Vilmes ito

Non credere a nessuno neanche se te lo dico io

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Papago e Pima leggenda

E-mail Stampa PDF

Papago e Pima leggenda o meglio Tohono O'odham legend

Traduzione interpolata

Prima che la terra fosse creata non vi era altro che buio.
E il buio si avvolse in se stesso nell'aria e dal buio una pallina scura si è formata.
Rimase così flottante nell'aria per molti secoli, aumentando la sua dimensione fino a sei sette volte più grande di un palla da basket. Infine questa grande palla nera si trasformò in un uomo.
Questo uomo andava in giro nell'aria fino a quando decise di fare qualche cosa per soffermarsi.
Così radunò tutta la polvere in aria e formò una pallina. Questa pallina la lanciò in aria nella speranza che il suo piano avrebbe avuto successo. Questa pallina sarebbe dovuta in qualche modo rimanere sospesa in aria.
La prima prova fu un fallimento. Ripeté il lancio diverse volte, ma non ci riuscì nemmeno una volta.
L'ultima volta che la lanciò su, la palla rimase in sospesa nell'aria ed era tenuta in simile condizione da qualche potere magico.
Chuewut Ma-cki (questo era il nome del creatore della terra), si mise a sedere su di essa e la estese fino a quanto poteva essere allungata, fino a raggiungere l'orizzonte.
La terra non era molto stabile, per stabilizzarla egli mandò un ragno per scorrere lungo il bordo e girare il suo filo in modo di mantenerla ferma. (essi credevano che la terra fosse piatta).
Quando questo fu fatto, egli fece sorgere il sole ad est. Quando il sole fu al suo posto, era così buio come prima, (ndr ? forse di notte) così fece la luna e le stelle. Fece anche gli alberi da frutto e gli ortaggi dopodiché fece gli animali e gli uccelli dell'aria. Per ultimo fece gli abitanti (umani).
Egli poi nominò l'uomo di nome Seaher capo di quelle genti. Aveva il compito di governare le persone, con e sotto l'autorità di Chuewut Ma-CKI.
Ma questo uomo dopo aver governato per un bel po', peccò contro Chuewut Ma-CKI.
Governò i suoi sudditi inducendoli a peccare contro il loro creatore.
Chuewut Ma-CKI in una sola volta decise di distruggere il popolo;  così  inviò un uomo per andare in tutto il mondo, ma non gli disse cosa fare.
Così l'uomo obbedì e partì, durante il suo cammino incontrò un bambino e se lo portò con sé.
Quando giunse nelle vicinanze di dove abitava Seaher  lasciò il bambino sotto un albero e si avvicinò a lui.
Seaher udì il bambino piangere e gli chiese dove era il bambino. " vai e portalo qui!" gli disse.
L'uomo ritornò dal bimbo e mentre si avvicinava a prenderlo, si accorse che affondava fino alle ginocchia per il terreno ammorbidito dal pianto del bambino che gocciolava fino a terra. Tornò e disse a Seaher che non era possibile, il terreno intorno era umido e morbido.
Seaher gli rispose di ritornare dal bimbo e prenderlo in qualche modo.
E di nuovo ritornò presso il bambino; ma ecco! il terreno era divenuto ancora più molle, e piccoli ruscelli di acqua incominciarono a fluire da quel posto, e il diluvio nacque da esso.
Gli indians Pima fuggirono e si rifugiarono sui monti ad est di Phoenix o a nord di Florence.
E' su questi monti dove la grande trasmutazione ha avuto luogo. Mentre erano lì in quella alta montagna, erano ansiosi di sapere se l'acqua andava verso  il basso o se stesse arrivando.
Un uomo andò giù con il suo cane giù a vedere a che punto era l'acqua;  quando ritornò su presso la calca di gente, il cane parlò e tutte le persone si tramutarono in pietra.
Quando l'acqua diminuì Chuewut Ma-cki creò molte persone. Gli indians che ora vivono negli Stati Uniti discendono da loro.
Le immagini delle persone tramute in pietra sono ancora visibili sulla cima di questa montagna e anche il cane può essere visto in piedi accanto al suo padrone.
Questa è l'origine degli indians che dei bianchi in questa maniera complicata.

Un ringraziamento a

Early Journal Content on Jstor, Free to Anyone in the World
This article is one of nearly 500,000 scholarly works digitized and made freely available everyone in the world by jstor.

Known as the Early Journal Content, this set of works include research articles, news, letters, and other writings published in more than 200 of the oldest leading academic journals. The works date from the mid-seventeenth to the early twentieth centuries.

We encorage people to read and share the Early Journal Content openly and to tell others that this resource exists. People may post this content online or redistribute in any way for non-commercial purposes.
read more about early journal content at http://about.jstor.org/participate--‐jstor/individuals/early---journal--‐content.

Native American Tohono O'odham (Pima-Papago)
https://en.wikipedia.org/wiki/Tohono_O%27odham

Si suddividevano in clan patrilineari, ripartiti in due fratrie, la gente rossa, o dell’avvoltoio, e la gente bianca, o del coyote
http://www.treccani.it/enciclopedia/papago/

The PAPAGO indians of ARIZONA and their relatives the PIMA
https://archive.org/stream/papagoindiansofa00unde/papagoindiansofa00unde_djvu.txt

You are here Leggende Papago e Pima leggenda