Vilmes ito

Non credere a nessuno neanche se te lo dico io

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Biancaneve e Rosarossa

E-mail Stampa PDF

Biancaneve e Rosarossa

Una vedova povera una volta viveva in una casetta con un giardino davanti, in cui crescevano due alberelli di rose, uno con rose bianche e l'altro con rose rosse. Aveva due figlie, che erano proprio come i due alberelli di rose; una si chiamava Biancaneve e l'altra Rosarossa, ed erano le bambine più dolci e migliori del mondo, sempre diligenti e sempre allegre; ma Biancaneve era più silenziosa e gentile di Rosarossa. Rosarossa amava correre per i campi e per i prati a raccogliere fiori e catturare farfalle; Biancaneve sedeva a casa con sua madre e l'aiutava nelle faccende, o le leggeva ad alta voce, quando non c'era altro da fare.
Le due bambine si amavano così tanto che camminavano sempre mano nella mano ogni volta che uscivano insieme, e quando Biancaneve diceva: "Non ci lasceremo mai", Rosarossa rispondeva: "No, non finché vivremo"; e la madre aggiunse: "Qualunque cosa l’una ottenga, la dividerà con l'altra".
Spesso si aggiravano nei boschi raccogliendo bacche e nessuna bestia si offriva di far loro del male, al contrario, si avvicinavano a loro nel modo più confidenziale; la piccola lepre mangiava una foglia di cavolo dalle loro mani, il cervo pascolava vicino a loro, il capriolo ballava allegramente accanto a loro, e gli uccelli rimanevano sui rami e cantavano per loro con tutte le loro forze.

Nessun male è mai capitato loro; se si attardavano fino a tardi nel bosco e la notte le raggiungeva, si sdraiavano insieme sul muschio e dormivano fino al mattino, e la loro madre sapeva che erano al sicuro e non si sentiva mai in ansia per loro. Una volta, dopo aver dormito tutta la notte nel bosco ed essere stati svegliati dal sole del mattino, scorsero un bellissimo bambino in una splendente veste bianca seduto vicino al loro luogo di riposo. La figura si alzò, li guardò gentilmente, ma non disse nulla e scomparve nel bosco. E quando si guardarono intorno, si accorsero di aver dormito molto vicino ad un precipizio, nel quale sarebbero certamente cadute se fossero andati avanti di qualche gradino nell'oscurità. E quando raccontarono alla madre della loro avventura, lei disse che quello che avevano visto doveva essere l'angelo che custodisce i bambini buoni.
Biancaneve e Rosarossa tenevano il cottage della madre così meravigliosamente pulito e ordinato che era un piacere entrarci. D'estate Rosarossa si prendeva cura della casa, e ogni mattina prima che sua madre si svegliasse metteva un mazzo di fiori davanti al letto, da ogni alberello una rosa. D'inverno Biancaneve accendeva il fuoco e metteva il bollitore, che era d’ottone, ma così ben levigato da risplendere come l'oro.
La sera, quando cadevano i fiocchi di neve, la madre disse: "Biancaneve, vai a chiudere le imposte", e si mettevano intorno al fuoco, mentre la madre si metteva gli occhiali e leggeva ad alta voce da un grosso libro, le due ragazze ascoltavano sedute o distese. Accanto a loro per terra giaceva un agnellino e dietro di loro si appollaiava una piccola colomba bianca con la testa nascosta sotto le ali.

Una sera, mentre erano sedute così comodamente insieme, qualcuno bussò alla porta come se desiderasse entrare. La madre disse: "Rosarossa, apri subito la porta; deve essere un viaggiatore in cerca di riparo". Rosarossa si affrettò a togliere le sbarre alla porta e credette di vedere un pover'uomo in piedi nell'oscurità fuori; ma non era niente di tutto ciò, solo un orso che ficcò la sua grossa testa nera attraverso la porta. Rosarossa gridò forte e balzò indietro terrorizzata, l'agnello cominciò a belare, la colomba sbatté le ali e Biancaneve corse a nascondersi dietro il letto di sua madre. Ma l'orso cominciò a parlare, e disse: "Non temere: non ti farò del male. Sono mezzo congelato e desidero solo scaldarmi un po' ".

"Mio povero orso, " disse la madre, "sdraiati accanto al fuoco, fai solo attenzione a non bruciarti il ​​pelo". Poi gridò: "Biancaneve e Rosarossa, venite fuori; l'orso non vi farà alcun male, è una creatura buona e onesta". Così uscirono entrambe dai loro nascondigli, e poco a poco anche l'agnello e la colomba si avvicinarono, e tutti dimenticarono la loro paura. L'orso chiese ai bambini di togliere un po' di neve dalla pelliccia e loro andarono a prendere una spazzola e lo strofinarono finché non fu asciutto. Quindi la bestia si stese davanti al fuoco e ringhiò in modo felice e confortevole. I bambini presto si trovarono presto a loro agio con lui e condussero il loro ospite inerme ad una vita spaventosa. Gli tirarono la pelliccia con le mani, gli misero i piedini sulla schiena e lo fecero rotolare qua e là, oppure presero una bacchetta di nocciolo e lo picchiarono con essa; e se ringhiava, ridevano solo. L'orso si sottometteva a tutto con la migliore bontà possibile, solo quando andavano troppo oltre gridò: "Oh! Bambini, risparmiami la vita! "Biancaneve e rosa rossa, Non picchiate a morte il vostro amato".

Quando giunse il momento di ritirarsi per la notte e gli altri andarono a letto, la madre disse all'orso: "Puoi sdraiarti lì sul focolare, in nome del cielo; sarà per te un riparo dal freddo e dall'umidità. " Non appena spuntò il giorno, i bambini lo condussero fuori, ed egli trotterellò sulla neve nel bosco. Da quel momento in poi l'orso venne ogni sera alla stessa ora, si sdraiava vicino al focolare e lasciava che le bambine facessero con lui gli scherzi che volevano; si abituarono così tanto a lui che la porta non veniva mai chiusa finché il loro amico nero non faceva la sua comparsa.

Quando venne la primavera, e tutto fuori era verde, l'orso disse una mattina a Biancaneve: "Ora devo andare via e non tornare più per tutta l'estate". "Dove vai, caro orso?" chiese Biancaneve. "Devo andare nel bosco e proteggere il mio tesoro dai nani malvagi. In inverno, quando la terra è ghiacciata, sono costretti a rimanere sottoterra, perché non possono farsi strada; ma ora, quando il sole ha scongelato e riscaldato la terra, la sfondano e salgono in alto per spiare la terra e rubare ciò che possono; ciò che cade nelle loro mani e nelle loro caverne non viene facilmente riportato alla luce". Biancaneve era molto triste per la partenza del loro amico, e quando aprì la porta per lui, l'orso, uscendo, prese un pezzo della sua pelliccia nel battente della porta, e Biancaneve credette di aver visto dell'oro luccicante sotto di esso, ma non poteva esserne certa; e l'orso corse via in fretta, e presto scomparve dietro gli alberi.

Poco tempo dopo la madre mandò i bambini nel bosco a raccogliere fascine. Nel loro girovagare s’imbatterono in un grande albero che giaceva abbattuto a terra, e sul tronco tra l'erba lunga notarono qualcosa che saltava su e giù, ma non riuscirono a distinguere cosa fosse. Quando si avvicinarono, videro un nano con la faccia avvizzita e una barba lunga almeno un metro. L'estremità della barba era incastrata in una fessura dell'albero, e l'omino si agitava come un cane alla catena, e sembrava non sapere cosa doveva fare. Fissò le ragazze con i suoi occhi rosso fuoco, e gridò: "Cosa state facendo lì? Non potete venire ad aiutarmi?".

"Cosa stavi facendo, ometto?" chiese Rosarossa. "Stupida oca curiosa!" rispose il nano; "volevo spaccare l'albero, per ricavarne piccole schegge di legno per il fuoco della nostra cucina, quei grossi tronchi che servono a fare il fuoco per gente grossolana e avida come voi bruciano quasi tutto il poco cibo che ci serve. Avevo conficcato con successo il cuneo, e tutto stava andando bene, ma il legno maledetto era così scivoloso che improvvisamente è schizzato fuori, e l'albero si è chiuso così rapidamente che non ho avuto il tempo di togliere la mia bella barba bianca, così eccomi qui bloccato e non posso scappare; e voi sciocche ragazze dalla faccia liscia, latte e acqua, state lì a ridere! Che disgraziate che siete!".

Le bambine fecero tutto ciò che era in loro potere, ma non riuscirono a togliere la barba; era incastrata troppo saldamente. "Correrò a chiamare qualcuno", disse Rosarossa "Stupide teste di legno!" scattò il nano; "a che serve chiamare qualcun altro? Siete già due di troppo per me. Non vi viene in mente niente di meglio?". "Non essere così impaziente", disse Biancaneve, "vedrò di aiutarti", e prendendo le forbici dalla tasca gli tagliò la punta della barba. Non appena il nano si sentì libero, afferrò una borsa piena d'oro che era nascosta tra le radici dell'albero, la sollevò e mormorò ad alta voce: "Maledizione, questi maleducati che tagliano un pezzo della mia splendida barba!" Con queste parole si girò la borsa sulla schiena e scomparve senza nemmeno guardare i bambini.

Poco dopo Biancaneve e Rosarossa uscirono a prendere un piatto di pesce. Mentre si avvicinavano al ruscello videro qualcosa che sembrava un'enorme cavalletta che balzava verso l'acqua come se stesse per saltarci dentro. Corsero in avanti e riconobbero il loro vecchio amico nano. "Dove stai andando?" chiese Rosarossa; "non vorrai mica buttarti in acqua?"

"Non sono così stupido", gridò il nano. "Non vedi che quel maledetto pesce sta cercando di trascinarmi dentro?". Il piccolo uomo era stato seduto sulla riva a pescare, quando purtroppo il vento gli aveva impigliato la barba nella lenza; e quando subito dopo un grosso pesce morse, la debole piccola creatura non ebbe la forza di tirarla fuori, il pesce aveva la pinna superiore, e trascinò il nano verso di lui. Si aggrappò con tutte le sue forze ad ogni giunco e filo d'erba, ma questo non lo aiutò molto; doveva seguire ogni movimento del pesce e correva il gran pericolo di essere trascinato in acqua. Le ragazze arrivarono al momento giusto, lo tennero fermo e fecero di tutto per districare la sua barba dalla lenza, ma invano, barba e lenza erano in un pasticcio senza speranza. Non restava altro che prendere le forbici e tagliare la barba, sacrificandone un’altra piccola parte.

Quando il nano si accorse di quello che stavano facendo, gridò loro: "Le chiamate buone maniere, voi rospi, per sfigurare il volto di un individuo? Non bastava che mi abbreviaste la barba prima, ora dovete per forza tagliarne la parte migliore. Non posso apparire così davanti alla mia gente. Vorrei che tu fossi stata prima a Gerico ". Poi prese un sacco di perle che giaceva tra i giunchi, e senza dire un'altra parola lo trascinò via e scomparve dietro una pietra.

Accadde che poco dopo la madre mandò le due ragazze in città a comprare aghi, filo, pizzi e nastri. La strada conduceva per una brughiera dove enormi massi di roccia erano sparsi qua e là. Mentre arrancavano, videro un grande uccello librarsi nell'aria, volteggiare lentamente sopra di loro, ma scendere sempre più in basso, finché alla fine si posò su una roccia non lontana da loro. Subito dopo sentirono un grido acuto e penetrante. Corsero avanti e videro con orrore che l'aquila si era avventata sul loro vecchio amico, il nano, e stava per portarlo via. Le bambine dal cuore tenero afferrarono il piccolo uomo e lottarono così a lungo con l'uccello che alla fine lasciò andare la sua preda.

Quando il nano si riprese dal primo shock, urlò con la sua voce stridula: "Non potevate trattarmi con più attenzione? Avete fatto a pezzi il mio sottile cappottino, inutili e goffe donnacce che siete!". Poi prese una borsa di pietre preziose e sparì sotto le rocce nella sua caverna. Le ragazze erano abituate alla sua ingratitudine, e continuarono per la loro strada e fecero i loro affari in città. Tornando a casa, mentre passavano di nuovo per la brughiera, sorpresero il nano che versava le sue pietre preziose in uno spazio aperto, perché pensava che nessuno sarebbe passato ad un'ora così tarda. Il sole della sera brillava sulle pietre scintillanti, che scintillavano e brillavano così bene che i bambini rimasero fermi a guardarle.

"Per cosa stai lì a bocca aperta?" gridò il nano, e il suo viso grigio cinereo divenne scarlatto dalla rabbia. Stava per andarsene con queste parole rabbiose, quando si udì un ringhio improvviso e un orso nero trotterellò fuori del bosco. Il nano balzò in piedi terrorizzato, ma non ebbe il tempo di raggiungere il suo luogo di ritiro perché l'orso gli era già vicino. Allora gridò terrorizzato: "Caro signor Orso, risparmiami! Ti darò tutto il mio tesoro. Guarda quelle belle pietre preziose che giacciono lì. Risparmia la mia vita! Che piacere otterresti da un povero debole come me "Non mi sentirai tra i denti. Ecco, prendi queste due ragazze malvagie, ti saranno un boccone tenero, grasso come quaglie giovani; mangiale, per l'amor del cielo". Ma l'orso, non prestando attenzione alle sue parole, diede un colpo con la zampa alla piccola creatura malvagia, che non si mosse più.

Le ragazze erano scappate via, ma l'orso le chiamò: "Biancaneve e Rosarossa, non abbiate paura; aspettate, e io verrò con voi". Allora esse riconobbero la sua voce e si fermarono, e quando l'orso fu abbastanza vicino a loro la sua pelle improvvisamente cadde, e un bellissimo uomo stava accanto a loro, tutto vestito d'oro. "Sono il figlio di un re ", disse, "e sono stato condannato da quel piccolo empio nano, che aveva rubato il mio tesoro, a vagare per i boschi come un orso selvaggio finché la sua morte non mi avrebbe liberato. Ora ha avuto la sua meritata punizione".

Biancaneve lo sposò, e Rosarossa suo fratello, e si divisero il gran tesoro che il nano aveva raccolto nella sua caverna. La vecchia madre visse per molti anni serenamente con le sue figlie; e portò con sé i due alberelli di rose, che stavano davanti alla sua finestra, e ogni anno sbocciavano le più belle rose rosse e bianche.

 

By fratelli Grimm

You are here Fiabe Biancaneve e Rosarossa