Vilmes ito

Non credere a nessuno neanche se te lo dico io

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Egils saga

E-mail Stampa PDF

LA STORIA

DI

EGIL SKALLAGRIMSSON:

LA VITA

Una Storia Familiare Islandese

Del IX e X secolo,

TRADOTTO DALL’ISLANDESE,

DA

REV. W. C. GREEN,

LATE FELLOW OF KING'S COLLEGE, CAMBRIDGE;

EDITOR OF 'ARISTOPHANES;' AUTHOR OF 'HOMERIC SIMILES,' ETC.

LONDON:

ELLIOT STOCK, 62, PATERNOSTER ROW, E.C.

1893

 

Tradotto in Italiano nel 2021

Con traduttori on line

 

Introduzione

 

Sono passati più di trent'anni da quando Dasent con la storia di Burnt Njal ha deliziato molti lettori e ha risvegliato in Inghilterra un interesse per le Saghe islandesi. L'introduzione a Burnt Njal tratta abilmente e pienamente della storia e la letteratura islandese, sottolineando il loro valore speciale per noi inglesi.
E questo, lo stesso autore ha ulteriormente fatto nella sua introduzione al Dizionario di Vigfusson. Da allora altre Saghe sono state rese accessibili in inglese: ad esempio, la storia di Gisli il fuorilegge di Dasent; Grettir's Saga, di Magnusson e Morris; e recentemente alcuni altri nella serie intitolata 'The Saga Library'.

Dasent ci ha messo davanti il ​​meglio per primo, perché delle Saghe islandesi il Njala porta senza dubbio la palma. Ma il secondo migliore finora non è stato disponibile ai lettori inglesi: l'Egils-saga per intenderci. Seconda solo al Njala per interesse e merito è l'Egla, e seconda (a mio giudizio) solo per un pelo.
Perché anche se nessuno dei personaggi ha mai riscosso la nostra simpatia nella storia di Egil, tanto quanto il saggio e buon Njal così immeritatamente tagliato fuori, tuttavia l'intera storia è in stile e non è del tutto da meno. Anzi, ha più varietà di scene e avventure, più punti di contatto con la storia rispetto al Njala; è particolarmente interessante per gli inglesi, poiché una sua parte tratta molto dell'Inghilterra.
La narrazione ci porta in molte terre; in tutta la Norvegia, fino alla Svezia, al Finmark e alle terre al di là, Kvenland, Bjarmaland, le rive del Mar Bianco; "in compagnia dei vichinghi andiamo verso est" verso il Baltico, verso la Curlandia in Russia; visitiamo Olanda, Frisia, Jutland; verso ovest e verso sud-ovest navighiamo attorno alle Shetland, le Orcadi, in Scozia; L'Inghilterra è raggiunta dal nostro eroe Egil; York è la scena della sua impresa più pericolosa; egli arriva fino a Londra.

La prima parte della Saga, la cui scena si svolge in Norvegia, con il racconto di Harold Fairhair che ottenne il dominio esclusivo, è di grande interesse e concorda con altri resoconti. È ben noto che la tirannia di Harold (come loro lo ritenevano) spinsero molti Norsemen di buona famiglia a cercare L'Islanda e la libertà.

Tra questi c'erano il nonno e il padre di Egil. Abbiamo un resoconto completo del loro insediamento nell'isola, dove ancora pochi erano andati, e dove c’era la terra da prendere, ma era necessario un duro lavoro.
Leggiamo di queste prime attività pionieristiche: l'agricoltura, la fucinatura, la pesca sul mare e sul fiume, la caccia alle foche, la caccia alle balene, la raccolta delle uova.
Ci sono descrizioni minuziose dell'isola, in particolare della sua costa occidentale, dei suoi boschi, fiumi, colline.

Nessun lettore di questa Saga può per un momento dubitare della veridicità dell'immagine data della vita e dei modi a quel tempo. Una razza marinara erano quei norvegesi, sia per il commercio delle loro navi da carico sia per la pirateria con le loro navi lunghe; furono considerati audaci e abili marinai. Leggiamo di un viaggio in slitta invernale in un episodio più che avventuroso.

Ci sono battaglie, alcune di grande importanza, per mare e per terra.Una di queste recenti, la battaglia di Vinheath, in Inghilterra, è raccontata con molti dettagli ed è (si può osare dire) il resoconto di una battaglia tanto vivido quanto si può trovare ovunque in qualsiasi lingua. Ci sono singoli combattimenti o “Wager of battle”, sul modo e sui termini di cui impareremo molto ciò che è degno di nota.

Ci sono anche cause legali in Norvegia e, verso la fine della storia, una in Islanda, da dove apprendiamo che gli emigranti portarono e stabilirono la loro civiltà con tutti i meccanismi dei tribunali e delle procedure legali. Ci sono meno controversie nell'Egla che nel Njala, ma pochi lettori se ne pentiranno, perché, se c'è qualcosa nella storia di Burnt Njal che si sarebbe inclini a saltare, sono alcune delle lunghe difese legali.

La vita domestica del Nord è in questa Saga rappresentata graficamente [v]. Vediamo gli uomini ai loro banchetti; possenti bevute, con modi e regole curiose.Ci sono feste alla mietitura, all’Yuletide; si scambiano visite a casa l’uno dell'altro; l'ospitalità è universale; ci sono matrimoni, sepolture.

Delle loro sale, della loro sistemazione, del loro ordine di seduta, delle loro armature appese pronte sopra i guerrieri, possiamo dalle scene di questa storia formare un'idea completa.Assistiamo ai loro divertimenti, alle loro prove di forza; un certo gioco di palla è descritto in dettaglio.

Della loro religione forse non leggiamo nell'Egla così tanto quanto ci si potrebbe aspettare.
Erano ancora pagani, anche se il cristianesimo prevaleva nei paesi circostanti. Che i norvegesi e gli islandesi avevano familiarità con la loro teologia e mitologia è, tuttavia, chiaro; la loro conoscenza è costantemente assunta nella poesia.

L'Egilssaga ci racconta di sacerdoti, e di templi, e viene descritto un grande raduno religioso. Non c'è molto di meraviglioso o soprannaturale in questa Saga: nessun fantasma, come nella Saga di Grettir. Compaiono alcune superstizioni: una credenza nella magia e negli incantesimi, nella forza delle rune scolpite a torto o a ragione.

Si dice che diverse donne posseggano abilità magiche, in particolare la regina Gunnilde, che in un'occasione memorabile esercita quasi fatalmente per Egil il suo potere di cambiare forma. C'è un esempio notevole di una solenne maledizione parlata e scritta, con accompagnamenti molto curiosi.

Ma tutto sommato accade poco che sia oltre la ragionevole probabilità, o che non provenga da cause naturali. Sebbene, come abbiamo visto, Egil ei suoi compagni non fossero cristiani, la fede cristiana è menzionata incidentalmente come prevalente in Inghilterra, e verso la fine della Saga leggiamo che Thorstein, il figlio più giovane di Egil, divenne alla fine un cristiano.

I personaggi dell'Egilssaga sono ben marcati e disegnati con forza. Nella casa di Kveldulf, lo stesso vecchio Kveldulf, Thorolf the elder, Skallagrim, Egil, si presentano come veri e propri personaggi con caratteri ben curati in tutto il loro aspetto. Al di fuori della famiglia, il re Harold è ben disegnato, il sovrano capace, generoso in molto ma sospettoso, come deve essere un tiranno. Suo figlio Eric è violento, ma più debole, ed è influenzato dalla moglie Gunnilde, che è per lui un po' come Jezebel [vi] lo era per Achab. Arinbjorn è forse il personaggio più nobile della storia, il coraggioso, generoso, vero amico.

Ma il lettore valuterà questi e altri da solo; dell'eroe che dà il suo nome alla Saga qualche parola non sarà fuori luogo. Egil certamente doveva essere stato un uomo straordinario. Forte nel corpo di là dei suoi difetti, non meno dotato nell’intelletto, un poeta e un soldato. Coraggioso fino alla temerarietà, ma cauto e prudente; pieno di risorse nel pericolo, non rinunciando mai alla partita per quanto disperata; un leader nato, amato e fidato dai suoi uomini.

Il suo carattere ha un suo lato sgradevole; era testardo, a volte brutale quando era provocato, determinato a fare a modo suo e prepotente nel perseguirlo. Eppure non c'è niente di meschino o di poco in lui; non fa piccole liti, aiuta o ostacola re e grandi capi. È schietto e sincero, e la sua ira è particolarmente suscitata dalla meschinità e dalla falsità negli altri. Alle donne è piacevole e cortese, come appare in diverse occasioni. Per il bene del suo amico Arinbjorn e dei suoi parenti rischia la vita più di una volta.

Il fatto che i punti negativi del carattere di Egil non siano messi in risalto è sicuramente una prova della veridicità dello scrittore della Saga; Un mero elogio avrebbe blasonato tutte le nobili gesta del suo eroe, ma velato l'altro lato, e difficilmente qualcuno inventando un personaggio fittizio ci avrebbe messo delle macchie così scure.

Ma alcuni dei difetti di Egil erano più quelli del suo tempo che quelli di se stesso. Una lettura attenta di tutta la Saga ci lascia un'opinione più favorevole su Egil di quella che forniamo all'inizio della sua vita. Per la maggior parte dei lettori proveranno (credo) all'inizio antipatia per Egil; saranno d'accordo con suo padre Skallagrim e suo fratello maggiore Thorolf, che non avevano molto affetto per il ragazzo. Ma man mano che la storia va avanti, non si può non ammirare il suo coraggio, le sua risorse, la sua indomita determinazione, la sua prontezza ad affrontare il pericolo, non solo per se stesso, ma anche per gli altri che egli apprezzava molto.

L'Egla contiene molti passaggi descrittivi meravigliosamente buoni dei fiordi, dei suoni e delle isole del nord.Un esempio è nel capitolo xlv., Che racconta il primo paesaggio di Egil da Eric. Una scena più drammatica è quella in cui Skallagrim [vii] va al cospetto del re Harold nel capitolo xxv.

Così come nel capitolo lxii., dove Egil e Arinbjorn sono davanti al re Eric Bloodaxe in York. Molto suggestivo è il colloquio tra Egil e sua figlia Thorgerdr, dopo la morte di Bodvar, nel capitolo lxxi. Guardando il vigore e la bellezza dello stile in questi e altri passaggi, siamo d'accordo con il giudizio nella prefazione di Thordarson, secondo cui l'Egilssaga fu messo per iscritto "nell'età dell'oro della letteratura islandese".

E per queste eccellenze dobbiamo ricordare di dare il dovuto merito e ammirazione allo scrittore della Saga. Infatti, sebbene egli (come generalmente si crede) descrivesse uomini reali, scene reali, personaggi reali, tuttavia non tutti sono in grado, avendo la faccenda a portata di mano, di metterla insieme ed esprimerla così bene.

Sulla veridicità e sul valore storico dell'Egla ci sono state discussioni e divergenze di opinione. Si tratta principalmente di una vera storia familiare o di una storia d'amore? Quanto tempo dopo gli eventi registrati è stato scritto? E da chi? Queste domande sono state dibattute da studiosi del nord, islandesi e altri. L'equilibrio tra autorità e ragione sembra essere molto a favore della veridicità generale della storia.

Lo scrittore ha sicuramente scritto i fatti così come li ha sentiti o letti, senza discostarsi dalla verità come la conosceva o ci credeva. Ma su questa domanda sentiamo cosa dicono gli editori del nord.

Finnur Jónsson (Copenaghen, 1888) esprime così il suo giudizio:

"1. La Saga in ciò che riguarda le persone e gli eventi in Islanda e Norvegia può essere considerata vera, con piccole e irrilevanti eccezioni.

2. Per ciò che accade in altri paesi non può essere considerato abbastanza attendibile.

3. La sua cronologia è in diversi punti difettosa, il che non è da meravigliarsi.

4. Mostra una vasta conoscenza geografica, un'approfondita conoscenza del diritto e della cultura islandese e norreno.

5. Il compositore aveva in parte fonti d’informazione scritte, in parte tradizioni familiari dei Moormen su cui basarsi, con molti dei versi e delle poesie di Egil.

6. È un maestro nell'arte di raccontare una storia e di delineare un personaggio.

7. "Deve aver vissuto in Borgar-firth".

[viii] La prefazione all'edizione di Thordarson dice: 

"La Saga è in assonanza con le altre Saga islandesi e può essere considerata una delle più veritiere; ma se si considera che è stata conservata nella memoria degli uomini per un tempo molto lungo —gli eventi accaduti prima dell'anno 1000, e la storia non sarà messa per iscritto che alla fine del dodicesimo secolo —naturalmente ogni sillaba non sarà fedele. Né in questa, tuttavia, né in nessuna delle migliori Saghe islandesi gli scrittori affermano deliberatamente la falsità o intendono esagerare".

All'autorità e al giudizio di questi studiosi un inglese può aggiungere poco. Solo, per quanto riguarda gli eventi storici estranei all’Islanda e alla Norvegia, si può osservare che nessuno poteva ragionevolmente aspettarsi che gli islandesi dell'undicesimo e del dodicesimo secolo fossero infallibili nei loro confronti. Nell'Egilssaga ciò che si dice dei paesi stranieri appare in generale come una verità.

Ciò che si legge sull'Inghilterra, ad esempio, e ciò che vi è passato all'inizio del regno di Athelstan, concorda abbastanza con ciò che sappiamo di quel tempo dalla storia; alcuni fatti sono indubbiamente veri, nessuno palpabilmente falso, anche se ci sono dettagli che presentano qualche difficoltà. Ma questi saranno meglio discussi in una nota su quella parte della Saga.

La data della scrittura di Egilssaga si colloca tra il 1160 e il 1200; probabilmente vicina a quest'ultima data. Nel capitolo xc. Leggiamo della presa in carico delle presunte ossa di Egil al tempo del sacerdote Skapti. Si sa che era stato sacerdote dal 1143 in poi. La prefazione di Thordarson suggerisce come possibile autore Einar Skulason. Era un discendente di Egil, essendo nipote del nipote di Thorstein Egilsson; viaggiò molto, conosceva bene sia la Norvegia che l'Islanda ed era un buon skald; visse fino alla fine del XII secolo. Ma che fosse lui l'autore è solo un'ipotesi.

Dell'Egilssaga ci sono diverse edizioni. Per questa traduzione sono state utilizzate le seguenti: L'edizione grande, con una traduzione latina (Havniæ, mdcccix); quella di Einar Thordarson (Reykjavík, 1856); quella di Finnur Jónsson (Copenaghen, 1888). Anche la traduzione svedese di Petersen (1862). Il testo del piccolo libro di Thordarson è stato seguito principalmente; quello di Jónsson si differenzia da esso in molti punti, essendo [ix] generalmente più breve.

La prosa della Saga presenta poche difficoltà per un traduttore. La prosa islandese, per quanto riguarda l'ordine delle parole, è semplice e si svolge in modo abbastanza naturale in inglese. Le frasi sono per lo più brevi e semplici. Nell'Egilssaga lo stile per l'islandese è definito da buone autorità come il migliore; il traduttore può solo sperare che nel suo veste inglese non abbia perso tutta la sua attrattiva.

Dei versetti di questa Saga, e dei criteri seguiti per tradurla, bisogna dire qualcosa; particolari difficoltà affliggevano il traduttore dei versi islandesi. La poesia islandese si differenzia completamente dalla prosa islandese. Mentre la prosa è semplice, la poesia è altamente artificiale. Soprattutto i pentagrammi o le strofe staccate sono sparsi in tutte la Saghe.

Di questi, l'Egla ne ha un gran numero, per lo più i versi di Egil; e, essendo lui uno dei migliori degli antichi skalds islandesi, sono una parte interessante della Saga e non potevano essere omessi. Ma tradurli in inglese si incontrano difficoltà perplesse.

Questi pentagrammi consistono quasi sempre di otto versi ciascuno, composti da due serie di quattro linee, il senso è di solito completo in ogni quartina. Per quanto riguarda il metro, i versi sono brevi, di circa di una lunghezza, non esattamente così in sillabe, ma simili per ritmo e numero di sillabe accentate. Senza dubbio le regole più precise sul loro metro sono rilevabili e note agli islandesi, ma per il lettore inglese basterà la descrizione di cui sopra.

I versi non fanno rima, o molto raramente lo fanno, e (credo) la rima in queste strofe staccate è considerata come un segno di una data posteriore al X secolo. Il posto della rima è preso dall'allitterazione delle iniziali. Vale a dire che nella seconda riga deve essere ripetuta la stessa consonante iniziale che è stata usata due volte (o almeno una volta) nella prima riga, oppure una vocale deve essere così ripetuta.

Chiunque abbia familiarità con i vecchi versi inglesi o sassoni (come avviene nella Cronaca anglosassone, ad esempio, la battaglia di Brunanburh) capirà il tipo di allitterazione che si intende.

Ora, un traduttore deve scegliere se mantenere questa forma [x], per quanto possibile, o se cambiarla in rima con un rigoroso metro sillabico.Poiché il primo metodo di allitterazione con qualche licenza sulla lunghezza della linea per sillabe non accentate permette una resa più vicina dell'originale, è stato preferito.

Ma ci sono diversi enigmi da risolvere nei versi islandesi. C'è spesso un ordine di parole stranamente complesso, un ordine che a volte rende una frase inespugnabile a prima vista anche a chi è abituato alle involuzioni del latino e del tedesco. Se non fosse stato per l’autorità consenziente degli interpreti scandinavi, non avrei mai potuto immaginare che le parole intendessero così fuori dall'ordine in cui sono scritte. Per mantenere le loro regole del suono allitterativo, gli skalds hanno infranto quelle del senso grammaticale.

Gli esempi che seguono (non sono affatto estremi) danno un'idea della pratica islandese in questo senso.

L’autore ora pone due esempi di come potevano leggersi i versi se li avesse tradotti pari pari, chiaramente il testo è per gli Inglesi, le difficoltà sono ancor più numerose nella traduzione in altre lingue.

(1) "Ora il signore della terra ha ucciso il paese sotto la discendenza di Ella, avanti nella lotta per il governo, con la testa di tre principi".

Il che viene interpretato come: "Ora il signore della terra, che avanza nella lotta, capo-fusto, e uccide tre principi: la terra cade sotto il dominio del discendente di Ella".

(2) "Ascoltate con piacere il flusso dell’amico degli altari dai lunghi capelli, prestate attenzione al silenzio del vostro popolo, mio re,".

Interpretati: "Lascia che il Thane del re ascolti compiaciuto il flusso del mio amico d'altare dai capelli lunghi (= il flusso del canto di Odino); che il popolo presti attenzione al silenzio".

La voce consenziente di tre dà (con appena una variazione nei dettagli) queste spiegazioni. Ora, questi esempi nel loro ordine originale suonano come se Scott avesse scritto nell’apertura della "La donna del lago":

"Alla vigilia aveva bevuto dove ballava a pieni polmoni
Il cervo sulla luna sul ruscello di Monan".

 

Originale: Il Cervo si era pienamente dissetato la sera là dove il raggio della luna scherzava colle pure acque del ruscello di Monan.

 

Questa caratteristica dei versi islandesi non può essere mantenuta, né vale la pena conservarla. Dobbiamo presumere che in qualche modo gli ascoltatori (o la maggior parte di loro) capivano ciò che era cantato ma nessun ascoltatore o lettore inglese riusciva a capire il proprio linguaggio così trattato.

Un traduttore deve rinunciare a quest’ordine artificiale. Ma questa particolarità, oltre a rendere difficile il senso [xi] da svelare, può anche causare ulteriori problemi al traduttore, che deve fare nuove allitterazioni al posto di quelle vecchie, che erano forse pronte a portato di mano, ma sono scomparse dal riordinamento delle parole in qualcosa d’intelligibile.

Ma la caratteristica più curiosa della poesia islandese e la più difficile da affrontare è il "kenning", com’è chiamato. Significa "un segno di riconoscimento"; i kennings sono nomi descrittivi o perifrasi. Tale fraseologia la troviamo, in qualche misura, in tutta la poesia antica, ma è più artificiale nei poeti nordici. Sembra un loro principio di chiamare raramente una cosa o una persona con il suo semplice nome, ma di usare una perifrasi. Questi canoni sono di tipi molto diversi.

A volte sono descrizioni davvero poetiche, figurative, ma facilmente comprensibili e apprezzabili, e appropriate al brano in cui ricorrono. Per esempio, chiunque può capire che una spada in azione sia chiamata "serpente ferito" o "lupo ferito", le frecce che volano dalla corda dell'arco, le "api ferite", lo scudo, una "luna cerchiata", la nave "cigno marino", il cavallo marino "destriero del re marino". Salice (arboricoltura) per il vento ricorda la silvifraga flabra di Lucrezio.

Ma alcuni kennings sono straordinari, soprattutto quando sono composti, come spesso accade. Il "dale-fish", per esempio, è un curioso girotondo per "serpente"; poi, costruito su questo, troviamo "dale-fish mercy", per la stagione che rallegra o ravviva il serpente, cioè "l'estate". Sappiamo che "è il giorno luminoso che fa nascere la vipera", ma molto scomodo è questo kenning usato in un verso dell'Egla semplicemente per segnare il tempo di un'impresa.

Numerosi sono i kenning per "oro", "uomo", "donna", né questi (per quanto si può vedere) sono usati con alcun riferimento all'idoneità di ciascuno per l'occasione. Ancora una volta, alcuni dei Kennings sembrano pensati per essere piuttosto umoristici rispetto a ciò che dovremmo chiamare poetico, come quando la testa è 'hat-knoll', ’hat-stall', 'hat-stall', gli occhi 'brow-pits', la lingua 'song-pounder'. E certamente alcuni erano volutamente enigmatici, destinati a mettere alla prova l'ingegnosità di chi ascoltava da risolvere. I nomi delle persone sono nascosti.

Si suppone che Egil l’abbia fatto una volta con il nome di una donna; è nascosto così accuratamente che il suo amico Arinbjorn non può scoprirlo, né i commentatori l'hanno ancora trovato in modo soddisfacente. In un'altra occasione Egil descrive Arinbjorn con una specie di gioco di parole [xii] come "l'orso" (bjorn) del terrore del legno di betulla (di arin, "il focolare", sul quale è bruciato il legno di betulla).

Questa predilezione per avvolgere la saggezza in enigmi noi la osserviamo nelle nazioni orientali. Salomone (Prov. i.6) pone come un apprendimento desiderabile "comprendere un proverbio e una figura, le parole dei saggi e i loro detti oscuri" (marg. "indovinelli");

La LXX. ha tupaßoriv nui o XOTEIVÓV hóyov Phoeis te oopôv και αινίγματα...

Ci sono frasi come "kennings" islandesi in Salomone; ad esempio, in Eccles. Ix. 3, 4, "i custodi della casa, gli uomini forti, i macinini, quelli che guardano fuori dalla finestra", sono di questo tipo, come forse anche alcune delle espressioni che seguono. E gli enigmi del tipo più antico sono così. Prendiamo, per esempio, l'indovinello di Sansone: "Dal mangiatore usciva la carne e dal forte usciva la dolcezza".

Che cos'è questo se non descrivere ciò che era successo con i kennings, 'mangiatore' e 'forte' per leone, 'carne' e 'dolcezza' per miele? Per alcuni aspetti l'uso di certi epiteti nella poesia greca antica è come l'uso dei kennings. Troviamo in Omero epiteti, nomi, titoli, che ricorrono ripetutamente laddove non si adattano particolarmente al brano.

Gli uomini sono scanditi, intraprendenti" (Lépotes, ändnotai); la terra è "nera, che nutre tutto, dà la segala (uéraiva, Toułußóteipa, Çeidwpos); il mare è divino, pescoso" (dia, izbuóscoa); re e capi "i figli di Giove, innocenti" (diotpepées, ágúuoves), ecc, senza tener conto delle circostanze particolari. Ma in greco con l'epiteto il sostantivo è per lo più espresso; mentre in islandese va indovinato.

Moltissimi kennings sono basati sulla mitologia. Questo non è vero solo per i nomi degli dei, ma anche per altre persone e cose; essi sono spesso descritti da perifrasi che possono essere spiegate solo dall'Edda, e sono quindi privi di significato per coloro che non conoscono bene i dettagli della stessa.

E ora si vedrà che questi vari kennings presentano una doppia difficoltà, prima da capire, poi di affrontare nella traduzione. Supponiamo che siano compresi, ma come saranno resi? Quando sono figure poetiche adeguate al brano sono abbastanza gestibili, a volte senza cambiamenti, a volte per similitudine, a volte come epiteto, aggiungendo il sostantivo.

Ma dove non si adattano alla materia in questione, sono, se rese strettamente, appena intelligibili; per le nostre nozioni sono poco poetiche; spesso rovinano lo spirito e il significato dell'intero versetto a un lettore inglese, richiamando la sua attenzione a un rompicapo.

La sostanza dell'intero brano sarà persa per troppe peculiarità. Sono ingombranti, non c'è spazio nel testo per renderli davvero chiari, e che vengano continuamente messi in ombra e rivendicare spazio altrove nelle note per spiegarli sembra indesiderabile. Per questo ho scelto di rinunciare a molti degli inverosimili kennings, mettendo la risposta al posto dell'enigma, dove l'enigma sembrava a malapena degno di essere conservato.

Per prima cosa, infatti, la traduzione di questi pentagrammi è sembrata la più importante, per rendere ogni pentagramma abbastanza chiaro per essere compreso dai lettori inglesi, come presumibilmente lo era per gli ascoltatori islandesi. Che le mie interpretazioni soddisferanno tutti non lo suppongo, o tutti i critici del Nord o tutti i lettori inglesi.

Molti dei pentagrammi originali non possono essere realizzati per soddisfare il gusto moderno, e, infatti, hanno un valore molto diseguale.

Alcuni dei versi di Egil sono di grande forza e spirito; egli aveva una vera vena poetica, e dipende meno da artificialità rispetto ad alcuni degli scrittori di versi islandesi; ma il merito e l'attrattiva della Saga non si basano su questi versi distaccati. Se fossero omessi, la maggior parte dei lettori non si perderebbe molto. Ma ometterli non potevo arrischiarmi, quindi li ho affrontati come meglio potevo.

Oltre a queste strofe sparse, l'Egla contiene le tre grandi poesie di Egil. Jónsson, infatti, le bandisce in un'appendice. Ma non sembra esserci alcun dubbio che si tratti di vere e proprie composizioni di Egil, anche se forse non incluse nella Saga nella sua forma più antica. Sembrava, quindi, meglio mantenerle nel luogo in cui si trovano ora con l'uso di un diritto prescrittivo. Non dirò altro di loro qui che che sono ciascuno straordinario a modo suo; "Sonatorrek", per profondità di sentimenti e poesia, dovrei classificarlo al primo posto; è diverso dalla generalità dei poemi islandesi.

E ora passiamo all’argomento e al contorno della storia, che naturalmente si articola in tre divisioni.

I. La storia della famiglia di Kveldulf, in particolare di Thorolf, in Norvegia.

II. L'insediamento di Skallagrim in Islanda, la nascita di Thorolf il giovane, poi di Egil, le cui avventure (tutte fuori dall'Islanda) sono raccontate fino al suo ultimo ritorno a cinquant'anni.

III. Gli ultimi anni senza eventi di Egil in Islanda, la sua vecchiaia e morte, e un breve avviso dei suoi discendenti.


Lo schema della storia è questo:

Kveldulf, un ricco yeoman,1 sposatosi piuttosto tardi nella vita, ha due figli. Il figlio più giovane, Skallagrim, rimane a casa con il padre. Thorolf, il più anziano, va a pirateria. Mentre questi due sono giovani, Harold Fairhair sta conquistando per sé stesso il governo esclusivo della Norvegia e sta abbattendo i piccoli re. Kveldulf si rifiuta di uscire di casa e di aiutare nella lotta contro Harold, ma non si metterà al suo servizio dopo il successo di Harold. Thorolf, tuttavia, contro il’avvertimento di suo padre, lo fa, e ottiene favore e il rango a corte. Alla morte del suo amico Bard eredita la sua ricchezza e la sua vedova. Poi due fratellastri del padre di Bard rivendicano una parte della proprietà. Essendo loro negata la condivisione, calunniano Thorolf al re. Harold viene portato a credere alle loro accuse; egli priva Thorolf dei suoi onori e della sua eredità di Bard, quindi si impadronisce della nave e del carico di Thorolf. Al che Thorolf si vendica delle proprietà del re. Poi il re Harold gli va contro con una gran forza, brucia la sua casa, e in una lotta disperata lo uccide.

1 Nome dei coltivatori diretti inglesi.

Dopo un po' Harold è disposto a fare qualche ammenda"; ma Kveldulf e Skallagrim rifiutano tutte le proposte di riconciliazione. Si prendono tutta la vendetta che possono su chi era coinvolto sulla morte di Thorolf, e decidono di cercare l'Islanda. Kveldulf muore durante il viaggio, ma la sua bara viene gettata sulle coste dell'Islanda e viene trovata dagli altri subito dopo lo sbarco. Vicino a questo punto, sul Borgar Firth si stabilisce Skallagrim. Lui e la sua compagnia prosperano.

Due figli nacquero da lui: Thorolf, e circa dieci anni dopo Egil. Thorolf diventa come il suo omonimo e zio; presto si mette a girovagare; visita la Norvegia, dove a casa di Thorir, amico di suo padre, incontra un figlio di Harold Fairhair, Eric, allora solo un ragazzo. I due stringono un'amicizia, che continua quando Eric Bloodaxe diventa re; e Thorolf è molto legato a Eric e alla regina Gunnhilda. Dopo alcuni anni torna in Islanda.

(xv) Nel frattempo Egil è cresciuto. Da bambino non mostra spirito e forza comuni, ma è ostinato, intrattabile, mai d'accordo con il padre, scoppia in atti di violenza. Va con Thorolf nel suo seguente viaggio in Norvegia; lui e Arinbjorn, figlio di Thorir, diventano amici. Ma Egil provoca ben presto l'ira di Eric e Gunnhilda; Gunnhilda tenta la sua vita; Egil si vendica, e i fratelli devono lasciare la Norvegia. Cercano l'Inghilterra, servono sotto il re Athelstan, vincono per lui una battaglia nel Northumberland, in cui cade Thorolf. Egil, sebbene abbia promesso grandi onori ad Athelstan, va in Norvegia per vedere in seguito la vedova di Thorolf; dopo un po' di tempo la sposa e torna in Islanda.

Alla notizia della morte del padre di sua moglie si reca in Norvegia per rivendicare la sua eredità, che gli viene ingiustamente e violentemente tenuta nascosta. Egil fugge per un pelo dalle navi di Eric, uccide l'uomo che detiene la proprietà, uccide anche un figlio di Eric, e dopo aver maledetto solennemente il re e la regina ritorna in Islanda. Trova suo padre invecchiato molto; presto Skallagrim muore. E ora Hacon, fratello di Eric, figlio adottivo del re Athelstan, viene richiamato in Norvegia come re, ed Eric Bloodaxe è costretto a fuggire.

Con Arinbjorn va in Scozia, poi nel Northumberland, di cui è stato nominato governatore per l'Athelstan. Egil, deciso a rivisitare Athelstan in Inghilterra, è naufragato a Humbermouth, sotto il dominio di Eric. Subito cavalca verso York, cerca Arinbjorn, e loro due vanno prima di Eric. Gunnhilda chiede che Egil sia messo a morte; ma per il bene di Arinbjorn, dopo la recita della sua poesia, viene risparmiato.

Proseguendo verso l'Athelstan, è ben accolto e sollecitato a rimanere; ma prima andrà in Norvegia dopo la proprietà della moglie. Da Hacon vince un'udienza, intenta una causa contro il conte Atli, il detentore della proprietà: la questione è rimessa a una scommessa di battaglia; Atli viene ucciso, dopodiché Egil torna in Islanda; è lì da dodici anni: gli nascono figli e figlie.

Athelstan muore poco dopo il ritorno di Egil in Islanda; alcuni anni dopo Eric viene ucciso in battaglia. Arinbjorn è di nuovo in Norvegia; così Egil va là, è con lui; vanno a caccia in Sassonia e in Frisia, dopo di che Arinbjorn si unisce ai figli di Eric, in Danimarca. Egil torna da Thorstein, il nipote di Arinbjorn, e prende il posto di Thorstein in una spedizione invernale a (xvi) Vermaland per raccogliere il tributo del re. Dai pericoli di questo fugge; poi in primavera salpa per l'Islanda, dove vive senza ulteriori avventure.

Le sue figlie prendono marito: dei suoi figli, Gunnar muore giovane di malattia; Bodvar è annegato, all’etò di sedici anni circa, su cui la perdita Egil compone una poesia; e più tardi una su Arinbjorn. Alla morte di Asgerdr, sua moglie, lascia Borg e si ritira a vivere a Mossfell con Grim e Thordisa, sua nipote e figliastra. Thorstein, il figlio minore di Egil, ha una causa legale con un vicino invadente; la decisione di questo, riferita a Egil, riguarda il suo ultimo atto pubblico. Ma continua a vivere fino a diventare molto vecchio e cieco, e muore di malattia.

Grim e Thorstein diventano in seguito cristiani. Molti uomini famosi sono nati da Skallagrim e Egil. Le ossa che si credeva fossero di Egil furono trovate circa centosessant'anni dopo la sua morte e portate al cimitero di Mossfell.

Attraverso l’intera Saga, come filo conduttore, si snoda la faida familiare tra la casa di Kveldulf e la casa di Harold. La profezia del vecchio Kveldulf, secondo la quale Harold porterà guai ai suoi parenti, si avvererà con la morte di Thorolf. La vendetta per lui viene presa, e la faida dorme per un po'; anzi, contro il monito di suo padre Harold, Eric accetta il giovane Thorolf come amico. Ma Egil, andando in Norvegia, con le sue gesta ostinate risveglia il litigio, non essendo forse riluttante a farlo, e seguendo l'umore di Skallagrim, che aveva disprezzato il dono del re Eric inviato per mano di Thorolf. L'inimicizia tra Egil ed Eric è amara, suscitata da Gunnhilda; Egil però vince in tutti i rischi, e, come aveva fatto Harold Fairhair, capo della faida dall'altra parte, muore finalmente nel suo letto pieno di anni.

TABELLA CRONOLOGICA DEI PRINCIPALI EVENTI NELLA SAGA O CONNESSI AD ESSA.

850 d.C. Nascita di Harold Fairhair. ,
860. Harold Fairhair sale al trono. ,
870. Diventa unico re di Norvegia. ,
870 (circa). Thorolf, che ha circa ventiquattro anni, va da Harold.
872 d.C. Battaglia di Hafrsfirth.
877. Morte di Thorolf.
878. Skallagrim emigra in Islanda.
886 (circa). Nasce Thorolf Skallagrimsson.
898-901 (circa). Nasce Egil.
898-902. Rapimento di Thora da parte di Bjorn, matrimonio, visita in Islanda. ,
903. Banchetto da Yngvar. Thorolf e Bjorn vanno in Norvegia. ,
904-14. I freeboot di Thorolf. Tra questi c'è la spedizione di Eric a Bjarmaland, ma probabilmente avvenne nel 918.,
906. Secondo matrimonio di Bjorn.
906-15. L'infanzia e l'adolescenza di Egil in Islanda.
914. Thorolf torna in Islanda.
915. Thorolf va in Norvegia con Egil; passano dodici anni prima che Egil ritorni.
916-23. Freebootings di Thorolf ed Egil.
923. Thorolf sposa Asgerdr. Uccisione di Bard.
924. Combatti con Eyvind Skreyja. Thorolf ed Egil vanno in Inghilterra.
925. Battaglia di Vinheath, dove cade Thorolf.
926. Egil va in Norvegia. Sposerà Asgerdr il prossimo inverno.
927. Ritorna in Islanda; ci sono diversi anni, durante i quali probabilmente nasce la figlia maggiore.
933. Va in Norvegia. Harold Fairhair muore. Egil ha una querela con Bergonund; ritorna in Islanda. Skallagrim muore quest'inverno.
935. Hacon ora re in Norvegia. Eric è nella terra d'ombra del nord. Egil è naufragato lì. Höfudlausn. Egil con Athelstan.
937. Va in Norvegia; combatte con Atli; ritorna in Islanda.
938-50. Egil è in Islanda. Ha cinque figli in tutto.
940. Morte del re Athelstan.
950 (circa). Eric cade in battaglia. Arinbjorn è tornato in Norvegia; Egil va da lui.
951 d.C. Si dirigono verso est; Arinbjorn si unisce quindi ai figli di Eric. Il prossimo inverno Egil va a Vermaland.
952-60. · Matrimoni del passo di Egil - figlia e figlie. .
960. Bodvar sta annegando. Sona-torrek.
961. La morte di Hacon.
962. Poema epico su Arinbjorn.
967 (circa). Il matrimonio di Thorstein.
973 (circa). Asgerdr muore. Egil si ritira a Mossfell. Thorstein vive a Borg.
975-8. Controversia tra Thorstein e Steinar.
975. Earl Hacon diventa re. Nei suoi ultimi giorni Egil ha passato gli ottant'anni.
983-8. La morte di Egil.
1000. Grim e Thorstein vengono battezzati.
1143. Sacerdote Skapti. Trovate le ossa di Egil.

 

 

CAPITOLO I

Di Kveldulf e dei suoi figli

C'era un uomo di nome Ulf, figlio di Bjalf, e Hallbera, figlia di Ulf l'impavida; era sorella di Hallbjorn Half-Giant di Hrafnista, ed era il padre di Kettle Hæing. Ulf era un uomo così alto e forte che nessuno poteva eguagliarlo, e in gioventù navigava per i mari come un filibustiere. In compagnia con lui c'era un Kari di Berdla, un uomo famoso per la sua forza e il suo coraggio; era un Berserk. Lui e Ulf avevano una borsa in comune, ed erano gli amici più cari.

Ma quando hanno rinunciato alla pirateria, Kari è andato nella sua tenuta a Berdla, essendo un uomo di grande ricchezza. Tre figli aveva Kari, un figlio di nome Eyvind Lambi, un altro Aulvir Hnuf, e una figlia Salbjorg, che era una bellissima e dallo spirito nobile. Ulf la prese in moglie e poi anche lui andò nelle sue tenute. Ricco di terre e di beni, prese il rango di barone come avevano fatto i suoi antenati e divenne un grande uomo.

Si dice che Ulf fosse un buon padrone di casa; era sua abitudine alzarsi presto, e poi andare in giro tra i suoi operai o dove c'erano i suoi fabbri, e controllava il suo bestiame e i suoi campi, e a volte parlava con chi aveva bisogno della sua consulenza, e buoni consigli poteva dare in tutte le cose, perché era molto saggio. Ma ogni giorno, quando la sera si avvicinava, diventava cupo, così che pochi potevano venire a parlare con lui. Dormiva la sera e si diceva comunemente che fosse molto forte. Egli era chiamato Kveldulf.

Kveldulf e sua moglie avevano due figli, il più grande si chiamava Thorolf, il più giovane Grim; questi, da grandi, erano entrambi alti e forti, come il padre. Ma Thorolf era tanto attraente, quanto valoroso, e favoriva i parenti della madre; era molto allegro, liberale, impetuoso in tutto, un buon commerciante, che conquistava i cuori di tutti gli uomini. Grim era bruno, sfortunato, rassomigliante a suo padre sia in faccia sia nella mente: era diventato un bravo uomo d'affari; abile nel legno e nel ferro, un eccellente fabbro. D'inverno andava spesso a pescare le aringhe, e con lui molti house-carles di casa.

Ma quando Thorolf ebbe vent'anni, allora lo preparò ad andare a depredare. Kveldulf gli diede una nave lunga, e i figli di Kari a Berdla, Eyvind e Aulvir, decisero di fare quel viaggio, prendendo una grande forza e un'altra lunga nave; e navigarono i mari d'estate, accumulando ricchezze avendo un grosso bottino da dividere. Per diverse estati furono fuori a vagabondare, ma stavano in casa in inverno con i loro padri. Thorolf portava a casa molte cose costose e le portava a suo padre e a sua madre; quindi erano benestanti sia per i beni sia per l'onore. Kveldulf era ormai da anni ben afflitto, e i suoi figli erano uomini adulti.

 

CAPITOLO II

Di Aulvir Hnuf

 Audbjorn era allora re dei Firthfolk; c'era un conte di nome Hroald, il cui figlio era Thorir.  Atli lo Smilzo era allora un conte, abitava in Gaula; aveva figli: Hallstein, Holmstein e Herstein; e una figlia, Solveig the Fair. Accadde un autunno che molte persone si radunarono a Gaula per una festa sacrificale, poi Aulvir Hnuf vide Solveig e la corteggiò; in seguito le chiese di sposarla.
Ma il conte pensava che fosse una coppia ineguale e non voleva dargliela. Al che Aulvir compose molte canzoni d'amore, e pensò così tanto a Solveig che lasciò la pirateria ma Thorolf ed Eyvind Lambi continuarono.

 

 

 CAPITOLO III
L'inizio del regno di Harald Fairhair

Harold, figlio di Halfdan Swarthy, era l'erede di suo padre. Si era vincolato a questo voto, a non lasciare che i suoi capelli fossero tagliati o pettinati fino a quando non fosse stato l’unico re della Norvegia, per questo fu chiamato Harold Shockhead. (dai capelli arruffati).  Così prima ha combattuto con i re più vicini a lui e li ha conquistati, come viene detto a lungo altrove.  Poi ha preso possesso dell'Altopiano; da lì si diresse verso nord, a Throndheim, e lì ebbe molte battaglie prima di diventare supremo su tutti i Thrond. Dopo di che si è proposto di andare a nord a Naumdale per attaccare i fratelli Herlaug e Hrollaug, i re di Naumdale.

 Ma quando questi fratelli sentirono parlare della sua venuta, Herlaug con dodici uomini entrò nel tumulo sepolcrale che avevano fatto costruire (erano tre inverni al momento della fabbricazione), e il tumulo poi è stato chiuso dopo di loro.

 Ma re Hrollaug sprofondò dalla regalità alla contea, rinunciando al suo regno e diventando un vassallo di Harold.Così Harold conquistò i Naumdalesmen e Halogaland, e vi ha posto dei governanti sul suo regno lì.Poi andò a sud con una flotta verso Mæra e Raumsdale. Ma Solvi Bandy-legs, figlio di Hunthiof, è fuggito da lì, e andando da re Arnvid, a sud di Mæra, chiese aiuto, con queste parole:

 "Anche se questo pericolo ora tocca noi, presto lo stesso verrà a voi; perché Harold, come ho detto, si affretterà qui quando avrà affascinato o oppresso, secondo la sua volontà, tutti a nord di Mæra e Raumsdale. Allora sarà su di voi la stessa necessità che era su di noi, di proteggere le vostre ricchezze e la vostra libertà, e di mettere alla prova tutti quelli da cui potete sperare di ricevere aiuto. E ora mi offro con le mie forze contro questa tirannia e contro questo torto. Ma, se farai l'altra scelta, dovrai fare come hanno fatto i Naumdalesmen, e andare di tua volontà in schiavitù, e diventare schiavi di Harold. Mio padre ha pensato che fosse una vittoria morire da re con onore, piuttosto che diventare nella sua vecchiaia un altro re suddito. Tu, come io giudico, la penserai allo stesso modo, e lo penseranno anche gli altri che hanno uno spirito alto e affermano di essere uomini di valore".

 Con tale persuasione il re Arnvid era determinato a raccogliere le sue forze e a difendere la sua terra. Lui e Solvi formarono una lega e mandarono dei messaggeri ad Audbjorn, re dei Firthfolk, affinché venisse ad aiutarli. Audbjorn, dopo un consiglio preso con gli amici, acconsentì e ordinò di tagliare la freccia della guerra e di inviare la chiamata in guerra in tutto il suo regno, dicendo ai suoi nobili che avrebbero dovuto unirsi a lui.
Ma quando i messaggeri del re vennero a Kveldulf e gli dissero la loro commissione, e che il re avrebbe chiesto a Kveldulf di andare da lui con tutti i suoi cari domestici, allora rispose:
"E' mio dovere verso il re scendere in campo con lui, se deve difendere la sua terra, e ci sarà un attacco contro i Firthfolk; ma questo lo considero completamente di là dal mio dovere, andare a nord, a Mæra, a difendere la loro terra. In breve, quando incontrerete il vostro re, potrete dire che Kveldulf siederà a casa durante questa corsa alla guerra,
né radunerà forze né lascerà la sua casa per combattere con Harold Shockhead. Io penso, infatti, che egli abbia un intero carico di buona sorte dove il nostro re non ne ha una manciata".

 I messaggeri tornarono dal re e gli dissero che la loro commissione era stata espedita, ma Kveldulf se ne stava in casa sua nei suoi possedimenti.

 
 

 CAPITOLO IV
Battaglia di re Harold e Audbjorn

Il re Audbjorn andò con le sue truppe verso nord, a Mæra; lì si unì al re Arnvid e a Solvi Bandy-legs, e nel complesso avevano una grande schiera. Anche re Harold era arrivato dal nord con le sue forze, e gli eserciti s’incontrarono a Solskel.
Ci fu combattuta una grande battaglia, con molti massacri in entrambe le schiere. Delle forze di Mærian caddero i re Arnvid e Audbjorn ma Solvi fuggì, e in seguito divenne un grande navigatore marittimo, e fece molti danni al regno di Harold, e fu soprannominato Bandy-legs. (gambe storte).

 Dal lato di Harold caddero due conti, Asgaut e Asbjorn, e due figli del conte Hacon, Grjotgard e Herlaug, e molti altri grandi uomini.Dopo questo Harold sottomise la Mæra del Sud. Il fratello di Vemund, Audbjorn mantenne ancora il Firthfolk, essendo stato nominato re.Era ormai autunno, e a Harold fu consigliato di non andare a sud in autunno.Così mise il conte Rognvald sopra Mæra del Nord e nel Sud e Raumsdale, e mantenne numerose forze intorno a sé.

 Nello stesso autunno i figli di Atli assalirono Aulvir Hnuf a casa sua e volevano ucciderlo ucciso. Avevano una tale forza che Aulvir non poteva resistere a loro, ma lottò per la sua vita.  Andando verso nord, a Mæra, trovò Harold, si sottomise a lui e andò a nord con il re a Throndheim, e divenne molto amico di lui, e rimase con lui per molto tempo da allora in poi, e fu inadatto il suo skald. Nell’inverno successivo il conte Rognvald percorse la via interna dal mare Eid verso sud fino ai Firths.

 Avendo notizie da spie dei movimenti del re Vemund, giunse di notte a Naust-dale, dove Vemund era a un banchetto, e, circondando la casa, bruciò al suo interno il re e novanta uomini. Dopo di che Kari di Berdla si recò dal conte Rognvald con una lunga nave completamente equipaggiata, e loro due si diressero a nord verso Mæra. Rognvald prese le navi che erano appartenute a Vemund e tutti i beni mobili che riuscì ad ottenere. Kari di Berdla andò poi a nord verso il re Harold a Throndheim, e divenne il suo uomo.

 La primavera successiva, il re Harold andò verso sud lungo la costa con una flotta, sottometteva i fiordi e le colline e faceva in modo che i suoi uomini li governassero. Il conte Hroald si mise al comando dei Firthfolk. Re Harold era molto attento, quando prendeva nuovi popoli sotto il suo potere, ai baroni e ai ricchi proprietari terrieri, e a tutti quelli che sospettava fossero in grado di scatenare una ribellione.

 Ognuno di questi uomini trattava in uno dei due modi: o lo faceva diventare un suo vassallo, o andava all'estero; o (come terza scelta) soffriva di condizioni ancora più dure, alcuni addirittura perdendo la vita o un arto. Harold rivendicava come suoi, in ogni distretto, tutti i patrimoni, e tutte le terre coltivate o non coltivate, allo stesso modo tutti i mari e laghi d'acqua dolce.

 Tutti i proprietari terrieri dovevano essere suoi fittavoli, come anche tutti quelli che lavoravano nella foresta, i salinai, i cacciatori e i pescatori per terra e per mare, tutti questi gli dovevano obbedienza.  Ma molti si trasferirono all'estero da questa tirannia, e molte terre deserte furono poi colonizzate in lungo e in largo, sia a est, a Jamtaland e Helsingjaland, sia a ovest, nelle isole meridionali, a Dublino in Irlanda, a Caithness in Scozia e nelle Shetland. E in quel periodo fu trovata l'Islanda.

 

CAPITOLO V
Il messaggio del re a Kveldulf

 
Re Harold giaceva con la sua flotta nei Firths, da dove mandava messaggeri in giro per il paese a coloro che non erano venuti da lui, ma con i quali pensava di avere affari. I messaggeri arrivarono a Kveldulf e furono ben accolti. Eseguirono la loro commissione e dissero che il re avrebbe chiesto a Kveldulf di andare da lui.

 Egli ha udito, " dissero loro, "che tu sei un uomo di fama e di alta famiglia. Otterrai da lui termini di grande onore, perché il re è molto desideroso di questo, di avere con lui uomini di grande valore per forza e il coraggio".

 Kveldulf rispose che era un uomo anziano, non adatto alla guerra o a stare su navi da guerra. "Ora", disse, "mi siederò a casa e lascerò il servizio ai re".

 Su questo i messaggeri dissero: "Allora lascia che tuo figlio vada dal re; è un uomo alto e un probabile guerriero".
Il re ti farà barone", dissero a Grim, "se lo servirai".

 "Io sarò fatto barone sotto nessuno", disse Grim, "finché mio padre vivrà; lui, finché vivrà, sarà il mio signore".

 I messaggeri se ne andarono, e quando giunsero dal re, gli dissero tutto quello che Kveldulf aveva detto prima a loro.
Per cui il re sembrava cupo, ma parlava poco; questi uomini, disse, erano orgogliosi, o a cosa miravano? Aulvir Hnuf era in piedi vicino, ed egli disse al re di non arrabbiarsi. "Andrò", disse, "a Kveldulf; ed egli acconsentirà a venire da voi, non appena saprà che per voi è questione di un momento".

 Così Aulvir andò da Kveldulf e gli disse che il re si era adirato, e che non sarebbe andata bene se uno dei due, padre o figlio, non fosse andato dal re; disse anche che avrebbe ottenuto dal re un grande onore, se avessero reso omaggio. Inoltre disse loro a lungo, com’era vero, che il re era generoso con i suoi uomini sia in denaro sia in onori.

 Kveldulf disse: "Il mio presentimento è che io e i miei figli non avremo fortuna da questo re, e io non andrò da lui. Ma se Thorolf ritornerà quest'estate, sarà facilmente convinto di questo viaggio, come anche a fare l'uomo del re. Dite al re che io sarò suo amico e che terrò fede alla sua amicizia con tutti coloro che daranno ascolto alle mie parole; Terrò anche la stessa regola e autorità dalla sua mano che ho tenuto prima dal precedente re, se vuole che continui così ancora, e vedrò come io e il re ci accorderemo".

 Allora Aulvir tornò indietro e disse al re che Kveldulf gli avrebbe mandato suo figlio e, lui (disse Aulvir) si sarebbe adattato meglio; ma allora non era a casa. Il re lasciò cadere la questione. In estate andò nell'entroterra fino a Sogn, ma in autunno fu pronto ad andare verso nord, a Throndheim.

 

 

CAPITOLO VI

 Thorolf decide di servire il re

 Il figlio di Kveldulf, Thorolf ed Eyvind Lambi tornarono a casa dal viaggio in mare in autunno. (Navigando a caso sull'oceano). Thorolf andò da suo padre e padre e figlio parlarono insieme. Thorolf chiese quale fosse stata la commissione degli uomini che Harold aveva mandato lì. Kveldulf disse che il re li aveva mandati con questo messaggio, che Kveldulf o uno dei suoi figli sarebbe diventato un suo uomo.

Come hai risposto? Chiese Thorolf.

Ho detto ciò che avevo in mente, che non avrei mai preso servizio presso il re Harold; e voi due farete lo stesso, se posso consigliarlo: credo che questa sarà la fine, che raccoglieremo rovina da quel re". Questo", disse Thorolf, "è del tutto contrario a quello che mi dice la mia mente, poiché penso che otterrò da lui molto progresso".

E su questo sono deciso a cercare il re e a diventare un suo uomo; e questo l’ho imparato per vero, che la sua guardia non è composta che di uomini valorosi". Unirmi alla loro compagnia, se mi vorranno, mi sembra la cosa più desiderabile; questi uomini sono molto migliori di tutti gli altri nel paese. E mi è stato detto del re che è molto generoso nel dare doni in denaro ai suoi uomini, e non tarda a dare loro una promozione e a concedere il governo a chi ritiene siano adatti per questo.

Mentre sento parlare di tutti quelli che gli voltano le spalle e non gli rendono omaggio con l'amicizia, che diventano tutti uomini da nulla, alcuni fuggono all'estero, altri sono diventati mercenari. Mi sembra straordinario, padre, un uomo così saggio e ambizioso come sei, che tu non voglia prendere con gratitudine la dignità che il re ti ha offerto. Ma se pensi di avere una profetica lungimiranza di questo, di ricevere sventura da questo re e di essere nostro nemico, perché non sei andato a combattere contro di lui con quel re al cui servizio eri prima? Ora, io credo che non sia più ragionevole né essere suo amico né suo nemico".

«Andò», disse Kveldulf, "proprio come la mia mente aveva presagito, che non marciarono verso la vittoria, chi andò a nord per combattere con Harold Shockhead a Mæra; e altrettanto vero sarà che Harold provocherà molti danni sui miei parenti". Ma tu, Thorolf, prendi i tuoi consigli per i tuoi affari; e non temo, anche se entri nella compagnia delle guardie di Harold, che tu non sarai ritenuto capace e all'altezza di tutte le prove di vigore. Solo fai attenzione a questo, tieniti entro i limiti, né rivaleggiare con i migliori; non cederai, ne sono certo, ad altri più di tanto".

Ma quando Thorolf fu pronto a partire, Kveldulf lo accompagnò fino alla nave e lo abbracciò, augurandogli il suo felice viaggio e il loro successivo felice incontro.

 

 

CAPITOLO VII

Di Bjorgolf, Brynjolf, Bard e Hildirida

 C'era un uomo a Halogaland di nome Bjorgolf; egli abitava a Torgar. Era un barone, potente e ricco; in forza, di statura, e parente di un mezzo gigante delle colline. Aveva un figlio di nome Brynjolf, che era come suo padre. Bjorgolf era ormai vecchio, e sua moglie era morta; e aveva ceduto nelle mani del figlio tutti gli affari, e gli aveva trovato una moglie, Helga, figlia di Kettle Hæing di Hrafnista. Il loro figlio si chiamava Bard; ben presto divenne alto e bello, e divenne un uomo giusto e valoroso.

Un autunno ci fu un banchetto in cui si radunarono molti uomini, Bjorgolf e suo figlio erano gli ospiti più onorevoli. La sera venivano accoppiati a sorte per bere insieme, com’era l'antica usanza. Ora, al banchetto c'era un uomo di nome Hogni, proprietario di una fattoria a Leka, un uomo di grande ricchezza, molto bello, scaltro, ma di bassa famiglia, che si era fatto strada da solo. Aveva una figlia bellissima, di nome Hildirida; e toccò a lei di sedere accanto a Bjorgolf. Quella sera parlarono molto insieme, e la bella giovane incantò il vecchio. Poco dopo il banchetto si sciolse.
Quello stesso autunno il vecchio Bjorgolf partì da casa con un cutter dei suoi, con trenta uomini a bordo. Arrivò a Leka, e venti di loro salirono a casa, mentre dieci facevano la guardia alla nave. Quando arrivarono alla fattoria, Hogni uscì per incontrarlo, e gli diede il benvenuto, invitò lui e i suoi compagni ad alloggiare lì, offerta che Bjorgolf accettò, ed entrarono nella stanza. Ma quando si erano tolti i vestiti da viaggio e avevano indossato i mantelli, Hogni ordinò di portare una grande ciotola di birra; e Hildirida, la figlia della casa, offrì agli ospiti birra a volontà.
Bjorgolf chiamò a sé Hogni il padrone di casa e gli disse: "La mia commissione qui è questa: Farò venire tua figlia con me a casa mia, e farò con lei anche adesso un matrimonio sbrigativo".
Hogni non vide altra scelta se non quella di lasciare che tutto fosse come Bjorgolf voleva; così Bjorgolf la comprò con un'oncia d'oro, e divennero marito e moglie, e Hildirida è andata a casa con Bjorgolf in Torgar. Brynjolf gli fece capire che non era contento di quest’affare. Bjorgolf e Hildirida ebbero due figli: uno si chiamava Harek, l'altro Hærek.
Poco dopo la morte di questo Bjorgolf, non appena fu sepolto, Brynjolf mandò via Hildirida e i suoi figli. Andò da suo padre a Leka e lì i suoi figli furono allevati. Erano di bell'aspetto, di piccola statura, naturalmente astuti, come i parenti della madre. Erano comunemente chiamati figli di Hildirida. Brynjolf li considerava poco, e non lasciò che ereditassero nulla di quello del padre. Hildirida era l'ereditiera di Hogni, e lei e i suoi figli ereditarono da lui e abitarono in Leka, ed erano ricchi in abbondanza. Bard, figlio di Brynjolf, e i figli di Hildirida avevano “about of an age ”, (
Di due o più persone) di un'età simile.
Bjorgolf e suo figlio Brynjolf avevano da tempo l'incarico di andare dai finlandesi per raccogliere il tributo dei finlandesi.
A nord, a Halogaland c'è un firth chiamato Vefsnir, e nel firth si trova un'isola chiamata Alost, una grande e piacevole isola, e in questa una fattoria chiamata Sandness. Lì abitava un uomo di nome Sigurd, l'uomo più ricco del nord; era un barone, e saggio di comprensione. Aveva una figlia di nome Sigridr, che si pensava fosse il miglior partito di Halogaland, essendo la sua unica figlia ed erede unica del padre.

Il figlio di Brynjolf, Bard viaggiò da casa con un cutter e trenta uomini a bordo verso nord fino ad Alost, e giunse a Sigurd a Sandness. Lì si dichiarò i suoi affari e chiese Sigridr come moglie. L'offerta fu ben accolta e la risposta fu favorevole, e così avvenne che Bard fu fidanzato con la giovane. Il matrimonio avrebbe avuto luogo l'estate successiva. Bard sarebbe poi venuto a nord per il matrimonio.

 

 

CAPITOLO VIII
Di Bard e Thorolf

 Re Harold quell'estate fece mandare un messaggio agli uomini di potere che si trovavano a Halogaland, convocandoli come non gli era mai capitato prima. Brynjolf decise di andare, e con lui Bard suo figlio; e in autunno andarono verso sud, a Throndheim, e lì incontrarono il re. Egli li ricevette con molto volentieri.

Brynjolf fu fatto barone del re; il re gli diede anche grandi donazioni, oltre a quelle che lui stesso aveva ricevuto prima. Gli diede anche il diritto di viaggiare verso i finlandesi, per gli affari del re sulle alture e il traffico con i finlandesi. Poi Brynjolf se ne andò a casa nella sua tenuta ma Bard rimase, e fu nominato una delle guardie del re. 

Di tutte le sue guardie, il re apprezzava di più i suoi skalds; essi occupavano i secondi seggi in alto. Di questi Audun Ill-skald era il più intimo;essendo il più vecchio; era stato skald di Halfdan Swarthy, il padre del re Harold. Accanto a lui sedeva Thorbjorn Raven, poi Aulvir Hnuf, e accanto a lui si trovava Bard; egli era lì chiamato Bard il Bianco o Bard il Forte. Era stimato da tutti lì, ma tra lui e Aulvir Hnuf c'era una stretta amicizia.

Quello stesso autunno arrivarono i figli di re Harold, Thorolf di Kveldulf e Eyvind Lambi, figlio di Kari di Berdla, e furono ben accolti. Portarono laggiù una veloce nave lunga con venti panche e ben equipaggiata, che avevano usato in precedenza per il viaggio in mare. Loro e la loro compagnia furono sistemati nella sala degli ospiti; ma quando ebbero aspettato lì finché pensarono che fosse il momento giusto per andare davanti al re, Kari di Berdla e Aulvir Hnuf entrarono con loro. Salutarono il re.
Allora Aulvir Hnuf disse: "Ecco che arriva il figlio di Kveldulf, che ti avevo detto che Kveldulf ti avrebbe mandato durante l’estate". La sua promessa con te ora sarà salda; poiché qui puoi vedere veri segni che sarà tuo amico in tutto, quando ha mandato qui il suo figlio a prestare servizio presso di te, un uomo forte come puoi vedere. Ora, questo è il dono desiderato da Kveldulf e da tutti noi, che tu riceva Thorolf con onore e lo renda un grande uomo con te. '

Il re rispose bene alle sue parole, promettendo che così avrebbe fatto: "Se", disse, "Thorolf si dimostra tanto compiuto nei fatti quanto coraggioso nell'aspetto". Dopo questo Thorolf fece parte della famiglia del re e uno delle sue guardie.

Ma Kari di Berdla e suo figlio Eyvind Lambi tornarono a sud con la nave che Thorolf aveva portato a nord, e quindi a casa nella fattoria di Kari. Thorolf rimase con il re, che gli assegnò un posto tra Aulvir Hnuf e Bard; e questi tre strinsero una stretta amicizia. E tutti gli uomini dissero di Thorolf e di Bardo che erano una coppia ben assortita per l’avvenenza, la statura, la forza e tutti gli atti prodi. Ed entrambi erano in grande favore del re.

Ma quando l'inverno fu passato e venne l'estate, Bard chiese il permesso di andare a vedere il matrimonio che gli era stato promesso l'estate precedente. E quando il re seppe che la commissione di Bard era urgente, gli permise di tornare a casa.

Poi Bard chiese a Thorolf di andare a nord con lui, dicendo (com’era vero) che avrebbe incontrato lì molti dei suoi parenti, uomini di fama, che non aveva ancora visto o conosciuto. Thorolf pensò che questo fosse auspicabile, così ottennero il permesso dal re per questo; poi si prepararono, presero una buona nave e una buona ciurma, e se ne andarono per la loro strada. Quando arrivarono a Torgar, mandarono a Sigurd la notizia che ora Bard si sarebbe occupato di quel matrimonio su cui avevano concordato l'estate prima.

Sigurd disse che avrebbe tenuto fede a tutto ciò che avevano concordato; così fissarono il giorno delle nozze, e Bard con il suo gruppo doveva venire a nord, a Sandness.

All'ora stabilita, Brynjolf e Bard si misero in viaggio, e con loro molti grandi uomini della loro famiglia e dei loro legami. E fu come aveva detto Bard, che Thorolf v’incontrò molti dei suoi parenti che non aveva mai conosciuto prima. Si recarono a Sandness, e lì si tenne la più splendida festa. E quando la festa fu terminata, Bard tornò a casa con sua moglie, e rimase a casa per tutta l'estate, e Thorolf con lui.

In autunno arrivarono a sud dal re, e rimasero con lui un altro inverno. Durante quell'inverno Brynjolf morì; e quando Bard venne a sapere che l'eredità era disponibile per lui, chiese di andarsene a casa. Questo il re lo concesse, e prima che si separassero Bard fu fatto barone, come lo era stato suo padre, e ottenne dal re tutte le stesse concessioni che aveva avuto Brynjolf. Bard tornò a casa nella sua tenuta, e divenne subito un grande capo; ma i figli di Hildirida non ebbero più eredità di prima. Bard ebbe un figlio da sua moglie; si chiamava Grim. Nel frattempo Thorolf era con il re, e in grande onore.

 

 

CAPITOLO IX

Battaglia a Hafr's Firth

 Re Harold ha proclamato una leva generale e ha radunato una flotta, convocando le sue forze in lungo e in largo attraverso tutto il paese. Uscì da Throndheim e piegò la sua rotta verso sud, poiché aveva sentito dire che una grande schiera era radunata in tutta Agdir, Rogaland e Hordaland, radunati da lontano, tutti dalle parti degli entroterra soprastanti, e là s’incontrarono molti grandi uomini che si proponevano di difendere la loro terra dal re. Harold mantenne il suo cammino dal nord, con una grande forza, avendo le sue guardie a bordo.

Nel castello di prua della nave del re (Solitamente avevano un mezzo ponte e una sorta di cassero a poppa) c'erano Thorolf Kveldulfsson, Bard il Bianco, i figli di Kari di Berdla, Aulvir Hnuf ed Eyvind Lambi, e a prua c'erano dodici Berserk del re. Le flotte si sono incontrate a sud, a Rogaland nel Firth di Hafr. Si combatté la più grande battaglia che il re Harold avesse mai avuto, con molti massacri in entrambi gli schieramenti. Il re mise la propria nave in avanguardia, e lì la battaglia fu più ostinata, ma alla fine fu che il re Harold vinse la vittoria.

Thorir Longchin, re di Agdir, cadde lì, ma Kjotvi il ricco fuggì con tutti i suoi uomini che riuscirono a resistere, tranne alcuni che si arrendessero dopo la battaglia. Quando fu chiamato l'appello dell'esercito di Harold, molti di loro erano caduti e molti erano feriti. Thorolf era gravemente ferito, Bard anche peggio; né c'era un uomo illeso nella nave del re prima dell'albero maestro, eccetto quelli che il ferro non aveva morso, per intenderci i Berserks.

Allora il re fece fasciare le ferite dei suoi uomini, li ringraziò per il loro valore e diede loro dei doni, aggiungendo la maggior parte degli elogi dove riteneva più meritevole. Promise loro anche altri onori, nominandone alcuni come timonieri, altri uomini del castello di prua, altri ancora come guardiani di prua. Questa fu l'ultima battaglia che il re Harold ebbe nel paese; dopo di essa nessuno gli resistette; egli era supremo su tutta la Norvegia.

Il re si occupò della guarigione dei suoi uomini, le cui ferite davano loro speranza di vita, così come della sepoltura dei morti con tutti gli onori consueti. Thorolf e Bard giacevano feriti. Le ferite di Thorolf cominciarono a guarire, ma quelle di Bard si dimostrarono mortali. Allora Bard fece chiamare il re e parlò così: "Se è così che morirò per queste ferite, allora ti chiederò questo, che io stesso possa nominare il mio erede". A questo, quando il re acconsentì, disse: "Io desidero che Thorolf, mio amico e parente, si prenda tutto il mio patrimonio, sia le terre sia i beni.”

A lui, inoltre, darò mia moglie e la crescita di mio figlio, perché mi fido di lui per questo più di tutti gli uomini".

Quest’accordo lo fece velocemente, com’era la legge, con il permesso del re. Poi Bard morì e fu sepolto, e la sua morte fu molto pianta. Thorolf guarì dalle sue ferite, e seguì il re, e conquistò una grande gloria.

In autunno il re si recò a nord, a Throndheim. Quindi Thorolf chiese di andare a nord a Halogaland, per vedere poi quei doni che aveva ricevuto in estate dal suo parente Bard. Il re concesse il permesso per questo, aggiungendo un messaggio e dei tokens (segni –indicazioni) che Thorolf doveva prendere tutto quello che Bard gli aveva dato, dimostrando che il dono era con il consiglio del re, e che lo avrebbe avuto così.

Allora il re nominò Thorolf barone, e gli concesse tutti i diritti che Bard aveva avuto prima, dandogli il viaggio ai finlandesi alle stesse condizioni. Fornì anche a Thorolf una buona nave lunga, con attrezzatura completa, e aveva preparato tutto per il suo viaggio nel miglior modo possibile. Così Thorolf si mise in viaggio, e lui e il re si separarono con grande affetto.

E quando Thorolf arrivò a nord, a Torgar, fu ben accolto. Raccontò loro della morte di Bard; anche di come Bard gli avesse lasciato sia le terre sia i beni, e di lei che era stata sua moglie; poi mostrò l'ordine e i segni del re.

Quando Sigridr sentì queste notizie, provò la grande perdita di suo marito ma di Thorolf lo ravvisava già bene e lo conosceva per un uomo di grande rilievo; e questa sua promessa di matrimonio era buona, e inoltre c'era il comando del re.
Quindi lei e le sue amiche vedevano che il piano migliore era quello di essere promessa in sposa a Thorolf,
a meno che ciò non fosse contro la mente di suo padre.

A quel punto Thorolf si prese tutta la gestione della proprietà, e anche gli affari del re. Subito dopo questo Thorolf partì con una lunga nave e una sessantina di uomini, e costeggiò verso nord, finché un giorno, la sera, giunse a Sandness ad Alost; lì ormeggiarono la nave. E dopo aver alzato la tenda e preso accordi, Thorolf salì agli edifici della fattoria con venti uomini.

Sigurd lo accolse bene, e gli chiese di alloggiare lì, perché tra loro c'era stata una grande intimità fin dal legame matrimoniale tra Sigurd e Bard.Poi Thorolf e i suoi uomini entrarono nella sala, e vi si intrattennero.

Sigurd si sedette e parlò con Thorolf, e chiese notizie.Thorolf raccontò della battaglia combattuta quell'estate nel sud, e della caduta di molti uomini che Sigurd conosceva bene, e di come Bard, suo genero, era morto per le ferite ricevute in battaglia.

Entrambi sentirono che era una grande perdita. Poi Thorolf disse a Sigurd quale era stato il patto tra lui e Bard prima di morire, e dichiarò anche gli ordini del re, come avrebbe potuto tenere tutti questi beni, e questo lo dimostrò con i tokens.

Dopo che questo Thorolf iniziò il suo corteggiamento con Sigurd, e chiese a Sigridr, sua figlia, di sposarlo. Sigurd accolse bene la proposta; disse che c'erano molte ragioni per questo; in primo luogo, il re avrebbe voluto che fosse così; in secondo luogo, Bard l'aveva chiesto; e inoltre lui stesso conosceva bene Thorolf, e pensava che fosse un buon partito per sua figlia.

Così Sigurd fu facilmente convinto a concedere questa richiesta; dopodiché fu fatto il fidanzamento, e il matrimonio fu fissato per l'autunno a Torgar. Poi Thorolf tornò a casa nella sua tenuta, e i suoi compagni con lui. Là preparò un grande banchetto, e ne invitò molti. Dei parenti di Thorolt parecchi erano presenti, uomini di fama.

Anche Sigurd venne qui dal nord con una lunga nave e un equipaggio scelto. Numerosi erano presenti a quella festa, e si vide subito che Thorolf era generoso e munifico. Aveva un grande seguito di persone, il cui costo era grande, e molte provviste erano necessarie; ma l'anno era buono, e le provviste richieste si trovavano facilmente. Durante quell'inverno Sigurd morì a Sandness e Thorolf era l'erede di tutte le sue proprietà; queste erano una grande ricchezza.

Ora i figli di Hildirida vennero a Thorolf e rivendicarono il patrimonio che pensavano di avere dalla proprietà che era appartenuta al padre Bjorgolf. Thorolf rispose loro così: 

"Questo io sapevo di Brynjolf, e ancora meglio di Bard, che - erano uomini così generosi che vi avrebbero permesso di avere quella parte del patrimonio di Bjorgolf che sapeva essere un vostro diritto. Ero presente quando voi due avete rivendicato la stessa cosa su Bard, e ho sentito quello che pensava, che non c'era motivo per farlo, perché vi ha definito illegittimi".

Harek disse che avrebbero portato testimoni che la loro madre era stata debitamente comprata con pagamento.

"È vero che all'inizio non abbiamo trattato la questione con Brynjolf, nostro fratello - era un caso di condivisione tra parenti - ma di Bard speravamo di ottenere la nostra quota sotto ogni aspetto, anche se i nostri rapporti con lui non sono stati a lungo.

Ora, tuttavia, questa eredità è giunta a uomini che non sono ormai nostri parenti, e non possiamo tacere del tutto sul nostro torto; ma può darsi che, come prima, possa così prevalere che non abbiamo il nostro diritto di parte in questo, se ti rifiuti di ascoltare la testimonianza che possiamo portare per dimostrare che siamo nati con onore".

Thorolf poi rispose con rabbia:
"Sono così lontano dal pensare che voi legittimi eredi mi avete detto che vostra madre è stata presa con la forza e portata a casa come prigioniera."
Dopo di che hanno smesso di parlare del tutto.

 

 

CAPITOLO X

Thorolf in Finmark

  In inverno Thorolf si fece strada fino alle alture con una grande forza di non meno di novanta uomini, mentre prima era consuetudine degli amministratori del re avere trenta uomini, e a volte anche meno. Portò con sé un sacco di beni da commerciare. Fissò subito un incontro con i finlandesi, prese da loro il tributo e organizzò una fiera.Tutto fu gestito con buona volontà e amicizia, anche se non senza paura da parte dei finlandesi.

In lungo e in largo per il Finmark viaggiava; ma quando raggiunse le colline orientali, sentì che i Kylfing venivano dall'est, ed erano lì per commerciare con i finlandesi, ma in alcuni luoghi anche per saccheggiare. Thorolf mise i finlandesi a spiare i movimenti dei Kylfings, e li seguì per cercarli, e s’imbatté in trenta uomini in un covo, dei quali uccise tutti, non lasciando scappare nessuno.

In seguito ne trovò insieme quindici o venti. In tutto, ne uccisero quasi un centinaio, presero un bottino immenso, e dopo aver fatto questo, tornarono in primavera. Thorolf andò poi nelle sue tenute a Sandness, e vi rimase per tutta la primavera.

Aveva costruito una lunga nave, grande e con la testa di drago, equipaggiata nel miglior stile, questa la portò con sé dal nord. Thorolf raccolse grandi quantità di ciò che c'era a Halogaland, impiegando i suoi uomini dopo le aringhe nelle altre attività di pesca; caccia alle foche vi era in abbondanza, raccolta delle uova e tutto queste provviste egli aveva portato.

Non aveva mai avuto uomini liberti in casa meno di un centinaio; era aperto e liberale, e fece subito amicizia con i grandi e con tutti quelli che gli erano vicini.

Diventò un uomo potente e dedicò molta cura alle sue navi, alle sue attrezzature e alle sue armi.

 

 

CAPITOLO XI

 Il re banchetta con Thorolf

 Re Harold andò quell'estate a Halogaland e furono preparati dei banchetti in previsione del suo arrivo, sia dove si trovavano i suoi possedimenti, sia da baroni e potenti proprietari terrieri. Thorolf preparò un banchetto per il re a caro prezzo; era fissato per quando il re sarebbe dovuto venire lì. A questo invitò una numerosa compagnia, i migliori uomini che si potessero trovare.
Il re aveva circa trecento uomini con lui quando venne al banchetto ma Thorolf ne aveva cinquecento presenti. Thorolf aveva fatto allestire un grande granaio, dove si doveva bere, perché non c'era una sala abbastanza grande da contenere tutta quella moltitudine. E tutto intorno all'edificio erano appesi degli scudi.

Il re si saziava sull'alto seggio; ma quando la prima panchina fu riempita, il re si guardò intorno e diventò rosso, ma non parlò e gli uomini pensarono di poter vedere che era arrabbiato. Il banchetto è stato magnifico e tutti i piatti, i migliori.
Il re, tuttavia, era cupo; vi rimase tre notti, come previsto. Il giorno in cui il re doveva partire Thorolf andò da lui e gli offrì di andare insieme giù alla spiaggia.  Il re lo fece e lì, ormeggiata al largo, galleggiava quella nave-drago che Thorolf aveva fatto costruire, con tenda e attrezzatura completa.

Thorolf diede la nave al re e pregò il re di credere che avesse acquisito così tanta gente per questo fine, per dimostrare onore al re e non per entrare in rivalità con lui.  Il re prese bene le parole di Thorolf, e poi divenne allegro e lieto.

Molti aggiunsero la loro buona parola, dicendo (com'era vero) che il banchetto era magnifico e la scorta d'addio magnifica, e che il re ottenne molta forza da tali uomini.  Poi si separarono con molto affetto.
Il re si diresse verso nord attraverso Halogaland come si era proposto, e tornò a sud con il passare dell'estate. Andò ad altri banchetti che erano stati preparati per lui.

 

 

 

CAPITOLO XII

 I figli di Hildirida parlano con Harold

  I figli di Hildirida andarono dal re e lo invitarono a un banchetto di tre notti. Il re accettò la loro offerta e stabilì quando sarebbe andato. Così, all'ora stabilita, lui e il suo seguito arrivarono lì. La compagnia non era numerosa, ma la festa andò molto bene, e il re era piuttosto allegro. Harek si mise a parlare con il re, e la loro conversazione si spostò su questo, che chiese dei viaggi del re in quelle parti durante l'estate.  Il re rispose alle sue domande, e disse che tutti lo avevano ricevuto bene, ognuno secondo i suoi mezzi.
Grande sarà stata la differenza", disse Harek, "e a Torgar la compagnia al banchetto sarà stata la più numerosa". Il re disse che era così.
Harek disse: "Questo era quello che si è voluto cercare, perché in quel banchetto molto è stato speso; e tu, o re, hai avuto grande fortuna in sostanza essendo così che la tua vita non è stata messa in pericolo".
La fine era come probabile; sei stato molto saggio e molto fortunato; poiché hai sospettato da subito che non tutto andasse per il meglio vedendo la numerosa compagnia lì riunita; (come mi è stato detto) ma fai in modo che tutti i tuoi uomini rimangano armati costantemente e vegliano e vigilano notte e giorno. 
Il re lo guardò e disse: 'Perché parli così, Harek? Cosa puoi dire di questo?’
Harek rispose: 'posso parlare con il permesso ciò che mi pare?'
'Parla', disse il re.
"Questo io intendo", disse Harek, "che non considereresti bene, se tu, o re, ascoltassi le parole di ognuno, quello che gli uomini dicono quando si esprimono liberamente a casa loro, come pensano che sia una tirannia ciò che tu eserciti su tutti gli uomini".
Ma la pura verità è, o re, che per sollevarsi contro di te il popolo non manca altro che di audacia e di un leader. Né è fantastico in un uomo come Thorolf che si crede sopra di tutti; non voglia forza e avvenenza; tiene una guardia intorno a sé come un re; ha ricchezze in abbondanza,
anche se ha solo ciò che è veramente suo, ma oltre a ciò tiene ugualmente a sua disposizione la proprietà altrui con la sua. Anche tu gli hai elargito grosse sovvenzioni, e lui ora si era preparato a ripagarle malamente.
Poiché questa è la verità che ti dico: quando si è saputo che saresti venuto a nord, a Halogaland, con non più di trecento uomini, il consiglio della gente di qui fu che un esercito si riunisse e prendesse la tua vita, o re, e la vita di tutte le tue forze.
E Thorolf era a capo di questi consigli, e gli fu offerto di essere re sugli Halogalanders e sui Naumdalesmen.
Poi egli andò dentro e fuori da ogni singolo fiordo e intorno a tutte le isole, e riunì ogni uomo che riusciva a trovare e tutte le armi, e non era un segreto che questo esercito doveva radunarsi per la battaglia contro il re Harold.
Ma la verità è, o re, che anche se tu avessi un po' meno forza di quelli che ti hanno incontrato, tuttavia i contadini sono fuggiti quando hanno visto la tua flotta.
Allora questo consiglio fu adottato, di incontrarti con spettacolo amichevole e invitarti a un banchetto: ma era inteso, quando fossi stato ben ubriaco e giacevi addormentato, di attaccarti con fuoco e con armi.
Ed ecco una prova del fatto che io sia stato correttamente informato; siete stati condotti in un granaio perché Thorolf non voleva bruciare la sua nuova e bella sala; e un'ulteriore prova è che ogni stanza era piena di armi e armature.
Ma quando tutti i loro espedienti contro di te fallirono, allora hanno scelto la strada migliore che potevano; hanno messo a tacere il loro precedente scopo.
E non dubito che tutti possano negare questo parere, perché pochi, mi sembra, sanno di essere senza colpa, se la verità venisse fuori.
Questo è il mio consiglio, o re, che tu tenga Thorolf vicino a te, che sia nella tua guardia, che porti il tuo stendardo e che sia nel castello della prua della tua nave,
per questo compito nessun uomo è più adatto.
O se vuoi che diventi barone, allora concedigli un sussidio verso sud, nei Firths, dove si trova tutta la sua famiglia: tienilo d'occhio, affinché non si renda troppo grande per te.
Ma gli affari qui a Halogaland mettili nelle mani di uomini che sono moderati e che ti serviranno fedelmente, e hanno parenti qui, uomini i cui parenti hanno già svolto lo stesso lavoro qui prima.
Noi due fratelli siamo pronti e disponibili per un servizio in cui tu ci userai; nostro padre ha avuto a lungo gli affari del re qui, e prosperavano nelle sue mani.
È difficile, o re, mettere qui degli uomini come dirigenti, perché raramente verrai qua.
"La forza del paese è troppo piccola perché abbia bisogno che tu venga con un esercito, eppure non devi tornare di nuovo qui con pochi seguaci, perché qui c'è molta gente sleale".
Il re era molto arrabbiato per queste parole, ma parlò a bassa voce, come sempre gli capitava quando sentiva notizie di grande importanza.
Chiese se Thorolf fosse a casa a Torgar. Harek disse che questo non era probabile.
“Thorolf", disse, "è troppo saggio per essere d'intralcio ai tuoi seguaci, o re, perché egli intuisce che non tutti gli saranno così vicini, e che tu conoscerai queste cose". Andò a nord, verso Alost, non appena seppe che tu eri sulla tua strada verso sud.
Il re parlò poco di quest’argomento davanti ad altri uomini; ma era facile vedere che era incline a credere alle parole che erano state dette.
Dopo di che il re andò per la sua strada, i figli di Hildirida gli diedero una scorta onorevole con doni alla partenza, mentre lui prometteva loro la sua amicizia.
I fratelli si fecero una loro commissione a Naumdale, e così andarono in tondo per incrociare il cammino del re di tanto in tanto; e sempre egli accoglieva bene le loro parole.

 

 

 

CAPITOLO XIII

Thorgils va dal re

 C'era un uomo di nome Thorgils Yeller, un carle della casa di Thorolf, onorato sopra tutto il resto della sua famiglia; egli aveva seguito Thorolf nei suoi viaggi itineranti come uomo del castello di prua e portabandiera.
Era stato a Hafr's Firth, nella flotta del re Harold, e guidava la nave che Thorolf aveva usato per il suo viaggio.
Thorgils era forte di corpo e coraggioso di cuore; il re gli aveva fatto dei doni amichevoli dopo la battaglia e gli aveva promesso la sua amicizia.
Thorgils era manager a Torgar, e vi governava quando Thorolf non era in casa.
Prima che Thorolf se ne andasse, questa volta aveva computato su tutto il tributo del re che aveva portato dai monti, e lo mise in mano a Thorgils, ordinandogli di trasmetterlo al re, se lui stesso non fosse tornato a casa prima che il re tornasse a sud.
Così Thorgils preparò una grande nave da carico appartenente a Thorolf, mise il tributo a bordo e, portando una ventina di uomini, salpò verso sud dietro al re e lo trovò a Naumdale.
Ma quando Thorgils incontrò il re, gli diede il saluto di Thorolf e gli disse che era venuto lì con il tributo dei Finlandesi inviato da Thorolf.
Il re lo guardò, ma non gli rispose mai una parola, e tutti videro che era adirato.
Thorgils se ne andò allora, pensando di trovare un momento migliore per parlare con il re; cercò Aulvir Hnuf, e gli disse ciò che era successo, e gli chiese se sapeva qual era il problema.
Non lo so", disse, "ma ho notato che, da quando siamo stati a Leka, il re tace ogni volta che Thorolf è menzionato, e sospetto che sia stato calunniato.
Questo so dei figli di Hildirida, che sono stati a lungo in conferenza con il re, ed è facile capire dalle loro parole che sono nemici di Thorolf.
“Ma presto ne sarò certo di questo dal re stesso".
Allora Aulvir andò dal re e disse: "Ecco Thorgils Yeller, il tuo amico, con il tributo che è tuo; e il tributo è molto più grande di quello che è stato prima, e merci di gran lunga migliore".
Egli è ansioso di mettersi in viaggio; sii così buono, o re, da andare a vederlo, perché non si sono mai viste pellicce grigie così buone".
Il re non rispose, ma si recò dove si trovava la nave. Thorgils tirò subito fuori le pellicce e le mostrò al re. E quando il re vide che era vero, che il tributo era molto più grande e meglio, le sue sopracciglia si sono un po' schiarite, e Thorgils poté parlare con lui. Portò al re un po' di pelli d'orso che Thorolf gli aveva inviato, e altri oggetti di valore, che aveva ottenuto sulle alture. Così il re s’illuminò e chiese notizie del viaggio di Thorolf e della sua compagnia. Thorgils raccontò tutto in dettaglio.
Allora il re disse: "Che peccato che Thorolf mi sia infedele e trami la mia morte".
Allora risposero molti che erano presenti, e tutti dello stesso parere, che sarebbe stata una calunnia di uomini malvagi, se tali parole fossero state pronunciate, e Thorolf sarebbe stato ritenuto senza colpa.
Il re disse che avrebbe preferito credere a questo.
Allora il re si rallegrò in tutti i suoi discorsi con Thorgils, e si separarono da amici. Ma quando Thorgils incontrò Thorolf, gli raccontò tutto quello che era successo.

 

 

CAPITOLO XIV

Thorolf di nuovo in Finmark

 Quell'inverno Thorolf andò di nuovo in Finmark, portando con sé un centinaio di uomini. Come prima, tenne una fiera con i finlandesi, e viaggiò in lungo e in largo per Finmark.
Ma quando raggiunse l'estremo oriente, e si seppe della sua venuta, allora vennero da lui alcuni Kvens, dicendo che erano stati mandati da Faravid, re di Kvenland, perché i Kiriales stavano devastando la sua terra; e il suo messaggio era che Thorolf andasse laggiù e gli portasse aiuto; e più avanti avrebbe avuto parte del bottino pari a quella del re, e ognuno dei suoi uomini tanto quanto a due Kvens.
Con i Kven la legge era che il re avrebbe dovuto avere un terzo rispetto ai suoi uomini quando il bottino era diviso, e oltre a questo, come riservato per lui, tutte pelli d'orso e zibellino.
Thorolf mise questa proposta davanti ai suoi uomini, dando loro la possibilità di scegliere andare o no; e la maggior parte ha scelto di avventurarsi, dato che il premio era così grande.
Si è deciso che dovrebbero andare verso est con i messaggeri. Il Finmark è un’ampia distesa, delimitata a ovest dal mare, dove grandi fiordi si estendono dentro; mare anche a nord e girando a est; ma a sud si trova la Norvegia; e il Finmark si estende lungo quasi tutta la regione interna a sud, come anche l'Halogaland all'esterno.
A est di Naumdale c'è Jamtaland, poi Helsingjaland e Kvenland, poi la Finlandia, poi Kirialalaland; lungo tutte queste terre a nord si trova il Finmark, e ci sono ampi quartieri abitati decaduti, alcuni in Dales (valli), altri vicino ai laghi.
I laghi del Finmark sono meravigliosamente grandi, e vicino ai laghi ci sono vaste foreste. Dietro di essi si trovano alte colline da un capo all'altro del Mark, e questa cresta si chiama Keels.
Quando Thorolf giunse a Kvenland e incontrò il re Faravid, si prepararono per la marcia, essendo trecento uomini del re e quattrocento Norvegesi. Passarono per la via superiore sopra Finmark e giunsero, dove si trovavano i Kiriales, gli stessi che prima avevano tormentato i Kven.  Questi, quando si accorsero del nemico, si radunarono e avanzarono per incontrarli, aspettandosi la vittoria come fino allora. Ma, quando la battaglia giunse, i Norvegesi avanzarono furiosamente, portando scudi più forti di quelli dei Kven; il massacro si trasformò in una carneficina tra le fila dei Kiriales - molti caddero, alcuni fuggirono.
Re Faravid e Thorolf presero lì un'immensa ricchezza di bottino e tornarono a Kvenland, da dove in seguito Thorolf e i suoi uomini giunsero a Finmark, lui e Faravid si separarono in amicizia.  Thorolf scese dalla cascata a Vefsnir; poi andò prima alla sua fattoria a Sandness, vi rimase un po’e in primavera andò con i suoi uomini a nord, a Torgar.
Ma quando vi giunse, gli fu detto come i figli di Hildirida erano stati quell'inverno a Throndheim con re Harold, e che non si sarebbero risparmiati di calunniare Thorolf con il re; e vi erano molte questioni di quali motivi essi avevano poggiato la loro calunnia.
Thorolf rispose così: Il re non Crederà a questo, anche se tali menzogne gli sono state raccontate, perché non c'è motivo di farmi passare da traditore a lui, quando mi ha fatto molto bene e niente male.
E così lontano dal desiderio di fargli del male (anche se ho avuto la scelta), preferirei essere un suo barone piuttosto che essere chiamato re, quando qualche altro connazionale potrebbe sollevarsi e farmi diventare il suo schiavo.

 

 

 

CAPITOLO XV

Re Harold e Harek

 I figli di Hildirida erano stati quell'inverno con il re Harold, e in loro compagnia dodici uomini della loro stessa famiglia e dei loro vicini. I fratelli parlavano spesso con il re, e parlavano ancora allo stesso modo di Thorolf. Harek chiese: "Ti è piaciuto, o re, il tributo dei finlandesi che Thorolf ti ha mandato?”
“Sì", disse il re. Allora saresti stato sorpreso - disse - se avessi ricevuto tutto ciò che ti apparteneva? Ma era ben lungi dall'esserlo; Thorolf tenne per sé la parte più grande. Ti mandò tre pelli d'orso, ma so per certo che ne tenne indietro trenta che erano tue di diritto; e credo che sia stato lo stesso con altre cose.
Questo si dimostrerà vero, o re, che, se tu metti l'amministrazione nelle mani mie e di mio fratello, ti porteremo più ricchezza.  E di tutto ciò che dissero di Thorolf i loro compagni ne furono testimoni, per cui il re molto arrabbiato.

 

 

 

CAPITOLO XVI

 Thorolf e il re

 In estate Thorolf si recò a sud da re Harold a Throndheim, portando con sé tutto il tributo e molte altre ricchezze, e novanta uomini ben preparati. Quando giunse dal re, lui e i suoi furono sistemati nella sala degli ospiti e intrattenuti magnificamente.
Il mattino seguente Aulvir Hnuf si recò dal suo parente Thorolf; parlarono insieme, Aulvir disse che Thorolf era stato molto calunniato, e il re diede ascolto a tali storie.
Thorolf chiese ad Aulvir di perorare la sua causa con il re, 'perché', disse, 'io starò brevemente davanti al re, se egli preferisce credere alle menzogne degli uomini malvagi piuttosto che alla verità e all'onestà che troverà in me".
Il giorno dopo Aulvir venne a trovare Thorolf e gli disse che aveva parlato dei suoi affari con il re;
"Ma," disse, "non so più di prima cosa ha in mente.
Allora devo andare io stesso da lui", disse Thorolf.
Lo fece; andò dal re, dove sedeva a tavola, e quando entrò salutò il re.
Il re accettò il suo saluto e ordinò di servirgli da bere. Thorolf disse che aveva lì il tributo che apparteneva al re di Finmark; "e ancora un'altra porzione di bottino ti ho portato in dono, o re".
E quello che porto, lo so, deve tutto il suo valore a questo, che è dato per gratitudine a te".
Il re disse che non poteva aspettarsi altro che bene da Thorolf, 'perché', disse, 'non merito nient’altro'. Eppure gli uomini raccontano due storie su di te per quanto riguarda al fatto che stai attento a ottenere la mia approvazione".
Non sono qui giustamente accusato", disse Thorolf, "se qualcuno dice che ti ho mostrato infedeltà.
Questo penso, e con verità: che coloro che parlano di me con tali calunnie bugiarde,
non si dimostreranno in nessun modo essere tuoi amici, ma è abbastanza chiaro che sono i miei acerrimi nemici; è probabile, tuttavia, che la pagheranno a caro prezzo se veniamo a trattare insieme".
Poi Thorolf se ne andò.
Il mattino seguente Thorolf computò il tributo alla presenza del re; e quando fu tutto pagato, egli poi tirò fuori alcune pelli d'orso e zibellino, che pregò il re di accettare. Molti dei astanti hanno detto che questo è stato ben fatto e che meritava amicizia.
Il re disse che Thorolf stesso si aveva preso la sua stessa ricompensa. Thorolf disse che aveva fatto tutto il possibile per compiacere il re.  Ma se non gli piace", disse, "non posso farci niente: il re sa, quando ero con lui e e al suo seguito, come io mi annoiavo; è straordinario per me se il re ora mi pensa altro di quanto mi ha dimostrato di essere allora".
Il re rispose: "Ti sei comportato bene, Thorolf, quando eri con noi; e questo, credo, è meglio sia ancira fare, che tu ti unisca alla mia guardia, porti il mio stendardo, sia capitano della guardia; allora nessun uomo ti calunnierà, se posso sorvegliare notte e giorno quale sia la tua condotta".
Thorolf guardò da una parte all’altra dove erano i suoi Carles; poi disse: "Riluttante sono a liberare questi miei seguaci; circa i tuoi titoli e le tue concessioni, o re, tu avrai la tua strada, ma il mio in seguito non consegnerò fino a quando i miei mezzi non saranno esauriti, anche se me la gestisco a mie spese.
La mia richiesta e il mio desiderio, o re, è questo, che tu venga a trovarmi a casa mia e che ascolti la parola degli uomini che tu hai fiducia, quale testimonianza mi danno in questa vicenda; poi fai quello che le prove ti giustificano".
Il re rispose e disse che non avrebbe più accettato lo spettacolo da Thorolf; così Thorolf uscì, e si preparò a tornare a casa.
Ma quando se ne andò, il re mise nelle mani dei figli di Hildirida i suoi affari a Halogaland che Thorolf aveva avuto prima, come anche il viaggio in Finmark.
Il re rivendicò la proprietà della tenuta a Torgar, e di tutte le proprietà che Brynjolf aveva avuto; e tutto questo ha dato in custodia ai figli di Hildirida.
Il re mandò dei messaggeri con dei gettoni a Thorolf per informarlo di questa disposizione, dopodiché Thorolf ha preso le navi che gli appartenevano, ha messo a bordo tutti i beni che poteva trasportare, e con tutti i suoi uomini, sia liberti che schiavi, navigarono verso nord fino alla sua fattoria a Sandness, dove si sostenne né più, né di meno di come era stato prima.

 

 

CAPITOLO XVII

I figli di Hildirida in Finmark e alla corte di Harold

 I figli di Hildirida presero l'attività a Halogaland; e nessuno contraddisse disse a causa del potere del re, ma i parenti e gli amici di Thorolf furono molto scontenti del cambiamento.I due fratelli partirono per il fell in inverno, portando con sé trenta uomini. Ai finlandesi sembrava molto meno onore in questi amministratori di quando venne Thorolf, e il tributo dovuto fu molto peggiore mai pagato.

Quello stesso inverno Thorolf salì sul fell con un centinaio di uomini;passò subito in direzione est a Kvenland e incontrò il re Faravid.  Si consultarono insieme, e risolsero di andare come nell'inverno precedente; con quattrocento uomini fecero una calata su Kirialaland, e attaccarono quei distretti per i quali pensavano di essere in numero corrispondente, e saccheggiando lì presero molto bottino, ritornando a Finmark mentre l'inverno avanzava.
In primavera Thorolf tornò a casa alla sua fattoria, quindi impiegò i suoi uomini nella pesca a Vagar, e alcuni nella pesca delle aringhe, e fece portare nella sua fattoria il cibo di ogni genere.
Thorolf aveva una grande nave, che aspettava di prendere il largo. Era elaborata in tutto, splendidamente dipinta fino alla linea di mare, le vele anche accuratamente striate di blu e di rosso, e tutta l’attrezzatura elaborata come la nave.
Thorolf fece preparare questa nave, e mise a bordo alcuni dei suoi carles come equipaggio; la caricò con pesce essiccato e pelli, e anche ermellino e pellicce grigie in abbondanza, e altri pellami come quelli che aveva preso dai fell; era un carico di grande valore. Ordinò di salpare verso ovest per l'Inghilterra per comprargli vestiti e altre provviste di cui aveva bisogno; e loro, prima remarono verso sud lungo la costa, poi attraversarono il mare, arrivarono in Inghilterra.
Lì trovarono un buon mercato, caricarono la nave con grano, miele e vino e vestiti, e in autunno a vela con un buon vento, tornarono a Hordaland.
Quello stesso autunno i figli di Hildirida portarono un tributo al re.
Ma quando lo corrisposero, il re stesso era presente e vide. Disse: "E’ questo il tributo pagato, tutto ciò che avete preso in Finmark?”
Risposero: "È così".
“Meno di gran lunga", disse il re, "e il tributo pagato è molto peggiore ora di quando Thorolf lo raccolse; eppure voi avete detto che gestiva male gli affari".
E' un bene, o re", disse Harek, "che tu abbia considerato quanto sia grande il tributo che di solito dovrebbe provenire da Finmark, perché così sai quanto hai perso, se Thorolf spreca tutto il tributo destinato a te.
L'inverno scorso siamo stati in Finmark con trenta uomini, com’è stato finora la consuetudine dei tuoi amministratori.
Subito dopo venne Thorolf con un centinaio di uomini, e abbiamo appreso questo, che voleva togliere la vita a noi due fratelli e tutti i nostri seguaci, perché tu, o re, ci hai consegnato gli affari che desiderava avere.
Allora la nostra scelta migliore era quella di evitare di incontrarlo, e di salvare noi stessi: quindi abbiamo lasciato rapidamente i quartieri stabiliti, e siamo andati via dal fell.
Ma Thorolf andò in giro per il Finmark con i suoi guerrieri armati; aveva tutto il commercio, i finlandesi gli hanno reso omaggio ed egli ha impedito ai tuoi amministratori di entrare nel Finmark.
Vuole essere nominato re sul nord laggiù, sia sul Finmark sia su Halogaland: e la meraviglia è che tu lo ascolterai in qualunque cosa. Qui si possono trovare vere prove dei guadagni illeciti di Thorolf da Finmark; poiché più grande nave mercantile di Halogaland è stata preparata per il mare a Sandness in primavera, e tutto il carico a bordo è stato detto fosse di Thorolf.
Era carico per lo più, credo, di pellicce grigie, ma vi si trovavano anche pelli d'orso e zibellino più di quelle che Thorolf ti ha portato. E con quella nave andò Thorgils Yeller, e credo che lui navigò verso ovest per l'Inghilterra.
Ma se vuoi sapere la verità di questo, metti delle spie sulle tracce di Thorgils quando viene verso est; perché immagino che nessuna nave commerciale ai nostri giorni abbia portato una tale riserva di ricchezza.
E ti dico ciò che è vero, o re, quando ti dico che a te appartiene ogni centesimo a bordo. Tutto ciò che Harek disse i suoi compagni lo confermarono, e nessuno si azzardò ribattere.

 

 

CAPITOLO XVIII

La nave di Thorolf viene presa

 C'erano due fratelli di nome Sigtrygg Swiftfarer e Hallvard Hardfarer, parenti di re Harold da parte di madre; dal padre, un uomo ricco, avevano ereditato una tenuta a Hising. In tutto c'erano quattro fratelli ma, Thord e Thorgeir, i due più giovani, erano a casa e gestivano la tenuta.
Sigtrygg e Hallvard portavano tutti i messaggi del re, sia all'interno sia all'esterno della landa, e avevano fatto molti viaggi pericolosi, sia per aver tolto di mezzo uomini, sia per aver confiscato i beni di coloro le cui case il re aveva ordinato di attaccare.
Si tenevano dietro un grande seguito; non erano generalmente benvoluti, ma il re li apprezzava molto.
Nessuno poteva eguagliarli nel viaggiare né a piedi né con le racchette da neve; anche durante il viaggio erano più veloci degli altri: uomini valorosi e molto diffidenti.
Questi due uomini erano con il re quando sono accadute quelle cose che sono state appena dette. In autunno il re andò a un banchetto a Hordaland. E un giorno chiamò a sé i fratelli Hallvard e Sigtrygg, e quando arrivarono li ordinò di andare con il loro seguito e di spiare la nave che Thorgils aveva portato verso ovest in Inghilterra in estate.
"Portatemi", disse, "la nave e tutto ciò che c'è dentro, tranne gli uomini; lasciateli andare in pace, se non cercano di difendere la nave".
I fratelli si prepararono e, prendendo ognuno la sua nave lunga, andarono a cercare Thorgils, e seppero che era venuto da ovest e che aveva navigato verso nord lungo la costa. Andarono dietro di lui fino a nord e lo trovarono a Fir Sound. Conobbero subito la nave, e posero su di lei una delle loro navi sul lato verso il mare, mentre alcuni di essi sbarcavano, e da lì si diressero verso la nave per le passerelle.
La ciurma di Thorgils, non avvertendo alcun pericolo, non si difese; non scoprirono nulla finché molti uomini armati non furono a bordo, e così furono tutti sequestrati, e poi messi a terra senza armi, con nient'altro che i vestiti che indossavano.
Ma gli uomini di Hallvard tirarono su le passerelle, slacciarono i cavi e rimorchiarono fuori la nave; poi si voltarono e navigarono verso sud lungo la costa fino a incontrare il re, al quale portarono la nave e tutto ciò che c'era dentro.
E quando il carico fu scaricato, il re vide che si trattava di una grande ricchezza, e ciò che Harek aveva detto non era una menzogna.
Thorgils e i suoi compagni ottennero un mezzo di trasporto, e andarono da Kveldulf e suo figlio, e raccontarono della disavventura del loro viaggio, eppure furono ben accolti.
Kveldulf disse che tutto tendeva a ciò che aveva presagito, che Thorolf alla fine non avrebbe avuto fortuna nella sua amicizia con il re Harold.
“E m’importa poco", disse, "della perdita di denaro di Thorolf in questo, se il peggio non verrà dopo; ma io dubito, come in passato, che Thorolf non valuterà giustamente i propri mezzi contro il potere più forte con cui a che fare".
E disse a Thorgils di parlare di questo a Thorolf:
"Il mio consiglio è che tu vada via dal paese, perché forse farai meglio a te stesso se servirai sotto il re d'Inghilterra, o di Danimarca, o di Svezia".
Quindi diede a Thorgils una barca a remi, con l'attrezzatura completa, anche una tenda e le provviste, e tutte le cose necessarie per il loro viaggio. Così partirono e non hanno interrotto il loro viaggio finché non giunsero a Thorolf e gli raccontarono tutto quello che era successo.
Thorolf prese allegramente la sua perdita, e disse che non doveva essere a corto di denaro; "è un bene", disse, " essere in società con un re. Poi comprò il pasto e tutto ciò di cui aveva bisogno per il mantenimento della sua la sua casa, i suoi carles dovevano essere per un po', disse, meno coraggiosamente vestiti di quanto si fosse proposto.
Vendette alcune terre, alcune le ha ipotecate, ma ha mantenuto tutte le spese come prima; non aveva con sé meno uomini dell'inverno precedente, anzi, piuttosto di più.
E per quanto riguarda le feste e gli amici intrattenuti a casa sua, aveva più mezzi per tutto questo che prima. E rimase a casa tutto quell'inverno.

 

 

CAPITOLO XIX
Thorolf si vendica

 Quando arrivò la primavera, e la neve e il ghiaccio si sciolsero, allora Thorolf varò una sua grande nave da guerra, e lo fece preparare, e attrezzare dai suoi carles, portando con sé più di cento uomini; e una buona compagnia c'era, e ben armata.
E quando soffiò un vento favorevole, Thorolf virò verso sud lungo la costa fino ad arrivare a Byrda; poi hanno tenuto un percorso esterno al di fuori delle isole, ma a volte attraverso canali tra i pendii delle colline.

 

Così costeggiarono verso sud, e non ebbero notizie di uomini fino a quando non giunsero a est a Vik.
Lì sentirono che il re Harold era a Vik, intendendo in estate andare sull'Altopiano. La gente del paese non sapeva nulla del viaggio di Thorolf. Con un buon vento, egli si tenne a sud fino alla Danimarca, e poi nel Baltico, dove si affannò per tutta l'estate, ma non ebbe un buon bottino.
Con un bel vento in autunno tornò indietro dall'est verso la Danimarca, all'epoca quando la flotta a Eyrar si stava disgregando. In estate c'erano state, come il solito, molte navi dalla Norvegia.
Thorolf lasciò passare tutte queste navi e non si è fece vedere. Un giorno, la sera, salpò verso Mostrarsound, dove nel porto c'era una grande nave da carico che proveniva da Eyrar.
 
Il timoniere si chiamava Thorir Thruma; era un amministratore del re Harold, gestore della sua fattoria a Thruma, una grande fattoria in cui il re era solito trascorrere un lungo soggiorno quando era a Vik.
Per questa fattoria c'era bisogno di molte provviste, e Thorir era andato a Eyrar per questo, per comprare un carico, malto, grano e miele; il suo equipaggio scelse di difendersi, ma, poiché non avevano alcuna forza per difendersi da tali numeri, cedettero.

Thorolf prese la nave con tutto il suo carico, ma Thorir lo mise su un'isola. Poi navigò verso nord lungo la costa con entrambe le navi; ma quando giunsero alla foce dell'Elba, rimasero lì ad aspettare la notte. E quando fece buio, remarono lungo il fiume con la loro lunga nave e si misero in piedi per le fattorie di Hallvard e Sigtrygg.
Arrivarono lì prima dell'alba, e formarono un cerchio di uomini intorno al luogo, poi sollevarono un urlo di guerra e svegliarono coloro che erano all’interno, che balzarono rapidamente alle loro armi. Thorgeir fuggì subito dalla sua camera da letto.
Intorno alla casa colonica c'erano alte palizzate di legno: a questi Thorgeir saltò, afferrando con la mano i paletti, e così si lanciò fuori dal cortile. Thorgils Yeller era in piedi vicino; fece un colpo di spada a Thorgeir, e gli tagliò la mano insieme al paletto di recinzione. Thorgeir fuggì nel bosco, ma Thord, suo fratello, cadde ucciso, e più di venti uomini. La banda di Thorolf saccheggiò e incendiò la casa, poi tornò giù per il fiume fino al mare.
Con un buon vento navigarono verso nord fino a Vik, dove di nuovo caddero su una grande nave mercantile appartenente agli uomini di Vik, carica di malto e di cibo.
Così fecero per questa nave; ma quelli a bordo, ritenendo di non avere mezzi di difesa, si arresero, furono disarmati e messi a terra, e gli uomini di Thorolf, prendendo la nave e il suo carico, se ne andarono per la loro strada.
Thorolf aveva ora tre navi, con le quali navigavano verso ovest da Fold. Poi, presero l'alta via del mare fino a Lidandisness, andando con tutta la spedizione, facendo razzie e rubando il bestiame sui promontori e a riva.
A nord di Lidandisness tennero una rotta più lontana, ma saccheggiarono ovunque toccassero la terra.
Ma quando Thorolf si avvicinò contro i Firths, allora voltò la sua rotta verso l'interno, e andò a trovare suo padre Kveldulf, e lì furono accolti.
Thorolf raccontò a suo padre cosa era successo durante il suo viaggio estivo; vi rimase solo per poco tempo, e Kveldulf e suo figlio Grim lo accompagnarono alla nave.
Ma prima che si separassero, Thorolf e suo padre parlarono insieme, e Kveldulf disse: "Non mi sbagliavo di molto, Thorolf, nel dirti, quando sei andato a unirti alla guardia del re Harold, che né tu né noi tuoi parenti, alla lunga, avremmo avuto fortuna da ciò.”
Ora hai accolto il consiglio stesso con il quale ti avevo avvertito; tu combatti tua forza con quella del re Harold.
Ma sebbene tu stia bene dotato di valore e di tutta l'abilità, non hai abbastanza fortuna per questo, per giocare ad armi pari con il re - una cosa in cui nessuno qui nel paese è riuscito, anche se altri hanno avuto un grande potere e una grande forza di uomini. E il mio presentimento è che questo è il nostro ultimo incontro: era nel corso della natura dai nostri tempi che tu mi sopravvivi, ma penso che sarà altrimenti".
Dopo questo Thorolf s’imbarcò e se ne andò per la sua strada. E nessuna notizia è detta del suo viaggio finché non arrivò a casa a Sandness, e fece trasferire alla sua fattoria tutto il bottino che aveva preso, e la sua nave fu sistemata a terra. Ora non mancavano le provviste per mantenere il suo popolo durante l'inverno. Thorolf rimase a casa con non meno uomini che durante l'inverno precedente.

 

 

 

 

CAPITOLO XX

Il matrimonio di Skallagrim

 C'era un uomo di nome Yngvar, potente e ricco. Era stato barone degli ex re.  Dopo l'ascesa al trono di Harold, Yngvar stava a casa e non serviva il re. Yngvar era sposato e aveva una figlia di nome Bera. Yngvar abitava nei Firths. Bera era la sua unica figlia ed ereditiera.
Il figlio Grim di Kveldulf chiese a Bera di sposarla e l'incontro fu organizzato. Grim prese Bera nell'inverno successivo all'estate, quando Thorolf si era separato da lui e da suo padre.
Grim aveva allora venticinque anni ed era ormai calvo, per questo da quel momento in poi fu chiamato Skallagrim.
Aveva allora la gestione di tutte le fattorie che appartenevano a lui e a suo padre e di tutta la produzione, sebbene Kveldulf fosse ancora un uomo sano e forte.
Avevano molti liberti intorno a loro, e molti uomini che erano cresciuti lì in casa e avevano più o meno la stessa età di Skallagrim. Uomini di abilità e forza erano per lo più, perché sia il padre sia il figlio sceglievano compagni forti per essere i loro seguaci, e li addestravano secondo la loro mente.
Skallagrim era come suo padre nella statura e nella forza, così come nel volto e nel temperamento.

 

 

 

CAPITOLO XXI

 Hallvard e suo fratello danno la caccia a Thorolf

 Il re Harold era a Vik mentre Thorolf stava saccheggiando, e in autunno andò sull'Altopiano, e da lì verso nord fino a Throndheim, dove rimase per tutto l'inverno con una grande forza. Sigtrygg e Hallvard erano con lui: avevano sentito quello che Thorolf aveva fatto a casa loro a Hising, i danni che aveva fatto su uomini e proprietà.

Spesso lo ricordavano al re, e con essa come Thorolf avesse saccheggiato il re e i suoi sudditi, e si fosse dato da fare in giro per il paese. Essi implorarono il permesso del re affinché i due fratelli andassero con il loro solito seguito e attaccassero Thorolf nella sua casa.
Il re rispose così: Forse pensate di avere un buon motivo per togliere la vita a Thorolf, ma dubito, che la tua fortuna sia ben al di sotto di questo lavoro. Thorolf è più che un vostro avversario, coraggioso e prode, come potete ritenere voi stessi".
I fratelli dissero che questo sarebbe stato messo alla prova, se il re avesse volesse concedere loro il permesso; avevano spesso corso grandi rischi contro uomini sui quali avevano meno da vendicare, e in genere avevano vinto.
E quando arrivò la primavera e gli uomini si preparavano ad andare per le loro vie, allora Hallvard e suo fratello sollecitarono di nuovo la loro richiesta di andare a prendere la vita di Thorolf.
Così il re diede loro il permesso.
"E so", disse, "mi porterete la sua testa e molte cose costose quando tornerete; eppure alcuni pensano che se navigherete verso nord, navigherete e remerete verso sud".
Si prepararono a tutta velocità, prendendo due navi e duecento uomini; e quando furono pronti, navigarono con un vento di nord-est dal Firth, ma questo è un vento contrario per quelli che costeggiano il nord.

 

 

 

 

CAPITOLO XXII

Morte di Thorolf Kveldulfsson

 Re Harold era a Hlada quando i fratelli se ne sono andati. Subito dopo di questo il re si rese pronto in tutta la fretta, e s’imbarcò con le sue forze su quattro navi, e remarono lungo il Firth, e così lungo il mare di Beitis verso l'interno fino all'istmo di Elda.
Lì lasciò le sue navi e attraversò l'istmo verso nord fino a Naumdale. Là il re prese le navi dei proprietari terrieri e vi s’imbarcò con le sue forze, avendo con sé la sua guardia; erano quattrocento uomini. Sei navi che aveva ben equipaggiato sia con armi sia con uomini.
Hanno incontrato un fresco vento contrario, e hanno remato notte e giorno, facendo l’andamento che potevano. La notte era quindi abbastanza chiara per viaggiare. La sera di un giorno dopo il tramonto arrivarono a Sandness e videro, di fronte alla fattoria, una lunga nave con le tende spiegate, che sapevano essere di Thorolf. Egli aveva già allora l'intenzione di salpare, e aveva chiesto di preparare la birra per la loro festa di addio. Il re ordinò ai suoi uomini di sbarcare e di alzare il suo stendardo. La strada per gli edifici della fattoria era breve. 
Le sentinelle di Thorolf si saziavano nel bere e non erano andate ai loro posti; nessun uomo era senza; tutti sazi nel bere.
Il re fece mettere un anello di uomini intorno alla sala: poi gridarono un urlo di guerra, e uno squillo di guerra fu suonato dalla tromba del re. Nell’udire il quale gli uomini di Thorolf balzarono alle loro armi, poiché le armi di ogni uomo erano appese sopra il suo sedile.
Il re fece sì che alcuni facessero proclami alla porta, chiedendo a donne, bambini, vecchi, schiavi e servi di uscire. Poi uscì Sigridr la padrona, e con lei le donne che erano dentro, e le altre cui era stato concesso il permesso. Sigridr chiese se i figli di Kari di Berdla erano lì. Entrambi si fecero avanti e chiesero cosa lei avrebbe voluto da loro.
“Conducetemi dal re", disse lei.
Così fecero. Quando venne dal re, disse: "C'è qualcosa, mio signore, che possa riconciliarti con Thorolf?"
Il re rispose: "Se Thorolf vorrà cedere alla mia misericordia, avrà vita e membra, ma i suoi uomini saranno puniti secondo le accuse rivolte a loro". Su questo Aulvir Hnuf si recò nella stanza e fece chiamare Thorolf per parlare con lui, e gli disse quali condizioni il re aveva offerto loro. Thorolf rispose che non avrebbe accettato i termini obbligatori o la riconciliazione del re.
“Dì al re di lasciarci uscire e di lasciare che le cose seguano il loro corso".
Il re disse: "Date fuoco alla sala; non sprecherò i miei uomini a combattere con lui fuori; So che Thorolf ci farà lavorare alla grande… se uscirà fuori, anche se ha meno uomini di noi".
Così fu appiccato il fuoco alla stanza, che ben presto prese fuoco, perché il legno era asciutto, le pareti incatramate e il tetto ricoperto di corteccia di betulla.
Thorolf ordinò ai suoi uomini di rompere la boiserie e di prendere le travi del timpano, e così sfondarono il tavolato; E quando ebbero le travi, allora tutti gli uomini che potevano ad aggrapparsi a esse hanno preso una trave, e hanno sbattuto all'angolo con l'altra estremità della trave così forte che le fibbie sono volate via, e le pareti hanno cominciato a crollare, e c'era un’ampia uscita.
Prima è uscito Thorolf, poi Thorgils Yeller, poi gli altri uno dopo l'altro. Feroce fu allora la lotta; né per un po' si vide chi avesse la meglio, perché la stanza proteggeva la retroguardia della forza di Thorolf. Il re perse molti uomini prima che la stanza cominciasse a bruciare; poi il fuoco attaccò il fianco di Thorolf, e molti di loro sono caduti. Ora Thorolf balzò in avanti e tagliò con l’ascia con ambo, e poca necessità era il bisogno di legare il ferite di coloro che l’hanno incontrato. Si diresse dove si trovava lo stendardo del re, e in quel momento cadde Thorgils Yeller.
Ma quando Thorolf raggiunse il muro di scudi, colpì con un colpo l’alfiere, gridando: “Ora sono a meno di un metro dal mio obiettivo.” Allora portava sia spada e lancia, ma il re stesso gli ha inflisse la sua ferita mortale, ed egli è cadde in avanti ai piedi del re. Allora il re gridò e disse loro di cessare ulteriori massacri; e lo fecero.
Dopo di questo il re ordinò ai suoi uomini di scendere alle navi. Ad Aulvir Hnuf e a suo fratello disse: “Prendete Thorolf, tuo parente, e dategli onorevole sepoltura; seppellite anche gli altri caduti e curate di legare le ferite di chi ha speranza di vita; ma nessuno saccheggi qui, perché tutto questo è di mia proprietà.”
Detto questo, il re scese alle sue navi, e la maggior parte delle sue forze con lui; e quando furono saliti a bordo, gli uomini cominciarono a fasciarsi le loro ferite. Il re fece il giro della nave e guardò le ferite degli uomini; E quando vide un uomo che legava una ferita superficiale, disse: "Thorolf non ha dato quella ferita; la sua arma morde molto altrimenti; pochi, a mio parere, fasciano le ferite che ha dato; e grande perdita abbiamo di tali uomini".
Non appena spuntò il giorno, il re fece issare la vela e navigò verso sud il più velocemente possibile.
Con il passare del giorno s’imbatterono in molte barche a remi in tutti gli stretti tra le isole; le forze che avevano deciso di unirsi a Thorolf, poiché le sue spie erano state a sud fino a Naumdale, e in lungo e in largo per le isole.
Questi avevano avuto modo di conoscere come Hallvard e suo fratello provenissero dal sud con una grande forza che intendeva attaccare Thorolf.
La compagnia di Hallvard aveva costantemente incontrato un cento contrario e aveva aspettato in vari rifugi fino a quando le notizie di loro non erano arrivate via terra, e le spie di Thorolf ne erano venute a conoscenza, e questo raduno di forze era per questo motivo.
Il re navigò sotto un forte vento, finché giunse a Naumdale; lì lasciò le navi, e andò via terra fino a Throndheim, dove prese le sue navi che aveva lasciato lì, e da lì appoggiò per Hlada.
Queste notizie furono presto udite e raggiunsero Hallvard e i suoi uomini dove giacevano. Quindi tornarono dal re e il loro viaggio fu molto deriso.
I fratelli Aulvir Hnuf ed Eyvind Lambi rimasero un po' a Sandness e si occuparono della sepoltura degli uccisi. Al corpo di Thorolf diedero tutti gli onori consueti alla sepoltura di un uomo ricco e famoso, e gli posero sopra una lapide commemorativa. Si occuparono anche della guarigione dei feriti. Sistemarono anche la casa con Sigridr; tutto il materiale rimase, ma la maggior parte degli arredi della casa, delle forniture e tavoli e dei vestiti erano bruciati. E quando ciò fu fatto, andarono a sud e andarono dal re Harold a Throndheim, e rimasero con lui per un po' di tempo. Erano tristi e parlavano poco con gli altri.
E fu così che un giorno i fratelli andarono davanti al re, e Aulvir disse: "Questo permesso noi fratelli ti chiediamo, o re, di tornare a casa nelle nostre fattorie; poiché qui sono accadute cose tali che non abbiamo cuore di condividere il bere e il posto a sedere con chi ha puntato le armi contro il nostro parente Thorolf".
Il re li guardò e rispose a malincuore: "Non vi concederò questo, sarete qui con me". Loro tornarono al loro posto. Il giorno dopo, mentre il re sedeva nella sala delle udienze, fece chiamare i fratelli e disse:
"Ora saprai di quella faccenda che avete iniziato con me, desiderando di tornare a casa".
Voi siete stati alcuni qui con me per un po’ di tempo, e vi siete comportati bene, e avete sempre fatto il vostro dovere. Ho pensato bene per voi in tutto. Ora io voglio, Eyvind, che tu vada a nord, a Halogaland. Ti darò in sposa Sigridr di Sandness, lei che Thorolf aveva in moglie; ed io ti donerò tutta la ricchezza che apparteneva a Thorolf; avrai anche la mia amicizia, se riuscirai a mantenerla.
Ma Aulvir rimarrà con me, per la sua abilità come Skald non posso fare a meno di lui. I fratelli ringraziarono il re per l'onore concesso loro e dissero che lo avrebbero accettato volentieri. Poi Eyvind si preparò per il viaggio, ottenendo una nave buona e adatta. Il re gli diede dei gettoni per questa questione. Il suo viaggio procedeva bene, e giunse a nord, ad Alost e Sandness.
Sigridr lo accolse; ed Eyvind le mostrò allora i gettoni del re e le dichiarò il suo incarico, e la chiese in matrimonio, dicendo che era il messaggio del re che doveva ottenere questa corrispondenza.
Sigridr capì che era la sua unica scelta, visto le cose erano andate, era di lasciare che il re la governasse. Così fu preso l'accordo ed Eyvind sposò Sigridr, ricevendo con lei la fattoria di Sandness e tutta la proprietà che era stata di Thorolf. Quindi Eyvind era un uomo ricco.
I figli di Eyvind e Sigridr furono Fid Squinter, padre di Eyvind Skald-spoiler, e Geirlaug, che Sighvat Red ha avuto in moglie.
Fid Squinter sposò Gunnhilda, figlia del conte Halfdan. Sua madre era Ingibjorg, figlia del re Harold Fairhair. Eyvind Lambi mantenne l'amicizia del re finché entrambi vissero.

 

 

 

CAPITOLO XXIII

L'uccisione dei figli di Hildirida

 C'era un uomo di nome Kettle Hæing, figlio di Thorkel conte di Naumdale, e di Hrafnilda figlia di Kettle Hæing di Hrafnista. Era un uomo ricco e famoso; era stato un amico stretto del figlio di Kveldulf, Thorolf ed era il suo parente più prossimo.
Era stato in quella spedizione quando le forze si sono radunate ad Alogalandia con l'intenzione di unirsi a Thorolf, come è stato scritto sopra.
Ma quando il re Harold andò a sud, e gli uomini seppero dell'uccisione di Thorolf, allora convocarono un raduno.
Hæing portò con sé sessanta uomini e si rivolse a Torgar. I figli di Hildirida erano lì, e pochi uomini con loro.
Salì alla fattoria e li attaccò; e lì caddero i figli di Hildirida e la maggior parte di quelli che erano lì; e Hæing e la sua compagnia si presero tutte le ricchezze su cui potevano mettere le mani.
Dopo di che Hæing prese due navi da carico, le più grandi che riuscì ad avere, e portò a bordo tutte le ricchezze che gli appartenevano e che poteva portare con sé; prese anche la moglie e i figli, e tutti gli uomini che erano stati con lui nell'ultimo lavoro. E quando furono pronti e il vento soffiò a favore, salparono in mare.
Un uomo di nome Baug, il fratello adottivo di Hæing, di buona famiglia e ricco, guidò la seconda nave.
Qualche inverno prima che Ingjolf e Hjorleif andarono a stabilirsi in Islanda; si parlava molto del loro viaggio e si diceva che lì c'era una buona scelta di terra. Così Hæing navigò verso ovest sul mare per cercare l'Islanda.
E quando videro la terra, si avvicinarono da sud. Ma siccome il vento era forte, e la risacca era alta sulla riva, e non c'era un rifugio, navigarono verso ovest lungo la costa sabbiosa. E quando il vento cominciò a calare, e la risacca a calmarsi, lì davanti a loro c'era un largo fiume a sud. Su questo fiume guidarono le loro navi e si stabilirono vicino alla riva orientale.
Quel fiume si chiama ora Thjors-river; il suo corso d'acqua era allora molto più stretto e profondo di quello attuale.
Scaricarono le loro navi, poi perlustrarono la terra a est del fiume, portando il loro bestiame dietro di loro. Hæing rimase per il primo inverno sull’argine orientale del fiume Rang-river esterno.
Ma in primavera perlustrò la terra verso est, e poi prese la terra tra Thjors-river e Mark-fleet, dal monte al fiordo, e fece la sua casa a Hofi vicino a Rang-river est. Ingunn sua moglie partorì un figlio in questa primavera dopo il loro primo inverno, e il ragazzo si chiamava Hrafn.
E sebbene la casa fosse stata demolita, il luogo continuò a chiamarsi Hrafn-toft. Hæing diede a Baug dei terreni a Fleet-lithe, giù da Markriver fino al fiume fuori Breidabolstead; e si stabilì a Lithe-end. Ai suoi compagni di nave Hæing diede terra o la vendette a un piccolo prezzo, e questi primi coloni sono chiamati "landtaker". Hæing ebbe figli Storolf, Herjolf, Helgi, Vestar; avevano tutti la terra. Hrafn era il quinto figlio di Hæing. E’ stato il primo uomo di legge in Islanda; dimorò a Hofi dopo suo padre, ed era il più famoso dei figli di Hæing.

 

 

 

 

CAPITOLO XXIV

Il dolore di Kveldulf

 

 Kvelduf seppe della morte di suo figlio Thorolf, e fu così profondamente addolorato per la notizia che si portò a letto dal dolore e dall'età. Skallagrim andava spesso da lui e parlava con lui; lo esortava a tirarsi su.
“Qualunque cosa” (disse) “era più appropriata che diventare inutile e giacere a letto; un consiglio migliore è che cerchiamo di vendicare Thorolf.”
Forse incontreremo alcuni di chi ha preso parte alla sua uccisione; ma in caso contrario, ci saranno ancora degli uomini che possiamo raggiungere e quindi dispiacere al re.

Kveldulf cantò un pentagramma:

 

"Thorolf nell'isola del nord
(O crudeli Norns!) è morto:
Troppo presto il Dio del Tuono
Ha preso il mio figlio guerriero.
Il lottatore pesante di Thor, l'età,
Trattiene i miei deboli arti dalla mischia:
Anche se acuto il mio spirito mi sprona,

Nella mitologia nordica le Norns sono esseri femminili che governano il destino.

"Nessuna vendetta rapida". Re Harold andò quell'estate a Upland, e in autunno verso ovest a Valres, e fino a Vors.
Aulvir Hnuf era con il re, e spesso parlava con lui per sapere se avrebbe pagato l'espiazione per Thorolf, concedendo a Kveldulf e Skallagrim un risarcimento in denaro, o l'onore che li avrebbe soddisfatti.
Il re non lo rifiutò del tutto, se padre e figlio fossero venuti da lui.
Al che Aulvir partì verso nord per i Firths, e non si fermò fino a quando una sera giunse a questi due.
Essi lo ricevettero con gratitudine, ed egli vi rimase per qualche tempo. Kveldulf interrogò attentamente Aulvir su ciò che accadde a Sandness quando Thorolf cadde, su quali azioni prodi Thorolf aveva compiuto prima di cadere, su chi lo colpì con un'arma, dove ricevette la maggior parte delle ferite, su quale fu il modo in cui cadde.
Aulvir gli disse tutto quello che aveva chiesto; e che il re Harold gli diede la ferita che era abbastanza da sola per la sua rovina, e che Thorolf cadde in avanti proprio ai piedi del re.
Kveldulf allora replicò: "Bene è che tu lo dica: poiché un vecchio vide che sarà vendicato colui che cadde in avanti, e che la vendetta arriverà a colui che gli sta davanti quando cadde; ma è improbabile che una tale buona sorte sia nostra".
Aulvir disse a padre e figlio che sperava che, se si fossero recati dal re e avessero desiderato l'espiazione, sarebbe stato un viaggio in loro onore; e li invitò ad avventurarsi in questa impresa, aggiungendo molte parole a tal fine.
Kveldulf disse che era troppo vecchio per viaggiare: "Mi siederò a casa", disse.
“Andrai, Grim?" chiese Aulvir.
“Penso di non avere nessuna commissione da fare lì", disse Grim; "Non sembrerò al re che parli correntemente, né penso che pregherò a lungo per l'espiazione".
Aulvir disse che non avrebbe avuto bisogno di farlo: "Faremo tutto per parlare per te nel miglior modo possibile". E vedendo che Aulvir insisteva molto su questo punto, Grim promise di andare quando pensava di poter essere pronto.
Lui e Aulvir fissarono una data in cui Grim sarebbe dovuto andare dal re. Poi Aulvir se ne andò per primo, e tornò dal re.

 

 

 

 

CAPITOLO XXV

Il viaggio di Skallagrim verso il re

 

 Skallagrim si preparò a questo viaggio, scegliendo dalla sua famiglia e dai suoi vicini i più forti e i più robusti che si potessero trovare. Uno era Ani, un ricco proprietario terriero, un altro Grani, un terzo Grimolf e suo fratello Grim, i carles di Skallagrim, e i due fratelli Thorbjorn Krum e Thord Beigaldi.
Questi erano chiamati i figli di Thororna, che viveva molto vicino a Skallagrim, ed era di dotata di abilità magiche. Beigaldi era un morditore di carbone.* C'era un uomo chiamato Thorir Giant, e suo fratello Thorgeir Earthlong, Odd Lonedweller e Griss Freedman.
Dodici erano lì per il viaggio, tutti uomini robusti, e molti di loro erano forti di forma.

* Da Kol (carbone) e bita (mordere) mangiatore di carbone, dicesi di giovane fannullone che siede in ogni momento vicino al fuoco e al focolare

Prese una nave a remi di Skallagrim, si diressero verso sud lungo la costa, si fermarono a Ostra Firth, quindi viaggiarono via terra fino a Vors per raggiungere il lago; e, il loro percorso, era tale da doverlo attraversare, presero una nave a remi adatta e traghettarono, da dove non dovevano andare molto lontano per raggiungere la fattoria dove il re si stava intrattenendo. Vi giunsero nel momento in cui il re era andato a tavola.
Hanno trovato alcuni uomini con cui per parlare all'esterno nel cortile, e chiesero cosa stava succedendo. Detto questo, Grim pregò uno di chiamare Aulvir Hnuf per parlare con lui.
L'uomo entrò nella stanza e salì dove si sedeva Aulvir, e disse: "Ci sono degli uomini qui fuori appena arrivati, dodici insieme, se si possono chiamare uomini, perché sono più simili a giganti di statura e apparenza che a uomini mortali".
Aulvir si alzò subito e uscì, perché sapeva chi erano quelli che erano venuti. Salutò bene il suo Il parente Grim, e gli disse di andare con lui nella stanza.
Grim disse ai suoi compagni: "Qui è usanza che gli uomini vadano senza armi davanti al re; sei di noi entreranno, gli altri sei staranno fuori e terranno le nostre armi".  Poi entrarono, e Aulvir salì dal re, e Skallagrim alle sue spalle. Aulvir era portavoce: "Ecco che arriva il figlio Grim di Kveldulf; ti saremo grati, o re, se renderai il suo viaggio piacevole.
Molti, a cui è dovuto meno, traggono grande onore da te, e che non sono poi così bravi come lui in ogni tipo di abilità.
Anche tu vuoi fare questo perché per me è una questione di momento, se questo è di qualche valore secondo il tuo giudizio".
Aulvir parlava in modo completo e scorrevole, perché era un uomo pronto a parlare. E molti altri amici di Aulvir andarono davanti al re e perorarono questa causa.
Il re si guardò intorno, e vide che un uomo stava alla schiena di Aulvir più alto degli altri di una testa, e calvo.
"È Skallagrim", chiese il re, "quell'uomo alto?"
Grim disse che aveva indovinato bene.
Lo farò, disse il re, "se brami l’espiazione per Thorolf, che tu diventi mio liege−man ‘suddito’", (meglio vassallo), ed entri qui nella mia guardia e mi servi.
Forse mi piacerà così tanto il tuo servizio da concederti l'espiazione per tuo fratello, o altro onore non inferiore a quello che gli ho concesso; ma devi saperlo custodire meglio di lui, se ti farò diventare un uomo grande come lui.
Skallagrim rispose: "È ben noto quanto Thorolf fosse superiore a me in ogni punto, e non ha avuto fortuna nel servirti, o re. Ora non accetterò questo consiglio; Non ti servirò, perché so che non dovrei avere fortuna nel fornirti il servizio che vorrei e che sarebbe degno
. Mi sembra che qui dovrei fallire più di Thorolf".
Il re tacque, e il suo volto divenne rosso sangue. Aulvir si voltò subito dall'altra parte e ordinò a Grim e ai suoi uomini di uscire. Lo fecero.
Uscirono e presero le loro armi e Aulvir disse loro di andarsene in tutta la fretta. Lui e molti altri con lui li hanno scortati fino alla riva al mare.Prima di separarsi da Skallagrim, Aulvir disse:
Parente, il tuo viaggio verso il re si è concluso diversamente da come avrei scelto. Ho esortato molto la tua venuta qui, ora, ti supplico, torna a casa a tutta velocità e non percorrere la via del re Harold, a meno che non ci sia tra voi un accordo migliore di quello che sembra probabile ora, e tieniti lontano dal re e dai suoi uomini".
Quindi Grim e la sua compagnia andarono per l’acqua; ma Aulvir con i suoi uomini, andando alle navi tirate in riva al mare, le fecero a pezzi in modo che nessuna fosse adatta al varo. Perché videro uomini che scendevano dalla casa del re, un grosso corpo ben armato e che avanzava furiosamente.
Questi uomini che re Harold aveva mandato dietro di loro per uccidere Grim.Il re aveva trovato le parole subito dopo che Grim era uscito, e aveva detto: "Questo lo vedo in quell'alta testa pelata: che è pieno di ferocità, e lo farà, se riesce a raggiungerli, opererà a morte su uomini che dovremmo essere riluttanti a perdere".
"Potete essere sicuri, voi contro i quali può portare rancore, che non ne risparmierà nessuno, se ne avrà la possibilità. Perciò andate a cercarlo e uccidetelo".
Dopo questo andarono e arrivarono all'acqua, e non videro nessuna nave adatta al varo.
Così tornarono indietro e raccontarono al re del loro tragitto, e che Grim e i suoi compagni avrebbero ora superato il lago.

Skallagrim se ne andò con i suoi compagni finché non arrivò a casa;poi raccontò a Kveldulf di questo viaggio.
Kveldulf si mostrò ben contento che Skallagrim non fosse andato dal re in questa commissione per prestare servizio sotto di lui; egli continuava a dire, come prima, che dal re avrebbero avuto solo perdite e nessuna riparazione.
Kveldulf e Skallagrim parlarono spesso dei loro piani, e su questo erano d'accordo, che essi non sarebbe stato in grado di rimanere nel paese più di altri uomini che erano in ostilità con il re, il loro parere era quello che si doveva andare all'estero.
E a loro sembrava desiderabile cercare l'Islanda, poiché erano stati forniti buone indicazioni sulla scelta del terreno.

Già loro amici e conoscenti erano andati là, cioè Ingolf Arnarson e i suoi compagni, e avevano preso terra e casa in Islanda.
Gli uomini possono prendere la terra lì gratuitamente e scegliere la loro fattoria a piacimento. Così si decisero del tutto di abbattere la loro casa e di andare all'estero.
Thorir Hroaldson nella sua infanzia era stato adottato con Kveldulf, e lui e Skallagrim avevano circa la stessa età, e come fratelli adottivi erano cari amici. Thorir era diventato barone del re nel momento in cui gli eventi appena raccontati accaddero, ma l'amicizia tra lui e Skallagrim continuò.
All'inizio della primavera Kveldulf e la sua compagnia prepararono le loro navi. Avevano un sacco di buone imbarcazioni tra cui scegliere; prepararono due grandi navi da carico e accolsero su ognuna trenta uomini robusti, oltre alle donne e ai bambini.
Tutti i beni mobili che potevano portare, portarono con loro, ma le loro terre nessuno osava comprarle, per paura del potere del re. E quando furono pronti, navigarono via: prima verso le isole chiamate Solundir, che sono molte e grandi, e così segnate con baie che poche uomini (si dice) conoscono tutti i loro rifugi.

 

 

 

CAPITOLO XXVI
Di Guttorm

 

C'era un uomo di nome Guttorm, figlio di Sigurd Hart. Era il fratello della madre di re Harold; inoltre era stato anche il suo padre adottivo, e governava le sue truppe, poiché il re era un bambino quando salì al trono per la prima volta.
Guttorm aveva comandato l'esercito in tutte le battaglie che Harold aveva combattuto per portare la terra sotto il suo dominio.
Quando Harold divenne l'unico re di tutta la Norvegia, e si sedette in pace, diede al suo parente Guttorm Westfold ed East-Agdir, e Hringariki, tutte le terre che erano appartenute a Halfdan Swarthy suo padre. Guttorm ebbe due figli e due figlie.
I suoi figli si chiamavano Sigurd e Ragnar; le sue figlie Ragnhildr e Aslaug. Guttorm si ammalò, e quando si avvicinò alla sua fine lo mandò a dire a re Harold, chiedendogli di occuparsi dei suoi figli e della sua provincia.
Poco dopo morì. Alla notizia della sua morte, il re convocò Hallvard Hardfarer e suo fratello e disse loro di andare a portare un messaggio per lui verso est, a Vik, che si trovava allora a Throndheim. Fecero grandi preparativi per il loro viaggio, scegliendo loro gli uomini e la nave migliore che potevano ottenere; era la stessa nave che avevano preso a Thorgils Yeller.  Quando furono pronti, il re disse loro la commissione: dovevano andare verso est a Tunsberg, la città mercato dove aveva risieduto Guttorm. "Voi dovrete", disse il re,"portarmi i figli di Guttorm, ma le sue figlie saranno adottate lì finché non le darò in matrimonio. Troverò degli uomini che si prendano cura della provincia e allevino le fanciulle". 
Così i fratelli partirono con un buon vento, e arrivarono in primavera verso est a Vik e a Tunsberg, e lì dichiararono la loro commissione. Presero i figli di Guttorm, e molti beni mobili, e tornarono indietro.
Il vento era allora un po' debole, e il loro viaggio fu più lento, ma non successe nulla finché non navigarono verso nord sul mare di Sogn, ottennero allora un buon vento e un tempo luminoso, essendo in buono stato.

 

 

 

CAPITOLO XXVII

L'uccisione di Hallvard e Sigtrygg

 

 Per tutta l'estate il Kveldulf e Skallagrim tenevano d’occhio la riva lungo la strada dei vascelli. Skallagrim era molto acuto. Ha visto passare la compagnia di Hallvard che navigava e conosceva la nave perché l'aveva già vista prima, quando Thorgils l'ha portata con sé.
Skallagrim osservava il loro corso e dove si trovavano in un rifugio la sera. Poi tornò dalla sua gente e raccontò a Kveldulf ciò che aveva visto, e come aveva riconosciuto la nave, che era quella che una volta era di Thorolf, e che fu presa da Hallvard di Thorgils, e senza dubbio c'erano alcuni uomini a bordo che valeva la pena catturare. Così si prepararono con entrambe le loro barche, e venti uomini in ciascuna. Kveldulf ne guidò uno Skallagrim l'altro. Quindi remarono e si diressero verso la nave. Ma quando arrivarono dove si trovava, si posero a terra.
Gli uomini di Hallvard avevano montato la tenda sopra la loro nave e si erano sdraiati per dormire. Ma quando le forze di Kveldulf si avvicinarono a loro, allora i guardiani che erano seduti alla fine della passerella salirono e chiamarono la nave; ordinarono agli uomini di alzarsi, perché un nemico era su di loro.
Il gruppo di Hallvard balzò alle loro armi. Quando Kveldulf, con i suoi uomini, arrivò alla fine della passerella, uscì dalla passerella di poppa, mentre Skallagrim andò avanti verso l'altra passerella. Kveldulf aveva in mano un'ascia da battaglia; ma quando salì a bordo, ordinò ai suoi uomini di andare verso l’esterno per il trincarino e di tagliare la tenda dalle sue forche, mentre lui stesso si precipitava a prora verso il castello di poppa. E si dice che poi abbia avuto un attacco di forma-forza, come anche molti dei suoi compagni.
Uccisero tutti quelli che incontravano sulla loro strada, lo stesso fece Skallagrim quando salì a bordo della nave; né padre e figlio sono rimasti con le mani in mano fino a quando la nave non fu sgomberata.
Quando Kveldulf giunse a prora verso il castello di poppa, brandì in alto la sua ascia da battaglia e trafisse Hallvard attraverso l’elmo e la testa, in modo che l'ascia affondasse fino al manico; poi la riportò indietro verso di lui con tanta forza che fece roteare Hallvard in alto e lo gettò in mare.
Skallagrim superò il castello di prua, uccidendo Sigtrygg. Molti uomini si tuffarono in mare; ma gli uomini di Skallagrim presero una delle barche, e inseguirono e uccisero tutti quelli che nuotavano.
Con Hallvard si erano persi cinquanta uomini in tutto. Gli uomini di Skallagrim presero la nave e la ricchezza che c'era in essa.
Catturarono due o tre uomini che ritenevano meno importanti, e concessero loro la vita, chiedendo chi fosse stato sulla nave e quale fosse stato il significato del viaggio. Dopo aver appreso tutta la verità su questo, hanno esaminato gli uccisi che giacevano a bordo della nave. Si è scoperto che molti erano saltati fuori bordo, e così sono morti, di quelli che erano caduti sulla nave. I figli di Guttorm erano saltati fuori bordo e sono morti. Di questi, uno aveva dodici anni, gli altri dieci ed entrambi erano ragazzi promettenti.
Poi Skallagrim liberò gli uomini a cui aveva risparmiato la vita e ordinò loro di andare dal re Harold e raccontargli l'intera storia di ciò che era stato fatto lì, e chi ne era stato l'artefice. "Sì”, inoltre, disse: "Porta al re questa canzoncina":

 

Per un nobile guerriero ucciso
La vendetta ora sul re è stata presa:
Lupo e l'aquila camminano come predatori
Principi nati per dominare il sovrano.
Il corpo di Hallvard si squarciò
Volò a capofitto tra le onde;
Le ferite di Wight una volta erano veloci
Il becco dell'avvoltoio in picchiata si strappa.

 

Dopo questo Skallagrim ei suoi uomini presero le loro navi e acquisirono la nave e il suo carico. E poi fecero uno scambio, caricando la nave che avevano preso, ma svuotandone una delle loro che era più piccola; e in questa misero pietre, aprirono dei buchi e la affondarono. Poi, non appena il vento fu buono, salparono verso il mare.
Si dice di uomini di forma forte, o uomini con un attacco di furia berserk su di loro, finché l'attacco durava, erano così forti che nessuno poteva resistere a loro; ma quando passava, allora erano più deboli del loro solito. Anche così è stato con il Kveldulf.
Quando la forma-forte andò via da lui, allora si è sentì esausto per l’attacco che aveva fatto, e divenne talmente debole che si stese a letto.
E ora un bel vento li portò in mare. Kveldulf comandò la nave che avevano preso da Hallvard. Con il buon vento le navi si tennero bene insieme, e per molto tempo furono in vista l'una dell'altra.
Ma quando erano ormai molto più avanzati del principale, la malattia del Kveldulf si aggravò.
E quando arrivò a questo, che la morte era vicina, allora chiamò i suoi compagni di bordo e disse loro che pensava che probabilmente loro e lui avrebbero presto preso strade diverse. «Non sono mai stato un uomo malato», disse, ma se è così (come ora sembra probabile) che muoia, allora fatemi una bara e mettetemi in mare: e andrà ben oltre a quello che penso se non vengo in Islanda e non prendo la terraferma. Porterete il mio saluto a mio figlio Grim, quando lo incontrerete, e gli direte che se viene in Islanda, e le cose andranno così, per quanto improbabile possa sembrare, io ci sarò per primo, allora lui gli sceglierà una fattoria il più vicino possibile a dove sono arrivato a riva.
Poco dopo questo Kveldulf morì. I suoi compagni di nave fecero come aveva loro ordinato di fare; lo deposero in una bara e la lanciarono in mare.
C'era un uomo di nome Grim, figlio di Thorir Kettlesson Keel-fare, di nobile famiglia e ricco. Era sulla nave di Kveldulf; era stato un vecchio amico sia di padre e figlio, e un compagno di entrambi e di Thorolf, per questo motivo era incorso nell'ira del re. Ora assunse il comando della nave dopo la morte di Kveldulf. Ma quando giunsero in Islanda, avvicinandosi alla terraferma da sud, navigarono verso ovest lungo la costa, perché avevano saputo che Ingolf si era stabilito lì.
Ma avvicinandosi a Reykja e vedendo il firth aperto davanti a loro, guidarono entrambe le navi verso il firth. E ora il vento soffiava forte, con molta pioggia e nebbia. Così le navi furono separate.
Grim the Halogalander e il suo equipaggio navigarono nel Borgar Firth oltre tutti gli scogli; poi gettarono l'ancora finché il vento cadde e il tempo si schiarì. Aspettarono la marea e poi portarono la loro nave in una foce del fiume; chiamato fiume Gufu. Trascinarono la nave su questo fiume fino a dove potevano andare; poi sbarcarono il carico e vi rimasero per il primo inverno.
Esplorarono la terra lungo il mare sia verso l'interno sia verso l'esterno, e non si erano allontanati molto prima di trovare la bara del Kveldulf gettata in una insenatura. Portarono la bara fino al promontorio, la depositarono laggiù e innalzarono lì sopra un mucchio di pietre.

 

 

 

CAPITOLO XXVIII

Della presa di terra di Skallagrim

 

Skallagrim esplorò la terraferma dove una grande promontorio si estendeva sul mare, e oltre il ness c'era uno stretto istmo; e lì posarono il loro carico. Quel ness lo chiamarono Ship-ness. Poi Skallagrim esplorò la terra: c'erano molte brughiere e ampi boschi, e un ampio spazio tra colline e abeti, caccia alle foche in abbondanza e buona pesca.
Ma, mentre osseervavano la terra verso sud lungo il mare, trovarono davanti a loro un grande abisso; e, rivolgendosi verso l'interno lungo questo firth, non si fermarono fino a quando non trovarono i loro compagni, Grim l'alogalandro e gli altri.
Lì ci fu un incontro gioioso. Raccontarono a Skallagrim della morte di suo padre, e di come Kveldulf era arrivato a sbarcare lì, e lo avevano seppellito.
Poi condussero Skallagrim sul posto, e gli sembrò e gli sembrò che lì intorno sarebbe stato un buon posto per costruire una fattoria. Poi se ne andò e tornò dai suoi compagni di nave; e per quell'inverno ogni gruppo rimase dove erano venuti a sbarcare.Poi Skallagrim prese terra tra i firths e le prime colline, tutte le brughiere fino a Seal-loch, e la terra alta fino a Borgarhraun, e a sud fino a Hafnar-fell, e tutta quella terra dallo spartiacque fino al mare.
La primavera successiva spostò la sua nave verso sud verso il Firth e nel torrente vicino a dove Kveldulf era approdato; e lì stabilì il suo podere, chiamandolo Borg, e il primo Borgar-firth, e così anche la campagna più in alto che chiamarono come il firth.
A Grim l’Halogalander diede una dimora a sud di Borgar-firth, sulla riva chiamata Hvann-eyrr. Un po' più in là, una baia di non grandi dimensioni tagliava la terraferma. Lì trovarono molte anatre, per questo la chiamarono Duck-kyle, e il fiume che cadde in mare lì Duck-kyle-river. Da questo fiume al fiume chiamato Grims-river, la terra che si estendeva verso l'alto tra di loro ebbe Grim.
Quella stessa primavera, quando Skallagrim face spingere il suo bestiame verso l'interno innanzi al mare, arrivarono ad una piccola località dove catturarono alcuni cigni, così la chiamarono Swan-ness. Skallagrim diede la terra ai suoi compagni di nave. La terra tra il Long−river e il torrente Hafs la diede ad Ani, che abitava ad Anabrekka.Suo figlio era Aunund Sjoni. A proposito di questo c’era la controversia fra Thorstein e Tongue Odd.Grani abitava a Granastead su Digraness. A Thorbjorn Krum diede la terra da Gufu-river verso l'alto, e a Thord di Beigaldi. Krum abitava sulle colline Krums-hills, ma Thord a Beigaldi.
A Thorir Giant e ai suoi fratelli diede la terra verso l'alto da Einkunnir e la parte esterna del Long−river. Thorir Giant abitava a Giantstead.
Sua figlia era Thordis Staung, che in seguito abitò a Stangerholt. Thorgeir abitava a Earthlongstead.
Skallagrim scrutò il terreno verso l'alto tutt’intorno la campagna. Prima è andato verso l'interno lungo il Borgar-firth fino alla sua testa; poi seguì la sponda occidentale del fiume, che chiamò White-river, perché lui e i suoi compagni non avevano mai visto acque che cadevano dai ghiacciai, e il colore del fiume sembrava loro meraviglioso.
Risalirono lungo il fiume White fino a quando si trovarono davanti a loro un fiume che scendeva dalle alture a nord; questo lo chiamarono North−river.
E lo seguirono finché ancora una volta davanti a loro c'era un fiume che portava solo poca acqua. Lo attraversarono e continuarono a risalire lungo il fiume Nord; poi presto videro dove il piccolo fiume cadeva da una fenditura, e lo chiamarono Cleave-river.
Poi attraversarono il fiume Nord, e tornarono al fiume Bianco, e lo seguirono verso l'alto. Presto di nuovo un fiume attraversò la loro strada, e cadde nel fiume Bianco; questo lo chiamarono Cross−river. Impararono che ogni fiume era pieno di pesci. Dopo di che tornarono a Borg.

 

 

 

CAPITOLO XXIX

Dell'industria di Skallagrim

 

 Skallagrim era molto operoso. Aveva sempre intorno a sé sempre molti uomini, con i quali decise di cercare diligentemente tutte quelle provviste che potevano esservi procurate per il sostentamento umano, perché all'inizio avevano pochissimo bestiame rispetto ai bisogni della loro numerosa compagnia.  Ma quanto bestiame essi avevano quando ogni inverno si auto-alimentavano nei boschi.
Skallagrim era un buon maestro d'ascia, e a ovest di Myrar non mancava il legname alla deriva. Aveva edifici costruiti su Swan-ness, e aveva un'altra casa lì.
Questo costituì un punto di partenza per pesca in mare, caccia alle foche e raccolta delle uova; in tutti questi tipi di pesca c'era un’abbondanza di provviste da procurarsi, così come la legna da ardere da portargli. Spesso ci venivano anche le balene, e chiunque avrebbe potuto cacciarle.
Tutte queste creature erano poi addomesticate sul terreno di caccia, poiché non erano abituate all’uomo. La sua terza casa l’aveva sul mare a Western Myrar. Questo era anche un posto migliore per cercare il legname alla deriva. Anche lì fece seminare della terra, e la chiamò Acres. Di fronte ad essa c’erano isole, tra le quali furono trovate le balene; queste le chiamavamo "Whale−islands." Anche Skallagrim inviò i suoi uomini sui fiumi di salmoni a pescare.
Odd abitava sotto Lonehouse. Lonehouse–ness ha preso il suo nome da lui. Sigmund era il nome dell'uomo che Skallagrim mise presso Nord-river; abitava in quella che allora era chiamata Sigmundstead ma ora Hauga. Sigmundar−ness prende il nome da lui. In seguito trasferì la sua fattoria a Munodar, ritenuta più conveniente per la pesca al salmone.
Man mano che il bestiame di Skallagrim si moltiplicava, in estate il bestiame saliva sulle alture.
E trovò che il bestiame che andava nella brughiera era di gran lunga migliore e più grasso; e anche che le pecore se la cavavano bene durante l'inverno nelle vallate senza essere portate giù.
Così Skallagrim costruì degli edifici vicino alla cascata e vi aveva una casa; e lì vi teneva le sue pecore. Di questa fattoria Griss era il sovrintendente, e dopo di lui fu chiamata Grisartongue. Così la ricchezza di Skallagrim aveva molte gambe su cui stare.
Qualche tempo dopo l'uscita di Skallagrim, una nave entrò a Borgar-firth dalla principale, comandata da un uomo di nome Oleif Halt.Con lui c'erano sua moglie, i suoi figli e altri suoi parenti, e lo scopo del suo viaggio era di procurarsi una casa in Islanda. Oleif era un uomo ricco, di nobili origini e previdente.
Skallagrim invitò Oleif e a tutta la sua compagnia di andare a casa sua per avere una dimora. Oleif accettò, e fu con Skallagrim per il suo primo inverno in Islanda. Nella primavera successiva Skallagrim gli prospettò di scegliere la terra a sud del White−river verso l'alto, dal fiume Grims al fiume Flokadale. Oleif accettò questo, si trasferì con la sua famiglia e mise lì la sua fattoria presso Warm-brook, come viene chiamata. Era un uomo di fama; i suoi figli erano Ragi a Hot-spring-dale, e Thorarin, il fratello di Ragi, che prese la cattedra di legge subito dopo Hrafn Hængsson.
Thorarin abitava in Warm-Brook; ebbe come moglie Thordis, figlia di Olaf Shy, sorella di Thord Yeller.

 

 

 

CAPITOLO XXX

Dell'uscita di Yngvar e della forgiatura del ferro di Skallagrim

 

Re Harold Fair-hair prese per sé tutte quelle terre che Kveldulf e Skallagrim avevano lasciato in Norvegia, e tutte le altre loro ricchezze su cui poteva mettere le mani.
Egli cercò anche diligentemente quegli uomini che erano stati consiglieri o confidenti o in qualche modo aiutanti di Skallagrim e della sua gente nelle azioni che avevano compiuto prima che Skallagrim andasse all’estero dal paese. E fino a quel punto si estendeva l'inimicizia del re contro padre e figlio, che portava odio contro i loro parenti e consanguinei, o chiunque sapesse essere loro cari amici.
Alcuni soffrirono per la sua punizione, molti fuggirono e cercarono rifugio, alcuni all'interno del paese, altri fuori dal paese del tutto. Il padre della moglie di Yngvar Skallagrim era uno di questi suddetti uomini.
Egli prese questa decisione, convertì tutte le sue ricchezze che poteva in beni mobili, poi si procurò una nave e un equipaggio per essa, e si preparò ad andare in Islanda, perché aveva sentito che Skallagrim aveva preso dimora lì, e non gli sarebbe mancata la possibilità di scegliere la terra lì con Skallagrim.
Così, quando furono pronti e soffiò un discreto vento, salpò in mare, e il suo viaggio procedette veloce.Arrivato in Islanda sulla costa meridionale, e si tenne verso ovest oltre Reykja-ness, e navigò fino a Borgar-firth, entrando nel fiume Long-river lo risalì fino alle cascate. Lì misero fuori il carico della nave.
Quando Skallagrim venne a sapere dell'arrivo di Yngvar, andò subito a incontrarlo e lo invitò a casa sua con tutti gli uomini che voleva. Yngvar accettò l'offerta.La nave fu preparata, e Yngvar andò a Borg con molti uomini, e rimase quell'inverno con Skallagrim. In primavera Skallagrim gli offrì una scelta di terra.
Diede a Yngvar la fattoria che aveva su Swan-ness, e la terra verso l'interno a Mud-brook e verso l'esterno a Strome-firth. Allora Yngvar andò in questa fattoria e ne prese possesso, ed era un uomo molto abile e ricco. Skallagrim costruì poi una casa su Ship-ness, e questa la tenne per molto tempo da allora in poi. Skallagrim era un buon fabbro, e in inverno lavorava molto il minerale di ferro rosso. Aveva una fucina a una certa distanza da Borg, vicino al mare, in un luogo ora chiamato Raufarness. La legna pensava non fosse troppo lontana da lì.
Ma poiché non riusciva a trovare una pietra così durea e piatta come pensava fosse utile per martellare il ferro (perché non c’erano rocce sulla spiaggia, essendo la spiaggia tutta di sabbia fine), una sera, quando gli altri erano andati a dormire, Skallagrim andò al mare, e spinse fuori una barca a otto remi che aveva, e remò fino alle isole Midfirth.
Lì lasciò cadere un'ancora dalla prua della barca, poi saltò fuori bordo e si tuffò fino in fondo e sollevò su una grande pietra e la mise nella barca.
Quindi risalì sulla barca, remò fino a terra e trasportò la pietra alla fucina e la depose davanti alla porta della fucina, e da quel momento in poi vi martellò il ferro. Quella pietra giace ancora lì, e accanto ad essa molte scorie; e si possono vedere i segni del martellamento sulla sua faccia superiore, ed è un masso consumato dalle onde, a differenza delle altre pietre che ci sono. Quattro uomini al giorno d'oggi non potrebbero sollevare una massa più grande.
Skallagrim lavorava duramente alla fucina, ma i suoi carles di casa brontolavano, dovendosi alzare così presto.
Quindi Skallagrim compose questo pentagramma:

 

'Chi vince la ricchezza con il ferro
Giusto deve alzarsi presto:
Del fratello ventilato mare
I supporti del vento hanno bisogno di una fornace.
Sulla fornace, l'oro risplende
Il mio robusto martello suona,
Mentre i soffietti che alimentano il calore
Si scatena una tempesta sibilante.'

 

Migliore è una traduzione dal Francese:
Presto,
chi impugna il ferro deve alzarsi
per conquistare il favore del mantice
che riempie il suo sacco di vento,
Questo vecchio amico delle maree.
Il mio martello fa tintinnare il prezioso metallo ardente
Mentre l'insaziabile soffietto
esala rumorosamente il vento

 

 

 

CAPITOLO XXXI.
Dei figli di Skallagrim.

 

Skallagrim e Bera ebbero moltissimi figli, ma all'inizio morirono tutti. Poi hanno avuto un figlio, che è stato asperso d'acqua e chiamato Thorolf. Da piccolo divenne ben presto alto e di bell'aspetto. Si diceva che sarebbe stato un altro simile al figlio di Thorolf Kveldulf, da cui il suo nome.
Thorolf era molto più forte dei bambini della sua età. E man mano che cresceva fino alla virilità, divenne valoroso nella maggior parte delle conquiste allora in voga tra coloro che erano ben addestrati. Thorolf era di un sano buon umore. Presto raggiunse una tale piena forza da essere ritenuto idoneo al servizio bellico con altri uomini. Ben presto divenne uno dei preferiti da tutti, e suo padre e sua madre lo amavano molto. Skallagrim e sua moglie ebbero due figlie; una si chiamava Sæunn, l'altra Thorunn. Anche loro erano molto promettenti mentre crescevano.
Poi Skallagrim e sua moglie ebbero un altro figlio. Fu cosparso d'acqua e gli fu dato un nome, e il suo nome era Egil.
Ma crescendo si vide presto che sarebbe stato sfavorito, come suo padre, con i capelli neri.

(Ndr I vichinghi non erano tutti biondi o rossi).

Quando ebbe solo tre anni, era alto e forte come gli altri ragazzi di sei o sette anni. Ben presto divenne loquace e giudizioso. Un po’ maldestro a destreggiarsi quando giocava con altri ragazzi.
Quella primavera, Yngvar andò a Borg, il suo compito era quello d’invitare Skallagrim a un banchetto a casa sua, e per la festa chiamò anche sua figlia Bera e Thorolf suo figlio, e tutti gli altri che Skallagrim amava portare. Skallagrim promise di andare. Yngvar quindi tornò a casa, fece i preparativi per il banchetto e preparare la birra. Ma quando giunse l'ora stabilita in cui Skallagrim e Bera dovevano andare al banchetto, Thorolf si preparò ad andare con loro, come anche alcuni carles, in modo che fossero quindici in tutto. Egil disse a suo padre che voleva andare.
"Io sono, " disse, "tanto simile a Yngvar quanto lo è Thorolf".
Non andrai", disse Skallagrim, "perché non sai come comportarti in compagnia dove c'è molto da bere, tu che non sei bravo a trattare, anche se sei sobrio".
Poi Skallagrim montò a cavallo e se ne andò, ma Egil non era contento della sua sorte. Uscì sul cortile e trovò un cavallo da tiro di Skallagrim, si mise in groppa e cavalcò verso la festa dietro di Skallagrim. Non era facile per lui attraversare la brughiera, perché non conosceva la strada; ma teneva d'occhio i cavalieri che lo precedevano davanti a lui quando non c'erano boschetti o selve che erano d’intralcio. E questo per raccontare del suo viaggio, che a tarda sera arrivò a Swan-ness, quando gli uomini erano seduti lì a bere.
Entrò nella stanza, e quando Yngvar vide Egil, lo accolse con gioia e gli chiese perché fosse arrivato così tardi. Egil raccontò le sue parole con Skallagrim. Yngvar fece sedere Egil accanto a lui, i due si sedettero di fronte a Skallagrim e Thorolf. Per l'allegria della birra, si misero a recitare pentagrammi. Quindi Egil recitò un pentagramma:

 

«In fretta ho raggiunto il focolare
Di Yngvar, giusto volentieri per trovarlo,
Colui che dona agli eroi
L'oro custodito dal verme dell'erica.
Tu, del tesoro splendente del serpente
Sempre un generoso donatore,
Non appassirò più di tre inverni
Impresa più dolce, canti popolari.

 

Dal Francese:

Quello che dà l'oro agli uomini
Raccolti nel letto di erica dove il serpente si avvolge
Non vedevo l'ora di incontrarlo.
O Donatore di splendenti anelli d'oro
È venuto dal regno del serpente
Non troverai mai
Fabbro di rime vecchio di tre inverni
Più brillante di me

 

Yngvar lodò questo pentagramma e ringraziò molto Egil, ma l'indomani gli portò come ricompensa per il poema tre conchiglie di lumaca di mare e un uovo di anatra. E il giorno successivo al momento di bere Egil recitò un altro pentagramma per la ricompensa della sua poesia:

 

Il portatore di uccelli feriti acuti
Ha dato a Egil il parlante
Tre cani silenziosi della risacca,
Incontro per la lode nella sua poesia.
Lui, la guida esperta del cavalluccio marino,
Sapendo compiacere con un regalo,
Ha dato come quarto regalo al giovane Egil
Uovo rotondo, il cuscino del letto del ruscello.

 

Dal Francese.

Il fornitore intelligente di armi che infliggono piaghe
Premiato l'eloquente Egil
Donandogli tre conchiglie
Di quelle che rotolano, silenziose, in fondo all'abisso marino.
L'orgoglioso cavaliere che cavalca i destrieri delle onde,
Sapere come rendere felice Egil,
Gli diede un quarto regalo;
La nidiata preferita del ruscello grigio.

La poesia di Egil gli valse il ringraziamento di molti uomini. Non ci furono più notizie di quel viaggio. Egil tornò a casa con Skallagrim.

 

 

 

CAPITOLO XXXII

Di Lord Brynjolf e Bjorn, suo figlio

 

A Sogn c'era un signore di nome Bjorn, un uomo ricco, che abitava ad Aurland. Suo figlio era Brynjolf, che era l'unico erede di tutti i beni del padre. I figli di Brynjolf erano Bjorn e Thord. Erano giovani quando ciò che è detto accadde. Bjorn era un grande viaggiatore, a volte con la pirateria, a volte con i viaggi commerciali. Era un uomo giusto e valoroso. È accadde così che un'estate Bjorn fosse presente a un banchetto cui partecipavano molti. Vide lì una bella fanciulla che gli piacque bene.
Chiese di quale famiglia fosse, e gli fu risposto che era la sorella di Lord Thorir Hroaldsson, e si chiamava Thora, con il soprannome di Lacehand. Bjorn fece la sua causa e chiese a Thora di sposarla. Ma Thorir rifiutò la sua offerta, e con questo si separarono.
Ma quello stesso autunno Bjorn prese degli uomini e andò con un cutter ben equipaggiato verso nord ai Firths, e andò da Thorir quando non era in casa. Bjorn portò via Thora e tornò con lei ad Aurland. Loro due erano lì per l'inverno, e Bjorn avrebbe voluto celebrare un matrimonio con lei. Brynjolf suo padre era dispiaciuto per quello che aveva fatto Bjorn; pensava che ci fosse disonore, mentre prima c'era una lunga amicizia tra Thorir e Brynjolf.
Fino ad allora", egli disse, "Bjorn, non terrai un matrimonio con Thora qui in casa mia senza il permesso di suo fratello, lei sarà qui ben rispettata come se fosse mia figlia e tua sorella". E tutto doveva essere come Brynjolf aveva ordinato in casa sua, che a Bjorn piacesse bene o male. Brynjolf mandò degli uomini a Thorir per offrirgli l'espiazione e il risarcimento per ciò che Bjorn aveva fatto.
Thorir ordinò a Brynjolf di mandare Thora a casa; non poteva esserci altra espiazione. Ma Bjorn non volle in alcun modo lasciarla andare, anche se Brynjolf la supplicò. E così l'inverno passò. Quando arrivò la primavera, un giorno Brynjolf e Bjorn stavano parlando delle loro cose. Brynjolf gli chiese cosa intendesse fare. Bjorn disse che era più probabile che se ne andasse via dalla landa.
"La cosa più importante per me è, " disse, "che tu mi dia una lunga nave e un equipaggio, e che io vada a fare il free−booting." (atti di pirateria). “Non c'è speranza di questo", disse Brynjolf, "che io metta nelle tue mani una nave da guerra e una forza potente, perché io non lo so, ma tu farai proprio ciò che è contro il mio desiderio; perché anche adesso ho già abbastanza problemi da te. Una nave mercantile ti darò, e della merce: andrete poi verso sud fino a Dublino. Di quel posto si parla molto bene. Vi procurerò un buon equipaggio". 
Bjorn ha detto che avrebbe fatto questo come voleva suo padre. Così fece preparare una buona nave mercantile, e si procurò degli uomini per questo. Bjorn la preparò per questo viaggio, ma ci volle un po' di tempo.
Quando fu del tutto pronto e soffiò un buon vento, s’imbarcò su una barca con dodici uomini e remarono fino ad Aurland, e salirono alla fattoria e al salottino di sua madre. Lei era seduta lì con molte donne. Thora era lì. Bjorn disse che Thora doveva andare con lui, e la portarono via. Sua madre ordinò alle donne di non osare di far sapere ciò che era accaduto nel salottino: Brynjolf, disse, si sarebbe molto arrabbiato se l'avesse saputo, e questo avrebbe causato una grande lite tra padre e figlio. I vestiti e i ninnoli di Thora erano tutti lì, pronti per essere consegnati, e Bjorn e i suoi uomini se li portarono via tutti.
Poi quella notte andarono alla loro nave, issarono subito la vela e salparono verso il mare di Sogn, e quindi verso l’alto mare.
Avevano un cattivo vento, davanti al quale dovevano necessariamente controllare, e furono a lungo sballottati, perché erano decisi a evitare la Norvegia ad ogni costo. E fu così che un giorno mentre stavano navigando al largo della costa orientale delle Shetland durante una tempesta, frenarono la loro nave per approdare a Moss-ey. Tirarono fuori il carico ed entrarono nella città che era lì portando con loro tutte le merci, tirarono in secco la loro nave e ripararono i danni.

 

 

CAPITOLO XXXIII

Bjorn va in Islanda

 

Poco prima dell'inverno arrivò una nave dal sud delle Orcadi, con la notizia che una lunga nave era arrivata in autunno su quelle isole. C'erano degli inviati di re Harold, con questa commissione per il conte Sigurd, che il re avrebbe fatto uccidere Bjorn Brynjolfsson ovunque si fosse trovato, era lo stesso messaggio che Harold aveva inviato alle isole meridionali e persino a Dublino.
Bjorn udì queste notizie, e con esse il fatto di essere stato dichiarato fuorilegge in Norvegia. Subito dopo aver raggiunto le Shetland, Bjorn aveva celebrato il suo matrimonio con Thora, e per tutto l'inverno rimasero a Moss-ey-town.  Ma in primavera, non appena il mare cominciò a calmarsi, Bjorn tirò fuori la sua nave e lo preparò il più velocemente possibile. E quando fu pronto prese il vento, salpò verso il mare.
Avevano una forte brezza, e non passò molto tempo prima di arrivare sulla costa meridionale dell'Islanda. Il vento soffiava verso la terraferma; poi li spazzò verso ovest, al largo della costa, e così di nuovo in mare aperto. Ma quando il vento riprese a girare di nuovo, allora navigarono verso la terraferma. Non c'era un solo uomo a bordo che fosse stato in Islanda prima.
Navigarono in un meraviglioso grande fiordo, il vento li portò verso la sua riva occidentale. Verso la terraferma non si vedeva nulla se non frangenti e spiagge senza porti. Quindi rimasero di traverso contro vento come potevano (ma sempre verso est), fino a quando un fiordo non si aprì di fronte a loro, in cui navigarono, fino a quando tutti gli scogli e i frangenti furono passati.
Poi si ancorarono presso un promontorio. Un'isola si trovava di fronte a questo, e un canale profondo era tra loro: lì ancorarono bene la nave. Una baia correva a ovest del capo, e al di sopra di questa baia c'era una collina rocciosa di buone dimensioni.  Bjorn e alcuni uomini con lui salirono su una barca, Bjorn disse ai suoi compagni di fare attenzione a non parlare del loro viaggio, qualcosa che potesse creare loro dei problemi.
Remarono verso la fattoria e vi trovarono degli uomini con cui parlare. Per prima cosa chiesero dove fossero capitati.
Gli uomini dissero che il posto si chiamava Borgar-firth; che la tenuta che vedevano si chiamava Borg; che il proprietario era Skallagrim. Bjorn si ricordò subito di lui, andò a incontrare Skallagrim e parlarono insieme. Skallagrim chiese chi fossero.
Bjorn fece il nome suo e di suo padre, ma Skallagrim conosceva Brynjolf, così offrì a Bjorn l'aiuto di cui aveva bisogno.
Bjorn accettò con gratitudine. Poi Skallagrim chiese quali altri ci fossero sulla nave, persone di rango. Bjorn disse che c'era Thora, la figlia di Hroald, sorella del capo Thorir. Skallagrim ne fu proprio contento e disse che era suo preciso dovere dare alla sorella di Thorir il proprio fratello adottivo, l'aiuto di cui lei aveva bisogno o che lui poteva fornire; e invitò lei e Bjorn a casa sua con tutti i suoi compagni di nave.
Bjorn accettò questo. Così il carico fu spostato dalla nave fino alla casa di Borg. Lì costruirono le loro cabine; e la nave fu trascinata a forza nel ruscello. E il luogo in cui il gruppo di Bjorn aveva le loro cabine è ancora chiamato il campo di casa di Bjorn. Bjorn e i suoi compagni di bordo hanno tutti preso casa con Skallagrim, che non ha mai avuto intorno a sé meno di sessanta robusti compagni.

 

 

CAPITOLO XXXIV.

Di Skallagrim e Bjorn.

 

Fu in autunno, quando le navi arrivarono in Islanda dalla Norvegia, che giunse questo rapporto, come Bjorn fosse fuggito con Thora senza il consenso dei suoi parenti, e per questo il re lo aveva reso un fuorilegge dalla Norvegia. Quando Skallagrim lo venne a sapere, chiamò Bjorn e gli chiese com’era stato il suo matrimonio, se era stato fatto con il consenso dei parenti della moglie.
“Non mi aspettavo questo", disse, "in un figlio di Brynjolf, che non dovessi sapere la verità da lui".
Bjorn rispose: "Ti ho solo detto la verità, Grim, e non puoi biasimarmi per non averti detto più di quanto mi hai chiesto. Ma ora devo ammettere che ciò che ti è stato detto è vero, questo matrimonio non è stato fatto con l'approvazione di Thorir, il fratello di mia moglie".
Poi parlò Skallagrim con grande ira: "Come hai osato venire a incontrarmi? Non sapevi che amicizia ci fosse tra me e Thorir?”
Bjorn rispose: "Sapevo che tra voi due c'era un rapporto di fratellanza e di grande amicizia; ma ho trovato la tua casa perché sono stato portato a terra qui e sapevo che non sarebbe servito a nulla evitarti. Ora tocca a te governare ciò che sarà la mia sorte, ma spero del bene da te, dato che io vivo a casa tua".
Poi si fece avanti il figlio di Thorolf Skallagrim, e aggiunse molte parole a suo favore, e pregò il padre di non agire contro Bjorn poiché lo aveva accettato in casa sua. Molti altri parlarono allo stesso scopo. E così arrivò che Skallagrim si calmò e disse che avrebbe lasciato che Thorolf facesse la sua strada qui.
“Prenditi cura di Bjorn", disse, "e trattalo come se fosse la prova migliore della tua virilità".

 

 

 

CAPITOLO XXXV

Thorolf va all'estero

 

Thora partorì un figlio in estate; era una bambina. Fu aspersa d'acqua e la chiamarono Asgerdr. Bera aveva una donna che si prese cura della bambina. Bjorn rimase per l'inverno con Skallagrim, come tutti i suoi compagni. Thorolf strinse un'amicizia con Bjorn, e fu sempre in sua compagnia. Quando arrivò la primavera, un giorno Thorolf fece una chiacchierata con suo padre e gli chiese quale consiglio avrebbe dato a Bjorn suo ospite invernale o quale aiuto gli avrebbe concesso. 
Grim chiese a Thorolf che cosa avesse in mente Bjorn. Penso - disse Thorolf - che Bjorn andrebbe presto in Norvegia, se potesse stare lì in pace. Mi viene da pensare, padre, che questo piano ci stia davanti, che tu mandi degli uomini in Norvegia per offrire l'espiazione per Bjorn; Thorir onorerà grandemente la tua parola.
Thorolf riuscì così bene con la sua persuasione che Skallagrim si arrese e diede uomini per il viaggio di andata quell'estate.
Questi andarono con messaggio e gettoni a Thorir Hroaldsson, e cercarono l'espiazione tra lui e Bjorn.
Non appena Brynjolf lo sentì, anche lui si mise in testa di offrire un risarcimento per Bjorn. E la fine di questa faccenda fu che Thorir prese l'espiazione per Bjorn, perché vide che si era arrivati a quel punto, che Bjorn non aveva nulla da temere.
Così Brynjolf ottenne accettata l'espiazione per Bjorn e i messaggeri di Skallagrim rimasero con Thorir per l'inverno. 
Nell'estate successiva tornarono; e al loro ritorno in autunno raccontarono la notizia che Bjorn era stato ammesso all'espiazione in Norvegia. Bjorn rimase con Skallagrim ancora per un terzo inverno. La primavera successiva si preparò alla partenza con i suoi seguaci.
Quando Bjorn fu pronto per partire, Bera disse che avrebbe voluto che lasciassero lì Asgerdr, diventata sua figlia adottiva.
Bjorn e sua moglie furono d’accordo e la ragazza fu lasciata lì, sarebbe cresciuta con la famiglia Skallagrim.
Thorolf, il figlio di Skallagrim, decise di andare con Bjorn, e Skallagrim gli diede l’attrezzatura per il viaggio. Così andò all'estero in estate con Bjorn.
Il loro viaggio andò bene, e dal mare grande arrivarono
al Sogn−sea. Bjorn navigò poi verso Sogn, e poi da lì a casa da suo padre, e Thorolf con lui. Brynjolf li accolse con gioia.
Poi mandarono un messaggio a Thorir Hroaldsson. Lui e Brynjolf fissarono un orario per un incontro; a questo incontro venne anche Bjorn. Lui e Thorir ratificarono l’espiazione. Poi Thorir pagò di tasca sua il corrispettivo delle proprietà della sua casa come appartenute a Thora; e da allora Thorir e Bjorn furono buoni cognati e amici.
Bjorn rimase poi a casa ad Aurland con Brynjolf, dove anche Thorolf era presente in grande benevolenza con padre e figlio.

 

 

 

CAPITOLO XXXVI

Di Eric Bloodaxe e Thorolf

 

Re Harold tenne a lungo la sua residenza a Hordaland o in Rogaland, in quelle grandi tenute che possedeva, a Outstone o Augvalds-ness, o ad Afreksted a Fitjar, o a Seaham a Lygra. Ma quest'inverno il re si trovava nella parte nord del paese.
Ora, quando Bjorn e Thorolf erano stati un inverno in Norvegia e la primavera era arrivata, prepararono una nave e radunarono uomini. E in estate se ne andarono verso est in freebooting, e tornarono a casa nell’autunno, avendo ottenuto un grande bottino. Quando tornarono a casa sentirono che il re Harold era in Rogaland e ci sarebbe rimasto per l'inverno.
Il re Harold cominciava a invecchiare molto e a perdere le forze, ma molti dei suoi figli avevano raggiunto il vigore. Suo figlio Eric, che si chiamava Bloodaxe, era allora piuttosto giovane. Era stato affidato in affidamento a lord Thorir Hroaldsson. Il re amava Eric più di tutti gli altri suoi figli. Thorir era in stretti rapporti amichevoli con il re allora.
Bjorn e Thorolf, quando tornarono a casa, andarono prima ad Aurland, e poi si continuarono verso nord per andare a trovare lord Thorir a casa sua. Avevano una certa galea, con tredici o quattordici rematori su entrambi i lati, e in tutto c’erano una trentina di uomini. Questa nave l'avevano presa durante il freebooting estivo. Era dipinta allegramente sopra la linea del mare, ed era molto bella. Quando giunsero a Thorir furono ben accolti, e vi rimasero per un po' di tempo; mentre la nave, con le tende sopra, galleggiava di fronte alla casa. 
Un giorno accadde, mentre Thorolf e Bjorn scendevano giù alla nave, videro che c'era Eric, il figlio del re, era lì, che ora andava sulla nave, ora sulla terraferma, e rimaneva lì a fissare la nave.
Allora disse Bjorn a Thorolf:
Il figlio del re ammira molto la nave; offrigliela come regalo, perché so che ci sarà di grande beneficio con il re, se Eric sarà il nostro sostenitore.
“Ho sentito dire che il re porta un forte rancore contro di te a causa di tuo padre". Thorolf disse che questo sarebbe stato un buon consiglio.
Poi scesero alla nave e Thorolf parlò:
"Tu guardi la nave con attenzione, principe, ti piace?”
“Bene bene", disse, "è una bellezza perfetta".
“Allora te la darò", disse Thorolf, "se vorrai prendere il regalo".
La prenderò", disse Eric, "e tu la riterrai una misera ricompensa, anche se dovessi offrirti la mia amicizia; E questa potrai cercarla, finché vivrò".
Thorolf disse che pensava che la nave fosse finanche strapagata. Poi si separarono. Ma d'allora in poi il figlio del re fu giustamente gentile con Thorolf e il suo amico. Bjorn e Thorolf, parlando con Thorir, gli chiesero se pensava che fosse vero che il re portava un forte rancore nei confronti di Thorolf. Thorir non negò di aver sentito così.
"Allora sarei lieto", disse Bjorn, "che tu vada a perorare la causa di Thorolf davanti a lui, perché tale sorte è capitata a me e a Thorolf; lui ha fatto lo stesso per me quando ero in Islanda". Alla fine Thorir promise di andare dal re e disse loro di provare se il figlio del re sarebbe andato con lui.
Quando Thorolf e Bjorn ne parlarono con Eric, egli promise di aiutare suo padre. Dopo di che Thorolf e Bjorn andarono a Sogn. Mentre Thorir ed Eric, il figlio del re, misero in ordine la nuova galea, e andarono a sud per incontrare il re, e lo trovarono a Hordaland. Egli li ricevette con gioia. Rimasero lì per un po' di tempo, aspettando il momento opportuno per avvicinarsi al re, quando avrebbe dovuto essere di buon umore. Quindi aprirono la questione davanti al re e dissero che un certo uomo di nome Thorolf era venuto, il figlio di Skallagrim.
Ti preghiamo, dissero, "O re, di tenere presente questo: di dimenticare quello che le hanno fatto i suoi parenti, e di non fargli pagare quello che suo padre ha fatto per vendicare suo fratello".
Thorir parlò con parole gentili, ma il re rispose piuttosto brevemente dicendo che a lui erano venuti tanti danni da Kveldulf e i suoi figli,
ed era da aspettarsi che questo Thorolf avesse la stessa mentalità dei suoi parenti. "Sono tutti», aggiunse, «uomini molto orgogliosi, che non conoscono la misura e non si preoccupano con chi hanno a che fare".
Poi Eric prese la parola. Disse che Thorolf aveva stretto amicizia con lui e gli aveva fatto un magnifico regalo: quella nave che aveva lì. «Gli ho promesso la mia cordiale amicizia», disse. Saranno in pochi a diventare miei amici se quest'uomo non otterrà nulla. “Non lascerai che sia così, padre, con colui che è stato il primo a darmi un tale tesoro".
La fine fu che il re promise loro prima che si separassero che Thorolf sarebbe stato in pace con lui. "Ma io non voglio", disse, "che venga in mia presenza". E tu, Eric, puoi renderlo più vicino a te quanto vuoi, lui o per-di-più i suoi parenti. Ma una di queste due cose accadrà: o saranno migliori con te quanto non lo siano stati con me, oppure ti pentirai di questa tua intercessione e dopo esser stati con te molto tempo, ti pentirai di avermelo chiesto.
In seguito, Eric Bloodaxe e Thorir tornarono ai Firth; e mandarono a dire a Thorolf quello che era successo nella casa del re. Thorolf e Bjorn trascorsero quell'inverno con Brynjolf. Andarono per molte estati fuori in freebooting, ma gli inverni li trascorrevano con Brynjolf, o a volte con Thorir.

 

 

 

CAPITOLO XXXVII

Il viaggio a Bjarmaland

 

Eric Bloodaxe ora prese parte al regno. Aveva la supervisione in Hordaland e nei Firths; prese e tenne intorno a sé una guardia del corpo. E una primavera Eric Bloodaxe si preparò ad andare a Bjarmaland, e scelse molte persone per quel viaggio.
Thorolf lo accompagnò in questo viaggio con Eric, e il suo posto era sul castello di prua della nave, e metteva in mostra lo stendardo di Eric. Thorolf era allora più alto e più forte degli altri uomini, in questo come suo padre.
In quella spedizione vi furono molti accadimenti. Eric ebbe una grande battaglia presso il fiume Dvina a Bjarmaland, dove guadagnò la vittoria, come raccontato nelle storie in suo onore. E in quel viaggio sposò Gunnhilda, figlia di Auzur Toti, e la portò a casa sua. Gunnhilda era soprattutto una donna bella e astuta e di grande astuzia magica. Ci fu una grande intimità tra Thorolf e Gunnhilda. Thorolf trascorreva gli inverni con Eric, e le estati andava in freebooting.
La notizia successiva fu che la moglie di Thora Bjorn si ammalò e morì. Ma qualche tempo dopo Bjorn sposò un'altra moglie, che si chiamava Alof, la figlia di Erling, il ricco di Ostr. I due ebbero una figlia di nome Gunnhilda. 
C'era un uomo di nome Thorgeir Thornfoot; che viveva in Fenhring nell'Hordaland, in un luogo chiamato Askr. Aveva tre figli: uno si chiamava Hadd, un altro Bergonund, il terzo Atli il corto. Bergonund era più alto di tutti gli altri uomini alti e forti, ed era avido e poco gentile; Atli il basso era di piccola statura, di forma quadrata, di robusta forza. Thorgeir era un uomo molto ricco, un devoto adoratore pagano, di astuzia magica (stregone- mago). Hadd andava spesso in modalità freebooting, e raramente era a casa.

 

 

 

CAPITOLO XXXVIII

Thorolf ritorna in Islanda

 

Il figlio di Thorolf Skallagrim si preparò un'estate per un viaggio commerciale; egli si propose un adempimento, andare in Islanda e vedere suo padre. Era stato a lungo all'estero. In questo modo aveva accumulato una grande quantità di ricchezza e molte cose preziose. Quando fu pronto per il viaggio, andò da re Eric. E alla loro separazione il re Eric consegnò a Thorolf un'ascia, che disse di voler dare a Skallagrim. L'ascia era avviluppata di corna intagliate, era grande, d'oro, l'elsa era ricoperta d'argento; era molto preziosa e costosa.
Thorolf si mise in viaggio non appena fu pronto, e il suo viaggio procedette bene; arrivò con la sua nave a Borgar-firth, e subito si affrettò a tornare a casa da suo padre.Il loro incontro fu giustamente gioioso. Poi Skallagrim scese alla nave di Thorolf, la fece tirare su, e Thorolf tornò a casa a Borg con dodici uomini.
Quando rientrò a casa, porse il saluto di Re Eric a Skallagrim e gli consegnò l’ascia che il re gli aveva mandato. Skallagrim prese l'ascia e la tenne in mano, la guardò un po', ma disse nulla. La sistemò vicino al suo sedile. 
Un giorno d'autunno a Borg, capitò che Skallagrim avesse portato a casa diversi buoi, che intendeva macellare. Due di questi li aveva condotti presso il muro della casa, e messi con le teste che s’incrociavano. Egli prese una grossa pietra piatta e la mise sotto il loro collo. Poi si avvicinò con l'ascia - l'ascia donata dal re - e sgozzò i buoi entrambi in una volta sola, così che tolse le teste dei due. Ma il colpo d'ascia colpì la pietra, così l’imboccatura dell’ascia si spezzò, e fu lacerata lungo tutto l'acciaio temprato. Skallagrim guardò i bordi, non disse nulla, ma andò nella sala del focalre, e aggrappandosi alla trave del muro, spinse l'ascia tra le travi sopra la porta. Rimase lì nel fumo per tutto l'inverno.
In primavera Thorolf dichiarò che intendeva andare all'estero quell'estate. Skallagrim voleva dissuaderlo, dicendo: È bello portare a casa il carro tutto l’anno.Tu hai, "disse, " ottenuto un grande onore viaggiando; ma c'è il vecchio detto, "Tanti viaggi, tante fortune".
“Prenditi allora la stessa quota di proprietà che pensi possa fare di te un grande uomo e rimane qui". Thorolf rispose che avrebbe fatto ancora un viaggio in più. Ed io ho, " disse, "una commissione urgente per il viaggio". Ma quando tornerò la prossima volta mi stabilirò qui. Ma Asgerdr, la tua figlioccia adottiva, verrà con me per vedere suo padre. Questo mi ha chiesto quando sono venuto a ovest.
Skallagrim disse che Thorolf poteva fare quello che voleva.

"Ma qualcosa mi dice che se ci salutiamo adesso non ci rivedremo più."

Da allora in poi Thorolf andò alla sua nave e la mise in ordine. E quando tutto fu pronto, spostarono la nave verso Digra-ness, e rimase lì in attesa del vento. Poi Asgerdr andò alla nave con lui. Ma prima che Thorolf lasciasse Borg, Skallagrim andò a togliere l'ascia dalle travi sopra la porta, il dono del re, e ne uscì con essa. L'impugnatura era ora nera di fumo e la lama era arrugginita. Skallagrim guardò i bordi dell'ascia. Quindi la porse a Thorolf, recitando questo pentagramma:

 

 

"Il feroce dentino dell'aspirante lupo
Ha dei difetti non pochi,
Un'ascia tutta ingannevole,
Una mannaia per il legno debole.
Un'arma inutile,
Con albero incamiciato di fumo:
Un principe mal supponeva
Un regalo del genere da inviare".

 

 

Altra versione.

L'ascia è molto ammaccata,
morbida, cattiva è l'arma,
ingannevole è la bestia
che le ferite provocano;
Restituirò l'ascia, quindi,
quella con un manico così debole;
è inutile qui
dal principe un regalo.

 

 

 CAPITOLO XXXIX

Kettle Blund esce dall’Islanda

Questo era successo mentre Thorolf era via, che un'estate una nave mercantile norvegese entrò a Borgar-firth.Le navi mercantili si usavano allora comunemente per essere trascinate in fiumi, bocche di ruscelli o fossati. Questa nave apparteneva a un uomo di nome Kettle, chiamato Blund; era un norvegese di nobile famiglia e ricco.
Suo figlio, di nome Geir, che allora era maggiorenne, era con lui sulla nave. Kettle intendeva stabilirsi in Islanda; arrivò in tarda estate. Skallagrim sapeva tutto di lui e gli offrì un alloggio per sé e per tutta la sua compagnia. Kettle accettò, e rimase con Skallagrim per l'inverno. Quell'inverno Geir, il figlio di Kettle, chiese la mano di Thorunn, la figlia di Skallagrim, la partita fu fatta, e Geir la sposò.
La primavera successiva Skallagrim offrì a Kettle il terreno sopra Oleif’s land, vicino al fiume White-river, dalla foce del fiume Flokadale-river alla foce del fiume Reykjadale-river,
e tutta la lingua di terra che giaceva tra i fiumi fino a Redgill, e tutta Flokadale sopra i pendii.
Kettle viveva a Thrandarholt; e Geir a Geirs-lithe; aveva un'altra fattoria a Reykjadale a Upper-Reykir. Era chiamato Geir il ricco; i suoi figli erano Blund-Kettle e Thorgeir-Blund. Un terzo era Hrisa-blund, che per primo dimorò a Hrisa.

 

 

 

CAPITOLO XL

Dei giochi di Egil e Skallagrim

Skallagrim si divertiva molto nelle prove di forza e nei giochi; gli piaceva anche parlarne. Il gioco della palla era allora un gioco comune. C'erano molti uomini forti a quel tempo nel vicinato, ma non uno di forza tale da eguagliare con Skallagrim. Tuttavia era un po' indebolito dagli anni.
C'era un uomo di nome Thord, figlio di Grani, a Granastead, che era una grande promessa; era allora giovane; molto affezionato a Egil, il figlio di Skallagrim. Egil era spesso impegnato nella Glima (lotta); era impetuoso e irascibile, ma tutti avevano il buon senso di insegnare ai loro figli a cedere il passo a Egil. 
All'inizio dell'inverno si tenne una partita di palla a White-river-dale, cui partecipò un grande raduno di gente di tutta la campagna. Molti della famiglia Skallagrim andarono alla partita. Il capo tra loro era Thord, il figlio di Grani. Egil chiese a Thord di lasciarlo andare con lui alla partita; era allora al suo settimo inverno. Thord lo permise, ed Egil salì dietro di lui.
Ma quando arrivarono al campo di gioco, gli uomini si schierarono per la partita. Anche molti ragazzini erano venuti lì, e s’inventarono un gioco per conto loro. Anche per questo sono state scelte le parti.
Egil è stato abbinato per giocare contro un ragazzo di nome Grim, figlio di Hegg, di Hegg-stead. Grim aveva dieci o undici anni ed era forte per la sua età. Ma quando hanno giocato insieme, Egil ha avuto la peggio.

 


E Grim ha sfruttato al massimo il suo vantaggio.
Allora Egil si arrabbiò e alzò la mazza e colpì Grim, dopodiché Grim lo afferrò e lo gettò a terra con una pesante caduta, e lo trattò in modo piuttosto brusco, e disse che l'avrebbe picchiato se non si fosse comportato bene. Ma quando Egil si alzò in piedi, uscì dal gioco, e i ragazzi lo sgridarono. Egil andò da Thord e gli disse cosa era stato fatto. Thord gli rispose: "Verrò con te e ci vendicheremo di lui".  
Egli diede nelle sue mani un'ascia che aveva portato con sé. Tali armi erano allora consuete. Andarono dove c'era il gioco dei ragazzi. Grim ora aveva preso la palla e stava scappando con essa, e gli altri ragazzi lo inseguivano. Allora Egil balzò su Grim e gli conficcò l'ascia nella testa, in modo che subito gli trapassò il cervello. Dopo questo Egil e Thord se ne ritornarono alla loro gente.
I Myramen corsero alle loro armi, e così fecero entrambe le parti. Oleif Halt, con il suo seguito, corse in aiuto dei Borgarmen, che erano finora il numero maggiore, e si separarono senza fare nulla di più. Ma quindi sorse una lite tra Oleif e Hegg. Combatterono a Laxfit, vicino al fiume Grims; lì caddero sette uomini ma Hegg fu ferito a morte, e suo fratello Kvig cadde.
Quando Egil tornò a casa, Skallagrim disse poco in proposito; ma Bera disse che Egil aveva in sé la stoffa del filibustiere, e sarebbe stato bene, non appena fosse stato abbastanza grande, dargli una lunga nave.
Poi Egil fece un pentagramma:

 

Così consigliò mia madre,
Per me dovrebbero acquistare
Una galea e dei buoni remi
Per andare a fare un giro.
Quindi, fare un'ottima figura,
Alla guida di una signorile barca
Tenere la rotta per il paradiso,
Abbatti molti nemici".

 

 

Altra versione:

Così ha detto mia madre,
cosa dovrei comprare
nave e bei remi,
andare vichingo,
fermo, in piedi a prua,
e manda una bella nave,
lanciarmi in mare così,
ucciderne più di uno.

 

Quando Egil ebbe dodici anni, era cresciuto così tanto che c'erano solo pochi uomini così grandi e forti che egli non potesse sopraffare nei giochi. Nel suo dodicesimo inverno era spesso ai giochi. Il figlio di Thord Grani aveva allora vent'anni; era molto forte.
Con l'avanzare dell'inverno, spesso capitava che i due, Egil e Thord, fossero accoppiati contro Skallagrim. E una volta, d'inverno, successe così che si giocasse a Borg, a sud, in Sandvik, ci fu il gioco della palla a Borg. Thord ed Egil si sono dati battaglia contro Skallagrim nel gioco; che si sfinì contro di loro, così che ebbero la meglio
.
Ma la sera, dopo il tramonto, la situazione cominciò a peggiorare per Egil e il suo compagno. Skallagrim divenne così forte che raggiunse Thord e lo gettò a terra così violentemente che fu tutto contuso e subito ricevette la sua rovina. Poi afferrò Egil. Ora c'era una serva di Skallagrim di nome Thorgerdr Brak, che aveva allattato Egil quando era bambino; era una donna grande, forte come un uomo e di grande astuzia magica.
Diceva Brak: "Vuoi rivolgere la loro forza-forma, Skallagrim, contro tuo figlio?” Laddove Skallagrim lasciò andare Egil, ma si aggrappò a lei. Lei si staccò via e si mise a correre con Skallagrim dietro di lei. Così andarono al punto più alto di Digra − ness. Lei saltò in acqua dalla scogliera.
Skallagrim le lanciò dietro una grossa pietra, che la colpì tra le spalle, e nessuno dei due riemerse mai più. L'acqua lì è ora chiamata Brakar−sound. Più tardi, la sera, quando tornarono a casa a Borg, Egil era molto arrabbiato. Skallagrim e tutti gli altri erano a tavola ma Egil non era ancora arrivato al suo posto. Andò nella sala del fuoco, e si avvicinò all'uomo che lì aveva la supervisione dei lavori e la gestione del denaro per Skallagrim, e gli era molto caro. Egil gli diede il colpo di grazia, poi andò al suo posto.
Skallagrim non ne parlò allora, e da quel momento in poi la questione fu tenuta nascosta. Padre e figlio non si scambiarono una parola né buona né cattiva, e così quell'inverno passò.
L'estate successiva Thorolf arrivò, com’è stato detto sopra. Dopo aver trascorso un inverno in Islanda, nella primavera successiva preparò la sua nave a Brakar-sound. Quando era abbastanza pronto, un giorno Egil andò da suo padre e gli chiese dei soldi per viaggiare.
"Voglio", disse, "andare con Thorolf". Skallagrim chiese se aveva parlato di questo con Thorolf. Egil disse che non l'aveva fatto. Skallagrim gli chiese di farlo prima. Ma quando Egil iniziò la domanda con Thorolf, lui disse: Non è verosimile che io ti porti all'estero con me; se tuo padre pensa di non poterti gestire qui in casa sua, io non oso portarti con me in terre straniere; perché non servirà mostrare lì un temperamento come quello che fai qui".
Forse", disse Egil, "nessuno di noi due ci andrà". Nella notte venne una burrasca furiosa, da sud-ovest. E quando fu buio, e la marea fu alta, Egil arrivò dove si trovava la nave.Salì sulla nave e fuori dalla tenda; tagliò i cavi che erano sul lato verso il mare; poi, tornando di corsa a terra dal ponte, buttò giù la passerella e tagliò subito i cavi che erano sulla terraferma.
E la nave se ne andò nel fiordo.
Quando gli uomini di Thorolf si accorsero che la nave era alla deriva, saltarono sulla barca; ma il vento era troppo forte perché potessero fare qualcosa. La nave andò alla deriva fino a Duck-kyle e sulle isole lì; ed Egil tornò a casa a Borg. E quando la gente venne a conoscenza del trucco che Egil aveva fatto, i più lo biasimarono. Egil disse presto che avrebbe fatto a Thorolf ancora più male e altri danni se non lo avesse voluto prenderlo. Poi alcuni fecero da mediatori tra di loro, e alla fine Thorolf accettò di prendere Egil e uscì con lui quell'estate.
Quando Thorolf salì a bordo della nave, prese subito l'ascia che Skallagrim gli aveva dato, e la gettò fuori bordo negli abissi del mare, in modo che non risalisse più. Thorolf andò per la sua strada in estate, e il suo viaggio fu veloce, e arrivarono a Hordaland. Egli continuò subito verso nord, a Sogn. Lì, durante l’inverno, era successo che Brynjolf si era ammalato ed era morto, e i suoi figli ne avevano condivisa l'eredità. Thord aveva Aurland, la tenuta in cui aveva vissuto suo padre. Era diventato un uomo fedele del re ed era stato nominato barone.
La figlia di Thord si chiamava Rannveig, ed era la madre di Thord e Helgi, essendo questo Thórd il padre di Ingiridr, che il re Olaf aveva avuto in moglie. Helgi era padre di Brynjolf, padre di Serk, Sogn e Svein.

 

 

CAPITOLO XLI.
Di Bjorn.

Bjorn ottenne per la sua parte un'altra buona e preziosa fattoria. Non divenne un uomo di fede del re, per questo fu chiamato Bjorn Yeoman. Era proprio ricco, e un uomo potente.
Appena Thorolf uscì dal mare, si recò subito da Bjorn e gli portò Asgerdr sua figlia.

Ci fu un incontro gioioso. Asgerdr era una donna bellissima e molto ben disposta, intelligente e saggia.

Thorolf andò a trovare re Eric. E quando s’incontrarono, Thorolf salutò Eric per conto di Skallagrim e disse che aveva ricevuto con gratitudine il dono del re.

Poi tirò fuori una magnifica vela da nave lunga, che disse che Skallagrim aveva mandato al re.

Il re Eric ricevette bene il dono e ordinò a Thorolf di stare con lui per l'inverno.

Per questo Thorolf ringraziò il re, ma disse: "Devo prima andare da Thorir; con lui ho una commissione urgente".

Allora Thorolf andò a Thorir, come aveva detto, e ricevette un caloroso benvenuto.

Thorir gli disse di stare con lui. Questo, Thorolf disse che avrebbe accettato; «e c'è», disse, «uno con me che deve avere alloggio dove sono io; è mio fratello e non è mai stato lontano da casa, e ha bisogno che io mi prenda cura di lui».

Thorir disse che Thorolf ne aveva tutto il diritto, se voleva, di portare più uomini con lui lì. "Anche tuo fratello", disse, "pensiamo che migliori la nostra compagnia se è come te." Allora Thorolf andò alla sua nave, e la fece trarre e sistemare, dopodiché lui ed Egil andarono da Lord Thorir.
Thorir aveva un figlio di nome Arinbjorn, che era un po' più vecchio di Egil.
Arinbjorn si mostrò presto un uomo virile e un forte. Con Arinbjorn Egil strinse un'amicizia e fu sempre suo seguace. Ma tra i fratelli c'era piuttosto una freddezza.

 

 

CAPITOLO XLII.

Thorolf chiede Asgerdr in moglie.

 

Il figlio di Thorolf Skallagrim ora sembrava Thorir su come avrebbe preso la questione se Thorolf avesse chiesto in matrimonio Asgerdr sua nipote.
Thorir l’accettò prontamente, dicendo che sarebbe stato il suo sostenitore in questa causa. Poco dopo Thorolf si recò a nord, a Sogn, in buona compagnia.

Arrivò a casa di Bjorn, dove fu ben accolto. Bjorn gli disse di stare con lui per tutto il tempo che avrebbe voluto.
Thorolf enunciò rapidamente a Bjorn la sua richiesta e fece la sua offerta, chiedendo alla figlia di Bjorn, Asgerdr, di sposarlo.
Questa proposta Bjorn la accettò bene, il suo consenso fu facilmente conquistato; e fu deciso che il fidanzamento sarebbe dovuto essere lì, e fu fissato un giorno per il matrimonio. La festa doveva essere a casa di Bjorn in autunno. Quindi Thorolf tornò a casa di Thorir, e gli raccontò cosa era stato fatto nel suo viaggio. Thorir era contento che il matrimonio avesse luogo.
Quando arrivò il momento in cui Thorolf doveva andare al banchetto, invitò gli uomini ad andare con lui.
Lo disse prima di tutto a Thorir e ad Arinbjorn e ai loro house-carles, e a qualche ricco yeoman; e per il viaggio c'era una grande e buona compagnia.
Quando si avvicinò il giorno in cui Thorolf doveva lasciare la casa, ed erano ormai arrivati i padrini della sposa (o damigelle d’onore) allora Egil si ammalò, così che non poté andare.
Thorolf e la sua compagnia avevano una grande nave lunga ben equipaggiata, e andarono come concordato.

 

 

CAPITOLO XLIII.

Di Aulvir e Egil.

 

C'era un uomo di nome Aulvir, un carle di Thorir, che era amministratore e balivo del suo patrimonio. Aveva il compito di recuperare i debiti ed era tesoriere. Aulvir aveva superato la sua giovinezza, ma era ancora un uomo molto vigoroso. Fu così che Aulvir dovette lasciare la sua casa per rientrare in possesso di alcuni affitti di Thorir che erano rimasti in piedi dalla primavera. Aveva una barca a remi, a bordo della quale andarono dodici carlini di Thorir.
Proprio allora Egil cominciò a riprendersi, e si alzò dal letto. Pensava che fosse noioso stare a casa, quando tutti se ne erano andati. Così parlò con Aulvir, e disse che gli sarebbe piaciuto andare con lui.
Aulvir pensò che un solo buon compagno non li avrebbe sovraccaricati, perché c'era abbastanza spazio sulla nave.
Così Egil si preparò ad andare. Aveva le sue armi, la spada, l'alabarda e la scudo.
Andarono per la loro strada quando furono pronti.
Avevano il vento che soffiava forte contro di loro, un vento forte e fastidioso; ma proseguirono il loro viaggio con vigore, prendendo i remi.
E il loro progresso fu tale, che la sera di un giorno giunsero a Atla-isle, e lì si misero a terra. In quest'isola, non lontano dalla riva, c'era una grande fattoria di re Eric. Il sovrintendente di ciò era un uomo di nome Bard. Si chiamava Bard di Atla-isle, ed era un buon uomo d'affari e lavoratore; non di alto rango, ma molto apprezzato dal re e da Gunnhilda. Aulvir e i suoi uomini tirarono su la loro nave oltre il segno della marea.
Poi si recarono agli edifici della fattoria, trovarono Bard fuori e gli raccontarono del loro viaggio, e anche che sarebbero stati lieti di stare lì per la notte
Bard vide che erano molto bagnati, e li condusse in una sala di fuoco che si trovava in disparte dagli altri edifici. Lì fece fare un grande fuoco per loro, nel quale si asciugarono i loro vestiti.

Quando li rimisero di nuovo, Bard entrò. "Ora noi", disse, "vi apparecchieremo una tavola qui". So che sarete contenti di dormire; siete stanchi per la bagnatura". Ad Aulvir piaceva molto. Presto la tavola fu apparecchiata, e il cibo fu dato, pane e burro e grandi ciotole di cagliata. Bard disse: "Mi dispiace molto che non ci sia birra in casa, per potervi ricevere come vorrei; dovrai fare con quello che c'è".

Aulvir e la sua gente avevano molta sete e bevvero la cagliata. Poi Bard fece portare da bere dell'avena, e la bevvero. "Vorrei," disse Bard, "darvi da bere meglio se ne avessi". Non mancava la paglia nella stanza. Poi li invitò a coricarsi per dormire.

 

 

CAPITOLO XLIV.

L'uccisione di Bard.

 

Il re Eric e la regina Gunnhilda vennero quella stessa sera all’isola di Atla, e Bard vi aveva preparato un banchetto per il re; e ci sarebbe stato un sacrificio per gli spiriti guardiani. Il banchetto era sontuoso, e grande il bere all'interno della sala.
“Dov'è Bard?" chiese il re; "Non lo vedo".
Qualcuno disse: "Bard è fuori a rifornire i suoi ospiti".
“Chi sono questi ospiti", disse il re, "perché si senta più obbligato a loro che essere qui dentro ad aspettarci?"
L'uomo disse che alcuni carli della casa di Lord Thorir erano venuti lì.
Il re disse: "Andate subito a cercarli e chiamateli qui".
E così fu fatto, con il messaggio che il re li avrebbe voluto vederli.
Al che vennero.
Il re diede il benvenuto ad Aulvir, e gli chiese di sedersi sull’alto seggio di fronte a lui e ai suoi compagni sotto di lui.

Lo fecero, Egil sedette accanto ad Aulvir.
Poi fu loro servita birra da bere. Si facevano molti brindisi, e a ogni brindisi si doveva bere un corno. Ma con il passare della serata, molti dei compagni di Aulvir erano molto ubriachi. Alcuni rimasero nella stanza, anche se stavano male, altri uscirono da casa. Bard continuava a dar loro da bere.

Egil prese il corno che Bard aveva offerto ad Aulvir, e lo bevve. Bard disse che Egil aveva molta sete, e gli portò subito il corno di nuovo pieno, e gli disse di berlo.

Egil prese il corno e recitò un pentagramma:

 

Adoratore dei maghi dei tumuli!
Hai bisogno di birra, potresti affermare
Qui alla festa santa degli spiriti.
Trovo falso ingannatore.
Hai ingannato ospiti estranei,
Nascondendo così la tua rozza avidità.
Bard, un supporto gretto sei tu,
Inganno insidioso su tale da giocare.


Altra versione:

Hai detto al grande guerriero
che birra non c'era,
miserabile, dei giorni
alla festa, mascalzone;
hai dato dappertutto male
a uomini sconosciuti,
non sei stato un buon padrone di casa,
Bárd, li hai ingannati.

 

Bard gli disse di bere e di smetterla con quello scherno. Egil svuotò ogni corno che gli giunse, bevendo anche per Aulvir. Poi Bard andò dalla regina e le disse che lì c'era un uomo che li disonorava, perché, per quanto beveva, diceva ancora di avere sete.
La regina e Bard mischiarono allora la bevanda con del veleno e lo misero dentro. Bard consacrò il calice, e lo diede alla cameriera. Lei lo portò a Egil e gli disse di bere. Egil allora estrasse il suo coltello e si punse il palmo della mano.Prese il corno, vi graffiò delle rune e vi spalmò il sangue.

Egli Cantò:

'Scriviamo noi rune intorno al corno,
Arrossato tutto l'incantesimo con il sangue;
Le parole sagge scelgono io per la coppa
Realizzato da ramificazione di corno di bestia.
Beviamo allora, come beviamo noi,
Sorso che allegro portatore porta,
Impara che la salute risiede nella birra,
Santa birra che Bard ha benedetto.

Altra versione:

Stelo nei filatoi a corno,
e con il sangue li tingo,
lettere tratto, da uro
Feroce nel legno lungo;
Bevo il liquore in silenzio
che il servo ha portato,
vedremo se fa ancora male
la bevanda che ha fatto Bárd.

Il corno scoppiò in mezzo, e la bevanda fu rovesciata sulla paglia sottostante. Poi Aulvir cominciò a svenire. Allora Egil si alzò, prese Aulvir per mano e lo condusse alla porta. Egil spostò il mantello sul fianco sinistro e sotto il mantello teneva la spada. Ma quando giunsero alla porta, allora Bard li inseguì con un corno pieno e li ordinò di bere un corno d'addio.
Egil si fermò alla porta. Prese il corno e lo bevve; poi recitò un pentagramma:

 

La birra è nata per me, per la birra
Aulvir ora impallidisce.
Dal corno di bue lascio versare
Tra le mie labbra, sotto la pioggia.
Ma cieco è il loro destino di vedere
I colpi che tu porti su di te:
Pieni presto dal signore di Odino
Senti la pioggia mortale.

 

Altra versione:

Sono ubriaco e dimentico
la birra lo stordisce,
la pioggia cade sulle mie labbra
della lancia degli uro;
non sai dove metti i piedi,
guerriero e il poeta
piove fa poesia.

 

 Detto questo, Egil gettò il corno, ma afferrò la spada e la estrasse; era buio nell’anticamera. Spinse con la spada proprio nel mezzo di Bard, in modo che la punta uscisse da dietro. Bard cadde morto, il sangue che sgorgava dalla ferita. Aulvir poi cadde, vomitando.

Egil si precipitò fuori dalla stanza; fuori era buio pesto. Lui corse subito via dagli edifici. Ma nella stanza d'ingresso si poteva vedere che Bard e Aulvir erano caduti. Allora venne il re, e ordinò di portare luce; dopo di che videro quello che era successo, che Aulvir giaceva lì senza sensi; ma Bardo fu ucciso, e il pavimento era pieno di sangue. Allora il re chiese, dove fosse quell’omone che aveva bevuto più di tutti quella notte.
Gli uomini dissero che era uscito. "Cercatelo", disse il re, "e portatelo da me". Lo cercarono nei locali, ma non fu trovato da nessuna parte. Quando giunsero alla sala del fuoco lì distaccata, trovarono i compagni di Aulvir. Gli uomini del re chiesero se Egil fosse venuto lì.
Dissero che era corso dentro, aveva preso le sue armi e quindi era uscito di nuovo. Questo fu detto al re. Il re ordinò ai suoi uomini di andare il più velocemente possibile per impossessarsi di ogni nave o barca dell'isola. "Ma domattina, " disse, "quando farà luce, dobbiamo perquisire tutta l'isola e uccidere l'uomo."

 

 

CAPITOLO XLV.

La fuga di Egil.

 

Egil andò nella notte e cercò i luoghi, dove si trovavano le barche. Ma dovunque arrivasse all'arenile, gli uomini erano sempre lì prima di lui. Andò così per tutta la notte, e non trovò mai una barca. Ma quando spuntò il giorno era in piedi su un certo promontorio. Vide allora un'altra isola, e tra lui e d essa c'era un braccio di mare molto ampio.
Questo fu allora la sua idea: prese elmo, la spada e la lancia, spezzò l'asta della lancia e la gettò in mare; ma le armi le avvolse nel mantello e ne fece un fascio che legò sulla schiena.
Poi s’immerse in acqua e non si fermò a nuotare finché non giunse sull'isola. Si chiamava Sheppey; era un'isola non molto grande, ricoperta di sterpaglie.
Su di essa c’era del bestiame, sia pecore sia buoi, appartenenti all'isola di Atla. Quando arrivò sull'isola, strizzò i suoi vestiti bagnati. A questo punto era già pieno giorno e il sole era sorto.
Re Eric fece ispezionare bene l'isola di Atla non appena fece giorno; ci volle un po' di tempo, essendo l'isola grande, ed Egil non fu trovato. Allora il re li fece ispezionare le altre isole per cercarlo. Era sera quando dodici uomini remarono fino a Sheppey. Dovevano cercare Egil, e da lì dovevano anche portare del bestiame da macellare.
Egil vide la barca che arrivava sull'isola; si sdraiò e si nascose nella sterpaglia prima che la barca arrivasse a terra. Lasciarono tre uomini con la barca; ma nove salirono, e si separarono in tre gruppi di ricerca, tre uomini in ciascuno. Ma quando un rialzo nel terreno fu tra loro e la barca, allora Egil si alzò (avendo prima preparato le sue armi), e si diresse verso il mare, e poi lungo la riva.
Coloro che sorvegliavano la barca non se ne sono accorti finché Egil non fu su di loro. Egli ne colpì subito uno con un colpo mortale; ma un altro lo prese sui talloni, e dovette saltare sulla specie di riva. Egil lo seguì con un colpo che gli tagliò il piede. Il terzo uomo andò nella barca e si allontanò con la pertica.
Egil attirò la barca con la fune e vi balzò dentro. Pochi colpi furono scambiati prima che Egil lo uccidesse e lo spingesse fuori bordo. Così prese i remi e remò via con la barca. Se ne andò tutta la notte e il giorno dopo, e non si fermò fino a quando non arrivò da lord Thorir.

Quanto ad Aulvir e ai suoi compagni, il re li lasciò andare in pace, in quanto innocenti in questa faccenda. Gli uomini che erano a Sheppey sono rimasti lì per molte notti, uccidendo il bestiame per nutrirsi, accendendo un fuoco e cucinarono, e accumulando un grosso cumulo di combustibile sul lato dell'isola che guardava verso l’Atla-isle, e vi appiccarono fuoco, e far conoscere alla gente la loro situazione. Quando ciò fu visto, gli uomini si misero a remare verso di loro e portarono a terra chi era ancora vivo.

Il re se n'era ormai andato; si recò a un altro banchetto. Ma di Aulvir c'è questo da dire, che arrivò a casa prima di Egil, e Thorolf e Thorir erano tornati a casa anche prima. Aulvir raccontò le notizie, l'uccisione di Bard e il resto che era accaduto lì, ma per le vicende di Egil dopo Arinbjorn non sapeva nulla. Thorolf era molto addolorato per lui, come lo era anche per Arinbjorn; pensavano che Egil non sarebbe mai più tornato. Ma il mattino dopo Egil tornò a casa.
Quando Thorolf lo seppe, si alzò e uscì per incontrarlo, e gli chiese in che modo fosse fuggito, e quali avventure fossero capitate durante il suo viaggio.

Egil recitò questo pentagramma:

'Dalla custodia del re di Norvegia,
Dall'arte di Gunnhilda,
Così mi sono liberato (né ostentato io
L'impresa presuntuosamente)
Quei tre, che ma non sapevo,
L’uomo del re guerriero,
Giace morto, nella sala alta
Di Hela è andato giù'.

 

Altra versione:

Ho scrollato di dosso il potere
dal signore di Norvegia
e non me ne vanto
della regina Gunnhild;
tre veri guerrieri
Ho mandato nelle stanze alte
da Hel e lì adesso
morti per sempre, stanno zitti.

 

Arinbjorn parlò bene di questo lavoro e disse a suo padre che sarebbe stato obbligato a espiare Egil con il re. Thorir disse: Sarà un verdetto comune che Bar ottenesse il merito di essere ucciso; Ma Egil ha ne ha fatto troppe sulla via dei suoi parenti, nel guardare poco davanti a sé e sfidando l'ira di un re, che per la maggior parte degli uomini non è facile vivere con un così pesante fardello. Tuttavia, per questa volta ti espierò, Egil, con il re.

Thorir andò a cercare il re ma Arinbjorn rimase a casa e dichiarò che quella sorte poteva accadere a tutti loro. Quando Thorir andò dal re, si offrì come garante, la cauzione per Egil, mentre il re avrebbe designato la multa.
Re Eric era molto adirato, ed era difficile andare a parlare con lui; disse che quello che aveva detto suo padre si sarebbe rivelato vero: quella famiglia non sarebbe mai stata degna di fiducia.
Egli ordinò a Thorir di organizzare la cosa in questo modo: "Anche se accetto una qualche espiazione, Egil non resterà a lungo ospitato nel mio regno. Ma per amor della tua intercessione, Thorir, accetterò una multa in denaro per questi uomini".
Il re fissò la multa che riteneva giusta; Thorir pagò tutto e tornò a casa.

 

 

CAPITOLO XLVI.
Del tormento di Thorolf e di Egil.

 

Thorolf ed Egil rimasero quell'inverno con Thorir, godendo della sua ospitalità. In primavera si prepararono una grande nave da guerra e vi radunarono degli uomini, e d'estate andarono per la via orientale e saccheggiarono; acquisirono molte ricchezze e fecero molte battaglie. Andarono anche a Courland, e fecero pace per mezzo mese con gli uomini del paese e commerciarono con loro. Ma quando tutto questo finì, sono tornati al saccheggio e hanno attaccato vari luoghi.
Un giorno arrivarono alla foce di un grande fiume, dove c'era un'estesa foresta sulla terraferma; c’era l’oscurità totale. Decisero di risalire il paese, dividendo le loro forze in dodici compagnie.
Attraversarono il bosco, e non passò molto tempo prima che arrivassero a terre abitate. Lì saccheggiarono e uccisero uomini, ma la gente fuggì, finché alla fine non ci fu più resistenza. Ma, con l'avanzare del giorno, Thorolf fece soffiare il corno per richiamare i suoi uomini a riva.
Poi ognuno di loro tornò indietro da dove si trovava nel bosco. Ma quando Thorolf radunò le sue forze, Egil e la sua compagnia non erano scesi; e l'oscurità della notte si stava avvicinando, così hanno pensato che fosse impossibile andare a cercarlo.

Ora Egil e i suoi dodici uomini avevano attraversato un bosco finché non trovarono ampie pianure e arature; vicino a loro c'era una fattoria. Poi questo fecero, quando arrivarono lì, entrarono nella casa, ma non videro nessuno. Hanno preso tutti beni in cui si sono imbattuti. C'erano molte stanze, quindi ci hanno messo molto tempo.

Ma quando uscirono e si allontanarono dalla casa, c'era una schiera di armati tra loro e il bosco, che li ha attaccati. Un’alta palizzata correva tra loro e il bosco; a questa Egil ordinò loro di tenersi vicini, affinché non fossero attaccati da ogni parte. Lo fecero. Egil andò per primo, poi gli altri, uno dietro l'altro, così vicini che nessuno poteva mettersi in mezzo.

I Courlanders li attaccarono vigorosamente, ma principalmente con lance e giavellotti, senza avvicinarsi. Il gruppo di Egil che avanzava lungo la recinzione non scoprì fino all’ultimo che un'altra linea di palizzata correva dall'altra parte, restringendo lo spazio, fino a quando non ci fu una curva e ogni progressione fu sbarrata.

I Courlanders li inseguirono in questo recinto, mentre alcuni li inseguivano dall'esterno, spingendo giavellotti e spade attraverso le palizzate, mentre altri gettavano i vestiti sulle loro armi. Il gruppo di Egil fu ferito, e dopo fu preso e legato, e così portato al casale. Il proprietario di quella fattoria era un uomo potente e ricco; aveva un figlio grande. Ora discutevano su cosa dovevano fare con i loro prigionieri.

Il padrone di casa disse che pensava che la cosa migliore fosse quella di ucciderli uno per volta. Suo figlio disse che le tenebre della notte si stavano ormai avvicinando, e nessuno si divertiva così tanto con la loro tortura; ordinò di aspettare fino al mattino. Così furono spinti in una stanza e fortemente legati. Egil fu legato mani e piedi a un palo.

Poi la stanza fu fortemente chiusa a chiave, e i Courlanders andarono nella sala da pranzo, mangiarono, beverono e si divertirono. Egil si sforzò e lavorò al palo fino a quando non lo staccò dal pavimento, il palo cadde ed Egil se ne sfilò. Poi sciolse le sue mani con i denti. Quando le mani furono libere, slegò con esse i legami dei piedi. E poi liberò i suoi compagni; quando furono tutti liberi cercarono il posto più probabile per uscire.

La stanza era fatta con pareti di grandi travi di legno, ma a un’estremità c'era un tramezzo piatto. Su quel punto si precipitarono e la sfondarono. Ora erano entrati in un'altra stanza; anche questa aveva pareti di travi di legno. Poi sentirono voci di uomini sotto i loro piedi. Cercando in giro trovarono una botola nel terreno, che aprirono.
Lì sotto c'era una profonda volta; giù in essa sentivano le voci degli uomini.

Allora Egil domandò quali uomini ci fossero. Colui che rispose si chiamava Aki. Ti piacerebbe venire su, chiese Egil. Aki rispose: "Mi piacerebbe molto". Allora Egil e i suoi compagni calarono nella volta una delle funi con cui erano stati legati e trassero di là tre uomini. Aki disse che questi erano i suoi due figli, ed erano danesi, che erano stati fatti prigionieri di guerra l'estate precedente.

"Sono stato, " disse, "ben trattato durante l'inverno, e avevo la cura principale della proprietà del padrone di casa; ma i ragazzi furono schiavizzati e hanno sofferto molto”.

In primavera abbiamo deciso di scappare, ma siamo stati ripresi. Poi siamo stati gettati in questa cantina.
“Devi sapere tutto sulla pianta di questa casa", diceva Egil; "dove abbiamo la migliore speranza di uscire?”
Aki disse che c'era un altro tramezzo divisorio: "Rompi quello, e poi entrerete in un magazzino di mais, dove potrete andare come volete".

Gli uomini di Egil lo fecero; spezzarono il tavolato, entrarono nel granaio e da lì uscirono. Era buio pesto. Allora i compagni di Egil dissero che dovevano affrettarsi a raggiungere il bosco. Ma Egil disse ad Aki: "Se conosci la casa qui, puoi mostrarci la via per un saccheggio".
Aki disse che non c'è mancanza di beni mobili. Qui c'è un grande soppalco in cui il proprietario dorme. Non mancano le armi lì. Egil ordinò loro di andare in quel soppalco, e quando arrivarono in cima delle scale videro che il soppalco era aperto. Dentro c'era una luce e dei servi che stavano rifacendo i letti. Egil ordinò ad alcuni di restare fuori a guardare che non ne uscisse nessuno. Egil corse nel soppalco, prese le armi, che non mancavano.
Uccisero tutti gli uomini che erano lì dentro, e si armarono completamente. Aki si avvicinò a una botola nel pavimento e la aprì, dicendo loro che dovevano scendere da questa al magazzino sottostante. Presero un lume e sono andati lì. Era il tesoro del padrone di casa; c'erano molte cose costose, e molto argento. Lì gli uomini ne presero un carico ciascuno e lo portarono fuori. Egil prese sotto il braccio una grande botte d’idromele, e la strinse così.
Quando arrivarono nel bosco, allora Egil si fermò e disse: Questo nostro modo di procedere è tutto sbagliato, e non bellicoso. Abbiamo rubato le ricchezze del padrone di casa a sua insaputa. Questa vergogna non dovrebbe mai essere nostra. “Torniamo alla fattoria, e gli facciamo sapere cosa è successo".
Tutti si sono detti contrari, dicendo che si sarebbero diretti verso la nave. Egil depose la botte dell'idromele, poi corse speditamente verso la fattoria. Quando arrivò lì, vide che le servitù uscivano dalla cucina con i piatti e li portavano nella sala da pranzo. In cucina (vide) c'era un grande fuoco e dei bollitori sopra.Lì egli andò. Grandi travi erano state portate a casa e accese, com’era consuetudine in quel luogo, appiccando il fuoco all’estremità della trave e bruciandola così nel senso della lunghezza.
Egil afferrò una trave, la portò nella sala da pranzo e spinse l'estremità ardente sotto il cornicione, e così nella corteccia di betulla del tetto, che presto prese fuoco. Alcune fascine di legno giacevano vicino; queste Egil portò e le ammassò davanti alla porta della sala. Queste presero subito fuoco. Ma chi beveva all'interno non lo scoprì fino a quando il tetto non iniziò a bruciare;.

Allora si precipitarono alla porta; ma non c'era una via d'uscita facile, sia a causa delle fascine di legno, sia perché Egil teneva la porta, e uccise la maggior parte di coloro che si sforzavano di passare sia dall'entrata che all'esterno. Il padrone di casa chiese chi avesse la cura del fuoco.
Egil rispose: "Adesso ha la cura del fuoco che tu ieri avevi perfino ritenuto meno probabile – né vorrai cuocerti più caldo di quanto io t’infiammerò; farai un bagno soffice prima di un letto morbido, " come volevi fare a me e ai miei compagni. Ecco ora lo stesso Egil che hai legato mani e piedi al palo in quella stanza che hai chiuso con tanta cura.
“Ti ripagherò la tua ospitalità come meriti".
A questo il padrone pensò di fuggire furtivamente nell’oscurità, ma Egil era vicino, e gli diede il suo colpo mortale, come fece a molti altri. Passò poco tempo prima che la stanza andasse a fuoco e crollasse. Tutte le persone all'interno morirono lì.
Egil tornò nel bosco, dove trovò i suoi compagni, e andarono tutti insieme sulla nave. Egil disse che avrebbe avuto come premio speciale l'idromele che portava con sé; che si rivelò piena d'argento. Thorolf e i suoi uomini furono felicissimi quando Egil apparve.
Partirono da quella terra all'alba; Aki e i suoi due figli erano con il gruppo di Egil. Salparono in estate, ormai trascorsa, verso la Danimarca, ancorarono in attesa delle navi mercantili, e le saccheggiarono quando ne ebbero l'occasione.

 

 

CAPITOLO XLVII.

Delle altre devastazioni di Thorolf ed Egil.

 

Harold Gormsson aveva a quel tempo era salito al trono di Danimarca, perché suo padre Gorm era morto. Il paese era quindi aperto alla devastazione; i vichinghi spesso frequentavano le coste danesi. Aki conosceva bene la Danimarca sia via mare sia via terra. Così Egil gli chiese diligentemente, dove fossero i luoghi che promettevano un buon bottino.

Quando arrivarono a Eyrar-sound, allora Aki disse che sulla terraferma c'era una grande città commerciale chiamata Lundr; lì, disse, c'era speranza di un buon saccheggio, ma era probabile che i cittadini avrebbero fatto resistenza. La domanda fu posta agli uomini se dovevano andare o no. Le opinioni furono molto divise, alcuni erano disponibili, altri erano riluttanti; poi la questione fu sottoposta ai capi.
Thorolf era pronto ad andarci. Poi fu chiesto a Egil quale fosse la sua opinione.

Egli recitò un pentagramma:

'Guerriero battitore di lupi,
Brandiamo alte spade scintillanti.
Nell'estate dei serpenti
Queste azioni sono ben note.
Portate fino a Lundr:
Che i ritardatari non siano nessuno!
La musica della lancia non è gentile
Entro il tramonto suonerà.'

 

Altra versione:

Alziamo le spade,
tu che fai da esca al lupo,
lasciali brillare, un'impresa
deve essere fatta in estate;
vai in fretta
ciascuno a Lund,
prima che il sole tramonti
di combattimenti cantiamo canzoni.

 

Dopo di che, si prepararono a sbarcare, e andarono in città. Quando gli abitanti del paese si sono accorti dell'arrivo del nemico, si mossero contro di loro. Intorno alla città c'era un muro di legno, loro misero degli uomini a guardia di questo. Lì fu combattuta una battaglia molto feroce. Egil, con i suoi seguaci, attaccò ferocemente il portone e non si risparmiò.

Ci fu un grande massacro, gli uomini della città caddero uno sull'altro. Si dice che Egil entrò per primo nella città, gli altri lo seguirono.Poi quelli della città fuggirono, e grande fu la strage. Thorolf e la sua compagnia saccheggiarono la città e s’impadronirono di molte ricchezze, e appiccarono il fuoco agli edifici prima di andarsene.
Poi tornarono alle loro navi.

 

 

CAPITOLO XLVIII.

Del banchetto al conte Arnfid.

 

Thorolf si fermò a nord, con le sue forze, oltrepassando l'Olanda, e lì entrarono in un porto, mentre il vento li spingeva indietro. Lì non saccheggiarono. Un po' più in alto del paese viveva un conte di nome Arnfid. Ma quando seppe che dei freebooters erano venuti a sbarcare lì, mandò i suoi uomini a incontrarli con questa commissione, per sapere se desideravano la pace o la guerra.
Quando i messaggeri vennero a Thorolf con la loro commissione, egli disse che non avrebbero fatto del male lì, che non c'era bisogno di attaccare o di venire con lo scudo da guerra, giacché la terra non era ricca.
I messaggeri tornarono dal conte e gli raccontarono il risultato della loro commissione: quando il conte seppe che non era necessario radunare uomini per questa causa, allora cavalcò giù senza alcuna forza armata per incontrare i freebooters.
Quando s’incontrarono, alla riunione tutto andò bene. Il conte invitò Thorolf a un banchetto lui e tutti i suoi uomini. Thorolf promise di andare. Il giorno stabilito il conte fece mandare giù dei cavalli da sella per incontrarli.
Ci andarono Thorolf ed Egil, e con loro c'erano trenta uomini. Quando giunsero dal conte, egli li accolse bene; furono condotti nella sala da pranzo.
Immediatamente fu portata della birra leggera e fu data da bere. Rimasero lì fino a sera. Prima che i tavoli fossero tolti, il conte disse che avrebbero dovuto tirare a sorte per bere insieme in coppia, uomo e donna, per quanto i numeri lo permettessero, ma quelli dispari da soli. Gettarono quindi i loro segnali in un lembo di un mantello, e il conte li tirò fuori.
Il conte aveva allora una figlia molto bella nel fiore della giovinezza; la sorte decretò che Egil si sedesse accanto a lei per la sera. Lei camminava lungo il corridoio, imbarazzata, passeggiando. Egil si alzò e si recò nel luogo dove la figlia del conte si era seduta durante il giorno. E quando gli uomini cambiarono posto, la figlia del conte andò al posto suo.

Disse in versi:

 Perché sei seduto al mio posto, giovane?
Raramente sei sicuro di aver dato
Al lupo il suo caldo banchetto di carne.
Da sola, farò il mio posto.
Sul corso delle carogne non hai sentito
Grida rauco il corvo gioioso,
Né è andato dove la spada è tagliente
In guerra si sono incontrati follemente.

 

Altra versione:

Cosa stai facendo, ragazzo, al mio posto?
Ti sei nutrito raramente
con carne calda al lupo,
Preferisco stare da sola;
non hai visto il corvo in autunno
cantare sul sangue,
non eri dove correvano
le lame d’acciaio.

 

Egil la prese e la fece sedere accanto a lui.

E cantò:

Con il marchio sanguinoso a passo di marcia
Il mio uccello della rovina mi ha seguito:
La mia lancia che sfreccia ha suonato
Nella rapida carica dei Vichinghi.
Infuriata la nostra battaglia,
Ha dato fuoco ai tetti dei Foemen;
Il suono addormenta molti guerrieri
"Uccisi alle porte della città".

 

Altra versione:

Sono andato con la lama insanguinata,
il corvo mi ha accompagnato,
e sono andato con la lancia ululante;
i vichinghi combatterono bene;
irritati litighiamo
e bruciamo le loro case,
sangue sui corpi, caddero
prima dell'alta palizzata.

 

Poi hanno bevuto insieme per la tutta la sera, ed erano proprio allegri. Il banchetto fu dei migliori, quel giorno e il giorno dopo. Quindi i vikinghi andarono alle loro navi, loro e il conte si separarono in amicizia con lo scambio di doni. Thorolf con le sue forze continuarono allora per le isole Brenn. All'epoca queste erano un grande covo di freebooters, perché attraverso le isole navigavano molte navi mercantili.

Aki tornò a casa nelle sue fattorie, e i suoi figli con lui. Era un uomo molto ricco, proprietario di diverse fattorie nello Jutland.
Lui e Thorolf si separarono con affetto e s’impegnarono a stringere una stretta amicizia. Con l'arrivo dell'autunno, Thorolf e i suoi uomini navigarono verso nord lungo la costa norvegese fino a raggiungere i Firths, poi andarono da lord Thorir.
Li ricevette bene, e ancor di più suo figlio Arinbjorn, che chiese a Egil di stare lì per l'inverno. Egil accettò l'offerta con gratitudine.
Quando Thorir seppe dell'invito di Arinbjorn, lo definì un discorso piuttosto frettoloso. «Non so», disse, come potrebbe piacere a re Eric
; perché dopo l'uccisione di Bard disse che non avrebbe voluto che Egil rimanesse nel paese.
Tu, padre, puoi facilmente gestire la situazione con il re", disse Arinbjorn, "in modo che non si preoccupi del soggiorno di Egil qui. Chiederai a Thorolf, il marito di tua nipote, di stare qui; io ed Egil condivideremo la mia residenza invernale".
Thorir capì da questo discorso che Arinbjorn avrebbe fatto a modo suo.
Così padre e figlio offrirono a Thorolf una casa per l'inverno, che accettò. Rimasero lì per tutto l'inverno con dodici uomini.
Due fratelli si chiamavano Thorvald Proud e Thorfid Strong, erano parenti stretti di Bjorn Yeoman, ed erano cresciuti con lui.
Erano uomini grandi e forti, dodati di grande energia e coraggio, capitani magnifici e dotati.
Seguirono Bjorn fino a quando uscì a vagabondare; ma quando si stabilì pacificamente, questi fratelli andarono da Thorolf, ed erano con lui nelle spedizioni; erano uomini di prua sulla sua nave.
E quando Egil assunse il comando di una nave, allora Thorfid divenne il suo uomo di prua. I due fratelli seguirono Thorolf per tutto il tempo e lui li apprezzava come la parte migliore del suo equipaggio. Erano nella sua compagnia quest'inverno, e si sedettero accanto ai due fratelli.Thorolf si saziò sull’alto seggio di fronte Thorir, e beveva con lui; Egil si sedette come compagno di coppa di fronte a Arinbjorn. A tutti i brindisi alla coppa doveva vedersi il fondo.
In autunno, Lord Thorir andò da re Eric.
Il re lo ricevette molto bene. Quando cominciarono a parlare insieme, Thorir supplicò il re di non prendersela male per il fatto che avesse tenuto Egil con sé quell'inverno. Il re rispose gentilmente; disse che Thorir avrebbe potuto ottenere da lui ciò che voleva, anche se le cose sarebbero andate diversamente se qualcun altro avesse invitato Egil.

Quando Gunnhilda sentì di cosa stavano parlando, poi disse: "Questo penso, Eric, che ora sta succedendo di nuovo come spesso è andato prima; tu ricevi un insulto, e non ti soffermi a lungo a pensare al male che ti è stato fatto. E ora tu farai avvicinare i figli di Skallagrim, affinché ancora una volta colpiranno alcuni dei tuoi parenti più prossimi.”
“Ma sebbene tu possa scegliere di pensare che l’uccisione di Bard non ci sia un motivo, io non credo che sia così".
Il re rispose: "Tu, Gunnhilda, più di altri, mi provochi ferocia; eppure il tempo era in cui eri in rapporti migliori con Thorolf di adesso. Tuttavia non mi rimangio la mia parola che ho dato ai fratelli".
Thorolf stava bene qui", disse lei, "prima che Egil lo rendesse cattivo; ma ora non credo che ci siano differenze tra loro".
Thorir tornò a casa quando fu pronto, e raccontò ai fratelli le parole del re e della regina.

 

CAPITOLO XLIX.

Uccisione di Thorvald Proud.

 

Eyvind Skreyja e Alf erano i nomi di due fratelli di Gunnhilda, figli di Auzur Toti. Erano alti e forti, e grandi capitani. Essi erano tenuti in gran considerazione dal re Eric e da Gunnhilda. In genere non piacevano a tutti; a quel tempo erano giovani, ma completamente cresciuti all'età adulta. Successe così che in primavera fu fissato un grande sacrificio da tenere in estate a Gaular. Qui si trovava il tempio principale più rinomato. Lì accorrevano moltissime persone dai fiordi e dalle colline, e da Sogn, per lo più tutti nobili. Anche Re Eric ci andò.
Allora Gunnhilda parlò con i suoi fratelli: "Vorrei che voi due dobbiate così gestire le cose in quest’affollato raduno, in modo da poter uccidere uno dei due figli di Skallagrim, o, meglio ancora, entrambi". Loro risposero che doveva essere fatto.

Anche il capo Thórir si preparava ad andarci; chiamò Arinbjórn per parlargli: "Ora", disse, andrò al sacrificio; ma non voglio che Egil vada; Conosco Gunnhilda, e conosco la veemenza di Egil e il potere del re, e non sarà un compito facile vigilare su tutti questi in una volta; Egil non vorrà restare se non rimani anche tu. Ma Thorolf e gli altri suoi compagni verranno con me; Thorolf si sacrificherà e pregherà per la felicità per suo fratello oltre che per se stesso .
Al che Arinbjórn disse a Egil che doveva restare a casa. "Ed io con te, " disse. Egil convenne che sarebbe stato così. Thorir e gli altri andarono al sacrificio, e una grandissima moltitudine era lì, e si beveva molto. Thorolf andò con Thorir ovunque andasse, e non si separarono mai né di giorno né di notte.
Eyvind disse a Gunnhilda che non poteva avere alcuna possibilità con Thorolf. Lei gli ordinò di uccidere uno degli uomini di Thorolf, piuttosto che lasciare che tutto fallisse. E' successo una sera, quando il re era andato a riposare, come anche Thorir e Thorolf, ma Thorfid e Thorvald erano ancora svegli, e i due fratelli Eyvind e Alf andarono a sedersi accanto a loro, e furono molto allegri.
All'inizio bevvero allo stesso corno; ma subito si è giunti a questo, che ognuno avrebbero dovuto bere mezzo corno, Eyvind e Thorvald erano accoppiati in coppia per bere, e Alf e Thorfid. Ora, man mano che la serata si prolungava, si beveva in modo sleale; poi seguirono le discussioni, poi il linguaggio offensivo. Poi Eyvind saltò su, estrasse una spada corta e colpì Thorvald, infliggendogli una ferita che fu la sua morte. Al che si alzarono su tutti, uomini del re e i carles della casa di Thorir.
Ma gli uomini erano tutti senza armi lì dentro, perché era un santuario. Alcuni uomini si misero in mezzo e separavano chi era più irascibili; non accadde nulla di più quella sera. Eyvind aveva ucciso un uomo su un terreno sacro; era stato perciò reso maledetto, e doveva andare subito all'estero. Il re offrì un risarcimento per l'uomo; ma Thorolf e Thorfid dissero che non avevano mai preso un risarcimento per la morte di un uomo, e non l'avrebbero preso.
Con quello si sono separarono. Thorir e la sua compagnia tornarono a casa.
Re Eric e Gunnhilda mandarono Eyvind a sud, in Danimarca, da re Harold Gormsson, perché ora non poteva più rimanere sul suolo norvegese.
Il re accolse bene lui e i suoi compagni: Eyvind portò in Danimarca una grande nave da guerra.
Ha poi nominato Eyvind per essere la sua guardia costiera lì contro i freebooters, perché Eyvind era un vero buon guerriero.
Nella primavera successiva a quell'inverno, Thorolf ed Egil si prepararono ad andare di nuovo a frebooting. E quando furono pronti, ripresero di nuovo la via orientale.
Ma quando arrivarono a Vik, navigarono poi verso sud lungo lo Jutland, e saccheggiarono lì; poi andarono in Frisia, dove rimasero per gran parte dell'estate; quindi tornarono indietro per la Danimarca.
Quando giunsero alla terra di confine, dove la Danimarca e la Frisia s’incontrano, si fermarono lì vicino alla terraferma, fu così che una sera, mentre a bordo della nave si preparavano per il sonno, due uomini vennero alla nave di Egil e gli dissero che avevano una commissione da sbrigare per lui.Furono portati davanti a lui. Dissero che Aki il ricco li aveva mandati lì con questo messaggio: "Eyvind Skreyja è fermo al largo dello Jutland, e pensa di aggredirti non appena andrai a sud. Ed ha raccolto una forza così grande che non potete resistere se la incontrate tutta in una volta; ma lui stesso va con due vascelli leggeri, ed è anche ora qui vicino a voi".
Quando queste notizie arrivarono a Egil, lui e i suoi smontarono subito le loro tende. Li ordinò di marciare in silenzio, e loro lo fecero. Giunsero all'alba, dove Eyvind e i suoi uomini giacevano all'ancora; caddero subito su di loro, scagliando pietre e lance.
Molte delle forze di Eyvind caddero lì; ma lui stesso saltò fuori bordo e arrivò a terra nuotando, così come i pochi altri suoi uomini che riuscirono a scappare. Egil e i suoi uomini presero le sue navi, il carico e le armi. Quel giorno tornarono alla loro compagnia e incontrarono Thorolf. Egli chiese a Egil, impassibile, dove avesse preso le navi con cui erano arrivati. Egil disse che Eyvind Skreyja aveva avuto le navi, ma gliele avevano portate via.

Poi cantò Egil:

'In una lotta severamente dura
Ci allontanammo dal lato dello Jutland:
Bene, il guerriero ha combattuto
Guardiano del regno danese.
i suoi spettri sono sopravvissuti
Verso est dall'altezza del cavallo delle onde
Per nuotare e cercare la spiaggia
Swift Eyvind Skreyja balzò.'

Altra versione:

Combattemmo ferocemente
al largo della costa dello Jutland,
ha combattuto bene il guardiano,
Era vichinga, Danimarca;
più alla spiaggia, alla sabbia
il coraggioso con i suoi guerrieri
dal destriero delle onde
balzò in piedi, Boastful Eyvind.

 

Thorolf disse: "Qui avete lavorato così tanto, credo, che non ci servirà come nostro piano autunnale di andare in Norvegia".
Egil rispose che andava altrettanto bene, se avrebbero dovuto cercare un altro posto.

 

 

CAPITOLO L

Di Athelstan re degli inglesi

 

Alfredo il Grande governava l'Inghilterra, essendo della sua famiglia il primo re supremo dell'Inghilterra. Questo ai tempi di Harold Fairhair, re di Norvegia. Dopo Alfredo, Edoardo suo figlio fu re d'Inghilterra. Fu padre di Athelstan il Vittorioso, che era il padre adottivo di Hacon il buono. Fu in questo periodo della nostra storia che Athelstan prese il regno dopo suo padre. C'erano diversi fratelli figli di Edoardo.
Quando Atelstan prese il regno, allora quei capi che prima avevano perso il loro potere per mano dei suoi antenati si ribellarono; ora pensavano fosse il momento più facile per rivendicare il loro, quando un giovane re governava il regno. Questi erano britannici, scozzesi e irlandesi. Re Athelstan quindi radunò quindi un esercito e diede la paga a tutti quelli che volevano arricchirsi, sia stranieri sia indigeni.
I fratelli Thorolf ed Egil si trovavano a sud, costeggiando la Sassonia e le Fiandre, quando seppero che il re d'Inghilterra voleva degli uomini e che c'era al suo servizio la speranza di un grande guadagno. Così decisero di portare lì la loro forza. E proseguirono quell'autunno fino a quando giunsero dal re Atelstan.
Li ricevette bene; vide chiaramente che tali seguaci sarebbero stati di grande aiuto. Ben presto il re inglese decise di chiedere loro di unirsi a lui, di prendere la paga e di diventare difensori della sua terra. Essi durono così d'accordo tra loro che divennero gli uomini del re Athelstan.
L'Inghilterra era completamente cristiana nella fede, e lo era stata da tempo, quando accaddero queste cose. Re Athelstan era un buon cristiano; era chiamato Athelstan il Fedele.
Il re chiese a Thorolf e a suo fratello di acconsentire a fare il primo segno con la croce, (battesimo) perché questa era allora un'usanza comune sia con i mercanti sia tra coloro che, prendevano la paga dei soldati negli eserciti cristiani, poiché coloro che erano "
prime−signed" (come si diceva) potevano avere tutti i rapporti con i cristiani e i pagani allo stesso modo, pur conservando la fede che più gli stava a cuore.
Thorolf ed Egil lo fecero su richiesta del re, ed entrambi si lasciarono fare il prime−signed. Avevano con loro trecento uomini che prendevano la paga del re.

 

 

 Testo lungo, per motivi d'impaginazione, continua su altro file.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

You are here Egil saga