Vilmes ito

Non credere a nessuno neanche se te lo dico io

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il piccolo gatto bianco.

E-mail Stampa PDF

IL PICCOLO GATTO BIANCO.

Edmund Leamy

 

Tanto, tanto tempo fa, in una valle lontana, il gigante Trencoss viveva in un grande castello, circondato da alberi sempre verdi. Il castello aveva cento porte, e ogni porta era sorvegliata da un enorme cane ispido, con lingua di fuoco e artigli di ferro, che faceva a pezzi chiunque entrasse nel castello senza il permesso del gigante.

Trencoss aveva fatto guerra al re dei torrenti e, dopo aver ucciso il re, ucciso il suo popolo e bruciato il suo palazzo, portò la sua unica figlia, la principessa Eileen, al castello nella valle. Qui le fornì delle belle stanze, e incaricò cento nani, vestiti di raso blu e giallo, di servirla, e arpisti per suonare una dolce musica per lei, e le diede diamanti senza numero, più luminosi del sole; ma non le permise di uscire dal castello, e le disse che se avesse fatto un passo oltre le porte, i segugi, con lingue di fuoco e artigli di ferro, l'avrebbero fatta a pezzi. Una settimana dopo il suo arrivo, scoppiò la guerra tra il gigante e il re delle isole, e prima di partire per la battaglia, il gigante mandò a chiamare la principessa e la informò che al suo ritorno l'avrebbe resa sua moglie.

Quando la principessa sentì questo, cominciò a piangere, perché avrebbe preferito morire piuttosto che sposare il gigante che aveva ucciso suo padre.

Piangere rovinerà solo i tuoi occhi luminosi, mia piccola principessa", disse Trencoss, "e dovrai sposarmi, che ti piaccia o no".

Poi la fece tornare nella sua stanza, e ordinò ai nani di darle tutto quello che lei chiedeva mentre lui era via, e agli arpisti di suonare la musica più dolce per lei. Quando la principessa raggiunse la sua stanza, pianse come se le si spezzasse il cuore.

Il lungo giorno passò lentamente, e la notte arrivò, ma non portò il sonno a Eileen, e nella grigia luce del mattino si alzò, aprì la finestra e guardò in ogni direzione per vedere se ci fosse qualche possibilità di fuga.

Ma la finestra era sempre così alta rispetto al suolo, e sotto c'erano i segugi affamati e sempre vigili. Con il cuore pesante stava per chiudere la finestra quando le sembrò di vedere i rami dell'albero più vicino muoversi. Guardò di nuovo, e vide un piccolo gatto bianco che strisciava lungo uno dei rami.

“Miao!" gridò il gatto, "Povero micio", disse la principessa. "Vieni da me, micio".

"Allontanati dalla finestra", disse il gatto, "e lo farò".

La principessa fece un passo indietro, e il piccolo gatto bianco saltò nella stanza. La principessa prese il piccolo gatto in grembo e lo accarezzò con la mano, e il gatto alzò la schiena e cominciò a fare le fusa.

"Da dove vieni e come ti chiami?" chiese la principessa.

"Non importa da dove vengo o come mi chiamo", disse il gatto. "Sono un tuo amico e sono venuto ad aiutarti".

"Non ho mai voluto aiuto peggiore", disse la principessa. "Lo so", disse il gatto; "e ora ascolta”.

“Quando il gigante torna dalla battaglia e ti chiede di sposarlo, digli che lo sposerai".

"Ma non lo sposerò mai", disse la principessa.

"Fai quello che ti dico", disse il gatto. - Quando ti chiederà di sposarlo, digli che lo farai se i suoi nani avvolgeranno per te tre palline della rugiada delle fate che si trova sui cespugli in un mattino nebbioso, grandi come queste", disse il gatto, mettendo la sua zampa destra anteriore destro nell'orecchio e tirando fuori tre palline: una gialla, una rossa e una blu”.

“Sono molto piccole" disse la principessa. "Non sono molto più grandi dei piselli, e i nani non ci metteranno molto al loro lavoro”.

"Non è vero", disse il gatto. "Ci vorranno un mese e un giorno per farne una, così ci vorranno tre mesi e tre giorni prima che le palline siano avvolte; ma il gigante, come te, penserà che si possano fare in pochi giorni, e quindi prometterà prontamente di fare ciò che chiedi. Si accorgerà presto del suo errore, ma manterrà la sua parola, e non ti spingerà a sposarlo fino a quando le palline non saranno avvolte".

"Quando tornerà il gigante?" chiese Eileen.

"Tornerà domani pomeriggio", disse il gatto.

"Resterai con me fino allora?" disse la principessa. "Mi sento molto sola". "Non posso restare", disse il gatto.

"Devo andare al mio palazzo sull'isola su cui nessun uomo ha mai messo piede, e dove nessun uomo se non uno potrà mai venire.”

"E dov'è l'isola?" chiese la principessa, "e chi è l'uomo?"

"L'isola è nei mari lontani, dove la nave non ha mai navigato; l'uomo non lo vedrai che prima di molti giorni siano finiti; e se tutto va bene, un giorno ucciderà il gigante Trencoss, e ti libererà dal suo potere".

"Ah!" sospirò la principessa, "questo non potrà mai accadere, perché nessuna arma può ferire i cento segugi che custodiscono il castello, e nessuna spada può uccidere il gigante Trencoss."

“C'è una spada che lo ucciderà", disse il gatto; "ma ora devo andare”.

“Ricorda cosa devi dire al gigante quando torna a casa, e ogni mattina guarda l'albero su cui mi hai visto, e se vedi tra i rami qualcuno che piace di più a te, " disse il gatto, strizzando l'occhio alla principessa, "lanciagli queste tre palline e lascia il resto a me; ma fai attenzione a non dirgli una sola parola, perché se lo fai tutto sarà perduto."

“Ti rivedrò mai più?" chiese la principessa.

"Il tempo lo dirà", rispose il gatto, e senza dire altro che arrivederci, saltò dalla finestra sull'albero e in un secondo era fuori dalla vista.

Il pomeriggio del giorno dopo arrivò, e il gigante Trencoss tornò dalla battaglia. Eileen seppe del suo arrivo dall'abbaiare furioso dei cani, e il suo cuore sprofondò, perché sapeva che in pochi istanti sarebbe stata convocata alla sua presenza. Infatti, egli era appena entrato nel castello quando la mandò a chiamare e le disse di prepararsi per il matrimonio. La principessa cercò di sembrare allegra, mentre rispondeva:

"Sarò pronta non appena lo desiderate; ma dovete prima promettermi qualcosa".

"Chiedi quello che vuoi, piccola principessa", disse Trencoss.

“Bene, allora", disse Eileen, "prima che io ti sposi, devi fare in modo che i tuoi nani avvolgano tre palline grandi come queste con la rugiada delle fate che si trova sui cespugli in una nebbiosa mattina d'estate."

"Tutto qui?" disse Trencoss, ridendo. "Impartirò subito ordini ai nani, e domani a quest'ora le palle saranno avvolte, e il nostro matrimonio potrà aver luogo la sera".

"E mi lascerai per conto mio fino allora?"

"Lo farò", disse Trencoss.

“Sul tuo onore di gigante” poi chiese Eileen.

"Sul mio onore di gigante", rispose Trencoss.

La principessa tornò nelle sue stanze, e il gigante convocò tutti i suoi nani, e ordinò loro di uscire all'alba e di raccogliere tutta la rugiada delle fate sui cespugli, e di avvolgere tre palline: una gialla, una rossa e una blu. La mattina dopo, e quella dopo ancora, e quella dopo ancora, i nani uscirono nei campi e cercarono in tutte le siepi, ma riuscirono a raccogliere solo tanta rugiada di fata da fare un filo lungo come il ciglio di una bambina; e così dovettero uscire mattina dopo mattina, e il gigante sbuffava e minacciava, ma tutto a inutilmente. Era molto arrabbiato con la principessa, ed era seccato con se stesso perché lei era molto più intelligente di lui, e, inoltre, ora vedeva che il matrimonio non poteva avvenire così presto come si aspettava.

Quando il piccolo gatto bianco si allontanò dal castello, corse più veloce che poteva su per le colline e giù per le valli, e non si fermò mai finché non arrivò al principe del fiume d'argento. Il principe era solo, ed era molto triste e addolorato, perché pensava alla principessa Eileen e si chiedeva, dove potesse essere.

"Miao", disse il gatto, entrando dolcemente nella stanza, ma il principe non lo ascoltò. "Miao", disse di nuovo il gatto, ma il principe non lo ascoltò. "Miao", disse il gatto la terza volta, e saltò sulle ginocchia del principe.

"Da dove vieni e cosa vuoi?" chiese il principe.

"Vengo da dove vorresti essere", disse il gatto.

"E dove sarebbe?" disse il principe.

"Oh, dov'è, davvero! Come se non sapessi a cosa e a chi stai pensando", disse il gatto; "e sarebbe molto meglio per te cercare di salvarla".

"Darei mille volte la mia vita per lei", disse il principe.

"Per chi?" disse il gatto, ammiccando. "Non ho fatto nomi vostra altezza", disse lui.

"Sai molto bene chi è", disse il principe, "se sapevi a cosa stavo pensando; ma sai dove si trova?".

"È in pericolo", disse il gatto. “È nel castello del gigante Trencoss, nella valle oltre le montagne".

"Partirò subito", disse il principe, "e sfiderò il gigante in battaglia e lo ucciderò". "Più facile a dirsi che a farsi", disse il gatto.

"Non c'è spada fatta dalle mani dell'uomo che possa ucciderlo, e anche se tu riuscissi a ucciderlo, i suoi cento segugi, con lingue di fuoco e artigli di ferro, ti farebbero a pezzi".

“Allora, cosa devo fare?" Chiese il principe. "Fatti dire da me", disse il gatto. "Vai nel bosco che circonda il castello del gigante, arrampicati sull'alto albero più vicino alla finestra che guarda verso il tramonto, e scuoti i rami e vedrai quello che vedrai. Quindi tendi il cappello con le piume d'argento e tre palline - una gialla, una rossa e una blu - saranno gettate dentro. E poi torna qui il più velocemente possibile; ma non dire una parola, perché se pronunci una sola parola i segugi ti sentiranno, e sarai fatto a pezzi ".

Ebbene, il principe partì subito, e dopo due giorni di viaggio arrivò al bosco intorno al castello, si arrampicò sull'albero più vicino alla finestra che guardava verso il tramonto, e scosse i rami. Non appena lo fece, la finestra si aprì e vide la principessa Eileen, più bella che mai. Stava per chiamare per nome, ma lei si portò le dita sulle labbra, e lui si ricordò di quello che gli aveva detto il gatto, che non doveva dire una parola. In silenzio tese il cappello con le piume d'argento, e la principessa vi gettò dentro le tre palline, una dopo l'altra, e, soffiandogli un bacio, chiuse la finestra. E fece bene a farlo, perché proprio in quel momento sentì la voce del gigante che tornava dalla caccia:

Il principe aspettò che il gigante fosse entrato nel castello prima di scendere dall'albero. Partì più in fretta che poté. Andò su e giù per le colline e giù per le valli, e non si fermò mai finché non arrivò al suo palazzo, e lì ad aspettarlo c'era il piccolo gatto bianco.

"Hai portato le tre palline?" disse lui.

"Le ho portate", disse il principe.

"Allora seguimi", disse il gatto.

Andarono avanti finché non si lasciarono il palazzo alle spalle e giunsero in riva al mare.

"Ora", disse il gatto, "sbroglia un filo della palla rossa, tieni il filo nella mano destra, lascia cadere la palla nell'acqua e vedrai quello che vedrai".

Il principe fece come gli fu detto, e la pallina galleggiò in mare, srotolandosi mentre procedeva, e continuò finché non fu fuori dalla vista.

"Tira ora", disse il gatto.

Il principe tirò e, mentre lo faceva, vide lontano qualcosa sul mare che brillava come argento. Si avvicinò sempre di più e vide che era una piccola barca d'argento. Alla fine toccò l'arenile.

“Ora," disse il gatto, "sali su questa barca ed essa ti porterà al palazzo dell'isola su cui nessun uomo ha mai messo piede - l'isola nei mari sconosciuti che non sono mai stati solcati da navi fatte da mani umane. In quel palazzo c'è una spada con l'elsa di diamante, e solo con quella spada il gigante Trencoss può essere ucciso”.

“Ci sono anche cento torte, e solo mangiandole, i cento segugi possono morire. Ma bada a quello che ti dico: se mangi o bevi prima di raggiungere il palazzo del piccolo gatto nell'isola nei mari sconosciuti, dimenticherai la principessa Eileen".

"Dimenticherò prima me stesso", disse il principe, mentre saliva sulla barca d'argento, che si allontanò così rapidamente da essere presto fuori dalla vista della terra.

Il giorno passava e la notte scendeva, e le stelle brillavano sull'acqua, ma la barca non si fermava mai. Andò avanti per due giorni e due notti intere, e la terza mattina il principe vide un'isola in lontananza, e fu molto contento, perché pensava che fosse la fine del suo viaggio, e stava quasi per svenire dalla sete e dalla fame. Ma il giorno passò e l'isola era ancora davanti a lui.

Finalmente, il giorno seguente, alla prima luce del mattino, vide che era abbastanza vicino e che gli alberi carichi di frutta di ogni tipo si chinavano sull'acqua. La barca navigò intorno all'isola, avvicinandosi sempre di più a ogni giro, finché, finalmente, i rami cadenti quasi la toccarono. La vista della frutta a portata di mano rese il principe più affamato e assetato che prima, e dimenticando la promessa fatta al gattino di non mangiare nulla fino a quando non fosse entrato nel palazzo nei mari sconosciuti, afferrò uno dei rami e, in un attimo, fu sull'albero a mangiare il delizioso frutto.

Mentre lo faceva, la barca prese il largo e presto si perse di vista; ma il principe, dopo aver mangiato, si dimenticò di tutto e, peggio ancora, si dimenticò della principessa nel castello del gigante. Quando ebbe mangiato a sufficienza, scese dall'albero e, voltando le spalle al mare, si avviò avanti a sé. Non era andato lontano quando sentì il suono della musica, e subito dopo vide alcune fanciulle che suonavano delle arpe d'argento venire verso di lui. Quando lo videro, smisero di suonare e gridarono:

"Benvenuto! Benvenuto! Principe del fiume d'argento, benvenuto sull'isola dei frutti e dei fiori. Il nostro re e la nostra regina ti hanno visto arrivare dal mare e ci hanno mandato a portarti a palazzo".

Il principe andò con loro, e alle porte del palazzo il re, la regina e la loro figlia Kathleen lo ricevettero e gli diedero il benvenuto. Non vide quasi il re e la regina, perché i suoi occhi erano fissi sulla principessa Kathleen, che sembrava più bella di un fiore. Pensava di non aver mai visto nessuna così adorabile, perché, naturalmente, aveva dimenticato la povera Eileen che si struggeva nella sua prigione del castello nella valle solitaria. Quando il re e la regina ebbero dato il benvenuto al principe, fu organizzato un grande banchetto, e tutti i signori e le dame della corte si sedettero, e il principe si sedette tra la regina e la principessa Kathleen, era innamorato di lei oltre ogni limite.

Quando la festa finì, la regina ordinò di preparare la sala da ballo, e quando scese la notte iniziarono le danze, che si protrassero fino alla stella del mattino, e il principe ballò tutta la notte con la principessa, innamorandosi sempre più profondamente di lei ogni minuto.

Tra le danze di notte e i banchetti di giorno passarono settimane. Per tutto il tempo la povera Eileen nel castello del gigante contava le ore, e per tutto questo tempo i nani avvolgevano le palline, e una pallina e mezza era già avvolta.

Alla fine il principe chiese al re e alla regina la loro figlia in sposa, ed essi furono felici di poter dire di sì, e fu fissato il giorno delle nozze. Ma la sera prima del giorno fissato per le nozze, il principe si trovava nella sua stanza e si stava preparando per un ballo, quando sentì qualcosa sfregare contro la sua gamba e, guardando in basso, chi avrebbe dovuto vedere se non il piccolo gatto bianco. Alla sua vista il principe si ricordò di tutto, e fu triste e dispiaciuto quando pensò a Eileen che guardava e aspettava e contava i giorni fino al suo ritorno per salvarla.

Ma era molto affezionato alla principessa Kathleen, e così non sapeva cosa fare.

"Non puoi fare nulla stanotte", disse il gatto, perché sapeva a cosa stava pensando il principe, "ma quando arriva il mattino scendi al mare, e non guardare né a destra né a sinistra, e non farti toccare da nessun essere vivente, perché se lo fai non lascerai mai l'isola. Lascia cadere la seconda pallina nell'acqua, come hai fatto con la prima, e quando arriva la barca, sali a bordo”.

Allora potrai guardare dietro di te, e vedrai quello che vedrai, e saprai quale ami di più, la principessa Eileen o la principessa Kathleen e potrai andare o restare.

Il principe non chiuse occhio quella notte, e alle prime luci del mattino uscì dal palazzo. Quando raggiunse il mare, lanciò la pallina, e quando questa fu scomparsa dalla vista, vide la barchetta brillare all'orizzonte come una stella appena sorta.

Il principe aveva appena varcato le porte del palazzo quando si sentì mancare, e il re, la regina, la principessa e tutti i signori e le signore della corte andarono a cercarlo, prendendo la via più rapida per il mare.

Mentre le fanciulle con le arpe d'argento suonavano una musica dolcissima, la principessa, la cui voce era più dolce che qualsiasi musica, chiamò il principe per nome, e lo commosse così tanto che stava per guardare dietro di sé, quando si ricordò che il gatto gli aveva detto di non farlo finché non fosse stato nella barca.

Appena la barca toccò la riva, la principessa allungò la mano e quasi afferrò il braccio del principe, ma egli entrò nella barca in tempo per salvarsi, ed essa sfrecciò via come un'onda che si ritira.

Un forte grido fece sì che il principe si guardasse intorno all'improvviso, e quando lo fece, non vide alcun segno di re o regina, o principessa, o signori o dame, ma solo grandi serpenti verdi, con gli occhi rossi e le lingue, che sibilavano fuoco e veleno mentre si contorcevano in cento orribili spire.

Il principe, fuggito dall'isola incantata, navigò per tre giorni e tre notti, e ogni notte sperava che il mattino seguente gli avrebbe mostrato l'isola che stava cercando. Era debole per la fame e cominciava a disperare, quando il quarto giorno vide in lontananza un'isola che, ai primi raggi del sole, scintillava come fuoco.

Avvicinandosi, vide che era ricoperta di alberi, così coperti di bacche rosse e brillanti che non si vedeva nemmeno una foglia. Presto la barca fu quasi a un tiro di schioppo dall'isola, e cominciò a navigare in tondo finché non fu ben sotto i rami che si piegavano. Il profumo delle bacche era così dolce che il principe aveva fame e desiderava coglierle, ma, ricordando quello che gli era successo sull'isola incantata, aveva paura di toccarle.

Ma la barca continuava a girare intorno, e alla fine un grande vento si levò dal mare e scosse i rami, e le bacche brillanti e dolci caddero nella barca finché non ne fu piena, e caddero sulle mani del principe, ed egli ne prese alcune per guardarle, e mentre le guardava il desiderio di mangiarle diventava più forte, e si disse che non ci sarebbe stato niente di male ad assaggiarne una; ma quando si accorse che il sapore era così delizioso lo ingoiò, e, naturalmente, subito dimenticò tutto di Eileen, e la barca si allontanò da lui e lo lasciò in piedi nell'acqua.

Salì sull'isola e, dopo aver mangiato abbastanza bacche, si mise a vedere cosa poteva esserci davanti a lui, e non passò molto tempo che sentì un grande rumore, e un'enorme palla di ferro abbatté uno degli alberi di fronte a lui, e prima che sapesse dove si trovava un centinaio di giganti gli corse dietro.

Quando videro il principe si voltarono verso di lui, e uno di loro lo prese in mano e lo tenne sollevato perché tutti potessero vederlo. Il principe fu quasi schiacciato a morte, e vedendo questo il gigante lo mise di nuovo a terra.

"Chi sei tu, piccolo uomo?" chiese il gigante. "Sono un principe", rispose il principe.

"Oh, sei un principe, vero?" disse il gigante. "E per cosa sei bravo?" disse.

Il principe non lo sapeva, perché nessuno gli aveva mai fatto questa domanda.

“So a cosa serve", disse una vecchia gigantessa, con un occhio in fronte e uno sul mento. "Io so a cosa serve. È buono da mangiare".

Quando i giganti udirono ciò, risero così forte che il principe si spaventò quasi a morte.

“Perché", disse uno, "non farebbe un boccone".

"Oh, lasciatelo a me", disse la gigantessa, "ed io lo ingrasserò; e quando sarà cotto e vestito sarà un bel piatto prelibato per il re".

I giganti, su questo, diedero il principe nelle mani della vecchia gigantessa. Lei lo portò con sé in cucina e lo nutrì con zucchero e spezie e tutte le cose buone, in modo che fosse un dolce boccone per il re dei giganti quando sarebbe tornato sull'isola.

Il povero principe all'inizio non voleva mangiare nulla, ma la gigantessa lo tenne sul fuoco finché i suoi piedi non furono bruciati, e allora disse a se stesso che era meglio mangiare che essere bruciato vivo.

Ebbene, giorno dopo giorno passò, e il principe diventava sempre più triste, pensando che presto sarebbe stato cucinato e vestito per il re; ma per quanto triste fosse il principe, non era triste nemmeno la metà della principessa Eileen nel castello del gigante, che osservava e aspettava che il principe tornasse e la salvasse.

I nani avevano avvolto due palline e ne stavano avvolgendo una terza.

Alla fine il principe seppe dalla vecchia gigantessa che il re dei giganti sarebbe tornato il giorno seguente, e lei gli disse:

“Poiché questa è l'ultima notte che ti resta da vivere, dimmi se desideri qualcosa, perché se lo farai il tuo desiderio, sarà esaudito".

"Non desidero nulla", disse il principe, il cui cuore era morto dentro di lui.

“Bene, tornerò di nuovo", disse la gigantessa, e se ne andò.

Il principe si sedette in un angolo, pensando e ripensando, finché non sentì vicino al suo orecchio un suono come "frou! frou!". Si guardò intorno e davanti a lui c'era il piccolo gatto bianco.

"Non dovrei venire da te", disse il gatto, "ma, in effetti, non è per te che vengo. Vengo per il bene della principessa Eileen. Certo, ti sei dimenticato di lei e, naturalmente, lei pensa sempre a te.

È sempre il modo in cui gli amanti preferiti possono dimenticare, gli amanti trascurati mai ancora.

Il principe arrossì di vergogna quando sentì il nome della principessa.

"Sei tu che dovresti arrossire", disse il gatto; "ma ora ascoltami, e ricorda, se non obbedisci alle mie indicazioni questa volta, non mi vedrai più, e non metterai mai più gli occhi sulla principessa Eileen”.

“Quando la vecchia gigantessa tornerà, dille che desideri, quando verrà il mattino, scendere al mare per guardarlo per l'ultima volta. Quando raggiungerai il mare, saprai cosa fare. Ma ora devo andare, perché sento arrivare la gigantessa". E il gatto saltò fuori dalla finestra e scomparve.

“Beh, " disse la gigantessa, quando entrò, "c'è qualcosa che desideri?"

"È vero che devo morire domani?" chiese il principe.

"È così."

"Poi, " disse lui, "Vorrei andare giù al mare per guardarlo per l'ultima volta."

"Puoi farlo", disse la gigantessa, "se ti alzi presto."

"Mi alzerò con l'allodola alla luce del mattino", disse il principe.

"Molto bene", disse la gigantessa, e dicendo "buona notte" se ne andò.

Il principe pensò che la notte non sarebbe mai passata, ma alla fine svanì davanti alla luce grigia dell'alba, e si precipitò verso il mare.

Lanciò la terza pallina e in poco tempo vide la barchetta che gli veniva incontro più veloce del vento. Si gettò su di essa nel momento in cui toccò la riva. Più veloce del vento lo portò al largo, e prima che avesse il tempo di guardare dietro di sé, l'isola della gigantessa era come un debole puntino rosso in lontananza.

Il giorno passò e la notte cadde, e le stelle guardavano in basso, e la barca navigava, e proprio quando il sole sorse sopra il mare spinse la sua prua d'argento sulla spiaggia dorata di un'isola più verde delle foglie in estate. Il principe saltò fuori e andò avanti e avanti fino a quando entrò in un'amena valle, in fondo alla quale vide un palazzo bianco come la neve.

Quando si avvicinò alla porta centrale, questa si aprì per lui. Entrando nell'atrio, passò in diverse stanze senza incontrare nessuno; ma, quando raggiunse l'appartamento principale, si trovò in una stanza circolare, in cui c'erano mille pilastri, e ogni pilastro era di marmo, e su ogni pilastro tranne uno, che si trovava al centro della stanza, c'era un piccolo gatto bianco con gli occhi neri.

Intorno al muro, da uno stipite all'altro, c'erano tre file di gioielli preziosi. La prima era una fila di spille d'oro e d'argento, con i loro perni fissati nel muro e le loro teste verso l'esterno; la seconda una fila di coppie d'oro e d'argento; e la terza, una fila di grandi spade, con le impugnature d'oro e d'argento. E su molte tavole c'erano cibi di ogni genere e corna piene di birra schiumosa.

Mentre il principe si guardava intorno, i gatti continuavano a saltare da un pilastro all'altro; ma vedendo che nessuno di loro saltava sulla colonna al centro della stanza, cominciò a chiedersi perché fosse così, quando, all'improvviso, e prima che potesse indovinare come fosse successo, il piccolo gatto bianco era lì davanti a lui sulla colonna centrale.

"Non mi conosci?" disse lui. "sì", disse il principe.

"Ah, ma tu non sai chi sono. Questo è il palazzo del piccolo gatto bianco ed io sono il re dei gatti. Ma tu devi avere fame, e il banchetto è cominciato".

Ebbene, quando il banchetto fu finito, il re dei gatti chiese la spada che avrebbe ucciso il gigante Trencoss, e le cento torte per i cento cani da guardia.

I gatti portarono la spada e le focacce e li posero davanti al re.

"Ora", disse il re, "prendi questi; non hai tempo da perdere. Domani i nani termineranno l'ultima pallina, e domani il gigante reclamerà la principessa come sua sposa. Perciò devi andare subito; ma prima di andare porta questo da parte mia alla tua ragazza".

E il re gli diede una spilla più bella di qualsiasi altra sulle pareti del palazzo.

Il re e il principe, seguiti dai gatti, scesero sulla spiaggia, e quando il principe salì sulla barca, tutti i gatti "miagolarono" tre volte per buona fortuna, e il principe agitò il suo cappello tre volte, e la piccola barca sfrecciò sulle acque per tutta la notte luminosa e veloce come una stella cadente. Alle prime luci del mattino toccò l'arenile. Il principe saltò fuori e andò avanti e avanti, su per le colline e giù per le valli, finché arrivò al castello del gigante. Quando i segugi lo videro, abbaiarono furiosamente e saltarono verso di lui per farlo a pezzi. Il principe lanciò loro le torte, e quando ogni cane ingoiò la sua torta, cadde morto. Il principe allora colpì tre volte il suo scudo con la spada che aveva portato dal palazzo del piccolo gatto bianco. Quando il gigante sentì il suono, gridò

Chi viene a sfidarmi il giorno del mio matrimonio?

I nani uscirono a vedere e, tornando, gli dissero che era un principe che lo aveva sfidato in battaglia.

Il gigante, schiumante di rabbia, afferrò la sua mazza di ferro più pesante e si precipitò a combattere. Il combattimento durò tutto il giorno e quando il sole tramontò, il gigante disse:

“Ne abbiamo abbastanza di lottare per la giornata. Possiamo iniziare domani all'alba."

"Non è così", disse il principe. "Ora o mai più; vinci o muori".

"Allora prendi questo", gridò il gigante, mentre puntava un colpo con tutta la sua forza alla testa del principe; ma il principe, balzando in avanti come un fulmine, conficcò la spada nel cuore del gigante e, con un gemito, cadde sui corpi dei cani avvelenati.

Quando i nani videro il gigante morto, iniziarono a piangere e a strapparsi i capelli. Ma il principe disse loro che non avevano nulla da temere, e li invitò ad andare a dire alla principessa Eileen che desiderava parlare con lei.

Ma la principessa aveva assistito alla battaglia dalla sua finestra, e quando vide il gigante cadere si precipitò fuori per salutare il principe, e quella stessa notte lui e lei e tutti i nani e gli arpisti partirono per il Palazzo del Fiume Argento, che arrivarono la mattina dopo, e da quel giorno a questo non ci fu mai un matrimonio più allegro del matrimonio del principe del fiume d'argento e della principessa Eileen; e sebbene avesse diamanti e perle da vendere, l'unico gioiello che indossava il giorno del suo matrimonio era la spilla che il principe le aveva portato dal palazzo del piccolo gatto bianco nei mari lontani.

 

Tratto dal libro: Irish Fairy Tales Di Edmund Leamy. M.A. Gill, 1890.

(1848-10 dicembre 1904) è stato un giornalista irlandese, avvocato, autore di fiabe e politico nazionalista.

Irish Fairy Tales fu ripubblicato nel 1906 da M.A. Gill & Son, Ltd, Dublino per onorare Leamy dopo la sua morte. L'introduzione al volume sottolinea che Leamy ha scritto per i bambini per intrattenerli, e non per un critico letterario in mente. È con questo spirito che Leamy dota tutti i suoi racconti di una magia che chiunque può apprezzare.

 

 

You are here Fiabe Il piccolo gatto bianco.