non sia duro con Otkell, ma ti supplichiamo, d'altra parte, di essere suo amico".
"Non sarà mai, " disse Gunnar, "finché vivrò, ma avrà l'amicizia di Skamkell; su ciò si è appoggiato a lungo".
"Bene, " risponde Gizur, " noi chiuderemo con te questa faccenda, anche se solo tu definisci i termini".
Quindi fu fatta tutta questa espiazione e le mani furono strette su di essa, e Gunnar disse a Otkell—
"Era più saggio andare dai tuoi parenti; ma se vuoi stare qui in questo paese, ricordati di non darmi motivo di litigio".
"Questo è un consiglio saggio" disse Gizur; "e così farà".
Così Gunnar ebbe il più grande onore da quella causa, e successivamente gli uomini tornarono a casa dal Thing.
Quindi Gunuar rimase a casa sua, e per un po' le cose rimasero tranquille.

 

 

CAPITOLO LII.

DI RUNOLF, IL FIGLIO DI WOLF AURPRIEST.

C'era un uomo di nome Runolf, figlio di Wolf Aurpriest, che teneva casa al Dale, a est di Markfleet. Fu ospite di Otkell una volta quando cavalcò al Thing. Otkell gli diede un bue, tutto nero, senza una macchia bianca, vecchio di nove inverni. Runolf lo ringraziò per il dono e lo invitò di venire a vederlo a casa sua ogni volta che sceglieva di andare; e questa offerta rimase in sospeso per parecchio tempo, così che non fece mai visita a Runolf che spesso gli mandava uomini e gli ricordava che doveva venire; ed egli diceva sempre che sarebbe venuto, ma non è mai andato.

Ora Otkell aveva due cavalli, di colore dun "Falbo", https://it.wikipedia.org/wiki/Falbo
con una striscia nera sul retro; erano i migliori destrieri da cavalcare in tutto il paese, e così affezionati l'uno all'altro, che ogni volta che uno andava prima, l'altro gli correva dietro.

C'era un Easterling che stava con Otkell, il cui nome era Audulf; aveva messo il cuore sulla figlia di Signy Otkell. Audulf era un uomo alto in crescita e forte.

 

 

CAPITOLO LIII.

COME OTKELL HA CAVALCATO SU GUNNAR.

Accadde la primavera successiva che Otkell disse che avrebbero cavalcato verso est fino a Dale, per fare una visita a Runolf, e tutti si sono mostrati molto contenti di questo. Skamkell e i suoi due fratelli, Audulf e altri tre uomini, si unirono a Otkell. Otkell cavalcò uno dei cavalli dun, ma l'altro correva al suo fianco.
Hanno modellato il loro percorso verso est, verso Markfleet: e ora Otkell galoppava avanti e ora i cavalli gareggiavano l'uno contro l'altro, e si staccarono dal sentiero verso la Fleetlithe.
Ora, Otkell andava più veloce di quanto desiderasse, e accadde che Gunnar era uscito da casa da solo; e aveva un crivello in una mano, ma nell'altra un'ascia. Scese nel suo campo seminato e vi interrò il suo grano, e aveva steso il suo mantello di roba raffinata e la sua ascia giù al suo fianco, e così seminò il grano per un po'.
Ora, bisogna dire come Otkell cavalcava più veloce di quanto avrebbe voluto. Aveva speroni ai piedi, e così galoppò giù sul campo arato, e nessuno di loro vede l'altro; e proprio come Gunnar si alzò in piedi, Otkell cavalcò su di lui, e spinse uno degli speroni nell'orecchio di Gunnar, e gli diede un gran taglio, e sanguinò subito molto.
Poi arrivarono i compagni di Otkell.
"Potete vedere, tutti voi", disse Gunnar, "che tu hai versato il mio sangue, ed è indegno continuare così. Prima mi hai convocato, ma ora mi calpesti sotto i piedi e mi cavalchi sopra".
Skamkell disse: "Beh, non è stato peggio, padrone, ma tu non eri uno con meno collera al Thing, quando hai preso le tue decisioni e hai stretto il "bill".
Gunnar disse: "Quando noi due ci incontreremo, vedrai il "bill". Dopo di che si separano così, e Skamkell gridò e disse: "Cavalcate forte, ragazzi!"

Gunnar tornò a casa e non disse mai una parola a nessuno di ciò che era accaduto, e nessuno pensava che questa ferita sarebbe potuta venire dall'uomo.
Accadde, però, un giorno, che lo disse a suo fratello Kolskegg, e Kolskegg disse:
"Questo lo dirai a più uomini, così non si possa dire che tu dai la colpa ai morti, perché così sarà detto, se i testimoni non sapranno in anticipo cosa prima è successo tra di voi".
Quindi Gunnar lo disse ai suoi vicini, e all'inizio ne si parlò poco.
Otkell venne verso est a Dale, e ricevettero un caloroso benvenuto, e si fermarono lì una settimana.
Skamkell raccontò a Runolf tutto sul loro incontro con Gunnar e su come era andata; e successe che un uomo chiese come si era comportato Gunnar.
"Perché", disse Skamkell, "se fosse stato un uomo di basso rango, si sarebbe detto che avesse pianto".
"Queste cose sono mal dette", disse Runolf, "e quando voi due vi incontrerete di nuovo, dovrete ammettere che non c'è voce di pianto nel suo stato d'animo; e sarà bene che gli uomini migliori non paghino per il tuo rancore. Ora mi sembra che sia meglio, quando vorrete tornare a casa, che io venga con voi, perché Gunnar non mi farà alcun male.
"Non lo permetterò", disse Otkell, "ma attraverserò il Markfleet più in basso".
Runolf diede dei buoni regali ad Otkell, e gli disse che non avrebbero più dovuto rivedersi.
Otkell lo pregò allora di badare ai suoi figli, se le cose fossero andate così.

 

 

CAPITOLO LIV.

LA LOTTA AL RANGRIVER.

Ora dobbiamo riprendere la storia, e dire che Gunnar era fuori di casa a Lithend, e vide il suo pastore al galoppo fino al cortile.
Il pastore entrò dritto nel recinto e Gunnar chiese: "Perché cavalchi così duramente?"
"Sarò sincero con te", disse l'uomo; "Ho visto uomini che scendevano lungo Markfleet, otto in tutto e quattro di loro erano in abiti vivaci".
Gunnar disse: "Deve essere Otkell".
Il ragazzo disse: "Ho sentito spesso molte parolacce di Skamkell; poiché Skamkell parlava lì a est al Dale e ha detto che tu avevi versato lacrime quando cavalcarono su di te; ma te lo dico perché non sopporto di ascoltare simili discorsi di uomini senza valore".
"Non dobbiamo stare male per le loro parole" affermò Gunnar, "ma da questo giorno in poi non farai nessun altro lavoro che quello che sceglierai per te stesso".
"Devo dire qualcosa di questo a Kolskegg tuo fratello?" chiese il pastore.
"Vai e dormi" disse Gunnar; "Lo dirò io a Kolskegg".
Il ragazzo si coricò e si addormentò subito, ma Gunnar prese il cavallo del pastore e gli mise la sella; prese lo scudo e si cinse con la spada, dono di Oliver; si mise l'elmo in testa; prese il suo "bill" e cantò forte qualcosa in esso, e sua madre, Rannveig, lo sentì. Andò da lui e gli disse: "Ora sei adirato, figlio mio, e non ti ho mai visto così prima d'ora".
Gunnar uscì spingendo l'estremità della sua lancia sulla terra, si gettò sulla sella e si allontanò.
Sua madre, Rannveig, andò in salotto, dove si udiva un gran rumore di parole.
"Voi parlate rumorosamente", disse, "ma la spada ha dato un suono più forte quando Gunnar è uscito".
Kolskegg sentì quello che aveva detto e disse: "Questa non è una piccola notizia".
"Va bene, " disse Hallgerda, "ora proveranno presto se si allontana da loro piangendo".
Kolskegg prese le sue armi e cercò un cavallo, e corse dietro a Gunnar il più velocemente possibile.
Gunnar cavalcò attraversò Acretongue, e così fino a Geilastofna, e quindi a Rangriver, e scese lungo il torrente fino al guado di Hof.
Lì c'erano alcune donne alla postazione di mungitura.
Gunnar saltò giù da cavallo e lo legò. A questo punto gli altri stavano salendo verso di lui; c'erano pietre piatte coperte di fango lungo il sentiero che conduceva al guado.
Gunnar chiamò loro e disse: "Ora è il momento di proteggervi; qui ora c'è il bill (l'alabarda), e qui ora metterete alla prova se ho versato una lacrima per tutti voi".
Quindi saltarono tutti dalla parte posteriore dei cavalli e si diressero verso Gunnar. Hallbjorn era il primo,
"Non venire avanti", disse Gunnar, " per ultimo di tutti ti farei del male, ma non risparmierò nessuno se dovrò combattere per la mia vita".
"Ciò che non posso fare", disse Hallbjorn; "Tu cercherai di uccidere mio fratello per tutto questo, ed è un disonore se mi siedo in disparte". E mentre diceva questo, egli si gettò su Gunnar con una grande lancia che teneva in entrambe le mani.
Gunnar lanciò il suo scudo prima del colpo, ma Hallbjorn trapassò lo scudo. Gunnar spinse giù lo scudo così forte che si fermò fisso sulla terra*,

* Questo dimostra che gli scudi erano oblunghi, che scendevano fino a un certo punto.
"Kite" https://en.wikipedia.org/wiki/Kite_shield

e brandì la sua spada così rapidamente che nessun occhio poté seguirla, e fece un colpo con la spada, e cadde sul braccio di Hallbjorn sopra il polso, in modo che lo tagliò via.
Skamkell corse dietro la schiena di Gunnar e fece per dare un colpo con una grande ascia. Gunnar si girò di scatto verso di lui, parò il colpo con il suo "bill" e afferrò l'ascia sotto una delle sue corna con uno strappo tale che volò via dalla mano di Skamkell nel fiume.
Quindi Gunnar cantò una canzone.

"Una volta chiedesti, sciocco compagno,
Di quest'uomo, questo corridore di cavalluccio marino (una mitica creatura con testa di cavallo e coda di pesce).
Quando è più veloce quanto i piedi possono camminare
Prima di fuggire dalla mia fattoria,
Se questo è stato giustamente convocato?
Ora con il sangue la lancia che abbiamo arrossato,
Impaziente di combattere e vendicarci
Così su di te, vile fonte di conflitto ".

"Ti ricordi il giorno in cui hai chiesto a un altro, un coraggioso corriere, fuggendo ad alta velocità lontano dal mio dominio, se la citazione fosse stata ben fatta?" Qui stiamo arrossendo le nostre spade con il nostro sangue. È così che ci vendichiamo, con rabbia, per le tue citazioni legali".

Gunnar diede un'altra stoccata con il suo "bill" e attraversò Skamkell lo sollevò e lo gettò giù di testa nel sentiero fangoso.
Audulf the Easterling prese su una lancia e la lanciò a Gunnar. Gunnar afferrò la lancia con la mano in aria, e la scagliò subito indietro, ed essa volò attraverso lo scudo e anche attraverso Easterling, e così giù nella terra.
Otkell attaccò Gunnar con la sua spada, e puntò alla sua gamba appena sotto il ginocchio ma Gunnar balzò in aria ed egli lo mancò. Quindi Gunnar lo colpì con il "bill" e il colpo lo attraversò.
Poi arrivò Kolskegg, si precipitò subito su Hallkell e gli inflisse il colpo mortale con la sua spada corta. Lì per lì uccisero otto uomini.
Una donna che vide tutto questo, corse a casa e lo disse a Mord, e lo pregò di separarli.
"Solo loro saranno lì", disse, " dei quali non m'importa se si uccidono a vicenda".
"Non puoi voler dire questo", disse, "per il tuo parente Gunnar, e il tuo amico Otkell".
" Che fardello che sei" disse "tu stai sempre a chiacchierare" e così rimase dentro mentre combattevano.
Gunnar e Kolskegg tornarono a casa dopo questo lavoro, e cavalcarono senza sosta lungo la riva del fiume, e Gunnar saltò giù da cavallo e scese in piedi.
Poi Kolskegg disse: "Duramente ora cavalchi, fratello".
"Sì, " disse Gunnar, " questo era ciò che Skamkell disse quando pronunciò quelle stesse parole quando cavalcarono su di me".
"Bene! Hai vendicato ciò ora", disse Kolskegg.
"Vorrei sapere", disse Gunnar, "se sono tanto meno vivace e audace rispetto agli altri uomini, perché trovo più difficile di qualsiasi altro decidermi a uccidere le persone".

 

CAPITOLO LV.

IL CONSIGLIO DI NJAL A GUNNAR.

Ora queste notizie furono ascoltate in lungo e in largo, e molti dissero che avevano pensato che esse non fossero accadute prima fosse prevedibile.
Gunnar andò a Bergthorsknoll e raccontò a Njal di queste gesta.
"Come andrà ora d'ora in poi?" chiese Gunnar.
Njal disse: "Tu hai fatto grandi cose, ma sei stato duramente provato".
"Vuoi che ti dica ciò che non è ancora successo?", chiese Njal. "Cavalcherai fino al Thing, e ti atterrai al mio consiglio e otterrai il più grande onore da questa faccenda. Questo sarà l'inizio dei tuoi omicidi".
"Ma dammi qualche consiglio astuto", disse Gunnar.
"Lo farò", disse Njal, "non uccidere mai più di un uomo nella stessa stirpe, e non rompere mai la pace che uomini buoni e veri fanno tra te e gli altri, e soprattutto in una questione come questa".
Gunnar disse: "Avrei dovuto pensare che ci fosse un rischio maggiore con gli altri che con me".

"Sembra sufficiente", disse Njal "ma ancora penserai ai tuoi litigi, perché se ciò dovesse accadere, di cui io ti ho avvertito, allora non avrai che un po' di tempo per vivere; diversamente, diventerai vecchio".

Gunnar disse: "Sai quale sarà la tua morte?"
"Lo so", disse Njal.
"Quale?" chiese Gunnar.
"Quella", disse Njal, "che tutti sarebbero gli ultimi a pensare".
Dopodiché Gunnar tornò a casa.

Un uomo fu mandato da Gizur il bianco e Geir il sacerdote, poiché avevano la faida dopo Otkell.
Poi s'incontrarono e parlarono di quello che doveva essere fatto, e pensarono che la lite dovesse essere seguita dalla legge.
Quindi fu cercato qualcuno che avrebbe preso la causa, ma nessuno era pronto a farlo.

"Mi sembra, " disse Gizur, "che ora ci siano solo due percorsi, che uno di noi due intraprenda la causa, e allora dovremo disegnare a sorte chi sarà, altrimenti l'uomo sarà inespiato. Potremmo anche concordare, che questa sarà una causa pesante da toccare; Gunnar ha molti parenti ed è molto amato; ma quello di noi che non parteggia al sorteggio, deve cavalcare al Thing e non lo lascerà mai fino alla fine della causa".
Dopo di che hanno estratto a sorte, e Geir il prete estrasse a sorte per prendere la causa.

Poco dopo, cavalcarono da occidente oltre il fiume, e giunsero nel luogo, dove l'incontro era stato fatto a Rangriver, disseppellirono i corpi e presero testimonianza delle ferite. Dopo di che diedero il preavviso legale e convocarono nove vicini per testimoniare nella causa.

Fu detto loro che Gunnar era a casa con una trentina di uomini; poi il sacerdote Geir chiese se Gizur sarebbe andato contro di lui con cento uomini.

"Non lo farò", disse, "anche se l'equilibrio di forze è ottimo dalla nostra parte".
Dopo di che tornarono a casa. La notizia che la causa era stata messa in piedi era diffusa in tutto il cantone e si diceva che il Thing sarebbe stato molto rumoroso e burrascoso.

 

 

CAPITOLO LVI.

GUNNAR E GEIR IL SACERDOTE SI SFORZANO AL THING.

C'era un uomo di nome Skapti. Era il figlio di Thorod.*

* La madre di Thorod era Thorvor, era figlia del figlio di Thormod Skapti, figlio di Oleif the Broad, figlio di Oliver bairncarle.

Quel padre e quel figlio erano grandi capi e molto bravi nella legge.
Si diceva che Thorod fosse piuttosto furbo e astuto.
Erano al fianco di Gizur il bianco in ogni disputa.
Quanto ai Lithemen e agli abitanti di Rangriver, arrivarono in un gran numero al Thing. Gunnar era così amato che tutti dicevano con una sola voce che lo avrebbero sostenuto.
Ora arrivarono tutti al Thing e sistemarono le loro capanne. In compagnia con Gizur il bianco c'erano questi capi: il figlio di Skapti Thorod, il figlio di Asgrim Ellidagrim, Oddi di Kidberg e il figlio di Halldor Ornolf.
Ora un giorno gli uomini andarono alla collina delle leggi, e Geir, il sacerdote, si alzò e annunciò che stava intendendo una causa per omicidio colposo contro Gunnar per l'omicidio di Otkell. Un'altra causa di omicidio colposo intentò contro Gunnar per l'uccisione di Hallbjorn il bianco; poi continuò nello stesso modo dell'uccisione di Audulf, e anche dell'uccisione di Skamkell. Allora anche ha disposto una causa per omicidio colposo contro Kolskegg per l'uccisione di Hallkell.

E quando ebbe dato il dovuto annuncio di tutte le sue cause di omicidio colposo, si disse che parlasse bene.
Egli chiese, anche, in quale tribunale di quartiere si trovassero le cause e in quale casa del distretto abitassero gli imputati.
Dopo che gli uomini se ne andarono dalla Collina delle Leggi, e così il Thing andò avanti fino al giorno in cui la corte doveva essere impostata per provare le cause. Quindi entrambe le parti riunirono i loro uomini con grande vigore.
Il sacerdote Geir e Gizur il bianco stavano alla corte degli uomini di Eangriver sul lato guardando a nord, e Gunnar e Njal stavano guardando a sud verso la corte.
Il sacerdote Geir ordinò a Gunnar di ascoltare il suo giuramento, quindi fece il giuramento, e in seguito espose la causa.
Quindi lasciò che gli uomini testimoniassero gli estremi dati dalla causa; poi invitò i vicini che dovevano formare l'istruttoria a prendere posto; poi invitò Gunnar a contestare l'inchiesta; e poi ha invitato l'inchiesta a pronunciare la sua conclusione.
Allora i vicini che furono convocati durante l'inchiesta andarono alla corte e presero testimonianza, e dissero che c'era un impedimento nella loro ricerca nella causa dell'uccisione di Audulfs, perché il parente più prossimo che doveva seguirla era in Norvegia, e quindi non avevano nulla a che fare con quella causa.
Dopo di che hanno dichiarato il loro verdetto nella causa su Otkell, e intentarono Gunnar come veramente colpevole di averlo ucciso.
Allora Geir il prete chiamò Gunnar per la sua difesa, e prese testimonianza di tutti i passaggi nella causa che erano stati dimostrati.
Poi Gunnar, a sua volta, chiese al sacerdote Geir di ascoltare il suo giuramento e la difesa che stava per portare avanti nella causa. Allora fece il giuramento e disse—
"Questa difesa che faccio per questa causa, che ho testimoniato e messo fuorilegge Otkell davanti ai miei vicini per quella ferita sanguinante che ho avuto quando Otkell mi ha ferito con il suo sperone;
Ma a te, Geir il sacerdote, proibisco con una protesta legittima fatta davanti a un sacerdote di perseguire questa causa, e così anch'io proibisco ai giudici di ascoltarla; e con questo faccio decadere tutti i passi finora compiuti in questa causa nulla e senza alcun effetto".
Ti proibisco con una protesta legittima, una protesta piena, giusta e vincolante, poiché ho il diritto di proibirti per la consuetudine del Thing e per la legge del paese".
"Inoltre, ti dirò qualcos'altro che intendo fare", disse Gunnar.
"Cosa!" Disse Geir, " vuoi sfidarmi sull'isola come vuoi, e non ti sottometti alla legge?"
"Non quello, " disse Gunnar, "ti chiamerò alla Collina delle Leggi per il fatto che hai chiamato quegli uomini sull'inchiesta che non avevano il diritto di occuparsi dell'uccisione di Audulfs, e ti dichiarerò per questo colpevole di fuori-legge".
Allora Njal disse: "Le cose non devono prendere questa piega, perché l'unico fine sarà che questo conflitto sarà portato all'estremo. Ognuno di voi, come mi sembra, ha molto dalla sua parte. Ci sono alcuni di questi omicidi, Gunnar, di cui non puoi dire nulla per impedire alla corte di dichiararti colpevole; ma hai intentato una causa contro Geir, in cui anche lui deve essere ritenuto colpevole.
Anche tu, sacerdote Geir, saprai che questa causa di fuori-legge che ti sovrasta non cadrà a terra se non ascolterai le mie parole".
Thorod il sacerdote disse: "Ci sembra che il modo più pacifico sarebbe quello di giungere a un accordo e a un'espiazione. Ma perché dici così poco, Gizur il bianco?"
"Mi sembra" disse Gizur, "come se avessimo bisogno di avere forti sostegni per la nostra causa; possiamo anche vedere che gli amici di Gunnar gli stanno vicino, e quindi la svolta migliore per noi che le cose possono portare sarà che uomini buoni e veri dovrebbero pronunciare un premio sulla causa, se Gunnar lo vuole ".
"Io non sono mai stato disposto ad aggravare le cose", disse Gunnar, "e inoltre, avete molto sbagliato nel perseguire, ma penso comunque di essere stato costretto a fare quello che ho fatto".
E ora la conclusione di quelle cause fu, secondo il consiglio degli uomini più saggi, che tutte le cause furono sottoposte ad arbitrato; sei uomini dovevano fare una causa, e fu pronunciato lì e poi al Thing.
L'aggiudicazione fu che Skamkell non doveva essere espiato. Il prezzo di sangue per Otkell doveva essere compensato pari alla ferita che Gunnar ebbe dallo sperone; e per quanto riguarda il resto degli omicidi, furono pagati per il valore degli uomini, e i parenti di Gunnar diedero i soldi in modo che tutte le multe potessero essere pagate al Thing.
Quindi Geir il Sacerdote e Gizur il bianco salirono e diedero a Gunnar l'impegno a mantenere la pace in buona fede.
Gunnar tornò a casa dal Thing e ringraziò gli uomini per il loro aiuto, diede doni a molti e ottenne il più grande onore da questa causa.
Ora Gunnar siede a casa con il proprio onore.

 

 

CAPITOLO LVII.

DI STARKAD E DEI SUOI FIGLI.

Theiie era un uomo di nome Starkad; era un figlio di Bork il waxytoothed-blade, il figlio di Thorkell piede torto, che prese il terreno intorno a Threecorner come primo colono. Sua moglie si chiamava Hallbera. * I figli di Starkad e Hallbera erano questi: Thorgeir, Bork e Thorkell. Hildigunna la sanguisuga era la loro sorella.

* Era la figlia di Hroald il rosso, e con il titolo di figlia di Hildigunna Thorstein. La madre di Hildigunna era la figlia di And Eyvind Karfs, sorella di Modolf, la saggia Mosfell, da cui sono nati i Modellings.

Erano uomini molto orgogliosi di carattere, duri di cuore e scortesi. Trattavano gli uomini ingiustamente.

C'era un uomo di nome Egil; era un figlio di Kol, che prese terra come colono tra Storlek e Reydwater. Il fratello di Egil era Aunund di Witchwood, padre di Hall il forte, che prese parte all'omicidio di Holt-Thorir con i figli di Kettle the smooth-tongued.
Egil teneva la casa a Sandgil; i suoi figli erano questi: Kol, Ottar e Hauk. La madre si chiamava Steinvor; era la sorella di Starkad.
I figli di Egil erano alti e combattivi; erano uomini molto malvagi. Erano sempre dalla parte dei figli di Starkad. La loro sorella era Gudruna nightsun ed era la più bella e aggraziata delle donne.

Egil aveva portato a casa sua due Easterling (nativi dall'est); si chiamavano Thorir e l'altro Thorgrim.
Non erano usciti a lungo qui per la prima volta ed erano ricchi e amati dai loro amici; erano anche abili nelle armi e intrepidi in tutto. Non erano ancora usciti da tempo per la prima volta, ed erano ricchi e amati dai loro amici; erano anche abili nelle armi e intrepidi in tutto.

Starkad aveva un buon cavallo di color chesnut (castagna), e pensava che nessun cavallo fosse alla sua altezza in combattimento.
Una volta accadde che questi fratelli di Sandgil fossero via sotto il Threecorner. Loro facevano molti pettegolezzi su tutti i capifamiglia della Fleetlithe, e alla fine hanno cominciato a chiedere se c'era qualcuno volesse combattere con il cavallo contro il loro.
Ma c'erano alcuni uomini là che parlavano per adularli e onorarli, che non solo non c'era nessuno che avrebbe osato farlo, ma che non c'era nessuno che aveva un tale cavallo.
Allora Hildigunna rispose: "Conosco quell'uomo che oserà far combattere un cavallo contro il vostro".
"Chiamalo", dissero.
"Gunnar ha un cavallo marrone", disse, "e oserà combattere il suo cavallo contro di te e contro chiunque altro".
"Quanto a voi donne" dissero, "pensate che nessuno possa essere all'altezza di Gunnar; ma sebbene Geir il Sacerdote o Gizur il bianco siano usciti con vergogna da prima di lui, non è ancora deciso che andrà allo stesso modo".

"Vi succederà di peggio", dissero; e così nacque da ciò il più grande conflitto tra loro. Quindi Starkad disse:
"La mia volontà è che mettiate le vostre mani su Gunnar per ultimo, perché troverete un duro lavoro andare contro la sua buona sorte".
"Ci lascerai, però, offrirgli un combattimento di cavalli?"
"Vi lascerò il permesso, se non gli fate scherzi".
Dissero che sarebbero stati sicuri di fare ciò che diceva il padre.
Ora cavalcarono a Lithend; Gunnar era a casa, e uscì fuori, e Kolskegg e Hjort andarono con lui, e diedero loro un caloroso benvenuto e chiesero, dove intendevano andare?
"Non più lontano di qui", dissero. "Ci è stato detto che hai un buon cavallo e desideriamo sfidarti a un combattimento di cavalli".
"Piccole storie possono riguardare il mio cavallo", disse Gunnar, "E' giovane e inesperto sotto ogni punto di vista".

"Ma ancora sarà comunque abbastanza bravo a combattere, perché Hildigunna ha immaginato che ti sarebbe stato facile coordinare il tuo cavallo".
"Come siete venuti a parlarne?" disse Gunnar.
"C'erano alcuni uomini", dissero, "che erano sicuri che nessuno avrebbe osato far combattere il proprio cavallo con il nostro".
"Oserei combatterlo" disse Gunnar; "ma penso che sia stato detto con dispetto".
"Dovremmo considerare l'incontro come fatto, allora?" chiesero.
"Beh, il vostro viaggio vi sembrerà proficuo se siete venuti per questo, ma chiederò ancora questo a voi, che combattiamo così tanto i nostri cavalli da farci gioco l'un per l'altro, ma che da esso non possa sorgere alcuna lite, e che non mettiate nessuna offesa su di me; ma se fate a me come fate agli altri, allora non ci sarà alcun aiuto per questo, ma vi darò un colpo tale che vi sembrerà difficile sopportarlo. In una parola, allora farò come fate voi per primi".

Quindi tornano a casa. Starkad chiese com'era andato il loro viaggio; loro risposero che Gunnar l'aveva poi fatto andare bene.
"Ha dato la sua parola per combattere il suo cavallo, e abbiamo deciso quando e dove dovrebbe essere il combattimento di cavalli;
ma era evidente in tutto ciò che pensava di non essere all'altezza di noi, e ci ha chiesto e pregato di lasciar perdere ".

"Spesso si troverà", afferma Hildigunna, "che Gunnar è lento a essere trascinato in liti, ma un duro battitore se non può evitarli".
Gunnar cavalcò a vedere Njal, e gli disse della lotta dei cavalli, e di quali parole fossero passate tra loro, "ma come pensi che la lotta dei cavalli finirà?"
"Tu sarai predominante", disse Njal, " ma da questo combattimento sorgerà la rovina di molti uomini". "La mia rovina forse uscirà da esso?" chiese Gunnar. "Non per questo", disse Njal; "ma essi terranno ancora in mente sia la vecchia sia la nuova faida sia hanno contro di te, e tu non ti rimarrà che cedere".

Quindi Gunnar tornò a casa.

 

 

CAPITOLO LVIII.

COME HA COMBATTUTO IL CAVALLO DI GUNNAR.

Nel frattempo Gunnar venne a sapere della morte di suo suocero Hauskuld; poche notti dopo, Thorgerda, la moglie di Thrain, partorì a Gritwater e diede alla luce un bambino. Quindi mandò un uomo da sua madre e le chiese di scegliere se dovesse essere chiamato Glum o Hauskuld. Ella disse che lo avrebbe chiamato Hauskuld. Quindi quel nome fu dato al bimbo.

Gunnar e Hallgerda avevano due figli, uno si chiamava Hogni e l'altro Grani. Hogni era un uomo coraggioso di poche parole, diffidente e lento a comprendere, ma sincero.

Ora gli uomini cavalcarono per la lotta di cavalli e lì si radunò una folla molto grande.
Gunnar era lì con i suoi fratelli e i figli di Sigfus. Njal e tutti i suoi figli.
Anche lì arrivarono anche Starkad e i suoi figli, Egil e i suoi figli, e dissero a Gunnar che ora avrebbero portato insieme i cavalli.
Gunnar disse: "Molto bene".
Skarphedinn disse: "Vuoi che guidi il tuo cavallo, parente Gunnar?"
"Non intendo farlo", disse Gunnar.
"Non sarebbe sbagliato, " disse Skarphedinn; "siamo testardi da entrambi i lati".
"Basterebbe dire o fare poco o nulla", disse Gunnar, "prima che sorga una lite; ma con me ci vorrà più tempo, anche se alla fine sarà lo stesso".
Successivamente i cavalli furono condotti insieme; Gunnar si spinse a guidare il cavallo Ilis, e Skarphedinn lo condusse fuori.
Gunnar indossava un kirtle (gonna) rosso e aveva intorno ai fianchi un'ampia cintura e una grande canna da equitazione in mano.
Poi i cavalli corsero l'uno contro l'altro e si morsero a lungo, così che non c'era bisogno che nessuno li spronasse, e questo era lo sport più grande.
Poi Thorgeir e Kol presero una decisione di incitare il loro cavallo in avanti, proprio mentre i cavalli si avventavano insieme e vedere se Gunnar sarebbe caduto davanti a loro.
Ora i cavalli correvano di nuovo l'uno contro l'altro e sia Thorgeir sia Kol correvano lungo il fianco del loro cavallo.
Gunnar spinse il cavallo contro di loro, e ciò che è accaduto in un batter d'occhio è stato questo, che Thorgeir e suo fratello sono caduti a terra sulla loro schiena e il loro cavallo sopra di loro.
Quindi balzarono su e si avventarono contro Gunnar.
Gunnar si mosse solo col fianco e afferrò Kol, e lo lanciò sul campo così che giacque privo di conoscenza.
Il figlio di Thorgeir Starkad, colpì il cavallo di Gunnar in modo tale che uno dei suoi occhi schizzo via.
Gunnar colpì Thorgeir con la sua asta da equitazione e cadde giù Thorgeir privo di sensi; ma Gunnar andò presso il suo cavallo, e disse a Kolskegg: "Taglia la testa al cavallo; non vivrà una bestia mutilata e imperfetta".
Quindi Kolskegg tagliò la testa dal cavallo.
Quindi Thorgeir si alzò in piedi e prese le sue armi e voleva volare a Gunnar, ma fu fermato, e ci fu una grande ressa e calca.
Skarphedinn disse: "Questa mischia mi disgusta, è molto più virile che gli uomini combattano con le armi; e così cantò una canzone, ".

"Al Thing c'è una folla;
Oltre ogni limite arriva l'affollamento;
Sarà duro rattoppare la pace
Tra gli uomini: questo mi stanca;
E' di gran lunga degno per gli uomini
Armi rosse con sangue da macchiare;
Io per primo domerei prima
La fame enorme di cuccioli di lupo".

Gunnar era tranquillo, così che un uomo bastò a tenerlo, e non disse parolacce.
Njal cercò di stabilire un accordo o di ottenere promesse di pace; ma Thorgeir disse che non avrebbe né dato né preso la pace; anzi, disse, avrebbe visto Gunnar morto per il colpo (ricevuto).

Kolskegg disse, "Gunnar è stato prima d'ora anche troppo forte, di quello che sarebbe dovuto cadere solo per le parole, e così sarà di nuovo".

Ora gli uomini si allontanarono dal campo dei cavalli, ognuno a casa sua. Non attaccarono Gunnar, e così è passato il semestre. Al Thing, l'estate dopo, Gunnar incontrò Olaf il pavone, suo cugino, che gli chiese di andare a trovarlo, ma gli disse di stare attento a se stesso. "Perché", disse, "ti faranno tutto il male che possono, e di badare a viaggiare sempre con molti uomini di sostegno".

Gli diede molti buoni consigli, e concordarono sul fatto che tra loro ci sarebbe stata la più grande amicizia.

 

 

CAPITOLO LIX.

DEL FIGLIO DI ASGRIM E WOLF UGGIS.

Il figlio di Asgrim Ellidagrim, aveva una causa da seguire al Thing contro il figlio di Wolf Uggis. Era una questione di eredità. Asgrim la prese in un modo che raramente era solito fare; perché c'era un ostacolo nella sua causa, e l'ostacolo era questo, che aveva convocato cinque testimoni per testimoniare, quando avrebbe dovuto convocare nove. E ora avevano questo come loro impedimento.

Allora Gunnar parlò e disse: "Ti sfiderò a un singolo combattimento sull'isola, figlio di Wolf Uggis, se gli uomini non dovessero ottenere i loro diritti per legge; e Njal e il mio amico Helgi vorrebbero che prendessi parte alla difesa della tua causa, Asgrim, se non fossero qui loro stessi".

"Ma", disse Wolf, "questa disputa non è tra te e me".
"Eppure sarà valido come se lo fosse", disse Gunnar.
E la fine della causa fu che Wolf dovette pagare tutti i soldi.

Allora Asgrim disse a Gunnar: "Ti chiederò di venire a trovarmi quest'estate, ed io sarò sempre con te nelle cause legali, e mai contro di te".

Gunnar tornò a casa dal Thing, e poco tempo dopo, lui e Njal s'incontrano. Njal ha chiesto a Gunnar di preoccuparsi di se stesso, e gli riferì che gli era stato detto che quelli lontani sotto il Threecorner intendevano abbattersi su di lui, e aggiunse di non andare mai in giro con una piccola compagnia, e di avere sempre le sue armi con sé.

Gunnar gli rispose che così avrebbe fatto, e gli disse che Asgrim lo aveva invitato a casa sua, "e intendo andare ora a questo raccolto" (festa del raccolto- autunno).
"Non far conoscere a nessuno prima di quanto tempo rimarrai via" disse Njal; "ma, inoltre, ti prego di lasciare che i miei figli viaggino con te, e quindi non ti sarà fatto alcun attacco".
Così decisero questo tra di loro.
Ora l'estate si stava consumando fino a otto settimane prima dell'inverno, e allora Gunnar disse a Kolskegg "Preparati a cavalcare, perché andremo a un banchetto a Tongue".
"Dobbiamo dire qualcosa a riguardo ai figli di Njal ?" disse Kolskegg.
"No", rispose Gunnar; "non cadranno in nessuna lite per causa mia".

 

 

CAPITOLO LX.

UN ATTACCO CONCORDATO CONTRO GUNNAR.

Loro tre cavalcarono insieme Gunnar e i suoi fratelli.
Gunnar aveva il suo bill e la spada, il dono di Oliver; ma Kolskegg aveva la sua spada corta; Anche Hjort aveva armi opportune.

Quindi cavalcarono verso Tongue, e Asgrim diede loro un caloroso benvenuto, e rimasero lì per un po'. Alla fine gli hanno detto che intendevano andare a casa di lì a poco. Asgrim fece loro dei buoni regali, e si offrì di cavalcare verso est con loro, ma Gunnar disse che non c'era bisogno di nulla di simile; e così non andò.

Sigurd Swinehead era il nome di un uomo che abitava sulla costa di Thurso. Venne alla fattoria sotto il Threecorner, poiché aveva dato la sua parola per tenere d'occhio le azioni di Gunnar, e così andò e disse loro del suo viaggio verso casa; "e", disse, "non potrebbe mai esserci una possibilità migliore di adesso, quando ha solo due uomini con sé".

"Quanti uomini dovremo avere per stare in attesa di lui ?" chiese Starkad.
"Gli uomini deboli saranno come niente davanti a lui", disse; "e non è sicuro avere meno di trenta uomini".
"Dove dobbiamo aspettare?"
"Presso Knafaholes", disse; "lì non ci vedrà prima che ci venga addosso".
"Vai da Sandgil e dì a Egil che quindici di loro devono darsi da fare, e ora altri quindici andranno da qui a Knafaholes".
Thorgeir disse a Hildigunna: "Questa mano ti mostrerà Gunnar morto questa notte stessa".
"O meglio, credo, " disse lui, "che tu appenderai la sua testa dopo che voi due vi sarete affrontati".
Così quei quattro, padre e figli, si allontanarono dal Threecorner con oltre undici uomini, e si recarono a Knafaholes, e rimasero lì ad aspettare.
Sigurd Swinehead arrivò da Sandgil e disse: "Sono stato mandato da Starkad e dai suoi figli per dirti, Egil, che tu, tuo padre e i tuoi figli, dovete andare a Knafaholes per aspettare Gunnar".
"Quanti ne dovremmo mandare in tutto ?" chiese Egil.
"Quindici, secondo me", rispose.
Kol disse: "Ora intendo cimentarmi con Kolskegg".
"Allora penso che tu abbia intenzione di avere l'occasione buona nelle tue mani "disse Sigurd.
Egil pregò i suoi Easterling (servitori) di andare con lui. Loro dissero che non avevano niente contro Gunnar; "e inoltre", disse Thorir, "sembra che tu abbia bisogno di molto aiuto qui, quando una folla di uomini andrà contro tre uomini".
Quindi Egil se ne andò ed era adirato.

Allora la padrona di casa disse all'Easterling — "In un'ora malvagia mia figlia Gudruna si è umiliata, e spezzò il suo orgoglio di fanciulla, e si stese al tuo fianco come tua moglie; quando non oserai seguire tuo suocero, tu devi essere un codardo ", disse.
"Vado", disse, "con tuo marito, e nessuno dei due tornerà".
Dopodiché andò da Thorgrim, suo compagno, e disse:
"Prendi ora le chiavi delle mie casse, perché non le aprirò mai più. Ti offro di prendere per te qualunque cosa vuoi dei nostri beni; ma vai via dall'Islanda e non pensare alla vendetta per me. Ma se non lasci la terra, sarà la tua morte".
Così l'Easterling si unì alla banda.

 

 

CAPITOLO LXI.

Il SOGNO DI GUNNAR.

Ora dobbiamo tornare indietro e dire che mentre Gunnar cavalcava verso est a Thursowater, appena si fu allontanato un po' dal fiume, divenne sonnolento e sentì il bisogno di sdraiarsi e riposare lì.
Loro così fecero. Egli cadde velocemente addormentato, e si agitava molto mentre dormiva.
Quindi Kolskegg disse: "Gunnar sogna ora". Ma Hjort disse: "Vorrei svegliarlo".
"Che non debba essere" disse Kolskegg, egli sognerà il suo incubo ".
Gunnar rimase disteso molto a lungo, e gettò via lo scudo da lui, ed era molto accalorato. Kolskegg disse "Che cosa hai sognato fratello?"
"Che ho sognato", disse Gunnar, "che se avessi sognato ciò prima, non avrei mai cavalcato con così pochi uomini a Tongue".
"Raccontaci il tuo sogno", disse Kolskegg.
Quindi Gunnar cantò.

"Capo, i nemici più pericolosi in battaglia!
Ora temo di aver cavalcato
A corto di uomini a Tongue, a questo raccolto;
Il digiuno di Raven sicuramente io spezzerò.
Signore, che spargi the Ocean's fire! *
Questo, almeno, desidero tanto dire,
Il nibbio con il lupo combatterà per il midollo,
Ho sognato male con un pensiero errante".

* "Ocean's fire", una perifrasi per "oro". L'intera linea è una perifrasi per "capo generoso".

"Ho sognato, mi è parso, che stavo cavalcando da Knafaholes, e lì pensavo di aver visto molti lupi, e tutti realizzati contro di me; ma mi allontanai da loro dritto verso Rangriver, e poi pareva che essi pressavano forte su di me da tutte le parti, ma li ho tenuti a bada, e colpii tutti quelli che erano più avanti, finché non mi furono così vicini che non potei usare il mio arco contro di loro. Poi ho preso la mia spada, e ho colpito con essa con una mano, ma li ho attaccati con il mio bill con l'altra. Per proteggere me stesso (con lo scudo,) non l'ho fatto, e poi ho capito che non sapevo cosa mi proteggesse. Poi ho ucciso molti lupi, e anche tu, Kolskegg; ma Hjort ho pensato che avrebbero abbattuto, e lacerarono il petto, e uno pensai aveva il cuore nelle sue fauci; ma io mi sono così infuriato che ho fatto a pezzi quel lupo sotto la punta di petto, e dopo mi è parso che i lupi si voltarono e fuggirono. Ora il mio consiglio è, fratello Hjort, di tornare a ovest verso Tongue".

"Non lo farò", disse Hjort. "anche se so che la mia morte è certa, io ti starò accanto".
Quindi cavalcarono e arrivarono a est da Knafaholes, e Kolskegg disse—
"Vedi fratello! Molte lance si alzano dai covi e uomini con le armi".
"Non mi prende di sorpresa", disse Gunnar, "così il mio sogno diventa realtà".
"Cosa è meglio fare ora? Disse Kolskegg: "Immagino che non scapperai da loro".
"Non avranno nulla da deridere" disse Gunnar, "ma continueremo a cavalcare fino all'altezza di Rangriver; c'è una posizione vantaggiosa lì".
Così cavalcarono verso il ness, e si approntarono lì, e mentre cavalcavano oltre di loro, Kol urlò e disse—
"Dove stai andando adesso, Gunnar?"
Ma Kolskegg rispose, " dì la stessa cosa più avanti quando questo giorno sarà giunto alla fine".

 

 

CAPITOLO LXII.

L'UCCISIONE DI HJORT E QUATTRO UOMINI.

Dopodiché Starkad incitò i suoi uomini, e quindi si rivoltarono contro di loro nel ness. Sigurd Swinehead arrivò per primo e aveva uno scudo rosso, ma nell'altra mano teneva un coltellaccio. (tipo machete).
Gunnar lo vide e gli lanciò una freccia con l'arco; egli sollevò lo scudo in alto quando vide la freccia volare alta, e l'asta passò attraverso lo scudo e nel suo occhio, e così uscì dalla nuca, e quello fu il primo uomo ucciso.
Una seconda freccia lanciata da Gunnar colpì Ulfhedinn, uno degli uomini di Starkad, e questa la colpì nel mezzo e cadde ai piedi di uno yeoman, (piccolo terriero), e lo yeoman su di lui.
Kolskegg scagliò una pietra e colpì lo yeoman in testa, e quello fu il suo colpo di morte.
Quindi Starkad disse: non corrisponde al nostro fine, che doveva usare il suo arco, ma andiamo avanti adesso con fermezza. Quindi si eccitavano a vicenda per andare avanti, e Gunnar si è difeso con arco e frecce il più a lungo possibile; dopo di che lo buttò giù, e poi prese il suo bill, la spada e li strinse in ciascuna mano.
Quindi il figlio di Thorgeir Starkad disse: "Ho promesso di portare a Hildigunna la tua testa, Gunnar".

Allora Gunnar cantò una canzone—

"Tu, qual nevischio di battaglia porti,
Raramente io penso tu dica la verità;
Lei, la ragazza con i bracciali d'oro,
non può preoccuparsi di un tale dono;
Ma, O predatori del tesoro del serpente!
Se la donna deve avere la mia testa ...
Donna il cui polso avvolto dal Rhine's * fire,
Più vicino vieni allo schianto della lancia".

* Rhine's fire,- Il fuoco del Reno", una perifrasi per l'oro.

Ella penserà che non valga la pena avere così tanto". disse Gunnar; "Ma ancora per ottenerlo dovrai avvicinarti!"

Thorgeir disse ai suoi fratelli—
"Corriamo tutti insieme su di lui, egli non ha scudo e noi avremo la sua vita nelle nostre mani".
Quindi Bork e Thorkel corsero entrambi avanti e furono più veloci di Thorgeir.
Bork cercò un colpo a Gunnar, e Gunnar lanciò il suo bill così forte che la spada volò via dalla sua mano; poi vide Thorkel in piedi dall'altra parte a colpo di spada. Gunnar stava in piedi con il suo corpo un po' oscillato su un lato, e fece una spazzata con la sua spada, e prese Thorkel sul collo, e via volò la sua testa.
Il figlio di Kol Egil disse: "Fammi arrivare a Kolskegg" e rivolgendosi a Kolskegg, disse: "Questo ho detto spesso, che noi due saremmo quasi pari in combattimento".
"Che presto potremo provare," disse Kolskegg.
Kol attaccò con la sua lancia; Kolskegg aveva appena ucciso un uomo e aveva le mani occupate, e quindi non poteva mettere il suo scudo prima del colpo, e la stoccata gli venne sulla sua coscia, all'esterno dell'arto e lo attraversò.
Kolskegg si girò di scatto, si avvicinò a lui e lo colpì con la sua spada corta sulla coscia, gli tagliò la gamba e disse: "Ti ha toccato o no?"
"Ora", disse Kol, "pago per essere scoperto dal mio scudo".
Quindi rimase un po' sulla sua altra gamba e guardò il moncone.
"Non devi scorgerlo", disse Kolskegg; "È proprio come vedi, la gamba è saltata".
Quindi Kol cadde morto.
Ma quando Egil, suo padre, vide questo, corse da Gunnar e cercò un fendente: Gunnar lo spinse con il bill e lo colpì nel mezzo, e lo innalzò con l'arma e lo lanciò nel Rangriver.
Quindi Starkad disse, "Disgraziato che tu sei davvero" Thorir Easterling, "Quando ti siedi da parte; ma il tuo padrone, e suocero Egil, viene ucciso".
Allora l'Easterling si alzò ed era molto arrabbiato. Hjort aveva cagionato la morte di due uomini, e L'Easterling balzò su di lui e lo colpì pieno sul petto. Quindi Hjort cadde morto sul posto.
Gunnar lo vide e si affrettò a colpire l'Easterling, e lo squarciò alla vita.
Poco dopo Gunnar lanciò il bill a Bork, e lo colpì nel mezzo, e l'ascia lo attraversò e si bloccò nel terreno.
Quindi Kolskegg tagliò la testa al figlio di Hauk Egil, e Gunnar tolse il braccio di Otter all'articolazione del gomito.
Allora Starkad disse–
Fuggiamo ora. Non abbiamo a che fare con uomini!"
Gunnar disse: "Voi due penserete che sia una storia triste se non avrete nulla da dimostrare che siete stati entrambi in battaglia".
Quindi Gunnar corse dietro Starkad e Thorgeir, e diede loro una ferita. Dopo ciò si separarono; e Gunnar e i suoi fratelli avevano poi ferito molti uomini che si erano allontanati dal campo, ma quattordici persero la vita e Hjort il quindicesimo.
Gunnar portò a casa Hjort, steso sul suo scudo, e fu sepolto in un tumulo lì. Molti uomini soffrirono per lui, perché aveva molti cari amici.
Anche Starkad tornò a casa, e Hildigunna bendò le sue ferite e quelle di Thorgeir e disse: Avresti dato molto per non essere caduto con Gunnar. "
"Così ci piacerebbe," disse Starkad.

 

 

CAPITOLO LXIII.

CONSIGLIO DI NJAL A GUNNAR.

Steinvor, a Sandgil, supplicò che Thorgrim l'Easterling prendesse in mano la cura dei suoi beni, e di non salpare dall'Islanda, e quindi tenere presente la morte del suo compagno e parente.
"Il mio camerata Thorir", disse, "che sarei caduto per mano di Gunnar se fossi rimasto qui nel land, e deve aver previsto ciò quando ha presagito la sua morte".
"Ti darò", disse, "Gudruna, la mia figlia a moglie, e tutti i miei beni nell'affare".
"Non sapevo", disse, "che tu volessi pagare un prezzo così alto; dopo di che fecero l'accordo che lui avrebbe avuto Gudruna, e la festa di nozze sarebbe stata l'estate successiva".

Ora Gunnar si recò a Bergthorsknoll e Kolskegg con lui. Njal era fuori casa con i suoi figli, andarono loro incontro e diedero un caloroso benvenuto. Dopo di che si sono messi a parlare, e Gunnar disse—
"Qui sono venuto a cercare un buon consiglio e un aiuto dalle tue mani ".
"Questo è un tuo diritto, " disse Njal.
"Sono caduto in un grande guaio, " disse Gunnar, "e ho ucciso molti uomini, e vorrei sapere cosa ne pensi della faccenda?"
"Molti diranno questo, " disse Njal, "che sei stato spinto a farlo molto contro la tua volontà", ma ora dammi il tempo di consultarmi con me stesso.
Quindi Njal se ne andò da solo, pensò a un piano e tornò e disse—
"Ora ho riflettuto un po' sulla questione, e mi sembra che questo deve essere portato avanti —se si fa tutto— con durezza e audacia. Thorgeir ha la mia parente Thorfinna con un bambino, e consegnerò a te la causa per seduzione. Un'altra causa d'illegalità contro Starkad ti consegno anche a te, per aver tagliato alberi nel mio bosco sul crinale dei Threecorner. Prendi entrambe queste cause. Andrai anche tu, nel luogo dove hai combattuto, e disseppellirai i morti, e testimonianza delle ferite, e dichiarerai tutti i morti fuorilegge, perché sono venuti contro di te con l'intento di dare a te e ai tuoi fratelli ferite o morte rapida. Ma se la causa è portata al Thing, e se è portata avanti contro di te, che per primo hai dato un colpo a Thorgeir, così non potrai neanche perorare la tua causa né quella degli altri, allora io risponderò in merito, e dirò che ti ho restituito i tuoi diritti al Thingskala-Thing, in modo che tu possa essere in grado di difendere la tua causa e quella degli altri, e allora ci sarà una risposta a quel punto. Andrai anche a vedere Tyrfing di Berianess ed egli deve consegnarti una causa contro Aunund di Witchwood, che ha la faida di sangue contro suo fratello Egil".
Quindi prima di tutto Gunnar tornò a casa; ma poche notti dopo i figli di Njal e Gunnar cavalcarono dove erano i corpi, e disseppellirono quelli che vi erano stati lì sepolti.
Quindi Gunnar li citò tutti come fuorilegge per aggressione e tradimento, e poi tornò a casa.

 

 

CAPITOLO LXIV.

DI VALGARD E MORD.

In quella stessa stagione del raccolto Valgard l'astuto venne fuori in Islanda, e andò a casa a Hof. Quindi Thorgeir andò a trovare Valgard e Mord, e chiese loro in quale difficoltà si dovessero trovare se a Gunnar fosse stato permesso di mettere al bando tutti quegli uomini che aveva ucciso.
Valgard disse che deve essere stato il consiglio di Njal, eppure non era ancora venuto fuori tutto ciò che avrebbe potuto insegnargli. Thorgeir chiese aiuto e sostegno a quei parenti, ma essi resistettero a lungo, e alla fine chiesero, e ricevettero una grande somma di denaro.

Anche questo faceva parte del loro piano, che Mord avrebbe dovuto chiedere di Thorkatla, la figlia di Gizur il bianco, e Thorgeir dovette cavalcare subito a ovest attraverso il fiume con Walgard e Mord.
Così il giorno dopo dodici di loro cavalcarono insieme e arrivarono a Mossfell. Lì furono ben accolti, e posero la domanda a Gizur sul corteggiamento, e la conclusione fu che l'accordo dovesse essere fatto e la festa di nozze doveva tenersi nello spazio di mezzo mese a Mossfell.
Tornano a casa, e dopo andarono al matrimonio, e ci fu una folla d'invitati che li attendevano, e andò tutto bene. Thorkatla tornò a casa con Mord e prese in mano il governo della casa ma Valgard andò di nuovo all'estero l'estate successiva.
Così Mord incitò Thorgeir per mettere in piedi la causa contro Gunnar, e Thorgeir andò a cercare Aunund; egli gli chiese ora di iniziare una causa per omicidio colposo per suo fratello Egil e i suoi figli; "ed io ne comincerò una per l'omicidio colposo dei miei fratelli e per le ferite su di me e di mio padre".
Egli rispose che era pronto a farlo, e quindi partirono, e diedero notizia dell'omicidio colposo, e convocarono nove vicini che abitavano più prossimi al luogo dove l'azione fu compiuta.
Questo inizio della causa si venne a sapere a Lithend; e perciò Gunnar corse a trovare Njal, glielo disse e chiese che cosa desidera che facessero dopo. "Ora", disse Njal, "dovrai convocare coloro che abitano vicino al luogo e i tuoi vicini; e chiama gli uomini a testimoniare davanti ai vicini, e scegli Kol come l'assassino nell'omicidio colposo di Hjort tuo fratello: poiché ciò è lecito e giusto; poi darai notizia della causa per omicidio colposo per mano di Kol, anche se lui è morto. Quindi chiamerai gli uomini a testimoniare, e chiamerai i vicini a cavalcare verso il Thing per rendere testimonianza del fatto, che essi, Kol e i suoi compagni erano sul posto, e nell'attacco quando Hjort fu ucciso. Convocherai anche Thorgeir per la causa della seduzione, e Aunund per la causa di Tyrfing".
Gumnar ora faceva tutto quelle che Njal gli consigliava. La gente pensò a uno strano inizio di cause, e ora queste cose accaddero prima del Thing.

Gunnar cavalcò verso il Thing, e i figli di Njal e i figli di Sigfus. Gunnar aveva inviato dei messaggeri ai suoi cugini e parenti, perché si dirigessero verso il Thing, e venire con quanti più uomini potevano, e disse loro che questa faccenda avrebbe portato a molte lotte. Quindi si riunirono in una grande banda dell'ovest.
Mord cavalcò al Thing e Runolf dal Dale, e quelli sotto i Threecorner, e Aunund di Witchwood. Ma quando arrivarono al Thing, loro si unirono in un'unica compagnia con Gizur il bianco e Geir il sacerdote.

 

 

CAPITOLO LXV.

DI MULTE E ESPIAZIONI.

Gunnar, e i figli di Sigfus, e i figli di Njal, confluirono tutti insieme in una grande banda, e marciarono così rapidamente e stretti che gli uomini che venivano a trovarsi sulla loro strada dovevano prestare attenzione perché loro non li travolgessero; e nulla è stato parlato così tanto in tutto il Thing come di queste grandi cause legali.
Gunnar andò a incontrare i suoi cugini e Olaf e i suoi uomini lo accolsero bene.
Chiesero a Gunnar della lotta, e lui raccontò tutto, e fu corretto in tutto ciò che riferì; disse anche quali passi aveva fatto da allora. Quindi Olaf disse: "E' evidente quanto Njal ti stia vicino in ogni consiglio". Gunnar rispose che non sarebbe stato mai in grado di ripagarlo, ma poi li pregò di aiutarlo, e loro dissero che questo gli era dovuto.
- Ora le cause entrambe le parti arrivarono davanti alla corte, e ciascuno dichiarò la sua causa.
Mord chiese—
"Com'era possibile che un uomo avesse il diritto di mettere in piedi una causa che, come Gunnar, si era già reso fuorilegge colpendo Thorgeir ?"
"Fosti tu" rispose Njal, "a Thingskala-Thing lo scorso autunno!"
"Sicuramente sono stato lì", disse Mord.
"Hai sentito, " chieseNjal, "come Gunnar gli offrì la piena espiazione; Allora io ho restituito a Gunnar il suo diritto di compiere tutte le azioni legali".
"Questa è legge giusta e buona", disse Mord, "ma come sta la questione se Gunnar ha posto l'uccisione di Hjort al casato di Kol, quando è stato l'Easterling che lo ha ucciso?"
"Era giusto e legale", disse Njal, "quando lo indicasti come l'assassino prima che i testimoni lo dimostrassero".
"Era legittimo e giusto, senza dubbio", disse Mord; "Ma per che cosa li ha citati Gunnar tutti come fuorilegge?"

E non c'è bisogno che tu me lo chieda, disse Njal, "Quando sono andati per infliggere ferite e omicidi".
"Sì", disse Mord, "ma nessuno dei due toccò Gunnar".
"I fratelli di Gunnar. " disse Njal, "Kolskegg e Hjort, erano lì, e uno di loro ha avuto la sua morte e l'altro una ferita alla carne".
"Tu non parli nient'altro che ciò che è legge", disse Mord, "anche se è difficile rispettarla".

Poi Hjallti figlio di Skeggis, di Thursodale, si alzò in piedi e disse:
"Non ho partecipato a nessuna delle vostre cause; ma voglio sapere se farai qualcosa, Gunnar, per il titolo delle mie parole e della mia amicizia".
"Che cosa chiedi?" chiese Gunmar.
"Questo, " disse, "che tu poni l'intera causa al lodo e al giudizio di uomini onesti e leali".
"Se lo faccio, " disse Gunnar,
"Allora tu non sarai mai contro di me, qualunque uomo abbia a che fare con me".
"Darò la mia parola a questo", rispose Hjallti.
Dopo di che fece del suo meglio con gli avversari di Gunnar, e le cose arrivarono a un punto tale che tutti furono d'accordo.
Dopodiché ciascuna parte ha dato all'altra promesse di pace; la ferita di Thorgeir fu pareggiata con la pena per la seduzione, e per il taglio nel bosco la ferita di Starkad.
I fratelli di Thorgeir furono espiati per metà delle multe, ma metà caddero per l'assalto che fecero a Gunnar.
L'uccisione di Egil e la causa di Tyrfing sono state messe l'una contro l'altra. Per l'uccisione di Hjort, e dell'Easterling si doveva provvedere, e come per tutto il resto, furono espiate con multe a metà.
Njal partecipò a questo lodo arbitrale, con il figlio di Asgrim Ellidagrim e il figlio di Hjallti Skeggi.
Njal aveva molti soldi in conto interessi con Starkad e anche con Sandgil, e diede tutto a Gunnar per compensare queste multe.
Così tanti amici aveva Gunnar al Thing, che non solo ha pagato lì e poi tutte le multe sul posto, ma diede inoltre doni a molti capi che gli avevano prestato aiuto; ed ebbe il più grande onore dalla causa; E tutti erano d'accordo in questo, che nessun uomo era alla sua altezza in tutto il Quartiere Sud.
Quindi Gunnar tornò a casa dal Thing e se ne stette seduto in pace, ma i suoi avversari lo invidiavano molto per la sua reputazione.

 

 

CAPITOLO LXVI.

DEL FIGLIO DI THORGEIR OTKELL.

Ora dobbiamo parlare del figlio di Thorgeir Otkell; è cresciuto fino a diventare un uomo alto e forte, sincero e innocente, ma piuttosto troppo pronto ad ascoltare le parole da fiera di mercato. Aveva molti amici tra i migliori uomini ed era molto amato dai suoi parenti.
Una volta, il figlio di Thorgeir Starkad era stato a trovare il suo parente Mord.
"Posso sopportare", disse, "Quella soluzione delle questioni che noi e Gunnar avevamo, ma ho comprato il tuo aiuto fintanto che noi due siamo sopra la terra; vorrei che tu pensassi a qualche piano e lo mettessi in profondità; questo è il motivo per cui lo dico subito, perché so che tu sei il più grande nemico di Gunnar, e anche lui di te. Aumenterà molto il tuo onore se ti affliggi in questa faccenda".
"Sembrerà sempre che io sia stato avido di guadagno, " rispose Mord, ma così deve essere. Eppure sarà difficile fare in modo che tu non sembri un uomo che infrange i trattati o un distruttore della pace, e tuttavia portare a termine il tuo compito.
Ma ora mi è stato detto che Kolskegg intende tentare una causa e riguadagnare la quarta parte di Moeidsknoll, che è stata pagata a tuo padre come espiazione per suo figlio.
Ha preso questa causa per sua madre, ma questo è anche il consiglio di Gunnar, di pagare in beni e di non lasciare la andare terra. Dobbiamo aspettare che questo accada, e poi dichiarare che ha infranto l'accordo fatto con te. Ha anche preso un campo di grano dal figlio di Thorgeir Otkell, e così ha rotto l'accordo anche con lui.
Andrai a trovare il figlio di Thorgeir Otkell, lo porterai con te nella questione e poi ti abbatterai su Gunnar; ma se fallite in tutto questo e non riuscite a cacciarlo, lo attaccherete più e più volte.
Devo dirti che Njal ha 'predetto' la sua fortuna, e presagito sulla sua vita, se uccide più di una volta nella stessa famiglia, ciò lo avrebbe portato alla sua morte, se accadesse così, da rompere l'accordo fatto dopo la faccenda.
Perciò farai entrare Thorgeir nella causa, perché ha già ucciso suo padre; e ora, se voi due siete insieme in una rissa, tu ti proteggerai; ma egli andrà avanti coraggiosamente, e poi Gunnar lo ucciderà. Allora ne avrà ucciso due volte dello stesso ceppo, ma tu scapperai dal combattimento.
E se questo lo trascinerà alla sua morte, spezzerà l'accordo in seguito, e quindi potremo aspettare fino allora".
Dopodiché Thorgeir tornò a casa e lo confidò in segreto a suo padre.
Quindi concordarono tra loro che avrebbero dovuto elaborare questa trama di nascosto.

 

 

CAPITOLO LXVII.

DEL FIGLIO DI THORGEIR STARKAD.

Qualche tempo dopo, il figlio di Thorgeir Starkad si recò da Kirkby per vedere il suo omonimo, si allontanarono per parlare e parlarono in segreto tutto il giorno; e alla fine il figlio di Thorgeir Starkad, diede all'omonimo una lancia intarsiata d'oro, e in seguito tornò a casa; strinsero la più grande amicizia l'uno con l'altro.
A Thingskala-Thing in autunno, Kolskegg rivendicò la terra a Moeidsknoll, e Gunnar ne fu testimone, e offrì denaro pronto, o un altro pezzo di terra a un prezzo legale a coloro che erano sotto Threecorner.
Thorgeir ha anche testimoniato che Gunnar stava rompendo l'accordo raggiunto tra di loro.
Dopodiché il Thing fu concluso, e così l'anno successivo trascorse.
Quegli omonimi s'incontravano sempre e tra loro c'era la più grande amicizia. Kolskegg parlò con Gunnar e disse—
"Mi è stato detto che c'è una grande amicizia tra quegli omonimi, ed è opinione di molti uomini che si dimostrerebbero falsi, e vorrei che tu stessi in guardia".
"La morte verrà da me quando arriverà, " Disse Gunnar, "ovunque io sia, se questo è il mio destino".
Poi hanno smesso di parlarne. Verso l'autunno, Gunnar dichiarò che avrebbero lavorato una settimana lì a casa, e quella successiva nelle isole, e così avrebbero posto fine alla loro produzione di fieno.
Allo stesso tempo, fece sapere che ogni uomo avrebbe dovuto lasciare la casa, tranne lui e le donne.
Thorgeir sotto Threecorner andò a vedere il suo omonimo, ma appena s'incontrarono hanno iniziato a parlare secondo il loro solito, e il figlio di Thorgeir Starkad disse—
"Vorrei che potessimo indurire i nostri cuori e abbattere Gunnar".
"Bene", disse il figlio di Thorgeir Otkell, "ogni lotta con Gunnar ha avuto un solo finale, che pochi hanno finito il giorno; e mi sembra suoni male essere chiamato perturbatore della quiete pubblica.
"Loro hanno rotto la pace, non noi, " disse il figlio di Thorgeir Starkad. "Gunnar ti ha tolto il campo di grano; e ha preso Moeidsknoll da mio padre e da me".
E così si accordarono tra loro per cadere su Gunnar; e poi Thorgeir disse che Gunnar sarebbe stato tutto solo a casa in uno spazio di poche notti, "e allora tu verrai a trovarmi con undici uomini, ed io ne avrò altrettanti".
Dopodiché Thorgeir tornò a casa.

 

 

CAPITOLO LXVIII.

DI NJAL E QUESTI OMONIMI.

Quando Kolskegg e i domestici stettero tre notti nelle isole, il figlio di Thorgeir Starkad ne ebbe notizia, e mandò a dire al suo omonimo che doveva venire a incontrarlo sul crinale del Threecorner.
Dopo di che Thorgeir del Threecorner andò con undici uomini; salì sulla cresta e lì aspettò il suo omonimo.
Gunnar era nella sua casa, e quegli omonimi cavalcarono forzatamente in un bosco. Li colpì una tale sonnolenza che non potevano fare a meno di dormire. Così appesero gli scudi sui rami, legarono i cavalli e posero le armi ai loro lati.
Quella notte Njal era a Thorolfsfell e non riusciva affatto a dormire, ma usciva ed entrava di continuo.
Thorhilda chiese a Njal perché non riusciva a dormire?
"Molte cose ora fluttuano sotto i miei occhi", disse; "Vedo molti ceppi di duri nemici di Gunnar, e ciò che è molto strano è questo, sembrano essere furiosi per la rabbia, eppure viaggiano senza un piano o uno scopo".
Un po' più tardi, un uomo si avvicinò alla porta e scese dal dorso del cavallo ed entrò, era un pastore di Thorhilda e suo marito.
"Hai trovato le pecore?" Chiese Njal.
"Ho trovato qualche cosa che potrebbe valere di più", rispose.
"Che cosa hai trovato?" Chiese Njal.
"Ho trovato ventiquattro uomini nel bosco laggiù; avevano legato i loro cavalli, ma stavano dormendo. E avevano appeso i loro scudi tra i rami".
Ma li aveva osservati così da vicino che raccontò di tutte le loro armi, equipaggiamento e vestiti, e Njal seppe chiaramente chi era ognuno di loro, e gli disse—
"Ci sono state buone assunzioni se ci fossero molti di questi pastori; e questo sarà sempre per il tuo bene; ma io ti manderò ancora in commissione".
Egli disse che ci sarebbe andato subito.
"Dovrai andare", disse Njal, "a Lithend e dire a Gunnar che deve recarsi a Gritwater, e poi inviare uomini; ma andrò a incontrare quelli che sono nel bosco e li spaventerò.
Questa cosa si sta svolgendo a un buon fine, così che con questo viaggio non otterranno nulla, ma perderanno molto".
Il pastore partì e raccontò a Gunnar il più chiaramente possibile l'intera storia. Quindi Gunnar cavalcò verso Gritwater e riunì degli uomini.
Ora bisogna dire di come Njal andò a incontrare gli omonimi.
"Voi giacete imprudentemente qui", disse, o per quale fine deve essere stato fatto questo viaggio? E Gunnar non è un uomo con cui scherzare.
Ma se poi si deve dire la verità, questo è il più grande tradimento. Sappiate anche questo, che Gunnar sta raccogliendo forze, e verrà qui in un batter d'occhio e vi ucciderà tutti, a meno che non torniate a casa".
Essi bestemmiarono all'istante, perché avevano grande paura, presero le loro armi, montarono i loro cavalli e galopparono a casa sotto il Threecorner.
Njal andò incontro a Gunnar e lo pregò di non sciogliere la sua compagnia.
"Ma andrò a cercare un'espiazione; ora saranno finemente spaventati; ma per questo tradimento non dovrà essere versato un importo inferiore quando si ha a che fare con tutti loro, di quanto sarà pagato per l'uccisione dell'uno o dell'altro omonimo, anche se una cosa del genere dovrebbe accadere. Questo denaro lo prenderò nella mia custodia, in modo che sia disponibile a portata di mano quando ne avrai bisogno".

 

 

CAPITOLO LXIX.

I REGALI DI OLAF THE PEACOCK A GUNNAR.

Gunnar ringraziò Njal per il suo aiuto, e Njal galoppò sotto il Threecorner, e disse a quegli omonimi che Gunnar non avrebbe sciolto la sua banda prima di aver combattuto con loro.
Cominciarono a offrire condizioni per se stessi, ed erano pieni di terrore, e invitarono Njal di andare tra di loro con un'offerta di espiazione.
Njal disse che poteva andarci solo se non ci fosse inganno dietro. Quindi l'hanno implorato di partecipare al risarcimento e hanno detto che si sarebbero attenuti a ciò che egli avrebbe designato.
Njal disse che non avrebbe fatto alcun premio se non fosse stato al Thing, e ancora meno se non ci fossero presenti i migliori uomini; ed essi furono d'accordo su questo.
Njal si mise in mezzo a loro e si fecero promesse di pace e di espiazione.
Njal doveva pronunciare il premio, e nominare come suoi compagni quelli che scelse.
Qualche tempo dopo quegli omonimi incontrarono il figlio di Mord Valgard, e Mord li biasimò molto per aver posto la questione nelle mani di Njal, quando era il grande amico di Gunnar. Egli disse che ciò si sarebbe rivelato un male per loro.
Dunque gli uomini cavalcarono verso l'Althing com'era loro solito, e ora entrambe le parti si trovarono al Thing.
Njal chiese un'audizione a tutti i migliori uomini che erano venuti lì, che diritto di legge pensavano che Gunnar avesse contro quei namesakes (omonimi) per il loro tradimento. Essi dissero che pensavano che un tale uomo avesse un grande diritto dalla sua parte.
Njal continuò a chiedere, se avesse il diritto di agire contro tutti loro, o se i capi dovevano rispondere per loro tutti nella causa ?
Essi risposero che la maggior parte della colpa ricadrebbe sui leader, ma molto ancora su di loro.
"Molti diranno questo, " disse Mord, "che non era stato senza un motivo quando Gunnar ruppe l'accordo fatto con quei namesakes".
"Questa non è una violazione dell'accordo", affermò Njal, "Che ogni uomo dovrebbe prendere la legge contro un altro; poiché con la legge la nostra terra sarà edificata e stabilita, e con illegalità sprecata e rovinata".
Poi Njal disse loro che Gunnar aveva offerto terra in cambio di Moeidsknoll, o altri beni.
Quindi quegli omonimi pensarono di essere stati ingannati da Mord, e lo sgridarono molto, e dissero che questa multa era per tutto ciò che stava facendo.
Njal nominò dodici uomini come giudici nella causa, e poi ogni uomo che era andato dovette pagare un centinaio in argento, ma ciascuno di quei omonimi duecento.
Njal prese questi soldi nella sua custodia, ma entrambe le parti hanno dato gli altri impegni di pace, e Njal diede i termini.
Poi Gunnar cavalcò dal Thing a ovest verso le Vallate (Dales), finché arrivò a Hjardarholt, e Olaf il pavone gli diede un caloroso benvenuto. Lì risedette per mezzo mese, e cavalcò in lungo e in largo per le vallate, e tutti lo accolsero a baraccia aperte.
Ma alla loro separazione Olaf disse:
"Ti darò tre cose di valore, un anello d'oro, un mantello di cui Moorkjartan il re Erse possedeva, e un segugio che mi fu dato in Irlanda; è grosso, e non è peggio di un uomo robusto. Inoltre, fa parte della sua natura il fatto di avere l'intelligenza dell'uomo, e di dar la caccia a ogni uomo che sa essere tuo nemico, ma mai ai tuoi amici; anche lui può vedere nel volto di qualsiasi uomo, se intenda di te bene o male, e darà la sua vita per essere fedele a te. Questo segugio si chiama Sam.
Dopo di che parlò al mastino, "ora seguirai Gunnar e gli farai tutto il servizio che puoi".
Il cane andò subito da Gunnar e si sdraiò ai suoi piedi.
Olaf pregò Gunnar di stare attento a se stesso, e gli disse che aveva molti invidiosi. "Perché ora sei ritenuto un uomo famoso in tutto il paese".
Gunnar lo ringraziò per i suoi doni e il suo buon consiglio e tornò a casa.
Ora Gunnar risedette a casa per qualche tempo, e tutto fu tranquillo.

 

 

CAPITOLO LXX.

IL CONSIGLIO DI MORD.

Un po' di tempo dopo, quegli omonimi e Mord s'incontrarono, e non erano dello stesso avviso. Pensavano di aver perso molti beni per lo scopo di Mord, ma non avevano ottenuto nulla in cambio; e gli dissero di mettere a piedi un altro complotto che potesse nuocere a Gunnar.
Mord rispose che doveva essere. Ma ora questo è il mio consiglio: tu, figlio di Thorgeir Otkell, devi sedurre Ormilda, parente di Gunnar, e Gunnar farà crescere il suo malcontento contro di te, e poi diffonderò la storia che Gunnar non ti permetterà di fare queste cose.
"Allora voi due, un po' di tempo dopo, attaccherete Gunnar, ma ancora non dovete cercarlo a casa, perché non c'è modo di pensare a questo mentre il segugio è vivo".
Quindi concordarono tra di loro il piano che doveva essere realizzato.
Thorgeir cominciò a girare i suoi passi verso Ormilda, e Gunnar pensò male, e tra loro sorse una grande avversione.
Quindi l'inverno finì. Ora arrivò l'estate e le loro riunioni segrete si svolsero più spesso di prima.
Per quanto riguarda Thorgeir del Threecorner e Mord, s'incontravano sempre; e pianificano un assalto a Gunnar, per quando si dirigeva verso le isole per vedere dopo il lavoro fatto dai suoi lavoratori.
Un giorno Mord venne a conoscenza quando Gunnar scese sulle isole e mandò un uomo sotto il Threecorner per dire a Thorgeir che sarebbe stato il momento migliore per cercare di piombare su Gunnar.
Si diedero da fare subito, e andarono da là dodici insieme, e quando arrivarono a Kirkby, trovarono altri tredici uomini che li stavano aspettando.
Poi decisero di scendere a Rangriver e di aspettare Gunnar.
Ma quando Gunnar salì alle isole, Kolskegg cavalcò con lui. Gunnar aveva il suo arco, le sue frecce e il suo bill, Kolskegg aveva la sua spada corta e le sue armi da incontro.

 

 

CAPITOLO LXXI.

L'UCCISIONE DEL FIGLIO DI THORGEIR OTKELL.

Quel fatto è successo mentre Gunnar e suo fratello salivano verso Rangriver, accadde che tanto sangue schizzo via dal bill. Kolskegg chiese cosa potesse significare. Gunnar rispose, "Se tali fatti si verificassero in altre terre, verrebbero chiamati 'gocce per ferite', e il Maestro Oliver mi disse anche che ciò avveniva solo prima di grandi combattimenti". Quindi continuarono a cavalcare finché non videro uomini seduti accanto al fiume dall'altra parte e avevano legato i loro cavalli. Gunnar disse: "Ora abbiamo un'imboscata". Rolskegg rispose: " da tempo sono falsi; ma cosa è meglio fare ora ?" "Al galoppo ci affiancheremo a loro al guado" Disse Gunnar, "e lì preparati". Gli altri li videro e si fiondarono subito verso di loro.
Gunnar strinse il suo arco, prese le sue frecce e le gettò a terra davanti a lui, e scoccò non appena arrivarono a tiro; per mezzo del quale, Gunnar ferì molti uomini, ma alcuni li uccise. Quindi il figlio di Thorgeir Otkell parlò e disse: "Questo è inutile; cerchiamo di essere con lui più forti possibile.
Così fecero, e per primo andò Aunund la fiera, il parente di Thorgeir.
Gunnar gli lancio il suo bill, che cadde sul suo scudo e lo spaccò in due, ma l'arma passò di corsa attraverso Aunund.
Augmund Shockhead si precipitò su Gunnar alle sue spalle. Kolskegg lo vide e tagliò immediatamente entrambe le gambe di Augmund da sotto di lui, e lo scagliò dentro il Rangriver, e annegò sul momento.
Poi si scatenò una dura mischia; Gunnar colpiva con una mano e stoccava con l'altra. Kolskegg uccise alcuni uomini e ne ferì molti.
Il figlio di Thorgeir Starkad chiamò il suo omonimo, "Sembra che tu abbia avuto un padre da vendicare".
"È vero"egli rispose: "Io non sto avanzando molto, ma nemmeno tu mi stai alle calcagna; non subirò i tuoi rimproveri". Con questo si precipitò contro Gunnar in grande ira, e spinse la sua lancia attraverso il suo scudo e così via attraverso il suo braccio.
Gunnar diede allo scudo una torsione così forte che la testa di lancia si ruppe nell'incavo. Gunnar vide che un altro uomo è arrivato a portata della sua spada, e lo colpì infliggendogli il suo colpo mortale. Dopodiché, strinse il bill con entrambe le mani; proprio in quel momento, il figlio di Thorgeir Otkell gli si era avvicinato con una spada sguainata, e Gunnar si girò su di lui con grande ira, e fece passare il bill attraverso di lui, e lo sollevò in alto, e lo lanciò nel Rangriver, e andò alla deriva giù verso il guado, e vi rimase bloccato su una pietra; e il nome di quel guado è da allora chiamato Thorgeir's ford.
Quindi il figlio di Thorgeir Starkad disse: "Fuggiamo ora; nessuna vittoria ci sarà destinata questa volta". Quindi si voltarono e fuggirono dal campo.
"Seguiamoli adesso", disse Kolskegg, "e prendi il tuo arco e le tue frecce, e tu verrai a tiro con il tuo arco del figlio di Thorgeir Starkad".
Quindi Gunnar cantò una canzone.

"Razziatori di un ricco tesoro fluviale,
Saccheggiate saranno le nostre borse,
Anche se oggi non abbiamo ferito nessun altro
I guerrieri combattono nel gioco delle lance;
Sì, se io per tutti questi marinai
Piccoli bugiardi, le multe devo pagare—
Ecco perché trattengo la mia mano
Ascoltami, caro fratello".

"Le nostre borse saranno svuotate", disse Gunnar, "quando saranno espiate per coloro che ora giacciono qui morti".
"Non ti mancheranno mai i soldi", disse Kolskegg; "Ma Thorgeir non se ne andrà mai prima di aver compassato la tua morte".

Gunnar cantò un'altra canzone.

"Signore delle water-skates*" che scorrono
I bacini del re marino, più bravo di lui,
Il flusso rosso delle ferite deve stare
A mio modo, prima o poi me ne andrò.
Io, il guardiano dei bracciali d'oro,
Snakelike** attorcigliato intorno al mio polso,
Non si può evitare il faulchion*** di un nemico
"Brillante e lampeggiante nel fragore della lotta".

* "water-skates", un perifrasi per le navi.
** Snakelike, simile a un serpente.
*** Spada o falcione.

"Lui, e qualche altro bravo come lui", disse Gunnar, "devono stare sul mio cammino prima di aver paura di loro".
Dopo di che tornano a casa e raccontarono le notizie.
Hallgerda fu lieta di ascoltarli e lodò molto l'atto.
Rannveig disse: "Forse l'azione è buona, ma in qualche modo", continuò, "Mi sento troppo giù al riguardo per pensare che ne possa derivare del bene".

 

 

CAPITOLO LXXII.

DELLE CAUSE PER OMICIDIO COLPOSO.

Queste notizie furono diffuse in lungo e in largo e la morte di Thorgeir fu un grande dolore per molti uomini. Gizur il bianco e i suoi uomini cavalcarono fino al luogo e diedero l'avviso dell'omicidio colposo, e chiamarono i vicini per l'inchiesta per il Thing. Quindi tornarono a casa verso ovest.
Njal e Gunnar s'incontrarono e parlarono della lotta.
Quindi Njal disse a Gunnar: "Ora fai attenzione a te stesso? Ora hai ucciso due volte nello stesso ceppo; e così ora presta attenzione al tuo comportamento, e pensa che vale quanto vale la tua vita,
se non tieni alla risoluzione che sarà fatta".
"Né intendo romperla in alcun modo" disse Gunnar, "ma comunque avrò bisogno del tuo aiuto al Thing".
"Resterò fedele a te, " rispose Njal, "Fino al mio giorno di morte".
Quindi Gunnar tornò a casa.
Ora il Thing si avvicinava; e ciascuna parte riunì una grande compagnia; e fu materia di molte chiacchiere al Thing su come sarebbe finita questa causa.
Quei due, Gizur il bianco, e Geir il sacerdote, parlarono l'uno con l'altro su chi avrebbe dovuto notificare l'accusa dell'omicidio colposo per Thorgeir, e alla fine fu Gizur che prese la causa in mano, e la notificò sul Colle delle Leggi, pronunciando queste parole—
"Ho dato avviso di una causa per aggressione prevista dalla legge contro il figlio di Gunnar Hamond; perché si è precipitato con un attacco furioso vietato dalla legge sul figlio di Thorgeir Otkell, e lo ferì con una ferita al corpo, che si rivelò una ferita mortale, cosicché Thorgeir ebbe la sua morte.
'Dico con questa accusa che dovrebbe diventare un fuorilegge condannato, non essere nutrito, non essere appoggiato, non essere aiutato o ospitato in qualsiasi necessità.
'Dico che i suoi beni siano confiscati, metà per me e metà per gli uomini del quartiere, il cui diritto è per legge sequestrare i beni dei fuorilegge.
'Do atto di questa accusa al Quarter Court, in cui questa causa dovrebbe giungere per legge.
'Do questo avviso legale all'udienza di tutti gli uomini alla Collina delle leggi.
'Do ora avviso di questa causa, e della completa confisca ed esilio contro figlio di Gunnar Hamond".
Una seconda volta Gizur testimoniò, e notificò una causa contro il figlio di Gunnar Hamond, per aver ferito il figlio di Thorgeir Otkell con una ferita al corpo che era una ferita mortale, e da cui Thorgeir ebbe la sua morte, quando Gunnar balzò su Thorgeir per la prima volta con un attacco, vietato dalla legge.
Dopodiché notificò questa dichiarazione come aveva fatto per la prima. Quindi chiese in quale Quarter court si trovasse la causa, e in quale casa del distretto abitasse l'imputato.
Quando la cosa si fu conclusa, gli uomini lasciarono la Collina delle leggi e tutti dissero che aveva parlato bene.
Gunnar si mantenne calmo e disse poco o niente.
Ora il Thing si sciolse fino al giorno in cui i tribunali dovettero essere stabiliti.
Quindi Gunnar stette in piedi guardando a sud vicino alla corte degli uomini di Rangriver, e i suoi uomini con lui.
Gizur stette in piedi guardando a nord, chiamò i suoi testimoni e disse a Gunnar di ascoltare il suo giuramento, la sua dichiarazione della causa e tutti i passi e le prove che intendeva portare avanti.
Dopo di che fece il giuramento, e poi presentò la causa nella stessa forma davanti alla corte, come aveva già fatto in precedenza.
Poi egli fece portare avanti i testimoni, invitò i vicini del luogo dell'inchiesta di prendere posto e invitò Gunnar a contestare l'istruttoria.

 

 

CAPITOLO LXXIII.

DELL'ESPIAZIONE.

Poi Njal parlò e disse—
"Ora non posso più stare seduto e non prendere parte. Andiamo dove siedono i vicini testimoni nell'inchiesta". Andarono là e impugnarono quattro vicini a uscire dall'inchiesta, ma invitarono i cinque che rimasero a rispondere alla seguente domanda a favore di Gunnar.
"Se quegli omonimi fossero andati al luogo d'incontro con in mente di far del male a Gunnar se avessero potuto?"
E tutti testimoniarono subito che così era.
Poi Njal ha definito questa una difesa legittima per la causa, e disse che ne avrebbe portate le prove, a meno che non avessero rinunciato la causa all'arbitrato.
Poi molti capi si unirono pregando per un'espiazione, e così si è giunti alla conclusione che dodici uomini dovessero pronunciarsi per un risarcimento per la faccenda.
Quindi ogni parte andò e consegnò quest'accordo all'altra.
Dopodiché fu assegnato il risarcimento, e la somma da pagare fu saldata, e tutto fu versato poi lì al Thing.
Ma inoltre, Gunnar doveva andare all'estero e Kolskegg con lui, e dovevano stare via tre inverni; ma se Gunnar non fosse andato all'estero quando aveva la possibilità di un passaggio, allora sarebbe stato ucciso dai parenti di coloro che aveva ucciso.
Gunnar non fece alcun segno, come se pensasse che i termini dell'espiazione non fossero buoni. Chiese a Njal quel denaro che gli aveva dato da tenere.
Njal gli versò il denaro con gli interessi su cui aveva guadagnato e pagò tutto in una volta, e si trattava solo di quello che Gunnar doveva pagare per se stesso.
Ora tornano a casa. Gunnar e Njal cavalcarono entrambi insieme dal Thing, e allora Njal disse a Gunnar—
"Fa' attenzione, compagno, di attenerti a questa espiazione, e tieni presente ciò di cui abbiamo parlato; poiché, se il tuo precedente viaggio all'estero ti ha portato un grande onore, questo sarà per te un onore molto più grande. Tornerai con grande gloria, e vivrai fino a diventare un vecchio, e nessun uomo qui calpesterà il tuo calcagno; ma se non vai via, infrangerai l'espiazione e allora sarai ucciso qui, nel paese, e questo è un male per coloro che sono tuoi amici".
Gunnar disse che non aveva intenzione di rompere l'espiazione, e tornò a casa e raccontò loro della risoluzione.
Rannveig disse che un bene che egli andasse all'estero, perché poi i tuoi nemici dovevano trovare qualcun altro con cui litigare.

 

 

CHAPTER LXXIV.

KOLSKEGG VA ALL'ESTERO.

Il figlio di Thrain Sigfus disse alla moglie che intendeva andare all'estero quell'estate. Lei disse che ciò andava bene. Quindi prese il suo passaggio per la traversata in nave con Hogni il bianco.
Gunnar prese il suo passaggio con Arnfin of the Bay; Vik e anche il fratello Kolskegg dovevano andare con lui.
Grim e Helgi, i figli di Njal, hanno chiesto il permesso del padre per andare all'estero, e Njal disse—
In questo viaggio all'estero troverete un duro compito, così difficile che sarà dubbio se manterrete le vostre vite; ma comunque voi due otterrete un po' di onore e gloria, ma non è improbabile che troverete una disputa quando tornerete dal vostro viaggio".
Continuarono a chiedere al padre di lasciarli andare, e alla fine fu lui che li invitò ad andarsene se lo desideravano.
Poi ottennero un passaggio con Bard il nero, e il figlio di Elda di Olof Kettle; e si disse in tutto il paese che tutti gli uomini migliori di quel distretto lo lasciassero.
A quel tempo i figli di Gunnar, Hogni e Grani, erano adulti; erano uomini con una mentalità molto diversa.
Grani aveva il caratteraccio di sua madre, ma Hogni era gentile e buono.
Gunnar fece portare dagli uomini le merci sue e di suo fratello sulla nave, e quando tutto il bagaglio di Gunnar fu calato e la nave era quasi pronta per salpare, Gunnar si diresse a Bergthorsknoll e in altre fattorie per salutare gli uomini e ringraziarli per l'aiuto che gli avevano dato.
Il giorno dopo si preparò presto per il suo viaggio verso la nave, e disse a tutte le sue genti che se ne sarebbe andato per il bene di tutti, e gli uomini lo presero molto a cuore, ma dissero comunque che dopo aspettavano il suo ritorno.
Gunnar ha gettato le braccia intorno a ognuno della famiglia quando fu pronto, e ognuno di loro uscì di casa con lui; Poi egli si appoggiò sull'estremità della lancia e saltò in sella, e lui e Kolskegg cavalcarono via. Scesero lungo il Markfleet, e proprio allora il cavallo di Gunmar inciampò e lo gettò a terra.
Si voltò con la faccia in su verso il Lithe e la tenuta a Lithend e disse—

"Bella è la Lithe; così bella che non mi è mai sembrata così bella; i campi di grano sono bianchi per la raccolta, e il fieno domestico è seminato; e ora ritornerò a casa, e non andrò affatto all'estero".

"Non dare questo piacere ai tuoi nemici" disse Kolskegg, rompendo la tua espiazione, perché nessun uomo potrebbe pensare che tu lo faresti, e tu puoi essere sicuro che tutto avverrà come ha detto Njal".
"Non andrò da nessuna parte", disse Gunnar, "E così vorrei che lo facessi anche tu".
"Non sarà così", rispose Kolskeg;
"Non farò mai una cosa del genere in conformità a questo, né in qualsiasi altra cosa lasciata alla mia buona fede; e questa è quella cosa che potrebbe farci a pezzi; ma dillo ai miei parenti e a mia madre, che non intendo più vedere l'Islanda, perché apprenderò presto che tu sei morto, fratello, e allora non rimarrà più nulla che mi riporti indietro".
Così si separarono lì per lì. Gunnar tornò a casa a Lithend ma Kolskegg cavalcò fino alla nave e andò all'estero.
Hallgerda fu felice di vedere Gunnar quando tornò a casa ma sua madre disse poco o niente.
Gunnar risedette a casa quell'autunno e l'inverno, e non aveva molti uomini con lui.
Ora l'inverno lasciò l'aia. Olaf il pavone chiese a Gunnar e Hallgerda di andare a stare con lui; e per quanto riguarda la fattoria, metterla nelle mani di sua madre e di suo figlio Hogni.
All'inizio Gunnar pensò che fosse una buona cosa, e accettò, ma quando arrivò il momento non lo fece.
Ma al Thing l'estate successiva, Gizur il bianco, e Geir, il prete, diedero l'avviso d'illegalità a Gunnar alla Collina delle leggi; e prima che il Thing finisse, Gizur convocò tutti i nemici di Gunnar per incontrarsi nel "Grande Rift".*

* "Grande Rift, " Almannagjá. La grande spaccatura vulcanica o "geo, " come sarebbe chiamato in Orkney e Shetland, che delimita la pianura dell'Allthing su un lato.

Convocò Starkad del Three Corner e Thorgeir suo figlio; Mord e Valgard il guileful; Geir il sacerdote e il figlio di Hjalti Skeggi; Thorbrand e Asbrand, i figli di Thorleik; Eyjulf e Aunund suo figlio. Aunund di Witchwood e Thorgrim l'Easterling di Sandgil.
Quindi Gizur parlò e disse: "Vi farò a voi tutti questa proposta, che noi andiamo contro Gunnar quest'estate e di ucciderlo".
"Ho dato la mia parola a Gunnar" disse Hjalti, "qui al Thing, quando si mostrò più disposto a cedere alla mia preghiera, che non sarei mai stato in alcun attacco contro di lui, e così sarà".
Poi Hjalti se ne andò, ma coloro che rimasero decisero di fare un assalto a Gunnar, e strinsero la mano sull'accordo, e di infliggere una multa a chiunque avesse lasciato l'impresa.
Mord doveva vegliare e spiare quando c'era la migliore possibilità di cadere su di lui, ed erano quaranta uomini in questa alleanza, e pensarono che sarebbe stato una cosa facile per loro dare la caccia a Gunnar, ora che Kolskegg era via, e Thrain e molti altri amici di Gunnar.
Gli uomini partirono dal Thing, e Njal andò a trovare Gunnar, e gli raccontò del suo stato di fuorilegge, e di come fosse stato pianificato un assalto contro di lui.
"Mi sembra che tu sia il migliore degli amici", disse Gunnar; "mi fai capire cosa vuol dire".
"Ora", disse Njal, "vorrei che Skarphedinn venisse a casa tua e mio figlio Hauskuld; sacrificheranno la loro vita per la tua".
"Non voglio", disse Gunnar, " che i tuoi figli siano uccisi per causa mia, e tu hai il diritto di aspettare altre cose da me".
"Tutta la tua premura non servirà a nulla", disse Njal; "Le liti si volteranno verso i miei figli non appena sarai morto e scomparso".
Non è improbabile", disse Gunnar, "ma comunque mi dispiacerebbe che ci cadessero dentro per me; ma questa è l'unica cosa che ti chiederò, che tu vegli dopo mio figlio Hogni", ma non dico nulla di Grani, perché non si comporta molto bene secondo me".
Njal tornò a casa e diede la sua parola per farlo.
Si disse che Gunnar andasse a tutte le riunioni di uomini, e a tutte le cose legali al Thing, e che i suoi nemici non osarono mai cadere su di lui.
E così, per qualche tempo, andò avanti come se fosse un uomo libero e senza colpa.

 

 

CAPITOLO LXXV.

LA CAVALCATA PER LITHEND.

L'autunno seguente, il figlio di Mord, Valgard inviò la notizia che Gunnar sarebbe stato tutto solo a casa, tutta la sua gente sarebbe stata giù nelle isole per terminare la fienagione.
Quindi Gizur il bianco e Geir il sacerdote cavalcarono verso est attraverso i fiumi non appena udirono questo, e così a est attraverso le sabbie fino a Hof.
Poi mandarono un messaggio a Starkad sotto il Threecorner, e lì s'incontrarono tutti quelli che dovevano cadere su Gunnar, e si consigliarono sul modo migliore per farlo.
Mord disse che non avrebbero potuto aggredire Gunnar all'improvviso, a meno che non avessero preso il contadino che abitava nella vicina fattoria, il cui nome era Thorkell, e lo avessero costretto ad andare o contro la sua volontà con loro per mettere le mani sul cane Sam, salvo che non sia fosse andato prima di loro alla casa per farlo. Poi si diressero a est verso Lithend, ma mandarono a prendere Thorkell.
Lo afferrarono e lo legarono e gli diedero due scelte— una che lo avrebbero ucciso, l'altra, altrimenti avrebbe dovuto mettere le mani sul mastino; egli scelse piuttosto di salvarsi la vita, e andò con loro.
C'era un sentiero battuto affossato, tra le recinzioni, sopra il cortile della fattoria a Lithend, e lì si sono fermati con la loro banda. Il Maestro Thorkell salì alla fattoria e il cane giaceva in cima alla casa, ed egli attirò il cane con sé in un profondo declino del sentiero. Proprio allora il Segugio vide che c'erano degli uomini davanti a loro, e balzò su Thorkell e gli squarciò il ventre.
Aunund di Witchwood colpì il mastino sulla testa con la sua ascia, in modo che la lama penetrasse nel cranio. Il mastino emise un urlo così forte che pensarono che esso fosse inusuale, e lui cadde morto.

 

 

 CAPITOLO LXXVI.

L'UCCISIONE DI GUNNAR.

Gunnar si svegliò nella sua sala e disse—
"Sei stato maltrattato, Sam, mio affido, e questo avvertimento è così importante che le nostre due morti non saranno lontane".
La sala di Gunnar era tutta di legno, con un tetto di travi sopra, e sotto le travi che portavano il tetto c'erano delle fessure per le finestre, ed erano dotate d'imposte.
Gunnar dormiva in un soppalco sopra la sala, e così anche Hallgerda e sua madre.
Ora, quando essi si avvicinarono alla casa, non sapevano se Gunnar fosse in casa, e dissero che qualcuno dovesse andare dritto fino all'edificio per vedere se poteva scoprirlo. I rimanenti si misero a sedere per terra.
Thorgrim l'Easterling andò e cominciò a salire sulla casa; Gunnar vide che un kirtle rosso passò davanti alla finestra illuminata, spinse fuori il bill, e lo colpì nel mezzo. I piedi di Thorgrim scivolarono da sotto di lui, lasciò cadere lo scudo, e cadde dal tetto.
Quindi andò da Gizur e dalla sua banda mentre sedevano a terra.
Gizur lo guardò e disse—
"Bene, Gunnar è a casa ?"
"Scopritelo da soli, " disse Thorgrim; "ma di questo sono sicuro, che il suo bill è a casa, " e con quello cadde morto.
Allora fecero per andare agli edifici, Gunnar scoccò loro delle frecce e fece una forte difesa, e non riuscirono a fare nulla.
Poi alcuni di loro sono entrati nelle dipendenze esterne e hanno cercato di attaccarlo, ma Gunnar li ha trovati con le sue frecce anche lì, e comunque non sono riusciti a passare.
Così andò avanti per un po', poi si riposarono e fecero un secondo assalto.
Gunnar continuava a scoccare frecce contro di loro e non poterono fare nulla, e cadde la seconda volta.
Quindi Gizur il bianco disse—
"Continuiamo a premere più forte, non viene nulla dal nostro assalto".
Allora fecero un terzo attacco, e sono rimasti a lungo, e poi cedettero di nuovo.
Gunnar disse: "Là fuori c'è una freccia sul muro, ed è una delle loro aste; la scoccherò contro loro, e sarà un onta per essi se si feriranno con le loro stesse armi".
Sua madre disse: "Non farlo, figlio mio, né svegliarli di nuovo quando sono già caduti dall'attacco".
Ma Gunnar afferrò la freccia e la scagliò contro di loro, colpendo il figlio di Eylif Aunund che ricevette una grande ferita; stava in piedi da solo e non sapevano che era ferito.
"Laggiù è venuto fuori un braccio", disse Gizur, "E c'era un cerchio d'oro su di esso, e prese una freccia dal tetto, e non cercherebbe fuori fra gli alberi se ce ne fossero abbastanza in casa; e ora faremo un nuovo assalto".
"Bruciamogli la casa e tutto il resto, " disse Mord.
"Quello non sarà mai", disse Gizur, "anche se comprendo che sacrificherei la mia vita; ma sarà facile per te scoprire qualche piano, un uomo così astuto come hai detto di essere".
Alcune corde giacevano sul terreno, e spesso venivano usate per rinforzare il tetto. Allora Mord disse— "Prendiamo le corde e gettiamone un'estremità sopra l'estremità delle travi portanti, e fissiamo l'altra estremità a queste rocce e le torciamo con leve, e quindi staccare il tetto dalla sala".
Quindi presero le corde e tutti prestarono una mano per farlo, e prima che Gunnar se ne rendesse conto, avevano strappato l'intero tetto della casa.
Poi Gunnar scoccò ancora con l'arco in modo che non potessero mai avvicinarsi a lui. Quindi Mord disse di nuovo che dovevano bruciare la casa sopra la testa di Gunnar.
Ma Gizur disse— "Non so perché tu vuoi parlare di ciò che nessun altro vuole, e che non sarà mai.
Proprio in quel momento il figlio di Thorbrand, Thorleik saltò sul tetto e tagliò la corda dell'arco di Gunnar. Gunnar afferrò il bill con entrambe le mani, lo diresse velocemente e lo spinse attraverso di lui, e lo scagliò a terra.
Allora balzò in piedi Asbrand suo fratello. Gunnar lo attaccò con il bill, egli si coprì con il suo scudo prima del colpo, ma il bill passò pulito attraverso lo scudo e gli ruppe entrambe le braccia, e cadde dal muro. Gunnar aveva già ferito otto uomini e ucciso quei due.*

* Thorgrim Easterling e Thorbrand.

A quel punto Gunnar aveva avuto due ferite, e tutti gli uomini dissero che non ha mai tremato una volta, né per le ferite né per la morte.
Allora Gunnar disse a Hallgerda: "Dammi due ciocche dei tuoi capelli, e voi due, mia madre e tu, torceteli insieme in un cordone per me".
"Non contare su questo!" lei disse.
"La mia vita poggia su questo" egli disse; "perché non verranno mai prossimi a me se riesco a tenerli lontani con il mio arco".
"Bene", lei disse, "Ora ti richiamerò alla mente quello schiaffo sulla faccia che mi hai dato; e non m'importa nulla se tieni duro a lungo o poco".
Quindi Gunnar cantò una canzone—

"Ognuno che scaglia il giavellotto cruento
Ha qualche onore per se stesso,
Ora il mio aiuto incappucciato
Affretta tutta la mia fama sulla terra.
Nessuno proprietario di una nave da guerra
Spesso chiede piccole cose,
Donna, appassionata della farina di Frodi,"*
Tende la mano come è solita".

* La farina di Frodi, una perifrasi di "oro".

"Ognuno ha i propri successi da cui possono essere orgogliosi. Ecco, la fama di mia moglie cancellerà la mia. Non si dirà che un leader come me ha pregato per così poco. La donna ha fame di oro, quel pane degli dei. Quello che fa lì, devi aspettartela".

"Ognuno ha qualcosa di cui vantarsi, " affermò Gunnar,
"e non ti chiederò più questo".
"Ti comporti male", disse Rannveig, "e questa vergogna sarà a lungo in mente".
Gunnar fece una difesa robusta e valorosa, e ferì altri otto uomini con ferite così gravi che molti giacquero alla porta della morte. Gunnar li tenne tutti fuori fino a quando non si stancò per la fatica. Poi lo ferirono con molte e grandi ferite ma ancora si allontanò dalle loro mani, e li tenne a bada ancora per un po', ma alla fine accadde che lo uccisero.
Di questa sua difesa, Thorkell lo Skald of GotaElf ha cantato nei versi che seguono—

"Abbiamo sentito come a sud in Islanda
Gunnar si difese bene da solo.
Il forte tuono della battaglia che brandisce,
L'uomo più feroce dell'onda;
Eroe del collare d'oro,
Sedici con la spada ferì;
Nello shock che Odino ama,
Due prima di lui assaggiarono la morte".

E questo è ciò che cantò il figlio di Thormod Olaf—

"Nessuno che abbia sparso i raggi luminosi del mare,
Ha guadagnato una fama più gloriosa di Gunnar,
Quindi ha una fama antica in Islanda,
Famosa fama di uomini pagani;
Signore della lotta quando gli elmi si schiantavano,
Vite di nemici che ha preso,
Con l'aspro acciaio lui dolorosamente
Ferì dodici e quattro inoltrò".

Quindi Gizur parlò e disse: "Ora abbiamo posto sulla terra un potente guerriero, ed è stato un duro lavoro, e la fama di questa sua difesa durerà fino a quando gli uomini vivranno in questa terra".

Dopodiché andò a trovare Rannveig e disse: "Ci concederai la terra qui per due dei nostri uomini che sono morti, affinché possano giacere in un tumulo qui ?"
" Ancora più volentieri che per due", disse, " perché vorrei con tutto il mio cuore di doverlo concedere a tutti voi".
" Ti deve essere perdonato", disse, per parlare così, " perché hai avuto una grande perdita".
Poi diede ordini che nessun uomo avrebbe dovuto rovinare o derubare qualcosa.
Dopo di che se ne andarono.
Quindi il figlio di Thorgeir, Starkad disse: "Non potremmo stare a casa nostra a causa dei figli di Sigfus, a meno che tu Gizur o tu Geir non stiate qui a sud per un po' di tempo".
" Così sarà", disse Gizur, e tirarono a sorte, e la sorte cadde su Geir che doveva rimanere.

Dopo di che è arrivato al luogo, e sistemò la sua casa lì; aveva un figlio di nome Hroald; era nato di umile nascita e il nome di sua madre era Biartey;* si vantava di aver dato a Gunnar il suo colpo mortale. Hroald era sul posto con suo padre.
Il figlio di Thorgeir, Starkad si vantò di un'altra ferita che aveva inflitto a Gunnar.
Gizur risiedeva a casa a Mossfell. Si sentiva parlare dell'uccisione di Gunnar e se ne parlava male in tutto il paese, e la sua morte fu un grande dolore per molti uomini.

* Era una sorella dello scorbuto Thorwald, che fu ucciso a Horsebeck in Grimsness.

 

 

CAPITOLO LXXVII.

GUNNAR CANTA UNA CANZONE MORTA.

Njal a malapena riuscì a sopportare la morte di Gunnar, né i figli di Sigfus potevano tollerarla.
Chiesero se Njal pensasse se avessero qualche diritto di notificare una causa per omicidio colposo per Gunnar, o di mettere la causa in piedi.
Egli rispose che non si poteva fare, poiché l'uomo era stato messo fuorilegge; ma disse che sarebbe stato meglio cercare di fare qualcosa per ferire la loro gloria, uccidendo alcuni uomini per vendicarsi di lui.
Loro formarono un tumulo su Gunnar, e lo fece sedere dritto nel tumulo. Rannveig non volle che il suo bill fosse sepolto nel tumulo, ma disse che solo lui avrebbe dovuto averlo come suo, chi era pronto a vendicare Gunnar. Quindi nessuno ha preso il bill.
Era così dura con Hallgerda che stava per ucciderla, dicendo che era stata la causa della morte di suo figlio.
Poi Hallgerda fuggì a Gritwater, e suo Figlio Grani con lei, e si spartirono i beni tra di loro; Hogni doveva avere la terra a Lithend e la fattoria su di essa, ma Grani doveva lasciare la terra in affitto.

Ora questo segno è accaduto a Lithend, dove il mandriano e la serva portavano il bestiame vicino al tumulo di Gunnar. Sembrava che fosse allegro e che stesse cantando dentro il tumulo. Andarono a casa e lo dissero a Rannveig, la madre di Gunnar, di questo segno, ma lei disse loro di andare a dirlo a Njal. Allora andarono a Bergthorsknoll e lo dissero a Njal, e lui glieli fece ripetere tre volte.
Dopo ciò, parlò a lungo da solo con Skarphedinn; e Skarphedinn prese le sue armi e andò con loro a Lithend.
Rannveig e Hogni lo ricevettero molto bene, e furono molto contenti di vederlo. Rannveig gli chiese di restare lì un po' di tempo, e lui disse che lo avrebbe fatto.
Lui e Hogni erano sempre insieme, a casa e fuori. Hogni era un uomo vivace, coraggioso, ben educato e ben addestrato nella mente e nel corpo, ma diffidente e lento a credere a ciò che gli veniva detto, ed è per questo che non hanno osato dirgli del segno.
Ora quei due, Skarphedinn e Hogni, erano fuori casa una sera vicino al tumulo di Gunnar sul lato sud.
La luna e le stelle brillavano limpide e luminose, ma ogni tanto le nuvole passavano sopra di loro.
Poi all'improvviso hanno pensato di aver visto il tumulo aperto, ed ecco! Gunnar si era voltato nel tumulo e guardava la luna. Pensavano di aver visto quattro luci che bruciavano nel tumulo, e nessuno di esse proiettava un'ombra. Videro che Gunnar era allegro e aveva un'espressione gioiosa. Cantava una canzone, e così forte, che si sarebbe potuta sentire anche se erano stati più lontani.

"Chi ha suonato in abbondanza,
Quando caddero le gocce di pioggia rosse dei combattimenti,
Luminoso di viso, con le corde del cuore resistenti,
Il padre di Hogni ha incontrato il suo destino;
Con la sua fronte con l'elmo avvolto,
Con scudo da battaglia, parlava,
"Morirò come un oggetto di battaglia,
Prima morire che cedere un pollice,
Sì, Prima morire che cedere un pollice".

Dopodiché il tumulo fu di nuovo chiuso.
"Crederesti a questi segni se Njal o io te li dicessimo?" disse Skarphedinn.
"Vi crederei", disse, "se Njal lo dicesse, perché si dice che non mente mai".
"Tali segni come questi significano molto," disse Skarphedinn, "quando si mostra a noi, colui che preferirebbe morire che cedere ai suoi nemici; e vedi come ci ha insegnato quello che dobbiamo fare.
"Non riuscirò a far accadere nulla", disse Hogni, "a meno che tu non voglia stare al mio fianco".
"Ora", disse Skarphedinn, "terrò presente come si è comportato Gunnar dopo l'uccisione del tuo parente Sigmund; ora ti darò tutto l'aiuto possibile. Mio padre ha dato la sua parola a Gunnar di farlo ogni volta che tu o tua madre ne avevate bisogno".
Poi andarono a casa a Lithend.

 

 

CAPITOLO LXXVIII.

GUNNAR DI LITHEND SI È RISVEGLIATO.

Ora partiremo subito", disse Skarphedinn," proprio questa notte; perché se sapranno che sono qui, saranno più cauti ". "Adempirò il tuo consiglio", disse Hogni. Dopo di che presero le loro armi quando tutti gli uomini erano nei loro letti. Hogni prese il bill che emise un suono squillante.
Rannveig si alzò con grande ira e disse: "Chi tocca il bill, quando io proibii a tutti di posare la mano su di esso!"
"Intendo", disse Hogni, "portarlo a mio padre, affinché possa condurlo con sé a Valhalla e averlo con lui quando i guerrieri si incontrano". "Piuttosto lo porterai adesso", rispose, "e vendicherai tuo padre"; poiché il bill ha parlato della morte di un uomo o più". Quindi Hogni uscì e disse a Skarphedinn tutte le parole che sua nonna aveva pronunciato. Dopo di che si diressero verso il Point, e due corvi volarono con loro per tutto il tragitto. Arrivarono al Point mentre era ancora notte.

Spinsero il gregge davanti a loro fino alla casa, e poi Hroald e Tjorfi andarono fuori e portarono il gregge lungo il sentiero infossato portando con sé le loro armi.
Skarphedinn si alzò e disse: "Non c'è bisogno di pensare se è davvero come sembra. Gli uomini sono qui". Poi Skarphedinn colpì Tjorfi con il suo colpo mortale. Hroald aveva una lancia in mano e Hogni si precipitò verso di lui; Hroald gli puntò la lancia addosso, ma Hogni tagliò la lancia con il bill e lo fece passare attraverso di lui.
Dopo di che li lasciarono lì morti, e si allontanarono da lì verso il Threecorner. Skarphedinn saltò sul tetto della casa e strappò l'erba, e quelli che erano all'interno della casa pensarono che fosse il bestiame che fosse arrivato sul tetto. Starkad e Thorgeir presero le loro armi e i loro vestiti, uscirono e girarono attorno al recinto del cortile. Ma quando Starkad vide Skarphedinn ebbe paura e volle tornare indietro. Skarphedinn lo abbatté accanto al recinto. Quindi Hogni si imbatté in Thorgeir e lo uccise con il bill.
Poi andarono a Hof, e Mord era fuori sul campo, e implorò pietà, e offrì loro tutto, Skarphedinn disse a Mord dell'uccisione di quei quattro uomini, e cantò una canzone.

"Quattro che brandivano armi da guerra
Abbiamo ucciso, tutti uomini di valore,
Loro in una volta sola, compagni avidi di oro,
Tu li seguirai sul posto;
Facciamo pressione su questa borsa così,
Gettiamo la paura nel suo cuore,
Disgraziato! contatta il figlio di Gunnar,
Giusto per risolvere tutte le controversie".

"E come un viaggio", disse Skarphedinn, "farai anche la tariffa, o consegnerai ad Hogni il diritto di fare il suo premio, se accetterà questi termini".
Hogni disse che nella sua mente aveva deciso di non scendere a patti con gli assassini di suo padre; ma alla fine prese comunque il diritto di fare il proprio premio dall'espiazione di Mord.

 

 

CAPITOLO LXXIX.

HOGNI FA L'ESPIAZIONE PER LA MORTE DI GUNNAR.

Njal prese parte alla causa di coloro che avevano avuto la faida di sangue dopo Starkad e Thorgeir per fare l'espiazione, e fu convocata una riunione distrettuale, e degli uomini furono scelti per fare il risarcimento, e ogni questione fu presa in considerazione, anche l'attacco a Gunnar, sebbene fosse un fuorilegge; ma della multa che fu inflitta, é tutto ciò che Mord pagò; poiché la sentenza non fu pronunciata contro di lui prima che l'altra questione fosse già risolta, e poi hanno compensato le due cause una per l'altra.
Allora furono di nuovo tutti d'accordo, ma al Thing vi fu un gran parlare, e la fine di tutto questo fu che Geir, il sacerdote, e Hogni si riconciliarono, e che l'espiazione si compì per sempre.
Geir il sacerdote dimorò nel Lithe fino al suo giorno di morte, ed è fuori dalla storia.
Njal chiese come moglie per Hogni Alfeida la figlia di Weatherlid the Skald, e gli fu data. Il loro figlio era Ari, che salpò per Shetland e prese una moglie là; da lui viene Einar lo Shetlander, uno degli uomini più attivi e audaci.
Hogni mantenne la sua amicizia con Njal e ora è fuori dalla storia.

 

 

CAPITOLO LXXX.

DI KOLSKEGG: COME FU BATTEZZATO.

Ora deve essere detto di Kolskegg come venne in Norvegia, e fu nella baia est quell'inverno.
Ma l'estate dopo si diresse verso l'est, in Danimarca, si legò a Sweyn Forkbeard, il re danese, e lì ebbe un grande onore.
Una notte sognò che un uomo venisse da lui; era brillante e luccicante con l'intenzione di svegliarlo. Parlò e gli disse—
"Alzati e vieni con me".
"Che cosa vuoi da me?" Chiese.
"Ti darò una sposa e tu sarai il mio cavaliere".
Pensava di aver detto sì, e dopo si é svegliato.
Quindi andò da un mago e gli raccontò il sogno, ed egli lo interpretò così, che doveva andare verso le terre del sud e diventare cavaliere di Dio.
Kolskegg è stato battezzato in Danimarca, ma ancora non poteva rimanere lì, si diresse a est verso la Russia, e fu lì un inverno. Poi si diresse da lì a Micklegarth.* e lì prese servizio con l'imperatore. L'ultima che si è sentita parlare di lui fu: che sposò lì una moglie, che comandò i Varangi e vi rimanesse fino al giorno della sua morte; e anche lui è fuori da questa storia.

* Costantinopoli

Fine del primo volume.

 

 

 

 

La storia di Burnt Njal
The Story of Burnt Njal


o
Vita in Islanda alla fine del X secolo
Dall'islandese della Njal's Saga


di
GEORGE WEBBE DASENT
D. C. L.
Vol. 1
EDINBURGH:
EDMONDSTON AND DOUGLAS.
1861


Compendiata con alcuni frasi dalla "Saga De Nial"
di Rodolphe Dareste.


Preambolo del Preambolo
2019
La traduzione è stata eseguita con traduttori online. I modi di dire, gli idiomi, I proverbi, influiscono pesantemente perché non sono compresi.

Affidabilità bassa.

 

Non coperto da copyright.

 
Preambolo:

 

Quando dice il leader delle vecchie ballate, gli idiomi e le parole di una lingua sono sacrificati a quelli dell'altro, ma per scoprire le parole e gli idiomi della sua stessa lingua che rispondono in modo più completo ed equo a quelli della lingua da cui egli è traducendo, e così per rendere l'uno il riflesso perfetto possibile delle forme e dei pensieri dell'altro.
Da un tale punto di vista una traduzione diventa davvero un lavoro d'amore, ma è anche un'opera di tempo e fatica.
Fu nell'anno 1843 che il traduttore decise di trasformare Njal in inglese, e una parte considerevole della Saga fu effettivamente tradotta in quell'anno.

 


Tratto dal libro di Dasent.