Vilmes ito

Non credere a nessuno neanche se te lo dico io

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La saga di Erik il Rosso

E-mail Stampa PDF

La saga di Eirik il Rosso.

Capitolo I

Olaf, che era chiamato Olaf il Bianco, era un re guerriero. Era il figlio del re Ingjald, figlio di Helgi, figlio di Olaf, figlio di Gudred, figlio di Halfdan Whiteleg, re delle regioni montuose - Uplands (in Norvegia).

Olaf il bianco

 

Condusse una spedizione ardita di esploratori del mare verso ovest, e conquistò Dublino, in Irlanda e nel Dublinshire, in cui si autoproclamò re. Si sposò con Aud the Deep-minded, figlia di Ketil Flatnose, figlio di Bjorn the Ungartered, un nobile norvegese. Il loro figlio si chiamava Thorstein il Rosso.

Aud the Deep-Minded (Ketilsdóttir)
Thorstein il Rosso

Olaf cadde in battaglia in Irlanda, e poi Aud e Thorstein andarono nel Sudreyjar (le Ebridi). Lì Thorstein sposò Thorid, figlia di Eyvind the Easterling, sorella di Helgi la Lean; e hanno avuto molti bambini.
Thorstein divenne un re guerriero e formò un'alleanza con Earl Sigurd il Grande, figlio di Eystein the Rattler. Conquistarono Caithness, Sutherland, Ross e Moray e più della metà della Scozia.
Sopra questi territori Thorstein fu re fino a quando gli scozzesi si complottarono contro di lui, ed egli cadde in battaglia.
Aud era in Caithness quando venne a conoscenza della morte di Thorstein. Quindi fece costruire segretamente una nave mercantile nel bosco e, quando fu pronta, diresse la sua rotta verso le Orcadi. Lì diede in sposa a  la figlia Thorstein il  Rosso, Gro, che divenne madre di Grelad, che il conte Thorfinn, lo Skullcleaver, sposò.

In seguito Aud partì per cercare l'Islanda,

Islanda. gli storici stabiliscono che la colonizzazione cominciò all'incirca verso l'anno 874, in islandese Landnámsöld l'arco di tempo della storia islandese che intercorre tra l'874 ed il 930, anno in cui la maggior parte dell'isola è già stata occupata e si è fondato lo Þingvellir l'Alþingi, l'assemblea dello Stato libero d'Islanda (fonte wiki).

avendo venti uomini disponibili nella sua nave. Aud arrivò in Islanda e passò il primo inverno a Bjarnarhofn (Bjornshaven) con suo fratello Bjorn. In seguito occupò tutto il paese di Dale tra il Dogurdara (day-meal river) e lo Skraumuhlaupsa (river of the giantess's leap). Ha avuto incontri di preghiera a Krossholar (Crosshills), dove ha fatto erigere delle croci, poiché era battezzata e profondamente devota alla fede. Lì arrivarono con lei in Islanda molti uomini degni d'onore, che erano stati fatti prigionieri in precedenti ondivaghe spedizioni verso  ovest ed erano chiamati bondmen (servi).

Uno di questi era chiamato Vifil; era un uomo di alta famiglia, ed era stato catturato oltre il confine occidentale, e fu anche considerato come servo prima che Aud lo liberasse.
E quando Aud assegnò le terre per le dimore alla compagnia della sua nave, Vifil le chiese perché non fosse stata stabilita a lui come gli altri. Aud rispose: "Che quello non era importante per lui" disse, "sarebbe stimato in qualunque posto fosse, come uno degno d'onore." Gli diede Vifilsdalr (Vifilsdale), e dimorò lì e si sposò. I suoi figli erano Thorbjorn e Thorgeir, uomini promettenti, e sono cresciuti nella casa dei loro padri.

Capitolo II

C'era un uomo di nome Thorvald, figlio di Asvald, figlio di Ulf, figlio di Yxna-Thoris.
Suo figlio si chiamava Eirik (Eiríkr rauði). Padre e figlio si trasferirono da Jadar (in Norvegia) in Islanda, a causa di alcuni omicidi e occuparono una terra a Hornstrandir, e si stabilirono a Drangar.
Lì Thorvald morì ed Eirik sposò Thjodhild, figlia di Jorund, figlio di Atli, e di Thorbjorg il "petto della nave"...

 Informazioni su Thorbjorg "Ship-Breast" Gilsdóttir

...che in seguito Thorbjorn, della famiglia Haukadalr (Hawkdale), sposò; fu lui che dimorò a Eiriksstadr dopo che Eirik fu allontanato dal nord. È vicino a Vatzhorn.

Eiríksstaðir è l'ex fattoria di Eiríkr Þorvaldsson, conosciuto come Erik the Red, ad Haukadalur, nella regione dell'Islanda di Dalasýsla

Poi degli schiavi di Eirik causarono una frana nella tenuta di Valthjof, a Valthjofsstadr. Eyjolf the Foul, e dei suoi parenti, uccisero gli schiavi accanto a Skeidsbrekkur (pendii del campo di regata), sopra Vatzhorn.
In risposta Eirik uccise Eyjolf il Foul; uccise anche Hrafn il Dueller, a Leikskalar (playbooths). Gerstein e Odd of Jorfi, consanguinei di Eyjolf, furono disposti a far seguire la sua morte da un procedimento legale; per il quale Eirik fu esiliato da Haukadalr (per tre anni).

Occupò poi Brokey ed Eyxney e dimorò a Tradir, in Sudrey, il primo inverno.
In quei tempi prestò a Thorgest i pillars (strutture in legno) per i seat-stocks, (panche per seggio, scanni) in seguito Eirik si trasferì a Eyxney e dimorò a Eiriksstadr. Poi ha reclamato i suoi pilastri e non li ottenne. Allora Eirik andò e prese i pilastri da Breidabolstadr,

Erik quindi si trasferì sull'isola di Öxney. Chiese a Thorgest (Þórgestr) di conservare i suoi setstokkr - travi ornamentali ereditate di significativo valore mistico, che suo padre aveva portato dalla Norvegia. Quando ebbe finito la sua nuova casa, tornò a prenderli, ma "non potevano essere ottenuti". Erik poi è andato a Breidabolstad e li ha presi. Probabilmente sono stati gli setstokkr di Thorgest, anche se le saghe non sono chiare a questo punto. https://en.wikipedia.org/wiki/Erik_the_Red

e Thorgest lo seguì. Combatterono a breve distanza dal fienile di Drangar, e caddero due figli di Thorgest e alcuni altri uomini.

In seguito entrambi hanno tenuto insieme un grande gruppo di uomini. Styr diede assistenza a Eirik, così come fece Eyjolf, di Sviney, Thorbjorn Vifilsson, e i figli di Thorbrand, di Alptafjordr (Swanfirth). Ma i figli di Thord Gellir, come anche Thorgeir, di Hitardalr (Hotdale), Aslak, di Langadalr (Longdale), e Illugi, suo figlio, diedero assistenza a Thorgest.

Eirik e il suo popolo erano fuorilegge al Thorsnes Thing. Preparò una nave a Eiriksvagr (creek), ed Eyjolf lo nascose a Dimunarvagr mentre Thorgest e il suo popolo lo cercavano tra le isole.

Thing, in antico norreno significava assemblea, nella cultura scandinava di clan pre-cristiani, i membri di un clan erano obbligati a vendicare torti fatti nei confronti di parenti morti o feriti, Nasceva la necessità di una struttura giudicante che potesse evitare faide tribali ed anarchia sociale.

Eirik disse al suo popolo che si proponeva di cercare la terra che Gunnbjorn, il figlio di Ulf il Corvo, vide quando fu spinto verso ovest sopra l'oceano, e scoprì Gunnbjarnarsker (la roccia o lo skerry di Gunnbjorn).

Gunnbjørn Ulfsson o Gunnbjørn Ulf-Krakuson fu il primo ad avvistare, insieme ai suoi compagni gli scogli di Gunnbjörn, (fanno parte dell'America settentrionale) posti fra l'Islanda e la Grønland, ma egli non sbarcò, vi mise piede invece Snæbjörn Galti attorno al 978, seguito poco dopo da Erik il Rosso il quale esplorò l'isola principale costruendo anche un insediamento.

Egli promise che sarebbe tornato a visitare i suoi amici se avesse trovato la terra. Thorbjorn, Eyjolf e Styr accompagnarono Eirik oltre le isole. Si separarono nel modo più amichevole, Eirik disse che avrebbe ricambiato la loro assistenza, se fosse nella condizione di poterlo fare, se avessero bisogno di lui.
Quindi navigò verso l'oceano sotto Snæfellsjokull (ghiacciaio di montagna - snow mountain glacier), e arrivò al ghiacciaio chiamato Blaserkr (Blue-shirt); quindi viaggiò verso sud per vedere se vi fosse qualsiasi abitante di quella regione.

Passò il primo inverno ad Eiriksey, vicino al centro, del Vestribygd (insediamento occidentale). La primavera successiva si recò a Eiriksfjordr e vi stabilì la sua dimora.
Durante l'estate si recò nei distretti non popolati dell'ovest, e fu lì a lungo, dando nomi ai luoghi in lungo e in largo.
Il secondo inverno è passato a Eiriksholmar (isole), al largo di Hvarfsgnupr (picco della scomparsa, Cape Farewell); e la terza estate andò del tutto verso nord, a Snæfell e in Hrafnsfjordr (Ravensfirth); considerando quindi che era arrivato alla testa di Eiriksfjordr, si voltò e passò il terzo inverno in Eiriksey, davanti alla foce di Eiriksfjordr.

Ora, in seguito, durante l'estate, si recò in Islanda, e venne a Breidafjordr (Broadfirth). Questo inverno è stato con Ingolf, a Holmlatr (Island-litter). Durante la primavera, Thorgest e lui combatterono, ed Erik incontrò la sconfitta.
Dopo che furono riconciliati. In estate Eirik andò a vivere nella terra che aveva scoperto e che chiamò Grønland (Grønlandsk), "Perché", disse lui, "gli uomini desidereranno molto di più andare là se la terra ha un buon nome".

Clicca sullo spoiler per continuare.

 

Capitolo III

Thorgeir Vifilsson si sposò e prese in moglie Arnora, figlia di Einar, da Laugarbrekka (the slope of the hot spring - il pendio della sorgente termale), il figlio di Sigmund, l'eone di Ketil-Thistil, che aveva occupato Thistilsfjordr.

La seconda figlia di Einar si chiamava Hallveig. Thorbjorn Vifilsson la prese in moglie e ricevette con lei la terra di Laugarbrekka, a Hellisvollr (the cave-hill - la collina delle caverne). In quel punto Thorbjorn rimosse la sua (vecchia) dimora che divenne grande e adorabile.
Era il sacerdote del tempio e aveva una magnifica tenuta. La figlia di Thorbjorn era Gudrid, la più bella delle donne, e di impareggiabile nobiltà in tutta la sua condotta.

C'era un uomo di nome Orm, che dimorava ad Arnarstapi (eagle-rock: roccia d'aquila), e aveva una moglie che si chiamava Halldis. Era un benestante franklin (proprietario di terreni di nascita libera ma non nobile), un grande amico di Thorbjorn, e Gudrid visse a lungo a casa sua come figlia adottiva.
C'era un uomo di nome Thorgeir, che dimorava a Thorgeirsfjall (fell). Egli era molto ricco di bestiame ed era stato fatto liberto.
Aveva un figlio, il cui nome era Einar, un bell'uomo, ben educato e un grande dandy. Einar, in quei tempi, era un mercante itinerante, navigando da terra in terra con grande successo; e ha sempre passato il suo inverno in Islandia o in Norvegia.

Ora, dopo questo, devo dire come quell'autunno, quando Einar era in Islanda, procedette con le sue merci lungo Snæfellsnes, con l'obiettivo di vendere; egli venne ad Arnarstapi; Orm lo invitò a rimanere lì, ed Einar accettò il suo invito, perché c'era amicizia tra lui e la gente di Orm, e le sue merci furono deposte in un certo capannone.
Lì spacchettò la sua merce, la mostrò a Orm e agli uomini di casa, e indi  comandò ad Orm di prendere tante cose quante ne voleva.
Orm accettò l'offerta e dichiarò Einar un venditore-viaggiatore molto coraggioso e un grande favorito dalla fortuna. Quando ora erano occupati con le merci, una donna passò davanti alla porta della rimessa.
Einar chiese a Orm chi potesse essere quella bella donna, passata prima davanti alla porta. "Non l'ho vista qui prima," disse egli.
"Quella è Gudrid, la mia bambina adottiva, " disse Orm, "figlia di Thorbjorn il franklin, di Laugarbrekka."
"Deve essere una buona partita", disse Einar; "sicuramente non è stata senza pretendenti che hanno fatto delle proposte per lei, vero?"
Orm rispose: "Le proposte sono state certamente fatte, amico ma questo tesoro non si può avere per la raccolta, si scoprirà che lei sarà particolare nella sua scelta, così come anche suo padre."
"Beh, nonostante ciò", disse Einar, è la donna che ho in mente di chiedere, e mi auguro che in questo mia causa tu ti avvicini a suo padre da parte mia, e ti applichi a supplicare diligentemente per me, per il quale ti pagherò in cambio un'amicizia perfetta.
Il franklin, Thorbjorn, potrebbe riflettere che le nostre famiglie sarebbero opportunamente unite nei vincoli di affinità; poiché è un uomo in una posizione di grande onore, e possiede una bella dimora, ma le sue proprietà personali, mi è stato detto, sono notevolmente diminuite; né io né mio padre mancano terre o proprietà personali; e se questa alleanza dovesse essere realizzata, i maggiori benefici li trarrebbe Thorbjorn".
Allora rispose Orm: "Di una garanzia considerarmi tuo amico, eppure non sono disposto a portare avanti questa causa, perché Thorbjorn è di una mente orgogliosa, e in più un uomo molto ambizioso".
Einar rispose che desiderava null'altro che la sua offerta di matrimonio non fosse resa nota. Orm quindi acconsentì a intraprendere la sua causa, ed Einar viaggiò di nuovo a sud finché non tornò a casa.

Qualche tempo dopo, Thorbjorn aveva una festa del raccolto, com'era inevitabile per il suo grande rango. Erano presenti Orm di Arnarstapi e molti altri amici di Thorbjorn.
Orm entrò in conversazione con Thorbjorn e gli raccontò di Eimar, come aveva visto quest'ultimo da poco tempo a Thorgeirsfjall, ed era diventato un uomo promettente. Cominciò a corteggiare in nome di Einar e disse che un'alleanza tra le famiglie sarebbe stata molto adatta a causa di determinati interessi. "Potrebbe arridere a te, franklin, "disse, "grande aiuto per le tue risorse da questa alleanza".

Ma Thorbjorn rispose: "Non mi aspettavo una simile proposta da parte tua, che avrei dovuto dare mia figlia in matrimonio al figlio di uno schiavo.
E così percepisci che la mia sostanza sta diminuendo; bene, allora, mia figlia non andrà a casa con te, dal momento che tu la consideri degna di un partito così povero.
Allora Orm ritornò a casa, e ciascuno degli altri ospiti nella propria, Gruid rimase con suo padre, stette in casa quell'inverno.

Ora, in primavera, Thorbjorn fece una festa ai suoi amici e fu preparato un buon banchetto. Arrivarono molti ospiti e il banchetto fu il migliore.
Ora, al banchetto, Thorbjorn chiese un'udienza e così disse: "Qui ho vissuto a lungo, ho vissuto la buona volontà degli uomini e il loro affetto nei miei confronti, e considero che i nostri rapporti reciproci siano stati reciprocamente condivisi. Ma ora i miei problemi di soldi cominciano a portarmi disagio, anche se a questo punto la mia condizione non è da considerare disprezzabile".
"Desidero, quindi, scomporre la mia casa prima di perdere il mio onore; trasferirmi dal paese prima di disonorare la mia famiglia. Così ora ho l'intenzione di occuparmi degli impegni promessi di Eirik the Red, mio amico, che ha fatto quando ci siamo separati a Breidafjordr. Ho intenzione di partire per la Grønland in estate, se gli eventi procedono come vorrei".
Queste notizie su questo progetto sembravano essere importanti per gli ospiti, perché Thorbjorn era stato a lungo amato dai suoi amici. Sentivano che egli aveva fortemente voluto render così una pubblica dichiarazione, in maniera che non sarebbe stato di nessuna utilità tentare di dissuaderlo dal suo proposito. Thorbjorn distribuì doni tra gli ospiti, e poi la festa fu portata a termine, e se ne andarono nelle loro stesse fattorie.

Thorbjorn vendette le sue terre e acquistò una nave che venne attraccata sulla riva alla foce del Hraunhofn (harbour of the lava field - porto del campo di lava). Trenta uomini si avventurarono nella spedizione con lui. C'era Orm, di Arnarstapi, e sua moglie, e quegli amici di Thorbjorn che non desideravano essere separati da lui.

Quindi lanciarono la nave e salparono con un vento favorevole. Ma quando uscirono in mare aperto, cessò il vento favorevole, e sperimentarono grandi burrasche, e fecero solo un viaggio sfrenato per tutta l'estate.  Oltre a questo problema, arrivò la febbre durante la spedizione, e Orm morì, e Halldis, sua moglie e metà della compagnia. Poi il mare divenne più brutto, e sopportarono molte fatiche e sofferenze in molti modi, e raggiunsero Herjolfsnes, in Grønland, proprio all'inizio d'inverno.
Lì abitò in Herjolfsnes l'uomo che si chiamava Thorkell. Era un uomo utile e il più degno Franklin. Ricevette Thorbjorn e tutta la compagnia della sua nave per l'inverno, aiutandoli nel modo giusto. Costui è piaciuto molto a Thorbjorn e ai suoi compagni di viaggio.

 

Capitolo IV

A quel tempo c'era una grande carestia in Grønland; quelli che erano stati a fare spedizioni di pesca avevano preso poco, e alcuni non erano tornati. C'era nell'insediamento una donna il cui nome era Thorbjorg. Era una profetessa (spae-queen) e si chiamava Litilvolva (little sybil). Ella aveva avuto nove sorelle ed erano tutte spae-queen e lei era l'unica ancora vivente. (Þórbjörg è la sopravvissuta di dieci sorelle, tutte dotate di un mantik. La sua peculiarità era quella di passare dalla fattoria alla fattoria durante la stagione invernale e di essere invitato lì alle feste, che manteneva con le sue capacità).

Era costume di Thorbjorg, nel periodo invernale, fare un giro, e la gente la invitava a casa loro, specialmente quelli che avevano qualche curiosità per la stagione, o desideravano conoscere il loro destino; e siccome Thorkell era il capo franklin nei dintorni, ritenne che riguardasse a lui preoccuparsi quando cessasse la carestia che sovrastava l'insediamento. Invitò quindi la regina spae a casa sua e le preparò un'accoglienza calorosa, com'era consuetudine ogni volta che veniva accordato un ricevimento a una donna di questo tipo. Per lei fu preparato un seggio alto e vi fu deposto un cuscino nel quale vi erano piume di pollame.

Ora, quando arrivò la sera, accompagnata dall'uomo che era stato mandato a incontrarla, era vestita in modo così ponderato che aveva un mantello blu su di lei, con laccetti per il collo, ed era intarsiato con gemme che arrivavano fino alla gonna. Sul collo aveva delle perle di vetro. Sulla sua testa aveva un cappuccio nero di pelle di agnello, foderato di ermellino. Aveva un bastone nella sua mano, con un pomello in cima; era ornato di ottone e intarsiato di gemme. Intorno a lei portava una cintura di capelli morbidi, e in essa c'era una grossa borsa della pelle, nella quale teneva i talismani necessari a lei nella sua saggezza.
Indossava scarpe pelose di pelle di vitello ai suoi piedi, con lunghi e robusti lacci, e grandi pomelli di lamina alle estremità. Sulle sue mani aveva i guanti di pelle di ermellino, e dentro erano bianchi e pelosi.

Ora, quando lei entrò, tutti gli uomini pensarono che fosse un loro dovere obbligato offrirle un saluto, e questi lei li riceveva a secondo gli uomini che le erano graditi.
Il franklin Thorkell prese per mano la donna saggia e la condusse al posto preparato per lei.
Le chiese di gettare gli occhi sul suo gregge, sulla sua famiglia e sulla sua fattoria.
Lei rimase silenziosa del tutto.

Durante la sera furono sistemati i tavoli. E ora devo dirti quale cibo è stato preparato per la spae-queen. Era stato preparato per lei porridge di latte per bambini e i cuori di tutti i tipi di creature viventi che si trovavano, venivano cucinati per lei.
Aveva un cucchiaio di bronzo e un coltello con un manico di zanna di tricheco, che era montato con due anelli di ottone, e la punta era rotta.
Quando i tavoli furono rimossi, il burbero Thorkell avanzò verso Thorbjorg e le chiese se le piaceva la sua fattoria, o l'aspetto degli uomini; o quanto presto avrebbe accertato ciò che aveva chiesto e che gli uomini desideravano sapere.
Lei rispose che non avrebbe dato una risposta prima della mattina, dopo che lei aveva dormito lì per la notte.

E quando il (seguente) giorno era sul far di spegnersi, furono fatti i preparativi per lei, che aveva richiesto per l'esercizio dei suoi incantesimi. Li pregò di portare a lei quelle donne che conoscevano la tradizione necessaria per l'esercizio degli incantesimi, e che è conosciuta con il nome di Weird-songs, ma nessuna di queste donne si fece avanti. Poi la ricerca è stata fatta in tutta la fattoria se qualche donna fosse stata così istruita.
Quindi rispose Gudrid, "Non sono abile nell'apprendimento profondo, né sono una donna saggia, anche se Halldis, la mia madre adottiva, mi ha insegnato, in Islanda, la tradizione che lei chiamava Weird-songs".

"Allora sei saggio in buona stagione, " rispose Thorbjorg; ma Gudrid replicò: "Quel sapere e la cerimonia sono di un tale genere, che non voglio esservi di aiuto, perché sono una donna cristiana".

Allora Thorbjorg rispose: "Potresti permettermi di offrire il tuo aiuto agli uomini di questa compagnia, e tuttavia non essere la peggiore donna di quanto tu fossi prima, ma a Thorkell do l'incarico di fornire qui le cose che sono necessarie".

Thorkell quindi esortò Gudrid ad acconsentire, e lei cedette ai suoi desideri. Le donne formarono un anello tutt'intorno, e Thorbjorg salì sul palco e sul sedile preparato per i suoi incantesimi. Poi cantò Gudrid, la strana canzone in modo così bello ed eccellente, che a nessuno sembrava che avesse mai sentito la canzone con voce così bella come adesso.

La spae-queen l'ha ringraziò per la canzone. "Molti spiriti", disse lei, "sono stati presenti con il suo fascino, e sono stati contenti di ascoltare la canzone, chi prima si fosse allontanato da noi e non concederci questo omaggio.
E ora ci sono molte cose chiare che prima erano nascoste sia da me che dagli altri. E sono in grado di dire che la carestia non durerà più, la stagione sta migliorando con l'avanzare della primavera. L'epidemia di febbre che ci ha a lungo oppresso sparirà più rapidamente di quanto avremmo potuto sperare. E tu, Gudrid, ti ricompenserò subito, per quel tuo aiuto che ci ha messo al sicuro; perché il tuo destino è ora chiaro per me e previsto. Farai un incontro qui in Grønland, uno dei più onorevoli, anche se non sarà per te una vita longeva, perché la tua via si estende all'Islanda; e là, sorgerà da te una discendenza sia numerosa che buona, e sui rami della tua famiglia brillerà un raggio luminoso. E allora ora stai bene e felicemente, figlia mia".

Successivamente gli uomini andarono dalla donna saggia, e ciascuno indagò su ciò che era più curioso di sapere. Era anche generosa nelle sue risposte, e quello che ha disse risultò vero.

Dopo questo ne arrivò uno da un'altra fattoria e lei andò là. Thorbjorn fu invitato, perché non desiderava rimanere a casa mentre si svolgeva questa adorazione pagana.

Il tempo migliorò presto quando iniziò la primavera, come Thorbjorg aveva detto, Thorbjorn preparò la sua nave e proseguì fino a Brattahlid (the steep slope - il pendio ripido). Eirik lo accolse con la massima cordialità, dicendo che aveva fatto bene a venire lì. Thorbjorn e la sua famiglia erano con lui durante l'inverno. E nella primavera successiva Eirik consegnò a Thorbjorn una terra a Stokknes, e furono costruiti bei palazzi per lui, ed egli vi si stabilì in seguito.

 

Capitolo V

Eirik aveva una moglie che si chiamava Thjodhild e due figli; l'uno si chiamava Thorstein e l'altro Leif. Questi figli di Eirik erano entrambi uomini promettenti. Thorstein era quindi a casa con suo padre; e non c'era in quel momento nessun uomo in Grønland che fosse considerato tanto bravo quanto lui. Leif era partito per la Norvegia ed era lì con King Olaf Tryggvason.

Ora, quando Leif salpava dalla Grønland durante l'estate, lui ei suoi uomini furono spinti indietro dalla loro rotta verso il Sudreyjar.
Erano arrivati tardi per ottenere un vento favorevole da questo posto, e vi rimasero a lungo durante l'estate ... raggiungendo la Norvegia all'incirca nella stagione del raccolto (in autunno).

Si unì alla guardia del corpo del re Olaf Tryggvason, e il re si formò un'ottima opinione di lui, e gli sembrò che Leif fosse un uomo ben educato.
Un giorno il re entrò in conversazione con Leif e gli chiese: "Hai intenzione di andare in Grønland in estate?".

Leif rispose: "Vorrei tanto farlo, se è la tua volontà". Il re rispose: "Penso che potrebbe essere così, tu farai la mia missione e predicherai il Cristianesimo in Grønland".

Leif disse che era disposto a intraprenderla, ma che, secondo lui, considerava quel messaggio difficile da diffondere in Grønland. Ma il re disse che non conosceva nessuno che fosse più adatto per quel lavoro di lui.

"E tu lo porterai", disse, "buona fortuna a te". "Questo può essere unicamente", disse Leif, Leif, "se porto la tua con me."

Leif salpò non appena fu pronto. Egli fu sballottato a lungo in mare, e fece luce su terre di cui prima non aveva supposizione. C'erano campi di grano selvatico e la vite in piena crescita. C'erano anche gli alberi che erano chiamati aceri; ed essi raccolsero tutto di questi determinati "Tokens", alcuni tronchi così grandi da essere usati nella costruzione di case. Leif s’imbatté in uomini che erano naufragati e li portò a casa con lui, e diede loro il sostentamento durante l'inverno. Così mostrò la sua grande munificenza e la sua grazia quando portò il cristianesimo nella regione e salvò la squadra naufragata. Si chiamava Leif il fortunato.

Leif raggiunse la terra a Eiriksfjordr e proseguì verso Brattahlid. Il popolo lo accolse volentieri.

Subito dopo predicò il cristianesimo e la verità cattolica in tutto il paese, facendo conoscere al popolo il messaggio del re Olaf Tryggvason; e dichiarando quante azioni celebri e quale grande gloria accompagnarono questa fede.
Eirik prese con freddezza la proposta di abbandonare la sua religione ma sua moglie, Thjodhild, cedette prontamente e fece costruire una chiesa non molto vicino alle case.
L'edificio era chiamato Thjodhild's Church; in quel punto offrì le sue preghiere, e così fecero quegli uomini che ricevettero Cristo, e furono molti. Dopo aver accettato la fede, Thjodhild non avrebbe avuto rapporti con Eirik, e questa fu una grande prova per il suo carattere.

Dopo di ciò si parlava molto di prepararsi di andare sulla terra che Leif aveva scoperto. Thorstein, il figlio di Eirik, era il promotore in questo, un uomo degno, saggio e molto amato. Fu chiesto anche a Eirik di andare, e hanno creduto che la sua fortuna e la sua lungimiranza sarebbero state di massima utilità. Egli fu [per lungo tempo contrario al viaggio ma non disse mai niente] quando i suoi amici lo esortavano ad andare. Prepararono la nave che Thorbjorn aveva portato lì, e c'erano venti uomini che s’impegnarono a partire con essa. Avevano poche proprietà, ma principalmente armi e cibo. La mattina quando Eirik lasciò la casa prese una scatoletta che conteneva oro e argento; nascose i soldi, e poi è andato avanti nel suo viaggio.

Aveva proceduto per un piccolo tratto, però, quando cadde da cavallo e si ruppe le costole e si ferì alla spalla, e gridò "Aiai!"
Per questo incidente mandò a dire alla moglie che avrebbe dovuto prendere i soldi che aveva nascosto, dichiarando che la sua disgrazia era una penalità pagata per aver nascosto il denaro. Successivamente, salparono con gioia da Eiriksfjordr, poiché il loro piano sembrava promettere il successo.

Furono spinti per lungo tempo in mare aperto e non entrarono nella rotta che desideravano.
Arrivarono in vista dell'Islanda e incontrarono anche uccelli della costa irlandese. Quindi la loro nave fu spinta avanti e indietro sul mare. Tornarono sull'onda del raccolto (autunno), stanchi di fatica e molto esausti, e raggiunsero Eiriksfjordr all'inizio dell'inverno.

Poi parlò Eirik, "Eri di umore migliore in estate, quando sei uscito fuori dal fiordo, di quanto tu non ne sia sei ora, eppure per tutto ciò c'è molto di cui essere grati". Thorstein rispose: "Ora è dovere di un capo tribù occuparsi di un accordo per questi uomini che sono senza riparo e per trovare loro il cibo".
Eirik rispose, "Questo è un detto sempre vero, 'Non lo sai fino a quando non avrai la tua risposta'. Ora prenderò i tuoi consigli in riguardo a ciò". Tutti quelli che non avevano altre dimore dovevano andare con il padre e il figlio. Poi scesero a terra e andarono a casa.

 

Capitolo VI

Ora, dopo questo, devo dirti come Thorstein, il figlio di Eirik, ha iniziato a corteggiare Gudrid, la figlia di Thorbjorn. Alle sue proposte fu data una risposta favorevole, sia dalla stessa ragazza, sia dal padre.
Il matrimonio fu anche organizzato, così che Thorstein andò a prendere possesso della sua sposa, e la festa nuziale si tenne a Brattahlid in autunno. Il banchetto è andato bene, e parteciparono molte persone.
Thorstein possedeva una fattoria nel Vestribygd nella tenuta nota come Lysufjordr (shining firth - fulgore).

L'uomo che si chiamava Thorstein possedeva l'altra metà della fattoria. Sua moglie si chiamava Sigrid. Thorstein andò, durante l'autunno, a Lysufjordr, al suo omonimo, sia lui che Gudrid.
La loro accoglienza è stata gradita. Erano lì durante l'inverno. Quando fu passato un poco dell'inverno, l'evento accadde lì, la febbre scoppiò nella loro tenuta.
Il sovrintendente dei lavori si chiamava Garth. Era un uomo impopolare. Prese per primo la febbre e morì. In seguito, e con una piccola interruzione, si presero la febbre tutti uno dopo l'altro, e morirono.
Poi Thorstein, il figlio di Eirik, si ammalò, e anche Sigrid, la moglie del suo omonimo Thorstein. E una sera Sigrid uscì da casa e si riposò un po' di fronte alla porta esterna; e Gudrid lo accompagnò; e guardarono fuori attraverso la porta esterna, e Sigrid gridò ad alta voce.

Gudrid disse: "Siamo venuti fuori inappropriatamente, e tu non puoi assolutamente resistere al freddo, torniamo a casa il più presto possibile".
"Non è sicuro come sono le cose, " rispose Sigrid. C'è tutta quella folla di morti davanti alla porta; Thorstein, tuo marito, anche, e me. Mi riconosco tra loro, ed è un dolore così da vedere. " E quando questa morì, lei disse: "Adesso andiamo, Gudrid, non vedo più la folla".

Anche Thorstein, il figlio di Eirik, era scomparso dalla sua vista; gli sembrava di avere una frusta in mano e di voler colpire la truppa spettrale. Successivamente entrarono, e prima che arrivasse il mattino, lei era morta e una bara fu preparata per il corpo. Ora, lo stesso giorno, gli uomini si proponevano di andare a pescare, e Thorstein li guidò verso i luoghi di approdo, e il mattino presto andò a vedere cosa avevano catturato.

Allora Thorstein, il figlio di Eirik, mandò a dire al suo omonimo di venire da lui, dicendo che le cose a casa non erano affatto tranquille; che la massaia si sforzava di alzarsi in piedi e di infilarsi sotto i vestiti accanto a lui.
E quando fu entrato, si era alzata sul bordo del letto. Poi la prese per le mani e posò un'ascia da guerra sul suo petto. Thorstein, il figlio di Eirik, morì vicino al tramonto.
Thorstein, il franklin, pregò Gudrid di sdraiarsi e dormire, dicendo che avrebbe sorvegliato il corpo durante la notte.
Così egli disse, e quando un po' della notte passò, Thorstein, il figlio di Eirik, si mise a sedere e parlò, dicendo che desiderava che fosse chiamata Gudrid, e che desiderava parlare con lei.

"Dio vuole", ha detto, "che quest'ora sia data a me per conto mio e per l'ulteriore completamento del mio progetto". Thorstein, il franklin, andò a cercare Gudrid e la svegliò; la supplicò di farsi il segno della croce, e di chiedere aiuto a Dio, e le disse che cosa Thorstein, il figlio di Eirik, aveva detto a lui; "e lui desidera", disse lui, "di incontrarti. Sei obbligata a considerare quale piano adotterai, perché in questo caso non posso consigliarti in nessun modo".

Lei rispose: "Può darsi che questa, questa cosa meravigliosa, abbia a riguardo a certe cose, le quali in seguito saranno tenute memorie; e spero che con la custodia di Dio, metterà alla prova me, ed io, con la grazia di Dio, mi assumerò il rischio e andrò da lui, e so cosa dirà, poiché non potrò scappare se mi dovesse accadere del male. Sono lontana dal desiderare che lui debba andare altrove; Sospetto, inoltre, che la questione sarà pressante".

Poi andò Gudrid e vide Thorstein. Le apparve come se versasse lacrime. Le parlò all'orecchio, a voce bassa, certe parole che lei sola poteva conoscere; ma lo disse così che tutti udirono. "Che quegli uomini che detenevano la vera fede sarebbero stati benedetti, e che tutta la salvezza e la misericordia la accompagnavano, e che molti, tuttavia, la detenevano fievolmente".

"E" disse egli, "Nessuna buona usanza è prevalsa qui in Grønland prima che arrivasse il Cristianesimo, seppellire gli uomini in un terreno sconsacrato con pochi riti religiosi su di loro. Desidero per me stesso, e per quegli altri uomini che sono morti, essere portato in chiesa; ma per Garth, vorrei che fosse bruciato su una pila funeraria non appena possibile, perché è lui la causa di tutti quei fantasmi che sono stati tra noi quest'inverno. " Parlò a Gudrid anche del suo stato, dicendo che il suo destino sarebbe stato grande, e implorò "È meglio non sposare gli uomini della Grønland, la supplicava anche di convenire i loro beni alla Chiesa e ad alcuni poveri, e poi affondò per la seconda volta.

Era stata un'usanza in Grønland, dopo che il cristianesimo era stato portato lì, seppellire gli uomini in terreni non consacrati nelle fattorie dove morivano. Un palo eretto fu posto al disopra del corpo, e quando i preti arrivarono in seguito al posto, fu estratto il palo, ivi fu versata acqua consacrata e fu tenuto un servizio funebre, anche se poteva passare molto tempo dal seppellimento.

I corpi sono stati portati alla chiesa di Eiriksfjordr e i funerali tenuti dai sacerdoti. Dopodiché è morto Thorbjorn. L'intera proprietà andò poi a Gudrid. Eirik la ricevette nella sua casa e accudì bene i suoi patrimoni.

 

Capitolo VII

C'era un uomo di nome Thorfinn Karlsefni, figlio di Thord Horsehead, che abitava nel nord (dell'Islanda), a Reynines in Skagafjordr, com’è ora chiamato. Karlsefni era un uomo di buona famiglia e molto ricco. Il nome di sua madre era Thorun. S’impegnò in viaggi commerciali e sembrava un viaggiatore buono, audace e galante.

Un'estate Karlsefni preparò la sua nave, con l'intenzione di andare in Grønland. Snorri, il figlio di Thorbrand, da Alptafjordr, decise di viaggiare con lui, e c'era un equipaggio di trenta uomini.

C'era un uomo di nome Bjarni, figlio di Grimolf, un uomo di Breidafjordr (Broadfirth); un altro si chiamava Thorhall, figlio di Gamli, un uomo dell'est dell'Islanda. Prepararono la loro nave la stessa estate di Karlsefni, con l'intento di andare anche in Grønland. Avevano nella nave quaranta uomini.

Le due navi si lanciarono in mare aperto non appena furono pronte. Non è registrato per quanto tempo hanno viaggiato. Ma, dopo di questo, devo dirvi che entrambe queste navi sono arrivate a Eiriksfjordr in autunno.

Eirik cavalcò fino alle navi con altri uomini del posto, e fu immediatamente istituita una fiera di mercato. I capitani invitarono Gudrid a prendere la merce come lei desiderava, ed Eirik mostrò dalla sua parte molta magnificenza in cambio, in quanto invitò entrambe le compagnie di queste navi a casa con lui a passare l'inverno a Brattahlid. I mercanti accettarono l'invito e andarono a casa con Eirik. In seguito la loro merce fu rimossa a Brattahlid, dove non mancava una buona e ampia rimessa in cui riporre le merci. I mercanti erano ben contenti di stare con Eirik durante l'inverno.

Quando il periodo natalizio si stava avvicinando, Eirik cominciò a sembrare più cupo di quanto non fosse.

In quel momento Karlsefni entrò in conversazione con lui e disse: "Sei nei guai, Eirik? Mi sembra che tu sia un po’ più taciturno del solito, tuttavia tu ci aiuti con molta munificenza, e siamo tenuti a ricompensarti secondo i nostri mezzi. Dì ora che cosa causa la tua tristezza. "

Eirik rispose: "Ricevete una buona ospitalità, e come uomini degni. Ora, non ho idea di quanto i nostri rapporti dovrebbero essere costosi per voi, ma così è, che mi sembrerà una cosa brutta se si sentirà che voi non avete passato un cattivo periodo natalizio peggiore di questo, proprio ora che inizia, quando Erik il Rosso vi intrattiene a Brattahlid, in Grønland."

Karlsefni rispose: "Non deve arrivare un tale passo; abbiamo nelle nostre navi malto, farina e mais, e tu hai il diritto e il titolo di prendere da lì tutto ciò che desideri, e di rendere il tuo intrattenimento come compari con la tua munificenza".
E Eirik accettò l'offerta. Poi fu preparata per la festa di Yule, e fu così magnifica che gli uomini pensarono che non avevano mai visto una festa così grande.

E dopo Yule, Karlsefni espose a Eirik l'argomento di un matrimonio con Gudrid, che pensava potesse essere sotto il controllo di Eirik, e la donna gli apparve sia bella che di eccellente comprensione.

Eirik rispose e disse: che da parte sua avrebbe intrapreso volentieri la sua causa e disse, inoltre, che era degna di un buon partito.
È anche probabile, pensò, che ella seguirà il suo destino, se le sarà data a lui; e inoltre, il rapporto che mi arriva da lui è buono.

Le proposte le erano state poste davanti, e lei permise che il suo matrimonio fosse organizzato da Eirik, e che lo stesso desiderava promuovere. Tuttavia, non parlerò a lungo di come questo matrimonio abbia avuto luogo; la festa di Yule fu prolungata e trasformata in una festa nuziale. Grande gioia ci fu lì a Brattahlid durante l'inverno. Giocarono molto a tavola reale e a raccontare storie, e molte cose furono fatte per il comfort della famiglia.

 

Capitolo VIII

Durante questo periodo a Brattahlid si fecero molte chiacchiere sul come prepararsi per andare a Vinland the Good, e si convenne che si sarebbero trovate terre di buona scelta. Il discorso arrivò a tale conclusione che Karlsefni e Snorri prepararono la loro nave, con l'intenzione di cercare Vinland durante l'estate. Bjarni e Thorhall si avventurarono nella stessa spedizione, con la loro nave e il seguito che li aveva accompagnati.

C'era un uomo di nome Thorvard; sposò Freydis, figlia naturale di Eirik il Rosso; partì con loro allo stesso modo, come anche Thorvald, un figlio di Eirik.
C'era un uomo di nome Thorvald; era un genero di Eirik il Rosso. Thorhall era chiamato lo sportsman (temerario, cacciatore); era stato per lungo tempo il compagno di Eirik nelle spedizioni di caccia e pesca durante le estati, e molte cose erano state affidate alla sua custodia.
Thorhall era un uomo grosso, scuro e di aspetto scarno; piuttosto avanzato in anni, prepotente di temperamento, di umore malinconico, silenzioso in ogni momento, subdolo nei suoi rapporti, e portato all'abuso, e sempre incline al peggio. Si era tenuto in disparte dalla vera fede quando egli venne in Grønland.
Ma egli era poco circondato dell'amore di amici, ma Eirik aveva da tempo manteneva un dialogo con lui. Entrò nella nave con Thorvald e il suo uomo, perché era ampiamente informato su quelle regioni spopolate.
Avevano a disposizione la nave che Thorbjorn aveva portato in Grønland e si avventurarono nella spedizione con Karlsefni e gli altri; e la maggior parte di loro in questa nave erano Grønlanders.
C'erano centosessanta uomini nelle loro navi.

Salparono via dalla terra; quindi da Vestribygd a Bjarneyjar (the Bear Islands - le Isole dell'Orso). Da Bjarneyjar salparono con venti settentrionali. Erano in mare da due mezze giornate. Quindi arrivarono in una terra, e remarono verso di essa con le barche, e la esplorarono, e vi trovarono pietre piatte, molte, e così grandi che due uomini potevano benissimo sdraiarsi su di esse distesi sulla schiena con il a tallone a tallone. Le volpi polari erano lì in abbondanza. E diedero un nome a questa terra, e la chiamarono Helluland (stone-land /terra di pietra).

Quindi navigarono con venti settentrionali per due mezze giornate, e davanti a loro apparve una terra, e su di essa una grande foresta e molte bestie feroci. Un'isola giaceva nel sud-est della terra, e vi trovarono degli orsi, e la chiamarono l'isola Bjarney (Bear Island / Isola degli Orsi); ma la terraferma, dove si trovava la foresta, la chiamarono Markland (forest-land / foresta). Poi, quando furono passate due mezze giornate, videro terra e navigarono verso di essa. C'era un promontorio cui stavano arrivando. Percorsero a lungo la landa lasciandola a dritta. Era una costa senza porti e lunghi lidi sabbiosi. Andarono sulla terra in barche, trovarono la chiglia di una nave e chiamarono il luogo Kjalar-nes (Keelness). Diedero anche dato un nome ai lidi chiamandoli Furdustrandir (wonder-shore / spiaggia delle meraviglie), perché era noioso navigare da loro. Poi la costa si fece frastagliata con ruscelli e diressero le loro navi lungo le insenature.

Ora, prima di questo, quando Leif era con il re Olaf Tryggvason, e il re gli aveva chiesto di predicare il cristianesimo in Grønland, gli diede due scozzesi, l'uomo chiamato Haki, e la donna chiamata Hækja. Il re chiese a Leif di ricorrere a queste persone se mai avrebbe voluto muoversi con agilità, perché erano più veloci delle bestie feroci.
Eirik e Leif avevano queste persone per andare con Karlsefni. Ora, quando erano salpati da Furdustrandir, misero a terra gli scozzesi e chiesero loro di correre nelle regioni meridionali, di cercare della buona terra e di tornare dopo tre mezze giornate.
Erano vestiti in modo così previdente da indossare l'indumento che chiamavano biafal. Era fatto con un cappuccio in cima, aperto ai lati, senza maniche, ed era fissato tra le gambe. Un bottone e un anello lo tenevano insieme lì; e altrove erano senza vestiti.
Quindi gettarono le ancore dalle navi e rimasero lì ad aspettarle. E quando furono trascorsi tre giorni, gli scozzesi balzarono giù dalla terraferma, e uno di loro aveva in mano un grappolo d'uva, e l'altro una spiga di grano selvatico.

Essi dissero a Karlsefni che ritenevano di aver trovato una terra buona e scelta. Poi li accolsero nella loro nave e procedettero nel loro viaggio verso il punto in cui la riva era stata intersecata da un estuario. Diressero le navi all'interno del Fiordo.
C'era un'isola distesa di fronte al fiordo, e c'erano grandi correnti intorno all'isola, che chiamarono Straums-ey (Stream-island). C'erano così tanti uccelli che a malapena era possibile mettere un piede giù per le uova. Continuarono il loro cammino lungo il fiordo, che chiamarono Straumsfjordr e trasportarono il loro carico a terra dalle navi, e lì si prepararono a rimanere. Avevano con sé bestiame di tutti i tipi, e per se stessi cercarono i prodotti della terra intorno a loro. C'erano montagne, e il posto era giusto da esplorare.

Non diedero cura a nulla se non di esplorare la terra e trovarono ampi pascoli. Sono rimasti lì durante l'inverno, che fu assai duro, senza lavori da fare; e stavano male per il cibo, e la pesca mancò. Allora andarono sull'isola, sperando che qualcosa potesse esserci dalla pesca o da ciò che proveniva dalla deriva a terra. In quel punto c'era poco da mangiare, ma il loro bestiame trovò un buon sostentamento. Dopo di ciò invocarono Dio, pregando che inviasse loro un poco di riserva di carne, ma la loro preghiera non fu così presto accolta, poiché erano pretenziosi che ciò fosse dovuto. Thorhall scomparve alla vista e andarono a cercarlo, e cercarono continuamente tre mezze giornate.

Nella quarta mezza giornata Karlsefni e Bjarni lo trovarono sulla cima di una rupe. Giaceva con la faccia verso il cielo, con entrambi gli occhi e la bocca e le narici spalancate, artigliarsi e pizzicarsi, e recitare qualcosa. Gli chiesero perché era venuto lì. Rispose che non aveva alcuna importanza; li implorò di non domandare il motivo; quanto a se stesso, aveva vissuto così a lungo, che essi non avevano bisogno di far conto di lui. Lo pregarono di andare a casa con loro, e lo fece. Un po’ di tempo dopo che una balena fu portata a riva, e gli uomini si affollarono intorno a esso, e la tagliarono, e ancora non sapevano che tipo di balena fosse. Perfino Karlsefni non la riconobbe, sebbene avesse una grande conoscenza delle balene. Fu cucinata dai cucinieri, e ne mangiarono; anche se in seguito gli effetti negativi sono venuti da tutto ciò.

Quindi iniziò Thorhall e dicendo: "Non è forse stato che il Barbarossa si è dimostrato un amico migliore del vostro Cristo? Questo è stato il mio regalo per la poesia che ho composto su Thor, mio patrono; raramente mi ha respinto". Ora, quando gli uomini lo seppero, nessuno di loro ne mangiò, e la gettarono giù dalle rocce, e si voltarono con le loro suppliche alla misericordia di Dio. Poi fu loro concessa l'opportunità di pescare, e dopo quella primavera non mancò il cibo. E ritornarono indietro di nuovo dall'isola all'interno di Straumsfjordr, e ottennero cibo da entrambe le parti; dalla caccia sulla terraferma e dalla raccolta di uova e dalla pesca sul lato del mare.

Thorhall partecipando alla spedizione di Karlsefni, fu decisivo nel trovare una balena bloccata quando la spedizione era in carenza di cibo. Arrivato alla base di Vinland, decise di esplorare in direzione nord dalla base di Vinland, ma fu preso dal maltempo e spinto in Irlanda, dove lui e il suo equipaggio morirono in schiavitù.

 

Capitolo IX

Quando l'estate era a portata di mano, discussero del loro viaggio e fecero un accordo. Thorhall il temerario desiderava procedere a nord lungo il Furdustrandir, e via dal Kjalarnes, e così cercare Vinland; ma Karlsefni desiderava procedere verso sud lungo la terra e lontano da est, perché la terra gli appariva migliore più andava verso sud, e pensava che fosse anche più consigliabile esplorare in entrambe le direzioni. Quindi Thorhall si preparò per il suo viaggio fuori dalle isole, e lì si offrirono volontari per la spedizione con lui non più di nove uomini; ma con Karlsefni ci andò il resto della compagnia. E un giorno, quando Thorhall stava portando acqua sulla sua nave, avendo bevuto, recitò questo versetto.

"I clashers (frastuoni) delle armi mi hanno detto quando sono venuto qui che avrei dovuto bere il meglio, (anche se sarebbe meglio per me stesso a non lamentarmi davanti alla gente comune). Ardente dio del war-helmet! Sono fatto per sollevare il secchio; il vino non mi ha inumidito la barba, piuttosto m’inginocchio alla fontana".

Successivamente puntarono in mare, e Karlsefni li accompagnò via dall'isola. Prima di issare la vela Thorhall recitò un verso: "Torniamo, dove sono i nostri compatrioti. Facciamo in modo che l'abile falco della sand-heaven (sabbia-cielo) esplori le varie direzioni. Mentre gli intrepidi agitatori della sword-storm (tempesta di spade), che elogiano la terra e cucinano la balena, dimorano a Furdustrandir". 

Poi se ne andarono e salparono verso nord lungo Furdustrandir e Kjalarnes, e tentarono di navigare contro vento da ovest. Una tempesta li raggiunse, tuttavia, e li spinse in avanti contro l'Irlanda, e là furono severamente trattati, affascinati e percossi. Poi Thorhall ha perso la vita.

 

Capitolo X

Karlsefni procedette verso sud lungo la terra, con Snorri e Bjarni e il resto della compagnia. Viaggiarono a lungo, e fino a quando arrivarono a un fiume, che scendeva dalla landa e cadeva in un lago, e così via fino al mare. C'erano grandi isole al largo della foce del fiume e non potevano entrare in quel corso d'acqua se non durante l'alta marea.

Bjarni Herjólfsson è ritenuto essere stato il primo ad avvistare il Nordamerica nella Saga dei groenlandesi Egli raccontò della sua scoperta sia in Norvegia che in Grønland, dove Leif figlio di Erik si mostrò estremamente interessato alle nuove terre, da Wiki, tratto da: The Vinland sagas, Penguin Classic. Egli non è ben menzionato nella Saga di Erik il Rosso lasciando così a Leif il merito delle scoperte.

Karlsefni e il suo popolo navigarono fino alla foce del fiume e chiamarono la terra Hop. Lì trovarono campi di grano selvatico ovunque ci fossero terreni bassi; e la vite era lì in tutti i posti, dove sorgeva il terreno accidentato. Ogni ruscelletto era pieno di pesci. Fecero delle foracchiature, dove la terra e l'acqua si congiungevano e dove la marea era più alta e quando essa calava essi trovarono l’halibut nei buchi.

L’halibut è un pesce dalle carni delicate e molto apprezzate per la morbida polpa bianca simile a quella del rombo.

 

C'era una grande quantità di animali selvatici di ogni forma nel bosco. Erano lì da un mezzo mese, divertendosi, e non erano informati di nulla. Il bestiame lo avevano con loro. E una mattina presto, come si guardarono intorno,videro nove canoe fatte di pellame e una razza simile a persone brandendo bastoni stavano venendo dalle barche, e facevano un rumore simile al correggiato e girarono in tondo nella direzione del moto del sole.

correggiato: un bastone piuttosto lungo, all'estremità del quale era legato, con una striscia di cuoio, un altro bastone

Poi Karlsefni disse: "Che cosa vorranno dire?" Snorri gli rispose: "Può darsi che sia un segno di pace, prendiamo uno scudo bianco e andiamo incontro a loro". E così fecero.
Poi essi si misero in una fila di canoe, e mostrarono sorpresa a loro e giunsero a terra. Erano uomini bassi, dall'aspetto malvagio, con i capelli disordinati sulle loro teste; erano con grandi occhi e avevano le guance larghe. E rimasero lì per un po’ per lo stupore. Successivamente remarono verso sud, al largo del promontorio.

 

Capitolo XI

Avevano costruito i loro insediamenti sopra il lago. E alcune delle abitazioni erano ben all'interno della terra, ma altre erano vicino al lago. Ora sono rimasti lì quell'inverno. Non avevano neve, e tutti i loro bovini uscivano a pascolare senza guardiani.

Ora quando iniziò la primavera, videro una mattina presto, che una flotta di canoe-occultate stava remando da sud dal promontorio; erano così tante come se il mare fosse cosparso di pezzi di carbone, e c'era anche il brandeggio di doghe come il primo incontro da ogni barca.
Quindi essi tennero lì scudi su, e un mercato fu formato tra loro; e questa gente nei loro acquisti preferiva la stoffa rossa; in cambio avevano le pellicce da dare e le pelli erano abbastanza grigie. Volevano anche comprare spade e lance ma Karlsefni e Snorri lo proibirono.
Essi offrirono le pellicce oscure di pellame e presero in cambio una lunga pezza di stoffa, e la legarono intorno alle loro teste; e così le cose andarono avanti per un po’. Ma quando la scorta di stoffa cominciò a diminuire, la tagliarono in due, in modo che non fosse più larga di un dito.
Lo Skrælingar (Esquimaux) per averne ancora, diede ancora alquanto, o più di prima.

 

Capitolo XII

Ora avvenne che un toro, che apparteneva alla gente di Arlsefni, si precipitò fuori dal bosco e lanciò un mugghio violento allo stesso tempo. Gli Skrælingar, spaventati, si precipitarono verso le loro canoe e remarono a sud lungo la costa.
Non è stato quindi visto nessuno di loro per tre settimane di seguito. Quando fu passato quel tempo, si vide avvicinarsi da sud una grande folla di barche Skrælingar, che stava arrivando su di loro come una fiumana, i bastoni stavolta erano tutti branditi nella direzione opposta al moto del sole, e gli Skrælingar stavano tutti ululando rumorosamente. Così essi scoprirono gli scudi rossi e andarono loro incontro. Si sono affrontati e hanno combattuto, e c'è stata una grande pioggia di proiettili.
Lo Skrælingar aveva anche imbracature da guerra oppure fionde.

Allora Karlsefni e Snorri videro che gli Skrælingar stavano sollevando dei pali, con una palla molto grande attaccata a ciascuno, da confrontare in termini di dimensioni allo stomaco di una pecora, di colore scuro; e queste volarono sulla compagnia di Karlsefni verso la terra, e quando scesero, colpirono il terreno con un rumore orribile, e quando vennero giù, colpirono il terreno con un rumore orribile. Questo produsse un grande terrore in Karlsefni e nella sua compagnia, così che il loro unico impulso fu di ritirarsi lungo il fiume, perché sembrava che una moltitudine di Skrælingar li costringessero da tutte le parti. E non si fermarono finché non arrivarono a certe balze. Lì hanno offerto loro una dura resistenza.

Poi arrivarono gli Skrælingar su di lei. Ella si tirò giù la camicia e colpì il suo petto con la spada nuda. Visto questo, spaventati, si precipitarono verso le loro barche e fuggirono via. Karlsefni e il resto arrivarono da lei e la elogiarono per il suo fervore. Due degli uomini di Karlsefni caddero, e quattro degli Skrælingar, nonostante li avessero oppressi con numeri superiori. Dopo di ciò, procedettero alle loro capanne e iniziarono a riflettere sulla folla di uomini che li avevano attaccati su quella landa; è apparso chiaro a loro che l'unica truppa era stata quella che è arrivata con le barche, e l'altra truppa sarebbe stata un’illusione della vista. Anche uno Skrælingar trovò un uomo morto e la sua ascia giaceva accanto a lui. Uno di loro la colpì con una pietra con essa e ruppe l'ascia. Sembrava a loro buona a nulla, poiché non resisteva alla pietra, e la gettarono.

 

Capitolo XIII

[Karlsefni e la sua compagnia] ora erano dell'opinione che sebbene la terra potesse essere scelta e buona, lì ci sarebbero sempre guerre e terrore in eccesso, da quelli che abitavano lì prima di loro. Si prepararono, quindi, ad andare via, con l'intenzione di ritornare nella loro terra.
Salparono verso nord e trovarono cinque Skrælingar in giacche di pelle, addormentatati [vicino al mare], e con loro una cassa in essa c'era midollo di animali mescolato con sangue, ed essi considerando che questi dovevano essere stati messi fuorilegge. Li hanno uccisi. In seguito vennero a un promontorio e a una moltitudine di animali selvatici; e questo promontorio sembrava come fosse una crosta di sterco di vacca perché gli animali avevano passato l'inverno lì.

Ora arrivarono a Straumfjord, dove avevano anche abbondanza di tutti i tipi. Si dice da alcuni che Bjarni e Freydis rimasero là, e un centinaio di uomini con loro, e non andarono più via. Ma Karlsefni e Snorri viaggiarono verso sud, e quaranta uomini con loro, e dopo aver soggiornato non più di due mesi a Hop, erano tornati la stessa estate.
Karlsefni partì con una sola nave per cercare Thorhall, ma la (restante) compagnia rimase indietro. Lui e il suo popolo andarono verso nord al largo di Kjalarnes, e furono poi portati in avanti verso ovest, e la terra giaceva sul lato sinistro, e non era altro che deserto. E quando procedettero per molto tempo, c'era un fiume che scendeva dalla terra, che scorreva da est verso ovest. Diressero la loro corsa nella foce del fiume e si stesero di fronte alla sponda meridionale.

 

Capitolo XIV

Una mattina la gente di Karlsefni vide come un luccichio parlare sopra lo spazio aperto di fronte a loro e ci urlarono contro. Egli si mosse, ed era un essere della razza degli uomini che aveva soltanto un piede, egli saltò rapidamente verso dove essi si trovavano. Thorvald, figlio di Eirik il Rosso, si sedette al timone e One-footer lo colpì con una saetta nel basso addome. Egli trasse fuori la saetta.
Poi disse Thorvald: "Buona terra abbiamo raggiunto, e grassa è per la pancia". Poi One-footer saltò via di nuovo verso nord. Lo inseguirono e lo videro di tanto in tanto, ma sembrava come se volesse sfuggirli. Scomparve in un certo torrente. Quando essi tornarono indietro, un uomo cantò questa canzoncina:

"I nostri uomini hanno inseguito (tutto vero è) un One-footer in fondo alla riva; ma l'uomo fantastico si sforzò duramente nella corsa ... Hearken, Karlsefni".

 Poi tornarono indietro di nuovo verso nord e videro, come pensavano, la terra degli One-footers. Desiderarono tuttavia non mettere a rischio più la loro brigata.

Essi congetturarono che le montagne erano tutte nello stesso raggio; quelle, cioè che erano a Hop (la terra degli One-footer), e quelle che avevano appena scoperto, quasi rispondendo l'una all'altra; ed era la stessa distanza per loro da entrambi i lati da Straumsfjordr. Tornarono indietro, e furono a Straumsfjordr il terzo inverno. Che abbatté molto gli uomini in una rovina. Coloro che erano senza mogli pressarono la loro causa nelle mani di chi erano sposati.

Snorri, il figlio di Karlsefni, era nato il primo autunno, ed era già vecchio di tre inverni quando iniziarono il viaggio verso casa. Ora, quando salparono da Vinland, avevano un vento del sud e raggiunsero Markland, e trovarono cinque Skrælingar; uno era un uomo con la barba, due erano donne, due bambini. Le persone di Karlsefni catturarono i bambini, ma gli altri fuggirono e affondarono nella terra. Essi presero i bambini con loro, e insegnarono la loro lingua, e furono battezzati. I bambini chiamarono la loro madre Vætilldi e il loro padre Uvægi. Dissero che i re dominavano la terra degli Skrælingar, uno dei quali si chiamava Avalldamon e l'altro Valldidida. Dicevano anche che non c'erano case e la gente viveva in caverne o buchi. Dicevano, inoltre, che c'era una terra dall'altra parte oltre la loro terra, e la gente lì era vestita con indumenti bianchi, emettevano forti grida, portavano lunghi pali e indossavano frange.(bare = di una persona o di una parte del corpo non coperto).
Per questo si suppose che doveva essere la terra degli Hvitramannaland (whiteman’s land). Poi ritornarono in Grønland e rimasero con Eirik il Rosso durante l'inverno.

 

Capitolo XV

Bjarni, il figlio di Grimolf, ei suoi uomini furono trasportati nell'oceano Irlandese, e arrivarono in un posto, dove il mare era infestato dai vermi delle navi. Non lo scoprirono prima che la nave fosse mangiata sotto di loro, poi discussero su quale piano avrebbero dovuto seguire.

Avevano una barca di una nave che era imbrattata di catrame di grasso di foca. Si dice che il verme della nave non si annida nel legno che è stato imbrattato con il catrame di foca. I consigli e le informazioni della maggior parte degli uomini erano di imbarcare nella barca tanti uomini quanto più avrebbe potuto reggere. Ora, quando fu provato, la barca conteneva non più della metà degli uomini. Allora Bjarni consigliò che dovesse essere deciso tirando a sorte, e non dal grado degli uomini quali di loro dovevano andare nella barca, e dato che ogni uomo voleva entrare nella barca, sebbene non potesse tenerli tutti; quindi, hanno accettato il piano di tirare a sorte chi doveva lasciare la nave per la barca.

E così la sorte cadde su Bjarni, e quasi la metà dei suoi uomini sono stati scelti per la barca. Così allora quelli lasciarono la nave e andarono nella barca così come era stata la sorte della scelta.

E quando gli uomini furono entrati nella barca, un giovane uomo, un islandese che era stato un compagno di viaggio di Bjarni, disse: "Tu intendi, Bjarni, separarti qui da me". "Deve essere così ora, " rispose Bjarni. Egli replicò: "Perché, in tal caso, non mi hai promesso così quando partii dall'Islanda con te dalla fattoria di mio padre". Bjarni rispose: "Tuttavia, non vedo qui nessun altro piano, ma tu quale piano suggerisci?" "Propongo questo piano, che noi due facciamo una variazione nei nostri posti, tu vieni qui ed io andrò lì". Bjarni rispose, "Così sarà, e questo vedo, che ti affanni volontariamente per la vita, e che ti sembra una cosa dolorosa affrontare la morte." Poi cambiarono di posto. L'uomo è entrato nella barca, e Bjarni torna nella nave; e si dice che Bjarni sia perito là nel mare del Verme, e quelli che erano con lui sulla nave; ma la barca e quelli che vi erano dentro continuarono il loro viaggio fino a quando raggiunsero la terra, e raccontarono questa storia in seguito.


Capitolo XVI

La successiva estate Karlsefni partì per l'Islanda, e Snorri con lui, e andò a casa a casa sua a Reynines. Sua madre pensò che avesse disputato un malridotto incontro, e lei non era a casa il primo inverno. Ma quando scoprì che Gudrid era una donna senza pari, andò a casa e il loro rapporto fu felice. La figlia di Snorri, figlio di Karlsefni, era Hallfrid, madre del vescovo Thorlak, figlio di Runolf. (Hallfrid e Runolf) aveva un figlio, il cui nome era Thorbjorn; sua figlia era Thorun, madre del vescovo Bjarn. Thorgeir era il nome di un figlio di Snorri, il figlio di Karlsefni; era padre di Yngvild, la madre del primo vescovo Brand.

E qui finisce questa storia.

Traduzione con poco merito eseguita con traduttori on line.
The Saga of Erik the Red di J. Sephton 1880.

 

 

Lassù c'è uno spazio ripetuto aspetta, ora correggo...

 

Thorbjorg Gilsdottir (Vecchio norvegese: Þorbjǫrg knarrarbringa Gilsdóttir) è una donna islandese del X secolo menzionata più volte nelle saghe islandesi principalmente in relazione al suo genero, Erik il Rosso. Conosciuta anche come "Thorbjorg Knarrebringe"
Thorbjorg figlia di Gils Herfinnsson, il colono originario di Gilsfjord, era sposata con Jorund Atlason "Jorund Ulfsson" ma, al momento del matrimonio della loro figlia Thjodhild con Erik, Jorund morì e Thorborg si risposò con un uomo di nome Thorbjorn. Insieme andarono a vivere nella fattoria della famiglia di Thorbjorn nella regione di Haukadale in Islanda, nella stessa regione si trasferì pure Erik.
Il soprannome di Thorborg "knarrarbringa" è una combinazione delle parole "Old Norse knǫrr" e "Bringa" che si può tradurre letteralmente in inglese le parole "nave" o "seno". L'esatto intento dietro il nome è una questione di speculazione, anche se molti studiosi concordano sul fatto che si riferisce a lei per via dei suoi grandi seni o più comunemente, una donna molto grande.

 

Thorvald Eiriksson ebbe il primo contatto con la popolazione nativa che sarebbe diventata nota come skrælings. Dopo aver catturato e ucciso otto dei nativi, furono attaccati alle loro navi arenate, che difesero:
"Sono stato ferito sotto il braccio", disse. 'Una freccia volò tra il bordo della nave e lo scudo nella mia ascella. Ecco la freccia, e questa ferita causerà la mia morte".

https://en.wikipedia.org/wiki/Battle_of_Vinland_(1003)

 

Hvítramannaland (terra dei bianchi), anche conosciuta come Irlanda mikla (Grande Irlanda), è un'isola fantasma. Si dice che questa terra sia stata localizzata da vari marinai vichinghi vicino a Vinland.
https://en.wikipedia.org/wiki/Great_Ireland

 

 

Scheda: Scoperta e colonizzazione della Greenland A. D. 985.

Scheda: Biarne cercò la Groenlandia. A.D. 986.

Scheda: Viaggio di Leif Erikson A. D. 994.

Scheda: Thorvald arriva a Wineland A. D. 1002.

Scheda: Dei viaggi Wineland di Thorfinn e dei suoi compagni A. D. 1005.

Scheda: Viaggio di Freydis, Helgi, and Finnbogi  A. D. 1011.

Scheda: Di Freydis.

 

 

You are here La saga di Erik il Rosso